TagCloud:


Link to us:



  Blogs & Sites:



 






Mondo Di Vino
Mondo Di Vino





[04/08/2019, 14:05] How tall is your mountain? How important are you? How do you rank?
Life, after years of work and a "career," is an unknown until you get there. Just like life after school, or life after an eventful course of certification. For many of us, we just don?t know what lies ahead in our future heres and nows. What I do know, here and now, is that mountain climb we call a career is just that, ?a? mountain climb. Not all mountains. Just one. Maybe a tall one, maybe not the tallest. And not the only mountain on earth.

When I first went to Italy, I had this idealistic notion that all the people in Italy were kind, generous, loving people. How could it not be? Here I was in the land of my ancestors, walking the streets and alleys of Rome, everything so bestowed towards my Utopian vision of Italy and Italians. With a war waging in Vietnam, and a low lottery number (90) and being all of 20, I wanted a world in which there was peace and happiness. And time.

And there I was, one day, walking in the hills above Rome on the Viale del Museo Borghese, when I saw a car screech to a halt, a man get out of the car, pull a woman out and start beating on her. She screamed bloody murder and I?d like to say people came out in droves to rescue her. But no one did. It all happened so fast. Like he was getting out of the car to pee. He threw her back into the car, tires squealing, and tore off. It took maybe 15 seconds.

I was petrified. I remember my parents having arguments almost like that, and as a young child, I would eventually run out of the house and head into the desert, far away from their yelling and anger.

But this was Italy, my precious vision of peace and harmony shattered, just like that. So, it wasn?t Utopia?

Years later I went to my first Vinitaly, the 17th (we are now in the 53rd year). I was full-on with a career in the wine business. Again, I was exhilarated with the notion that everyone who was anyone in the world of Italian wine was here. And so was I. I was part of this great thing, which in my head I had built up, as most of us do, with the full force of the illusions we splay about with our careers, over how important we are, the job is, it all is. And in the presence of Piero Antinori and Angelo Gaja, and Luigi Veronelli and, and, and.

Twenty or so years after that, I was dug in on base camp of that mountain. I had made it so far, but I had to take the summit. And I spent hour after hour chasing the sun and the moon. My identity was all tied up in being the Italian wine guy. And the company I worked for was powerful and bought a lot of Italian wine. I calculated that for every case of Italian wine that came into America, the company I worked for (and the category which I was accountable for growing and looking after) imported and sold one bottle in every of those cases, about 8%. It would eventually grow to somewhere around 12-15%. This was a very tall mountain.

Along the way, I spent three years caring for my wife who had a debilitating disease of the central nervous system, multiple sclerosis. It killed her. And it threw me into a valley. And the only way out of that valley was through a tiny little tunnel, which I had to crawl through on my hands and feet. Slowly, slowly, one day at a time. For years. The tall mountain was of little concern to me at that time.

As I wrote here in 2011, ?There is luck, good and bad, but there is resilience. Resilience is good luck combined with a spirit to overcome the disappointments life hands you.? Yeah, I had some bad breaks, not as bad as my wife, for sure. But I was going to climb that mountain, if it was the last thing I did.

And I did. And along with it, success, recognition, accolades, awards, even a trophy.

But once I got there, I decided not to climb down the mountain. I jumped off of it. The words of Richard Alpert (now Ram Dass) emblazoned upon my windscreen as I fell to earth, "I was no longer needing to be special because I was no longer so caught in my puny separateness that had to keep proving I was something. I was part of the universe, like a tree is, or like grass is, or like water is." Ever the idealist, always searching for Utopia, be it an outer manifestation or an inner aspiration.

I?m really happy that the wine community in Italy is making wine better than they ever have. And I?m pleased that the world is responding, by obtaining, enjoying and promoting their vinous joy in ways that the rest of us can see and feel and hear, 24/7. It?s like watching millions of people climbing their very own mountain, all at the same time. It?s a moment in time which I?m sure the likes of Gaja and Antinori, and Veronelli, if he were still alive, revel in. It?s a victory. It?s a cause for celebration. It only took a couple of millennia. And the sweat and blood and dreams of scores of farmers, winemakers, and all the friends and families that supported that surge to their personal mountaintops.

If one could look at Italy from space and see the emotion of time as manifested in the hard work that all these souls have put into making Italian wine great, it would probably be ten times taller than Mt. Everest. I have no doubt. And we are all here to witness this great success.

As far those of us who fell to earth? Well, it?s not so bad. I mean, look at all the wonderful wine we have to enjoy now? And if one is healthy, there is that great gift. If one misses a seminar here or there, a tasting here or there, or a not-to-be-missed event here or there, so be it. It?s somewhere on someone?s journey to their mountain top. I?ve been there, had those longings, those unstoppable goals that I thought were so very important at the time.

But I?m on another journey now, to another mountain. I?m not sure if there is a mountain top or even if there is, if I?ll get there. I?m fine with that, for when I fell to earth, something inside of me broke open. It was like being born again, except I didn?t have to learn how to walk or talk. The child inside me, and the childhood I left behind as an adult, broke open. And along with it, creativity, and fun and time, or what is left of that time. I?m really excited, I have to tell you all. I never imagined all the things I thought were so important could be supplanted with a deeper sense of direction, a journey that will take me to God knows where. What I do know is this: I don?t have that insatiable drive for success, for recognition, for some kind of elite ranking in the world of wine. Or even another mountain top. The folks at base camp can have at it now. I?m good, right where I am.






wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[04/06/2019, 22:10] Grand Hotel Alassio, Gazebo Restaurant e GH Bistrot ? Alassio (SA) ? GM Davide Crema, Chef Roberto Balgisi

Siamo stati tra i primissimi a raccontarvi il Grand Hotel Alassio, alla riapertura nel 2016, e da allora ci torniamo con costanza, un appuntamento fisso per ritrovare il GM Davide Crema e lo chef Roberto Balgisi, nostri grandi amici, certo, ma anche due grandi professionisti dell?accoglienza e della ristorazione. Se l?obiettivo ? quello di trovare un luogo che concentri in un unico posto svago – tra sport, spiaggia privata e servizi personalizzati; ambienti di pregio; trattamenti benessere altamente specializzati ? su questo i 1.500 m2 della Thalassio Medical SPA non lasciano adito a dubbi; e un?offerta ristorativa che spazia dal famigliare al gourmet? bene, questo ? l?indirizzo in grado di rispondere a tutte queste esigenze.

Archivio storico reportage:

->?Reportage del 28 giugno 2016
->?Reportage del 26 Ottobre 2016
->?Reportage del 27 Ottobre 2016
->?Cena a 6 mani con Maurilio Garola e Davide Palluda
->?Meeting del 16 Giugno 2017
->?Reportage del 26 Luglio 2017
->?Cena a 4 mani con Andrea Provenzani
->?Cena a 4 mani con Marco Sacco
->?Cena a 4 mani con Fabio Barbaglini
->?Cena a 4 mani con Andrea Larossa
->?Cena a 4 mani con Wicky Priyan
->?Cena a 4 mani con Marcello Trentini
->?Cena a 4 mani con Massimiliano Sena
->?Meeting del 14 Settembre 2018

La suite di VG

La camera da letto

Il salotto

La terrazza con idromassaggio

La sala da bagno

Il benvenuto per i pi? piccoli

Pranzo al Gazebo Restaurant

Olio extra vergine di olive Igp Sicilia – Centonze

Gran Crudo di Mare

Ventresca di ricciola con pistacchi e fragole; ricci di mare su crumble di pane alle erbette.

Ostrica Am?lie Special con cremoso alle cipolle di Tropea

Scamponi e fichi

Tartare di tonno rosso con pomodorini, capperi calibrati e olive taggiasche

Gamberi viola di Oneglia e mazzancolle con maionese agli agrumi

Il mare in insalata 2017

Salmone e mostarda 3.0

Cinqueterre Doc – Forlini Cappellini

Capesante King arrosto su salsa di aragosta e ponzu con panocchiette di mais dorato

Steack tartare alla mia maniera con patate ?le Ratte?

Per i pi? piccoli trofie al pesto

Spaghettoni alla chitarra con astice blu, pomodoro e prezzemolo

Paccheri alle mazzancolle con burrata, rucola e guanciale di Sauris

Paccheri alle vongole veraci con salsa alle zucchine

Tonno rosso con salsa di carote agrumata e ricotta Carnica

Tappa al Kids Club

La vista sulla spiaggia al tramonto

L?ingresso della SPA

Cena alla Pizzeria Lentini’s

Pizza Lentini?s

Pomodoro datterino, mozzarella di bufala, culatello di Zibello, olive taggiasche, basilico in foglia e olio EVO.

Pizza ?Nduja di Spilinga

Salsa di pomodoro, mozzarella fior di latte, ‘nduja di Spilinga, cipolla rossa di Tropea, ricotta, basilico in foglia e olio EVO.

Al risveglio

Colazione in terrazza

La tavola imbandita

Pranzo al GH Bistrot

Birra EVO Gluten Free – Hordeum

VG con Roberto Lentini, patron di Hordeum

Hamburgher Gha

Carne selezionata di manzo, cipolle caramellate, salsa sfiziosa, cheddar, pomodori, lattuga e cetrioli sott?aceto.

Frittura di calamaretti e gamberi con maionese speziata

Fritto di novellame con verdure

Il Gazebo Restaurant visto dalla camera di VG

Una bella tavolata sulla spiaggia

Cena al Gazebo Restaurant

Oi n? Igp – Tenuta Scuotto

Ostriche Am?lie Special con cremoso alle cipolle di Tropea

Hamburger di ?Riso Artemide? con king crab, maionese al cerfoglio e carotine? rainbow glassate

Spiedino di gamberi viola alle mandorle con gazpacho di lamponi

Carnaroli ?Riso Buono? al pomodoro crudo con scampi e gamberi della Riviera

Il restaurant manager Daniel Gavinelli ci presenta la prossima portata?

Spaghettone al torchio trafilato al bronzo con scorfano

Black Toscana Igt 2015 – Tenute Del Cabreo

Il servizio della prossima portata

Fiorentina di fassona piemontese con patate saltate

VG con lo chef Roberto Balgisi

La pizza di Lentini?s con una birra Hordeum ghiacciata, la cucina espressa del GH Bistrot e quella, pi? raffinata e a lume di candela, del Gazebo Restaurant? sono tentazioni a cui non ci sforziamo nemmeno pi? di resistere. Per noi ormai, soggiornare al Grand Hotel Alassio ? un po? come tornare a casa, dopo un viaggio lungo e faticoso, certi di trovare tutto il necessario e il desiderabile per recuperare al meglio prima di ricominciare.

Viaggiatore Gourmet

Grand Hotel Alassio
17021 Alassio (SV)
Via Gramsci, 2/4
Tel.(+39)?0182 648778
Email:?info@ghalassio.com
Sito internet:?www.grandhotelalassio.it

Ristorante Gazebo e GH bistrot
Tel.(+39) 0182 641910
Email: ristorante@ghalassio.com

L'articolo Grand Hotel Alassio, Gazebo Restaurant e GH Bistrot – Alassio (SA) – GM Davide Crema, Chef Roberto Balgisi proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/05/2019, 22:05] Relais Borgo Egnazia con Ristorante I Due Camini ? Savelletri di Fasano (BR) ? Chef Domingo Schingaro

La pietra tipica delle costruzioni pugliese ha un colore particolare: ? bianca, certo, ma di un candore particolare, un candore luminoso, che sembra trasmettere anche agli occhi il tepore che nelle belle giornate rilascia grazie alla luce del sole. A Borgo Egnazia, questa pietra antica e meravigliosa ? l?ossatura di ogni ambiente dell?edificio: dalle camere de La Corte e Il Borgo alle lussuose suite de Le Ville, dalla piscina esterna alla Vair SPA, fino agli ambienti comuni e ai tanti ristoranti della struttura. Durante il nostro soggiorno della scorsa estate, abbiamo scelto I Due Camini per una cena all?aperto, a bordo piscina, con una degustazione firmata dallo chef Domenico, Domingo, Schingaro.

Archivio storico reportage:

-> Reportage del 24 Giugno 2012
-> Reportage del 16 Marzo 2015
-> Reportage Ristoranti Due Camini, Pescheria da Vito e La Nassa di San Domenico al Mare del 18 Marzo 2015
-> Reportage del 3 Giugno 2016
-> Weekend Gourmet & Relax ? Hotel & Cooking Class del 4 Novembre 2016
-> Weekend Gourmet & Relax ? Welcome Dinner @ La Frasca del 5 Novembre 2016
-> Meeting del 4-6 Novembre 2016

Il borsino delle guide cartacee 2019
Michelin assegna 1 stella e 4 coperti (nel 2018 il piatto e 4 coperti)
Espresso assegna 3 cappelli
Gambero Rosso assegna 83, cucina 49 (nel 2018 82, cucina 49)

La squadra

Lo staff di cucina

Executive Chef: Domingo Schingaro?
Chef de rang: Grazia Colucci, Stefano Nellie e Danilo Bove
Sous chef: Angelo Convertino
Pastry chef: Tiziano Mita

Lo staff di sala

Ma?tre: Nicola Loiodice
Sommelier: Alessandra Ancona

La struttura

La Trattoria Mia Cucina dove si tengono le cooking class di cucina tradizionale pugliese

Il forno a legna

La piscina all’aperto

La sala del Ristorante I Due Camini?

Il bar

La Pescheria Da Vito

Il pescato del giorno

L’ingress0 al calar della sera

Borgo Egnazia, a Savelletri di Fasano, ? un meraviglioso luogo ispirato a un tipico paese pugliese. Qui unicit? e autenticit? si fondono per creare qualcosa di inedito e speciale, introvabile altrove, che riesce a combinare le pi? genuine tradizioni locali a servizi di altissimo livello. Aperto tutto l?anno, offre 63 camere, 92 casette e 29 ville, diversi ristoranti, due bellissime spiagge private e le 18 buche del San Domenico Golf, un classico percorso link immerso tra ulivi secolari e affacciato sul mare. All?interno di Borgo Egnazia si trova Vair, la Spa la cui visione pone l?enfasi sulla bellezza interiore come fulcro dei trattamenti, ispirati alle tradizioni locali.

L’insegna del Relais

Gli interni

La hall

La lounge

La camera di VG

Il benvenuto del Borgo Egnazia

La meravigliosa vista dalla camera

La sala da bagno

La vasca

La doccia

Decidiamo di cenare a bordo piscina

Men?

Riportiamo, come sempre, i men? degustazione e quello alla carta.

Degustazioni

Mediterraneo ? 80

Ricotta, orzo e erbe spontanee, vincotto di fichi
Cipolla di Acquaviva delle Fonti alla parmigiana
Cavatelli di grano arso, fagioli, cozze, pecorino
Rombo alla mugnaia, limone femminiello del Gargano
Misticanza di frutta e verdura di Borgo Egnazia

Federico II e la Falconeria ? 100

Lepre e rape
Caciocavallo podolico, uovo, tartufo
Fagiano e riso
Cardoncello e prezzemolo
Colombaccio e miele
Miele, ginepro, funghi

Da -50 a +450 metri sul livello del mare ? 130

Crudo dell?Adriatico, salsa agrumata, acqua di mare, tonica
Vongola verace, pane, pepe, aglio
Anguilla, alloro, radici
Riso caccia e pesca
Tagliatella di rapa, colatura di cappero, pinoli, uvetta, fiori di cicoria
Cardoncello e prezzemolo
Biancostato di manzo podolico, cicoria, pane, midollo
Pumo di Puglia

Antipasti

Vongola verace, pane, pepe, aglio?? 26
Anguilla, alloro, radici?? 29
Crudo dell?Adriatico, salsa agrumata, acqua di mare, tonica?? 30
Gnumareddi, carciofo, topinambur?? 25
Lepre e rape?? 28
Cipolla di Acquaviva delle Fonti alla parmigiana?? 23

Primi

Cavatelli di grano arso, fagioli, cozze, pecorino?? 25
Ravioli, pecora, scampi, verbena?? 28
Gnocco di cime di rapa, acciuga arrosto?? 25
Riso caccia e pesca (per 2 persone)?? 45
Tagliatella di rapa, colatura di cappero, pinoli, uvetta, fiori di cicoria?? 25
Funghi cardoncelli, tarallo bollito, rafano?? 25

Secondi

Rombo alla mugnaia, limone femminiello del Gargano?? 30
Orata, zucca, mandarino?? 35
San Pietro alla Sangiuannidd?? 38
Biancostato di manzo podolico, cicoria, pane, midollo?? 28
Colombaccio e miele?? 30
Cardoncello e prezzemolo?? 27
Caciocavallo podolico, uovo, tartufo bianco?? 38

Dolci

Crea la tua dolce combinazione?? 18

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

Mise en place

Aperitivo

Giuseppe Cupertino, Wine Experience Manager ci serve il primo vino

Ros? Metodo Classico – D’Arapr?

Acqua di pomodoro

Il servizio dell’olio?

Olio extra?vergine d’oliva – Masseria San Domenico

Focaccia pugliese al grano Senatore Cappelli

Cocktail Passeggiando con Camilla

Un?interpretazione del Bar del Portico di Borgo Egnazia del Moscow Mule, a base di vodka, spremuta di limone femminello e zenzero fresco, servito in un bicchiere di rame realizzato da un artigiano di Fasano.

Tipologia degli stuzzichini: scalogno e vin cotto; zucchine e menta; sul legno: chips di nocciolo di oliva. Sul marmo: tacos di sedano rapa, pomodoro e cacioricotta; chips di fave e cicoria.

Pane

Tipologia di pane: con semola Senatore Cappelli idratata al 70%; tarallo allungato de I Due Camini.

Piattooo!

Cipolla di Acquaviva delle Fonti alla parmigiana

Seppia e pane

Seppia al nero cotta sottovuoto e bruciata. All?interno sfera di fegato di seppia, salsa al pane di Altamura, ?brodo di pollo e nero di seppia. A fianco viene servita la ghiandola lattica della seppia fritta.

Rosso Bass 2016 Langhe Bianco Doc – Gaja

Fegatini di pollo e acetosella serviti. A fianco, pan brioche

Ricotta ed erbe spontanee

Sveliamo il prossimo piatto celato all’interno del pumo

Il pumo ? una ceramica simbolo dell?artigianato e della tradizione pugliese: ? un bocciolo circondato da tre foglie d?acanto che simboleggia la primavera e la rinascita della natura.

Risotto mari e monti?

Risotto ai funghi porcini a cui si aggiunge a piacimento il pesce (seppia, scampi e spiaggia con coralli) contenuto nelle parti scomposte del pumo.

Seppia al nero con limone

Scampi bruciati e insalatina di rucola di mare

Spiaggia con coralli fatta con polvere di cozze e chips di alghe

Tagliatella di rapa, colatura di cappero, pinoli, uvetta, fiori di cicoria

?Ravioli caciocavallo e ricci di mare

Merluzzo e cialledda fasanese

A 2016 Aleatico Rosato – Fattoria Aldobrandesca –?Antinori

Gallinella alla pizzaiola

Pollo in luppolo

Gli ingredienti scelti da VG per il dolce:?anguria, fico, oliva, mandorla, macchia mediterranea, carrube al cioccolato, pesca, miele, lattico.?

Dal 2018 tutti i commensali del ristorante vengono accolti in cucina da Domingo Schingaro per la degustazione del pre dessert. L?incontro con lo chef introduce al momento del dolce, che ? anche quello che riserva pi? sorprese: abolito il men?, gli ospiti passano in rassegna insieme allo chef la carta degli ingredienti, di modo da scegliere, come se fosse un gioco, i diversi componenti da combinare per dare vita al proprio personale e unico dessert.

Cucina

Il talentuoso allievo prima e braccio destro poi di Andrea Ribaldone a I Due Camini di Borgo Egnazia sembra proprio aver trovato la sua dimensione ideale. In passato la voglia di imparare e fare esperienza lo ha portato a viaggiare parecchio, conoscere il mondo e i suoi sapori, ma quando il suo maestro lo scelse per affidargli la gestione delle cucine di Borgo Egnazia, di cui Ribaldone resta consulente, ci aveva visto giusto. Partito ragazzino da Bari, Domenico Schingaro nella sua terra d?origine ci ? tornato ormai uomo, con una sua chiara idea di cucina che trova la sua autonomia da quella del maestro pur condividendone la semplicit?, l?eleganza e la concretezza.

Servizio e accoglienza

Elegante, professionale, discreto, il servizio a Villa Egnazia ? come velluto: carezzevole, leggero e al tempo stesso capace di far sentire ogni ospite come il protagonista, lo special guest, dell?intera struttura. Ecco, un soggiorno a Villa Egnazia, o, per chi fosse solo di passaggio, una sosta a uno dei suoi ristoranti, riesce a trasmettere l?impressione di essere degli assoluti privilegiati, gli ospiti di prestigio, i preferiti. Insomma, questa struttura esaudisce il segreto desiderio di ogni viaggiatore.

Conclusioni

Lo abbiamo scritto molte volte e chi ci conosce sa quanto siamo profondamente legati alla bella terra di Puglia, dal Gargano fino all?estremit? pi? remota, la punta del tacco, la terrazza sul Mediterraneo. Le insegne della buona ospitalit?, cos? come le tavole gourmet non si possono contare in questa regione felice, numerose almeno quanto le sue bellezze architettoniche e naturalistiche, ma, se dobbiamo consigliarne qualcuna, Borgo Egnazia sarebbe fuor di dubbio ai primi posti della nostra lista. Il regalo da concedersi per stare bene.

Viaggiatore Gourmet

Ristorante I Due Camini del Relais Borgo Egnazia
72010 Savelletri di Fasano (BR)
Tel. (+39) 080 22 55 000
E-mail: info@borgoegnazia.it
Sito internet: www.borgoegnazia.it

Sito ristorante: www.ristoranteduecamini.it

L'articolo Relais Borgo Egnazia con Ristorante I Due Camini ? Savelletri di Fasano (BR) ? Chef Domingo Schingaro proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/04/2019, 22:38] Ristorante Elena ? Domodossola (VB) ? Chef Cristian Elena

Quando l’obiettivo ? mettere Domodossola sulla mappa gourmet, non c’? spazio per la timidezza o approcci cauti: bisogna tentare il tutto per tutto, raccontandosi ad alto volume, mandando un messaggio chiaro e inequivocabile. Cristian Elena ha evidentemente colto questa necessit? e nel suo ristorante omonimo propone un compendio di modernit? gastronomica. A partire dal men?, che si sviluppa per annate e non per servizi, e ovviamente nel percorso degustazione che esprime una cucina divertita e cangiante, zeppa di citazionismi pop e d’autore. Si parte da un aperitivo che ci ha quasi fatto credere di essere ad Alba, passando per le mousse gelificate anni ’80 in un aspic di foie gras e salmone tanto spiritoso quanto nostalgico; si omaggiano Bottura (Bread is gold), Marchesi e Prince, si confrontano materie prime, come nell’interessante confronto salmerino vs. cervo, e si pescano ispirazioni tanto dalla Val d’Ossola quanto dalla Spagna.

Il borsino delle guide cartacee 2019
Michelin non segnala il ristorante
Espresso segnala il ristorante
Gambero Rosso non segnala il ristorante

La squadra

Lo staff di cucina

Chef de cuisine: Cristian Elena

Lo staff di sala

Ma?tre/sommelier/Cocktail bar supervisor: Roberta Bariletta
Supervisore della caffetteria e del servizio aperitivo/bistrot: Maura Gnani

L’insegna e l’ingresso del ristorante

Sala e mise en place del bistrot

Scorci…

Scendiamo le scale per accedere alla sala del ristorante

Sala e mise en place del ristorante

Men?

Riportiamo, come sempre, il men? degustazione.

#conceditiiltempo

Noi non abbiamo un men? tradizionale. C?? una lista di 40 piatti, divisi in base agli anni in cui sono stati proposti la prima volta. Voi decidete quanti provarne, noi scegliamo quali. Ci prendiamo questa libert? perch? vi consideriamo un po’ ospiti e anche un po’ amici, perci? vogliamo accompagnarvi in quello che speriamo possa essere un divertente percorso di cucina.

#Cinque

4 portate salate e una dolce ? 78
Pairing ? 32

#Sette

6 portate salate e una dolce ? 98
Pairing ? 42

#Nove

8 portate salate e una dolce ? 118
Pairing ? 52

2018

Anatra, ricotta, curcuma, calamari, olive e bottarga
Uovo di montagna, patate, carote, crumble di gallina
Ma che cavolo di Animella!
Spaghetti per il comandante
Bread is gold, omaggio a M.B.
Croccante, acqua di verdure, topinambur, funghi, borragine
L?albero della vita e la pasta ripiena
Perch? il Per??
Domodossola vs Tokyo
Il branzino ? anche qui
Si parte sempre dall?acqua
Green
Piccione, sedano, carote e cipolle
Purple Rain

2017

Salmerino, pan di spezie e lamponi
Cinghialetto, rabarbaro e carote
Capasanta, frutta acida, olio di nocciola
E? vicino il mare
Animelle e pomodoro
Riso tra primavera, estate, autunno e inverno
Rana pescatrice, capperi, gazpacho
Erbe amare, latte, miele, agnello, Pecorino
Baccal? e pasta a colori
Polenta, zafferano e pesce sandra
Passione
Monte Rosa
D come dolce

2016

Spaghetti rossi 3 volte
Bettelmatt
Cavolo e gorgonzola
Un altro gnocco ossolano
Rosso e rabarbaro
Riso latte e menta
Manzo, burro e rosmarino
3 latti x 9 formaggi
Millefoglie di polenta
Cioccolato

1999

Riso arance, scampi, cannella

1996

Tartare di fassona a modo suo

1989

Penne al cartoccio

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

Aperitivo

Lo chef Cristian Elena ci serve il primo stuzzichino

Almerita Brut Spumante Doc Sicilia – Tasca D’Almerita

Lo chef insieme alla ma?tre Roberta Bariletta

Kir Royal: 9/10 Spumante Metodo Classico, 1/10 Creme de Cassis

Ci accomodiamo a tavola

Trento Doc Perl? 2012 – Ferrari

Vermouth del Professore

Stuzzichini

Tutti gli?stuzzichini sono conditi con olio extra vergine d’oliva, sale, pepe e succo di yuzu profumati di anice stellato.

Insalata di mare: insalata in foglie, salicornia, gambero, capasanta, viole e plancton

Gazpacho 1 e 2: estratto di pomodoro e frutti rossi?

Green: spremuta e punte di portulaca ficoide, cr?me fra?che e semi di pomodoro

Ricotta mirtilli e zafferano: ricotta fresca con salsa ai mirtilli e gelato allo zafferano

Gambero rosso marinato, estratti di verdura

Tartare a modo suo

Dedicata al padre dello chef che mangiava solo cos? la carne cruda: passata al mixer condita con uovo, senape e Worcester sauce.

Cavolo e gorgonzola: gel di acqua di cottura del cavolo cappuccio viola, gorgonzola e cavolo marinato sia a cotto che a crudo

Millefoglie: rapa rossa cotta con Parmigiano di vacche rosse

Rabarbaro: crema al rabarbaro, rabarbaro gelato a fette e aceto balsamico tradizionale

Ostrica Gillardeau cotta con acqua di mare, olio Evo e plancton, sorbetto con asparagi, kiwi e gin Mare

Bronner?2017 Mitterberg Igt – Elena Walch

Pane

Tipologia di pane: di Fobello (Panificio Vulaiga di Eugenio Pol);?arabo dolce e salato (di loro produzione); grissini (di loro produzione).

Olio dei Re olio extra vergine d’oliva cultivar Nocellara?

Burro salato di Normandia con miele millefiori

Piattooo!

Io bambino negli anni ’80 con un pap? cuoco?

Aspic al foie gras ripieno di mousse al salmone e salsa cocktail.

Uovo: frittata morbida di uova di montagna, crema allo zafferano, e meringa

La Monella 2017 Barbera di Monferrato Doc – Braida

Bread is gold omaggio a M.B.?

Omaggio a Massimo Bottura e alla cucina italiana: rag?, pane per fare scarpetta e oro come il riso di Marchesi.

Bianchi Grilli 2016 Trebbiano D’Abruzzo Doc – Torre Dei Beati

Bettelmatt

Pasta frulla salata alle pere, gelato alla panna, Bettelmatt (grasso d?alpe) grattuggiato e in fonduta tiepida, finto zabaione soffiato.

Un altro gnocco ossolano

Perle simili alla fregola di impasto per gnocchi, fonduta e castagne glassate.

Ribolla Gialla Venezia Giuli Igt – Damijan Podversic

Spaghetti per il comandante?

Spaghetti finiti di cuocere nella salsa ottenuta da panna e plancton dove si cuociono scampi, gamberi e capesante.

Riso come fosse alla parmigiana, ma con il Bettelmatt, olio a ricordare il formaggio scaldato al fuoco, lime e pepe

Monteriolo Chardonnay Piemonte Doc – Coppo

Pr?net Nebbiolo Superiore Valli Ossolane Doc – Cantine Garrone

Salmerino: frutti rossi in salsa e cottura lieve nel burro, quasi a diventare un insalata di pesce

Glacier 51: morro purissimo accompagnato da salsa al passion fruit

Cervo: frutti rossi in salsa e cottura lieve nel burro, quasi a diventare un insalata di carne

Agnello: lechazo scottato al rosmarino e alle erbe di roccia, crema di topinambur

Tokaji Ask? 6 puttonyos Mad – Monyok

Catalana di astice: crema catalana e astice alla catalana uniti dal caramello salato

Pairing Dessert:?China, chinotto e nocciole?

Pre dessert: gelato di pera cotta nel vin brul?

Il tocco finale

Purple Rain?

Sulle note della canzone di Prince, viene servita una panna cotta pi? morbida e meno zuccherata? aromatizzata da loro al tavolo con diversi estratti e gusti.

Coccole finali

Cioccolato e?Pasatiempo

Cioccolato: piccolo dolce che lo chef ha dedicato a Roberta Bariletta, sua?moglie. Estratti di lamponi, crumble al cioccolato leggermente salato, cioccolato e menta.

Pasatiempo: scatola della piccola pasticceria con all?interno il loro claim concediti il tempo e 8 cucchiai di crema chantilly al mirtillo, lampone, amarena, t? verde matcha, passion fruit, cioccolato, caramello salato e mandarino.

Gin tonic

MOM Gin – Gonzales Byass

Finta lemon cake: mini frolla con confettura di albicocca locale e meringa

Lo chef completa il dolce al tavolo?

Red Apple: polpa di mela rossa, briciole di biscotto alla mela e al cioccolato, gelato al latte e brodo di mela con cannella

VG insieme allo chef Cristian Elena

Cucina

Cristian Elena vuole divertirsi e divertire, ma prende ogni piatto come occasione per raccontare una piccola storia gastronomica: e ne ha tantissime.

Servizio e accoglienza

Roberta Bariletta supporta la cucina con un percorso al calice assolutamente in linea con lo spirito del locale, dando alla sala calore e leggerezza.

Conclusioni

Una tavola davvero interessante, ricca di spunti di riflessione e in evoluzione costante.

Viaggiatore Gourmet

Ristorante Elena
28845 Domodossola (VB)
Via Filippo Beltrami, 15
Tel. (+39) 0324 248534
Chiuso luned? e marted?

E-mail: info@elenaristorante.it
Sito internet:
www.elenaristorante.it

 

L'articolo Ristorante Elena – Domodossola (VB) – Chef Cristian Elena proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/04/2019, 22:15] Ristorante Perbellini ? Isola Rizza (VR) ? Chef Francesco Baldissarutti

Come mantenere un?identit? ben definita in un ristorante, che possa differenziarlo dall?abbondanza di valide insegne che caratterizzano la citt? di Verona e il territorio circostante? Basta avere le idee chiare, come lo sono quelle di Paola Secchi, che da 5 anni gestisce in prima persona il Ristorante Perbellini a Isola Rizza (VR).?In cucina ha optato per la continuit?, affidanndo il ruolo di chef a Francesco Baldassirutti, che ricopriva gi? il ruolo di sous chef ed era da 11 anni in brigata. Idee chiare e condivise, al punto da creare un locale in cui sala e cucina procedono davvero quasi fossero un cuor solo e un?anima sola. Un ottimo indirizzo da frequentare, magari scegliendo una delle interessantissime proposte di degustazione, con un rapporto qualit?/prezzo impressionante.

Il borsino delle guide cartacee 2019
Michelin assegna una stella e quattro coeprti
Espresso assegna tre cappelli
Gambero Rosso non segnala

La squadra

Patron: Pasticceria Perbellini Srl

Lo staff di sala

Responsabile: Paola Secchi
Sommelier: Riccardo Migotto
Chef de rang: Alessio Garonzi, Alberto Giacomini

Lo staff di cucina

Chef: Francesco Baldissarutti
Sous chef: Stefano Deon e Bruno Vignolle
Chef di partita: Arslan Malik
Pasticciere: Caterina Geppi

Mise en place

Men?

Riportiamo, come sempre, i men? degustazione e quello alla carta.

?Breve?
Il menu, sia a pranzo che a cena (escluso sabato e festivi) viene proposto al momento e servito per tutti gli ospiti del tavolo. Il costo ? di ? 28,00 a persona, a prezzo fisso.
Comprende due vini al calice scelti dal nostro Sommelier in abbinamento ai piatti, acqua e caff?.

?Tradizione?
Risotto al tastasal di Mora Romagnola
Cappello del prete di vitello da latte brasato su pur? di patate
Millefoglie ?strachin?

Il costo ? di ? 35,00 a persona. Il prezzo comprende due vini rossi al calice scelti dal nostro Sommelier in abbinamento ai piatti. Il Menu ? proposto per tutto il tavolo, escluso sabato e giorni festivi.

?Senza pensarci?
Il Menu ? composto da 4 portate a sorpresa scelte espressamente dallo Chef e servito per tutti gli ospiti del tavolo. Il costo ? di ? 40,00 a persona, bevande escluse. La selezione di 4 vini al calice in abbinamento al Menu viene proposta a ? 22,00 a persona.

?Preludio?
Caviale di aringa su battuto di topinambur grigliati ed emulsione d?uovo alla liquirizia
Come un sushi di gamberi di fiume e seppie
Risotto ?ho mantecato una pizza alla marinara!?
Tortello ?tonno e cipolla?
Petto rosa d?anitra con castraure, ananas, nipitella e pepe di Timur
Banana cotta al vapore e caramellata, ruta, limequat e cocco

Il Menu ? servito per tutti gli ospiti del tavolo ed ? proposto a ? 60,00 a persona, bevande escluse. La selezione di 6 calici in abbinamento al Menu viene proposta a ? 32,00 a persona.

?Assolo?

Scampo marinato, daikon al passion fruit e caff?
Capesante e grancevola su terra di nocciole, peperoni, scarola, aceto di agrumi e oxalis
Tagliatelle al basilico con spuma di carciofi, dragoncello, gelatine di Cynar e chips di topinambur
Risotto mantecato allo stracchino con polvere di polenta, alloro, aringa affumicata e limone
Spalla d?agnello da latte allo spiedo, asparagi verdi, salsa al wasaby e santoreggia
Meringa al pino mugo con fragole e fragoline, granita al rabarbaro e spuma allo yogurt

Il Menu ? servito per tutti gli ospiti del tavolo ed ? proposto a ? 75,00 a persona, bevande escluse. La selezione di 6 calici in abbinamento al Menu viene proposta a ?45,00 a persona.

La Carta

Antipasti

Gnocchetti ai piselli con asparagi verdi, squacquerone, mandorle e vinaigrette alla lavanda ? 13,00
Uovo in camicia su pasta kataifi croccante, vellutata di cipolle bianche allo spiedo, fagiolini verdi ed erba oliva ? 15,00
Come un sushi di gamberi di fiume e seppie ? 22,00
Cappesante e grancevola su terra di nocciole, peperoni, scarola, aceto di agrumi e oxalis ? 23,00
Tonno rosso di Sicilia, asparagi bianchi, bernese alla senape e cardamomo nero ? 22,00
Tartare di Fassona o rag? alla bolognese? ? 16,00

Primi piatti

Risotto mantecato allo stracchino con polvere di polenta, alloro, aringa affumicata e limone ? 22,00
Tortelli acidulati e granchio reale con piselli e menta all?eucalipto ? 26,00
Risotto ?ho mantecato una pizza alla marinara!? ? 20,00
Spaghetti quadrati mantecati alle canocchie con cannolicchi e crescione ? 25,00
Ravioli farciti di patata arrosto in consomm? di coniglio ?alla cacciatora? ? 21,00
Tagliatelle al basilico con spuma di carciofi, dragoncello, gelatine di Cynar e chips di topinambur ? 15,00

Secondi piatti

Ombrina dorata e cicorino con olive taggiasche, pomodori verdi e crema tiepida di porri ? 26,00
Rombo chiodato allo spiedo, carote e asparagi di mare ? 27,00
Spalla d?agnello da latte allo spiedo, asparagi verdi, salsa al wasaby e santoreggia ? 24,00
Petto rosa d?anitra con castraure, ananas, nipitella e pepe di Timur ? 25,00
Costina di Mora Romagnola affumicata e cotta allo spiedo ?all?amatriciana? con pomodori datterino ? 20,00
Selezione di formaggi italiani con mostarde di frutta e verdura ? 14,00

Dessert

Millefoglie ?Strachin? ? 8,00
Meringa al pino mugo con fragole e fragoline, granita al rabarbaro e spuma allo yogurt ? 12,00
Banana cotta al vapore e caramellata, ruta, limequat e cocco ? 12,00
Zuppa inglese ? 12,00
Souffl? al caff? d?orzo con cuore di lampone, gelato allo yogurt greco di latte di pecora e crumble ai cereali (20 minuti) ? 14,00
Sorbetti o gelati ? 8,00

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

Aperitivo servito dal sommelier Riccardo Migotto

Chardonnay Metodo Classico Dosaggio Zero Sine Trento Doc – Baldessari

Gli stuzzichini

Melone al Marsala con mandorle salate di Noto e pepe di sansho

Gelatina di spritz al Cynar con uova di luccio affumicate, timo e lime

Cialda croccante di patata e crauti nero

Finto macaron ai funghi secchi con crema di caprino alla fava di tonka

Tacos alla puttanesca

Pane

Tipologie di pane:?spiga al burro; focaccina con patate e pepe nero; baguette ai cereali; grissino sfogliato al burro. Producono anche pane per celiaci. Servito con burro morbido salato.

Piattooo!

Spuma di mandorle e cipolla gialla allo spiedo con radice di liquirizia

Fiano di Avellino – Guido Marsella

Bab? al basilico su frisella con mozzarella di bufala, pomodoro datterino, basilico greco ed erba oliva

Birra Weisse – Schneider

Scampo marinato e brodo di pollo allo spiedo

?Polenta e renga?

Spaghetto freddo di farina di polenta con caviale di aringa affumicato, salsa verde.

Petrachiara Catarratto 2015 Terre Siciliane Igt – Tenuta Lisciandrini
Riesling 2016 Trocken Vulkangestein – Sch?fer-Fr?hlich

Kebab di sedano, rapa con latte di kefir e tartufo

Pedro Xim?nez 2013 Exceptional Harvest Xim?nez Sp?nola – Jos? Antonio Zarzana
Soave Metidies – Nardello

?Come un sushi? di gamberi di fiume e seppie

Gamberi di fiume dorati e seppie su crema di riso Carnaroli con germogli di soia, pesto di alga Nori e wasabi.

Capesante e grancevola su terra di nocciole, peperoni, asparagi bianchi settembrini, aceto di agrumi e oxalis

La Rocca 2011 Soave – Pieropan
Quarz 2004 Sauvignon Alto Adige Doc – Cantina Terlan

Risotto ?ho mantecato una pizza alla marinara?

Risotto mantecato al pomodoro con emulsione di aglio nero fermentato, acciughe del Cantabrico, origano fresco e pane croccante.

Risotto con crema di zucchine al basilico, papacelle, aguglie fritte e terra di olive

Valle d’Aosta Petite Arvine Dop – Les Cr?tes
Brugs Tripel Beer 9? – Straffe Hendrik

Agnolotti al Parmigiano Reggiano in consomm? di funghi al lemongrass, nocciole bollite e bottarga di tonno

Bottoni agli spinacini di montagna con burro al pino mugo e tartufo nero

Brunello di Montalcino 2010 – Il Poggione
Rioja 2004 Reserva Vi?a Tondonia – L?pez de Heredia

Baccal? glassato allo zenzero, cipolla rossa allo spiedo, finferli ed estratto di anice

Cinghialetto da latte rosa su tortino di pomodoro ?cuore di bue? alla menta, spuma al burro e salsa all?aceto di Chianti

Sorbetto alla banana con ruta e lime su terra di cioccolato salato

Sorbetto al lampone su crumble alla liquirizia e levistico

Vouvray 2011 Moelleux – Philippe Foreau Domaine du Clos Naudin
Riesling Sp?tlese Trittenheimer 2015 – Ansgar Cl?sserath

Meringa al gelsomino con cremoso leggero al cioccolato bianco, perle ghiacciate al latte di cocco e sorbetto al kiwi

Panna cotta all?olio d?oliva, mango, gelato al pop corn e cardamomo verde

Accenno di millefoglie ?Strachin?

Caff? e coccole finali

Tipologie della piccola pasticceria: macaron al cioccolato bianco e vodka alla pesca; tartelletta di frolla al tagete con squacquerone, fichi caramellati e mosto d?uva;?cremoso all?uva fragola con umeboshi e crumble di cioccolato salato.

Qualit? Timor della Torrefazione Giamaica Caff? di Gianni Frasi.

Cucina

Per lo chef, Francesco Baldassirutti, il concetto di fine dining non deve mai essere disgiunto da quello di concretezza: nei suoi piatti la componente estetica ? sempre affiancata da una certa attenzione alla sostanza, perch? se ? vero che anche l?occhio vuole la sua parte, anche il palato ha le sue esigenze. Breve, Tradizione, Senza Pensarci, Preludio e Assolo sono i 5 percorsi di degustazione che accompagnano la carta, in cui carne, pesce e selvaggina sono impreziosite da ricercate preparazioni a base di verdure, in gran parte auto prodotte nell?orto del ristorante. Una nota di merito va alle cotture allo spiedo, l?asso nella manica della cucina del locale.

Servizio

Paola Secchi ? un?eccellente padrona di casa: affabile, ma mai invadente, cortese e capace di approcciarsi al cliente con garbo, sensibilit? e la giusta discrezione che servono a farlo mettere subito a suo agio. La cantina del ristorante, essendo in una terra dove il vino ha un ruolo quantomeno fondamentale, ? davvero ben fornita, ricca di etichette ?importanti? ma anche di interessanti insegne forse meno blasonate, ma di qualit? indiscussa.

Conclusioni

A Isola Rizza il Ristorante Perbellini ? un indirizzo per intenditori. Il concetto di accoglienza ? indubbiamente vincente: alta qualit?, ambienti eleganti, ma il giusto grado di familiarit? che rende il servizio fluido, per nulla ingessato e la degustazione piacevolmente conviviale.

Viaggiatore Gourmet

Ristorante Perbellini
37050 Isola Rizza (VR)
Via Muselle, 130
Tel 045.7135352
Fax 045.9698378
Aperto tutti i giorni a pranzo e a cena. Chiuso la domenica sera, il luned? e il marted?.
E-mail: ristorante@perbellini.com
Sito internet:
www.perbellini.com

L'articolo Ristorante Perbellini ? Isola Rizza (VR) – Chef Francesco Baldissarutti proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/04/2019, 08:45] Ristorante Metamorfosi ? Roma ? Chef Roy Caceres

Abbiamo trovato un Roy Caceres in forma smagliante, sicuramente in uno dei punti pi? alti del suo percorso autoriale. Siamo stati stupiti dalla disinvoltura con cui concepisce piatti tanto complessi quanto a fuoco nei sapori e nelle scelte, in grado di risultare sempre compiuti nonostante le molteplici ispirazioni riconoscibili in ogni passaggio. Roy ? in grado di coniugare la cucina mediterranea con aromi sudamericani e concetti nipponici supportando il tutto con tecniche spagnoleggianti e colte citazioni d’avanguardia. La Ceviche di capasanta, avocado arrosto e struffoli alla ?nduja ne ? un esempio brillante: rosolatura alla giapponese, marinatura “latina”, spunto campano e calabrese, e tecnica sopraffina. Solo uno dei tanti momenti salienti di un men? generosissimo in cui gli udon convivono col guanciale, la fregola con il plancton, il piccione coi tamales.

Archivio storico reportage:

->?Reportage del 22 Dicembre 2011

Il borsino delle guide cartacee 2019
Michelin assegna 1 stella e 3 coperti
Espresso assegna 3 cappelli (nel 2018 2 cappelli)
Gambero Rosso assegna 88, cucina 55

La squadra

Lo staff di cucina

Chef/Patron: Roy Caceres
Sous chef: Domenico Napodano
Pastry chef:?Diego Caceres
Chef de partie: Giovanni Oliveri eValerio Foglia

Lo staff di sala

Direttore di sala: Giampiero Di Pascasio
Sommelier: Paolo Abballe
Chef de rang: Manuel Mario Banella

L’insegna?

Lo chef Roy Caceres ci accoglie nel suo ristorante

Sala e mise en place

I tavoli al piano superiore

Men?

Riportiamo, come sempre, il men? degustazione e quello alla carta.

Degustazioni

Expression (creazioni a mano libera)

x 6???110

6 portate
Selezione di 4 calici di vino in abbinamento ??65

x 10 ??150

10 portate
Selezione di 6 calici di vino in abbinamento ??95

Expression da condividere (una o pi? porzioni possono essere condivise tra i commensali)

Crudo d?agnello, emulsione d?ostriche e polvere di peperoni piccanti ??29
Fregula, plancton, tartufi di mare e caviale ??32
Piccione in crosta di mais viola,?Hoshigaki, platano e tartufo ??80
Malaga 2.0 ??25

La carta

Antipasti

Uovo 65? carbonara ??28
Radicchio tardivo, taleggio e girasole tostato ??30
Crudo d?agnello, emulsione d?ostriche e polvere di peperoni piccanti ??29
Ceviche di capasanta, avocado arrosto e strufoli alla ?nduja ??30
Cardoncello, mandorla, lino e broccoletti alla brace ??28
Foglia di grano,?tonno rosso ed erbe?(piatto da degustare a mano) ??30

Primi

Raviolo di pesce (cotti & crudi) ??29
Pomodori di pasta, alici, bufala e levistico ??29
Risotto opercolato, funghi e nocciole ??30
Fregula, plancton, tartufi di mare e caviale ??32
Anti-Pasta: gamberi e cannolicchi ??30
Ravioli di maiale, arancia e sansho, brodo di cipolle affumicato ??30

Secondi

Anguilla di Comacchio, farro franto e carpione gelato ??38
Polpo e topinambur arrostito,?limone e geranio ??42
Agnello e mole, lattuga e semi di chia al limone ??38
Piccione in crosta di mais viola,?Hoshigaki, platano e tartufo?(minimo per 2 persone) ??80
Manzo wagyu affumicato, crema satay e melanzane ??42

Dolci

Yuzu, mandorle e camomilla ??20
Cioccolato bianco, cocco e mirtilli ??20
Foresta nera 2016 ??20
Mela, pinoli e gelsomino ??20
Malaga 2.0 ??25

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

Aperitivo

Champagne La D. Blanche Premier Cru Blanc De Blancs Cuv?e – Philippe Gilbert

Tipologia degli stuzzichini: arepa, cuore di manzo ed emulsione chipotle;?biscottino di semi tostati, sanguinaccio, zucca e mandarino;?streghette al olio extravergine di oliva;?ravanelli con alici e gomashio nero.

Pane

Tipologia di pane:?pagnotta di grani antichi siciliani Molini del Ponte. In accompagnamento, ?emulsione di olio extra vergine di oliva siciliano.

Riesling 2016 – Eroica

Piattooo!

Limone, cozze e pepe?

Limone bruciato, cozze in emulsione di brodo di cannolicchi, pepe nero sarawak, gambi di prezzemolo e olio verde al prezzemolo.

Napkin?per detergersi le mani

Foglia di frano, tonno rosso e erbe

Foglia di bieta ricoperta di un impasto di mais bianco che copre una misticanza di oltre 20?erbe aromatiche,? ventresca di tonno rosso, pere di ceci e gel di limone.

Molitor 1989 Rivaner – Markus Molitor

Il tocco finale

Lattuga di mare?

Cuore di lattuga marinato per osmosi nel dashi, ostriche Gillardeuau, miso bianco, alga nori, emulsione di ostriche e nocciole caramellate, servito con succo di cavolo fermentato.

Anche il piatto successivo ? completato in sala

Ceviche di capasanta, avocado arrosto e struffoli alla ?nduja

Capesante tataki marinate con leche de tigre, avocado arrostito, spuma di lulo (frutto colombiano dal gusto acidulo), coriandolo e struffoli salati e glassati alla ?nduja. Infine viene versata un leche de tigre all?aji amarillo.

Il servizio del pane per le prossime portate

Tipologia di pane: casereccio di grano duro antico siciliano Tumminia e Biancolilla a lievito madre;?ciabatta di grano tenero?qualit? mediterranea tipo 1?con finocchietto e buccia d?arancia;?pane di segale del Molino Silvestri, noci di Sorrento e fichi del Cilento.

Il piatto ? assemblato al tavolo?

Fungo croccante di lino e blu del Monviso

Battuto di funghi, erbe, gelatina di fungo, crema di prezzemolo. Il tutto coperto da un disco di semi di lino dove viene versata una crema di blu del Monviso.

Udon di seppia

Udon fatti di seppia cotti a 50? nel brodo fatto con i tentacoli della seppia servito su scarola, kaiso salad,? coriandolo. Infine viene versato su gli udon un brodo concentrato di seppia e del grasso di guanciale di maiale nero reatino e melissa.

Ramandolo 2005 Verduzzo Friulano Docg – Feudo dei Gelsi

Anti-pasta

Zuppa di pesce gelificata e disidratata a forma di tagliatella, poi idratata in acqua fredda per 2 minuti??cos? da raggiungere la consistenza e forma della pasta senza avere carboidrati della farina. Condita con un’emulsione cruda di teste di gamberi rossi poi servita con gamberi rossi, cannolicchi crudi, aneto e maggiorana. Per concludere, spolverata di lattuga di mare e gocce di gel di limone.

Il servizio del vino successivo

Chamblis Vaud?sir Grand Cru 2013 – Billaud-Simon

La portata ? ultimata al tavolo

Fregula, plancton, tartufi di mare e caviale

Fregula di loro produzione leggermente tostata e affumicata, mantecata con plancton e sedano, servita con tartufi di mare crudi e pelle di lime. Letto di panna acida e caviale.

Pomodori di pasta, alici bufala e levistico

Ravioli a forma di pomodoro con una pasta dal gusto molto intenso di pomodoro, ripieni di emulsione di acciughe, serviti con acciughe crude e origano. Per concludere, aria di levistico e crema di ricotta di bufala.

Un ritocco finale e il piatto ? pronto?

Bottoni di maiale, arancia e sancho e brodo di cipolla affumicato

Triglia, limone di pane, lattuga

Filetti di triglia cotti sulla brace, serviti con fondo cremoso di triglia, olio di cavolo nero, limone, pane candito per osmosi, foglia di lattuga e polvere di pomodoro.

Il servizio della portata successiva

Astice e cavolo nero

Astice cotto sulla brace avvolto nelle foglie di cavolo nero, servito con crema di sedano rapa, capperi e limone.

Accanto un sandwich di sedano rapa croccante farcito con una insalatina di astice, mela e cetriolo

Castello Fonterutoli 2008 Chianti Classico Gran Selezione Docg – Mazei

Piccione, mais, mirtilli e tartufo

Coscia croccante cotta nel panko e servita con gel di mirtilli e aneto. Petto cotto nella foglia di mais e servito con una crema di mais, mirtilli all?aceto di mirtilli, fondo di piccione, fungo e tartufo nero.

Lo chef Roy Caceres ci raggiunge per un saluto

Maximo 2015?Sauvignon Marche Igt – Umani Ronchi

Mela, pinoli e gelsomino

Sfoglia di mela, spuma di 3 tipi di mele diverse (Pink Lady, Granny Smith e annurca), sorbetto di pinoli fermentati, gel di aceto, pinoli sabbiati e fiori di gelsomino.

Sveliamo cosa si cela sotto il coperchio…

Cocco e mirtilli

Spuma di cocco, gelatina di cocco, finocchio candito per osmosi, crema di yogurt, gelato al cocco. Il tutto chiuso con un disco di cioccolato bianco sul quale sono adagiati mirtilli glassati.

Malaga 2.0

Un gioco sul classico gelato con rum e uva passa tutto da comporre: gelato al tuorlo d?uovo mantecato e servito su un contenitore di pietra, uva passa di Pantelleria condita con mosto cotto, gelatina di liquore alle mandorle amare; brioche di grano arso al whisky torbato e pepe; insalatina di arance siciliane e acetosa variegata.

Sgroppino

Foglie di kefir lime, gel di vodka, artemisia in fiore, gel di limone e Frizzy Pazzy.

Caff? e coccole finali

Tipologia caff?:?100% arabica selezione Colombia

Tipologia piccola pasticceria:?savarin di mandorle, crema alla vaniglia ribes e menta;?cioccolato caff? e liquirizia;?cioccolato bianco, blu del Monviso e gel di Porto.

VG insieme allo staff

Cucina

Sicuramente tra le pi? ispirate di Roma, Roy ? un autore dalla voce inconfondibile.

Servizio e accoglienza

Tanti piatti rifiniti al tavolo, abbinamenti ricercati, grande tecnica nel servizio del vino e un’infinit? di dettagli e attenzioni: la brigata di sala ? uno dei punti di forza di? Metamorfosi.

Conclusioni

Un’esperienza totale che coniuga una cucina unica e un servizio di altissimo livello. Prevediamo un futuro ancora pi? stellare.

Viaggiatore Gourmet

Ristorante Metamorfosi
00197 Roma
Via Giovanni Antonelli, 30/32
Tel. (+39) 0680 76839
Chiuso domenica e sabato a pranzo
E-mail: info@metamorfosiroma.it
Sito internet: metamorfosiroma.it

 

L'articolo Ristorante Metamorfosi – Roma – Chef Roy Caceres proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/03/2019, 22:05] Cartoline dal 861 Meeting VG @ Due Colombe al Borgo Antico ? Borgonato di Cortefranca (BS) ? Chef Stefano Cerveni

Ormai possiamo tranquillamente affermare che per noi il Due Colombe al Borgo Antico rappresenta un posto del cuore, uno di quei luoghi dove tornare ogni qual volta vogliamo stare bene e trovare ristoro. Anche i nostri associati la pensano allo stesso modo, visto il grande successo che riscuote ogni volta l’evento nel locale dello Chef Stefano Cerveni e della moglie Sara Magnacca. Cos? dall’anno scorso abbiamo voluto sdoppiare gli appuntamenti nel nostro calendario in quel di Borgonato di Cortefranca, in Franciacorta, cos? abbiamo la possibilit? di degustare i piatti?di Stefano sia in versione invernale che estiva. Se lo scorso anno il pranzo nella stagione fredda era stato dedicato alla cucina classica bresciana, quest’anno lo chef ha racchiuso nel nostro percorso le nuove creazioni, intervallate da grandi bottiglie tra cui un Barolo Bersano 1982, fino alla grande chiusura al bar con una golosissima merenda.

Archivio storico reportage:

->?Meeting del 9 marzo 2013
->?Meeting del 5 aprile 2014
->?Meeting del 7 marzo 2015
->?Meeting del 19 marzo 2016
->?Meeting del 29 luglio 2017
->?Meeting del 20 gennaio 2018
->?Meeting del 18 luglio 2018

La squadra

Lo staff di cucina

Chef e patron:?Stefano Cerveni
Sous chef e chef de partie secondi piatti:?Andrea Torri
Chef de partie primi piatti: Matteo Ballini
Chef de partie antipasti:?Andrea Colosio
Commis e aiuto chef de partie agli antipasti e ai primi:?Armonio Filippo
Pasticciere:?Giovanni Di Cicco
Commis: Giori Giordano
Chef Banqueting: Filippo Armonio
Aiuto Cuoco: Paolo Bonadei

Lo staff di sala

Patron, accoglienza e gestione eventi:?Sara Magnacca
Accoglienza:?Gabriele Cicolari
Ma?tre e sommelier:?Gianluca Goatelli
Chef de rang:?Maria Rosa Esposito

Il tavolo Amici Gourmet

Il nostro men? personalizzato

Abbinamento Vini
Nei meeting utilizziamo i vini messi a disposizione dai nostri Partner.

Aperitivo

Franciacorta Brut 2013 Teatro alla Scala ??Bellavista

La patron Sara Magnacca ci presenta gli stuzzichini

Tipologie degli stuzzichini: spuma di Raschera Dop Inalpi con oliva soffiata, sfere Bra duro d’alpeggio Inalpi con marmellata di pere, sciat di Toma piemontese Dop Inalpi con avocado e pomodoro.

Acqua Filette, Premium Water Partner del nostro?Roadshow

Acqua?Filette?Decisamente?Frizzante,?Delicatamente Frizzante e Naturalmente Naturale.

Pane

Tipologie di pane: focaccia rosmarino, baguette integrale, schiacciatina curcuma e semi di papavero (tutto realizzati con lievito madre). In accompagnamento burro Inalpi e polvere di caviale.

Unico Olio extravergine di oliva Solo Casaliva – Olearia Caldera

Lo chef/patron ci racconta il percorso che ha pensato per noi

Annamaria Clementi Ros? 2008 – Ca’ del Bosco

Piattooo!

Spugna di bergamotto, cr?me fra?che, bottarga di coregone

Calamaro fondente, lenticchie, caviale, foglia d?ostrica

Morbido-croccante di foie gras e frutta secca, coscia di quaglia glassata al Marsala

Lo chef torna al tavolo per presentarci il prossimo piatto

Cavolfiore, mandorla e tartufo

Fagottelli di pasta fresca Milano-Bagolino

Langhe 2015 Sauvignon – Marchesi di Gr?sy

Spaghetti tiepidi, mazzancolle e ricci di mare

Cappelletti di coniglio alla bresciana, rapa bianca e passion fruit

Astice blu, melanzana, cocco e curry

Barolo 1982 – Bersano

Lumache anni ’80? ?reloaded?

Scaloppa di spigola in guazzetto di molluschi, crostacei e zenzero

C?? scampo? per il piccione

Scarpetta di manzo all?olio (dedicato a Niko Romito)

Acqui Passito di Brachetto 2016 – Vini Passiti Bragagnolo

Melastrudel

Croccamis?

Caff? e coccole finali

Tipologie della piccola pasticceria: tartufini al cioccolato e pepe, biscotto alla nocciola, bign? panna e caramello, sabl? con bavarese al passion fruit.

Torrefazione Trismoka – Panama 100% arabica

Ci spostiamo al bar per la degustazione di Rum Trinidad?Caroni: 12 e 15 years

Lo chef arriva con la merenda defaticante servita in Pentola d’oro Agnelli

Pasta e fagioli

VG e lo chef chiudono la giornata cos?…

Un grande GRAZIE a tutti!

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della 861esima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Ristorante Due Colombe al Borgo Antico
25046 Borgonato di Cortefranca (BS)
Via Foresti, 13
Tel. +39 030 9828227
Chiuso il luned? e domenica a cena
E-mail:?stefano@duecolombe.com
Sito internet:?www.duecolombe.com

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:

www.altissimoceto.it/meeting-eventi/

Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 9 tre stelle, dei 41 due stelle e da una buona parte dei 306 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i pi? prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

L'articolo Cartoline dal 861 Meeting VG @ Due Colombe al Borgo Antico ? Borgonato di Cortefranca (BS) ? Chef Stefano Cerveni proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/02/2019, 22:15] Castel Monastero Resort & Spa Toscana ? Castelnuovo Berardenga (SI) ? GM Graziella Arba

Castel Monastero unisce in s? l?incanto delle morbide colline del Chianti e il fascino di una storia antica, che ha visto nascere questo complesso come monastero nell?XI secolo, per poi divenire castello nobiliare della famiglia Chigi ? esatto, la stessa dell?omonimo Palazzo romano ? e infine trasformarsi in un borgo, uno dei tanti, autentici gioielli, che incastonano le colline vicino a Siena. La differenza sta nel fatto che oggi qui sorge un resort di lusso che fa ?girare la testa? a italiani e stranieri, da sempre incapaci di resistere al richiamo di questi luoghi ricchi di memorie e bellezze naturali. Un richiamo cui anche noi non siamo rimasti immuni e che ci ha portati a oltrepassare le mura antiche di Castel Monastero per scoprire tutti i tesori custoditi al suo interno: la piazza con la caratteristica chiesetta, le sue camere e suite dagli arredi tipici dei casali di campagna toscani, l?area benessere con la sua SPA e, ovviamente, la sua variegata offerta enogastronomica, che da fine febbraio ? diretta dal piemontese Enrico Marmo, che gi? avevamo conosciuto al Ristorante Balzi Rossi. Sua la linea di cucina creata per il ristorante gourmet La Contrada e quella, pi? semplice e godereccia, che gli ospiti possono gustare sotto le volte a botte del ristorante La Cantina.

Archivio storico reportage:

-> Reportage del 6 Ottobre 2014

La squadra?

Lo staff del resort

General Manager: Graziella Arba
F&B: Alessandro Sau
Capo ricevimento: Denise Piattellini
Spa manager/supervisor: Fabiana Marcocci
Leader therapist: Giulia Barbato
Sales and marketing: Francesca Nuvolone
Housekeeping: Mirela Bushi
Chef: Enrico Marmo

Giunti a destinazione

Ecco la chiave di volta di Castel Monastero, un antico borgo medievale abbracciato da mura possenti che hanno resistito al tempo, non rinnegando le tracce del suo passato. Oggi ? un sofisticato resort, membro di The Leading Hotels of the World, che rende omaggio alle nobili origini con un?ospitalit? dal sapore nostrano, ma rispolverando antichi rituali di impeccabile accoglienza.

La reception

Gli interni

La corte interna di Castel Monastero

La suite

Camere

Il resort dispone di 74 camere e suite cos? suddivise: camera Superior,?Deluxe,?Prestige,?Junior Suite,?Executive Suite,?Suite Reale. ? inoltre possibile soggiornare nella splendida Villa Lavanda.?I prezzi partono da ? 480 per la camera Superior.

Il salottino

Il benvenuto del resort

La sala da bagno

La vasca

La cassaforte

Le dotazioni

Il giardino privato della suite di VG

La SPA

Il percorso Aquae Monasterii

Risorse Download:

->Tariffe SPA

Le piscine esterne

Al risveglio ci attende la colazione in giardino

Ci spostiamo nella corta per provare anche il buffet

La colazione a buffet

La scelta di VG

Il nuovo chef del Contrada Restaurant Enrico Marmo

Sotto la supervisione di Enrico Marmo, la cucina di Castel Monastero avr? come punto di partenza il territorio, ispirandosi all?eccellente materia prima locale. Se il registro utilizzato per il ristorante La Cantina si attesta sul colloquiale, con piatti e portate tipiche della tradizione contadina del Chianti, per il ristorante La Contrada (1 stella Michelin) il linguaggio sale di livello, si raffina in equilibrate quanto eleganti reinterpretazioni dei grandi classici locali.

Servizio e accoglienza

Un servizio accurato e cortese, nei due ristoranti quanto alla sala colazioni e al servizio in camera. Il personale della struttura, concierge e responsabile SPA inclusi, ? consapevole del fatto che a Castel Monastero gli ospiti sono in cerca di pace e relax, una raffinata pausa dalla frenesia del quotidiano, e fanno il possibile per far s? che il loro soggiorno diventi un?esperienza da ricordare con un sorriso e un pizzico di nostalgia.

Conclusioni

A Castel Monastero le camere e suite sono 74, cui si aggiunge una struttura indipendente, Villa Lavanda, a pochi chilometri dalla tenuta. L?impressione per? ? quella di trovarsi in un borgo abitato da pochi, tanta ? l?abilit? dello staff di condurre la gestione quotidiana del resort con discrezione e fluidit?. I pavimenti in cotto e le travature in legno dei soffitti nei vari ambienti si accompagnano alle vedute sulle campagne circostanti e alla cucina nostrana della struttura ricreando un connubio capace di trasmettere nella mente e nel palato l?anima autentica del Chianti.

Viaggiatore Gourmet

Castel Monastero
53019 Castelnuovo Berardenga (SI)
Localit? Monastero d?Ombrone, 19
Tel. (+39) 0577 570570

Fax (+39) 0577 570868
E-mail: info@castelmonastero.com
Sito internet: www.castelmonastero.com

 

L'articolo Castel Monastero Resort & Spa Toscana – Castelnuovo Berardenga (SI) – GM Graziella Arba proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/02/2019, 22:08] Trattoria Marsupino ? Briaglia (CN) ? Patron Famiglia Marsupino

Con pi? di un secolo sulle spalle passato a dar ristoro a generazioni di viandanti evoluti poi in gourmet, alla famiglia Marsupino non manca certo l’autorevolezza per raccontare del Piemonte pi? autentico, n? la lucidit? per qualche garbata contaminazione, sempre filologicamente ricercata. Lo si capisce gi? dall’aperitivo: Vermouth, ovviamente a base moscato, contaminato con un Gin Mule, a mettere subito le carte in tavola. Capita che sia il pescato ligure a fornire l’ispirazione?o il feeling con la Francia – percepibile anche nella splendida carta dei vini – come nella Triglia di scoglio della Riviera ligure con verza riccia e foie gras d?anatra, sempre in un’ambientazione rigorosamente locale, come ci rammenta la delicata salsa di acciuga che la supporta. Il percorso ? un compendio di golosit? piemontesi proposte con tecnica sempre all’altezza, anche quando il coefficiente di difficolt? aumenta, come nelle?Animelle di vitello glassate con fondo bruno di vitello, crema di topinambur e castagne bianche Garessine.

Il borsino delle guide cartacee 2019
Michelin assegna il piatto e 2 coperti
Espresso assegna 1 cappello
Gambero Rosso assegna 80, cucina 48

La squadra

Patron: Famiglia Marsupino

Lo staff di cucina

Chef: Piervincenzo Marsupino
Chef: Matteo Marsupino

Lo staff di sala

Ma?tre/receptionist: Paola Marsupino?
Ma?tre: Franca Camilla Bertone
Sommelier: Luca Marsupino

L’ingresso e l’insegna della trattoria

Sala e mise en place

L’affettatrice e la dispensa dei formaggi

La calda accoglienza data dal camino acceso

Diamo uno sguardo alla cantina

VG insieme al sommelier Luca Marsupino

Men?

Riportiamo, come sempre, i men? degustazione e quello alla carta.

Degustazione

Il men? della tradizione ? 40 (con 4 calici in abbinamento ? 80)

Benvenuto della cucina
La bionda di Isola d?Asti servita tiepida con contrasti di verdure invernali
Baccal? norvegese scottato su delicata di cannellini e olio al pomodoro
Agnolotti del plin al fondo bruno di vitella
Reale di bue cotta in umido con i carciofi della Riviera ligure
Semifreddo al torrone Relanghe con zabaione al Marsala preparato a bagnomaria

La scelta di Pier e Matte ??60 (con 5 calici in abbinamento?? 120)

Percorso di 7 portate scelte dagli chef Pier e Matteo per degustare la nostra cucina ?

La carta

Antipasti

Baccal? norvegese scottato su delicata di cannellini, olio al pomodoro ? 16
Uovo pochet con fonduta di sola di capra, speck della Val di Vizze e tartufo nero ? 16
La bionda di Isola d?Asti servita tiepida con contrasti di verdure invernali ? 14
Triglia di scoglio della riviera ligure con verza riccia e foies gras d?anatra ? 18
Carne cruda ciapul? e carpaccio di fassona con la salsa all?uovo ? 14
Totanetto e capasanta su crema di patate e spinaci ??16

Primi

Tajarin ai 40 tuorli al rag? di bue ? 15
Ravioli verdi di ortiche farciti di magro e porri di Cervere al burro d?alpe e salvia ? 14
Gnocchi di patate di montagna al Castelmagno dei Des Martin ? 15
Ravioli ripieni di dentice su carciofi della Riviera ligure e bottarga di muggine ? 16
Spaghetti alla chitarra Mancini al rag? di lumache Aspersa e burro d?erbe ??16

Secondi

Quaglia avvolta nella pancetta e arrostita con pur? di mele cotogne e scalogno ? 17
Trancio di dentice, cime di rapa e profumo di agrumi ? 20
Animelle di vitello glassate, crema di topinambur e puntarelle all?acciuga ? 17
Reale di bue cotta in umido con i carciofi della Riviera ligure ? 17
Di torrente e non di mare! (Lucioperca ubriaco e salmerino di fonte impanato nel grissino ai profumi d?inverno) ? 18
Tradizionale capretto da latte nostrano cotto al forno ai profumi dell?orto ? 20

Formaggi

Piccolo carrello di degustazione da 4 formaggi ? 15
Grande carrello di degustazione da 6 formaggi ? 18

Dolci

Bavarese alla mela renetta con melighe, zenzero e sorbetto alla camomilla ? 9
Sinfonia d?arancio tarocco, Furmentin croccante e gelato al fiordilatte ? 9
Tortino al cioccolato fondente 70% di Guido Gobino, gelato al caramello salato ? 11
Semifreddo al torrone Relanghe con zabaione al Marsala preparato a bagnomaria ? 9
Percorso di degustazione dei nostri sorbetti (lampone e basilico;?mandarancio; cioccolato amaro e zenzero) ? 8

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

Pane e aperitivo

Tipologia di pane: di patate di montagna e porri; bauletto integrale di Furmetin (grano saraceno) e noci; focaccia al rosmarino e fiocchi di sale; tradizionale miccone bianco; grissino stirato nel mais.

Tanta S?j: Bonm? (Moscato aromatizzato con Botanical), ginger ale e zenzero

Bign? farcito con Seirass (ricotta di montagna), erba cipollina e bottarga di muggine

Vellutata di cavolfiori con salsiccia di vitello di loro produzione e olio Nuovo

Il servizio del vino

Maren? Pigato Doc Riviera Ligure di Ponente – BioVio

Piattooo!

Totanetto e capasanta scottati su crema di patate e spinaci

Triglia di scoglio della Riviera ligure con verza riccia e foie gras d?anatra?

La verza ? insaporita con una salsa all?acciuga. Foie gras d?anatra fresco solo scottato.

Bourgogne Aligot? 2015 – Pierre Matrot

Insalata tiepida di galletto di cascina con verdure autunnali (topinambur, ceci, rapa rossa, porri e melograno)

Baccal? norvegese scottato su delicata di cannellini, olio al pomodoro

Barbera D’Asti Docg 2014 Ca’ di Pian – La Spinetta

Ravioli verdi di ortiche farciti di magro e porri di Cervere al burro d’alpe e salvia

Spaghetti alla chitarra Mancini con rag? di lumache Aspersa e burro d?erbe

Di torrente e non di mare!

Lucioperca ubriaco (sfumato in cottura con Barbaresco) e salmerino di fonte impanato nel grissino e profumi d?inverno.

Riserva 2015 Sudtirol Alto Adige Doc Pinot Nero Blauburgunder – Stroblhof?

Animelle di vitello glassate con fondo bruno di vitello, crema di topinambur e castagne bianche garessine

Lumine 2017 Moscato D’Asti Docg – Ca’ D’Gal

Bavarese alla mela renetta con melighe, zenzero e sorbetto alla camomilla

Semifreddo al torrone Relanghe?con zabaione al Marsala preparato a bagnomaria

Caff? e coccole finali

Tipologia caff?:?torrefazione Do.Mi.To di Marene (CN).

Tipologia piccola pasticceria: brutti e buoni con nocciola tonda gentile di Langa; risole monregalesi di sfoglia e confettura home-made di mele cotogne; bugie ripiene di marmellata home-made di susine; paste di meliga.

VG insieme allo staff?

Cucina

Un mix inappuntabile di rigore storico, grandissime materie prime e nitore moderno, che parla a un pubblico amplissimo.

Servizio e accoglienza

L’atmosfera casalinga della gestione familiare ? impreziosita dalla grande classe e tecnica di Luca Marsupino, che si occupa di una cantina come ce ne sono poche in Piemonte.

Conclusioni

Un pezzo di storia della ristorazione locale, cento e passa anni di servizio e una modernit? invidiabile.

Viaggiatore Gourmet

Trattoria Marsupino
12080 Briaglia (CN)
Via Roma, 20
Tel. (+39) 0174 563888
Chiuso gioved? a pranzo e tutto il mercoled?

E-mail: info@trattoriamarsupino.it
Sito internet:
www.trattoriamarsupino.it

 

L'articolo Trattoria Marsupino – Briaglia (CN) – Patron Famiglia Marsupino proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/01/2019, 22:05] Cartoline dal 860mo Meeting VG @ Ristorante Spazio 7 ? Torino ? Chef Alessandro Mecca

Tappa torinese per il nostro Roadshow of Excellence, pi? precisamente allo Spazio 7, neo stellato Michelin. Lo scorso Novembre, infatti, il ristorante del patron Emilio Re Rebaudengo,?guidato in cucina dallo chef Alessandro Mecca, ? stato insignito del prestigioso riconoscimento della “Rossa” e noi come ogni anno vi abbiamo fatto visita con i nostri associati, desiderosi di gustare le ultime creazioni dello chef. Noi che lo seguiamo da quando era all’Estate di San Martino lo abbiamo trovato sempre pi? maturo, cos? come la sua cucina, che pur rimanendo ancorata al territorio viene reinterpretata da Alessandro in chiave moderna, con accostamenti interessanti e a volte inaspettati. Qui la nostra esperienza…

Archivio storico reportage:

-> Meeting del 27 Gennaio 2016
-> Meeting dell’11 Aprile 2017
-> Meeting del 13 Febbraio 2018

La squadra

Patron: Emilio Re Rebaudengo

Lo staff di cucina

Chef: Alessandro Mecca
Sous chef: Fabrizio Cavassa e Stefano Malvardi
Pasticciere: Federico Caldara
Capo partita ai primi: Gabriele Davi

Lo staff di sala

Ma?tre: Gianluca Calandra
Sommelier: Marco Masera
Chef de rang: Marco Viello

Capo partita secondi: Vincenzo Aliberti

Il nostro men? personalizzato

Acqua Filette, Premium Water Partner del nostro?Roadshow

Acqua?Filette?Decisamente?Frizzante,?Delicatamente Frizzante e Naturalmente Naturale.

Abbinamento Vini
Nei meeting utilizziamo i vini messi a disposizione dai nostri Partner.

Aperitivo

Champagne ??Roger Desivry

Stuzzichini

Tipologie di stuzzichini: pomodorino ricostruito;?foie gras e arachidi.

Macaron al Blu del Moncenisio

Panino e mortadella

Cioccolatino al pat? di piccione

Cime di rapa e aringa

Melone e cappero

Capasanta gratinata

Barbabietola rossa, puntarella

Pane

Tipologie di pane: uvetta e noci, pane bianco (Farine Viva), focaccia integrale. In accompagnamento Burro Bordier.

Piattooo!

Dentice all’acqua pazza

Champagne Brut Premier – Louis Roederer

Seppia riccia & ricci

Isola di Nuraghi Bianco Igt 2016 ??Tenute di Santa Maria

Scampo, trippa e ceci

Alveolo di trippa

Spaghetto, ventresca, scarola e alloro

Chianti Classico Riserva 2005 – Capannelle

Risotto capperi, cavolo nero e limone

Sogliola e foie gras

Prossima portata presentata in pentola d?oro?Agnelli

Il ma?tre Gianluca Calandra impiatta in sala

Ruote di Cavalieri e cavolfiore

Pistacchio e lampone

Degustazione di Rum Trinidad 15 years –?Caroni

Coccole finali

Tipologie della piccola pasticceria: cr?me caramel; sfogliatina; gelo di tarte tatin; crema liquida; moscovado e liquirizia; Bounty; latte di capra e cioccolato bianco; chantilly.

Caff? Illy

Per i golosi…

Lo chef Alessandro Mecca ci raggiunge al tavolo

Bacheca alternativa con i punteggi delle guide dall’apertura

VG con lo chef ed Enzo Fulginiti, presidenti dei nostri associati

Un grande GRAZIE a tutti!

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della 860esima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Ristorante Spazio 7
10141 Torino
Via Modane, 20
Tel. +390113797626
Chiuso sabato a pranzo e luned?
E-mail: info@ristorantespazio7.it
Sito internet: www.ristorantespazio7.it

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:

www.altissimoceto.it/meeting-eventi/

Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 9 tre stelle, dei 41 due stelle e da una buona parte dei 306 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i pi? prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

L'articolo Cartoline dal 860mo Meeting VG @ Ristorante Spazio 7 ? Torino ? Chef Alessandro Mecca proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/01/2019, 22:03] Hotel Eremo della Giubiliana e Ristorante Don Eusebio ? Ragusa ? General Manager Angelo Di Fede, Chef Sebastiano Sallemi

Il paesaggio ? quello tipico dell?entroterra ragusano, tra boschi di carrubi, arbusti aromatici e buganvillee fiorite, la struttura invece ? quella di un antico casale arabo divenuto parte di un feudo ecclesiastico nel XIII e ribattezzato a baglio difensivo, sfruttando la posizione privilegiata sull?altopiano ibleo. Oggi questo complesso architettonico ? conosciuto con il nome di Eremo della Giubiliana ed ? un affascinante hotel de charme, 5 stelle luxury, con tanto di area benessere, l?Asphodelus, con pareti a vetrata affacciate su un sito archeologico del V-III secolo a.C. e sugli uliveti da cui si ricava l?olio prodotto ancora oggi nella struttura. Nell?ampio salone con soffitto a volta e travi a vista che un tempo ospitava il Refettorio dei Cavalieri dell’Ordine di San Giovanni, come ricorda la caratteristica croce in pietra bianca che ricorre nei fregi e nelle decorazioni dei vari spazi dell?hotel, oggi si trova il Don Eusebio, raffinato ristorante di terra e di mare dedicato a Don Eusebio Nifos?, nonno di Donna Vincenza Iolanda Nifos?, attuale proprietaria della struttura, e guidato dallo chef Sebastiano Sallemi.

Archivio storico reportage:

-> Reportage del 1? Settembre 2010

Il borsino delle guide cartacee 2019
Michelin segnala il ristorante
Espresso non segnala il ristorante
Gambero Rosso non segnala il ristorante

La squadra

Lo staff dell’hotel

General manager: Angelo Di Fede
Capo ricevimento: Margherita Giann?
Concierge: Lorenzo Floridia
SPA manager: Salvatore Campo
Sales & Marketing manager: Andelo Di Fede
Housekeepin: Cinzia Linguaglossa

Lo staff di cucina?

Chef: Sebastiano Sallemi
Sous chef: Mattia Rimmaudo e Gabriella Antonuccio

Lo staff di sala

Ma?tre: Stefano Brugaletta
Sommelier: Letizia Cascone
Chef de rang: Simone Meli
Eccoci arrivati

L’hotel avvolto nel verde?

Gli esterni

Il giardino

L’ingresso

Gli interni

Il salottino

La Suite della Guardia

Il camino?

La sala da bagno

Le amenities e il courtesy kit

Il minibar

Camere

Classic (da ? 155 a ? 210)
Superior (da ? 180 a ? 230)
Deluxe (da ? 260 a ? 320)
Suite Classic (da ? 360 ? a ? 550)
Suite Superior (da ? 460 a ? 630)
Suite Deluxe (da ? 640 a ? 890)

Deluxe Corte Araba

Deluxe Alcova

La SPA Asphodelus

Da consultare: Wellness treatments

La piscina

Aperitivo di benvenuto nel Baglio

Negroni e Gin Tonic

Tipologia degli stuzzichini: olive nere e verdi; tagliere di formaggi siciliani (Caciocavallo Ragusano Dop, pecorino al peperoncino, Piacentino Ennese) con confetture e miele; tagliere con salame, guanciale, lardo e salsiccia secca; insalata di foglie di capperi e cipollotto; noccioline; mandorle (tutto di loro produzione).

Ci spostiamo nella Sala Grande del Ristorante Don Eusebio

Sala e mise en place

Si accendono le candele

Men?

Riportiamo, come sempre, i men? degustazione e quello alla carta.

Degustazioni?(minimo per 2 persone)

Cena del Frate Nero ??65

5 portate

Cena del Gran Maestro ??80

7 portate

Abbinamento vini degustazioni?

3 bicchieri ??20
4 bicchieri ??25
5 bicchieri ??30

La carta

Antipasti

Tartare di manzo locale su crostone di polenta, pesto di rucola e insalata di cavolo cappuccio ??18
Flan di spinaci su fonduta di Piacentino ennese e cipolla rossa di Tropea caramellata ??16
Parmigiana di triglia rossa, Vastedda del Belice e pan focaccia al Ragusano Dop ? 20
Polpo grigliato su crema di piselli verdi, chips di patate e pomodoro confit ? 20

Primi

Timballo di anelletti, primosale e caviale di melanzane ? 22
Orecchiette su crema di broccolo verde, guanciale di maialino nero dell?Eremo e mandorle croccanti?? 20
Gnocchi di patate su rag? di spada,?baba ganush e burrata ? 20
Spaghetti di Gragnano alla chitarra con bottarga di tonno su salsa di vongole e zenzero ? 24

Secondi

Filetto di maialino nero dei Nebrodi su riduzione di Nero d?Avola, chips di porro e verdure selvatiche dell?orto ? 22
Filetto di vitello su riduzione al Marsala, scaglie di pecorino e spinaci al salto ? 26
Rotolo di branzino, gamberi e uva passa, panatura alle erbette aromatiche del nostro orto e crema di cipollotto ? 24
Filetto di baccal? su morbido di patate, salsa di pomodoro ciliegino grigliato e polvere di olive nere ? 22

Dolci

Il Bacio del Frate: cannolo piatto, nostra ricotta dolce e marmellata di arance dell?Eremo ? 8
Gelo di limone, coulis di frutti rossi e salsa alla menta ? 8
Cous cous dolce, salsa di fichi secchi al rosmarino e sorbetto all?arancia ? 8
Plateau di formaggi di Sicilia e le marmellate di nostra produzione ? 10

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

Pane e olio di loro produzione

Tipologia di pane:?al capuliato (pesto di pomodoro secco); alle noci; ai cereali; alle olive; al sesamo bianco.

Perla Marina Spumante Moscato Brut Igt – Feudo Ramadini

Piattooo!

Polpo BBQ su crema di piselli, chips di patate e pomodoro confit?

Il polpo viene prima sbollentato in acqua e vino rosso e fatto riposare nella sua acqua di cottura. In seguito viene grigliato. Chips di patate condite con Caciocavallo Ragusano. Pomodoro confit cotto in forno.

Macco di fave, uovo in camicia, cicoria e fonduta di pecorino?

Il piatto nasce da una ricetta tradizionale nella quale il macco ? realizzato con fave secche cotte a lungo e condite con finocchietto selvatico. Cicoria selvatica del loro orto, prima sbollentata poi saltata in padella con uno spicchio d’aglio.

Insalatina di seppie Shabu Shabu, coulis di agrumi e misticanza?

Piatto dalle influenze orientali: la seppia ? tagliata a julienne, sbollentata per 30 secondi in acqua, aceto e zucchero e servita con un coulis di agrumi (pompelmo, arancia rossa, limoni).

Flan di spinaci su fonduta di Piacentino ennese e cipolla rossa di Tropea all’arancia?

Flan con ripieno di uva passa e provola affumicata.

Gnocchi su rag? di spada, burrata e baba ganush?(salsa a base di melanzana, menta e succo di limone)

Il piatto ? completato al tavolo

Ravioli di maiale nero dei Nebrodi caramellato al miele d’arancio su salsa di carote e mentuccia e fonduta di Ragusano DOP?

Ros? 2017 Sicilia Doc Rosato – Gulfi

Filetto di baccal? su morbido di patate, salsa di ciliegino grigliato e polvere di olive nere?

Filetto di sgombro scottato, Caciocavallo alla argentera, cipolla rossa e maionese ai capperi?

Nero d’Avola?Passivento Terre Siciliane Igt – Barone Montalto

Filetto di maiale su riduzione di Cerasuolo di Vittoria, chips di porro e verdure selvatiche del loro orto

Il filetto viene bardato con del guanciale e cotto in padella per poi essere passato al forno. Riduzione di Cerasuolo aromatizzata con chiodi di garofano e cannella.

Brasato di manzo, polenta di ceci rosa dell’Eremo e tartufo nero di Palazzolo Acreide?

Al Hamen Passito di Noto Sicilia Doc – Feudo Ramadini

Bacio del Frate?

Rivisitazione del cannolo siciliano: ricotta vaccina aromatizzata all’arancia e al limone, marmellata di arancia amare di loro produzione.

Al risveglio

La colazione a buffet

Immancabile: granita siciliana e brioche col tuppo

Eggs men??

Uova fritte in un padellino e servite con salsiccia secca affumicata di maiale e ricotta vaccina (tutto di loro produzione).

Semifreddo al pistacchio con salsa di fico d’India

VG con lo chef Sebastiano Sallemi e il GM Angelo Di Fede

Cucina

La sua posizione privilegiata, sufficientemente vicino al mare per potersi approvvigionare quotidianamente di ottimo pesce, ma inoltrato nell?entroterra dell?altopiano ibleo, tra vigne, uliveti e? allevamenti e caseifici ha fatto s? che nelle cucine del ristorante Don Eusebio fosse possibile ricreare una fedele riproduzione della duplice identit? culinaria di questo angolo della Val di Noto. Il concetto di base si rif? infatti alle antiche masserie, dove un tempo i viandanti trovavano ristoro con salumi locali, caciocavallo ragusano e diverse preparazioni di verdure e selvaggina, senza dimenticare quelle masserie particolari che sorgevano in prossimit? della costa dove, dalla bella stagione fino a ottobre inoltrato, i contadini si trasformavano in pescatori per approfittare dell?abbondanza e della generosit? del mar Mediterraneo. Lo chef porta in tavola una cucina solida e di gusto, in cui ogni portata reca traccia alla storia secolare che la precede e la materia prima ? ricavata in gran parte da quanto ? prodotto nei 60 ettari del parco della tenuta: cereali e legumi, olio, capperi, tuberi, selvaggina e frutta e verdura, da cui si ricavano squisiti sughi e conserve.

Servizio e accoglienza

Oltre a un?accurata, fornitissima selezione di etichette siciliane, la cantina del ristorante Don Eusebio offre la possibilit? di degustare le etichette prodotte direttamente nel parco della Tenuta. Parte dei territori di propriet? della famiglia Nifos? infatti sono anche adibiti alla produzione vinicola, una nicchia d?eccellenza che durante il nostro soggiorno alla struttura abbiamo avuto la fortuna di degustare. La direzione del General Manager Angelo Di Fede garantisce un servizio elegante e puntuale, perch? ha creato uno staff intorno a s? di valissimi collaboratori che sanno come fare accoglienza.

Conclusioni

Pareti candide di pietra bianca, travi di legno e soffitti a volta sono l?indimenticabile spettacolo che si offre agli occhi del visitatore di Eremo della Giubiliana, e subito rafforzano la sua convinzione di aver scelto un ottimo indirizzo per trascorrere qualche giorno di riposo e concedersi una vacanza, lontano dalla routine quotidiana. Guardando alla latitudine, siamo ben al di sotto di Tunisi, e lo ricorda la vegetazione rigogliosa oltre al sole intenso che illumina ogni dettaglio di questo luogo speciale, dove ogni particolare ? storia e cultura, ogni assaggio, identit? e passione.

Viaggiatore Gourmet

Hotel Eremo della Giubiliana 5* Lusso ? Ristorante Don Eusebio
97100 Ragusa (RG)
C.da Giubiliana ? S.P. per Marina di Ragusa km 7,5
Tel. (+39) 0932 669119

Mobile (+39) 340 6764882
Fax (+39) 0932 669129
E-mail: info@eremodellagiubiliana.com
Sito internet: www.eremodellagiubiliana.it

 

L'articolo Hotel Eremo della Giubiliana e Ristorante Don Eusebio ? Ragusa ? General Manager Angelo Di Fede, Chef Sebastiano Sallemi proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[03/31/2019, 15:00] Where is the epicenter of the wine world today?
In these moments, social media sites are ablaze with folks making their yearly pilgrimages to wine fairs. A few weeks ago, it was to Germany and Prowein. Right now, the faithful are walking from shrine to shrine in Bordeaux for Primeurs 2018. I?ve done it a handful of times, it?s a great event. And in a week, over in Italy, the 53rd Vinitaly will commence. All three of these events in the Western World, could easily qualify as being in the epicenter of the wine world today. If you are fortunate enough to attend one or all of them, consider yourself one of the lucky few. And if you are not there but you are right here, staring at the screen, as I am, right now, that?s the new epicenter. And that is perfectly fine by me.


I made the Vinitaly trek last year, after I had ?retired? from a career in commercial side of the wine business. It was a lovely experience to just walk the halls, visit old friends and taste some new wines. I?m sure I?ll go back again someday (not this year) and if I do, I?ll be happy to do so. For it truly is a gathering of most of the wine energy of Italy, which is considerable.

But I can also travel right here, right now. I am finding that my world, especially the center of it, is best viewed from a calm, quite place. Maybe that?s the introvert in me. Maybe it?s the years telling me that it?s been great and now this time is for reflection, for intention and for looking at the bigger picture from the perspective of my many experiences in the wine world.


Last week, in my home town, in Dallas Texas (the lower-midsection of flyover country) I tasted wine from Greece (along with an amazing 2 hour ?master class? from Ted Diamantis). I spent an hour with two young wine makers from Washington state. I ran into an importer and his new property from the Maremma and tasted through those new and exciting wines. I went to a medium sized distributor?s Spring showcase and tasted wines from Italy, France, Texas, California, South Africa, Australia and Oregon. And dropped in on a pop-up tasting of Luca Currado's lastest wines from his Vietti winery. Not to mention the many wines I opened, to taste for upcoming articles. And topped it off on Saturday night at an Italian spot with friends enjoying lovely bottles of Lugana and Nebbiolo. I may not be in anybody?s epicenter but my own, but from where I sit, I?m not complaining. And I like to think that many of us now have that rolling, flexible nucleus that the wine world has become in the last generation or two.

Chenin Blanc from Lodi with an arugula Caesar? Surf?s up! Cru Beaujolais with my chicken sausage lasagna? Tout ? fait. Sparkling Xinomavro ros? with fig and prosciutto pizza? ????????? ????. Barbera D?Asti with Guac-toast? Volentieri! We wanted the world and we wanted it now ? well, we got it. And anybody with their eyes open have got to see, that even with all the bad stuff happening all around us all the time, you?ve got to be grateful for the moment we live in to have the access and the opportunity to enjoy a life in wine ? because there are 6 ? billion souls on earth who are just trying to get through the day, and many without clean water, a dry place to sleep and a world in which they don?t fear getting raped, assaulted or exploited for the gain of others. While for many souls their life is a climb up their personal Scala Sancta, those fortunate to be in the right place and the right time are, as I?ve said a million times, living in a Golden Age.


So, if you cannot be in Bordeaux this week, or Italy next week, or Germany last month, or Tianjin in the Fall, or anywhere else where you might think the center of things are, just take a moment and step away from the screen and look out your window. You are in the center of your universe. You are on the mountaintop of your world. As we all are. Please enjoy the moment, the wine and the people who are right in front of you. And it will make your wine even more delicious, make you a better taster and honor the farmers and winemakers who toiled to bring that glass of wine sitting in front of you all those thousands of miles and years to you for this moment ? right here, right now.






wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[03/25/2019, 04:59] Carema - ?Strong and Likeable as the Sun and the Stone?
Image courtesy of Cantina Produttori Nebbiolo Di Carema
Imagine families, perched precariously on the side of a mountain, working the land, generation after generation, tending their vines, to make a wine from their grapes. And imagine, on the other side of the planet, nary a person knows about the many souls who have poured out their life?s effort, their heart and soul, for a wine that is virtually unknown. This is one of the existential problems facing the winegrowers and winemakers in northern Italy who make the wine from Nebbiolo grapes called Carema.


Ian D'Agata and Roberto Ferrando
It isn?t unique to them either. When I was last in Italy for Ian D?Agata?s Gastronomix, we were days in full immersion over the wines of Grignolino, Erbaluce and Ruch?, among others. But as I scan my local wine shops, I?m not finding much of these wines. Why? Aren?t they quintessentially Instagrammable? Maybe they aren?t Unicorn wines? But they are at the very least, Pegasus wines? Or Griffins? Or maybe they are just garden variety goblins. Or gnomes. However, they have come to be overlooked in the vast badlands of Middle America, the truth is that those families clinging to their hillsides aren?t going to stop making Carema just because the heartland is unsuspecting of these gems. That just makes more for those of us with our high beams on.

Here are some basic numbers relating to Carema (with data from Italian Wine Central):
  • 1967 ? The year Carema became a DOC.
  • 35 ? Acres under vine (as of 2015).
  • 3.410 ? Cases produced (as of 2016).
  • 2 ? Main producers - Cantina dei Produttori Nebbiolo di Carema and Ferrando Vitivinicola.
  • 4 ? The amount of potential additional producers.
  • 0.5 ? The average landholder size in acres.
  • 55 ? The average age of the vineyard owner.

Image courtesy of Cantina Produttori Nebbiolo Di Carema
So little wine, so few producers, why should we care? I don?t know. Why should we care about Menetou-Salon in France or any other obscure vineyard area? The short answer is: You don?t have to. But someone needs to give a care about Carema. And I?m glad if you wish to join our coterie of Carema devotees.

What can you expect to find in Carema that you cannot already have in Barolo, in Barbaresco, in Gattinara? Ideally, one wouldn?t make the comparison, anymore than one would weigh a Gevrey-Chambertin against a Volnay. Oh, but we are only human, so comparisons are wired in our chattering little monkey brains. So, go ahead and submit to another exercise of compulsion.

Not to take away from anything my dear friends do in Barolo and Barbaresco, let?s just consider the region in which Carema is placed. More akin to the Valle d?Aosta (or perhaps even the Haute-Savoie), this are mountainous high elevation wines, up to 2,000 feet. The Nebbiolo bio-type is 308 Picotener, which is better suited to Carema than Barolo. In Carema it makes a light colored, highly perfumed wine.

Roberto Ferrando - Image courtesy of Ferrando Vini
If you can find the wines in America one first must give thanks to Neal Rosenthal, who early on, forged a deep relationship with Luigi Ferrando, and fiercely listed the wines next to his Burgundy finds. While every sommelier on the search for the Holy Grail of Pinot Noir has endlessly stuck their nose in every nook and cranny of the C?te de Nuits and C?te de Beaune, Carema was the forgotten child by that crowd. Not to Neal. And those of us for which Italy is not an also-ran. ?Strong and likeable as the sun and the stone,? Mario Soldati once wrote.

With only 35 acres of vineyard planted to the appellation, that?s less than half of the space that the Dallas Cowboy stadium takes up. And with only 3,410 cases produced, that?s just a little more than a 10-ounce beer for every game-goer in that often filled-to-capacity arena. It?s not a lot of wine. But with under 80 winegrowers, that?s a village of families that rely on this agricultural product, generation upon generation. And with the average age of the vineyard owner being 55 (with many well beyond that age) can you see these could be endangered goods.

When you are delving off into the world of esoterica, whether it be old-vine Carignane from Contra Costa County or Ramisco from Colares, think about Carema. Here today ? who knows where it?ll all be in 20 years?

Oh, and the inevitable tasting notes from the Gastronomix Mini-Master Class.


2015 Carema Classico ? Cantina dei Produttori Nebbiolo di Carema ? this is the ?entry level? wine, in a black label (their Riserva comes in a white label) - Tar (which according to Ian, one does not find in young Nebbiolo) ? powerful ? lovely perfumed light color, beautiful balance (note to self: Get Some).

2014 Carema Ferrando Etichetta Bianca ? this is the ?entry level? wine of Ferrando, the white label (their Riserva comes in a black label) ? Richly perfumed, cherry, nice fruit, dry, no discernible tannins.


These are not wines to search out because they are better values than their Barolo or Barbaresco counterparts. In fact, they are often priced higher. But the figures are what they are. You are either in or you aren?t.

As for myself, I think I can find a little more wiggle room in my wine closet for a few more bottles of wine. And why shouldn?t it be Carema?


Image courtesy of Cantina Produttori Nebbiolo Di Carema






wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[03/17/2019, 18:54] Grignolino and its Indomitable Illuminance on Individuality
?Do you want to know how good a winemaker in the Langhe or Monferrato is? Try their Grignolino. If it?s a good one, chances are their other wines will be as well.? Thus spoke The Maestro, at a recent gathering of chefs and writers at the food and wine workshop, Gastronomix, where we gathered in the Monferrato and Canavese areas of Piedmont.


My first exposure to Grignolino was thousands of miles from northern Italy. In fact, it was in the Santa Clara valley of northern California where I went to college and tasted my first one, from a local winery there that had been established by Italian immigrants.

Years later, while working in the trade, I encounter upon and sold, Heitz wines. And their Grignolino (and Grignolino ros?), while different from their Italian counterparts, made me a fan. (There is some speculation concerning Heitz's Grignolino and if it is really Brachetto).

Gerald Asher wrote of Grignolino, that it can be ?drunk young with pleasure and old with delight.?

Veronelli felt the Grignolino from Alessandria was not suitable for ageing, whereas the one from the Asti area was a ?superior wine if properly aged.? He characterized Grignolino as ?anarchistic and individualistic.?

Patricia Guy wrote ?Grignolino is not an easy variety to work with, and the resulting wine usually has a tannin level that is at odds with its light color and body. The old-fashioned wine it yields was much appreciated back in the days when Piedmont was under the House of Savoy. Its acidity and structure were an ideal foil for the rich, buttery French-influenced foods of that period.?

In today?s climate, young palates are seeking out higher acidity and lighter color, having been weaned on the tannic monsters of Napa Valley. Grignolino is in a crossroads of time and mood, where a wine like it can be an attractive proposition. Like Aligot? is to the white grapes of Burgundy, Grignolino, for me, is a red wine that expresses a measure of Piemontese-ness that is different than Barolo or Barbaresco. And it can be drunk young and is within the reach of most people?s budgets. It is enormously flexible with regards to all the varied comestibles that grace our dining tables. It goes well with the classic Italian dishes from the era, as well as dovetailing easily into other food cultures: Mesoamerican, Japanese, Thai, Chinese, regional American. Grignolino with a hot steaming plate of Nashville hot chicken is alluring and practical. The cool, fruity light red with a backwash of acid and light tannins is more than enough to cleanse the palate for another wave of hot, greasy, delicious spicy chicken.

Grignolino definitely has a place on my table. It?s just a matter of finding the well-made ones and drinking them in the right time.

My go-to Grignolino, here in flyover country, is from Cantine dei Marchesi di Incisa della Rocchetta. It?s available, for one. And it?s usually under $20. And it?s fresh, not cooked in some large warehouse where it is lost between the massive stacks of Yellow Tail and Jack Daniels. The wine is correct, with healthy (but not overpowering) tannic structure, and great color and fruit to go with it.

Gaudio Bricco Mondalino Grignolino del Monferrato is another reliable one, provided you can find a current vintage, which right now would be the 2017, with the 2018 coming later this year. I go back many years with this wine and it is one of those wines that proves if you make Grignolino well, anything else you make will be well-made also. Lovely wines, classic style, in which I mean they are timeless.

At Gastromonix we also we tasted several notable examples:

2017 Grignolino D?Asti from Garrone Evasio & Figli ? Nice bitterness, good fruit and was slightly tannic. It paired up fabulously with vitello tonnato and fried anchovies.

2017 Grignolino D?Asti ?lanfora? from Montalbera ? we enjoyed this wine over several nights during dinner, and I got to spend time with this wine with many kinds of foods. This wine gestates for 8-10 months in terracotta amphorae. An important producer (12% of all Grignolino D?Asti is produced from their vines) and this example tests the waters in the realm of natural wine. It?s a lovely and successful embark upon that restive sea. Using terracotta as an incubation vessel has been most serendipitous for this wine. It is a classic example, yet it proudly reflects, in the best way, Veronelli's portrayal of Grignolino as ?anarchistic and individualistic.?

Other producers of Grignolino to look for:
? Braida
? Crivelli
? Pio Cesare



These are wines of individuality with moments of brilliance and a fierce independent streak. In this age of disruption, it?s a good time for Grignolino. Give one a try, soon.










wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[03/16/2019, 09:48] Genova Wine Festival visto da qui
Di l?, cio? su Intravino, ho dedicato al Genova Wine Festival tre post. Pure troppi, verrebbe da dire - ma comunque eccoli:

Qui racconto la genesi di tutto quanto: ? stata una vicenda a lungo pensata, e desiderata.
Qui promettevo cosa avremmo fatto, in sostanza - e abbiamo mantenuto le promesse, si pu? dire.
Qui spiego com'? andata alla fine: in modo parecchio soddisfacente.

E allora, c'? bisogno di un altro post che parli di Genova Wine Festival? S? e no: non esiste una cosa come bisogno di un altro post, a meno che questo non sia un blog personale nel quale chi scrive riversa il suo flusso di coscienza. Indovina un po', Diario enotecario ? anche quella roba l?.

Cos? mentre Intravino alla fine ? la blogzine istituzionale nella quale in un certo senso era necessario parlare di GWF, qui non c'? nessuna necessit?, nessuna istituzionalit?. Quindi uno pu? lasciarsi andare a considerazioni traverse, che magari non infilerebbe in un comunicato stampa o in un ambito istituzionale dove i discorsi si impostano.

Gi?, cosa ci ? successo nel frattempo? Siamo diventati pi? adulti? Mettere mano a GWF ? stato anche quello, fare una cosa da adulti. Ora che ? passato, per?, a me lascia quella sensazione un po' straniante, come dopo un esame scolastico. Ora che ho passato questo test, penso al prossimo. E s?, appunto, ? straniante. Poi mi pare di averne parlato in tutti i modi, ma i modi erano quelli istituzionali. Che ci ? successo, che mi ? successo? Eravamo quelli cazzari, e adesso ci escono di bocca cose come signore e signori, benvenuti nella splendida cornice.

Per questo uno tiene un blog personale, per dire: caro Diario, GWF ? stato anche altro, per me.

Per esempio, ricordo domenica sera quando tutto era finito, e le ultime cose erano state smontate. Quella sera, quando era molto tardi ed ero in uno dei miei soliti posti a bere, mi prende una grande, profonda, improvvisa tristezza. Al punto che ero arrabbiato con me stesso, e mi dicevo: ma che diavolo ti prende? E niente, era pi? forte di me, era arrivata una botta improvvisa, come se i nervi avessero ceduto - e immagino sia stato qualcosa del genere. Mesi e mesi a pensare a un progetto, e ora era tutto passato.

Il fatto ? che davvero, tutto quanto, ? cominciato molto tempo fa. Ero a Vinitaly 2018 e gi? ne parlavo, con alcuni produttori. Le aziende che hanno partecipato a GWF sono state scelte, tutte, una per una, contattandole personalmente. Ad ogni produttore abbiamo spiegato il nostro progetto, ma parlavamo di qualcosa che esisteva solo nella nostra mente, fino ad allora. Li abbiamo dovuti convincere, a volte, e a volte come ? normale non ci siamo riusciti: qualcuno non poteva partecipare, qualcuno aveva terminato il vino disponibile, qualcuno, legittimamente, potr? aver pensato: ma chi sono, questi qua? Sia come sia, ? stato un lavoro lungo, passato per infiniti contatti telefonici e di persona. Alla fine lo scopo era mettere assieme una specie di dream team di produttori che ci piacevano. Adesso che vedo la bolletta telefonica, vedo anche quanto a lungo sono stato al telefono. Insomma, ci abbiamo infilato una quantit? di energia pazzesca, in questo progetto. Mi piacerebbe adesso ringraziare, uno per uno, tutti i produttori che ci hanno creduto, e ci hanno detto di s?.

Per me poi questo lungo lavoro ? stato un fatto nuovo: lavorare con un gruppo di persone abbastanza numeroso, una squadra, e mi riferisco ai ragazzi di Papille Clandestine che hanno reso possibile concretamente tutto quanto. Io che sono un solitario, una ditta individuale e anche abbastanza individualista, ho cercato di lavorare in squadra, ho cercato di capire come ci si muove in una realt? complessa come quella - e mentre per qualcuno il lavoro di squadra ? pane quotidiano, per me era una novit? ed anche una sfida. Spero di aver fatto quel che ci si aspettava da me, ma adesso che sono nella fase dei ringraziamenti, dico grazie ai papilli che mi hanno voluto, assieme a Pietro, nel gruppo operativo di organizzatori, visto che GWF ? stato appunto una joint venture tra loro e il settore genovese di Intravino.

E siccome la rete non dimentica, e alla fine questo ? un quartierino ristretto, in questo post del 2010 (duemiladieci, ehm) scoprivo pi? o meno l'esistenza dei papilli. Ragazzi, ne ? passato di tempo, eh?

Adesso per? per non esagerare coi sentimentalismi, facciamo i buoni propositi. Si avvicina il prossimo Vinitaly, e gi? so che contatter? alcune aziende che sono nella nostra wish list, per il prossimo Genova Wine Festival. Perch? s?, pensiamo gi? all'edizione 2020.
TrackBack
[03/10/2019, 16:30] So you think you want to import Italian wine?
While I have, more than once, addressed the challenges of selling one?s Italian wine to America, it seems I haven?t touched enough upon the complexities of importing Italian wine into America. Since I am no longer ?ITB? (in the business), I have gotten a barrage of emails from people looking to ?get into the business,? from both Italy and America. It?s probably time to go over some things in relation to the realities, in 2019, of pursuing that path.


First let me offer an anecdote. In the fall of 2008, I decided to buy a condo in Dallas, Texas, as a rental property. I was debt free, had some cash to invest in something, and the property I bought was in a very good zip code, one of the wealthiest in my town, and one of the top 50 zip codes in America. I bought a little on the high side, at the time, which was probably not a good omen. But It was still an affordable investment, and within the confines of my comfort zone with regards to the risk, even though Wall Street was melting down.

What I didn?t take into account was that folks who rent might be affected by the downturn and my rental property might be vacant for a time.

Well, my first renter got hit hard and within a year she bailed and moved back home. The place stood empty, and after several months and lowering the rent, I found some college students to lease it to.

They were fine enough, but college students are not stationary. So again, the place stood empty.

I ended up selling the place, and factoring in the initial cost (and improvements and repairs) on the place, not to mention the months it sat empty not collecting rent, I lost some dough. Enough in fact, that if I hadn?t bought the place and just taken the amount of money I eventually lost, I could have bought a fancy sports car (like a Porsche Cayman) driven it into the ground for two years, wrecked it and left it on the side of the road, and I would have been ahead of the game. I wouldn?t have had to take those 2AM wake-up calls about a stopped-up toilet or a kitchen sink that overflowed because the garbage disposal just couldn?t grind up raw Brussels sprouts. But I didn?t. And I learned a valuable lesson:
"Something from the outside can appear to be more glamorous and not as risky as it can be inside reality."

This is merely to say, when folks go to Italy on a vacation, let?s say Puglia, and they spend their vacation in a leisurely manner, eating, drinking, making love, swimming, etcetera, their defenses have been lowered. Then they go to their little trattoria by the seaside and drink that lovely, inexpensive Chardonnay or Negroamaro rosato from the area, and someone says, ?We should import this to America, they?d love this!? It sounds simple enough, it sounds innocent enough. My answer to them, now, would be: ?Buy the Porsche!?

I?ve gone enough into the logistics on other blog posts, and if interested, please read them. What I will never be able to do will be to convince someone that the investment in importing Italian wine into America, in these times, is time-consuming and highly risky. And if you have ?The Dream,? far be it from me to rain on your parade. I will try, anyway.

But the competition will do that much more effectively. And it will be an expensive lesson. But, hey, you made your money, and like me, you can throw it in any direction that you?d like to. But know this: You are a minnow in a sea filled with sharks. They jump higher, their pockets are deeper, they know more about how we got here and they don?t like to lose. This isn?t TBall, hey it isn?t even softball. It?s sliders and spitballs. It?s a fastball heading at 97mph right to your head and you don?t have a helmet on - you are the target. So, know that.

When I was working for a large distributor, who recruited me to look after their Italian wine business, for every case of Italian wine that was imported, we accounted for 1 bottle in every 12-pack case that came into America. And that included everything from the low to the high. The business grew amazingly in the 14 years I looked at the business. This is not a brag. As the business consolidated, what I saw was that fewer and fewer players at the top grew to dominate the Italian wine landscape in America.

You think you have an organic Pinot Grigio that Whole Foods is sitting there, waiting for you to bring to them? Think again. You?ve found a Chianti that Total Wine cannot live without? Don?t bet your life on it. You have found a Sicilian Grillo and Nero d?Avola that Kroger cannot say no to? If they aren?t returning your emails, don?t assume their silence means maybe. The big import companies struggle with these issues all the time. Like I said, you are a minnow in shark-infested waters. Don?t jump in the deep water if you cannot swim faster, deeper and longer. And most likely you cannot. Don?t even go there.

You?ve found a region, let?s say the Marche, where their business in Missouri is severely underrepresented. With all respect to my friends and colleagues in Missouri, have you tried to understand the why of that? I remember going into a restaurant, in Kansas City, owned by a large and famous group, who also make their own wine. What was I thinking trying to sell them a Verdicchio, let alone a Pinot Grigio or Prosecco or Chianti? But what the wine buyer showed me, chilled me even more than the lack of a selling opportunity. ?Look at that wall, Alfonso. I have four vintages of our proprietary Pinot Grigio stacking up. I have Sangiovese coming out of my pores. And I have more Prosecco than I will sell in six years, and in six years I will have accumulated six more vintages of the stuff. I?m drowning in wine I have to take, and it isn?t selling fast enough.? And that was Missouri.

Which, while we?re talking national accounts, let?s talk about the on-premise channel. First things first: You don?t sell wine to them ? you buy real estate. That?s right, if you want a slot on that list, it ain?t a butterfly. It?s not free. It?s going to come with a slotting fee. And you better have the wine in all 30-40-50 states, at the same price, and you better not run out in Austin on a Friday night. Because you will get a call from an angry restaurant manager threatening to pull your wines off (he can?t, not so easily, but he can phone up to his company and complain, complain, complain until the wine buyer in Tampa, or Newport Beach or Dallas gets sick of hearing about it and ?sources? another wine). And your hard work, and all the money you paid to get there is a memory.

Why this screed? Because I know, with Vinitaly (and Prowein) coming up, and with the better weather, people start getting out and about, the new vintages start being released, and all of a sudden there are innocent folks out there who might be tired of their job or who think this could be a good sideline to their paying gig. And I get emails, and have gotten them for 15+ years, thinking they?ve discovered something someone ?ITB? just hasn?t gotten around to discovering. But sadly, in most cases, they have. And it has either worked. Or in many cases, it hasn?t. Hey, don?t let me stop you. But don?t expect a lot of people waiting around for you to make a call to their office with your dream. They will crush your dream, as I am doing right here, right now. Except I?m trying to help you before you waste the time and the money. Just go buy the Porsche.


And when you tire of driving it around, give me a call. I?ll make you a deal you can?t refuse.










wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[03/03/2019, 15:05] Erbaluce, where have you been all my life?
There?s nothing more enjoyable and illuminating than to rediscover a wine, a grape or a region as if I?d never had an iota of exposure to them. Such was the case with Erbaluce di Caluso from Piedmont last week while there for the food and wine workshop Gastronomix. It?s a spin-off of Collisioni, with Ian D?Agata directing the education.

I?d had some exposure to Erbaluce in my past life in the wine trade, but never went much deeper than dipping my toes in the lake. This was full immersion, with a real master class, taught by one with mastery of the subject, and over several days.


Tasting wine. Large tastings, where one goes from table to table, usually public events, where you stand and sip and spit, can be informative, and give one a quick view into a particular wine or region. But ultimately, for me it is an uncomfortable exercise. Its hard to dive in deep and really uncover the little nooks and crannies of a wine or a region.

That wasn?t a problem last month with Erbaluce. We came back to the wines, again and again, tasting them in groups of different producers. Enjoying them at lunch or dinner with food. Sitting among peers, discussing the wines. Going over the wines. That is what immersion is about. And at this stage of my life, I want that deeper encounter, that time exposure, to get inside a wine and find out why and how it became a staple and even an icon for the region in which it was born.
Still - Dry

A light went off. Here was a wine that I had a little experience with. But I really didn?t know the wine. I?m not sure I can say I really ?know? the wine now. But I have a deeper insight into the nature of the wine and the character and the why of the wine. Why it grew up, matured and became an important part of the region in which it lives. And something the people who live there enjoy, over and over.

I experienced that when we first arrived to the area for the event. It was a Sunday and we took a walk from our hotel down the hill into the town, Ivrea, where we were staying. About a half mile down, we stopped for lunch. There was no sign on the front, but we saw people inside eating. It was simply called Ostaria Vino Cucina & Birra. I ordered a half liter of the house white. It was on tap, and slightly fizzy, what we once called frizzante.

Vitello Tonnato a la moderne
The wine was fresh, with good fruit, but in no way a sweet wine. It was dry. Bone dry. And it was the perfect wine to go with the simple seafood dishes we had. And isn?t that really the purpose of wine, ultimately? It set us up for a few days of Erbaluce immersion with Ian D?Agata, arguably the most informed Italian wine (and grape) expert in the world. In his ground-breaking tome, Native Wine Grapes of Italy, Dr. D?Agata had this to say about Erbaluce:
?Though nobody will ever mistake a wine made with Erbaluce for a blockbuster, when well made these wines are a marvel of balance, with minerally, crisp white flower and fruit aromas and flavors combining hints of chlorophyll and apricots. It?s true that poor examples can be marred by eye watering acidity, but this same high natural acidity has given us sparkling wines in increasing numbers. Made either by refermentation in the bottle in the manner of Champagne or by the Charmat method like Prosecco, these can be marvelous wines, and are underrated in my view.?
Sparkling

Erbaluce has a flexibility that one would be hard pressed to find in other grapes around the world. Awarded the DOC in 1967 (!) and DOCG in 2010. The base wine is still and dry. The metodo classico sparlking version rivals the Trentino and Lombardia sparklers, and the charmat style is in a world apart from Prosecco. And the air-dried, passito version, laden with botrytis, can be a life-changing occurrence. One can find these three styles from a singular grape in the Loire Valley, with Chenin Blanc and in the Marche, with Verdicchio. I?ve racked my brain to try and find other examples from grapes that produce a white wine (Chardonnay? Sauvignon Blanc? Carricante? Riesling? Garganega? Tokay?), but I?m still scratching my head. And under the same DOP! Erbaluce, where have you been all my life? Or at least, for the last 35 years?

So, I went off to my local wine stores, here in Dallas, Texas, starting with the Italo-centric Jimmy?s, which usually has everything Italian under the sun. One Erbaluce, but an aged one. Perhaps at one of the small wine stores, or maybe even one of the large chains, like Spec?s, I will find a newer one. But Erbaluce isn?t posing any impending existential threat to Prosecco, Pinot Grigio or Moscato. And that?s a bit of a shame.

The 3-tier opponents will offer up this dearth of Erbaluce to the dismal state of wine procurement in America. And perhaps there is a kernel of truth to this. After all, when Big Wine is stepping all over themselves to bottle their 16th iteration of Cabernet or Chardonnay, usually from the same tank, slapping a sleek and Instagrammably sheik label up for the influencers-for-hire, what chance does this meek, little grape have for expanding their base outside of Monferrato and Canavese?

Risotto
These are wines that sommeliers, retailers and Italian wine directors should take a plunge at. They are very drinkable and enjoyable, again and again (that which I can attest to). They are versatile, and they are varied in their flavor profiles to enjoy over different courses and seasons. Why isn?t America jumping on this wine? Maybe they are, in New York, L.A. San Francisco (for sure), Portland and Seattle. As for Middle-America, they?re barely a blip on a screen. And that?s really a damn shame.


Producers to be on the lookout for:
  • Cantina Coop. Caluso
  • Cantina Della Serra
  • Cantine Briamara
  • Cantine Corsio
  • Carlo Gnavi
  • Cellagrande
  • Cieck
  • Ferrando
  • Giacometto Bruno
  • Ilaria Salvetti
  • La Campore
  • La Masera
  • Orosia
  • Orsolani
  • Pozzo Elisa
  • Santa Clelia

Other links:
Still - Passito (sweet)


wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[02/25/2019, 00:43] My long history with Ruch
Sometime around the late 1990?s I was working with an Italian importer and one of the owners brought up the subject of alternative red wines from Piedmont. We?d ventured into Barbaresco with La Ca? N?va, in Barolo with Cascina Bruni and Cordero di Montezemolo, and in Gavi with a wine from Roberto Bergaglio. As well, we had a steady producer of Nebbiolo, Dolcetto, Barbera, Arneis and Freisa from Cascina Cheirello. But this new red wine, this Ruch?, from Crivelli, was a different beast.


Look, selling Italian wine in Texas was like selling Italian wine in Paris. There were a lot of hurdles to jump over. The first one was that nobody was looking for such a wine, this being a time before Instagram and ?influencers? of the trendiest and most esoteric wines from grapes that nobody had ever heard of. What I most often heard was, ?I haven?t gotten any calls for Ruch?, or whatever you call it.? Which translated as ?I?m not that curious or interested. Besides, did it get 90 points from Parker??

Thankfully these days are more enlightened, even if we have to contend with the instant expertise of social media wine mavens. And Ruch? has become an enduring, as well as an endearing, red wine from Piedmont, for myself, as well as many more wine lovers.

This past week I was in Italy for Collisioni and their food and wine offshoot, Gastronomix. Held in the Canavese and Monferrato area, clustering around Ivrea, Vercelli and Asti, we were guests of Ian D?Agata and Filippo Mobrici and their Collisioni team as well as the Consorzio Barbera D?Asti e Vini del Monferrato and Consorzio per la Tutela e la Valorizzazione dei Vini DOCG di Caluso e DOC di Carema e Canavese. The Italians love long titles. Somewhere in there Ruch? was part of the deal.

And a great refresher course it was for a wine I haven?t seem much of in these parts, flyover country USA.

My entry point into Ruch? in the last century and millennium was via a small producer called Crivelli. Proprietor Marco Crivelli was (and still is) an eccentrically wonderful chap. I really think the air that circulates around his person is of another ilk than the rest of us. It probably has to be if one specializes in wines from grapes like Ruch? and Grignolino, when nearby neighbors are farming Nebbiolo and making premium and much sought-after wines like Barolo and Barbaresco. But Italy, if it is one thing, it is a place dedicated to celebrating the antipodal in nature. Sure, one could farm in a place like Cuneo and make a nice life, living off the fame and garnering a fortune from Barolo. But money, and fame, isn?t everything. And resuscitating a once lost wine from a grape like Ruch? has been a calling to folks like Crivelli.

Mind you, he isn?t alone in this obsession.

I sat with Luca Ferraris, winemaker and the president of the Produttori del Ruch? di Castagnole Monferrato DOCG at a dinner in Asti last week. Luca?s family was also very instrumental in bringing Ruch? back to life. Luca?s great grandfather went to the new world in the mid 1800?s and found his way to California just in time for the Gold Rush. And he was one of the fortunate ones to strike gold. Rather than build a life in America, he took his fortune and went back to Castagnole Monferrato where he bought an old estate and started growing grapes. Luca told me that after WWII, his grandfather Martino would take his wines, on horseback, to Turin and sell them to merchants. These are some of the pioneers of the Italian wine renaissance which ushered in the Golden Age of Wine we now bask in.

Ruch? is largely here because the local parish priest, Don Giacomo Cauda, made wine for the village (and for the Mass). When he vinified the Ruch? grapes apart from the more prevalent Barbera, not wanting to waste anything, for that was a sin, he discovered after a few years ageing, that the almost extinct grape, Ruch?, had developed into an interesting wine unlike any other on the Monferrato area. The Ferraris family makes, from the original parish priest's vineyard, Vigna del Parroco, a flagship wine honoring the priest, who passed away in 2008.

These days there are over 20 producers who offer a Ruch? in their portfolio.

I happened to pull out an older bottle of the Crivelli, a 2001, from the wine closet, which has been there for almost 20 years. Thinking its time was past, I asked Luca Ferraris what the possibility for ageing Ruch? was. And he answered that in a good year, Ruch? could go 10-15 years. 2001 was a good year. So, I will report back once it stands up and settles, at it appears to have thrown some sediment along the walls of the bottle.

Meanwhile, Ruch? is delicious when young, like a good cru Beaujolais. And it can serve in similar situations as the fabled French wine made from Gamay grapes. Not the same, but kindred. And both very enjoyable.

2017 and 2016 Ruch? wines are drinking quite well these days. Labels recommended are from Crivelli and Ferraris as well as Tommaso Bosco, Montalbera, Massimo Marengo, Bersano, all which were among some of the Ruch? wines we were exposed to and enjoyed over the five days we spent with chefs, sommeliers, journalists and winemakers at Gastronomix.

Ian D'Agata with the Ruch? producers at Gastronomix


Links:
Produttori del Ruch? di Castagnole Monferrato DOCG
The story of La Vigna del Parroco in Italian
Consorzio Barbera D?Asti e Vini del Monferrato
Consorzio per la Tutela e la Valorizzazione dei Vini DOCG di Caluso e DOC di Carema e Canavese
Gastronomix photos: HERE and HERE


wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[02/17/2019, 06:00]  From the Archives - Finding Your Wine
Originally posted Nov. 14, 2007


Vallee d'Aoste ~ Vigne de Torrette
One day on the highway in Liguria, it hit me. We were driving up and down hills, into one valley and then on to another. All along the way I was meeting people, some who were winemakers and some who simply liked to drink wine. In Italy, it is easier to find a single wine that you can enjoy over a lifetime. A visit to a winery in your neighborhood, and there you go. It might be a crisp white wine or a mellow, rich red. But along the wine trail in Italy, I keep meeting people who have found their wine. So what is wrong with us in America? Or maybe the question should be, have you found your wine?



Merano ~ S?dtirol

Tonight, as I write this below the base of the Alps in Merano, I think about the day 10 years ago when I married my wife. We spent a lifetime finding each other, had a dozen or so years together and then she was gone, taken back by the Creator. We had found each other and drank from each other's heart of a wine as sweet as the latest harvest. Tonight in a small trattoria, I watched a young couple sitting beside each other drinking their wine. Have they found in each other a wine for the rest of their lives?


Vall?e de la Roya ~ Airole

Days before, I had been on steep hills plunging down to a rough river, ragged with the bones of ancient mountains. On the schist-laden slopes, vines struggle to break open the concrete soil, pushing towards the sun, holding their breath until the flowers bud and the fruit forms. A summer of heat and night takes over, like making love, then falling back on the pillow, only to disappear into a dream world. Day after day, for four, maybe five, months. Then the love children pop out and are ready to be picked. Anxious workers huddle under the canopies of the vines, picking this cluster and that one. All the offspring are sent to the winery to be nursed and made into precious liquid, so young couples can drink them and fall in love. A cycle that will be repeated until none of us are around to have these thoughts and urges.

Finding your wine. What can it be? How will you know? Does it need to be only one wine?

I met this winemaker in Liguria, Fausto he was called. Fausto has a gray torrent of uncut hair, covering ears that have still black hairs around the openings. An Italian surf bum, but not a lazy guy. Behind the furrowed brow, two eyes peer out, full of life and not a little mischief. Fausto has found his wine. It is a Pigato, an unlikely wine he makes, but one that works very well in his life. As he jumps into his little 2-cycle utility truck (really a glorified scooter), he grabs a bottle of white and heads off to his sister's sports bar. At a table, a plate appears, tiny piquant sausages in a fiery broth that only a Pigato can quell. Fausto teases one of the cook's daughters, and one can see his life is carefree and happy. Almost every day Fausto goes there, to eat his lunch and drink the wine that makes his life lighter and brighter.

I am not sure I have found my wine. And while there are some wines that I prefer over others, what could be a better wine to have with Fausto's sausages than a Pigato?


Valtellina ~ Sondrio

Some of us are outsiders, wandering the trails, in search of our tribe or even our moment. Some of us can never settle anywhere long enough to find our wine. We are poorer for that. For to enjoy a simple dish that our sister has made alongside a wine we have made with our own hands, well, that is such a special circumstance. Haven?t those souls won the big lottery of life? For along with finding their wine, they have also found their life and their place on this earth.







wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[02/10/2019, 18:09] The veil of un-knowingness over Southern Italian wine
Tasting notes are a cinch. How does one tell the tale of Southern Italian wine with a single photograph?


You think there haven?t been changes in how the South presents to the West?

Compare these two PR pieces from Puglia, 40 years apart.


The first one (1977) was very basic, but for those times, I?ll say this: they were one of the few regions I traveled through in the early days that had access to pamphlet and area information. They were out in front, and still are.

The older is steeped in tradition and un-retouched customs, some which might seem a sight strange to outsiders. It?s amazing to think that Italy still has that connection to the mystic.

But today, what does everybody want? Fresh air, fresh food, fresh water, a healthy, balanced lifestyle, in which everything is in motion and is good and forever? And Puglia sets up for the delivery.


In real terms, there is a plethora of white and red wines available. And ros? from Puglia is an institution, much in the same way Provence has become with the lighter version.

You want California style? You can find it. Old, rustic, funky? Oh yeah, there?s plenty of that in Puglia. Fresh, fruity, dry, wholesome beverages to go with an abundance of fresh and wonderful foodstuffs. Yeah, bucket list stuff.

So how about that tasting note?

This wine is not from Puglia, it is an alluring Pigato from Liguria; please appease me.
I?ve had a checkered past with Pigato. God, how it was near on impossible to sell a white wine from Italy in 1983 in Texas. For sure, without a pretty label or a name someone could pronounce, or would want to pronounce, well, let?s just say it wasn?t easy sailing up that river.

Fortunately, in 30+ years the wine has sought and gathered wider acceptation. And that is a good thing. The first time I had this one from Durin, was in Liguria in 2007. That day with my friend Andrea Fassone at a little truck stop we had the most wonderful tiny piquant sausages in a fiery broth that only a Pigato can quell.

It resembles a steely, minerally, cold water out of a fountain in the school yard. The temperature that day is over 100?F and the first gasp of sweet fruit and then that steely, long, black dress that follows. Served (in 2019) with fresh trofie flown in from Italy, served with a pesto made from basilico that came from the garden.






written with images photographed (or reproduced) by Alfonso Cevola limited rights reserved On the Wine Trail in Italy
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[02/07/2019, 14:09] Finding your guide to natural wine
Assisi 1977
The wines of the natural world are something I do not take on lightly as a self-assigned subject of current interest.

As I see it, natural wine is not a meme, nor is it trending on Instagram in my life. It?s not a tweet or a Facebook rant, nor does it dominate every beat of my heart. It is part of my life, as it has been for 40+ years. It?s not a fad. It also isn?t a mania. It is interwoven as well as it can be, in this world of disruption that we find ourselves living in.

One of the reasons I was so interested in Birkenstock sandals, in 1976, was because I could go down to the local health food store and buy sole replacements for those sandals. I could repair my own shoes, not discard them when they wore out. It was a small step towards self-sustainability.

Near that store we had friends who raised chickens and we ate their eggs. A local dairy produced very nice raw milk and cheese products and we enjoyed them.

This article, which I wrote for the Dallas Morning News, is geared for folks, who live in my area, and are not in an inner cycle of knowledge or fashion. They might just be wanting some straight up info within their orb. It isn?t about ?the debate? about natural wine. It?s here. And it didn?t just arrive with the latest iPhone-carrying generation. And it isn't going away.


Article link HERE




wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[01/22/2019, 08:48] Nuovi orari in enoteca (ed altri cambiamenti)
Caro diario, le cose cambiano. Potrei scriverlo sulle reti sociali, potrei scriverlo su Linkedin dato che parlo di cambiamenti lavorativi - e lo far?. Ma adesso lo scrivo qui: cambiano alcune cose intorno al mio lavoro.

Sto cominciando una nuova attivit?. Faccio il rappresentante, il venditore - di vini, ovviamente, resto con la bevanda odorosa. Sto esaminando proposte, qualcuna l'ho gi? accettata, solo non avevo ancora detto ufficialmente che all change.

E siccome il cambiamento riguarda anche l'enoteca, l'enoteca rimane, ma ad un regime di apertura ridotto. Cambia l'orario, rester? aperta solo nel pomeriggio, dalle 16 alle 19,30.

TrackBack
[01/10/2019, 17:02] E adesso anche Genova Wine Festival. S?, sta arrivando una fiera del vino in citt
Il primo post dell'anno ? inevitabilmente in modalit? caro diario: in questi giorni di l? ma pure di qua, si preannuncia la cosa alla quale sto lavorando da tempo, assieme ad un gruppo nutrito (ci piace nutrirci, in effetti) di gente in gamba. Papille Clandestine e Intravino assieme, a Genova, preparano Genova Wine Festival, ed ecco fatto: vi annuncio che sta arrivando una fiera del vino in citt?, ed ? una cosa bella, grossa, nella quale stiamo mettendo il cuore e altre importanti frattaglie.

Dove: Palazzo Ducale, a Genova
Quando: sabato 2 e domenica 3 marzo
Questa ? la homepage
Questa ? la pagina Facebook
Questa ? la pagina dell'evento

Direi che per adesso basta, prendete appunti, e ovviamente ci vediamo l?. Sar? grandioso. Insomma s'? capito, ci tengo.
TrackBack
[12/31/2018, 18:45] Notizie che nessuno ti dir? mai: ? finito un altro anno
Adesso che ho spento le luci e chiuso le serrande, accendo l'ultimo sigaro in ufficio e metto in ordine le ultime carte. La sera del 31 dicembre in enoteca ? tutto rituale, resto qui a vedere che succede, e mi prendo il tempo per pensare a quel che ? successo. Potrei andare via prima - ogni anno mi dico, il 31 pomeriggio non lavoro, che diavolo. E poi ogni anno resto qui, accanto alla mia creatura fino all'ultimo - perch? questa ? la mia enoteca, una mia creatura.

Me ne vado sentendo una canzone che mi si ? infilata in testa, tratta dalla scena del film che vedete qua sotto. The ballad of Buster Scruggs ? uno strano western, e non c'? modo di raccontarlo senza spoilerare quindi siete avvisati. ? la scena di un finale di partita inaspettato, uno dei due pistoleri cade a terra morto e non doveva andare cos?. ? una sorpresa, brutta per quello che cade, brutta per chi guarda, e ti mette davanti per l'ennesima volta al fatto che ti devi aspettare l'inaspettato.

Soprattutto, non passer? molto tempo, e ti ritroverai (inaspettatamente) a cantare la tua ultima cowboy song.

Let me tell you, buddy
There's a faster gun
Coming over yonder
When tomorrow comes

Let me tell you, buddy
And it won't be long
Till you find yourself singing
Your last cowboy song

TrackBack
[12/27/2018, 10:50] Dieci assaggi memorabili. S?, ecco un classico post di fine anno
Si pu? finire l'anno in due modi: fare un bilancio degli eventi e buoni propositi per l'avvenire, oppure elencare dieci assaggi memorabili del 2018. A me quest'anno andava di gran lunga la numero due.

Anche la classifica dei dieci non ? esattamente una top ten di etichette - semmai ? un elenco di aziende interessanti, con magari un assaggio specifico che ha brillato pi? di altri. In fondo anche l'idea di classifica si smaterializza. Alcuni di questi vini li vendo, altri non li vendo perch? li ho esauriti, altri non li vendo perch? (ancora) non li ho comprati, e questo pi? che un disclaimer ? un fatto.

L'ordine non ? in base alla preferenza, ma in base a quanto velocemente mi sono tornati in mente, essendo io affezionato al famoso "la cultura ? ci? che resta nella memoria quando si ? dimenticato tutto" - che ho sempre opposto alle scene mute che facevo durante le interrogazioni a scuola, senza successo, ma siccome mi piace tiro sempre fuori la citazione.

1. San Cristoforo, Franciacorta 
? un po' che li tengo d'occhio, e il riassaggio del loro Brut, ma pure del finissimo millesimato, mi confermano l'idea di franciacortino di riferimento. Buoni, eleganti, di bella personalit?. Bravi insomma.

2. Andreas Berger, Alto Adige 
Ho notato che non esiste un vino di questa azienda (Thurnhof) che sia, semplicemente, sotto il livello dell'eccellenza. Potrei dire del loro Moscato secco (fermo) 2017, piccolo capolavoro, e farei un torto a tutti gli altri. Vabbe'. Per me cult.

3. Vis Amoris, Liguria 
Qui pi? che il loro Pigato, la sua derivazione metodo classico. Le bollicine in Liguria per me restano un fatto difficoltoso, qui invece ho cambiato idea all'istante. Esiste anche una versione sur lie, col fondo, insomma quella cosa l? ancestrale, ci siamo capiti. Ottimi livelli pure l?.

4. Garnier, Borgogna 
Durante l'ultimo corso avevo inserito il loro Chablis 1er Cru, e capirai, ? stato come vincere facile. Invece qui memorizzo il loro Pinot Noir Epineuil 2015, che ? - come dirlo in modo non riduttivo? un Borgogna base, ma io direi basilare. Fruttini accennati, stile e trama, godevole e succoso.

5. Tenuta Belvedere, Oltrep? Pavese 
Io credo che la Bonarda, quella frizzante, dovrebbe essere salvata dal destino di vino triste da supermercato. Ci riesce Gianluca Cabrini con questo 2016, un campione delizioso di piacevolezza bevibile, poi zero solfiti aggiunti che fa molto figo ultimamente.

6. Miotto, Veneto 
Tra tanti prosecco a rifermentazione naturale, con il doveroso tappo metallico e il fondo, questo Profondo si piazza fisso nella memoria, e nella voglia di berlo e riberlo - pure troppo, l'ho venduto tutto e a me non ne resta, ma che ho combinato? Accidenti a me.

7. Weingut Am Stein, Franconia (Germania)
Poi giuro la smetto con i rifermentati naturali, ma questo Pure & Naked, pet-nat (petillant, naturale), ? un capolavoro di memorabilit?, anzi vorrei riberlo circa domani (a trovarlo: assaggiato durante una fiera). Leggiadro come una piuma e nello stesso tempo col cipiglio germanico. Comunque lo struggimento ? tanto che gli dedico la foto del post.

8. Dettori, Sardegna
S? va bene il loro Chimbanta, va bene l'Ottomarzo, ma pure il Tenores. Io quest'anno memorizzo il Renosu bianco, un colpo al cuore di sale, mare, erbe aromatiche, ma che ci hai messo l? dentro? E questo sarebbe il loro bianco cadetto. Ma avercene.

9. Terre Bianche, Liguria
Cos'? che mi piace di pi? nel Rossese di Dolceaqua? ? perch? ? ligure? ? perch? ? teso e leggiadro? Sono le spezie, il marino, ? perch? ? un vino di montagna? ? perch? parte piano poi si svela alla grande, e quando credi di averlo compreso ? finita la bottiglia? Comunque parlavo del Rossese 2017.

10. Poderi Cellario, Piemonte 
C'? questa generazione di vini minimalisti, nella bottiglia da litro, col nome pure lui minimalista. Per esempio "? Rosso". E di pi? non chiedere, bevi e poche pippe. E noi wine blogger allora che dovremmo fare, bere e zitti? Ecco, non sempre: ? Rosso mi piace tanto. Va bene come rece minimalista?

Buon anno nuovo, e tutto quanto.
TrackBack
[10/29/2018, 15:52] I vini toscani


Quali sono i vitigni in Toscana?

La Toscana ? una zona famosa nel mondo per la sua produzione di vino, e di vini rossi in particolare con il 70% della produzione.
Il vitigno principale ? il Sangiovese con le sue varianti come il Canaiolo nero ed il Ciliegiolo. I vini classificati come supertuscans hanno portato l'integrazione ad altri vitigni a bacca nera internazionali, come il Pinot Nero, il Cabernet sauvignon, il Merlot e lo Syrah. 
Per quanto riguarda le uve bianche, la pi? diffusa ? il Trebbiano Toscano, seguito dalla Malvasia Bianca Lunga, la Vernaccia di San Gimignano e l?Ansonica. Anche lo Chardonnay, con cui producono vini bianchi spesso maturati in Barrique, ha una buona diffusione. 

Zone di produzione in Toscana

Il Chianti e Chianti Classico 
Comprende in tutto o in parte le province di: FirenzeSienaArezzoPisaPistoiaPrato
Vi sono diverse tipologie di Chianti, sette delle quali ricadono come sottozone all?interno della Chianti DOCG e sono i Colli Aretini, i Colli Senesi, i Colli Fiorentini, le Colline Pisane, RufinaMontalbano e Montespertoli, alla quali si aggiunge la DOCG Chianti Classico, prodotto nella zona pi? antica e tradizionale, dalla quale provengono i Chianti pi? celebri. 
I vini Chianti sono prodotti prevalentemente con Sangiovese e Canaiolo Nero,  oltre ad altre uve ammesse dal disciplinare come il Cabernet Sauvignon e Merloted una piccola parte di Malvasia Bianca e Trebbiano Toscano. 
Il Vino Nobile di Montepulciano
Una delle sei DOCG della Toscana, ? il Vino Nobile di Montepulciano prodotto con uva Prugnolo Gentile (ossia il Sangiovese Grosso), a cui si aggiunge del Canaiolo Nero e facoltativamente ed in minor misura il Mammolo ed il Colorino. 
Il Nobile di Montepulciano era noto gi? nel 1500 per la sua qualit?, ma fu negli anni '60 che si inizi? a riscoprire questo vino del territorio di Montepulciano, splendido borgo in provincia di Siena, ed inizi? un processo di recupero dell?immagine che ebbe il suo compimento nel 1980, quando al Vino Nobile di Montepulciano venne riconosciuta la certificazione di DOCG.
Il Brunello di Montalcino
Il Brunello di Montalcino ? sicuramente il vino Toscano pi? famoso, non solo in Italia ma in tutto il mondo. Il nome deriva dal nome dell'uva Sangiovese Grosso chiamata appunto Brunello, con cui viene prodotto. Fu ad opera di Ferruccio Biondi Santi, che avvenne la rinascita di questo vino ed il relativo successo e fama internazionale. Il Brunello di Montalcino, oggi riconosciuto come DOCG, viene prodotto con Sangiovese grosso in purezza e pu? essere immesso al consumo solo dopo 5 anni dalla vendemmia (6 per la riserva), con un periodo minimo di maturazione in botte di due anni. Oggi sono circa 250 le cantine che propongono il vino Brunello per una produzione di 6,5 milioni di bottiglie.
Le altre zone vinicole della Toscana
La Vernaccia di San Gimignano DOCG ? un vino bianco prodotto prodotto appunto con l?omonima uva. Il Morellino di Scansano, prodotto prevalentemente con uva Sangiovese, localmente detto Morellino. Il Vin Santo, prodotto anche in altre regioni d?Italia, in Toscana ? riconosciuto come DOC nelle denominazioni del Vin Santo del ChiantiVin Santo del Chianti Classico e Vin Santo di Montepulciano. Il Vin Santo Toscano viene prodotto con uve Trebbiano Toscano e Malvasia Bianca, ma esiste anche una versione rossa da uve Sangiovese, che prende il nome di Occhio di Pernice
La Carmignano DOCG si trova in provincia di Prato e produce esclusivamente vini rossi da uve Sangiovese, Canaiolo Nero, Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc.
Cosa sono i Supertuscans?
Supertuscans,  appartengono generalmente alla categoria IGT.
Supertuscans sono vini robusti e complessi prodotti in prevalenza con uve ?internazionali? quali Cabernet SauvignonMerlot e Pinot Nero, alle quali in alcuni si unisce il Sangiovese


TrackBack
[10/25/2018, 09:33] Smellier, cloudier, juicier, more acidic and generally truer
Leggo solo oggi questo vecchio pezzo di The Guardian, che parla di vini naturali - quasi fosse un wine blog, per attirare click. No vabbe' dai, sto scherzando, si capiva, s?? Guardian scrive di vini naturali a modo suo, e cio? in modo assai rilevante e quindi questa lunga, lunga lettura la mettiamo da parte, perch? ? un ritratto molto esauriente. Prendetevi il tempo per leggere tutto, se ancora vi mancava.

Guardian riesce anche a dire alla veloce cosa sia un vino naturale, e per questo l'ho adoperato per titolare il mio post: "they tend to be smellier, cloudier, juicier, more acidic and generally truer to the actual taste of grape than traditional wines". Notevole anche l'immagine, che riciclo - una cosa a met? tra lo steampunk e il disaster movie.
TrackBack
[10/20/2018, 07:05] Cose da fare a Genova (questo fine settimana)
Anzich? spiegare tanto, ecco che annuncia il Tg3 Liguria: ? di nuovo tempo di Genova Beer Festival, la meglio rassegna birraria della regione, ma che dico, del mondo - dove peraltro il quipresente vostro si accinge ad abbinare sigari (sul genere toscano) a birre, come da foto, nel laboratorio di domenica sera. Insomma, che aspetti, ci si vede l?, sabato sera e domenica all day long.

TrackBack
[09/04/2018, 07:01] Guide for Choosing a Good Dentist

If you have dental issues or complications, it is necessary that you find a good dentist who will take care of your needs. However, the issue is, there are many dentists the market today and settling for the best may be tricky. For this reason, you need to take time and find the?best dentist in Miami who will offer the type of services you require. Dentists have various types of services they offer. There are those who have specialized in a particular field while some are general dentists who deal with almost all dental issues. If you are looking for a dentist, here are quick factors that you can consider looking at so that you get the best dentist.

Check on Experience

First, when searching for a dentist to offer dental services to you, we recommend that you try checking out the experience of your prospective dentist. This is a crucial aspect to check on because the longer the experience, the more quality services the dentist will offer. A dentist who has been offering dental services for years will be well placed to handle your dental needs than one who has just started practicing. This is applicable because past experiences will help the dentist be in a position to handle and manage any dental complications.

Check on Specialization

Secondly, when you want to settle on the best dentist, it is essential that you first understand the kind of dental service you need. This will help you know the kind of dentist you need. Dentists have various services that they offer. Some offer specialized dental services, and that means you need to know exactly what you are seeking for.

Check on Training

With the increased need for dental services, some individuals will want to take advantage of that and start offering dental services but they are not qualified. Therefore, to avoid falling prey for such fake dentists, it?s essential that when searching for a dentist, you should check to know if the dentist is trained. The dentist should declare his or her qualifications and show you the documents which give evidence for that. This way, you will get dental services from dentists who have undergone proper training in dental health.

Consider the Reputation

When searching for a good dentist, it is also advisable that you consider knowing the reputation of your prospective dentist. You need to know how many successful cases of dental procedures the dentist has offered. Similarly, you need to know what people feel about the services that the dentist offers. This way, you will understand if the dentist will be suitable to offer dental services that you may need.…

TrackBack
[08/26/2018, 05:19] Six Hints to Choose the Best Drug Rehab Nj

Addiction to the drug can ruin your life. It reaches a point where you want to get rid of the addiction, but you cant that easily. If you are at this juncture, you should visit a respected and reliable drug rehab NJ. An excellent drug rehab center will help you to stay away from drug or alcohol addiction. The hints as discussed below will help you to decide the best drug rehab NJ for your recovery.

Licensing

Perhaps, this is the first issue that you should reconsider before determining a drug rehabilitation center. Facilities that don’t have valid licenses might not help you to recover fully. Lack of a valid license means that the facility that you are visiting is not recognized by the authorities and might be operating against the law. Stay away from rehabs without licenses as they will only rob you of your hard earned money.
?

Treatment Procedures

The treatment protocols used at a facility might raise or reduce your chances of recovery. For instance, you should find out whether your chosen facility provides detox together with other therapies and counseling. When you come across a drug rehab?that offers such treatment, then you will be on the right path to quick recovery. High-end facilities also offer yoga when they think its necessary.

Highly Qualified Staff

The level of experience of the employees working at the rehab center that you choose might impact negatively or positively on your recovery. If you decide to go for an inpatient facility make sure that that the staff are available around the clock. You should also check whether the staff are registered by the relevant authorities to confirm that they have the necessary experience.

High Patient Staff Ration

If you get admitted to a rehab center with few staffs, then you might not get the attention that you want. Rehab centers that have more doctors and nurses will give you the care that you need for quick recovery.

Aftercare Treatment

Once you are done with your rehabilitation program, it’s essential that you are closely monitored to reduce your odds of succumbing to drug abuse again. The aftercare you require varies depending on your requirements as well as the degree of addiction. However, it’s suggested that you see your doctor weekly or once in a fortnight after leaving the rehab center to chat about your progress and the difficulties that you might be encountering.

Pricing and Insurance

Most people don’t know that rehabilitation therapies can cost you a fortune. For this cause, you should find out how much the treatment will cost in advance to avoid nasty surprises. In most cases, expensive rehabilitation centers offer the best care. If you have a valid medical insurance policy, you should discover whether your chosen facility accepts it and how much it can cover.

If you are having an uphill task trying to get away from drugs, it’s better to get treatment sooner than later. You will come across a number of drug rehab NJ centers to pick from online and to make a sound decision keep the hints as explained above in mind.…

TrackBack