TagCloud:


Link to us:



  Blogs & Sites:



 






Mondo Di Vino
Mondo Di Vino





[06/18/2017, 23:09] Puglia's Rosé Conundrum - Through a Glass Darker
How is it a trait that a place is known for, even famous, shuns the quality in favor of fashion? It happens all the time - take a walk through Times Square and feast your eyes upon all that which is desirable. In the case of Puglia, today, the place has an identity crisis. And it centers around the color of their rosé wines.

Rosé wine is all the fashion today. And this is cause for celebration from those of us who never thought we?d see this day. From every nook and cranny of the wine producing universe, someone is bringing out another rosé. Germany, Spain, California, France, Texas, Argentina, Australia, Lebanon, yes Lebanon! Rosé wine is no longer this impossible dream of wine lovers, that someday we might find ourselves in a world where the pale red isn?t shunned.

I couldn?t be happier. But I also am concerned. I like deeply colored rosé wines and some of my favorite wines are starting to look pale and anemic.

?You are trying to be Brigitte Bardot when you are Claudia Cardinale!?


That is the mid-century mantra that roils my reverie. Negroamaro, Primitivo, Aglianico, Nero di Troia and Susumaniello, among others in Puglia, are deep red wines. This isn?t Sangiovese or Nebbiolo we?re dealing with. ?the strong sunshine, in addition to, in some parts, the heavy soil, produces strong, coarse wines,? so waxed Cyril Ray more than 50 years ago in his then groundbreaking tome, The Wines of Italy. Puglia winemaking has come a long way from that time when Ray indicted them as ?course wines, the reds used for blending and the whites as a base for vermouth.? Indeed, this could be a whole book, breaking things down to reds, whites, sparkling dessert and rosé wines.

When rosé wine first began to be exported from Puglia to the rest of the world (or at least, America) in the 1950?s, the producer Leone de Castris blazed that trail. A deep rosé at the time, called Five Roses, it carved out a niche in the American market in southern Italian eateries in New York, Chicago, Boston and San Francisco. But even now the wine has lightened up, as Ian D?Agata noted recently in Vinous, ?Bright pink; this is much lighter in color than previous vintages. Cedar graphite and fresh apple on the nose, then more complex on the palate with similar flavors to the aromas, but also hints of pear and blood orange. Very fresh and long on the finish.?

During the week I was in Puglia this month for Radici2017, we tasted through many rosé wines, and I noticed the trend towards lightening. How funny, the Italians pride themselves on getting out to the beach (or the pool) to bronze their bodies, but their wines they lighten up, as if a darker color is an embarrassment of sorts. I just don?t get it.

Actually I do. It?s the Provence envy thing. People see how Provence rosé sales are exploding and they want a piece of the pie. But there are rosé drinkers and there are rosé lovers. I?ll explain.

For the most part, there are folks who would just as soon drink a glass of Pinot Grigio or Chardonnay (or Moscato or White Zinfandel) than rosé. But these pale, onion skin rosés (ala Brigitte Bardot) are trending and fashionable. So they go with that. And producers ramp up production in order to catch that wave. But those of us who have been in this game for more than eight innings know those people follow the styles. Today it?s Provence rosé, yesterday it was Chardonnay. Tomorrow, who knows?

But there are those wine (and rosé) lovers for whom a delicate yet richly colored rosé wine is part of the flavor palette of those who value any number of wines ? from Bordeaux to Barolo to Verdicchio to Aligoté. And for that reason, some of us still long for a Negroamaro rosato that has a good summer tan (ala Claudia Cardinale). And that goes for Primitivo, Aglianico, Nero di Troia, Susumaniello along with most Italian rosatos (sans Bardolino Chiaretto). Why? Because that is part of their nature ? and aren?t we all a little in love with the natural these days? Or at the very least, that which is authentic?

In that way, when I see a bleached out (in color but also smelling a little of it as well) rosé from Aglianico, I?m disappointed. Just as I was when I sipped on a lighter-than-it-should?ve-been Cerasuolo of Montepulciano recently in the wine bar at Roma Termini.

Perfect example: I?m in an Adriatic seaside town, ordering lunch with a friend. They bring Orecchiette all'Arrabbiata. It?s 35°C outside in the noonday sun, and we?re seated inside, in a bright room, which although somewhat cool, is slightly balmy. A red wine won?t do; a white wine would if it was the only option. But a chilled bottle of deeply colored (and flavored) rosato is (and was) the perfect companion. You need the body and the color backs up that proposition that the wine have some ?stuff? to it ? not just filler for a trend-deprived diner looking to be seen as cool.

No, it?s more than ?being seen? as cool. In the Mediterranean, one actually needs a vehicle to cool the body down, but again, not as a pale rider. Some of us like the heft, the power and the punch that a darker rosé conveys.

So please, dear producers in Puglia ( and Basilicata, Sicily, Calabria, Campania, Sardegna, Abruzzo and so on..), please get over your Provence envy in regard to the color of your rosé and keep making what it is you became famous for. Follow not the trends. Never,ever, relinquish your bona fide path, on the wine trail in Italy.






wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[06/11/2017, 12:11] 40 Years - On the Wine Trail in Puglia
What a difference 14,520 days makes

It seems to be unimaginable for someone young today to digest a span of time like 40 years. And when older people, for whom time has stretched farther than one might like to admit, relate a long-past thing, for those who did not live in that time, in today?s Instagram-gratification culture, it?s insufferable. ?I didn?t live it, old, man. It doesn?t affect me.? Yeah, I get that. But it does - the wine we tasted then and the wine you are now enjoying - they are universes apart. And it is important to know what happened, and how we got here, so that you can better enjoy your Nero di Troia, or your Negroamaro Bianco or your Susumaniello rosato.


September 8, 1977 ? My first encounter with Puglia. The summer season was over, people were returning to the cities, abandoning the beaches. Puglia was a deserted island of a place. It was still warm - the mosquitoes had not left - they were still munching from the all-day buffet of those who had remained behind to work the vineyard and olive orchards. Or for those few tourists, who were walking along the road from Fasano to Locorotondo.

Puglia wasn?t pristine, but it was unspoiled by commercial tourism. You could go anywhere, without crowds, without danger of getting hit by people driving while talking on their cellphones. Alberobello was a quiet, little sleepy town with funny buildings, not a huckster?s dreamscape. It was a safer place. And it was a more innocent time. But the wines? They were simple if not a bit feral.


A stop on the outskirts of Locorotondo, where a small winery, a Cantine Sociale, would fill up a liter bottle for the equivalent of $.50 a bottle. Good enough, serviceable, definitely wine, if it lacked for pizazz. But it was cheap and cheerful enough. Touring Italy on $17.00 a day, all expenses, it was a bargain.

Later, when I returned to the U.S. and immersed myself in the wine trade, the wines from Puglia started coming into our little warehouse. One I remember, a 1979 Salice Salentino from Barone Malfatti, was a large, lumbering bear of a wine. Unfiltered, it possessed a sort of animale nature, one that naturalistas today would love, for it was grapes into wine with nothing in between. And it aged well enough for 5-10 years, before it bricked out and lost its deep, dark tan.

Really my love with Puglia came in the early 1980?s, when I worked with Nicola Savino, who was a young chef from Conversano, and he had come to Dallas to cook in an Italian restaurant, La Tosca. Nicola was (and still is) an amazing palate. He first showed me how the food of Puglia dovetailed with the wines. And then subsequent trips, too many to remember, continued to reinforce that notion.


Ah, so it was about the food? If you haven?t been to Puglia, then you have only to step onto this land and become born again with the conviction that wine is food, which in Puglia is to orbit around a marvelous microcosm.

It was really up to the winemakers in Puglia to catch up to the food. Cracking the code in Puglia is not something one can do in a week. This is a large (and long) region. It is, for me, one of the most mystifying in Italy, because one might want to think, at first blush, that one ?gets? Puglia. Hey, it?s all there, the sun, the sea, the forests, the fields, the produce, the seafood, the pasta, the meat, the oil, ah yes, the oil. But that is not only what Puglia is.

This region is an island by virtue of its size. Not an island like Sicily, or Sardegna, but a landlocked landmass that admits not just anyone. Oh yes, you can arrive to there, and walk and drive and swim and sleep and eat and love your experience. But to enter the deep caverns, to discover what lies under the surface, that is not for the weekend wanderer. This is just arriving to me, after 40 years, an inkling of what Puglia really represents to Italy. It is not a heel; it is a cultural anchor, a mooring, a support, to keep the peninsula in balance with the world that swirls all around it.


This is a revelation to me. That Puglia is the reliable relative, one you can go to for clarity, for understanding, for reassurance. Here, there will always be the prima materia that we look to Italy for.

After I left Puglia, this time, I flew to Rome to catch my flight back to America. A day in Rome. Walking, camera in hand, looking for that place where I first was dropped into this minestrone that I have been guzzling all my adult life. I didn?t want to go, didn't want to leave Puglia. My friend Nicola Savino told me one of the reasons he came back to Puglia and Conversano, was because he ?missed the smell of the place.? A chef, leaving behind a career, fame, money ? in America ? because he longed for the macchia of his motherland. That?s a chef to follow and flock to, people. That?s someone who gets Puglia. I can only aspire to hear and breathe and see that wavelength.

So there I?ve gone and heaved all over this page with nary a word about the wines and how many giant steps they have taken in those 40 years. Yes, with not one tasting note, not a crumb. Mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa.


It will just have to linger for that inescapable occasion?.





wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[06/09/2017, 22:05] Cartoline dalla Cena di Gala di Io Bevo Così 2017 @ L?altro Griso ? Malgrate (LC)

Domenica 21 Maggio si è tenuta la cena di gala della manifestazione Io Bevo Così ospitata anche quest’anno dal ristorante L?Altro Griso di Malgrate (LC), alla quale hanno preso parte circa 130 persone. La cena, che ha visto alternarsi ai fornelli ben 6 chef, tra stellati Michelin e giovani emergenti, si è aperta con uno splendido aperitivo sulla terrazza del locale, dalla quale si apprezza un’impareggiabile vista sul Lago di Lecco e la città. Il percorso è stato inaugurato da Cristiano Gramegna, chef dell?Osteria Rosso di Sera, che ha preparato la Trota marinata, mela verde, cetriolo, rafano e lime; a seguire Silvio Salmoiraghi, una stella Michelin al Ristorante Acquerello, ha stimolato i palati degli ospiti con L’insalata di pasta alla milanese. Lo chef resident Denis Ambruoso ha proposto il suo omaggio al territorio con il Risotto Riserva San Massimo alla melanzana affumicata, borroeuola di ?Pinuccio?, gelato al caprino di Pasturo e bottarga di lago; mentre Paolo Lopriore, chef del Ristorante Il Portico, ha incuriosito i partecipanti con le Polpette di agone con mayonese al carpione leggero, insalata di luppolo e menta. Marco Viganò, lo chef italiano del Ristorante Aux Anges, che l’anno scorso ha ottenuto il riconoscimento della stella Michelin in Francia, ha presentato Le Lapin du terroir dans un autre territoire. Il dolce è stato preparato da Luca Andrè, chef del Soul Kitchen Vegan & Raw Restaurant, che con Semplicemente fragola ha fatto divertire gli ospiti declinando il frutto in 10 consistenze diverse. Ovviamente i vini che hanno accompagnato il percorso sono stati selezionati da Io Bevo Così.

Sala e mise en place

In attesa della cena, aperitivo in terrazza con vista sulla città di Lecco e il Lago

Metodo ancestrale di Pinot nero brut 36 mesi sui lieviti vendemmia 2012 – Castello di Stefanago

Alcuni dei protagonisti di questi due giorni di manifestazione

Anche la brigata di cucina brinda a questa serata

Ci accomodiamo ai tavoli

VG, affiancato dagli organizzatori della manifestazione Andrea Sala e Andrea Pesce, presenta la serata

Un brindisi e si comincia

Acqua Lauretana partner della serata

Cristiano Gramegna ci raggiunge in sala per presentare il suo piatto

Piattooo!!!

Trota marinata, mela verde, cetriolo, rafano e lime by Cristiano Gramegna chef dell’Osteria Rosso di Sera

SabbiaGialla Igt Ravenna Bianco 2015 Magnum – Cantina San Biagio Vecchio

Qualche altro brindisi….

Silvio Salmoiraghi, una stella Michelin, è al lavoro con la sua squadra

Ed eccolo in sala che presenta il suo piatto con VG

L’insalata di pasta alla milanese by Silvio Salmoiraghi, chef del Ristorante Acquerello

Lo chef resident Denis Ambruoso presenta il suo piatto

Risotto Riserva San Massimo alla melanzana affumicata, borroeula di ?Pinuccio?, gelato al caprino di Pasturo e bottarga di lago by Denis Ambruoso, chef del Ristorante L’altro Griso

È arrivato il momento della presentazione del piatto di Paolo Lopriore

Polpette di agone con mayonese al carpione leggero, insalata di luppolo e menta by Paolo Lopriore, chef del Ristorante Il Portico

Antelio Igt Rosso 2015 – Camerlengo

In cucina procedono le preparazioni delle prossime portate…

Marco Viganò, una stella Michelin in Francia, presenta il suo piatto

Le Lapin du terroir dans un autre territoire by Marco Viganò, chef del Ristorante Aux Anges

Sanrosè rosato dell’Emilia Igt – Terraquila

La squadra di Luca Andrè ultima i dessert

Luca introduce il suo piatto

Semplicemente fragola by Luca Andrè, chef del Soul Kitchen Vegan & Raw Restaurant 

Caffè

Viaggiatore Gourmet

L?altro Griso
23864 Malgrate (LC)
Strada Provinciale, 51
Tel. 0341 239 8721
Email: ristorante@griso.info
Sito internet: www.griso.info

TrackBack
[06/09/2017, 09:00] Cartolina dal 662mo Meeting VG @ Trussardi alla Scala Il Ristorante ? Milano ? Chef Roberto Conti

Insieme agli Amici Gourmet siamo andati a trovare Roberto Conti in quello che ormai da due anni è diventato il laboratorio dove lo chef della Lomellina dà libera espressione alla sua ricerca culinaria, il Ristorante Trussardi alla Scala. La piazza è quella del teatro forse più celebre d’Italia e la location scelta per il ristorante gourmet della Maison di moda del Levriero, con i suoi interni eleganti, i piatti dorati e l?essenzialità degli arredi interni, ricordano i volteggi sinuosi e leggeri di una ballerina sul palcoscenico. I piatti di Conti conservano le tracce delle sue esperienze passate: la profonda conoscenza del mondo vegetale di Leemann, la pulizia nel piatto di Berton, l?audace contemporaneità di Taglienti? Degli anni della formazione Conti ha trattenuto tutto e oggi trova posto accanto ai suoi maestri con una voce propria, unica, personale, e soprattutto nuova, come solo i migliori allievi sanno fare. Nessun schizofrenico copia-incolla, nessun noioso dejà vu, Conti ha ben chiara la direzione da seguire e continua sicuro per la sua strada, forte della sintonia di pensiero con il Restaurant Manager Luca Cinacchi, che dà continuità alla filosofia culinaria di Conti traducendola nella gestione della sala.

Archivio storico reportage:

-> Meeting del 13 Maggio 2015
-> Presentazione dei prodotti Selezione esclusiva Trussardi
-> Reportage del 31 Maggio 2016
-> Reportage del 31 Ottobre 2016

La squadra

Chef: Roberto Conti
Sous chef: Tephsi Rigels
Restaurant Manager: Luca Cinacchi
Maître: Carlo Tinelli

Sala e mise en place

Il nostro menù personalizzato

Abbinamento Vini
Nei meeting utilizziamo i vini messi a disposizione dai nostri Partner.

22 Artesian Water, La rioja ? Distribuita da Compagnia dei Caraibi

Aperitivo

Franciacorta Brut 2010 Teatro della Scala Magnum ? Bellavista

Brindiamo a questa serata!

Il benvenuto della cucina

Crema di Caciotta Kremina Inalpi alla brace e fungo cardoncello

Pane, burro Inalpi e acciughe del Cantabrico

Pane

Tipologie di pane: pan patata, baguette integrale, pane in cassetta al pomodoro, focaccia, grissini.

Burro Inalpi alle erbe salato

Franciacorta ?61 Nature Docg 2009 ? Berlucchi

Sbriciamo in cucina dove lo chef è all’opera per la prima portata del percorso

Piattoooo!!!

Gambero, pisello, menta e liquirizia

Porro e Lapsang Souchong

King Crab e mayo al Wisky

Langhe Chardonnay Vigneto Morino 2011 ? Beni di Batasiolo

Astice alla plancia con zuppa di pesce

Vitella tonnata

Oyster 110 Campania Greco 2013 ? Joaquin

Spaghetto freddo, zabaione di pomodoro giallo, burrata e scampi

Lo chef alle prese con l’impiattamento della prossima portata preparata in Pentola d?Oro Baldassarre Agnelli

Riso al limone, ostrica e caviale

Sogliola alla mugnaia

San Pietro con Zucchine trombetta e chinotto

Luca Cinacchi, restaurant manager, si occupa del servizio del prossimo vino

Chianti Classico Riserva 2005 – Capannelle

Coscia di agnello al barbecue

Acqui Passito di Brachetto 2015 ? Vini Passiti Bragagnolo

Rabarbaro e cheesecake

Zuppa di cioccolato al pepe, pan di spezie e lampone

Coccole finali

Tipologie di piccola pasticceria: macaron basilico e limone, tartufino al cioccolato bianco e lamponi, marshmallow all?anice, bignè al cioccolato.

Gin tonic “defaticante”

Gin Mare & 1724 Tonic  Water – Distribuito da Compagnia dei Caraibi

VG con lo chef Roberto Conti

Un grande GRAZIE a tutti!

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della 662esima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Trussardi alla Scala Il Ristorante
20121 Milano (MI)
Piazza della Scala, 5
Tel. 0280688201
Chiuso sabato a pranzo e domenica
E-mail: ristorante@trussardiallascala.com
Sito internet: www.trussardiallascala.com

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:

www.altissimoceto.it/meeting-eventi/

Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 8 tre stelle, dei 41 due stelle e da una buona parte dei 294 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i più prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

TrackBack
[06/07/2017, 22:05] Hotel Principe Forte dei Marmi ? Forte dei Marmi (LU) ? GM Cristina Vascellari, Chef Valentino Cassanelli

I lidi versiliesi erano e restano una delle destinazioni di mare più ambite per il turismo di alta gamma. Non si contano i nomi delle personalità internazionali dello spettacolo e della cultura che hanno scelto proprio le spiagge della Versilia per trascorrervi le loro vacanze: Versilia è sinonimo di esclusività, lusso, agiatezza, insomma, un indirizzo immancabile nelle agende della ?gente che conta?. La cittadina di Forte dei Marmi raccoglie l?eredità di quest’area e la concentra, esprimendola all’ennesima potenza: il centro è tutto un susseguirsi di boutique di alta moda e in un tale contesto anche l?accoglienza non poteva che raggiungere livelli altissimi. E? il caso del Principe Forte dei Marmi, il boutique hotel diretto da Monica Vascellari più volte scelto da VG per le sue trasferte nella zona. La realizzazione dell?hotel ha coinvolto i principali interpreti del mondo del design italiano, non vi è dettaglio nelle 28 camere e 15 suite che non sia stato pensato e voluto, l?obiettivo è l?eccellenza, senza compromessi. La Wellness SPA Egoista, la piscina a sfioro, il beach club Bagno Dalmazia, tutto in questo hotel parla il linguaggio del tanto ammirato Italian Style. L?offerta ristorativa non è da meno, coordinata da due giovani professionisti – Valentino Cassanelli in cucina e Sokol Ndreko in sala ? che insieme guidano il Lux Lucis, ristorante gourmet dell?hotel.

Archivio storico reportage:

-> Reportage Hotel dell?11 Marzo 2014
-> Reportage Ristorante del 12 Marzo 2014
-> Reportage del 5 Luglio 2016
-> Meeting del 23 Settembre 2016

La Hall

La piscina 

La Wellness SPA Egoista 

Il bagno Dalmazia

Le attività e i servizi proposti dall’hotel

Il ristorante sulla spiaggia

Le cabine

La camera di VG

Il salotto

Il benvenuto dell’hotel

La tv personalizzata

Il mini bar

La sala da bagno

Le amenities

Il buffet della colazione

I lievitati dolci

Frutta secca, essiccata e composte

La frutta fresca

Gli ortaggi

Colazione a bordo piscina

Principe Perfect Scramble con tartufo

Pancake con banana, frutti di bosco, fragole e gelato alla vaniglia

Pranzo al Ristorante Principe&Bar

Sala e mise en place

Menù

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

Il sommelier e restaurant manager Sokol Ndreko 

Champagne Cumières Premier Brut – Georges Laval

Pane

Tipologie di pane: ai cereali della Garfagnana, bianco a lievitazione naturale, grissini all’olio EVO.

Piattooo!

Sashimi di spigola con insalatina di germogli, rucola e sesamo

Scampi reali del Tirreno su vellutata di fagioli schiaccioni al rosmarino

Spaghettino alle vongole con peperoni arrostiti e menta

Linguine ai frutti di mare e basilico

Gallinella in guazzetto con asparagi allo yuzu

Cotoletta di rombo alla milanese con insalata di indivia al balsamico

Caffè Vergnano Selezione Principe Forte dei Marmi e biscotti

Ci spostiamo in terrazza

Gin tonic by Sokol Ndreko

Il Principe di Forte dei Marmi non ha certo bisogno di conferme: a garantire il suo posto nelle vette delle classifiche internazionali, come la prestigiosa Leading Hotels of the World, è la squadra dell?hotel, che Cristina Vascellari dirige con grande professionalità e passione. Un polo d?eccellenza dell?ospitalità italiana.

Viaggiatore Gourmet

Hotel Principe Forte dei Marmi
55042 Forte dei Marmi (LU)
Viale Amm. Morin 67
Tel. (+39) 0584 783636
E-mail: info@principefortedeimarmi.com
Sito internet: www.principefortedeimarmi.com

TrackBack
[06/06/2017, 22:05] Piccolo Lago ? Mergozzo (VB) ? Chef/Patron Marco Sacco

A guardarlo negli occhi Marco Sacco sembra ancora un ragazzino: mentre parla dei suoi piatti e delle sue riflessioni sulla cucina italiana il suo sguardo conserva quell?entusiasmo contagioso di chi, a dispetto dei capelli bianchi e del tempo che passa, di voglia di fare ne ha ancora parecchia. Dopo 43 anni trascorsi dietro ai fornelli del Piccolo Lago, il suo ristorante sulle sponde del lago di Mergozzo, Marco Sacco è diventato un vero e proprio narratore gastronomico: i piatti del suo menù raccontano una storia, anzi tante storie, la sua e quella di tutte le persone che in questi anni sono passate dal Piccolo Lago, lasciando il proprio segno, piccolo o grande che fosse. Nessun menù à la carte, dunque, ma solo degustazioni ? quattro, per la precisione – che con un linguaggio fatto di materia prima e territorio, ricerca e memoria, accompagnano gli ospiti del ristorante alla scoperta del Piccolo Lago e del suo universo.

Archivio storico reportage:

-> Reportage del 24 giugno 2006
-> Reportage del 14 ottobre 2006
-> Reportage del 31 luglio 2008
-> Reportage del 10 dicembre 2010
-> Meeting del 4 maggio 2011
-> Meeting del 7 dicembre 2011
-> Meeting del 23 maggio 2012
-> Meeting del 5 dicembre 2012
-> Meeting dell?8 maggio 2013
-> Meeting del 4 dicembre 2013
-> Meeting del 13 giugno 2015
-> Reportage del 24 marzo 2016
-> Meeting del 26 giugno 2016

Il borsino delle guide cartacee 2017
Michelin assegna due stelle e tre coperti (nel 2016 )
Espresso assegna un cappello (nel 2016 altro sistema di valutazione)
Gambero Rosso assegna 88 – cucina 51 (nel 2016 87)

La squadra

Lo staff in cucina

Chef/Patron: Marco Sacco
Sous chef: Marco Rispo, Silvestro Zanella

Lo staff in sala

Patron: Raffaella Marchetti
General manager: Monica Colla
Maître: Marco Franzese
Sommelier: Alessandro Mantovani, Sayaka Anzai

L’ingresso

Il personale di sala pronto ad accoglierci

Sala e mise en place

Il tavolo di VG

Primo piano dello chef Marco Sacco, venuto ad accoglierci in sala

Dietro le quinte

Menu

Riportiamo, come sempre, i menu degustazione.

Le degustazioni

Curioso ma? non troppo ? 105

5 storie

Già che ci siamo ? 130

8 uscite

Mi tuffo dentro ? 150

11 opere

10 anni 10 piatti ? 140

10 piatti

In cucina con Marco ? 220

23 assaggi, servito al tavolo nello spazio tra cucina e sala, che consente di vivere la preparazione dei piatti al fianco di Marco Sacco.

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

Il sommelier Alessandro Mantovani ci serve la bollicina che apre la nostra degustazione

Champagne Royale Réserve Non Dosé Piccolo Lago – Philipponnat

Il primo brindisi con lo chef

Aperitivo

La cottura della schiacciatina sulla griglia

La tradizionale schiacciatina con Prosciutto 42 della Val Vigezzo

Tipologie di stuzzichini: tarteletta al Parmigiano, curry rosso e mandorle tostate; gelatina Ace con polvere di finocchietto; tapioca soffiata, maionese al cocco e zafferano; pan brioche alla brace e mousse di fegato di capretto.

Il servizio al tavolo di Andrea Valle

Pane

Tipologie di pane: di segale a lievitazione naturale, gissini all?olio, cracker alla brace con olio alle erbe e fiocchi di sale; servito con burro di montagna dell?Alpe Veglia.

Piattooo!

Missultin e Sarde

Sandwich di pane integrale e sarde, maionese di missultin, gel di aceto di vino rosso invecchiato e cress di liquirizia.

Verdeca Valle d?Itria igt 2016 ? Masseria Li Veli

Il coniglio e la carota

Sfilacciato di tonno di coniglio grigio di Carmagnola, spirale di pastinaca, gelatina di Marendry, ciccioli di spalla di coniglio, tarassaco.

Grue Derthona Colli Tortonesi Timorasso doc? Pomodolce

Via con la prossima…

La presentazione del piatto

Lingotto del Mergozzo

Trota Marmorata affumicata, pane all?aceto balsamico, aceto di lamponi e fiori di campo.

Cuore e Cervello

Cuore di vitella a bassa temperatura, cervello di vitella impanato con farina di canapa, crema di cavolfiore al latte, cuore di cavolfiore grigliato, aceto di mele e fave.

Schieferterrassen 2015 ? Heymann Löwenstein

Rigatone dei Sibillini, Caviale Volzhenka e formaggio vaccino fresco

Il sous chef Marco Rispo ci presenta la portata successiva

Riso Persico

Carnaroli Riso Buono La Mondina, persico al burro di montagna e salvia, polvere di peperoni cruschi, cipolla acida e capperi disidratati.

Cuvée Numéro 1 Borgogna 2013 ? Dominique Laurent

Pasta e fagioli a modo mio

Crema di fagioli borlotti, disco di pasta bianca, pomodori del Piennolo, sedano e olio al rosmarino.

Dum-Plin

“Dum plin” ripieni di salsiccia di Bra e crema di verza, salsa di gamberi secchi, gel di aceto di riso e salsa ostrica, polvere di gambero.

Bricco del Bosco Grignolino Vigne Vecchie 2012 – Accornero

Il Luccio e La Lasagna? e poi mi piaci tu!

Roll di luccio farcito con mantecato di luccio, crema di lasagna, cavolo rapa bruciato e polvere di pistacchio.

Boca 2012 – Le Piane

Il sous chef Marco Rispo finisce al tavolo la prossima portata

La trota, capo di crescione e ribes fermentato

Trancio di trota cotto a bassa temperatura, campo di crescione, uova di trota, ribes fermentato, asparagi, germoglio di piselli e salsa al ribes.

Pinot Noix Ardoise 2011 ?  Daniel Twardowski

L?anatra, verzini e aceto di datteri

Petto d?anatra affumicato, coscia grigliata, verzini, salsa di lattuga, aceto di datteri e ocra grigliata.

La barbabietola

Pralina cioccolato e rapa rossa, granita di barbabietola, ricotta di capra, crumble di barbabietola e yogurt.

Anthos Vino Rosso da uve appassite ? Matteo Correggia

Scrat e la ghianda

Nocciola e nocciola, biscotto di riso e pepe del Sichuan, crema di finocchio e sambuca, neve di nocciola e finocchietto fresco.

Caffè e coccole finali

Caffè Nespresso

Tipologie di piccola pasticceria: torta di castagne, diamantini al cacao, ricciarielli, lollypop alla nocciola e vari cioccolati, macaron al pistacchio, gelatina ai frutti esotici e menta, cioccolatini al lampone, alla fava di Tonka e pera, al caramello salato.

Gran finale!

Alessandro Mantovani ci prepara un Gin&Tonic defaticante

Golden Moon Gin – Golden Moon Distillery

Cin cin!

Cucina

Non corre certo il rischio di sedersi sugli allori Marco Sacco che, con due stelle Michelin riconfermate per dieci anni consecutivi, ogni anno sfila dal suo cappello di prestigiatore una nuova idea o un nuovo progetto gastronomico. Ragione e sentimento, li chiamava Jane Austen nell’Inghilterra di inizio Ottocento, cuore e cervello li definisce Sacco: cambiano i termini, ma non i due poli fondamentali che insieme costituiscono la chiave del giusto equilibrio, in cucina come nella vita. Un concetto cui Sacco è talmente legato da farci un piatto, dove il cuore e il cervello sono di vitella e vengono accompagnati da una crema di cavolfiore e radicchio trevigiano.

Servizio e accoglienza

Il dolce sorriso di Raffaella, la padrona di casa, mette in chiaro sin da subito che al di là delle due stelle la gestione Piccolo Lago è rimasto un affare ?di famiglia?: l?atmosfera distesa e rilassata che si respira passeggiando sulle rive del lago di Mergozzo è la stessa che si trova all’interno del ristorante, così come il sorriso di Raffaella è lo stesso che accende i volti dei ragazzi della brigata di sala. Tra questi alcuni sono diventati ormai parte della famiglia del Piccolo Lago, come Alessandro Mantovani, sommelier appassionato e incontentabile, cui affidarsi in totale tranquillità alla scoperta della cantina del ristorante, profonda e vasta quanto le acque del lago.

Conclusioni

Lago e ristorante sono un tutt’uno: le pareti a vetrata e la struttura stessa del locale, proteso verso l?acqua, sanciscono un sodalizio che si ritrova anche in cucina, dove il pesce di lago e i prodotti della cucina ossolana la fanno da padrone. Lontano da ?esotismi? forzati e mode orientaleggianti, Marco Sacco affonda le radici nella sua terra e lancia una sfida che sa di rivoluzione, portando il mondo al Piccolo Lago.

Viaggiatore Gourmet

Ristorante Piccolo Lago
28924 Verbania (VB)
Via Filippo Turati, 87
Tel. (+39) 0323 586792
Aperto tutte le sere da martedì a domenica, sabato e domenica anche a pranzo
E-mail: info@piccololago.it
Sito internet: www.piccololago.it

TrackBack
[06/05/2017, 22:05] Grand Hotel Quisisana e Ristorante Rendez-Vous ? Capri (NA) ? Patron Fam. Morgano, GM Adalberto Cuomo, Chef Stefano Mazzone

Chiunque abbia avuto la fortuna di visitare l?isola di Capri, poco più di 10 chilometri quadrati di perfezione tutta italiana, è concorde nell’affermare che questo pezzetto di terra a largo della costiera sorrentina ha qualcosa di magico, quasi sacro. E soggiornarvi implica inevitabilmente che vi si compiano i riti iscritti ormai da secoli nella sua storia, come la visita agli splendidi faraglioni, l?aperitivo nella celeberrima Piazzetta o ancora la passeggiata per via Camerelle, l?equivalente caprese della milanese via Montenapoleone. E proprio in questa via, nella luccicante sfilata d?insegne delle boutique di lusso e delle grandi firme della moda internazionale, Grand Hotel Quisisana, il 5 stelle luxury della famiglia Morgano, compare in tutta la sua eleganza, calamitando lo sguardo dei passanti con la scritta dorata che sovrasta l?ingresso. È sufficiente varcare la soglia per capire che all’interno del Quisisana il mondo scorre con un altro ritmo, all’insegna di quello stile di vita che l?estero tanto ci invidia e che negli anni ha contribuito a costruire l?aura di fascino e ammirazione che circonda la nomea di Capri e di questo hotel. Ai suoi privilegiati ospiti non resta che scegliere tra un pranzo informale a bordo piscina a La Colombaia o una cena gourmet al Rendez-Vous, un aperitivo con i cocktail d?autore del QuisiBar o con una flute di champagne alla Krug Lounge in terrazza, godendosi l?atmosfera seducente di una delle isole più belle del mondo.

Archivio storico reportage:

-> Reportage Hotel del 22 Aprile 2014
-> Reportage Ristorante del 23 Aprile 2014

Il borsino delle guide cartacee 2017
Michelin assegna 5 casette all’hotel e il piatto e tre coperti al ristorante (nel 2016 due coperti)
Espresso assegna un cappello (nel 2016 altro sistema di valutazione)
Gambero Rosso assegna 83 – cucina 50 (nel 2016 non segnalato)

Lo staff dell?hotel

General Manager: Nicolino Morgano, Adalberto Cuomo; F&B: Aldo D?Errico; Bar Manager: Raffaele Ruggiero; Capo Ricevimento: Antonio D?Alisa; Chef Concierge: Mario Romano; SPA Manager: Rosaria Ascione; Housekeeping: Martina Casu; Director Sales & Marketing: Gianluca Salvia

La squadra al Ristorante Rendez-Vous

Executive Chef: Stefano Mazzone; Executive Sous Chef: Aniello Siano; Sous Chef: Salvatore Sabatino; Pastry Chef: Jim Hutchison; Maître: Salvatore Perfetto, Giuseppe Mironi; Sommelier: Aldo D?Errico; Chef de rang: Giovanni Mazzarella

L’ingresso

La vista

Il parco e la piscina

La Hall

La QuisiBeauty&SPA

Piscina coperta, bagno turco, il salone di bellezza e gli esclusivi trattamenti firmati Germaine de Capuccini e Cinq Mondes. I servizi e le strutture della QuisiBeauty&SPA la rendono un vero e proprio tempio del benessere, uno degli indirizzi più esclusivi d?Europa. In linea con la sua iniziale vocazione di sanatorio, il Grand Hotel Quisisana ha preservato una particolare attenzione alla cura del corpo e al benessere dell?individuo, portandola però ai massimi livelli, tanto per la qualità del servizio quanto per l?utilizzo di tecnologie all’avanguardia.

Risorse download:

– > Il listino e i trattamenti della SPA

L’ingresso

Lo staff al ricevimento del Quisi Beauty

La piscina coperta

Il calidarium

La sala massaggi

Il salone di bellezza

La palestra

Le camere

147 tra camere e suite, con vista sul parco, sulla Piazzetta o sulle mille tonalità del mare di Capri, dal celeste al lapislazzuli, sino al blu della linea dell?orizzonte, che lo separa dal cielo. Il bianco è il colore predominante, alle pareti e negli arredi, una scelta voluta per valorizzare il tripudio di colori dell?isola, incorniciato dalle ampie finestre delle camere.

Le tariffe delle camere variano dai ? 320,00 agli ? 800 per le camere e dai ? 670 ai ? 990 per le Junior Suite. Le tariffe delle Suite con terrazza vista mare o sul terrazzo sono disponibili su richiesta.

Il salotto

La macchina del caffè Lavazza e le sue cialde 

Il mini bar

La camera da letto

Il benvenuto dell’hotel

La terrazza

La sala da bagno

La vasca idromassaggio

Aperitivo al Quisi Bar

I nostri cocktail: Princess Quisi a base di fragoline di bosco in infusione e champagne

Tipologie di stuzzichini: ostriche Gillardeau 000, tartare di manzo panato, acciughe affumicate, tartelletta con mantecato di fresella e astice, ciliegine di bufala e affumicate, polpette di melanzane, frittata di bucatini, arancinette di riso.

Ci spostiamo al Ristorante Rendez-Vous per la cena e ad accoglierci c’è lo chef Stefano Mazzone

Menu

Riportiamo, come sempre, il menu degustazione e quello alla carta.

Menù Primavera ? 90/ 3 portate a scelta ? 60

Carciofi al prezzemolo
Spaghetti aglio e olio e peperoncino, capperi, olive, broccoli e acciughe
Gamberoni alla plancia e biete
Agnello Laticauda, cacio, uova e piselli
Dessert

La carta

Antipasti

Parmigiana di cipollotto nocerino ? 22
Carciofi al prezzemolo ? 22
Uovo primavera ? 22
Ravioli capresi ? 25
Cipolla al sale, tortellini di pecorino Laticauda ? 29
Alici abbottonate di scarole, scarole abbottonate di alici ? 22
Antipasto all?italiana, focaccia ? 22
Crudo di ventresca di tonno, cacio, pepe e fave, tarallo ? 32
Salmone upstream, caviale italiano Calvisus Tradition ? 38
O per o muss, insalata di rape rosse e tartufo nero ? 28

Primi

Risotto alla brace, seppioline nere ? 32
Stracci di pasta verde gratinati come una lasagna napoletana ? 29
Spaghetti aglio e olio e peperoncino, capperi, olive, broccoli e acciughe ? 28
O rraù con i paccheri in piedi ? 22

Secondi

Rana pescatrice in porchetta, fagioli di Controne, guanciale e crescione di fiume ? 38
Baccalà alla napoletana ? 36
Gamberoni alla plancia e biete ? 48
Pesce spada panato, agretto di pomodorini e maionese leggera all?origano ? 42
Pollo ruspante al limone caprese
Caesar salad (2 persone) ? 72
Maialino nero casertano, friarielli ? 34
Quaglia rossini, babà ? 32
Filetto di manzo Kagoshima al pepe, purè di patate (110 g o 180 g) ? 80/120
Agnello Laticauda, cacio, uova e piselli ? 34

Formaggi

Provolone del Monaco ? 15
Pecorino Moliterno ? 15
Pecorino Laticauda ? 15
Pecorino Carmasciano ? 15

Dolci

Babà con gelato alla crema rum e uvette ? 16
Soufflé al cioccolato
Gelato alla vaniglia ? 18
Pere sciroppate, ricotta e noci ? 16
Riso al latte di bufala, gelato alle fragole ? 16
A tazzulella e cafè ? 16

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

Cominciamo con le bollicine

Champagne Brut ? Laurent-Perrier

Il servizio del pane

Pane

Tipologie di pane: topolino, croissant al sale, babà rustico, grissini al sesamo, pagnotta alla segale, focaccia. Servito con burro di Normandia e olio U Trappitu, Terre di Shemir (Cerasuola, Biancolilla e Nocellara del Belice).

Piattooo!

Salmone upstream, caviale italiano Calvisus Tradition

Antipasto all?italiana, focaccia

Carciofi al prezzemolo

Parmigiana di Cipollotto Nocerino

Alici abbottonate di scarole, scarole abbottonate di alici

Uovo primavera

Vigna Cicogna Greco di Tufo docg ? Benito Ferrara

Crudo di ventresca di tonno, cacio, pepe e fave, tarallo

Risotto alla brace, seppioline nere

Cipolla al sale, tortellini di pecorino Laticauda

Stracci di pasta verde gratinati come una lasagna napoletana

Baccalà alla napoletana

Gamberoni alla plancia e biete

Cupo Bianco Campani igt 2013 ? Pietracupa

Rana pescatrice in porchetta, fagioli di Controne, guanciale e crescione di fiume

Quaglia Rossini, Babà

Pecorino Moliterno

O rraù con i paccheri in piedi

Il carrello dei dessert

Riso al latte di bufala, gelato alle fragole

Ben Ryé Passito di Pantelleria doc ? Donnafugata

Pere sciroppate, ricotta e noci

Babà con gelato alla crema rum e uvette

Soufflé al cioccolato, gelato alla vaniglia

Caffè e coccole finali

Tipologie di piccola pasticceria: macaron al lampone e al basilico, tartufo al caramello salato, cioccolatino al latte al frutto passione, cioccolatino al cocco.

Colazione in terrazza!

La tavola imbandita per VG

Prima il salato…

… poi il dolce

L’ingresso della sala della colazione

Il buffet

Il tavolo di VG

La scelta di VG

I lievitati dolci

Il salato

Cucina

L?offerta gastronomica del Grand Hotel Quisisana, dalla colazione al dopocena, vuole imprimere negli occhi e nel palato di chi a poco a poco la ?scopre? l?immagine gustativa di Capri, il calore della sua gente, la sua variopinta vivacità. Fedele a questo intento è anche Stefano Mazzone, chef del Rendez Vous, il ristorante gourmet della struttura. Nato a Treviso da genitori siciliani, Mazzone è uno dei tanti talenti che, forgiati dalla scuola di Gualtiero Marchesi, hanno saputo costruire una carriera di successo. La carta del Rendez Vous del Quisisana porta infatti il suo stile, personale e inconfondibile, che riesce nella difficile impresa di raccontare la tipicità della tradizione isolana con un linguaggio raffinato e moderno.

Servizio e accoglienza

Sono oltre 200 i membri dello staff che ogni giorno varcano l?ingresso di questo hotel e ne percorrono in lungo e in largo gli spazi, alternandosi tra i ristoranti e la SPA, tra la piscina all?aperto nel lussureggiante parco della struttura e gli interni, ariosi ed eleganti. Una professionalità collaudata da quasi due secoli di storia unita al calore dell?accoglienza del sud Italia.

Conclusioni

A Capri si sta bene. Dev?essere stato questo il pensiero che a metà Ottocento attraversò la mente del medico britannico George Sidney Clark quando per la prima volta approdò sull?isola, e che lo spinse a costruirvi un sanatorio, il Quisisana appunto. Grazie alla bellezza senza tempo di quest?Isola però il passaggio da clinica ad albergo fu breve, e in poco tempo l?hotel divenne una delle strutture più amate di Capri, meta prediletta delle personalità più disparate, dai principi alle rockstar. La direzione ?tutta caprese? della famiglia Morgano, dal 1981, ha decretato la fortuna di questa struttura, iscrivendo il Grand Hotel Quisisana tra i simboli dell?isola e posizionandolo tra i migliori alberghi del mondo nelle classifiche internazionali.

Viaggiatore Gourmet

Grand Hotel Quisisana
80073 Capri (NA)
Via Camerelle, 2
Tel. (+39) 081 8370788
E-mail: info@quisisana.com
Sito internet: www.quisisana.com

Ristorante Rendez-Vous
Aperto solo a cena, tutti i giorni

TrackBack
[06/04/2017, 22:05] Cartoline dal 661mo Meeting VG @ Ristorante Uliassi ? Senigallia (AN) ? Chef Mauro Uliassi

Nuova stagione, nuovo menù: il Lab 2017 ? la degustazione proposta da Uliassi per la riapertura di quest?anno ? parla di mare, quello vero, raschiando i fondali fino a raggiungerne l?anima più autentica. Una vera esperienza gastronomica quella vissuta dagli Amici Gourmet  che sono andati a trovarlo nel suo ristorante, affacciato sulla spiaggia di Senigallia. Uliassi punta all’essenza, nuda e cruda, con la schiettezza di chi nella vita non è mai sceso a compromessi e non ha nessuna intenzione di invertire la rotta. Si parte con un inizio quasi ?soft?, con il suo Benvenuti al mare, un brodo di vongole con anemoni, alghe, cozze e patelle. Il ritratto, in un piatto, dell?esperienza che si fa quando in spiaggia ci si lascia bagnare i piedi dalle onde che si rifrangono sul bagnasciuga, aspettando che il corpo si abitui a poco a poco alla temperatura dell?acqua, mentre si osserva l?accozzaglia di gusci e conchiglie portate a riva dalla corrente. Poi, l?immersione, lenta, ma decisa, sempre più in profondità: testa e collo di rombo, fegato di triglia, trippe di baccalà e di rana pescatrice? Uliassi sceglie le “frattaglie” del pesce per il suo Lab 2017, e a noi che lo abbiamo assaggiato, guidati dall’impeccabile Catia Uliassi, colonna portante nella sala del ristorante, il suo linguaggio diretto e senza fronzoli è davvero piaciuto.

Archivio storico reportage:

-> Meeting del 3 novembre 2006
-> Reportage del 9 luglio 2008
-> Meeting del 25 maggio 2010
-> Meeting del 25 giugno 2011
-> Meeting del 26 novembre 2011
-> Meeting del 12 maggio 2012
-> Meeting del 18 maggio 2013
-> Meeting del 17 maggio 2014
-> Meeting del 25 ottobre 2014
-> Meeting del 15 maggio 2015
-> Meeting del 20 maggio 2016

L’arrivo di VG al ristorante

Ad accoglierci troviamo Catia Uliassi

Sala e mise en place

Catia si occupa degli ultimi dettagli al tavolo

Il tavolo Amici Gourmet

Il nostro menù personalizzato

Abbinamento Vini
Nei meeting utilizziamo i vini messi a disposizione dai nostri Partner.

Aperitivo

Franciacorta ?61 Nature Docg 2009 ? Berlucchi

Un brindisi tutti insieme e che il pranzo abbia inizio!

Lo chef ci dà il suo benvenuto

Il benvenuto della cucina

Tipologie di stuzzichini: loacker di fegato grasso e nocciole con Kir Royale in abbinamento; oliva ascolana cruda con osso di mandorla; pane, burro e alici con tartufo nero; alghe fritte.

Filippo Uliassi ci presenta il pane

Piattoo!!!

Spremuta di scampo, scampi e alghe croccanti

Pancotto, ricci di mare e mandorle

Lo chef ultima al tavolo la prossima portata

Benvenuti al mare

Vittorio Moretti Riserva 2008 Magnum ? Bellavista

Sogliola a la Maître d’hotel

Il mare dentro

Bianco Isola dei Nuraghi Igt 2015 ? Tenute Santa Maria

Ricciola alla puttanesca

Acqua di conditella, lumache e gelato di fave

La brigata al completo serve il prossimo piatto…

… et voilà!

Collo di rombo in potacchio

Gambero rosso agli agrumi

La prossima portata si nasconde sotto le cloche

Ciabattoni au beurre blanc, triglia e fegato di triglia

Bianco Dall?Isola Campania 2015 ? Joaquin

Testa di rombo alla griglia

Granita alle fragole, panna e meringa di cardamomo

La Serra Moscato d?Asti Docg 2016 ? Marchesi di Grésy

La capra ubriaca

Le etichette degustate durante la giornata

Biscotto al molasses, gelato di cioccolato, caffè, caramello e liquirizia

Caffè e coccole finali

Tipologie della piccola pasticceria: crumble al nero di seppia; meringa al cappero; cubo di melassa e riduzione al Fernet; gelatine al Roquefort, arancia, croccante e polvere di mandarino; cannolo di pasta fillo con crema Romeo e Giulietta.

Un grande GRAZIE a tutti!

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della 661esima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Ristorante Uliassi
60019 Senigallia (AN)
Banchina di Levante 6
Tel. 07165463
Fax 0717930780
Chiuso lunedì
E-mail: info@uliassi.it
Sito internet: www.uliassi.it

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:

www.altissimoceto.it/meeting-eventi/

Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 8 tre stelle, dei 41 due stelle e da una buona parte dei 294 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i più prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

TrackBack
[06/04/2017, 04:49] 

...on vacation - back soon

from the archives: How Puglia saved my life


TrackBack
[06/02/2017, 22:05] Cartoline da Io Bevo Così 2017 @ Villa Somma Picenardi ? Olgiate Molgora (LC)

Io Bevo Così, la rassegna dedicata ai vini naturali e di territorio, conferma lo straordinario successo della precedente edizione. Domenica 21 e lunedì 22 maggio la splendida cornice di Villa Somma Picenardi a Olgiate Molgora, Lecco, ha ospitato professionisti di settore, chef stellati, sommelier, giornalisti e semplici appassionati, venuti a degustare gli oltre 450 vini esposti da ben 97 produttori provenienti da tutto lo stivale, ma anche da Francia, Grecia, Spagna, Slovenia e Repubblica Slovacca.

Sold out le degustazioni a numero chiuso dedicate al vino. Quest?anno i temi affrontati dai laboratori hanno riguardato: il metodo ancestrale, un metodo antico per un vino moderno, a cura dell’ONAV di Lecco; il Dott. Corino ha raccontato i suoi pensieri naturali; Riluce: vini biotici e frequenze del gusto, ovvero i principi della meccanica quantistica applicata al vino, a cura di Giorgio Mercandelli; il rapporto tra whisky e le botti di vino con il Whisky Club Italia; Bodega Schatz, il pioniere della viticoltura naturale andalusa; grande attenzione come sempre al mondo dei distillati con il laboratorio sul Rivo Gin, il primo gin del Lago di Como.

Il nostro arrivo a Villa Somma Picenardi, la location della manifestazione

I calici serigrafati Io Bevo Così con le pettorine per le degustazioni in omaggio per i partecipanti

La zona accrediti Ho.Re.Ca. e Stampa

Il parco della Villa

I ragazzi della security sono pronti per l’apertura degli ingressi

I produttori di eccellenze enogastronomiche hanno già allestito i loro banchetti

Lo stand della Macelleria Salumeria Beccalli di Costa Masnaga (LC)

I visitatori iniziano ad affluire

Le sale cominciano ad affollarsi

Gli artigiani del Vino 2017

PIEMONTE: Raineri, La Torretta, Olek Bondonio, Fletcher, Tenuta Ca? Du Russ, I Carpini, Rocco Di Carpeneto, Cascina Ebreo, Cascina Boccaccio, Poderi Girola, Forti Del Vento, Rocca Rondinaria, Stella Vini ? LIGURIA: La Casetta ? LOMBARDIA: Le Strie, Dossi Retici, Ca? Del Vent, Ca? Del Conte, Gin Rivo, Tenuta Belvedere, Castello Di Stefanago, Fausto Andi ? VENETO: Tenuta L?Armonia, Silvia Fiorin, Volcanalia, Stefano Menti, Azienda Agricola Pezzalunga ? FRIULI VENEZIA GIULIA: Denis Montanar ? EMILIA ROMAGNA: Denavolo, Quarticello, Croci, Andrea Cervini, Case?, I Cardinali, Terraquilia, Cantina San Biagio Vecchio, Mariotti Vini Delle Sabbie, Montesissa, Azienda Agricola Ancarani, Fondo San Giuseppe ? TOSCANA: Pierini & Brugi, Il Casale, Podere Luisa, La Busattina, Fattoria Castellina, Podere Casaccia, I Mandorli ? UMBRIA: Raina ? MARCHE: Maria Pia Castelli, Valter Mattoni, Il Gelsomoro, Aldo Di Giacomi ? ABRUZZO: Di Cato, Azienda Agricola Ausonia, Marina Palusci ? LAZIO: Andrea Occhipinti, Il Vinco, Marco Colicchio ? CAMPANIA: Casebianche, Az. Ag. Silvaplantarium, Cantina Fosso ? BASILICATA: Camerlengo ? PUGLIA: Oreste Tombolini ? CALABRIA: Azienda Agricola Diana, Tenuta Del Conte ? SICILIA: Aldo Viola, Longarico, Casa Vinicola Ferracane, Enotrio ? SARDEGNA: Giovanni Montisci, Deperu Holler, Enrico Esu ? FRANCIA: Fabien Pascaud, Lous Grezes, Vergè ? GRECIA: Jason Ligas ? SPAGNA: Vinos Patio, Bodega Schatz ? SLOVENIA: ?otar Komen- SLOVACCHIA: Vino Vdovjak, Vino Spod Vulkanu Sitno-Pivnica Cajkov, Vino Spod Vulkanu Sitno-Marvla Tindo ? SELEZIONE POGGIANA: Domaine Des Potiers, Domaine Savary, La Grande Charme, La Grange Tiphaine, La Taille Aux Loups

Non solo vini, infatti dal Lago di Como ecco il Gin Rivo 

Lo stand di Olea

I milanesi di Sidro&Cider

Un salto in Toscana con I Mandorli?

Antonio Cascarano di Camerlengo e i patron di Casa Bianche

L’austriaco Jorg Bretz

Dalla Spagna Vinos Patio

Deperu Holler dalla Sardegna

Andrea Sala e Andrea Pesce, organizzatori dell’evento, con Flavio Polano, presidente della provincia di Lecco e sindaco di Malgrate (LC)

Lo staff organizzativo

Dalla Francia i vini di Lous Grezes

Il siciliano Aldo Viola e Ivan Famanni, F&B dell’Hotel Parco San Marco

Dal Lazio Il Vinco

Facciamo un salto in Grecia con Ktima Ligas winery

Ci spostiamo in Abruzzo con i vini Marina Palusci

Il banco di degustazione di Ca? del Vent con Ivan Famanni

Lo stand di Ancarani da Faenza (RA)

I Cardinali da Castell?Arquato (PC)

Andrea Pesce, tra le varie attività organizzative, trova un secondo per degustare qualche vino

Tempo di acquisti…

Dalla provincia di Pavia Belvedere Wine

Non solo vini: le birre del Birrificio Italiano

Dal ferrarese Azienda Agricola Mirco Mariotti

Fabien Pascaud da Bordeaux, Francia

Dalla Liguria l?azienda La Casetta

Dal vercellese il Birrificio Abbà

Dalla Campania la Cantina Fosso degli Angeli

Dal Piemonte l’azienda Fletcher…

… e l’azienda Elio Sandri

Il nettare di mirtillo e di lampone di Azzurra Livraghi Sommi Picenardi, dell?azienda Unicorno  di Olgiate Molgora (LC)

Ci spostiamo in Lombardia con Ca? del Conte

 Andrea Pesce e Andrea Sala con il Sindaco di Lecco Virginio Brivio

Area ristoro Novalberghiera a cura di Cristiano Gramegna dell?Osteria Rosso di Sera di Castelletto (NO) in collaborazione con Pizzeria Vizio 5 di Dormelletto (NO)

Oltre alle pizze fritte, hamburger e piatti unici

Tra una degustazione e l’altra pranziamo in compagnia di Ivan Famanni

Le birre del Birrificio Italiano

I laboratori degustazione a numero chiuso tenuti sotto un platano secolare?

Bodega Schatz, pioniere della viticoltura naturale andalusa

Il laboratorio del Dottor Corino – vigne, vite, vita: i miei pensieri naturali

Degustazione “Quando il Whisky incontra le botti da vino” – Organizzato da WhiskyClubItalia

Giorgio Mercandelli, qui in foto con gli organizzatori

Il suo laboratorio su Riluce, vini biotici e frequenze del gusto

Viaggiatore Gourmet

Villa Sommi Picenardi
23887 Olgiate Molgora (LC)
Via Sommi Picenardi, 8

TrackBack
[06/01/2017, 22:05] Cartoline dal 660mo Meeting VG @ Ristorante La Madonnina del Pescatore ? Senigallia (AN) ? Chef Moreno Cedroni

Maionese allo yuzu, miso brasato, cavolfiore fermentato, ravioli trasparenti che ricordano i dim sum e i jiaozi cinesi? i rimandi all?Estremo Oriente abbondano nella nuova carta messa a punto da Moreno Cedroni per la nuova stagione della sua Madonnina del Pescatore. Suggestioni che però si fondono e si armonizzano con la tipicità della cucina marchigiana, che emerge in tutta la sua colorata sapidità, a sottolineare lo stretto legame che unisce Moreno alla sua terra d?origine: raguse in porchetta, guazzetto di pesci, molluschi e crostacei, frittatina di mare? Cedroni si conferma professionista ai fornelli e per l’occasione anche grande uomo di sala, un patron a tutto tondo che durante il nostro Meeting ci ha voluti seguire personalmente, Un servizio curato nei minimi dettagli come sempre dalla Patron Mariella Organi. L’evento è stato arricchito dalla presenza al nostro tavolo di Roberto Beneventano della maison Steinbrück e di Pier Francesco Fracassi delle Tenute di Santa Maria, che ci hanno guidati nella degustazione delle loro migliori etichette, in abbinamento alle varie portate.

Archivio storico reportage:

-> Reportage del 29 marzo 2007
-> Meeting dell?8 luglio 2008
-> Meeting del 21 maggio 2010
-> Meeting del 24 giugno 2011
-> Meeting dell?11 maggio 2012
-> Meeting del 17 maggio 2013
-> Meeting del 16 maggio 2014
-> Meeting del 16 maggio 2015
-> Meeting del 20 maggio 2016

L’ingresso del ristorante

Lo chef e il suo staff ultimano il nostro menu personalizzato…

Sala e mise en place

Il nostro menù personalizzato

Abbinamento Vini
Nei meeting utilizziamo i vini messi a disposizione dai nostri Partner.

Ilaria Ravanelli, sommelier del ristorante, ci presenta l’aperitivo con VG e Roberto Beneventano di Steinbrück

Champagne Cuvée Brut Tradition ? Steinbrück

Un brindisi tutti insieme!

Anche lo chef Cedroni brinda con noi

Iniziamo con l’aperitivo

Lo chef ci spiega il percorso

Piattooo!!

Scampo all’arancia e bolla di bitter

Pane

Coppa di maiale e raguse

Lo chef ci spiega la prossima portata

Champagne Cuvée Les Etoiles de la Gastronomie Coeur de rosé ? Steinbrück

Frittatina, frutti di mare ed erbe di campo

Champagne Cuvée Les Etoiles de la Gastronomie Millésimé Prestige 2006 ? Steinbrück

La patron Mariella Organi completa la prossima portata

Mazzancolle turgide, maionese allo yuzu, cipolla agrodolce, porro fumè

Lo chef Cedroni in persona apre la bottiglia della prossima etichetta in abbinamento

Franciacorta Vittorio Moretti 2008 Magnum ? Bellavista

King crab, cavolo cappuccio e miso brasato, salsa di zucca gialla, cavolfiore fermentato

Pier Francesco Fracassi di Tenute di Santa Maria, Ilaria e VG ci presentano la prossima etichetta

Bianco Isola dei Nuraghi Igt 2015 ? Tenute Santa Maria

Lo chef completa al tavolo il prossimo piatto

Raviolo trasparente con gamberi, salsa prezzemolo e coriandolo, pistacchi alla pentola a pressione

Pinéro Igt 2008 Magnum ? Ca? del Bosco

Anguilla di mare alla brace profumata all’alloro, rapa rossa e cavolo fermentato

Guazzetto “al forno” di pesci, molluschi e crostacei con sentore di anice stellato

Piccione, raguse in porchetta, salsa di sedano rapa e misticanza aromatica

Pluma di maiale, aglio nero, salsa di finocchi e arancia candita

Birra Venus ? Nera al riso Venere ? Hordeum

Gelato all’aglio nero, panna montata e granita di caffè fermentato

Acqui Passito di Brachettoo 2015 ? Vini Passiti Bragagnolo

L’albicocca che voleva diventare una torta Sacher

Caffè e Risiko

Tutte le etichette degustate durante il pranzo

Lo chef autografa i nostri menu

Un grande GRAZIE a tutti!

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della 660esima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Ristorante Madonnina del Pescatore
60019 Senigallia (AN)
Via Lungomare Italia, 11
Tel. (+39) 071 698267
Chiuso il mercoledì
E-mail: info@madonninadelpescatore.it
Sito internet: www.morenocedroni.it

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:

www.altissimoceto.it/meeting-eventi/

Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 8 tre stelle, dei 41 due stelle e da una buona parte dei 294 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i più prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

TrackBack
[05/31/2017, 22:05] Ristorante VOLM ? Pozzuolo Martesana (MI) ? Chef/Patron Lorenzo Vecchia e Olexandra Marfia

Al piano terra di quello che, dall?esterno, ha tutto l?aspetto di un anonimo condominio dell?hinterland milanese, da poco meno di una anno ha aperto una nuova realtà, giovane quanto i proprietari che l?hanno inaugurata, il VOLM. Un nome insolito che parrebbe ispirato a qualche lingua finnica o dell?Europa dell?Est ed invece risulta l?acronimo delle iniziali, sparpagliate, dei due chef e patron: Lorenzo Vecchia e la compagna Olexandra Marfia. All?interno un ambiente pulito, elegante, che rimanda alla sobria essenzialità tipica del Nord Europa e, al tempo stesso, riesce a ricreare quell’atmosfera intima e famigliare voluta dagli chef. A loro infatti va il merito di aver curato in toto la progettazione e la ristrutturazione del ristorante, senza altro aiuto al di fuori di una ferrea forza di volontà e della passione sconfinata di chi sta realizzando il sogno di una vita. Lorenzo a Pozzuolo Martesana ci è nato, nel 1992, ma ci è rimasto ben poco, per saziare la sua voglia di imparare: uno stage a Toronto e poi le stelle del vecchio continente, Cracco, Klugmann, il basco Berasategui, fino all?approdo a El Coq di Cogo. Lì, l?incontro con Olexandra, nata in Ucraina, ma cresciuta a Bagheria, dove ha scoperto il suo amore per la cucina italiana. Insieme coltivano il sogno di aprire un locale tutto loro, un progetto che prende vita poco a poco e che i due costruiscono pezzo per pezzo, fino allo scorso settembre, primo giorno di servizio del loro ristorante. Passati i primi mesi di rodaggio, con l?arrivo della bella stagione VG ha deciso di andarli a trovare. Ecco il reportage della sua esperienza.

Il borsino delle guide cartacee 2017
Michelin non segnala
Espresso non segnala
Gambero Rosso non segnala

La squadra

Lo staff in cucina

Chef/patron: Lorenzo Vecchia, Olexandra Marfia

Lo staff in sala

Commis: Linda Brambati

Gli esterni

La sala relax

Sala e mise en place

Menu

Riportiamo, come sempre, i menu degustazione e quello alla carta.

Degustazione 5 portate ? 45

Degustazione 7 portate ? 65

Degustazione 9 portate ? 80

La carta

I piatti

Porro al miele. Paprica affumicata. Nocciole. Piantaggine. Radicchio. ? 14
Testina di vitello. Cannella. Fondo di verdure. Zenzero. Cipolla agrodolce. Cavolo cappuccio. ? 18
Gambero di fiume cotto e crudo. Fave. Nero di seppia. Il suo caviale. ? 22
Risotto. Alloro. Capperi. Riduzione di chinotto. ? 16
Spaghetto Benedetto Cavalieri. Melanzana. Bottarga. Incenso. ? 20
Filetto di vitello. Finocchio. Nepetella. Confettura di cipolla. ? 20

Extra menù

Piccione. Concentrato di pomodoro. Melanzana. Sciroppo d?acero. ? 32
Costina di maiale cotta a bassa temperatura. Spezie. ? 15

Dolci

Assoluto di mela. Gelato alla birra. Liquirizia. Mandorle. ? 14
Asparago. Gelato alla vaniglia. Meringa al caffè di cicoria. Crema inglese alla camomilla. ? 13

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice. La selezione dei vini ed i vari abbinamenti sono curati dagli Chef.

I padroni di casa Lorenzo Vecchia e Olexandra Marfia ci raggiungono al tavolo

Lorenzo ci presenta il menù

Apriamola nostra degustazione con una bevanda che viene dall’Estremo Oriente

Kombucha di ravanelli… e ravanello in kombucha!

Pane

Tipologie di pane: in cassetta di lievito madre, semi-integrale, pagnotta integrale con farina di grano Ardito, grissini di semola di grano duro.

La commis Linda Brambati ci presenta l’olio in abbinamento pane

Olio di produzione propria, proveniente dalla Sicilia e prodotto tramite raccolta precoce delle olive e spremitura a freddo.

Piattooo!

Cipollotto, arance amare, pane al prezzemolo e sommacco

Cipollotto appena scottato in padella accompagnato da una confettura dello stesso e una di arance amare Siciliane. La croccantezza è data da una spolverata di sabbia di pane al prezzemolo.

Rosanna Metodo Classico Brut Rosè ? Ettore Germano

Gambero di fiume cotto e crudo, fave, nero di seppia, il suo caviale

Il corpo del gambero crudo, appena bruciato in superficie, viene servito con fave dell?orto del ristorante, lardo, nero di seppia e polvere di cavolo.

La testa è cotta in padella indirettamente sfruttando il vapore acqueo, senza essere rosolata ed è servita a parte con il suo caviale.

Noè Bianco Monferrato doc –  La Barbatella

Riso, alloro, capperi, riduzione di chinotto

Riso Carnaroli Riserva San Massino cotto in brodo di capperi, con aggiunta di trito di capperi, mantecato con un burro all?alloro, e condito con riduzione di chinotto e capperi sabbiati.

Rubino – Josef

Spaghettone, melanzana, bottarga e incenso

La pasta è cotta in un brodo di melanzane leggermente gelificato, dal forte sentore di affumicato, ottenuto da melanzane al barbecue e lasciate riposare tutta la notte in un colino sotto a un peso. Servita con bottarga fresca di muggine e incenso.

Lorenzo Vecchia serve il vino in abbinamento alla prossima portata a VG

Vermiglio della Trefaldina 2014 ? La Corona

Piccione, concentrato di pomodoro, melanzana, sciroppo d?acero, geranio odoroso

Piccione appena scottato in padella, servito con un concentrato di datterini siciliani essiccati al sole, melanzana grigliata allo sciroppo d?acero e geranio odoroso.

Olexadra Marfia, compagna di Lorenzo in cucina e nella vita

Porro, paprica affumicata, nocciole, piantaggine, polvere di radicchio

Porro cotto con un burro al miele in padella di ferro, spolverato con la paprica affumicata e finito in forno. In accompagnamento salsa alle nocciole, piantaggine e polvere di radicchio.

La Scura Doppio Malto – Pratorosso

Assoluto di mela, gelato alla birra, liquirizia e mandorle

Millefoglie di mela cotta al vapore, gelato alla birra scura, melassa, croccante alle mandorle e liquirizia.

Cocktail rinfrescante a base di erbe

Principalmente ruta, assenzio, timo e alloro.

Il dessert è completato al tavolo con l’aggiunta di crema inglese alla camomilla

Asparago, gelato alla vaniglia, meringa al caffè di cicoria, crema inglese alla camomilla

Asparago appena sbollentato, gelato alla vaniglia e meringa sbriciolata al caffè di cicoria.

Caffè

Caffè 100% arabica, Torrefazione Vimercati

Cucina

Il menù varia continuamente, al ritmo incalzante della creatività degli chef e del loro continuo desiderio di mettersi alla prova. Erbe, ortaggi e tagli meno nobili, gli elementi attorno a cui ogni piatto prende forma. La selezione dei fornitori, effettuata con scrupolosa attenzione, è in continua evoluzione: si parte da piccole realtà delle campagne circostanti il ristorante fino ai pescatori della Sicilia. Parlano d?Ucraina invece i fermentati e la panna acida fatta in casa, sempre presenti in carta. Tra i progetti in cantiere per il futuro c?è anche un orto di 70 m2 a Trecella, coltivato con metodi biologici e senza irrigazione, da cui dall’anno prossimo proverranno gran parte degli ortaggi e delle erbe aromatiche del ristorante.

Servizio e accoglienza

Non devono esserci barriere a frapporsi tra gli chef e i loro clienti. Concordi su questo assunto perentorio, gli chef hanno costruito il loro locale di conseguenza: la cucina del Volm infatti non ha porte d?ingresso, si affaccia direttamente sulla sala e dai tavoli gli ospiti possono osservare l?andirivieni di Lorenzo e Olexandra tra i fornelli. Anche la carta dei vini è curata da loro, una selezione di oltre ottanta bottiglie dove abbondano le referenze biologiche e biodinamiche, che gli chef amano ?integrare? con distillati, infusi e bevande fermentate di loro creazione. Lo stesso servizio al tavolo viene spesso curato di persona dai due chef, che hanno voluto un solo aiuto in sala.

Conclusioni

Giovani, ma con le idee chiare, a dispetto della recente apertura Lorenzo e Olexandra hanno saputo imprimere al loro locale una personalità forte e definita. Lo si intuisce già leggendo la carta, esposta all’esterno del ristorante: dei piatti vengono elencati gli ingredienti principali, separati tra loro da un punto. Niente fronzoli, sono sostanza, una filosofia che si riflette anche nella scelta degli arredi, all’interno. Complimenti al coraggio e alla determinazione di Lorenzo e Olexandra, una coppia che terremo sicuramente d’occhio.

Viaggiatore Gourmet

Ristorante VOLM
20060 Pozzuolo Martesana (MI)
Via IV Novembre, 55/57
Tel. (+39) 02 95358617
Chiuso domenica a cena, lunedì tutto il giorno

E-mail: ristorante@volm.it
Sito internet: www.ristorantevolm.com

TrackBack
[05/30/2017, 22:05] Ristorante Acquada ? Porlezza (CO) ? Chef Sara Preceruti

Porlezza è un paesino del comasco che sorge sulla sponda italiana del lago di Lugano, un borgo piccolo e raccolto, incorniciato dalle Alpi, dove la vita scorre placida e tranquilla. Ed è forse stata proprio la serenità di questo angolo di mondo a conquistare Sara Preceruti. Fatto sta che quando questa giovane chef ? per metà pavese, per l?altra piemontese ? ha deciso di ?mettersi in proprio? e aprire un ristorante tutto suo, dopo aver ottenuto il riconoscimento della Stella Michelin alla Locanda del Notaio, la scelta della location è ricaduta proprio qui. Un talento che ha saputo attirare l?attenzione anche di Carlo Cracco, che l?ha scelta per l’Ambasciata del Gusto per Expo 2015. L?Acquada di Porlezza è un locale giovane, sempre in fermento, una realtà dinamica e pulsante di energia, da scoprire insieme al bel sorriso, aperto e solare, della chef.

Il borsino delle guide cartacee 2017
Michelin lo segnala come novità e gli assegna il piatto e due coperti
Espresso non segnala
Gambero Rosso assegna 78 – cucina 48

La squadra

Lo staff in cucina

Chef/Patron: Sara Preceruti
Sous chef: Mattia Molteni
Chef de partie: Andrea Achini
Lavapiatti: Issi Martinez

Lo staff in sala

Sommelier: Sara Riva
Responsabile di sala: Nicolas Casari

L’insegna

L’ingresso

La targa che presenta la chef e il locale

Sala e mise en place

Sul fondo, la cucina a vista

Menu

Riportiamo, come sempre, il menu degustazione e quello alla carta.

Menu Degustazione Carne ? 80,00

Uovo poché su spuma di spinaci, pinoli tostati e vela di Parmigiano
Tartare di coniglio marinato al lime, cremati mozzarella, cipolline agrodolci e olive disidratare
Mezzelune alla barbabietola ripiene di salame d’oca, crema di fagioli bianchi di Spello e zenzero
Trofie fatte in casa con carciofi croccanti, controfiletto di agnello marinato alle erbe e ananas disidratato
Petto d’anatra Cannette de Barberie laccato al miele, insalata croccante, chutney di pomodoro e maionese al wasabi
Dessert

Menu Degustazione Pesce ? 80,00

Insalata liquida di radicchio, gamberi marinati in acqua di cocco, cocco rapé e barba dei frati croccante
Capesante su asparagi gratinati, zabaione di Parmigiano ed emulsione di lamponi
Pacote “Monograno Felicetti” ripiene di scorfano, gelatina del suo fumetto e salsa di indivia riccia
Spaghetti alla chitarra ripieni di arancia, aneto, ricci di mare e asparagi
Fish and chips di lago
Dessert

Degustazione “L’infinito” ? 115,00

8 piatti scelti dalla Chef

La carta

Antipasti

Capesante su asparagi gratinati, zabaione di Parmigiano ed emulsione ai lamponi (2016) ? 20,00
Carpaccio di tonno affumicato, pistacchi di Bronte, mango disidratato e ricotta alla liquirizia ? 22,00
Insalata liquida di radicchio, gamberi marinati in acqua di cocco, cocco rapé e barba dei frati croccante ? 20,00
Cuore di bue cotto a bassa temperatura, crema di aglio, rosti di patate e rabarbaro fritto ? 20,00
Tartare di coniglio marinato al lime, crema di mozzarella, cipolline agrodolci e olive disidratate ? 20,00
Uovo poché su spuma di spinaci, pinoli tostati e vela di Parmigiano ? 18,00

Primi

Risotto alle ortiche, salmone affumicato e stracciata di fior di latte ? 22,00
Pacote “Monograno Felicetti” ripiene di scorfano, gelatina del suo fumetto e salsa di indivia riccia ? 22,00
Spaghetti alla chitarra ripieni di arancia, aneto, ricci di mare e asparagi ? 22,00
Mezzelune alla barbabietola ripiene di salame d’oca, crema di fagioli bianchi di Spello e zenzero ? 18,00
Trofie fatte in casa con carciofi croccanti, controfiletto di agnello marinato alle erbe e ananas disidratato ? 20,00
Lasagnetta di pasta di segale con pesto di melanzane e pomodorini confit, basilico, mandorle effilé, spuma di robiola ? 20,00

Secondi

Suprema di faraona ripiena di prugne e noci, asparagi e tuorlo d’uovo disidratato ? 24,00
Petto d’anatra Cannette de Barberie laccato al miele, insalata croccante, chutney di pomodoro e maionese al wasabi ? 26,00
Sgombro cotto a bassa temperatura con olio essenziale di fieno, germogli di soia marinati alla barbabietola, yogurt ? 28,00
Sapore di mare ? 32,00
Fish and chips di lago ? 24,00
Variazione di carciofo ? 20,00

Dessert

Il sigaro (2016) ? 13,00
Dolce sorpresa ? 13,00
Zuppetta di cioccolato bianco, melanzane baby caramellate, gelatina all’arancia e crumble alla noce moscata ? 13,00
Il nostro pro-fi-te-rol ? 12,00
Gelée alla fragola, mousse al pistacchio, sablé e frutti di bosco ? 12,00

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

La chef Sara Preceruti ci raggiunge al tavolo

Cominciamo con le bollicine, servite dalla sommelier Sara Riva

Perlé Trento doc 2009 – Ferrari

Aperitivo

Tipologie di stuzzichini: piadine alla farina di kamut con lardo nostrano; taralli alla lavanda; sardine sottolio.

Pane

Tipologie di pane: treccia alle cipolle, girella alle olive, panino integrale, focaccia al kamut, panino al burro, strega, grissini alla farina di polenta.

Piattooo!

Entrée: polpo croccante con panure alla mediterranea

Insalata liquida di radicchio, gamberi marinati in acqua di cocco, cocco rapé e barba dei frati croccante

Carpaccio di tonno affumicato, pistacchi di Bronte, mango disidratato e ricotta alla liquirizia

Chiaretto Bardolino doc 2015 – Cavalchina

Uovo poché su spuma di spinaci, pinoli tostati e vela di Parmigiano

Capesante su asparagi gratinati, zabaione di Parmigiano ed emulsione di lamponi

Tartare di coniglio marinato al lime, crema di mozzarella, cipolline agrodolci e olive disidratate

Cuore di bue cotto a bassa temperatura, crema di aglio, rostì di patate e rabarbaro fritto

Pacote Monograno Felicetti ripiene di scorfano, gelatina del suo fumetto e salsa di indivia riccia

Gaston Hochard 2007 ? Château Musar

Risotto alle ortiche, salmone affumicato e stracciata di fior di latte

Trofie fatte in casa con carciofi croccanti, controfiletto di agnello marinato alle erbe e ananas disidratato

Ultimo ritocco alla portata successiva

Sapore di mare

Albareda Sforzato di Valtellina docg 2013 ? Mamete Prevostini

Sgombro cotto a bassa temperatura con olio essenziale di fieno, germogli di soia marinati alla barbabietola, yogurt

Petto d’anatra Cannette de Barberie laccato al miele, insalata croccante, chutney di pomodoro e maionese al wasabi

Pre-dessert: cialda al miele,mousse do yogurt e violetta cristallizzata

Aleatico Passito d?Elba docg 2010 ? Acquabona

Zuppetta di cioccolato bianco, melanzane baby caramellate, gelatina all’arancia e crumble alla noce moscata

Il sigaro

Caffè

Caffè Illy monorigine 100% arabica Brasile.

Coccole finali

Tipologie della piccola pasticceria: brutti ma buoni, gelée alla fragola, baci di dama, bignè ripieni di mousse al cocco, rocher.

Sala e cucina, la brigata al gran completo con VG

Cucina

Giovane donna in un mondo di uomini, proprietaria di un locale tutto suo a soli 34 anni, Sara Preceruti è indubbiamente un tipo coraggioso. E coraggiosa è anche la sua cucina, costruita attorno ad abbinamenti inconsueti, talvolta esotici, con ingredienti ?difficili? – come i cuore di bue, cotto a bassa temperatura e servito con crema di aglio, rostì di patate e rabarbaro fritto ? o preparazioni fuori dall’ordinario ? come il coniglio, che nel menù estivo dell?Acquada figura tra gli antipasti servito crudo, come una tartare.  Di fantasia Sara ne ha da vendere e gli strumenti per tradurla in portate certo non le mancano, grazie agli anni di gavetta. Contrasti, cromatismi, consistenze? i piatti di Sara sono belli, oltre che buoni, tavolozze di colore da cui traspare tutta la voglia di questa giovane donna di sperimentare e mettersi i gioco.

Servizio e accoglienza

Per il suo ristorante Sara Preceruti ha cercato una brigata che le assomigliasse: giovani, entusiasti, appassionati e umili, sempre disposti a confrontarsi con nuove esperienze, da cui imparare e prendere spunto. Volti e persone sono diversissimi, ma l?intesa degli animi è perfetta, in cucina come in sala. E si vede.

Conclusioni

In dialetto, acquada significa acquazzone, quell?improvviso scroscio d?acqua che coglie di sorpresa d?estate, portando un po? di sollievo dalla calura delle torride giornate di sole. Ma la cosa più bella e caratteristica dell?acquazzone è che, una volta finito, porta sempre con sé lo spettacolo dell?arcobaleno. Ecco, visitare la ?casa? della Preceruti significa proprio questo: lasciarsi travolgere dalla sana, rinvigorente freschezza di questa giovane donna e della sua brigata, per godersi poi, a fine pasto, quella sensazione a metà tra lo stupore e la soddisfazione della bella sorpresa avuta – che ?così bella non te l?aspetti? – ma che già si desidera ripetere.

Viaggiatore Gourmet

Ristorante Acquada
22018 Porlezza (CO)
Piazza Giovanni e Giacomo da Porlezza
Tel. (+39) 0344 72305
Chiuso domenica sera, lunedì
E-mail: ristorante@acquada.com
Sito internet: www.acquada.com

TrackBack
[05/28/2017, 11:47] Italian Wines ? Multifaceted, Bright, Complex and Confounding
I see it all the time ? like Groundhog?s Day ? people are interested in Italy, the cultures, the food, the fashion, the design, the statues. But Italian wine is just too darn complicated!

We are entering into the time when more people will travel to Italy for vacations, for tourism, for cultural renewal. I heard it last night in a little café, people talking about Venice, Pompeii, Rome. I saw an older couple in a department store buying comfortable clothes for their ?trip to Italy.? And when they get there, when they sit down to eat, they will, most likely, drink Italian wine. So why do they get so hung up about Italian wine here in America?


As I?ve said before, for one, they are on vacation. Modern day life, the hectic pace, the pressures, the commute, is on pause. They are looking to have a good time, to relax, maybe walk a little more than usual. And it is beginning to look like summer in places like Rome. So, it is a bit warmer. And people get thirsty. Here comes the Frascati! Oops, another bottle of Prosecco! Sure, why not, let?s have another bottle of Chianti (or for the sticklers in the crowd, Chianti Classico!). It all seems so simple, in Italy.

It is. You drink what?s in front of you. Inotherwords, local. Sure, I?ve had bottles (too many) of Sassicaia in a Roman trattoria. And yes, even the occasional bottle of French Champagne (mon Dieu!) in a Venetian palazzo. There will always be those moments. But?

?then there is the everyday life. And even on vacation, one gets into a routine, and in Italy wine is part of the meal, or as friend and colleague Eric Asimov says: ?Wine is food.?

Too often there is the tendency to always be on the prowl for the ?good stuff,? wine that equates with peak experience, as if one were looking for wine to give them an orgasm (or for some of the folks I have run into lately, maybe an erection). And yes, I can see how a Silverback might be looking to amp up his life, preferring Cialis and Solaia over Mortadella and Lambrusco. But the ?good stuff? of Italian wine isn?t exclusive to those peak experiences everyone is desperately in search of all the time. That would be like the stoner who, after a life of being stoned, all the time, really isn?t stoned anymore. It?s just an equilibriatory state, no longer altered, as it is now the norm, at least for the stoner.

And so, it is the same with those who look to Italian wine to assuage their sense of self in relation to the world within their bubble-shield. It could be that it is also a proto-protectionary posture put in place, a first line of defense to shield oneself from the complexities of Italian wine. ?Give me a big wine, not that sissy stuff!? Yes, I have heard that too many times, from people who would probably benefit more from drinking a Valpolicella or a Rosso Piceno, than that 95 point Brunello, which is too young, too tannic and too damn shiny. 

As I say to people who are going to Italy and want to ?see it all!? I propose them these simple thoughts: How bad can it be? You are in Italy.Step outside your hotel, go left, go right, go straight. For God's sake, you're in Italy!

And likewise, in the simplest (or the flashiest) Italian place in America, I also propose: How bad can it be? You are dining out, something 95% of the people on the planet rarely, if ever, have the opportunity to do. You can have whatever you want on the menu. And too, so you can with wine. This is not a WSET test; you aren?t sitting for your Master Sommelier pin. You are reposing, refreshing and replenishing. Ask your server, look something up on your phone (you can?t put it down anyway), get a recommendation from an owner. Or if there is someone at the table who knows even the tiniest little thing about wine (Italian of otherwise) ask them to spread their wings of knowledge and bestow the table with their brilliance. It?s not that complicated.

Now - world peace, or nuclear armaments, feeding all the hungry mouths in this world, stamping out poverty - that?s complicated.

But that?s for a whole 'nother group of primates with prehensile phalanges to address and carry on about.




wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[05/21/2017, 17:08] Who cares what wine bottle you post on Instagram?
PTI ? ME!

"It?s all about your brand!"

"Why be a follower, when you can be an influencer?"

"Make your mark (BIG!) for enhanced career opportunities!"

As a visual junky, I have a confession to make ? I love looking at pictures on Instagram. Call it an introvert?s tendency to stand in the corner and observe. Or the realization, that at a certain age, you (ALL OF YOU!) will become invisible to the ascending generation that is full of energy and spunk ? they want the world and they want it NOW! Whatever. There are millions of images flooding the site and young professionals are now being told that being active on social media sites like Facebook, Twitter, Instagram and, yes, even LinkedIn, is a strategy to strengthen your professional career! Funny, I was suggesting this to the executives (where I work) almost ten (10!) years ago. The teenagers (then) are now in the work force, and they are a force (ASK THEM! Ask their media coach!). And it is now de rigueur to lather up one?s bandwidth with a plethora of visual droppings to mark one?s fire hydrant in the race for influence and relevance. After all, you?re BUILDING YOUR BRAND!

Wow, all those exclamation points (AND UPPERCASE WORDS!) are so exhausting! But we live, now, in a world where so many people are clamoring for attention. And unless you climb over that HUGE wall and get your advanced certification (and maybe even become some kind of MASTER!) how can one differentiate who they are, and how influential they can be, in the short term? Hey, how about posting AWESOME pictures of unobtainable (to the rest of us) bottles of AWESOME wines? Sounds like a plan!


[At this point, most of those in the ascendant generation have scanned through the above 300 words and have surfed on. Which makes breathing in this padded cell much easier, although the experience might seem less like a party and more like undue exposure to (SAD!) mutterings?]

PTII ? YOU!

Look, you can find any number of souls looking to ?build their brand? on Instagram, posting pictures of cats, dogs, young lovers in various stages of undress and foreplay, eggplant, exotic cars, faraway places, impossible mountain climbs and whatever anyone thinks will get them to the top of their mountain of influence. So why all these pictures of AMAZING bottles of wine?

For one, to someone, it?s something NEW. And sometimes it?s NEW & OLD at the same time. It might be something IMPOSSIBLE to find unless one has friends who are COLLECTORS. At which time, all of that implies STATUS, getting past the rope line into their very own Studio 54 of wine. WOW!

It could be you are a visual person, not one who takes notes. There are those who can look at a bottle of wine that they posted on their S/M site and can tell you all about it. I?ve been around masters who have waxed, authoritatively, about a bottle of, you name it, from the heralded vintage of, insert here, and wasn?t it so much better than listening to a sexist (or racist) joke? Oh, count me in.

But those little pictures sit there, wordless, save for the emoticons friends and followers leave in appreciation of you having just bestowed their feeds with that EPIC picture of Paleokeristo. I can see it now, sitting in the back of an Uber (or now, JUNO!) going from midtown to the LES and seeing a snap of Derthona, wondering if The Ten Bells might still have it in stock when you get there. Hey, that?s informative, and it also suggests a sense of urgency. Get there before it?s all gone, you never know when you?ll get to taste that wine, EVER AGAIN!

And what about the elephant in the room? You know the desire to be like @jaymcinerney, or @nathankunzman, and revel in all the great wines that come across their tables? Sure, why not? Who wouldn?t want to taste those wines once (or in the case of Jay, regularly) in their life? And we can wish to emulate their experiences, or even want to be like them. Or even be BETTER, more INFLUENTIAL, with more FOLLOWERS. Yes we can!

Look, @kat_in_nyc has a MILLION followers, armchair scopophiliacs, who are enraptured by her sensual posts (now in VIDEO format, as well!). Hey, if a BIRD! (@birdbee0705) can muster up 38.7k followers (200 more than when I first started writing this post a few hours ago!), or a Japanese CAT! (@rinne172) dressed up in front of all manner of prepared food dishes at a tableside setting can have 104k followers, why shouldn?t the everyday, garden-variety wine professional in search of their BRAND? Why not INDEED?

Seeing as we also know some ?surprising connection between cosmology and quantum mechanics could unveil the secrets of space and time,? and all things being RELATIVE, insert this greater reality outside our own personal universe that is active and dynamic and ongoing. I?m just saying ? all things in perspective.


PTIII ? WE!

We are still creatures of free will. If you want to follow a cat or a bird or a sexy voyeur photographer, that?s a personal decision. And if you want to photograph every iteration of your wine drinking (or eggplant growing) life, who?s going to stop you? If I get something from your many pictures of DRC wines that you have been so LUCKY to have experienced, even if it makes me just a tiny, little bit JEALOUS, is that your problem? No, it?s MINE!

But there is a WE to this meandering, and we have arrived to it. We are social creatures, even the most introverted of us (some of which are MOST INFLUENTIAL, by the way). Some of us struggle with expression, with identity, with just plain BEING! And if these are little 400 grit sandpaper measures to smooth out rough patches in the tabletop of our life, so be it. If it helps you explain yourself to me, who is hurt in the process? And if you say, ?My feelings, he didn?t open that ICONIC bottle of wine around me!? or ?She?s just a showboat, a grandstander!? don?t we have bigger fish to fry, HUGE! examples of people acting in ways which we disagree, but live in our world and we must find ways to co-exist?

So, go ahead and post your twin vintages of ?28 and ?29 Haut Brion (or your BOOBS! Or your PORN ?STACHE!) at sunrise in some fabulous place with all your BFF?s! And if we don?t like them, well, we can turn the phone off (or MUTE!) and read a damn book!

Move along now ? there's nothing more to see here.








wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[05/16/2017, 07:17] La Casetta a Salino. Per la serie i vini sentimentali del lunedì

Salino, entroterra di Sestri Levante, sulla strada per Varese Ligure. È un borgo di tre case che si trova facilmente solo sulle mappe militari, e vederlo dal vivo fa un effetto del tipo "qui finisce la civiltà". La Casetta è un'azienda (e azienda suona già esagerato) che produce da un ettaro di vigna meno di tremila bottiglie tra rosso e bianco, e sta esattamente in questo posto sospeso sotto le nuvole. Per me è una vecchia conoscenza, ormai.

I fatti sentimentali si mettono di traverso, quando assaggi. Quelle strade, quella parte di Appennino, sono i luoghi della mia infanzia, quindi va a finire che il giudizio non è sereno. In questi casi moltiplico lo stress test a cercare difetti e imperfezioni: e niente, in questi vini non ne trovo, e a un certo punto accetto il fatto.


Il Bianco Liguria di Levante Igt 2016 è morbido, con frutta già matura, insospettabilmente pronto: magari non sarà longevo, ma ora è perfetto, col giusto equilibrio sale/frutta. Essenzialmente uva albarola, con un 10% di sauvignon che accenna solo vagamente il tono aromatico.


Spezie e ciliegie nel Rosso Liguria di Levante Igt 2015, scattante e finto-facile. Tra l'altro ha un aspetto che io amo ritrovare, ha capacità di evolvere nel bicchiere: parte riottoso ma dopo pochi minuti diventa confidenziale e infine si apre, concedendosi. Carattere ligure, potrei dire. Curioso mix di uve "c'è quel che c'è", dal syrah al dolcetto al pinot nero al cabernet (a un certo punto ho smesso di scrivere, tanto ce n'erano troppe da segnare). Un anno di barrique molto usata, che quindi non segna con note legnose. Nella foto in alto, la barricaia (si fa per dire).


Ci sarebbe, poi, il mito della produzione ridottissima, semi introvabile. La foto sotto dice qualcosa del marketing aziendale.


Alle solite quello, da solo, non è un valore, ma è comunque un aspetto che aggiunge fascino, perché alla fine conta quel che c'è nel bicchiere, cercando di mettere da parte i sentimenti (ma che fatica). In mezzo a quei punti vendita oggi ci si aggiunge il mio: prezzi in enoteca sugli undici euri, al netto dello sconto simpatia.
TrackBack
[05/14/2017, 21:29] The Fortunes of the Times - Great Italian Vintages from the ?Noughties? - 2012-2016
Frequent readers already know this little secret ? Italy is in a full-blown Golden Age for wine. Never have we seen more great wine coming out of this land once called Oenotria. After thousands of years, we have arrived to the Promised Land. And the last five vintages have bestowed a largess upon wine lovers almost to the point of excess. Before one thinks this a protestation, let?s examine our collective fortune.

While on this last trip to Italy, covering Tuscany and Piedmont with a dollop of Vinitaly in the middle, we tasted through many wines from these five vintages from 2012 to 2016.


2012 ? The new and current release for Brunello di Montalcino. Tasting through wines from La Gerla, La Fiorita, Barbi, Casanova di Neri, Renieri, Fuligni and Le Chiuse I recorded a lot of ?Wow!? in my tasting notes. Look, one doesn?t need to read this blog to know the producers in Montalcino are pumped up about the 2012 vintage. Other producers, other wines, Marchesi Pancrazi?s Pinot Noir and Selvapiana?s Pomino, Felsina?s Rancia, Badia a Coltibuono?s Riserva, even Losi-Querciavalle?s regular Chianti Classico impressed. Common threads, for me, were power with balance, tannin for a healthy spine-life and gorgeous fruit. And that?s just Tuscany. Notes for 2012 red wines from the Marche region, from Piedmont and the Veneto (Amarone) presented this taster with high marks. This is a solid vintage for cellar-worthy reds. I already own a cache of Barolo, Barbaresco and Chianti Classico wine and suggest anyone who takes my words seriously to buy in now. The excitement over new vintages (like the 2013 in Piedmont) often leaves the previous vintage in a limbo state. There are some good values to be had.

2013 ? Four days in Piedmont, after Vinitaly, which bordered on a death-march, nonetheless produced notes of astonishment. 2013 is the current (and new) release for Barolo, and the producers we saw were showing wines that had grip, warmth, openness, freshness and lots of energy/tension/balance. Among the wineries we tasted were Burlotto, Massolino, Pio Cesare, Rocche Costamagna, Renato Ratti, Conterno Fantino and Carlo Revello. There is a plethora of enthusiasm for 2013, and rightfully so. If you read in the old books about Barolo being a tannic wine (and not the tannins of the barrels) and like me, have labored to detect those tannins (having grown up drinking Napa Valley red wines from the 1970?s), 2013 display and confirm that Nebbiolo indeed can be tannic. Again, great for the long-haul, great to put in the cellar and wait 20 years for the wines to blossom. Note to anyone under 40: this vintage is for you, not for the Silverbacks in the audience.

2014 - What can I say that I didn?t say last week? Choose classic producers; do not forsake Barbaresco (or Etna) in this vintage. Find the producers who knew what to do with the swirling weather and the unending blather from the naysayers. There are some lovely wines, and not just reds. Umani Ronchi?s Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico Superiore Vecchie Vigne, Bucci?s Verdicchio Classico Riserva "Villa Bucci" DOCG, both from the Marche and Rivetto?s Nascetta all are worthy white wines for the table.

2015 ? It wasn?t the Italians that first clued me into this vintage, it was Burgundy. And yes, there are those experts who don?t see Burgundy in 2015 as a great overall vintage. But what it did to me was shoot off a flare. And then I tasted the 2015?s in the Langhe, you know the simple Nebbiolo wines and I said to myself, ?Wow!? Yeah. All the reds, the Dolcetto, Barbera, Freisa, Pelaverga, mesmerized me. These wines were rich and fruity and fresh. And yes, in the youth of a wine, those are attractive, even seductive. But after they slough off their baby fat, will there be any there ? there? If the Nebbiolo I tasted, many of them, are any indication, this is another round-tripper. I said to myself, ?when have I seen such a run of the bases in Italy? Four years, some great wines, and not just from Piedmont or Tuscany?? Yeah, I was talking to myself a bunch, wishing I was a wee bit younger, to be able to really enjoy the 2015?s from Barolo and Barbaresco when they have 10-20 years of aging. But I?ve had great exposure to great vintages in the last 50 years, so no real bellyaching from me. Just a slight bit of jealousy for the millennials (and the Gen-X?ers) who will see these wines in full bloom. Tasting notes with words like fragrant, delicate, powerful, rich, not heavy, delicious, intense. Yes, the producers were a small sampling, not like one would find at the vintage tasting they hold in the Langhe. But what I saw and tasted really made an impression. So, save room in your cellar for these wines, and also for Burgundies as well (hey, if the new French president can admit one of his favorite composers is Rossini, we can show some love to our French wine cousins. They?ve earned it).

Which leads us to 2016 - So far, the whites and rosé wines have been bottled. The reds are still in barrel, Inox or concrete.

The 2016 whites and rosé wines that have been bottled are exactly what they?re supposed to be: crisp, fresh, fruity and lively. Italians drink them to shred the long, dark winter months from their metaphysical frames. Americans are starting to adapt a similar mien. It might be too soon to anticipate greatness from the white wines in Italy that have staying power. But for now, the youthful entries are refreshing and delicious.

The 2016 reds are still in process. So how can one tell how great the great red wines will be from that vintage? Again, I will draw from my French cousins in evaluating them, something I learned from going to Bordeaux En Primeur time and again, tasting hundreds of wine from the same vintage, day after day. Some people say it is impossible to evaluate by tasting such young, tannic, fruit-forward wines. But walk a mile in those shoes and it is clear one can come to some relatively accurate conclusions as to the depth and width (and greatness) of a vintage. And in the case of 2016 in Italy, there is a lot of enthusiasm for the quality of the vintage. The barrels I tasted from in Tuscany and Piedmont kept giving me notes like ?not overly extracted,? ?rich, expansive flavors,? ?nice grip with respect to the tannins,? ?very smooth? and ?unencumbered.? Look, we still have many miles to go before release (and many promises still to keep). While the ?13?s, ?14?s and ?15?s unfold the 2016 will eventually cycle into the order of business. But I believe this vintage will be welcomed by wine lovers looking to store wine in their closets until they come of age.

All this to say that the last five years we have seen unprecedented return from the great vineyards of Italy - and not just the usual suspects from Tuscany, Piedmont and the Veneto. This Golden Age has been crowned in the 21st century and now in the twenty-tens (or the ?noughties?) we have before us five admirable vintages, with unique strengths - not all appearing the same - but full of promise.


It really doesn?t get any better than this.



wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[05/07/2017, 15:09] Piedmont?s controversial 2014 vintage in the Langhe
How important is vintage? Does terroir prevail over the wind and the rain and the sun? Does a farmer, who works the land for 40 years, have special tools to overcome the vagaries of the land? Or is it all a cosmogonic crap-shoot?

Those are questions people, far better connected than me, have been grappling with for aeons. But nonetheless, those were the questions I too asked as I stood on the tower in Barbaresco, overlooking one of the dearest wine producing spots on earth. And 2014 was the vintage in question.


The 2014 vintage overall, in Italy, presented a number of quandaries. Italy experienced a wet and cool growing season followed by rain during harvest time. Or so one would think, reading prognostications from the ?influencers? on the internets. One would lead to believe the vintage a complete ?wash-out? if one never set foot in the vineyards and post-harvest, the cellars. And for many, that will be the case. But it would be a grave mistake to take the word of bloggers and other sharpshooters, looking to make their mark by firing into the crowd of the 2014 vintage. There are plenty of innocent producers in the congeries - producers who made admirable wines.

Piedmont wasn't without its share of problems. Producers in Barolo are not looking forward to explaining it away, when the wines will be released next year. For now, they have 2013 to work with and 2013, in Barolo-land, did not disappoint. 2014 however, I am sure, we will hear from many that the bad weather ?narrowly missed their plot,? that ? we worked our land carefully and harvested only the best grapes,? and ?our winemaker, in concert with the moon and the cosmos?? We will hear it all. And some of it will be the truth.

Meanwhile, the folks in Tuscany, Chianti Classico, Brunello and Vino Nobile producers, will have to contend with the ?judgement of 2014? in their lives. Brunello will fare well enough, for by the time the wines are released, in two years (2018), everyone in Piedmont will be waxing over the glories of the 2015 vintage. And Brunellopoli will have been in in the rear view mirror 10 years hence. A lifetime in the wine world. Chianti Classico is now dealing with it, and the chatter is still at a low-decibel level. Etna escaped the wrath of 2014, but is also dealing with outsider's murky perception of the vintage, on the whole. Etna is still a darling. There wasn?t enough wine made to fret over. And, the wines were damn good.

No, the burden falls square in the lap of the Barbaresco producers ? and right now ? as the wines are in release. I first tasted the 2014 Barbaresco (in barrel) in the spring of 2015. It was in the cellar of Carlo Boffa, a small producer, neighbor to DeForville and Gaja, two renowned producers in their own right. When I tasted his Barbaresco I made a note, ?Buy all you can of this wine.? When I tasted the wine again, last month, at the winery, I did just that. The wine was a benchmark for what Barbaresco means to me: fresh, elegant, balanced and still very affordable to those of us who still yearn for value in their wine.

Aldo Vacca, who is the director for Produttori del Barbaresco, also has good response to the 2014 vintage. His notes on the 2014 vintage follow:

?2014 was a quite difficult season in the vineyards all over Europe; however the favorable end of the season proved to be a pleasant surprise for the quality of the grapes on the Langhe Hills. In particular, the region of Barbaresco was a shining exception in a difficult vintage.

After a mild winter we experienced the usual up and down. Unfortunately this climatic pattern continued through June and July resulting in a mix pattern of cool / warm days and frequent, heavy, extremely localized rainfalls. The ideal conditions for the spread of vine diseases made vineyard management and spray timing absolutely crucial in order to save grapes through the harvest. Summer green harvest was mainly focus onto limiting the potential risk of botrytis spread; the work in the vineyard was crucial and painstaking through the summer.

By mid - August, however, Barbaresco was experiencing a much better situation, far dryer than the rest of Piemonte. September was undoubtedly a more positive month with good day/night temperature difference which proved to be fundamental for the ripening of the grapes and the complexity of the aromas.

In the end, the total rainfall during the growing season in Barbaresco was almost one third than the rest of Piemonte and almost half of the one in Barolo. As we know a dry end of the season is all what it takes to make a great vintage. We were therefore able to wait and Nebbiolo harvest started late in Barbaresco, at least by the new millennium standards, on October 8th and ended, under dry and sunny conditions, on October 22nd.

2014 wines will be similar to those from the 2013 vintage, medium in body, but well balanced, rich in color and aromas, with great mineral finish and long lasting potential."

A further signal that Aldo Vacca and Produttori del Barbaresco is invested in the greatness of the 2014 vintage is that they will release the Riserva Cru wines from the 2014 vintage, something the winery opted out of for the 2012?s ( the winery will also release the Riserva Cru wines from the 2013 vintage).

Yes, there will be blood, when the 2014 wines get into the system. And there will be more blood, when the Barolo wines are arraigned within the commercial vein. There will be divinations (in real time) from the ?sky is falling? set. The heavens will rain blood red, the blood of insipid Nebbiolo that missed its mark in the 2014 vintage. All for the sake of attention, or hits on their blog/web/Instagram feeds. And who will believe this ?fake news?? People who don?t take the time to dig in for themselves, the ?followers.?

I?m not asking anyone to follow me. That is, unless one is looking for supple, graceful, delicious wine. I am an unabashed fan of Barbaresco. I have more of that wine in my wine closet than any other wine. It is part of my pension plan, the wine I wish to drink in my dotage, when I have stripped away most of the chatter and distraction that the material world clamors over. It will be the wine I will drink when I am in my cave facing the wall, looking towards a more introspective (and introverted) segment of my life. And the 2014 Barbaresco will be there with me in my cave, long past the screeds of the attention-addicted naysayers and the din of the thundering herds.




Highly recommended reading - additional links:


wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[04/30/2017, 14:04] Rare and precious ? And other unlikely juxtapositions
It started last night while I was looking for a bottle of wine to go with the lasagne. I wanted something a bit rustic, not too heavy, maybe with some age on it, and red. Isn?t that how everyone does it? Go to your wine closet and pick out something fabulous?

Earlier in the day, at the nearby supermarket, I noticed a display of wine and saw the word Rosatello. Once upon a time, that meant a lightly dry rosé wine from Tuscany, long before ?that? was famous. Now it means sweet, red or rosé, still or fizzy, depending on which bottle is presented. But someone shopping in this supermarket would probably get a bottle of either, to go with their lasagne.


The choices we are presented, each and every one of us. And how wine intersects our decisions, our philosophy, those choices and how it reflects back upon the chooser, and how they view their place in this temporary parking place in the galaxy.

For the past month or so, it has been terrifically humid. So much that every day I go into my wine closet (when I am home) and empty several gallons of water from an overflow container. Every time I wonder, was this in those bottles and is it seeping out? Is there a caché of wine, somewhere in that closet, that is slowing emptying out? Is this folly of collecting wine for so many special moments just that?

At a recent dinner, in Italy, the neighbors, nearby where we were staying in Tuscany, invited us to a dinner. Sheepherders, they were boiling up mutton stew. We brought a fancy bottle of Barbaresco in magnum. Our hosts also brought wine in magnums, a Montepulciano d?Abruzzo and a Barbera, recently purchased at the local Coop. It was a casual event, and we drank the wine out of plastic cups.

I noticed that the Barbera had this searing volatile acidity to it. And being one who likes a little of that character, I was drawn to try the wine. This one was over the top. But like moths to the flame, I was kept going back to the wine. Sipping it in my plastic cup, I felt a little ashamed that we brought a wine that was so much ?greater.? Here we were in Italy, and I was feeling bad about sharing a great wine with our friends!

There was something else at play here. Was it a socio-economic thing? These were hard working people, people who have their hands in the stuff of life every day. Yes, I guess I was feeling a little ashamed, in that maybe these days I don?t work as hard as I once did. And yes, maybe I have gotten a few lucky breaks along the way.

But it hit me that the relationship that everyday, normal Italians have with wine is different from those of us who howl at the moon over every nuance in wine. It?s less critical. And it is also more interwoven into their life. It?s no big deal. There?s no ?rare? and there?s no ?precious.? It?s just the life.

Years ago I read somewhere that the average Italian doesn?t collect wine. They go to the store and buy it when they need it. They don?t pour over catalogs and lurk over social media sites, where friends display those rare and precious bottlings, perhaps over some amazing dinner with dear and famous friends and colleagues. They are unencumbered with the luggage of expectation.

Oh, yes, they might miss out on some special bottle of wine, maybe drinking that 1959 Mouton at some special person?s 90th birthday celebration, one of many.

I saw the slight hesitation, almost a reverence that our friends at the party had for the magnum of Barbaresco, almost as if they were hesitant to enjoy the wine. As if it wasn?t there for them. I noted we probably should have brought two magnums, so that everyone could have imbibed to their hearts content. But then the bottle emptied and we all moved on to the next bottles on the table.

The Barbera was next. And with the lamb, the rusticity of the dish ameliorated the wine. It was fine.

What wasn?t fine were the inner machinations my mind was going through. Had I gotten my head so far up my ass in this business of wine that I couldn?t even enjoy a simple glass of wine with some of the most genuine people I would ever know? I looked around. Suntanned, from work. No furrowed brows, none of that citified stress. These were terrans, doing the work of the earth, eating the fruits of their labor and drinking wine from other farmers who worked their earth.

Aside from sharing their food and their wine, they were there to share their happiness. Yes, life is hard, and we have to work until we die. And yes, we get old and infirm and feeble. But not right now. Right now, we have this table and this food and this wine and these friends. And that, my friends, is pretty damn rare and precious.








wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[04/23/2017, 16:54] Is the World Ready for New Italian Wine?
When Jon Bonné penned his groundbreaking book, The New California Wine, he caused a lot of us to look at wine in a different light. It wasn?t so much that all of a sudden winemakers in California were doing something different than they had done before, for in California, experimentation is always part of the gambit. No, it was that he caused us to perceive, from a different perspective, how some winemakers in California were going about the art and craft of winemaking in a totally unfettered way. In fact, these revolutionaries, some of them, have also become part of the mainstream for wine in the Golden State.

There will always be a large commercial aspect to wine in California and other places in the world where wine is part of the commerce of the country. France, Spain and Italy come to mind. Italy has had, for some time, a robust commercial side of wine. A recent visit to the 51st edition of Vinitaly showed just how vigorous that business still is.


But there are also those souls who look not to quantity of production as their barometer. There are those who look to provide wholesome and tasty wines that are not necessarily in the commercial mainstream of Italian wine. As in California, where people are often looking to break out of the expected mold of expression, so in Italy, it is almost expected that a percentage of winemaking will deter from the conventional. Is this what Bonné might call the New Italian Wine?

I?m a bit torn about this, for I see people and winemakers who would not want themselves to be pigeonholed as either a mainstream commercialist or as a rogue inventionist. There will always be those who reject any kind of classification of their work. That?s almost de rigueur in Italian culture, from where I perch. But it is interesting to note that there is a good deal of energy being generated in the Italian counterculture of winemaking that are achieving some interesting and compelling expressions of wine. It?s an eddy along the river of this Golden Age of wine we find ourselves in Italy. But by no means is it a minor adjunct.

Look, there will always be huge production of commercial wines from the Chianti, Prosecco, Pinot Grigio and Moscato categories. As well, there are also people producing wine from those areas that would fit into the New Italian Wine cast. Christian Zago from Cà dei Zago makes a Prosecco like no uber-industrial producer. And it is a lovely, compelling wine. One can comb the hills of Tuscany or Friuli and find people who lend their interpretation to Sangiovese or Pinot Grigio with respect, not just for large production results.

But there are people all over Italy who are ready for this revolution. I say ready, when in fact, the revolution is in full swing. Spend a week in North Eastern Sicily, Etna and Vittoria, and see that these folks are not waiting for the starting pistol.

In fact, all of southern Italy is in this mode. Aside large cantine sociale co-ops, there are these small upstarts in Calabria, in Puglia, in Campania, in Lazio, in Abruzzo. The New Italian wine might not be as ?new? as the New California wine of Bonné?s tome, but it is no less exciting.

In reality it might be harder to make the case for New Italian wine, because there are so many grape varieties. While California winemaking had been dominated for so many years by Chardonnay, Cabernet, Merlot, Sauvignon Blanc and Pinot Noir, Italy has lumbered over a profusion of grapes and wine types. It might be harder to ?differentiate? oneself from the typical as the mainstream was so diffuse in Italian wine culture. Someone making Gaglioppo in Italy, as they had done for many generations, might not seem as edgy as someone who finds a long-forgotten parcel of Verdelho in Eldorado County. Nonetheless, the thrill of discovery, on the wine trail in Italy, is part of what makes everything seem so new and old at the same time. But to talk to winemakers in those forgotten zones, like Arianna Occhipinti or Cataldo Calabretta is to see the old as new. Maybe that is the lesson of the New Italian wine; that what was once old is new again. From my recent travels across Italy, I am here to tell you that the revolution is alive and well.

Filippo Rizzo of Lamoresca



wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[04/21/2017, 08:34] Vinitaly edizione 2017. Mi si nota di più se

Fammi dire due cose pure a me su Vinitaly edizione 2017, altrimenti pare che non sono abbastanza mediattivista. Per prima cosa ovviamente gli assaggi, che sono stati (facile da indovinare) una cifra iperbolica. Nel consueto mood "ricicliamo il lavoro già fatto altrove" quindi segnalo:
«Barolo 2011 di Giorgio Scarzello. Perché va bene la profondità, le spezie, la complessità e insomma la barolitudine austera, tutte componenti che qui ci sono con abbondanza. Però poi c?è quel bum di bontà in bocca, un po? indicibile in quanto spiazzante, cioè quasi intimorisce la perfezione bilanciata di questo nebbiolo, che si infila dritto e inamovibile tra i vini che non si dimenticano. Intorno ai 35 euro in enoteca, secondo me l?affare del millennio. Poi di seguito, c?è il Pinot Bianco Flowers 2015 di Von Blumen, un altoatesino che passa 8/10 mesi in botte grande e se ne esce bel bello ad esibire sontuosità e lunghezza, importante ma non lo fa pesare, con un finale da pasticceria che lo rende simpy. Per coerenza è importante pure il prezzo, sui 20».

In quel minireport, è inevitabile, resta fuori moltissimo, e al ritorno uno consulta gli appunti allungando un'ideale lista della spesa. Per esempio ci sarebbe il Raboso di Casa Belfi, assaggiato a Villa Favorita. Belfi poi fa un prosecco sur lie altrettanto glorioso ma quel rosso brillante con bollicina era micidiale per delizia di beva. Il classico vino che induce ammirazione nei confronti del vignaiolo. Per esempio (2) ci sarebbe un solito noto di Liguria, Terre Bianche, che non contento di fare Rossese di Dolceacqua grandiosi ha infilato due bianchi 2016, Vermentino e Pigato (Riviera di Ponente) solo spettacolari: pure un po' pirazinici/minerali, e sappiamo che minerale non si dice ma ecco, l'ho ridetto. Pazienza dai.

(Cosa vuol dire pirazinico/minerale, spiegato: immagina una cosa che ricorda vagamente l'odore dell'acqua di mare quando l'onda evapora veloce sui sassi roventi della spiaggia. Forse ci sono riuscito, o perlomeno ti sarà venuta voglia di vacanze).

Vinitaly inoltre consente quegli assaggi che hanno già fatto tutti i tuoi amici da anni, e un po' per caso e un po' per sfortuna tu hai sempre saltato. Per questo dire che Damiano Ciolli in Lazio fa cose sensazionali (Silene 2015, Cirsium 2013) non mi procurerà gloria, ma ci tenevo lo stesso a partecipare: rossi raffinati, speziati, morbidi. Considerando che a tutti e due ho dato punteggi prossimi ai 90/100, ora la domanda è solo una: perché diavolo ho aspettato tanto.

Ci sarebbe da dire, poi, qualcosa sulla annosa vicenda dell'organizzazione carente della fiera. Il fatto è che quest'anno, pare, non c'è quasi niente da dire. Personalmente non ho notato grossi problemi, anzi tutto filava liscio, lo stesso mi ha fatto notare più di un amico, e quindi insomma qui abbiamo un problema: abbiamo poco da lagnarci. Una funzione della blogghitudine viene meno.

Oppure, potremmo fare i ganassa e immaginare, anche, che le vecchie lagnazioni siano servite a dare un contributo. Ma no, pare troppo autoreferenziale.

Per me vale l'eterna idea che ho di questa fiera. Quindi ritorna il mood "ricicliamo il lavoro già fatto altrove":
«mi piace l'aria da grande mercato di paese che si respira. Questo probabilmente perché molta parte di chi espone appartiene, comunque, ad un certo mondo contadino che si sta estinguendo (evolvendo, diciamo) e che mi ricorda l'infanzia; alla Fiera ritorno un po' alle radici, e le suggestioni dettate dai ricordi di mio padre che trattava con i contadini (fornitori, si deve dire oggi) ha un peso non piccolo: stringere quelle mani e guardarsi negli occhi parlando di vendemmie e lavori in cantina fa scordare ogni ressa o coda».
Sarà che ormai ho superato le venti edizioni visitate (non ho tenuto il conto preciso, accidenti).

TrackBack
[04/16/2017, 07:59] An introvert?s guide to surviving Vinitaly
Amor litteras ad Vinitaly
My dear mom was an extrovert. Being around people recharged her batteries, not that she needed them to. She was a perpetual motion machine. But as a child of hers, who came into the world as an introvert, the opposite happens when I am around a crowd. Thus, when I visited Vinitaly after a year?s absence, I imagined all the other people who might have to brave the endless pavilions of Veronafiere and are also introverts, and thought to make a plan for all of us.


That said, it was with some trepidation that I returned to Vinitaly this year. Two years ago I was pretty harsh about the state of the condition of the fair and was, for an introvert, uncharacteristically candid about it. It set off a firestorm in the Italian wine community. Way too much attention was aimed in my direction, and so I let the little bird free and backed away into my little corner of invisibility.

Last year I was unable to come to Vinitaly with a series of throat issues which ultimately resulted in having my tonsils removed in the summer. But enough about me. Let?s dive into an introvert?s guide to surviving Vinitaly.

1) Get yourself registered early. Sometime around the first of the year, if you are in the wine trade (and really this is not a consumer event ? there are those available which I will note later in this post). When you do get registered, make sure you download the ticket before the cutoff date. Save it as a pdf. Make sure you do it, because if you don?t you will have to go through some heavy machinations at the fair, waiting in long lines, to beg forgiveness for not following instructions. Introverts don?t like lines ? they might have to talk to a stranger or worse yet, get jostled in the line.

2) Arrange your accommodations well in advance of the event. Like years. Really. But if this is your first (or only) time to go to the fair, try and arrange to stay in Verona or somewhere nearby where a cab, or a shuttle (God, no!) can take you to the fair. Don?t skimp on the price. You get what you pay for. Do this now. And make sure you ask for an interior room, not one facing a the street where a wine bar is, where people bleed out into the street drinking until 2AM and talking loud, smoking and singing soccer team or old Lucio Battisti songs.

3) Download the Veronafiere Vinitaly map. Those 18 buildings (yes, I said 18!) represent your world for four days. Make a plan. Oh, and wear comfortable shoes. Even if they look dorky. And try and find a way to not have to spend so much time traveling from one building to the next. Not an easy task, by the way. But there will be crowds, and among those crowds you will encounter:
? People strolling like they are in a park.
? People smoking, especially in the spaces between the halls.
? People in first stages of foreplay ? advanced by not spitting their wine out.
? Crowds ? and at times ? SURGING crowds.

When you must walk from one building (called Pavilions) to another try and walk around the perimeters. This will prove to be less populated (also less smoke) and also offer the introvert a change to recharge in the light and the air and the relative calm of the fair.

4) If you plan to see producers, make appointments. If the producer is famous, try and make the appointment early (before 10AM) or later (after 4PM), avoiding folks who again, surge the booths around lunch time. Allow at least an hour for an appointment.

5) Know where the good bathrooms are. I have already covered this in another post, but I need to amend that piece. Last year Veronafiere and Vinitaly previewed new ?Producer? bathrooms. The participants of the fair who exhibit have access to clean, quiet, uncrowded stalls. To an introvert, 2 minutes in one of those is like plugging a Tesla into a charging station for 20 minutes. Find a producer who will give you their access to those bathrooms. They are lifesavers.


"What a pair!"
6) After hour events. While it sounds good to cap off the day with a dinner, plan these very carefully. After a day on your feet, probably the last thing an introvert wants to do is to take a long drive in the countryside, often on a crowded bus with other tired people, to go to a dinner with 300 other people. Because once you get there, there will be:
? Speeches ? and Italians don?t give short speeches
? More wine
? More people (and names) you will never remember
? And endless courses of food (with the wine) that will force you to make small talk at the table with people you will never see again in your life.

Resist. Get yourself a salad and a glass of wine somewhere, early, before you go to your room, to power down and recuperate.

7) Transportation. The best suggestion I have heard was from Lars Leicht. He and his colleagues have arranged a car and a driver to pick them up in the morning and at the end of the day. No waiting in lines for a cab, no shuttles from the fair to downtown Verona. Quiet, clean, cars. Worth every penny. I made the rookie mistake of jumping on a shuttle at the end of the day that I thought was going to Verona. It was filled with throngs of young, wine marinated sports fans. And while I can appreciate the unbridled enthusiasm of wine-besotted youth, as an introvert, it is death by a thousand cuts. Don?t do it. Walk back to your room if you don?t have a personal car and driver (hence the reason to wear comfortable shoes).

Asa-Nisi-Masnaghetti
8) Off-site meetings. More and more importers and winery groups (importers, etc.) are doing their events in conjunction, nearby. Summa in Trentino is a haul, but a wonderful event to attend. It?s in and around an old castle and the vibe is Woodstock meets Burning Man with good food, good wine (and good coffee). As well, some importers, notably Marc de Grazia, do their events in a villa near the airport and is a laid back, mellow event where the noise levels are low, the buffet is good and one can have meaningful conversations with producers one is doing business with. This is not to take away from Vinitaly and the huge strides they have made to improve the wine fair. But it?s also a way to get a jump on the events before and during the show in Verona.


The folks at Veronafiere and Vinitaly have made valiant efforts to mitigate the crowds at Vinitaly. And they have initiated consumer friendly events in and around Verona city. One of them is Opera Wine, in conjunction with the Wine Spectator. Normally, an introvert would stay as far from that kind of event as possible. But, if you plan it correctly, you can get in and out relatively unscathed. The rooms do fill up, eventually, but an early arrival will allow one to sample and meet some great producers. So, buck up, get your smiley face on, and do it.

Regardless of our endless grousing about the shortcomings of a fair as large as Vinitaly (or Prowein or Vinexpo),  when it all comes down to it, if you are in the Italian wine trade, you must eventually make your way to Verona. It?s not as mellow as it was in 1984 (when there were only 6 ? 6! ? pavilions) but Italian wine has gotten bigger and more important in those 30+ years. Nothing (and no one) is perfect ? introverts are often harsher arbiters of events with so many moving parts ? because they want everything to be neat and orderly (they can also be a little OCD). But when you see another introvert struggling to get through another 15 hour day, it offers some small reassurance that we aren?t alone in this world ? even though it might be an introvert?s penultimate wish to be so.


With huge thanks to another introvert - "grasshopper" - for his invaluable input with this post







wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[03/31/2017, 09:53] Appunti per il prossimo Vinitaly

La fiera veronese si avvicina, e possiamo cominciare a fare la lista della spesa. Per esempio un ripasso di questo nebbiolo alternativo:
La storia è più o meno sempre la stessa: assaggi molte cose, una sola ti resta in mente. Puoi usare i descrittori più fantasiosi e anche dare punteggi, ma c'è questa cosa dell'elemento affettivo, quella che ti fa ripensare a un assaggio anche giorni dopo, che vale ogni primato. Così adesso salto la fase degli assaggi totali durante Barolo Barbaresco & Friends (organizzato a Genova da GoWine) e mi dedico alla faccenda veloce: the winner is.
Il resto del post continua da questa parte.
TrackBack
[03/10/2017, 09:30] Vecchio Samperi, il destino di un vino bizzarro (si parla di Marsala)

Qualche settimana fa ho assaggiato il Vecchio Samperi di De Bartoli, grazie al giovane De Bartoli che mi ha fatto visita a bottega. Questa per inciso è una parte del mio lavoro che amo particolarmente, quando un produttore dura la fatica di scarpinare fino da me e mi fa assaggiare le sue cose. In più c'era il prestigio storico dell'azienda e tanti ricordi personali legati a quel nome, insomma ero molto contento. E quel Vecchio Samperi era un'altra ragione di contentezza.

Il fatto è che quel vino era, è, pazzescamente buono. Si potrebbe definire un Marsala, ma vecchio stile, pre-english come dice De Bartoli, senza aggiunta d'alcol cioè prodotto nello stile ossidativo precedente alla colonizzazione commerciale fatta dagli inglesi, per quell'area. È un non-Marsala perché trascende il profilo noto di quel vino, riuscendo a superarlo, e diventando altro. E tecnicamente non è un Marsala quanto a denominazione, si chiama vino, e basta.

Già, il Marsala, si diceva. Un vino bizzarro, che ha un destino incredibile (lo dico sommessamente, facciamo finta che nessuno di Marsala stia leggendo) se pensiamo che nella sua denominazione contiene il descrittore di un difetto. Perché sì, non l'hai mai sentito dire, marsalato, di un vino che non è più buono? "È marsalato, puoi buttarlo". Cose così.

Ma allora, chi vorrà mai bere Marsala?

Comunque, avendo questo mezzodito di Vecchio Samperi, mi sono tenuto lì il bicchiere in enoteca per un paio di giorni. Ogni tanto ci mettevo il naso dentro, ne bevevo un goccio per farlo durare. Più ci stavo assieme più mi piaceva. Poi lo facevo annusare ai clienti di passaggio - "ma che cos'è??" - e ogni volta spiegavo.

Quando è finito ho continuato a parlarne con un certo trasporto mistico a tutti quelli che incontravo. Qualcuno ha cominciato a chiedere: sì va be' ma lo vendi? Dov'è? Quanto costa? Vedere?

Il fatto è che non lo avevo comprato. Nemmeno io so perché, parlavo in continuazione di un vino che non avevo in vendita. Perché anche io, da qualche parte, avevo in testa la vocina che chiedeva "chi vorrà mai bere Marsala?" - solo che io continuavo a pensare a quel vino con struggimento. Insomma ora l'ho comprato.

Non costa poco (49 euro la bottiglia da 75) e per quello lo terrò aperto, per farlo assaggiare. E probabilmente lo faccio anche per me, visto che ho una certa nostalgia di riaverlo nel bicchiere.

TrackBack
[03/03/2017, 10:12] E adesso anche la mia newsletter

Dopo circa un milione di anni mi decido, oggi, a settare la newsletter dell'enoteca, che, in un impeto di creatività, si chiama Notiziario enotecario. Chi desidera sottoscriverla può usare questo form:




powered by TinyLetter

Non so bene spiegare perché ci ho messo appunto un milione di anni, ma probabilmente ha a che fare con letture recenti, come questa: "Facebook Users Becoming Less Satisfied And Using The Service Less", uno dei molti (ormai) articoli che criticano l'effettiva utilità di altre forme di comunicazione social.

Quindi faccio qualcosa che mi viene familiare, si torna all'antico cioè alle newsletter, che sono una forma di comunicazione/racconto molto meno invasiva e (diciamolo) stressante rispetto a quel che consente, per esempio, Facebook. Comunque sia, la mia newsletter servirà a informarvi su qualsiasi evento/iniziativa/enochiacchiera che avviene a bottega, e perché no, offerte, corsi, ricchi premi eccetera.
TrackBack
[02/08/2017, 08:35] Un arretrato e un note to self
Ci sarebbero queste due vicende, un arretrato e un appunto per future produzioni letterarie inestimabili.

Un post scritto per Intra che per una volta non parla di produttori, di prodotti né di terroir o cose simili, ma parla di quelli come me: quelli che vendono il vino. E di come quelli come me siano (oppure no) il tramite adeguato alla diffusione di prodotti che provengono da un ambito anche etico, cioè schierato per esempio secondo il criterio di sostenibilità ecologica dell'azienda.

In ogni post c'è un testo e c'è un sotto-testo: stavolta il sottotesto era fondamentalmente questo (e non pare piacevole): ci sono commercianti migliori di altri perché si pongono il problema. Indovinate chi sono io? Quello che si pone il problema. Ve l'avevo detto che il sottotesto era spiacevole, nel senso di scomodo. Il produttore, dal suo punto di vista, non si interroga più di tanto perché probabilmente noi nella filiera siamo un fatto slegato ed individualista, non siamo parte del sistema. E poi 'sto vino bisogna pur venderlo e, come nello spot dello shampo, io guardo al risultato, avrà pensato qualcuno. Quindi qualsiasi Coop-sei-tu va benissimo, non c'è differenza sostanziale nei canali di vendita. A 'sti punti potrei dire evabbè, pace, ma invece no, non mi rappacifico.

Parliamo invece di un altro fatto divertente: giorni fa ero in giro per i miei consueti tour per territori selvaggi (Castagnole Lanze, nell'estremo Monferrato, quasi Langa) ad assaggiare cose prodotte da Gianni Doglia.

Dall'azienda ho avuto solo (solo si fa per dire, non è poco) belle conferme, e pure una sorpresa: assaggio un rosso a base merlot, due anni di botte piccola - un vino in controtendenza, potremmo dire, rispetto al culto del territorio e dell'autoctono. Ebbene, grande assaggio: vino assolutamente monferrino, perché assieme alla confortevole posa orizzontale del merlot associava la spinta verticale che non so imputare ad altro se non all'area di provenienza. Insomma il territorio che domina comunque l'uva non territoriale. Orizzontale e verticale, 'mazza che bella 'sta descrizione, ma quanto mi piace? (Chiaramente comprato al volo. In enoteca sta sotto i trenta euri, prezzo importante ma vino prodotto in 600, dicasi seicento, bottiglie).

Ripensando all'assaggio del merlottone orizzontale+verticale ricordo un descrittore olfattivo facile facile: tartufo. Caspita, dico, che nuance di tarfufo che esce dal bicchiere.

Ecco il note to self: prima o poi bisognerà dire che le descrizioni dei vini non possono essere per forza "mi piace-non mi piace", come ogni tanto qualcuno esce fuori a reclamare, provocando il mio sgomento. La semplificazione delle cose complesse, che è così rassicurante, ogni volta si rivela una discreta fregatura. Note to self: elencare le metafore collegate con l'apparente semplificazione, il gentismo, il populismo, l'uscita dall'Euro e i rettiliani.


TrackBack
[12/16/2016, 08:19] Segnali natalizi laterali

La GDO ci tiene ad informarci del Natale imminente. Così stamattina fuori dalla bottega qualcuno ha abbandonato una risma cospicua di volantini per terra, tra le auto parcheggiate. Il gran vento ha fatto il resto, tappezzando festosamente la strada di carta. Io dopo un po' mi sono scocciato di vedere 'sto scempio e ho raccolto pazientemente (quasi) tutto, rincorrendo i fogli volanti per consegnarli all'apposito cassonetto. E ribadendo in questo modo un'antica funzione nota a qualsiasi bottegaio old economy: tenere pulite le strade fuori dal negozio. Comincia un altro giorno.

Addendum. Qui ci vuole il disclaimer legalese: Il minimarket locale non ha nessuna colpa, se chi si incarica del volantinaggio a un certo punto preferisce buttare per terra quel che invece doveva lietamente inserire nelle cassette della posta.
Addendum bis, io sarei anche cliente, del minimarket locale.
Addendum ter. Per quanto io abbia raccolto, continua ad uscire carta sotto ogni auto, l'impresa pare incompleta.


TrackBack
[12/01/2016, 08:29] Post un po' natalizio, un po' autocelebrativo, ma del resto uno che blogga a fare?
Dovessi spiegare cos'è la mia enoteca, in questa fase del millennio, ormai finirei per dire che è la mia cantina personale. Quel che vendo è quel che mi piace, e tratto gli scaffali della mia enoteca come fossero appunto la mia cantina, la mia riserva personale - solo che poi, in aggiunta, vendo quel che c'è dentro. 

Non ho obblighi o legami con l'industria enologica, né sento la necessità di vendere vini da un euro e novantanove: ci sono già i supermercati, per quella roba. Quindi appunto mi piace quel che vendo e vendo quel che mi piace. Raramente in cantina può esserci qualcosa meno performante (come dicono quelli bravi) e i motivi possono essere numerosi. Quel vino per esempio sta passando una fase riduttiva, oppure è troppo giovane, quindi non è pronto. In quei casi mi limito a sconsigliarlo al cliente: "lascia perdere questo [segue motivazione], piuttosto vedi quest'altro..."

Solitamente fanno una faccia strana a quel punto. A volte gli attacco la spiega che leggete adesso, altre volte no, e permangono in un divertito spiazzamento.

Gestire un'enoteca come fosse una cantina personale a volte provoca conseguenze curiose. Per esempio quando una referenza sta per finire, quando vedo la pila di casse scendere, rallento progressivamente la proposta di quell'etichetta ai miei clienti.

Cioè, un po' mi spiace che stia finendo, ecco.

A volte un certo vino finisce davvero. E allora in attesa dell'arrivo dell'annata successiva (ammesso anche che mi sia piaciuta, ve l'avevo detto che qui è un po' strana la faccenda) lascio lo spazio vuoto sullo scaffale. C'è un buco. Il cliente a volte mi chiede: e come mai lì non c'è niente? Quello è il posto del vino di [nome del produttore] - rispondo io. Adesso non c'è, ma tornerà. Quello è il posto suo, che aspetta.

Altre volte riesco a rallentare la vendita quanto basta, in attesa dell'arrivo successivo. In questo caso capita un fatto altrettanto divertente: riesco ad avere quello che si chiama profondità della carta, cioè varie annate a ritroso di una certa etichetta. Quindi propongo, in alcune confezioni regalo, vere e proprie verticali di annate per alcuni vini. A Natale è il genere di omaggio che appassiona molto l'enofilo, ma anche solo il curioso: percorrere l'evoluzione di un vino attraverso tre o quattro vendemmie è una delle robe più simili al viaggio nel tempo che ci siano concesse, allo stato attuale della scienza.

Ma a proposito di tempo, di Natale e 25 Dicembre. Questo Natale sarà il venticinquesimo che passo nella mia cantina. Sono 25 anni ormai, e ragazzi, che dire? Mi sembra ieri che ho alzato la saracinesca la prima volta.

Nell'immagine: quattro annate disponibili del Feld di Kobler, supremo traminer aromatico altoatesino. La vendemmia 2015 sta finalmente arrivando. Così capite anche perché negli ultimi tempi non vi proponevo più le residue bottiglie del 2014: stavo temporeggiando.

TrackBack
[10/07/2016, 08:24] Punteggi, guide, ed altre elucubrazioni laterali di un assaggiatore
Nel frattempo di là, su Intravino, riparlo del concetto di valutazione di un vino. Dalle cose che leggo, e dall'esperienza fatta finora, posso dare una riposta alla domanda: "quando dai un giudizio sul vino, vale per sempre o per il momento dell'assaggio?" - la risposta (naturalmente) è: "vale per il momento dell'assaggio".

Questa sistemazione del concetto è almeno due volte utile, in questi giorni si presenta la terza edizione della Guida essenziale ai Vini d'Italia, alla quale ho collaborato per la parte della Liguria. Le mie valutazioni si riferiscono al momento dell'assaggio, e con questo cercano di fornire (anche) un quadro generale sul livello stilistico del prodotto, e del produttore: se un certo Pigato (per esempio) ha ottenuto 90/100, puoi stare certo che non berrai male. (Si cerca, anche, di fornire un giudizio di previsione sulle capacità evolutive di quel vino, ma questo è un esercizio molto meno agevole).

Come dice Robert Parker, si assegna un voto alto quando un vino, all'assaggio, colpisce per motivi di tipo emozionale: "il vino deve evocare emozione ? proprio come l?arte, la musica, la bellezza, deve esserci una reazione emotiva, e i grandi vini devono essere emozionali".

Poi può accadere, ad un secondo assaggio distante nel tempo, di modificare quel giudizio, che si ricorda e si riconosce dato in ragione di un sentimento legato al primo "vecchio" assaggio: "quante volte tornando indietro ad assaggiare un vino da 100 punti io confermo il punteggio? Probabilmente nel 50% dei casi", dice Parker.

Nei commenti Daniele Cernilli aggiunge: "due degustazioni in diversi momenti, su due bottiglie diverse, che sono dei microcosmi a livello microbiologico, hanno di per sé una serie di variabili elevatissima. Potremmo dire, con Eraclito, che non si assaggia mai lo stesso vino. Anche perché noi siamo diversi, evolviamo, invecchiamo, conosciamo sempre di più. Perciò, anche per sfatare un po' i punteggi, che io uso da sempre per esigenze di sintesi, come si fa per i voti a scuola, guardacaso facevo l'insegnante, impariamo a relativizzare e a contestualizzare".

L'essenza del prodotto-vino, che diviene (si trasforma nel tempo) come un'entità vivente, ci porta inevitabilmente a questa conclusione. Ma io dico sempre ai miei clienti che, nonostante tutto, tale fenomeno è parte del divertimento legato alla fruizione della bevanda odorosa.

Per chi riesce ad essere presente, e ha voglia di divertirsi con un po' di assaggi, la guida verrà presentata a Milano il prossimo sabato 8 ottobre e a Roma domenica 23 ottobre.
TrackBack
[09/16/2016, 14:55] Breve storia (non) triste. Ripensandoci, non è nemmeno breve
Ai primi di agosto avevo un po' dello Chablis 2014 di Garnier aperto, qui a bottega, sempre nell'ambito di quel noto programma comunicativo intitolato "parlare di vino è divertente, ma berlo lo è di più". E infatti Garnier ha fatto la sua bella figura coi miei clientes, tutti quelli che lo assaggiavano hanno mostrato entusiasmo. E posso capire: sventaglia frutta bianca, fiori, erbe, praticamente è un ripasso del corso per assaggiatori - capitolo riconoscimenti olfattivi. E sì, siccome qui non mi vede nessuno vi dico: è anche minerale.

Com'è, come non è, l'ultima bottiglia semivuota resta in frigo, chiusa col vacu-vin (un ordigno che adopero per togliere l'aria dalle bottiglie smezzate) e lì, in frigo, me lo dimentico. Poi chiudo per le meritatissime ferie di ferragosto. Al ritorno faccio ordine, sono i primi di settembre e aprendo il frigo, toulì, mi sono dimenticato una bottiglia di Chablis in frigo. La guardo, la giro, ce ne sono ancora almeno quattro dita sul fondo, ma nel frattempo avevo altre robe da sistemare quindi richiudo il frigo e lo ri-dimentico per un paio di altre settimane. Evabbe', quando uno è stordito.

Oggi lo ritrovo. Penso: facciamo spazio, questo si butta nel lavandino. Quale vino regge tutto sto tempo al freddo, in una bottiglia quasi vuota, pure se col vacuvin? La domanda ha avuto la seguente risposta: lo Chablis 2014 di Garnier. Che oggi ha finito gloriosamente la sua esistenza abbinato agli gnocchi al pesto, nello splendore del mio tinello. Presentava un unico difetto: era troppo poco.

Morale della favola eno: it ain't over 'til it's over.
TrackBack