TagCloud:


Link to us:



  Blogs & Sites:



 






Mondo Di Vino
Mondo Di Vino





[06/21/2020, 20:39] A Gen-Del Futr?spatch from Italy, Post-SARS-CoV-?: "We Made It Through!"
Dateline June 16, 2080 ? Father?s Day

Dear great-great grandfather,

I am writing this to you (or it is meant to seem like writing) because when we learned we could travel in time, or rather we could go back in time, not forward, or rather we could send things back in time, not ourselves (yet), this seemed like a good time send this communiqu?st.

First, Happy Father?s Day, for without you, I wouldn?t be here. Secondly, thanks to the advances that have been made in the last 60 years, we?ve been able to finally get past COVID-79 and hopefully a few years of breathing space.


Little did we know how you and your living generations got past 19. It must have felt a little like what your great-grandfather, my 5th great grandfather, was experiencing. It moved fast in 1918, faster in 2020. In 2060, the year I was born, there was a global anomaly, and some of us were born with immunities, which scientists in Antarctica discovered came from less than 1% of our ancestor?s DNA. I guess I have to also thank Assuntino, along with you and everyone who passed along the immunity (I should send him a ?letter? too). I?m sorry you didn?t live to see this, but now the miracle of time travel allows me to send you back some good news.

I am living in Truscana, in a small village called Libbiano. We generate most of our power, still, from the hydro electric activity here which is so strong. But we also have gotten completely off of petro-dependency. And even with seasonal heat spikes, we have adapted. And so have the vines. In fact, it seems we have a small retro-climate, which allows for both Nebbiolo and Sangiovese to thrive in and around our locality. We have become one of the most important wine producing areas for Italy, especially since the horrible Strombolian episodes of 2029-32. Etna wines are but a memory, as are wines from Campania, Lucania (yes, we went back to the old name) and Calabria.

And while central Tuscany can still make good enough wines, the Golden Age of Chianti and Brunello are but memories lingering in cellars.

Piedmont, too. The 2nd 21C pandemic wiped out so many vineyards in the Langhe, and the temperature shift created a virus that scientists didn?t have time to address, so intent they were on trying to grapple with the human coronavirus. Again, many of what we think about Barolo and Barbaresco are now from wine vaults. That era has ended.

But we made it through! And our little region is thriving. The geothermal area was truly a ?sleeping beauty,? and it shielded us from the maladies of both the North and the South. The Italian population has altered, and we?re much more diverse than when you or Assuntino knew Italy. We now speak a version of English we call Linglesiano. That you can thank the American computer industry, for killing our language. But seeing as we sit in a place once made famous by Dante, the understanding is that language is like steam, and sometimes it can be very useful, and sometimes it can be very elusive.

I have about 250 words left so I musn?t waste them.

I am the benefactrix of all of you who came before me. We are living in a world that was brought to its knees, made to relinquish to the collective good all that had been purloined to the few for whom the pursuit of personal liberty (and materialistic gain) drove many Italians into the volcano, much like our ancestor Empedocles, although for different reasons.

My generation, ?, is ready and able to treat this wonderful planet, Terra, with the respect which it deserves. And to the people, all of them, as well. Not just the rich. Not just the white, not just the adults. All people. As you used to write in 2020 ? Every. Single. One.

We made it, dear great grandfather, even if some of you were more part of the problem than the solution. And we hope, by sending this back to you, that you will understand that your hope, your good will, your desire to open the world up to everybody, will grow. And we know it will, because here we are, back in the Garden. Paradise wasn?t waiting for all of us. Many died. Many suffered. Over many years. But we are here, we made it. We made it!

Love to you and everyone around you. Mother Akna is safe. I wish you well.

Assuntina Scaev-Alora

P.S. We are working on sending you back a bottle of our wine. Should be about to do this in less than a year. Don?t go anywhere!







wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[06/21/2020, 15:15] Ceresio 7 Pools & Restaurant ? Chef Elio Sironi ? Patron L.Pardini ? E.Grassi ? M.Civitelli

Ceresio 7 sorprende a prima vista con uno skyline mozzafiato: uno scorcio invidiabile sulla citt? che regala un punto di osservazione della nuova area di porta Garibaldi con i suoi imponenti grattacieli e l?algida struttura del cimitero Monumentale. Questa cornice sorprendente, al quarto piano, valorizza una cucina elegante, dai gusti immediati. Piatti, realizzati con materie prime italiane sceltissime, serviti da una garanzia di attenzioni, accoglienza e rapporto con il cliente impeccabili. Un?atmosfera industrial-chic che offre una fuga dalla routine metropolitana, rendendo Milano contemporanea nel panorama gastronomico europeo.

La guida della cucina ? affidata alle sapienti mani e mente dello Chef Elio Sironi, il cui segno distintivo ? la ?semplicit? esigente? che contraddistingue la base di ogni portata, insieme all?italianit? e quindi al twist di tradizione e valorizzazione dei sapori.

La regia ? affidata ai ?padroni di casa?: il trio Grassi, Pardini, Civitelli?che hanno fatto?breccia?sin da subito con la loro?proposta, un rituale di accoglienza che fa sentire il cliente coccolato dall?inizio alla fine.

Ceresio 7 offre due piscine panoramiche, un lunch sui tavolini in terrazza fino all?aperitivo da sorseggiare al tramonto a bordo piscina, prima di godersi una cena stellata e un avvolgente cocktail finale in un ambiente caldo ed elegante.

 

La Squadra:

Lo staff in cucina

Chef:?Elio Sironi
Pastry chef:?Ilaria Ferr?
Sous chef:?Marco Pemaro, Filippo Castellucci

Lo staff in sala

Patron:?Edoardo Grassi, Marco Civitelli e Luca Pardini
Chef de rang:?Omar Frasca

Partiamo con un aperitivo in terrazza a bordo piscina…

Cocktails in arrivo!

Serviti con mandorle salate e patatine Patatas Nana.

CENTENARIO – Omaggio al conte Negroni
Koskue Rye gin, Bitter Riserva Martini, Vermouth & Barolo Chinato Cocchi, Farmily Asia.

MALACCA
Tanqueray gin, sherbet al pompelmo rosa e cardamomo, St. Germain, lime, mandarino Miyagawa.

In arrivo anche un finger dalla cucina: carpaccio di tonno rosso con julienne di ortaggi in sa?r.

Ci spostiamo al nostro tavolo per procedere con il pranzo.

Degustiamo il Bianco di Rosso della Diesel Farm di Marostica, Chardonnay in purezza, annata 2014, servito da Edoardo Grassi.

Dal colore giallo vivido, minerale e intenso, questo vino elegante e setoso al palato ? perfetto per iniziare.

Piattoooo!!!

Iniziamo con un intrigante gioco di colori e sapori: granchio reale al vapore, zenzero, melone e saor di ortaggi. Una carezza di benvenuto che introduce un menu perfetto per la stagione calda.

Sfizioso seguito di gratin di capesante, asparagi, indivia e pepe verde per un ottimo equilibrio di sapori.

Una piccola pausa dai sentori minerali e delicati del pesce con una portata che rivoluziona il palato a base di porcini cacio e pepe, timo, nocciola e pastinaca. La nocciola gentile accompagna molto bene la sapidit? del cacio abbinato alla delicatezza del porcino, mentre la nota leggermenta acidula e ricca della pastinaca ne eleva i sentori.

Torniamo al mare con un primo piatto d’impatto: tagliolini alla granseola, cipollotto, lime e pepe rosa. Profumatissimo e colorato, un incontro di sapori decisivi e molto intensi.

Piatto signature dello chef Elio Sironi: spaghetto al pomorodo, caprino e buccia di limone. Il formaggio fresco di capra presenta un sapore decisivo per il piatto, che eleva la salsa di pomodoro in un gioco di temperature differenti e sapori persistenti.

Proseguendo un delizioso astice alla Catalana, delicato ma deciso. Un piatto comfort per nulla banale.

Acqua pazza di mare…un tripudio di sapori a base di seppie, polpo, ricciola e triglia. Leggerezza e felicit?, profumi che ricordano la gioia delle prime giornate di sole dopo inverni lunghi.

Lo chef viene a farci un saluto al tavolo!

Un calice di Chianti Classico Riserva Capannelle annata 2015.

Equilibrato ed innovativo, gode di una grande polpa, 100% Sangiovese, con aromi decisi ma tannini sottili, dal finale lungo e persistente.

Per una conclusione perfetta con caff? e piccola pasticceria, torniamo a bordo piscina.

Cucina

Il menu segue la stagionalit? e l?offerta del mercato con grande gusto e finezza di abbinamenti, garantendo una variazione periodica, un?attenzione metodica e un?appassionata ricerca di prodotti sempre selezionati, essendo lo chef specializzato nella cucina mediterranea gourmand.

Servizio e accoglienza

Ceresio 7 ? caratterizzato da un ambiente di tendenza e di design, in cui Luca Pardini, Edoardo Grassi e Marco Civitelli vi accoglieranno con eleganza, passione, e grande esperienza garantendovi precisione, senza mai mancare di un sorriso gentile e un servizio inappuntabile.

Conclusioni

Possiamo concludere, confermando ancora una volta, quanto Ceresio 7 si possa candidare tra le terrazze pi? esclusive del panorama Meneghino, con caratteristiche internazionali ?cool? pur proponendo concretezza ed estrema qualit?.

Un GRANDE GRAZIE e a presto!!!

Ceresio 7 Pools & Restaurant
Via Ceresio, 7
20154 Milano
Tel. 02 310 392 21
Aperto tutti i giorni


E-mail:?
info@ceresio7.com
Sito internet:?www.ceresio7.com

La prenotazione ? caldamente consigliata

L'articolo Ceresio 7 Pools & Restaurant – Chef Elio Sironi – Patron L.Pardini – E.Grassi – M.Civitelli proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[06/14/2020, 16:36] A Pool, a Piano and a Painting
The times have a way of changing what one thought was important, once upon a time. Now, more than ever, the highly charged and emotional turmoil we find ourselves immersed in has illuminated abstract concepts, like legacy, fairness and respect. Along with more mundane things, like a pool, a piano or a painting.


When I was younger and restarting my life, there were influences that compelled me to seek happiness, and peace, in both the practicable and the quixotic dimensions. I?m only human, just like the rest of us. And the notion that I could construct a fulfilling American life presented itself to me amidst the fog of longing for peace, love and family. Little did I know that road was pocked with landmines for one?s resources and one?s heart.

First it was about a swimming pool. We ?had? to have one, because the 17% interest rate on the mortgage went down to 13.25%. Hence, we had a surplus of leftover cash in which to be able to afford one. Mind you, the note on a $65,000 home with a change of 3.75% resulted in a monthly saving of $200 (but who saves at 28?). That was a huge note. But ?we? had to have a pool. Eventually I sold the house and moved. That?s how I got out of that.

Then it was a piano. And not just any piano. A baby grand piano. Another $4,700 dollar loan and monthly payments. For a piano that sat in a living room that nobody ?lived? in. Eventually I ?loaned? the piano to a jazz musician friend. And that?s the last I saw of it. And another shackle was removed.


Then it was a painting. But not just any painting. No, it was from the ?friend? who was one of the up-and-coming artists of our time in our town. So, another $3,000 plunked down, $100 a month until it was paid off. When it was, it left the wall with the person (that originally ?needed? it) who left town to pursue more happiness. At the time, it seemed traumatic. Now, it just seems like folly, of which I was able to extricate myself from, and get on with my life.

All this to illustrate that we sometimes, if not often, think we must have something to make our life better, when, in reality, just the opposite will work and maybe even be an improvement.

It is desire? Lust? What is it that drives us over the cliffs of longing? And now what is it? Do we really know? I think, deep down, many of us know what the right thing to do is. But how many of us will do it?


Looks like I?ve really strayed off the Italian wine trail this time. But is a review of a Montepulciano d?Abruzzo really something you need right now? Can it wait?

I was hanging out a shirt to dry yesterday. It was sunny and clear and hot. And I heard the sound of a sparrow hawk above me. It was catching the thermals. There were actually two of them, the usual couple that hangs out and lives nearby. I followed their movements, a little jealous of their freedom to fly. But also, so happy that these creatures had the freedom to play, not just make it through another day of surviving. And then I saw the mockingbirds, four or five of them, darting about and trying to clip the wings of the hawks. The hawks, while disrupted, didn?t let it mess up their day. They turned it into a way of making a different dive, and then catching another thermal. It was play with a purpose. And they could fly higher and faster. What could be better fun on a Saturday afternoon in the spring? They didn?t take it personally.


I?m starting to understand that when I go out. If someone isn?t wearing a mask, I could imagine that person is not mindful of the community in which they live. They are not wired for the collective good. Freedom, for them, is just that. For them. #AllAboutME. And the rest of us had better fly out of their way. Ok, I can do that. I can play with that. I was brought into the world of dance in college, I know the moves I need to make.

I will not make it personal. But I will make it intentional. Perhaps my world, all of our worlds, will get a little smaller. And if that is one of the byproducts of this era, then I must face it and accept it. Not utopian, by any stretch. But at its core, carbon-based life is stark and survival-driven. I will survive.

So, I didn?t need a pool, a piano or a painting. What I needed was resilience, awareness and perseverance. I must remember this every day now. I can do this. We all can, each in our own way. Good luck out there, the mockingbirds are swarming.






wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[06/11/2020, 09:44] Cronache della fase due. Nelle Cinque Terre, per vigneti e terrazzamenti
La festa della Repubblica, il 2 giugno, ? stata l'occasione propizia per la prima uscita dopo-lockdown, e nello spirito localista che animava ancora la normativa di quei giorni, solo le gite regionali erano concesse: ? un segno, ho pensato, me ne sto nella mia Liguria - a Vernazza, nelle Cinque Terre, per la precisione, dove c'? la cantina di Cheo. Quanto tempo ? che rimandavo? Troppo. E dire che sono un po' di anni che quel cinqueterre ? uno dei miei vini del cuore. Anzi, come fosse un wine blog, ecco gli assaggi recenti.

Cinque Terre Perci? 2019. Che deve il suo nome al contadino che conduceva quel (micro) vigneto prima di Bartolomeo Lercari, che con la signora Lise Bertram oggi manda avanti l'azienda. Quello aveva un intercalare, diceva sempre "perci?", e tac, ecco fatto il nome del cru. Che contiene tra l'altro un vitigno un po' inedito, il piccabun. Il risultato ? un biancone fragrantissimo, tutto mare e luce, e non sono condizionato dalle visioni del panorama. Fiori frutti e salsedine, in bocca guizza come un'acciuga. Vabbe' sono un po' condizionato.


Liguria di Levante Rosso 2018. E a proposito di vitigni insoliti, Cheo ha un bel po' di filari di refosco dal peduncolo rosso, gambu russu lo chiama, finiti su queste terrazze a causa di un'ascendenza friulana tra i parenti. Assieme c'? syrah e cabernet sauvignon, si fa un anno met? in barrique e met? in acciaio, poi in bottiglia. Il risultato (again) ? un rosso esorbitante di frutti e succo, davvero una roba pi? unica che rara per le Cinque Terre (qui ho peraltro messo la mia rece su Intralcio) e per me ? stato ammore con due emme a prima vista. Mai pi? senza.


Vi risparmio la rece sul loro Sciacchetr? 2017 perch? ho finito le esagerazioni. Negli appunti per la prossima Guida Essenziale ai Vini d'Italia che ? in lavorazione ho scritto, tra l'altro: "bocca dalla dolcezza gloriosa, miele amaro e inedita astringenza, potenza in equilibrio con un corroborante finale di freschezza agrumata". A volte faccio l'assaggiatore serio.

Ma di un tour del genere, quel che merita sono i paesaggi. I terrazzamenti delle vigne a picco sul mare danno dignit? di fotografo pure a un incapace, quindi come se fosse un photoblog ecco un po' di immagini.

Sulla spiaggia di Vernazza potreste scorgere la lussuosa imbarcazione aziendale dei titolari. Il tipico gozzo ligure

Il panorama dai vigneti, sopra Vernazza


Il panorama come sopra, col particolare dei carrelli della monorotaia che ci porta quass?. Bello ripido, eh

Bartolome Lercari

Una botticella che contiene Sciacchetr?


La cantina, con gli spazi ristretti, tipicamente Cinque Terre

Ultimo ma non ultimo: per salire fin lass? serve accomodarsi (si fa per dire) sui carrelli della monorotaia che risale i pendii. E come fosse un videoblog, ecco com'? stare l? sopra.

TrackBack
[06/08/2020, 13:39] ?cole Ducasse: Con Altissimo Ceto Punto di Riferimento Internazionale Della Formazione Culinaria

E’ un piacere ed un onore comunicarvi di essere stati scelti come ambasciatori per l’Italia di ?cole Ducasse.? Per un portale, un network (Altissimo Ceto), un club (Viaggiatore Gourmet) come i nostri che indirizzano sia il mondo dei migliori tra i professionisti, che quello degli appassionati gourmet, ? davvero un punto di testimoniata autorevolezza acquisita. Del resto da tempi non sospetti, ovvero dal 2006 vi abbiamo accompagnato in quattordici anni di meravigliosi viaggi enogastronomici quotidiani, che ci consentono oggi di essere il partner ideale nel ruolo di Brand Ambassador per una delle scuole di gastronomia pi? prestigiose al mondo.

Oggi inizia il nostro viaggio con ?cole Ducasse. Stay tuned!

 

 

Claudio Sacco – Editor in Chief

 

 

 

 

FILOSOFIA D?ECCELLENZA NELL?ARTE CULINARIA E DI PASTICCERIA

Ecole Ducasse: Punto di Riferimento Internazionale Della Formazione Culinaria

?Ho sempre cercato di trasmettere la mia visione della cucina e della cottura. Condivido il mio know-how e la mia esperienza con tutti i giovani desiderosi di apprendere, le persone in cerca di riqualificazione o professionisti che desiderano rafforzare le proprie capacit? e questo tenendo costantemente presente: la pratica dell?eccellenza?

Alain Ducasse

–> Leggi di pi?

 

La Storia

Supportata dal gruppo Sommet Education e guidata da un?affermata ambizione internazionale e ancorata al suo patrimonio francese, Ducasse Education diventa ?cole Ducasse.

Come le scuole d?arte e artigianato, il marchio riflette da vicino la filosofia dell?eccellenza portata avanti da Alain Ducasse, combinando una perfetta trasmissione di padronanza delle tecniche e abilit? culinarie con un approccio decisamente contemporaneo alla gastronomia. Fondata nel 1999, l? Ecole Ducasse diventa un punto di riferimento indiscutibile in termini di eccellenza educativa nel campo delle arti culinarie e della pasticceria.

L?offerta formativa si arricchisce per rispondere ad una domanda sempre pi? internazionale nel rigoroso rispetto del DNA Ducasse. ?Una filosofia orientata all?eccellenza, che coniuga l?insegnamento di una perfetta padronanza delle tecniche e del know-how in cucina ad un approccio decisamente contemporaneo alla gastronomia?, affermano i vertici. Qui chef, docenti d?eccezione accompagnano gli allievi nel percorso formativo.

I programmi accademici includono lauree triennali, corsi per cambiare carriera e formazione professionale continua, nonch? corsi privati per gli appassionati dell?arte culinaria e di pasticceria.

–> Leggi di pi?

L’Offerta Formativa

I Bachelors sono programmi triennali con lo scopo di trasmettere competenze tecniche, manageriali e imprenditoriali, rivolti a giovani diplomati che sognano una carriera in hotel di lusso, nel settore della ristorazione e della pasticceria.

I Programmi di Riconversione o Riqualificazione

La nostra vasta gamma di programmi offrono tutte le conoscenze e le competenze necessarie nel mondo delle arti culinarie e della cottura, con una scelta tra i nostri programmi da due a nove mesi.

? Gli Essentiels per scoprire i fondamenti del know-how francese in pochissimo tempo. Sono corsi intensivi di 2 mesi dedicati ad appassionati di cucina e pasticceria, rivolti sia ad adulti o giovani che vogliono trovare nuovi sbocchi e dare una svolta al proprio percorso professionale sia ad imprenditori del settore.

? I Dipl?mes sono veicoli per fare decollare un carriera con un allenamento pratico avanzato. Sono programmi intensivi di due, quattro o sei mesi rivolti agli appassionati di cucina e pasticceria, a chi desidera aggiornarsi o riqualificarsi professionalmente, agli imprenditori e a tutti coloro che vogliono lavorare nel mondo della gastronomia. Vantano la consulenza di alcuni tra i migliori esperti del settore: Meilleurs Ouvriers de France, campioni internazionali, chef e pastry chef di fama nazionale e internazionale, artigiani, esperti dell?h?tellerie.

? I Signature, un?esperienza eccezionale di impredimento e immersione nella filosofia di Alain Ducasse. Sono due esclusivi programmi full immersion in lingua inglese della durata di 8 mesi, progettati specificatamente per coloro che vogliono crescere nei loro ruoli professionali o cambiare carriera e per professionisti principianti che desiderano intraprendere una carriera da chef o consulente in ambito culinario.

Le ?Formations Professionelles Continues? garantiscono il continuo sviluppo professionale attraverso una gamma di formazioni tecniche specifiche, fornite nei nostri campus o fuori sede, per soddisfare le elevate esigenze del nostro settore. Vi aiutiamo a raggiungere l?eccellenza con una gamma completa di formazioni. I corsi si svolgono in lingua francese:

? Sviluppati dai nostri istruttori capi, altamente qualificati, i corsi di formazione del Campus di Parigi forniscono consigli, suggerimenti e tecniche esclusive specifiche per il settore alberghiero e della ristorazione

? Guidati da artigiani di eccellenza, i corsi della Ecole Nationale Sup?rieure de P?tisserie, situata nel sud della Francia, offrono le competenze di grandi chef in pasticceria, cioccolato, pasticceria, pasticceria o gelateria.

Visualizza i Programmi

 

3 Campus in Francia

?cole Ducasse ? Paris Campus, un nuovo campus d?eccellenza a Meudon, che verr? inaugurato fine anno per studenti che vogliono specializzarsi in arti culinarie e pasticceria. Paris Campus ? uno spazio moderno che vuole affermarsi come centro indiscusso nella formazione di alto livello. Gli spazi interni, ispirati ai quattro elementi naturali, si snodano intorno a un grande spazio centrale pensato per agevolare le interazioni e il coworking: un punto di riferimento per incontrarsi, scambiare know-how e nuove idee. Il progetto comprende anche un knowledge center, una sala di analisi sensoriali e atelier dedicati alle arti culinarie e pasticcere.

?cole Ducasse ? ?cole Nationale Sup?rieure de P?tisserie, da oltre trent?anni scuola di riferimento di Yssingeaux nell?Alta Loira. Dedicata ai professionisti della pasticceria che desideran specializzarsi nei prodotti dolciari, nella panetteria, nella cioccolateria, nella confetteria e infine nella gelateria. Qui Luc Sconfiggi, Executive Chef, MOF e Ice Cream World Champion, accoglier? gli allievi per introdurli nel suo dolcissimo mondo.

?cole Ducasse ? Paris Studio, in una location unica, nel XVI arrondissement di Parigi, ? fornita di ben quattro cucine dove si organizzano corsi ed eventi per privati ed aziende, guidati da chef di altissimo livello si potr? viaggiare per il mondo con i sapori.

Visualizza i Campus

Per Maggiori Informazioni:

T:? +39 348 87 05 600? – Referente per L’Italia:? ?daniela.amadei@ec.sommet-education.com

Network:

Facebook: https://www.facebook.com/EcoleDucasse/

Instagram: https://www.instagram.com/ecole_ducasse/

Linkedin: https://www.linkedin.com/company/ecole-ducasse/

L'articolo ?cole Ducasse: Con Altissimo Ceto Punto di Riferimento Internazionale Della Formazione Culinaria proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[06/07/2020, 21:34] The short answer? Not right now...
The longest period of time that passed between trips to Italy was in 1997. I hadn?t been back since 1992. Now, it has been a little more than a year, but who knows when we can return?

Looking at pictures from a livestream of Venice, it appears almost like it was in the 1700?s. Not many people, no large cruise ships in the water. A quiet, lilting kind of image, Venice has gone back to being La Serenissima. I?d love to see it like this. But not now.


Likewise, Rome appears to be more like I first saw it in 1971. Pictures from the Sistine chapel, where only 14 people at a time are allowed to view the paintings on the ceiling. 14! That?s even less than when I first saw it almost 50 years ago and during the heights of Ferragosto. Still, I?d love to revisit and see it without the hoards. For now, images and livestream will have to suffice.

What I can still experience, is food and wine. And while it might seem an indulgence, right now, when so many more pressing issues are upon us, we need a respite from time to time, even from the most urgent matters.

I?m not dying to go back into a restaurant, not right now. But I do make my way, once a week or so, to our local Italian oasis in Dallas, Jimmy?s. I go early, before the crowds get there, and restock. This past week, Mike, one of the owners, was throwing away a half box of overripe peaches. ?Take them,? he said, ?I?m just going to toss them.? So, I did take them, and made a couple of peach cobblers. The wine to go with that? Moscato D?Asti.

?The wine to go with that?? ? sounds almost absurd in a world turned upside down by fear and hate and inevitable change. Who cares ?what wine goes with that? anymore?

Taking a long walk this morning, and in an alley a young black man is jogging and passes me. We greet one another. I go first. I?m the old white male, so who the hell knows what I?m going to say? Relieved, he counters with a ?good morning to you,? as he speeds past me. Godspeed, young man.

My idea of Italy has become welded between a romanticized pondering of the place and the reality on the ground. What does that mean? Between the memories and the thousands of photographs, the countless trips to Abruzzo or Piedmont, Sicily or Tuscany, it still holds a draw on me. I know it isn?t a perfect place. But neither is the America my grandfather dreamt of coming to. We?re both flawed countries, in a world mangled by humankind.

How could I get to Italy right now, if the country would let me, without going on an airplane? Why would I want to do that? Why did my grandfathers and grandmothers want to risk it all to come to a strange land, America? There were no planes available then.

But that was then, you might say. And now, well, progress has?yeah, yeah. Yeah. Progress has?rendered it all a blank slate. We?re on our own now. There?s no cadre of grandmothers and mothers and aunts and sisters to protect us from the outside forces. We?ve ripped the bandage off.

I could drive to Panama, catch a steamer, some kind of a boat, and make my way to Italy, slowly. It wouldn?t be without its own challenges and risks. I could simply drive to the New York and take a freighter to Genoa or La Spezia.

And then, what? The world changes every day, these days. We are in full disruption mode and you want to go to your favorite little seaside trattoria in Castiglione della Pescaia and drink Toscana rosato, as if nothing has happened? Again, and then, what?

I?m hunkering down for now. I may be isolating myself on my little island, as I have done for almost three months now. It?s not an eternity.

There are wines sitting in my little wine closet that have waited patiently for their next chapter. The 1970 Barolo from Luigi Pira, who passed away 40 years ago. The 1974 Montepulciano d?Abruzzo from Dino Illuminati, who is close to 90 years old now. Dino is waiting. These wines have waited. We can wait.

In the meantime, some of these wines will be opened, with or without any fanfare. They are labors of love and they should be loved. And loved, again and again.

Yes, this has been a long, dry spell without touching the earth of Italy under my feet, listening to the children play in the playground, take in the unforgettable aroma of flowering Linden trees that line the Viale dei Tigli in San Benedetto del Tronto, and sip on a crisp glass of Cerasuolo or Verdicchio or Trebbiano, while the gentle waves lap the shoreline. I miss it, we all miss it. But that world is not a world we can touch. Not right now. And so, we must persevere, and sit tight.



wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[05/31/2020, 19:09] Lost & Found - A letter from great-grandfather in 1920
During this down time, I?ve had the opportunity to go through boxes and papers, organizing my office. One of the packets I ran across were papers from my dad. My mom gave them to me before she died. In this packet there was a letter written to him in 1920 from my great grandfather. It was in Italian and was written in a beautiful script. His handwriting was meticulous. I gave the letter to a friend to translate. This is what it said:


Palermo, November 15, 1920
Dear Luigi,

I am writing this to you, a young boy, to hold and to give to your son and his son. I?ve had a good life in Sicily, a good business in Palermo and a fine family. We survived the war, and even though we lost our dear Serafina in 1918 from the dreadful Spanish flu, we mourn her loss, taken too soon, too young. Only 18 years of age.

I know you are too young to understand what I will write here. And there is no way of knowing if you will have sons or grandsons. But I feel I should recount my feelings about my life and what I have witnessed in these early years of the modern age.

I had no idea, when I was born at the same time as our country, Italy, was born, that we would see what we?ve seen. Electric lights, automobiles, telephones, airplanes and world to world communication. That my young son Alfonso, your father, could take a boat at such an early age, and go to America to expand our business, and that I would see him again, it was not even something I could imagine as a young boy in Sicily. But we live in an age of wonder, and who knows what you or your children, or their children, will witness in their lifetime?

Whether or not you follow your father into business, or go another way, will depend on you and the times. The future is unknowable. But here, in 1920, the future holds much promise. I hope you and your children, and their children, will find something to give them happiness and fulfillment. In an earlier era, it was enough to have a roof over one?s head and enough food to eat. But now that we have seen that man can fly, who knows what the shape of happiness will take? I only hope that all of you in the future will have lives of meaning and joy. But there is no guarantee for that. We saw that when Serafina was taken from us as she was flowering into womanhood. Nothing should be taken for granted. No one should expect things to be one way or another. One must push forward, sometimes with great challenges and obstacles. But we Sicilians are a strange race. We belong to no country and every empire. We dislike change, but our people have seen nothing but change since the beginning. We are strong willed, but we can also be short sighted. Stay alert, Luigi, and prepare your children for an uncertain future.

I hope to see you one day, in Sicily again, and watch you as you grow up and become a man. You are the future of our family in America, and that might seem like a great burden to a young boy. But in 100 years, who is to say what burdens your children and grandchildren will bear? Be prepared, isn?t that what your American boy scouts say? Yes, devi preparare.

Your loving grandfather,
Assuntino C.


One can only imagine what he might have dreamt our world to be. And that can be said for all of us, as well. Here we are, 100 years later, and the world has changed tremendously. But right now there is a shadow across earth, and it is making the future a dark place. I hope it is only a momentary lapse. But I cannot see how we get through this if only a few of us make it through unscathed, while many more must face unscalable walls. I had such hope for the world, but now, I cannot imagine writing a letter to unknown grandchildren or great-grandchildren in 2120. Who knows? The fog of uncertainty has yet to lift and reveal where we are going, and who will be going.








wine blog +  Italian wine blog + Italy W

And if you didn't already figure this out, this is (part I of) a fictionalized piece
TrackBack
[05/24/2020, 18:06] Under the Influence...
#1,500
We?ve all had lots of time to think. I?ve written a dozen dystopian blog posts in my head. And I?ve pondered over Italy and what it means to me and others. And still, I can?t help thinking, how have these past three months influenced what Italy means to me, going forward?


Places
Through the magic of photography, I can return to many familiar places in Italy, even to those before I was born. There are albums my mother made for me, with pictures of my grandparents, uncles, aunts and father in Sicily. I recognize the rooftop of the building in Palermo where my great grandfather and his extended family lived. I sat outside there in 1971 sipping a caffe latte that my aunt Vittina made for me. Years earlier, she made coffee for her daughter and parents, and they posed for a picture. The bay of Palermo, Panormus, and the bright, brilliant sun which shines in Sicily.

The dead center of Sardegna. All quiet, all still, no wind, the sun above, beating down. A large meadow in front and the bleating of the sheep and the occasional bell clang of the large white dogs who oversee the flock. A shepherd is taking us on his daily circuit. His wife will meet us for lunch, with freshly made malloreddus and ricotta, figs and a liter of Vermentino.


People
Who is it that comes to mind? Many, many people. But the one that is popping up is Francesco Giuntini, in Rufina. We?ve grown up and older together now. But his wit, his sense of timing, his devotion to the grape and wine and Tuscany and Italy, is memorable. And his wines, they are the sentinels of his youth and his children?s youth, and ultimately of their ageing in time, as well.

The elderly waiter in Fiesole on a hot summer day. Both of us, dressed up in coats, he with a tie. Sitting in the loggia of the former monastery, eating a soup of beans and crusty white bread, washing it down with a Tuscan rosato. Humble food for such a majestic hotel. This is one of the places where I learned what ?to serve? meant. And to the career cameriere, it was everything.


Experiences

Sitting in a bathtub at midnight in Positano, spraying water all over me to cool myself while sipping a Coca-Cola from the minibar. Meanwhile, sleep was impossible, for outside revelers were singing their beloved football anthems. My wife, imploring me to come back to bed, me wishing the room (and all of Italy) had a ceiling fan. And ultimately the clamor dying down, along with the heat, for a few last precious minutes of rest.

Walking in Pozzuoli, being swarmed by youngsters wanting a 20 lire coin, hundreds of them, tugging at my jeans and my army surplus shirt. Laughing at my desert boots. We stop at a nearby caff? where I get some change for my little friends. And then we go into a shoe shop, specializing in cork sandals, and they argue over which one I should buy, to replace my ugly boots.



Longings
San Benedetto del Tronto. My Emerald Coast, my Costa del Sol. I do long for a stay there. Take a room in a hotel by the beach, get up in the morning and take a splash in the water, and sit outside and read and bake a little, waiting for lunch. Those wonderful little seafoods they grill, langosto and calamari, washed down by a glass of Trebbiano d?Abruzzo or Falerio dei Colli Ascolani. And then, inside for a little pisolino, a snooze. The dreams that one has on those long, hot summer days, with the breeze from the window, which swirls the curtains as if it were an apparition. And now, in my mind, it plays out that way.

Paths high in the hills of Trentino Alto-Adige. July, summer, all of Italy is packing for their monthly vacation to the beaches, to the mountains, to Cuba, to the Grand Canyon. And meanwhile, I look at a map and decide which day hike will be the one that we take. We find one, about 10 kilometers in length, not too drastic, but a good day of hiking. We go downstairs to our little hotel, and pack a lunch of cured meats in little buns of bread, mini-sandwiches. And apples, and water and a little sweet chocolate treat. And off to see the mountain top.


Grievings
To visit the relatives of my youth once again, to sit and play Briscula or Zicchinetta with my aunts. And for my grandmother Giulia to be there, as she was always the best cheater at cards and had the best stories. I long for, more than grieve. But as it is not to be, I lament the lost opportunity.

To take my mother to visit her relatives in the hills of Calabria. Not just a place, this Bucita is, for it has become to me a lost island, floating up in the morning dew. I?d love to have shown her the town, the fields, the buildings, to drink the wine and eat the eggplant and complete the circle. We had one moment when it might have been possible, but my wife was too sick to take the trip. And I couldn?t leave her at home. And so, we lost that connection.

My mother would be celebrating her birthday if she were alive. Alas, she would be even more ancient now than when she passed away four years ago, barely missing her 102nd birthday. But now she travels with me to Italy, from time to time, in the dream world. There we are, with my aunts and my grandmothers and my father and my sisters and everyone who is alive or no longer here, on this great big giant magic Italian pullman bus, going to all the places I?d love to show them and have them show me.


Winding up
No doubt, we?ll all get back to our Italy, whether we live there or we live on an island far, far away. People still need to bury their dead and mourn their losses. I?m in no hurry to get on a plane. We?re far from a normal scenario, in any case. But the promise of Italy, the illumination I feel when I step onto Italian soil, still shines within. In the meantime, we wait, we hope and we look forward to better days.



Happy Birthday, Mom. See you in Italy. Soon.






written, photographed and photo-curated  by Alfonso Cevola limited rights reserved On the Wine Trail in Italy
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[05/18/2020, 04:59] The top 10 destinations for Italian wine exports in 2019? Once again, China wasn?t one of them. In 2020, Quo Vadis?
Young Italian wine professionals had been posing wistful pictures on their Instagram and Facebook feeds, when travel destinations such as China, Taiwan, Korea, Thailand and Singapore were de rigueur for building their Italian wine business. From first blush, one would think there?s a lot of business for Italian wine in Asia. I?m looking at the numbers from 2019 and prognosticating upon what the possibilities for growth in 2020 are.


According to Istat data, 2020 (from Italian Wine Central): Of the 20 top destinations for Italian wine exports, 2019, China wasn?t even in the top 10. China might conjure up exotic and romantic visions, but from a business perspective, it hasn?t proven to be a top place to invest time and energy in growing your brand. Yes, it had been seen as a country with good growth potential with 1.2 billion inhabitants, but that was prior to COVID-19. And then everything changed.

Yet even in 2019 I asked, ?Is the investment in time and travel worth it?? Now, a few fateful months into 2020, I?m asking different questions:

What is there to return to, to try and build back business?

Do we know when that will even be possible, to go back, and to effect a strategy to rebuild?

And what about the larger import markets, such as Germany, the United States, England, France, Canada, Switzerland, Sweden, the Netherlands, Russia and even Japan, which surpasses, if not altogether eclipses, China? This is a strategic nightmare, notwithstanding the impact COVID-19 has had on Italy?s domestic market, with millions of jobs lost, people untethered from their daily life and routines, the decimation of the medical infrastructure and education, not to mention a lumbering, at best, political machine.

They say we?re all in this together. Well, we are all in this same storm, but we?re not all in the same boat.

And winemakers span the economic spectrum just like other segments of society. There are the uber-wealthy landowners, who have resources and cash, and can wait out the storm, no matter how painful that seems in these uncertain times. But families who have known nothing for the last 100 years but their little plot of vines in Tuscany now are being exposed to dangers they might not be strong enough to overcome. Add to that the expense and uncertainty of building up foreign markets. In the best of times, it was a crap shoot. Now it is more akin to Russian roulette. And what if you?re 33 years old, and you?re just a few chapters into the book of your working life? This is monumental, life-altering and all pervasive, so it seems.

Now we need to look at our altered world with an eye to strategies for survival.

Starting with strengths. One is the ascent of Mediterraneanism in American consciousness. What do I mean about this? Italian wine producers, and to a degree, Spanish and French, benefited from two generations (roughly 1958-2018) of building the brand of wine in league with changing American cultural and culinary customs. It?s not like it was in 1988, when this was still a far-fetched idea.

I know, because I was on the front lines working six days a week as one of thousands of brand ambassadors, building the idea of wine with food. And in my case, Italian wine with all kinds of food, not just Italian. And in my career, I saw explosive growth from 2004 until 2018, such that the rate of growth was almost unbelievable. Big thanks to Pinot Grigio, Moscato, Prosecco and Chianti, the four workhorses of this Golden Age of Italian wine. And yes, of course, Barolo, Brunello, etc., all the fine, small-batch wines also buttressed the reputation and esteem of those two generations worth of effort.

Now let?s check the data. Look at the figures for 2019 ? the top 10 countries that imported wine from Italy didn?t change much from 2018, albeit with modest growth. But forget that happening in 2020. What I would do, if I were an Italian wine producer would be to whittle it down to a bare-bones strategy for the rest of the year. Pick five (5) countries that look to have hope for salvaging your brands this year. Do not expect growth, expect lesser losses. Got it? Losses, but not apocalyptic ones.

Which countries should I pick?

Well, for one, America, because it?s a big country and hard-headed enough to not stay sequestered in our homes. And the infrastructure for selling is still in place with salespeople, supplier reps, import companies, etc. I know it sounds like an odd strategy, but America will probably get herd immunity (the hard way) and during that time, there are going to be a lot of restaurants re-opening. In addition to that, there will be those who will still shelter-in-place, more careful of their movements. And they will get their Italian wine fix from their retail store, online and even from some restaurants that can now sell retail, if the price is right.

One unknown factor in this is the tariff issue. If the current administration continues to weaponize tariffs, it will be increasingly difficult to keep one?s head above water. I know some folks have been using creative solutions for getting around the tariff issue. Let me just recount something an old Italian importer once told me: ?You want to make 20% on $10,000 or 0% on $100,000?? Yeah, your margins are going to continue to suck, unless to can get around the tariffs or utilize more direct-to-consumer sales.

Online retailing presents one of the most alluring opportunities. 2020 will be a landmark year for DTC imports, although in 20 years it?ll look like a trickle, I hope.

OK, America.

Where else? Look at the data ? Germany is close, drivable and another opportunity. It also has fared better than many countries during this virus.And it is a large volume customer. It might not help the small producer, but the larger, more commercial companies will keep knocking on Germany's door.

Number three? England, for similar reasons to the American one. Anglos are obdurate, and maybe this will serve that population well. In the meantime, it is also reasonably easy to travel to, by car and Chunnel, if you must. That is, if travel restrictions ease up. And if they don?t? Well, how about spending more time talking to your customers, not just on social media channels, but by giving them a call? Or better yet, start writing them letters. Do something out of the ordinary ? keep your relationships going and make them stronger.

Right now, no one wants to see anybody showboating on SM channels. Now is a time for a humbler approach. Hat in hand kind of thing. And S-I-N-C-E-R-I-T-Y. Truly heartfelt emotions. We know if we sent all the politician in a spaceship on a trip around the sun, in six months we wouldn?t notice they?d left. But put all the farmers in that same spaceship instead, and in six months we all would starve. So, use your strengths, not as a weapon or a threat, but as a promise for a better life and a better time. And wine plays right into that dreamscape, as far as I see it. But hat in hand, humility. Intention.

The last two countries of your five? This is where you will need to personalize your strategy to fit your model. Look where your past business was good, but make sure those two countries are in the top 10 - whether it is Canada, Switzerland, France, Sweden or Denmark. Choose two, and keep in mind how you are going to work with those countries, whether it might be in person, or via some remote set-up that we all seem to be embracing out of necessity these days. But build them, and build slowly but with good foundations and again, intention. But again, as I wrote last year, forget China ? for now. China might conjure up exotic and romantic visions, but from a business perspective, it shouldn?t be in your top five picks.

Let?s talk about the 900-pound gorilla in the room ? money and pricing. No getting around it, the monetary channels have shrunk. There is just less of it to go around these days, whether people are hoarding it, or they took gain losses in the stock market in February and March. Or if businesses, like restaurants, operated, as has been widely reported, with so little reserves, that the last two months stretched their finances down to the coin jar. You will not make normal margins this year. Even taking tariffs or trade sanctions out of the equation, gains will be vaporous. But the grapes keep growing, and you have to rotate and make room for the future harvests. So, take an account of what you can really live with, for this special time, and see movement in your inventory. A lot of wine producers from all around the world are sizing this up. And those who rise out of this rabbit hole will be the ones who asked a little less than they wanted to, or maybe even needed to, in order to get the sale. This is a short-term issue. But a critical one, in my opinion.

I?m not an economist, or a sociologist. But I have been working in and watching the wine trade for the better part of my life. I?ve never seen anything like this. But I believe in a resilient approach and a positive mental attitude.

Wine is a glorious, delirious delight. And it offers us comfort and security. Eating dinner at the table with our family, with a hearty, refreshing bottle of wine, restores one at the end of the day and gives many of us the spirit to take on another day, or in this case, another year or two of unforeseen challenges.

Wine is a civilizing element for many of us. And as we peer into the abyss of a dearth of civility, ongoing political unrest and societal fragmentation, it can be a frightening future that awaits us. But it needn?t be. We didn?t rise up from the ashes of World War II and spend two generations slowly rebuilding, only to throw it away now.

So, we must think like that bottle of vintage red wine that we put in the cellar many years ago. It takes time, and patience, and perseverance for a great wine to become greater. And likewise, with us humans too. I know Italy can rise up and do this, just as I know America can as well, and the rest of the world too. For a world without wine is a far gloomier proposition than I care to envision.




wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[05/16/2020, 12:21] Hotel Palazzo Manfredi *****L ? Roma ? Ristorante Aroma Chef Giuseppe Di Iorio

Calabrese di nascita, londinese d’adozione e romano per vocazione: dopo anni di peregrinazioni ed esperienze, Giuseppe di Iorio si ? guadagnato l’onere di rappresentare l’Italia gastronomica da uno dei palchi pi? suggestivi ed invidiati del mondo. Qui nella terrazza dell’Hotel Palazzo Manfredi si vive in una cartolina, a pochi metri dai resti delle terme di Tito e di Traiano e della Domus Aurea nel parco del Colle Oppio, e con una commovente vista privilegiata sul Colosseo, una location che richiama una clientela internazionale e frotte di celebrit?. Chef di Iorio ? forte di una lunga esperienza nella ristorazione d’hotel, da allievo e braccio destro di un altro Giuseppe di origini calabrese, Giuseppe Sestito, che lo ha formato all’Hyde Par Hotel di Londra e lo ha voluto accanto nell’esperienza stellata del Mirabelle una volta tornati a Roma. E si ? fatto trovare pronto: la cucina del ristorante Aroma si tiene ben lontana dagli stereotipi romani, con composizioni di golosit? mediterranea, in cui i colori vivaci anticipano contrasti cangianti e brillantezza nei sapori.

La Squadra

In Cucina:?

Giuseppe Di Iorio – Executive Chef

Daniele De Santi – Michele Ainis Head – Pastry Chef

 

In Sala:

Damiano Verdone – Maitre D?Hotel

Alessandro Orfini – Maitre D?Hotel

Alessandro Crognale – Head Sommelier

 

Il benvenuto che troviamo ad attenderci in suite da parte dello chef Di Iorio.

Camera da letta al piano soppalcato.

Amenities.

La vasca idromassaggio.

Dettagli…

L’esterno dell’hotel.

Aperitivo time!!

Degustiamo un Americano ed un Negroni insieme ad alcuni finger food da parte della cucina:

Iniziamo con un calice di benvenuto!

In abbinamento ai desserts…

Caff? e piccola pasticceria:

Buonanotte!

Il mattino dopo…

La colazione in camera.

… con vista Colosseo!

Lo spettacolare buffet della colazione, allestito davanti alla cucina a vista del ristorante.

Mini bomba alla crema ancora calda!

Omelette di soli albumi con verdure.

Uova fritte.

Pane tostato e pancakes con sciroppo d’acero.

Un GRANDE GRAZIE a tutti per la meravigliosa accoglienza e… a presto!

Cucina

Un compendio di mediterraneit?, la cucina di Giuseppe di Iorio ? una sintesi perfetta di concretezza ed eleganza. Sapori netti e concentrati convivono e concentrati si coniugano a una piacevole leggerezza, dando sempre grande risalto a materie prime straordinarie, grazie soprattutto ad un attento lavoro su integrit? e contrasti della parte vegetale.

Servizio e accoglienza

Tutta la classe e il mestiere di un servizio da grande albergo. La brigata ? attentissima ai dettagli, impeccabile nella tecnica, puntuale negli abbinamenti e rodata con ritmi e automatismi

Conclusioni

Una grande cucina, golosa, contemporanea e trasversale, che racconta l’Italia in una delle ambientazioni pi? suggestive del mondo.

Palazzo Manfredi

Via Labicana, 125 – 00184 Rome
Tel. +39 06 77591380
Fax +39 06 7005638
info@hotelpalazzomanfredi.it
reservation@hotelpalazzomanfredi.it

Ristorante Aroma

Tel. +39 06 97615109

Fax +39 06 7005638

info@aromarestaurant.it

L'articolo Hotel Palazzo Manfredi *****L – Roma – Ristorante Aroma Chef Giuseppe Di Iorio proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[05/15/2020, 08:03] Tano Passami L?Olio ? Milano ? Chef/Patron Tano Simonato

?Gli ingredienti principali della mia cucina sono creativit?, ricerca e professionalit?. Ma devono essere sempre conditi da tanta passione e duro lavoro, altrimenti si fa poca strada. Oggi, dopo 47 anni che mi occupo di cucina, posso dire senza nessuna incertezza che in questo ambito non sei mai arrivato, perch? domani c?? sempre qualcosa di nuovo da imparare?.?Impossibile non riconoscere a Tano Simonato una coerenza granitica.? Dopo 25 anni di onorato servizio infatti, per i quali “Tano passami l’olio” pu? a buon diritto definirsi un’insegna storica della scena gourmet milanese, ? il momento di raccontarne una nuova fase. Una nuova incarnazione della creatura di chef Simonato, che prende le mosse dalla nuova sede del ristorante, dalla storica via Villoresi a via Petrarca, a due passi dal Castello Sforzesco. Spazi pi? ampi, una nuova possibilit? di un tavolo in cantina, e la firma di Tano ben percepibile ovunque: una classicit? alleggerita e contemporanea, l’amore per l’arte, l’oro e il bordeaux. E, soprattutto, la sua personalissima cucina, che ormai pu? vantare una serie di portate classiche sufficienti per un’antologia. Ma non ? certo per guardare al passato che siamo qui, e men che meno Tano. Proviamo a scoprire cosa possiamo aspettarci da questo nuovo corso di una delle realt? che hanno fatto la storia della moderna ristorazione milanese.

La Squadra

Tano Simonato – Chef e Patron

Nadia Zoetti – Maitre e patron

Stefano Ceriani,

Alessandro Delnevo,

Stefano Mandelli,

Melissa Bonanno,

Nicolas Baldassarre,

Jos? Rosales,

Fabiana Rongon.

L’ingresso esterno della nuova location del? ristorante.

La sala, rinnovata, mantiene luci soffuse e un’atmosfera “artistica”: sulle pareti citazioni di Tano e quadri per lui significativi.

Le fornitissima selezione di Olii Extravergine che verranno abbinati di volta in volta alle nostre portate.

Aperitivo iniziale a base di Prosecco della cantina Rive della Chiesa.

Riportiamo, come di consueto, le proposte di men? alla carta del ristorante.

Entrate

Uova di cristallo, albume, patata e Grana Padano

su riso nero e oro al tartufo. (Sett. 2015)

(bianco a richiesta)

35,00

Tessuto di parmigiano e patata con asparagi, il suocrumble e uovo poche. (Nov. 2019)

30,00

Cappesante caramellate in maionese di albume all?olio evo,

corallo con riproduzione di fave. (Nov. 2019)

35,00

Cilindri di patata, creme br?l? di Grana Padano uovo di quaglia caramellato, farina di porcini e champignon, champignon disidratati e tartufo glassato…al tartufo .(Sett. 2015)

(bianco a richiesta)

30,00

Quaglia al miele, uova di zucca,

verza piccante con crumble al caff? . (Nov. 2019)

35,00

Scampi fasciati di prosciutto d?oca vellutata di fagioli di Lamon. (Nov.2019)

35,00

Minestre

Ravioli di astice e mozzarella su spuma di carota

con spugna di fave di cacao. (Sett. 2019)

35,00

Riso carnaroli cotto in brodo di menta, agnello,

farina di menta e melograno. (Nov. 2019)

30,00

Agnolotti in brodo di cappone. (Nov. 2019)

30,00

Spaghetti alla chitarra ripieni di bottarga di uovo di gallina

in crema di burrata, Grana Padano,

pomodori canditi e bottarga di tonno. (Genn. 2018)

30,00

Lasagnetta al Vittel tonn?. (Nov. 2019)

30,00

Carni e Pesci

Sella di capriolo laccata nel suo fondo, miele e timo, topinambur e biscotto al timo.

(Nov. 2019)

50,00

Piccione al miele di tiglio e croccante di chiodini,

spugna di tartufo nero con Roche di zucca condita. (Nov. 2019)

50,00

Filetto di maialino Patanegra in crosta di fave di cacao e nocciole

con zucca affumicata e verza . (Sett. 2019)

50,00

Anatra croccante cotta a bassa temperatura laccata al melograno con il suo fegato, carciofino sott?olio e la sua clorofilla. (Nov. 2019)

50,00

^^^^^^^^^^^^^^^

Dal Pesce al Pesce 1. (Nov. 2019)

50,00

Cernia marinata agli agrumi e bietola, mozzarella bruciata,

barbabietola e biete rosse piccante. (Nov. 2019)

50,00

Zuppa di seppioline al rosa, pomodoro e ricotta, origano e cannella. (Nov. 2019)

50,00

Dessert

Cannoli di mandorla ripieni di mousse di ricotta alla mandorla

limone candito e gocce di cioccolato

con crema di agrumi e marmellata di mandorle . (Apr. 2010)

20,00

Dolce Amore

souffl? glac? al cioccolato e amaretto di Saronno

con zuppetta di caramello al mango. (Nov. 2019)

20,00

Cestino di patata con gelato alla mora e meringa di patata,

pistacchio sabbiato, sfera d?isomalto ripiena di chantilly e olio evo e caviale di lamponi. (Nov. 2019)

20,00

Pera al Porto con mousse di mandarino candito

la frolla al cacao e olio evo. (Nov. 2019)

20,00

Partiamo con il primo vino: un interessante Pinot grigio Ungherese del produttore Lechburg.

La selezione di pani freschi fatti in casa. Davvero notevole il lavoro svolto sui panificati.

Partiamo con i piatti del nostro percorso! Arriva Tano a “scoperchiare” la cloche…

Tartar di scampi, leggermente sbollentati in un brodo all’aracia, crema all’arancia, arancia disidratata, farina si scampi e broccolo romano.

TESSUTO DI PARMIGIANO E PATATA CON ASPARAGI E UOVO POCH?. (NOV. 2019)…

interessantissima consistenza del tessuto, che pare proprio tale al palato.

In abbinamento Olio del Garda Bresciano sull’uovo e Siciliano sulla tartar di scampo e arancia.

CAPPESANTE CARAMELLATE IN MAIONESE DI ALBUME ALL?OLIO EVO, CORALLO CON RIPRODUZIONE DI FAVE. (NOV. 2019)

CILINDRI DI PATATA, CREME BR?L? DI GRANA PADANO UOVO DI QUAGLIA CARAMELLATO, FARINA DI PORCINI E CHAMPIGNON, CHAMPIGNON DISIDRATATI E TARTUFO GLASSATO…AL TARTUFO .(SETT. 2015)

Prossimo vino: Pinot Nero di Villa Parens.

ZUPPA DI SEPPIOLINE AL ROSA, POMODORO E RICOTTA, ORIGANO E CANNELLA. (NOV. 2019)

QUAGLIA AL MIELE, UOVA DI ZUCCA, VERZA PICCANTE CON CRUMBLE AL CAFF? . (NOV. 2019)

ANATRA CROCCANTE COTTA A BASSA TEMPERATURA LACCATA AL MELOGRANO CON IL SUO FEGATO, CARCIOFINO SOTT?OLIO E LA SUA CLOROFILLA. (NOV. 2019)

PESCATRICE IN FARINA DI POMODORO E CAROTE.

In abbinamento beviamo La Barbera d’Asti “La Bimba” della cantina Gianluigi Orsini.

Primi Piatti in arrivo!

RAVIOLI DI ASTICE E MOZZARELLA SU SPUMA DI CAROTA CON SPUGNA DI FAVE DI CACAO. (SETT. 2019)

SPAGHETTI ALLA CHITARRA RIPIENI DI BOTTARGA DI UOVO DI GALLINA IN CREMA DI BURRATA, GRANA PADANO, POMODORI CANDITI E BOTTARGA DI TONNO. (GENN. 2018)

Infine ecco i secondi…

PICCIONE SCOTTATO AL MIELE DI TIGLIO E CROCCANTE DI CHIODINI, SPUGNA DI TARTUFO NERO CON ROCHE DI ZUCCA CONDITA (RIPIENO DI FEGATO DI PICCIONE). (NOV. 2019)

Piatto che viene preparato in soli otto minuti di cottura, prima in padella e poi al forno, poi laccato con il suo fondo di piccione, il suo fegato e miele.

CERNIA MARINATA AGLI AGRUMI E BIETOLA, MOZZARELLA BRUCIATA, BARBABIETOLA E BIETE ROSSE PICCANTE. (NOV. 2019)

Un piccolo pre-dessert prima di passare alla “parte dolce” del pasto:

MANGO E BISCOTTI.

Lo chef si siede al tavolo con noi per scambiare quattro chiacchere… e per bere un calice di passito insieme!

Eccoci infine alla degustazione di tre desserts differenti:

CESTINO DI PATATA CON GELATO ALLA MORA E MERINGA DI PATATA, PISTACCHIO SABBIATO, SFERA D?ISOMALTO RIPIENA DI CHANTILLY E OLIO EVO E CAVIALE DI LAMPONI. (NOV. 2019)

PERA AL PORTO CON MOUSSE DI MANDARINO CANDITO LA FROLLA AL CACAO E OLIO EVO. (NOV. 2019)

DOLCE AMORE SOUFFL? GLAC? AL CIOCCOLATO E AMARETTO DI SARONNO CON ZUPPETTA DI CARAMELLO AL MANGO. (NOV. 2019)

Complimenti a Tano e alla sua squadra e un GRANDE GRAZIE!

Cucina

La firma in cucina di Tano Simonato ? ormai riconoscibilissima. Il suo ? uno sguardo laico e disilluso, da buon milanese di razza, aperto a tutte le influenze ma che filtra tutto attraverso la propria sensibilit?: ritroviamo il sapiente utilizzo delle note dolci, la tendenza a declinare gli ingredienti in pi? forme, una grande leggerezza anche nelle composizioni pi? golose e i suoi emozionanti abbinamenti con l’olio extravergine, da insegnare nelle scuole alberghiere.

Servizio e accoglienza

Eleganza e leggerezza sono valori che ritroviamo anche nell’impostazione del servizio: poche sovrastrutture e tanta sostanza e sorrisi, una brigata giovane e rodata, sempre supportata dal patron.

Conclusioni

Un locale dal carattere inconfondibile, per il quale 25 anni non sembrano essere passati e non ? difficile prevederne altrettanti.

Ristorante Tano Passami L’Olio

Tel.: 02/8394139

Fax: 02/83240104

Mobile: 392 2603777

Email: tano@tanopassamilolio.it?

Via Francesco Petrarca 4 Milano

Zona: Via Vincenzo Monti

L'articolo Tano Passami L’Olio – Milano – Chef/Patron Tano Simonato proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[05/11/2020, 04:59] When darkness falls on the island
?It can?t always be sunny, even in Texas!? I remember hearing momma shouting out to me, many times. She would know, having been born a few years before the 1918 Pandemic, and living the early years of her childhood, in Texas, in an orphanage, because her father had abandoned her mother and five children, one a baby boy.

Nonetheless, my mom was extremely resilient all through her almost 102 years on this earth. I often wonder how she?d deal with this ?where we?re at right now? moment. It would be her very own take on things, and no doubt, she?d survive.

Many of us have time to think about things. Clean stuff up. A spring cleaning of sorts, for our things, our connections, our ?friendships.?

One of the interesting things about times like this is how people deal with critical and urgent issues, how they respond and forge their ongoing relationships, especially in the virtual world. I think I?ve just about done all the Zoom master classes I?m going to do. There is something about a screen experience that, right now, just isn?t making the connection for me. I?d rather go outside and look into the sky, check on the sparrow hawk family, or the tomatoes. Muse upon when the two other artichokes will be ready to pick, to join the one I picked the other night before the storm.

That night, when I plucked that purple artichoke from life in the darkness, it gave me pause. What are we doing in our lives these days that mirror what a grower does all the time with the plants? Give them the requisite water, give them air and make sure they get light. Listen, really listen, to the growing things around you. And, of course weed and thin the crops out, so the healthy ones can grow and thrive.

I?ve noticed friends around the globe doing that with people. Many are weeding out their friends, real and virtual, making sure the ones they keep are given plenty of air and light. I am as well. There are people who used to be in my life that aren?t anymore. They?re just gone. Our paths diverged, taking different peregrinations. It is really hard to pull a tomato plant out of the ground, when you know it wants to make fruit. But the other ones nearby need the space and the water. So, it is a natural thing.

?Don?t take it personally.? I heard recently in an older Italian film.

For those who are still in the thick of life, younger and career-driven, I get it. You can?t look back. Your future is the thing. And older people, in our society, don?t have the future in front of them that they once had. We don?t implore our elders to remind us of how we should proceed. Telling stories around the campfire belonged to another time and another culture. It is irrelevant for many now. And so, the sun sets, and the island darkens.


I promise you; I won?t be like this forever. In fact, writing this is my 20 seconds to wash my hands and be done with it. I saw and heard too many older people trying to ?learn? me with their stories about the past. A past they lived in more than the present. Some of them were good storytellers, but most of them were just citing memories, sometimes over and over. Where were the lessons? Maybe I just wasn?t a good enough listener.

But those elders who got through to me, several of them, were always looking forward. They?d had amazing, fascinating past lives. But they were living in the present, but had no desire to stop living that life to spend it in the past. And while I take the time to reflect, I agree with them.

So, if some of you have fallen off, addio to you, wherever you are going and whatever it is you are looking to make sense of your life. I hope you find what you?re looking for...


...and sunnier days to come






Happy Mother's Day, momma

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[05/06/2020, 15:02] Fase due, e altre forme di Intralcio
Ora che ? iniziata la fase due, sto in enoteca con un orario quasi normale - pomeriggio, ma anche la mattina quando capita. Sempre meglio che far niente, e comunque mi piace stare qua, nel mio luogo deputato, nella mia enoteca. Anzi, in un momento di incoscienza, sto dilapidando gli ultimi spiccioli in acquisti di nuovi vini - ne riparleremo. Mi piace, come sempre, far entrare cose nuove, ed ora pi? che mai compro cose che mi piacciono o che mi sarebbe piaciuto comprare, solo rimandavo perch? boh, aspettavo tempi migliori. Ma 'sti benedetti tempi migliori non arrivano mai, tanto vale buttarsi avanti. E siccome sono un enotecaro indie, compro e vendo quel che mi va, a volte faccio entrare etichette che i clienti guardano un po' sconcertati: ma questo che ?? Perch? ce l'hai? La risposta a queste domande, il racconto, ? una delle cose divertenti del mio lavoro.

Con il dovuto ritardo, manco avessi molte cose da fare, annuncio anche che ? partito il progetto di Intralcio, un nome a caso, un ripostiglio di appunti di assaggio ad opera di una squadra molto nutrita (doppi sensi) di assaggiatori. Nel manifesto c'? spiegato cosa io, e tutti quanti, facciamo l?: riversiamo assaggi. Non ? un blog (basta, abbiamo gi? dato) e non ? nemmeno un magazine. E' un posto dove mettere quelle cose che forse buttavamo un po' incoscientemente nelle reti sociali, Facebook soprattutto, e lasciavamo che l? tutto affondasse nel nulla. Ecco cos'ha di buono (tra le altre cose) Intralcio, non ? una rete sociale, siccome di quelle reti sociali io ne ho davvero abbastanzissima. Molto tempo fa scrivevo qui il perch?.
TrackBack
[05/03/2020, 14:42] Life on the Island - The World As It Is
For Marco Moltinomi

Lately, I?ve been watching Italian movies by Cristina Comincini, notably ?Follow Your Heart? and ?Latin Lover.? We?re back in an Italy that once was, the scenery, the subjects, the people sitting together at a table, eating, drinking and talking, sometimes arguing, crying and laughing. It?s a scene many of us have witnessed or experienced numerous times, all around the world. And for the time, that world has stopped.


In college, one of my teachers taught a class in a very unorthodox way. So much that I remember him and his teachings over all the other professors. He was a visual person, and relied upon seeing, maybe even more than hearing the words people were saying. One semester he taught a class in which seeing and stopping the world were the main syllabus of the class. It was the 1970?s in Silicon Valley in the San Francisco Bay area, and this kind of class was not uncommon in those times.

What struck me then was that so many of us want the world to be the way we want it. And often the world is as it is.

One of my neighbors is lamenting that he couldn?t go out to eat for the last month. It?s a complaint we hear often these days. ?I just want to go down and sit in the booth of my favorite Tex-Mex restaurant and get my plate of cheese enchiladas, is that so friggin? difficult??

Another person I read said something similar, ?I want to go to the steakhouse and have someone cook a steak for me. I?m tired of cooking for myself. I want someone to wait on me. I?m bored to death. I?ve been waiting on this damn virus since March 15. I?m sick and tired of waiting.?

But our world has stopped, or at the very least, it has altered its arrangement with the humans on board, and we humans are stymied.

Some other challenging times to note:
? The Siege of Leningrad lasted from September 1941 to January 1944.
? The Warsaw Ghetto lasted from October 1940 to May 1943.
? The Blitzkrieg of London went from September 1940 to May 1941.
? The Black Death raged from 1342 to 1353.

And we?re "bored" with cooking our T-bone steak in the backyard for the last month?

When I view Italian films lately like the  ones I mentioned, it is much like looking at the many pictures I have taken in Italy in the last 49 years.

I remember my first day, landing in Rome. I was 20, it was August 15, 1971. What a day. The Vietnam war was still taking lives and creating havoc around the world. The economy was tanking. In fact, on the day I arrived, Richard Nixon, devalued the dollar. So, I was thrust into a world I was unfamiliar with, and with new conditions. There weren?t ATM machines. I couldn?t WhatsApp home and get them to wire me money. And I was jet-lagged.

Fortunately, the pensione I was staying at, the people were kind and understanding. It was like a family situation. I had a room, they had a kitchen, would occasionally offer me something to eat, and were patient about collecting money from me. ?Don?t worry, it will all work out. Sit down, have some pasta.?

I look back at that world with wonderful nostalgia, but I don?t mourn its loss. Time takes everything and changes it, with or without a pandemic. We are in extraordinary times, no doubt. But adaptation to change is a key survival attribute in this moment. Which by the way, this moment is all we have ever had. So, for me, adaptation is essential.

It could get worse. But moaning about a world that no longer exists is probably not a good survival strategy.

I think about the neighbor and his craving for Tex-Mex. And the other one and his yearning for a steak cooked by someone other than himself. And the young woman who just wants to go back to Neiman Marcus and buy that Yuzefi shoulder bag. And the group of friends who just want to go to a Happy Hour at their favorite bar. I?m sure the people of Leningrad, London and Warsaw had their desires for normalcy too.

My question, more for myself than anything else, is this: So, you get what you wanted, the meal out, the personal indulgence of a chic and stylish objet du d?sir, the facetime with your old gang. And then you go home, and later in the night, let?s say around 1:30 AM you wake up in bed. And you have a big pain from the hole in your heart that all these things could not fill. They could not ?make? you happy. What then? Where do you turn if your world has stopped turning?








wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[05/01/2020, 12:41] Cartoline dal 929mo Meeting VG @ LoRo Restaurant ? Trescore Balneario (BG) ? Chef/Patron Pierantonio Rocchetti, Patron Francesco Longhi

Da bravi amanti della buona cucina VG e i suoi Amici Gourmet sono andati a far visita a Pier Antonio Rocchetti e Francesco Longhi, rispettivamente chef, direttore di sala e patron del ristorante LoRo nel bergamasco.

Elemento imprescindibile della sala PRIVATA sono il bancone e la meravigliosa griglia a vista , dove lo chef pu? terminare i suoi piatti sotto gli occhi degli ospiti; creando cos? un?atmosfera unica che rende i piatti protagonisti di uno spettacolo culinario perfettamente armonico e dinamico.

La squadra

Patron:?Francesco Longhi?

Lo staff di cucina

Chef:?Pier Antonio?Rocchetti
Sous Chef:?Roberto?Giavarini
Pastry Chef:?Roberto Beretta

Lo staff di sala

Sommelier:?Gian Pietro Gatti
Ma?tre:?Francesca Brambilla

 

Il tavolo dei Viaggiatori Gourmet.

Ci spostiamo al lounge bar per l’aperitivo, e iniziamo con l’assaggio di alcune focacce:

Focaccia otto cereali, culaccia, burrata e verdure grigliate,

Focaccia gourmet con mozzarella di bufala, pomodori confit e basilico.

Focaccia gourmet al salmone e le sue uova, finocchi e arance.

Ecco il men? che ci aspetta…

Brindisi!

Aperitivo in preparazione…

partiamo con un “mojito in un boccone”

Continuiamo con: Mini Mac alla melanzana,

Sabl? alla mortadella e pistacchio

Foie Gras, cipolla in agro e lampone

Cuore al pomodoro,

Polpetta al Bettelmatt e miele.

Per pulirci le mani…

Grissini al burro stirati a mano.

Lo chef ultima la preparazione del primo piatto del nostro percorso…

Piattoooo!!!

Oltre il velo: noci di capasanta, crema di topinambur sotto una gelatina di cocco

Focaccia Ligure con olio EVO e origano.

Gamberi rossi battuti, accompagnati da una crema di patate soffiate.

Sfera farcita di scampi, burrata e aringa.?

Proseguiamo, nel bicchiere, con una magnum speciale…

Un brindisi ai nostri amici di C? Del Bosco!

Con l’ausilio della pentola d’oro Agnelli, gli chef impiattano il risotto.

Contrasti: Riso Carnaroli Riserva San Massimo con?aglio nero, lampone e lievito essicato.

Pane otto cereali con lievito madre cotto nel forno a legna.

Raviolo di bufala, gambero rosso, triglia , cozze e noci di mare.?

Pianeta Terra:?raviolo di bufala, animelle e sedano rapa.

Vitello: la guancia accompagnata da crema di carote e biete.

Rombo con patate cotte alla brace e carciofi.

Pre- dessert:

Le spettacolari cialde Escoffier.

Gelato in coppa alla vaniglia,?le cialde Escoffier, nocciole e salsa al cioccolato.

Cannoncini caldi farciti al momento con crema pasticcera.

In arrivo un assaggio di panettore fatto il casa LoRo e crema al mascarpone ad accompagnarlo.

Caff?? selezione Nespresso?e coccole finali: macaron ai frutti di bosco, krapfen al gianduia, bacio di dama e pralina alle fave di cacao.

Cucina

Antonio Rocchetti ? il tipico chef italiano di cui ? impossibile stancarsi. Innamorato della sua terra e del suo locale, elabora ricette che giocano continuamente con contrasti tra i sapori della tradizione e abbinamenti audaci.

Servizio

Francesco Longhi non ? solo un eccellente padrone di casa, ma anche un ottimo direttore di sala che si prende cura dei suoi ospiti ed ? pronto a guidarli al meglio durante l?intero percorso gastronomico.

Conclusioni

In una zona come quella del bergamasco non ? difficile trovare posti dove mangiar bene, ma altrettanto facile non ? trovare luoghi dove dimenticare i problemi, sentirsi a casa e godersi un?esperienza gastronomica guidata da professionisti.

 

Un GRANDE GRAZIE a tutti e…. alla prossima Tappa del VG Roadshow of Excellence!

Ristorante LoRo&Co 24069

Trescore Balneario (BG) Via Bruse, 2

Chiuso domenica sera, luned? tutto il giorno e a pranzo da marted? a venerd?

Tel: (+39) 035945073 E-mail:? ristorante@loroandco.comSito internet:?www.loroandco.com

L'articolo Cartoline dal 929mo Meeting VG @ LoRo Restaurant – Trescore Balneario (BG) – Chef/Patron Pierantonio Rocchetti, Patron Francesco Longhi proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/26/2020, 18:36] Life on the Island ? When This is Over ? Promises to Keep
Palermo - Isola delle Femmine
If there is a theme to what has been scrolling past my screen lately, it is that there are many of us who want to do it a little differently when this wave passes. And while there are as many hopeful iterations for the future as there are of us, my thoughts today are with the hopeful and affirmative ones who understand that resilience is an unbounding strength, not only in these times.

So, how will things be different, when this is over? What does your crystal ball reveal to you? Here are some of the musings I?ve gathered.


Piazza Bodoni - Torino
From Italy, a friend wants to spend more time with his real friends and family. ?For too long, I?ve immersed myself in a world of the virtual, spending more time on building my brand than shoring up my foundation. In the meantime, my children are growing up, too fast, and they are immersed in their own little worlds. We were supposed to be more connected, but what I now realize is that we have grown apart. These little conveniences, the phone, the always-in-touch, the going here and going there, and telling my world about it, as if I had such sway on them, while we all are doing it ? who is listening? Who is receiving all this influence? It now seems like jetsam, just a bunch of stuff we?re shooting out from the bowels of our ship. It looks silly. And now, I can change my world. I?m not waiting for when this is over ? lesson learned.?

Holderness, New Hampshire
From a mountain retreat in New England, this missive: ?For years I traveled the world. You name it, I?ve been there. It was work, but it was a joy. Looking back, I have no regrets. But now, I?ve been traveling in a different manner. I take long walks in the forest. I?m learning how to survive on the land, if need be. The animals are my community, for up here we rarely see humans. And as we moved here before the crisis, we settled into a way of life before it was imposed upon us. So, this is all natural to me now. But, when I was back in the default world, it all seemed so important, so thriving, so essential. Now, I am in another part of the essence, and this one is much calmer, more peaceful, and it is really timeless. When this is over, I don?t think I can go back.?

Southern California
It?s not that simple for people who have jobs and young children. They cannot retreat from the world; they must face it. A father writes, ?I have two young children, and I?m years from retiring. I cannot stop the world and get off. But somehow the connection I?ve made up to now, when this is over, I think those will be different. I don?t need ?friends? ? I need friends. I don?t need ?likes? ? I need love. And I need to give love to my friends and family in a more connected way. So, yes, when this is over, my world will shrink, but I think it will be a better fit, because what will be in it will be what is meant to be. Not all this wishing and hoping. Real friends, real family connections and, hopefully, enduring love.?

My young friend is so hopeful. But isn?t hope an integral part of resilience? I certainly think so.

Verona
I?ve been watching video webcams from all over the world. Mainly of eagles and other animals. But occasionally I turn on a camera in a city in Italy. Today I looked at Verona, where last week Vinitaly was cancelled. And virtually traveled to Venice, went down to Rome and then headed to Sicily. All quiet, Naples especially, which commonly promises a cacophony of hubbub. Nothing commonplace now. What will common be, when this is over?

Piazza Pantheon, Rome
Another young friend from Asia, writes, ?My world was just opening up. After years of servitude and toil, my parents thought my generation would be the one to break out of the shell we?ve been in for so many generations. I was getting my career together, making friends, developing my craft. And now, Italian wine studies seem like something abstract, like philosophy. I?m at a turning point but I don?t know where to turn to. The world has stopped turning for now. So, I must make my way, tiny steps for now. No ?get on a plane and fly to Rome,? for me. I must go inside and find my inner Italy. Which sounds strange, but I think finding a way inside will prepare me for the future. When this is over? I?ll still be young, I?ll have time. I?ll make my way.?


Pantelleria harbor

19 years ago my world was in ruin. My wife had suffered and died after an unbearably long descent, afflicted with multiple sclerosis. Her life was over and I didn?t know what to make of mine. I went to Pantelleria and detached from the outside world for 14 days. And I thought, and walked, and grieved. And decided then, to honor her life and all the struggles she went through, I had to be more resilient, and embrace the life in front of me. And I think that is what many of us are doing now, in this time.

I wish you all well, and when this is over, let?s not forget to have dinner, or drinks, or coffee, or just because, with those who are near and dear, to each and everyone of us. Let's shake on it.







wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[04/20/2020, 13:36] Ristorante Berton ? Milano (MI) ? Chef/Patron Andrea Berton

Torniamo alla corte di Andrea Berton nello sfavillante nuovo quartiere delle Varesine, ambientazione per cui il torreggiante chef friulano non ha mai nascosto il suo apprezzamento, per fare il punto sull‘evoluzione di uno dei punti fermi del fine dining milanese. Pi? che un veterano, Andrea pu? essere annoverato a tutti gli effetti tra i padri fondatori della nuova scena gastronomica milanese contemporanea: primo tra i Marchesi Boys a fare fortuna come solista, unico -al netto del suo Maestro- ad aver compiuto l’impresa di ottenere due stelle Michelin in due anni, a sei anni dall’inaugurazione del suo elegantissimo ristorante omonimo, Andrea procede con coerenza nel suo percorso, con la serenit? di chi sa di non avere nulla da dimostrare.

Ormai re indiscusso dei brodi, attraverso i quali esprime tutto il carattere dei prodotti, e che contestualizza in abbinamenti che denotano sensibilit? virtuosistica, lavora di fino, sempre in equilibrio millimetrico tra complessit? e golosit?. Ne ? un esempio uno dei suoi nuovi classici: il Brodo di cicale di mare con Ravioli aglio, olio e peperoncino, in cui la concentrazione e la dolcezza dell’estrazione del crostaceo? creano una fitta rete di richiami e contrasti tra il grasso e il piccante della pasta.

La squadra

Lo staff di cucina

Chef? Patron – Andrea Berton
Chef – Simone Sangiorgi
Sous Chef – Giuseppe Cascio e Matteo Prandi
Pastry Chef –? Alessio Gallelli

Lo staff di sala

Direttore di sala – Gianluca Laserra
Sommelier – Luca Enzo Bert?
Secondo Maitre – Francesco Monno
Chef de rang – Maurizio Perretta
Segreteria di direzione – Alessia Fiori

Ci accomodiamo al nostro tavolo.

Mise en place.

Men?

Riportiamo, come sempre, il men? degustazione e quello alla carta.

 

MENU TUTTO BRODO

Brodo di finocchio e anice Insalata di granchio reale
Brodo di prosciutto crudo Merluzzo sfogliato, croccante al prezzemolo e rapanelli
Brodo di cicale di mare Ravioli aglio, olio e peperoncino
Brodo di zucca Scampo, zucca e cous cous croccante
Brodo di cipolla Zuppa di cipolla e formaggio Belp
Brodo di lepre con spray di grappa Nonino Lepre, foglie di cavoletti di Bruxelles e ribes
Brodo di cioccolato Latte, kumquat e sesamo nero
Brodo di limone, caramello e rosmarino Cereali e gelato alla birra

? 135,00

La degustazione, per la sua complessit?, si intende possibilmente per tutto il tavolo.

 

MENU DEGUSTAZIONE

Frisella e ratatouille di verdure

Calamaro nero, carota e zenzero

Insalata di gamberetti, mandorla e lampone

Risotto alla pizzaiola con acqua di mozzarella

Anguilla, rafano, barbabietola rossa e foglie di shiso

Sfogliatella di sedano rapa e caviale Oscietra Antonius

Filetto al pepe verde di Sansho e patate croccanti

Caviale, liquirizia e limone

Pizza meringa, lampone e fragoline di bosco

Cioccolato, menta e salvia

? 145,00

La degustazione, per la sua complessit?, si intende possibilmente per tutto il tavolo.

 

La Carta

ANTIPASTI

Gamberi rossi di Sicilia crudi e cotti, amaranto croccante, olio di oliva taggiasca e sorbetto alla barbabietola ? 45,00

Cappon magro di verdure ? 30,00

Broccolo, limone, bagna cauda e uova di trota ? 35,00

Animella di vitello, rabarbaro e soia ? 35,00

 

PRIMI PIATTI

Risotto con gambero crudo e corallo di crostacei ? 45,00

Lasagna di piccione ? 40,00

Spaghetti con colatura di alici, nocciole e alice arrostita ? 35,00

Tortelli di gallina con tuberi e brodo di gallina ? 35,00

 

SECONDI PIATTI DI PESCE

Merluzzo in due servizi, Ravioli di patate in brodo di merluzzo e trancio con crema allo zafferano ?50,00

Sogliola alla mugnaia, latte cagliato e topinambur ? 50,00

 

SECONDI PIATTI DI CARNE

Nocetta di capriolo, sedano rapa e composta di uva fragola ? 55,00

Carr? d?agnello arrosto, friggitelli con ricotta, cipolla e salsa verde ? 50,00

Anatra nantese in crosta e finocchio fondente (min. per due persone) ? 45,00

Lepre, foglie di cavoletti di Bruxelles e ribes ? 80,00

 

DESSERT

Pera, nocciolo di amaretto, ricotta e gelato al polline ? 20,00

Tartufo nero al cioccolato, cremoso alla nocciola ? 25,00

Souffl? al cioccolato, gelato al fior di latte (min. per due persone) ? 25,00

Uovo di yogurt e mango ? 20,00

 

 

Iniziamo con un calice di benvenuto di?Bruno Paillard Assemblage 2009 e alcuni snacks di aperitivo, servitoci direttamente dal Maitre?Gianluca Laserra.?

Ecco il tavolo imbandito!

Panino alla barbabietola.

Cono di alga Nori con panna acida e uova di salmone.

Pane soffice alle olive taggiasche.

Cannolo di pesto e pecorino.

Tacos “alla Norma”.

Tortilla di gazpacho e pistacchio.

Sfoglie di Grana Padano e patata,
Croccante di riso al nero di seppia,
Croccante di riso allo zafferano.

La selezione di pani:

Pane bianco a lievitazione naturale,
Pane sfogliato con le olive taggiasche,
Grissini di burro e mais,
Sfoglie croccanti al finocchietto,
Sfoglie croccanti al sale Maldon.

Optiamo, come di consueto, per una selezione di vini al calice.

Piattooo!!!

Frisella e ratatouille di verdure.?

Insalata di gamberetti, mandorla e lampone.

Calamaro nero, carota e zenzero.?

Brodo di cicale di mare
Ravioli aglio, olio e peperoncino.

Passiamo al prossimo vino scelto dal sommelier?Luca Enzo Bert?: I Favati ? Cesinali ? Greco di Tufo Terrantica 2012.

Cardoncello e salsa alle erbe.?

Brodo di zucca
Scampo, zucca e cous cous croccante.

Maria Luisa Marchetti ? Teglio ? Valgella Sant?Eufemia Valtellina Superiore 2016.

Arriva lo chef?Andrea Berton al tavolo ad introdurci al prossimo piatto.

Anatra Nantese in crosta e finocchio fondente.?

Sogliola alla mugnaia, latte cagliato e topinambur.?

Brodo di cipolla
Zuppa di cipolla e formaggio Belp.

Sfogliatella di sedano rapa e caviale Oscietra Antonius.

Cappon magro di verdure.?

Brodo limone, caramello e rosmarino
Cereali e gelato alla birra.

Banana split.

Non pu? mancare un assaggio del perfetto souffl? espresso al cioccolato, che viene sporzionato al tavolo ed accompagnato da gelato al fiordilatte.

In abbinamento ai desserts, concludiamo? la degustazione al calice con un altro Riesling.

Piccola pasticceria:
Marshmallow, lime e lemongrass,
Bign? al marsala,
Cioccolatino all?olio extra vergine d?oliva,
Cioccolatino alla gianduia,
Macaron al frutto della passione,
Tartelletta al lampone

Il caff? ? della torrefazione Giamaica Caf? ? Gianni Frasi ? variet? Chickmagalur Karnataka.

E’ sempre un piacere tornare a trovare lo chef e amico Andrea Berton, e lo sorprendiamo sempre in ottima forma!

Cucina

Indiscutibilmente gourmet ma non per questo cervellotica, la cucina di Andrea Berton offre molteplici livelli di interpretazione in cui il rigore e la perfezione tecnica sono l’ottica privilegiata per un’esperienza tanto golosa quanto ricercata.

Servizio e accoglienza

Oltre che nella cucina, i ristoranti firmati da Berton sono accomunati da caratteristiche di livello ben riconoscibili anche in sala. Precisione, classe e tecnica esemplare senza ostentazioni, in una sala che gira a ritimi serrati, sapientemente orchestrata da Gianluca Laserra.

Conclusioni

Il ristorante Berton ? senza dubbio tra i locali che fanno di Milano una delle capitali gastronomiche d’Europa, una tappa obbligatoria per ogni gourmet, da scoprire e riscoprire numerose volte.

Viaggiatore Gourmet

Ristorante Berton
Via Mike Bongiorno, 13, 20124 Milano MI
Tel. (+39) 02 6707 5801

www.ristoranteberton.com

info@ristoranteberton.com

L'articolo Ristorante Berton – Milano (MI) – Chef/Patron Andrea Berton proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/19/2020, 14:25] Life on the Island - ? grands maux, grands rem?des
Every time I start to write something down for a blog post, I stutter. Who cares what we?re drinking or who we?re drinking it with? Or if we?re alone or with another? Or if it matches with the food we?re having? Or if the wine was made by someone who is suffering from this virus, or maybe even died from it? That level of omphaloskepsis in times like this seems a bit inane. It may be your life, what you do. Wine. But in the meantime, there?s been a seismic shift on earth.

So, I?ve come up with my plan, here on the island where I am marooned for the time being. These are my remedies in this era of the great ailment.


Be here ? now

Food and wine in this moment, when people are hanging on by a thread, struggling to find money to put the bare essentials on their table, is not paramount. Yes, I go to the grocery store and buy food to eat. And yes, I have wine stored from a lifetime and career in the wine trade. But this is not a time to celebrate. So, I will eat carefully, and not too much. And I will occasionally have wine. My personal allocation is 250ml. 

I will continue to get up in the morning, eat a healthy breakfast and shave and shower. And exercise. I will check in on the outside world, news and friends. But then, I will close the laptop, put the phone down and go outside. There is a mockingbird in the back who chants, ?Pinot Gris, Pinot Grigio,? and I am fascinated by her dilemma of choice. It?s probably the best thing I?ve heard (or read) about wine in the last two months.

The wild parrots, and we have a pandemonium of them, all of them quite insane, interrupt the mockingbird, regularly. At which point the mockingbird, recalibrates and goes back into her vinous mantra. But she isn?t judgmental towards them or me, as she sings alone up in her high place. She is simply sharing her music with those of us all around, even if parrots scream and shout and fly about. Coping. It really is a wonderful diversion, even if I have anthropomorphized their actions.

Further up above, on the power lines, is a sparrow hawk couple with their new brood. The papa loves to soar and hear the sound of the breeze beneath his wings. He catches a thermal from time to time, which reveals to us his mastery of his world. Meanwhile, the mother finds little bits to eat for her chicks. I can hear them squeal with delight when she brings something she hunted in the green space beyond the island.

Even higher is the bluest sky I?ve seen in years. And in the sky is the moon, the sun, the stars and the galaxies beyond. This might seem awesome and terrifying right now, but we?re on this spaceship, speeding through the universe at 80,000 miles per hour. It is awesome and terrifying.

Down below, in the garden, the fire ants are waging a campaign to survive among the basil and the eggplant. They seldom win a battle, but they haven?t lost the war, not by a long mile. They are survivors, they are resilient and they are built to adapt to change.

The anole spied me yesterday, while I was watering. So I thought. I kept my distance, not wanting to impinge upon his space. But he was in his zone, and couldn?t care less about me. He was on the hunt. It was lunchtime.

After lunch, I laid down in the grass with my old yellow cat, Buttercup, and we fell asleep in the sun. And I had the strangest dream.

Buttercup was talking to me. ?I?m a good girl,? she told me. Yes, she is a good girl. In fact, she, like all the wild things on this island, is a comfort. I don?t know if I can go back to the humans so readily. Off the island, they still seem to be in denial that there has been a "change of plans."

The rose bush that I planted on the east side 22 years ago never liked it there. Too dark, damp and lonely. I pulled her up last year and planted her on the west side, sunny and bright. Now she?s blooming more in April than she did in all of the last 22 years. A small victory.

?I?m so glad he finally heard me,? she said. 22 years.

The lettuces in the nearby garden chuckled. ?Omphaloskepsis, indeed,? they all chanted in unison.










wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[04/18/2020, 15:06] Ristorante Arya ? Hotel Dei Cavalieri Milano Duomo ? Chef Paolo Scaccabarozzi

Milano ? sempre in fermento, presso l’Hotel dei Cavalieri Milano Duomo sono in corso importanti lavori di ristrutturazione e di ampliamento, compreso il rifacimento di camere e premium suite. Obiettivo dichiarato un salto di categoria a cinque stelle e restituire all’ultimo piano la vista mozzafiato di quasi 360 gradi sulla citt?. Senza dubbio il pi? grande rooftop di Milano, qualcosa di cos? imponente che ti vengono subito in mente a paragone solo clamorose location che puoi trovare in citt? come Londra ad esempio.

A a soli 300 metri da piazza Duomo, altro fiore all’occhiello della splendida dimora e il ristorante Arya guidato dallo Chef Paolo Scaccabarozzi, dove si mangia una CLAMOROSA cotoletta alla Milanese (con l?osso, quindi costoletta) ad opera dello Chef e del suo team. Allievo del maestro Marchesi, brianzolo di origini, Paolo ? un capace selezionatore di materie prime e sicuramente le sue esecuzioni in primis di cotoletta e risotti sono sorprendenti, ma tutta la cena ? stata di assoluto livello e la trovate di seguito nella nostra abituale cronaca piatto per piatto, vino per vino. Menzione speciale anche ad Enzo Turrisi (Food & Beverage Manager) per una perfetta regia e governo di sala.

Non vediamo l’ora di tornare a vivere l’esperienza dalla terrazza, vista la posizione e la vista che abbraccia dalla Madonnina alla Torre Velasca, ? sicuramente destinata a diventare il rooftop pi? esclusivo e glamour di Milano!

Ristorante ARYA? – La Squadra

In sala:

Enzo Turrisi – maitre di sala e sommelier

Nicoletta Romano – responsabile del servizio in sala

Giulio Piraro, Federico Cutrona e Valeria Laporta – chefs de rang

In Cucina:

Paolo Scaccabarozzi – Executive Chef

Andrea Iudica – Sous Chef

Edwin Malijan – capo partita degli antipasti e responsabile degli entr?e

Simone Lanzo – capo partita dei primi piatti

Simone Mornata – capo partita dei secondi

Paul Caunceran, Nicola Lissoni, Deny Bizzgan – commis

Entriamo nel vivo della nostra Site Inspection:

Dettagli dalla nostra Suite.

Amenities.

Il benvenuto che troviamo in camera.

Lasciamo la camera e ci spostiamo a cena al ristorante Arya.

Il nostro tavolo.

Ci viene servito un calice di aperitivo.

Lo chef Paolo Scaccabarozzi con Enzo Turrisi vengono a darci il benvenuto prima di iniziare la nostra cena.

Il Pane: ?? un impasto classico con lievito madre, cotto precedentemente a vapore per farlo lievitare senza che si formi la crosta superficiale, poi abbattuto a -40? in modo di bloccare la cottura e il grado di lievitazione da noi desiderato, per poi rigenerarlo pochi minuti in forno secco a 200? gradi. Questo permette di avere un pane croccante all’esterno e morbido all’interno, e soprattutto al momento del servizio al cliente un prodotto che ? come appena sfornato.

Alcuni snacks di benvenuto:

?oliva rivisitata, una copertura in gel di oliva nera, ripiena di crema di pomodoro montata all ‘olio, servita con germoglio di pisello, olio evo e sale Maldon;

Carpaccio di trota salmonata marinata alla barbabietola cotta in forno a legna, maionese alla salvia e terra al pomodoro;

Montanarina al pomodoro con sifone di stracciatella e origano;

per dare una nota decisa, la riproduzione di una noce a base di blu di capra e noci in due sensazioni in bocca completamente differenti, sotto croccante e sopra morbido;

shot di sedano, mela verde e zenzero, per dare alla bocca freschezza e pulire dai sapori, alcuni delicati altri pi? intensi, in preparazione all’inizio della nostra avventura;

Piattooooo!!!

Calamaro cotto a bassa temperatura, servito con nero di seppia, spugna al basilico, pomodoro confit e in crema, gamberi rossi crudi e tentacoli saltati, con olio in polvere.

Cannolo di tartar di Fassona Piemontese avvolto in un gel di birra scura, servito con pane e aria al grana padano e maionese alla senape dolce.

Astice cotto a vapore, carpaccio di cavolfiore marinato in olio sale e pepe e zabaione salato caldo allo zafferano.

Proposta di antipasto vegetariano: Carciofo cacio e pepe, dove vediamo un classico carciofo alla romana servito su una tigella in sifone fatta al momento, con fonduta di pecorino crosta nera e pepe nero.

Passiamo ora ai primi piatti:

risotto Carnaroli Riserva San Massimo rivisitazione di un classico pugliese ma con ingredienti diversi, il risotto viene cotto in acqua di broccolo, mantecato all’olio e servito con gambero rosso crudo, punte di broccolo appena spadellate e pane fritto.

Bottone di pasta fresca ripieno di crema di pomodori datterini tostati in forno, all’esterno salsa di pomodoro Ciro Flagella e un sifone alla mozzarella di bufala campana.

La caratteristica di questo piatto che rimane costante in carta ma con protagonismo di vari ingredienti diversi? ? l’esplosione di sapore in bocca una volta fatto il primo boccone.

Passiamo ora ad un bianco per accompagnare il primo dei secondi di pesce.

Rombo scottato al momento in padella, servito con asparagi verdi cotti a 55? e una salsa calda al burro acido montato.

Un rosso invece ? pi? adatto all’abbinamento con la sogliola.

Cilindro di sogliola cotto a bassa temperatura per 20 minuti, coperta da una crema pasticcera salata al limone e salsa al prezzemolo, patata boulanger, pack choi spadellato e chips di cappero: rivisitazione di una sogliola alla mugnaia.

E ora in arrivo la Clamorosa Costoletta dello chef Scaccabarozzi!

Lo chef in persona ce ne racconta la genesi…

Csotoletta di vitello, con doppia panatura nel panko, a garantire un’ottimacroccantezza, cotta nel burro chiaro aromatizzato con abbondanti salvia e scalogno, servita con sale Maldon, una semplice maionese allo zafferano e chips di patate ratte con polvere di pomodoro.

La abbiniamo al?Corte del Lupo annata 2016.

Passiamo infine al momento dolce della serata.

Sfera di cioccolato temperato ripiena di crema al mascarpone, servita su crumble di pasta frolla e crema pasticcera al pistacchio.

Cannolo di pasta sigaretta alle nocciole ripieno di mousse al cioccolato rosa, con polvere di castagne, gelato alla vaniglia e caramello salato.

Coppa Square, un dolce per gli amanti della semplicit?: crema pasticcera al limone, fragole e frutti di bosco, coulis di lamponi e gelato alla crema.

La squadra al gran completo fa una foto insieme a VG!

Come piccola pasticceria abbiamo dei cremini alla nocciola e pistacchio.

La vista sulla torre Velasca dalla terrazza che ospiter? l’esclusivo nuovissimo rooftop dell’hotel.

L'articolo Ristorante Arya – Hotel Dei Cavalieri Milano Duomo – Chef Paolo Scaccabarozzi proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/17/2020, 14:31] Grand Hotel Et de Milan ? Ristorante Caruso e Ristorante Don Carlos

Il Grand Hotel Et De Milan?apr? i battenti il 23 maggio 1863 e fin da subito si dimostr? anticipatore dei tempi nell?attento servizio dei suoi ospiti, in quanto unica struttura in citt? ad offrire servizio telegrafico e postale ai clienti.
Dal 1872 fino al 1901 fu scelto dal Maestro Giuseppe Verdi come Sua dimora milanese, qui Egli compose gran parte dell?Otello. Durante la Seconda Guerra Mondiale l?hotel fu bombardato e il quarto piano venne distrutto per poi essere requisito dallo Stato Maggiore della Quinta Armata americana.

Innumerevoli illustrissimi ospiti hanno transitato nella sua hall e nelle sue suites ed ? impossibile non farsi permeare e trasportare dalla storia trascorrendovi tempo all?interno. Allo stesso tempo ? evidente come il benessere degli ospiti sia sempre stato e tutt?ora sia al primo posto: una squadra di veri professionisti dell?accoglienza gestisce la struttura in tutte le sue dimensioni e si occupa di esaudire qualsiasi richiesta o desiderio anche dei pi? esigenti.

Inutile dire che in un ambiente come questo ci si sente coccolati ed al centro della ?Milan?, della moda e del ?bel mondo? tutto, da chi ha saputo gestire e soddisfare addirittura capricci D?Annunziani!
Durante il nostro soggiorno abbiamo avuto occasione di testare tutti gli spendidi outlets dell’Hotel: partendo da un light lunch presso il jardin d?hiver del Caruso,? proseguendo con un fantastico aperitivo nel salotto dello storico Gerry?s bar; per terminare con un eccellente cena al ristorante Don Carlos, coccolati dallo chef Mauro Moia e dalla squadra in sala capitanata da Angelo Piccoli.

La Squadra

GRAND HOTEL ET DE MILAN:?

F&B Manager – Fabio Lamarca

Executive chef – Mauro Moia

Sous chef ? Roberto Prato

Staff di cucina ? Simone Cataldo, Lino De Bendittis, Nicola Trogu, Luca Pasquali, Morgan Soli, Davide Grilli, Eros Ravarotto, Antonio Tortora

Pasticceri ? Daniele Passaretti, Ronald Munoz

Banqueting Manager/Sommelier ? Piero Vitale

 

DON CARLOS:

Maitre – Angelo Piccoli

Chef de rang – Alessandro Rappazzo

Commis de rang – Eriglen Velaj

 

CARUSO:

Maitre – Ivano Quaini

Secondo Maitre – Christian Siviero

Chef de rang ? Daniele Angellotti, Francesco Scotti, Simone Farano, Roberto Catalano

 

GERRY?S BAR:

Bar Manager ? Marco Blasi

Barman ? Luciano Zimmermann, Alessandro Rovati, Jack Ross Gower, Walter Giampietro, Tommaso Turchiarella, Fabiana Canella.

 

Ecco la facciata dell’hotel su Via Alessandro Manzoni.

La Hall.

La sala interna del ristorante Caruso.

Il nostro tavolo nel Giardino d’Inverno.

Partiamo con un calice di Champagne Paul Barat – R?serve Brut

Il carrello dei dolci… che esploreremo dopo…

La parte dolce del buffet disponibile all’interno.

Alcune proposte del buffet salato (insalate, verdure, insalate di pasta…) disponibile a pranzo.

A tavola ordiniamo qualche tradizionale proposta del Light Lunch del Caruso… risotto giallo alla Milanese con ossobuco!

Minestrone di verdure fresche di stagione.

Barbaresco 2016 della cantina sociale dei Produttori di Barbaresco? per proseguire in abbinamento con i secondi.

Insalata tiepida di polpo al pomodoro con crudit? di verdure, pomodoro e salsa al basilico su crostone casereccio tostato.

Galletto alla piastra marinato alle erbe con patate al forno.

E ora un assaggio di questi magnifici desserts!

Meringata con crema Chantilly e lamponi freschi.

Crostatina alla frutta con crema inglese al limone.

Caff? e piccola pasticceria finale.

Eccoci in camera! Esploriamo la suite…

Amenities.

Alcuni omaggi che troviamo ad aspettarci da parte del GM Andrea Piantanida.

Il minibar.

La vista dal balcone della stanza.

Lasciamo momentaneamente la stanza per dirigerci verso il Jerry’s Bar al piano terra dell’Hotel…

Iniziamo con due cocktail signature, preparati dal bravissimo Luciano Zimmermann:

O?Negron

in onore del centenario del cocktail Negroni, inventato a firenze al bar Casoni tra il 1917 e il 1920. La ricetta ? rivisitata con un risultato eccezionale: Luciano aggiunge gocce di limoncello ed angostura bitter, ritrovando le caratteristiche originali del drink ma con un sorprendente finale agrumato.

Proviamo anche il Bradford Martini:

ricetta storica del famigerato Martini cocktail con gin shakerato con una generosa porzione di vermouth e qualche goccia di bitter all?arancia servito con uno zest di limone.

Procediamo molto volentieri con un secondo round…

Bologna Special

aperitivo dai sapori classici ispirato ad ingredienti quasi dimenticati, il kina lillet (ingrediente indispensabile del vesper martini di 007) viene ricreato miscelando Lillet bianco e un liquore alla china ed in parti uguali viene aggiunto? l?aperitivo Biancosarti con gocce di bitter all?alloro.

Vesper Martini:

2 parti di gordon dry gin, 1 parte di vodka e ? parte di ?kina lillet?.

Shaked not stirred. il martini cocktail secondo la ricetta di Daniel Craig in 007.

Ci aspettano al ristorante Don Carlos!

Iniziamo la degustazione con un calice di Ferrari Maximum Blanc de Blancs.

Selezione di pani tutti prodotti in casa: bianco, focaccia, ai cereali, alle olive, con patate e rosmarino, accompagnati da burro d’Insigny leggermente salato.

Amouse- bouche: capasanta scottata al timo, crumble di frutta secca e riduzione di ?

Assaggiamo al tavolo un ulteriore cocktail signature preparato ed ideato in questo caso dal sommelier Alessandro Rappazzo:

Sandrino il Primo

liquori di rabarbaro e bergamotto, acquavite infusa con cannella e Champagne a completare.

Iniziamo la degustazione al calice di vini fermi con questo Fiano della cantina Terredora DiPaolo, annata 2015.

Piattooooo!!!!!!!!

Flan di Parmigiano con carciofi scottati, uovo perfetto e tartufo nero invernale.

Insalatina di polipo e fagiolini di Spello.

Battuto di salmone e branzino con insalata di finocchi e arance e gelee al pompelmo rosa.

Passiamo al prossimo vino bianco: La Garganega Veronese della cantina Tasi, vino fresco, pieno e armonico.

Abbiniamo la Garganega vendemmia 2018 al risotto Riserva San Massimo con gorgonzola, pere e polvere di liquirizia.

Tagliolini neri all’uovo con crema di broccoletti, vongole e bottarga.

Passiamo al rosso: Montepulciano D’Abruzzo Riserva 2014 della linea Villa Gemma di Masciarelli.

Controfiletto di manzo con verdure in agrodolce, riduzione di Merlot e morbido di patata al tartufo nero invernale.

Rombo, morbido di zucca, puntarelle e acciughe del Cantabrico.

Abbiniamo i dessert con il Muffato della Sala Antinori, annata 2013.

Cialda di frolla al cioccolato con namelaka all’arancia, confettura di agrumi e croccante al cioccolato fondente.

Mela Annurca con cannella, uvetta e pinoli, gelato alla vaniglia, crema al Brandy e sfoglia alle spezie.

L’ingresso del ristorante dall’esterno.

Ristorante Don Carlos del Grand Hotel et De Milan
20121 Milano
Via Manzoni, 29
Tel. 0272314640
Aperto tutte le sere anche dopo teatro
E-mail:?info@ristorantedoncarlos.it
Sito internet:?www.ristorantedoncarlos.it/

Il mattino dopo… la colazione in camera!

Pancake con sciroppo d’acero e frutti di bosco.

Uova fritte con prosciutto cotto.

Uova in camicia su pane tostato e spremuta fresca di arancia.

Passiamo al Caruso dove ? allestito il buffet della colazione.

Omelette con prosciutto e formaggio servita al tavolo della colazione e accompagnata da pane tostato.

Un GRANDE GRAZIE a tutta questa splendida e accogliente squadra!

 

GRAND HOTEL et de MILAN

via Manzoni 29 – 20121 Milano
t. +39 02 723141 | f. +39 02 86460861 |cell. ?+39 3381679137

?GRAND HOTEL et de MILAN | partner of ?STRAFhotel&bar, a member of Design Hotels and SPG? The Starwood Preferred Guest?

L'articolo Grand Hotel Et de Milan – Ristorante Caruso e Ristorante Don Carlos proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/16/2020, 10:13] Cartoline dal 938mo Meeting VG @ Casual Ristorante ? Bergamo ? Patron Enrico Bartolini e Marco Locatelli, Chef Marco Galtarossa

Bergamo citt? alta mi ricorda sempre le mie gite delle elementari, quando mi sono appassionato al mondo della Pasticceria rimanendo folgorato nella scoperta della “Polenta e Osei“. La versione dolce infatti ? una specialit? di Bergamo, che consiste in una polenta dolce ricoperta da pasta di mandorle gialla, decorata con uccelletti di cioccolata o marzapane.

Questo spontaneo girovagare per il centro di una meravigliosa Citt? Alta e scoprire come ogni 10 metri troneggiavano di questi dolci su ogni vetrina, mi ha segnato non poco… per un bimbo che sognava ad occhi aperti un giorno di poter aprire la sua di Pasticceria. Oggi a distanza di oltre 40 anni devo dire che lungo il corso principale sono molte di meno le esposizioni di queste specialit?, e per continuare ad emozionarci facciamo visita al Ristorante Casual. Probabilmente anche in base al nome, nel dover seguire l’ammiraglia Milanese locata al Mudec (? stato il secondo ristorante aperto dopo il principale in ordine di tempo) , doveva nelle intenzioni posizionarsi come uno “stellato” in jeans e viceversa si riconferma ogni volta un ristorante curato in ogni dettaglio grazie alla classe e sapiente mestiere nella regia e nel governo di sala di quel vero fuoriclasse di Marco Locatelli. La fortuna di ogni imprenditore infatti ? proprio quella di incontrare sulla propria strada professionale dei veri “bracci destri” e Marco ? molto pi? di un braccio destro. Siamo al terzo Chef diverso in cucina ma tutto ? sempre rassicurante e continuo, anche questo nuovo corso dir? di pi? ? un assoluto crescendo. Un plauso doveroso dunque al nuovo Chef Marco Galtarossa, giovane ma con gi? prestigiose esperienze maturate al Noma Copenhagen, Enoteca Pinchiorri, Atelier Joel Robuchon e Tickets Barcelona, porta in Lombardia anche il suo Veneto (troveremo le Schie nel ricco aperitivo di benvenuto) esprimendo uno stile moderno ma fortemente radicato nella tradizione con piatti sempre accompagnati da graditissime note vegetali e cotture millimetriche. Un head chef che ha saputo davvero intrigarci e divertirci insieme alla sua nuova brigata di cucina. Una menzione speciale di questa tappa va anche al “carrello” dei formaggi selezionato sempre da Marco personalmente, in particolare ad una mirabile selezione del mitico Agriturismo Ferdy Wild con a distinguersi una CLAMOROSA Mascherpa stagionata.

Entriamo nel vivo adesso della nostra dettagliatissima cronaca abituale, di questa ennesima e? piacevole giornata passata con i nostri amici Viaggiatori Gourmet

Here we are!?

La squadra

Patron:?Enrico Bartolini?e?Marco Locatelli

Lo staff di cucina

Chef:?Marco Galtarossa

Chef de partie agli antipasti: Federico Lopez Vecchiato
Chef de partie ai primi: Silvia Piccoli
Chef de partie agli antipasti: Matteo Zanesco

Lo staff di sala

Ma?tre/sommelier:?Marco Locatelli
Chef de rang: Andrea Tiralongo, Raffaele Cond?

L’ingresso esterno del ristorante.

Il men? degustazione che ci aspetta.

Il nostro tavolo.

Il bellissimo carrello dei formaggi.

Marco ci fa iniziare le danze preparandoci un Mi-To.

In arrivo gli snacks dell’aperitivo.

Lo chef Marco Galtarossa viene personalmente a darci il benvenuto.

Ecco il “tripudio” di piccoli capolavori che costituiscono il nostro aperitivo di benvenuto.

Coda di gallinella in tempura, caviale di aringa affumicato e cedro.

Cialda di mais Spinato di Gandino, lardo, lampascioni agrodolci, maionese allo zafferano e crema di fegatini.

Tartelletta salata, arachidi, semi di zucca e fave.

Tacos di cotechino nostrano e peperone crusco.

Tartelletta alla curcuma, schie croccanti, yuzu e topinambur nero.

Nuvola di bergamotto, maionese alle acciughe e polvere di lievito e cozze.

Chips di nervetti, salsa teryaki e polvere di trombette.

Foglia di Agr? della Valtorta con polvere di radice di levistico.

Gentilmente offerto da Marco: un calice di metodo classico della cantina Marchesi Guerrieri Gonzaga.

Apriamo in anticipo i rossi perch? possano ossigenarsi.

Amouse-bouche nelle due versioni:

Raviolo di pastinaca, prezzemolo e spuma di patate.

Raviolo di mortadella di fegato e brodo di coda.

Tipologie di pane:

Pagnotta integrale a lievito madre, schiacciata alla santoreggia e grissini stirati al malto. Ad accompagnare burro demi-sel di Normandia.

Ecco il primo piattooooo!!

Completato in tavola direttamente dallo chef.

Carciofo, semi di girasole e acqua di noce.

Triglia arrostita, aioli delicata e brodo di scoglio.

Ventresca di tonno, cime di rapa e lingua.

Ricciola di fondale alla milanese, limone e zucca.

Al risotto in arrivo, Marco decide di abbinare il Trebbiano della cantina Vigneto di Popoli.

Risotto Riserva San Massimo al cavolfiore e ricci di mare.

Tortelli di Strachitunt, ostrica ed estratto di cavolo nero.?

Passiamo ora ai secondi:

Rombo cotto sull’osso, rafano , piselli e oliva nera.

Piccione arrosto, broccolo e mela cotogna.

Sogliola arrosto, puntarelle, bergamotto e topinambur bruciato.

In arrivo lo strepitoso carrello dei formaggi, dal quale ognuno assagger? a seconda delle proprie preferenze, lasciandosi consigliare da Marco.

Noi andiamo con un assaggio di Bagoss invernale, Zola al naturale di Angelo Croce, Mascherpa stagionata del Ferdy e Castelmagno d’alpeggio.

I formaggi vengono serviti in accompagnamento a composta di cipolle rosse e mostarda di frutta fatte in casa.

Pan brioche pere e noci abbrustolito come ulteriore sfizioso accompagnamento agli assaggi di formaggi.

Pre-dessert: Arancia, sesamo nero e cardamomo.

Crema bruciata, mirtilli ghiacciati e meringhe.

Tarte Tatin di mele con gelato alla vaniglia.

In arrivo… la MERENDA!!!

Spaghettoro Verrigni, pecorino, acciughe e caff?.

Concludiamo il percorso con caff??Torrefazione Jamaica Caff? di Verona, qualit? Chickmagalur Karnataka?e piccola pasticceria: boule alla gianduia e frutto della passione, panna cotta al mirtillo e biscuit alla liquirizia, pralina al caff? e arachidi e bign? con musse di porcini.

Un GRANDE GRAZIE e… alla prossima Tappa del VG Roadshow!

Casual Ristorante in Citt? Alta
24129 Bergamo
Via San Viglio, 1
Tel. (+39) 0352 60944
Chiuso il marted?
E-mail:?
info@casualristorante.it
Sito internet:?www.enricobartolini.net

L'articolo Cartoline dal 938mo Meeting VG @ Casual Ristorante – Bergamo – Patron Enrico Bartolini e Marco Locatelli, Chef Marco Galtarossa proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/15/2020, 14:05] Ristorante Opera Ingegno e Creativit? ? Torino ? Chef Stefano Sforza, Patron famiglia Cometto/Merzagora

Opera – ingegno e creativit?. ? il nome di questo ristorante, che visitiamo per la prima volta,? ma ancora di pi? ? un significato.

E l?ingegno e la creativit? in questo caso partono dalla cucina e dai piatti dello Chef Stefano Sforza, che gi? abbiamo conosciuto a Les Petites Madeleine dell’Hotel Turin Palace (altre precedenti esperienze al Trussardi di Milano ed al Cambio di Torino), per trovare perfetta conclusione nel lavoro del sommelier Carlo Salino e del maitre Gualtiero Perlo? in sala.

Da Opera ci si sente coccolati in tutti i sensi ed al contempo stimolati da idee sempre nuove che prendono forma nelle proposte dei piatti e negli abbinamenti nel bicchiere, magistralmente spiegati? e raccontati.

Come sempre notiamo, una grande e promettente realt? incanala le sue forze sia nel confortare l?ospite in bocca sia al di fuori di essa e da Opera noi ci siamo sentiti soddisfatti e confortati appieno in tutti i nostri ?sensi?.

La cucina di Stefano ? ricca di stimoli non banali, una cucina che utilizza trasversalmente un gran numero di tecniche in modo magistrale, dalle pi? tradizionali a quelle pi? innovative e ancora sconosciute a tanti. Intrigante uso viene fatto dell’accostamento con frutta marinata o fermentata, nei suoi piatti spesso la si trova come nota acida infatti sia in accompagnamento a carni che a pesci crudi o cotti. La selezione di questi ultimi in particolare avviene seguendo una linea il pi? possibile eticamente corretta, nel rispetto dell’ambiente e degli ecosistemi marini e lacustri soprattutto ad oggi gravemente minacciati.

Da proposte apparentemente semplici, emergono accostamenti e consistenze inaspettate ottenute per addizione di sapori (anche talvolta estremi) che insieme si armonizzano,? e il risultato sono vere e proprie esplosioni in bocca; sorprese che entusiasmano e fanno terminare ogni singolo piatto senza alcuno sforzo.

Davvero una bella scoperta nel panorama Torinese che consigliamo vivamente? a tutti di andare ad… investigare OPERAtivamente al pi? presto!

La Squadra

In Cucina:

Stefano Sforza – Executive Chef

Claudio Lochiatto? – Sous Chef

Nicola Pizzulli, Luciano Marangella, Raja Bangali – commis

 

In Sala:

Gualtiero Perlo? – Maitre

Carlo Salino – Sommelier

Francesco Caputo – Chef de rang

L’insegna all’esterno del locale.

L’ingresso e subito, sulla sinistra la cucina.

Un saluto allo chef Stefano Sforza che ? all’opera in cucina!

Il sommelier Carlo Salino ci accompagna al tavolo.

Sala e mise en place.

Riportiamo come di consueto le proposte dei men? degustazione ed alla carta:

Antipasti:

Animella, gambero, papaia 22.00

Uovo, lenticchia nera, avocado 18.00

Capriolo, beurre blanc, ribes 18.00

Storione, cavolo viola, yogurt, caviale 30.00

Topinambur, melograno al bergamotto, nocciole 18.00

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?Primi:

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?Raviolo di ostrica, blu di capra, mela cotogna 20.00

Spaghetto cotto in brodo, cozze, ?nduja 18.00

Gnocco arrosto, porro, guancia di maialino? 20.00

Risotto, ricci di mare, lardo, cicoria selvatica 24.00

Fusillo, limone, aringa, caff? 22.00

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?Secondi:

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?Piccione, pompelmo, curry 30.00

Stinco di agnello, cavolfiore, mela caramellata 28.00

Pluma di maialino iberico, lemongrass, carciofo alla liquirizia 30.00

Sogliola alla mugnaia? 30.00

Lucioperca, fagioli, guanciale, truset? 28.00

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? Opera

Gambero rosso, lardo, lampone

Storione, cavolo viola, yogurt, caviale

Kobe, branzino, papaia

Bottone di spalla di maiale, ostrica, mela al gin

Fusillo, limone, aringa, caff?

Lucioperca, fagioli, guanciale, truset

Piccione, pompelmo, curry

Opera

Il men? viene servito a tutti gli ospiti del tavolo

80.00

Abbinamento vini

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ATTO I 40.00 ATTO II 60.00

 

Vegetariano

Carciofo, pompelmo, liquirizia

Gnocco arrosto, porro, ricotta forte

Uovo, lenticchia nera, avocado

Topinambur, melograno al bergamotto,nocciole

Fresco

60.00

Abbinamento vini

40.00

Chips di farinata.

Alcuni snacks di benvenuto (elencati in rdine di degustazione):

Uovo con ananas cotta nel barbecue, tuorlo montato, spuma di noci;

Biscotto al parmigiano, caprino, carota e caviale di tartufo;

Broccolo;

Cialda di lievito madre al nero di seppia, seppia, limone;

Oliva e cioccolato bianco

Iniziamo con il primo dei vini al calice in degustazione.

Mareneve di Federico Graziani.?

Piattoooo!

Panna cotta alla ricotta forte, rosa di rapa rossa cotta nell?Ibisco.

Cannolicchi, lardo e lampone.

Kobe, branzino, papaia.

Storione, cavolo viola, yogurt e caviale.

In arrivo il pane:

Pane fatto in casa con farine macinate a pietra e? biologiche, del Molino Fruttero (INTEGRALE E TIPO 1) 100% lievito madre, e burro montato con sale e limone in accompagnamento.

Fusillo, limone e aringa.

Bottone di spalla di maiale, ostrica e mela al gin.

Lo chef Stefano Sforza viene al tavolo a salutarci e ad introdurre i prossimi piatti.

In preparazione…

Animella, gambero, papaia.

Carciofo, pompelmo, liquirizia.

Lucioperca, fagioli, guanciale, truset.

Sogliola alla mugnaia.

In arrivo di nuovo lo chef con il prossimo secondo piatto, questa volta di carne.

Piccione, pompelmo, curry.

Mela.

Fresco.

Da Nord a Sud: lemon curd al bergamotto, inserto alle pere; cialda agli agrumi e gelato alla mandorla in accompagnamento.

Il maitre?Gualtieri Perlo ci serve un assaggio di infuso di agrumi, zenzero, cannella, miele, liquore al larice e karkad?.

Caff? della selezione?I Caf? Group di Pinerolo (nel nostro caso scegliamo miscela -Royal Chocolate, supreme e monorigine- Guatemala, Colombia) e piccola pasticceria:

Frollino cioccolato e sale, panna cotta alla liqurizia;

Bacio di dama;

Bon bon cioccolato e frutto della passione;

Sabl?e e gel di papaia;

Air bag

Ananas cotta in osmosi di anice

Cioccolato bianco, mirtillo sotto spirito, cocco

Un GRANDE GRAZIE a questa splendida squadra! A presto!

Ristorante Opera Torino

Via Sant’Antonio Abate, 3

Chiuso il luned?
marted? ? venerd?: 12:00 ?? 15:00 / 19.30 ? 23:00
sabato: 19.30 ? 23:00
domenica: 12:00 ? 15:00
telefono: 011 1950 7972
website: www.operatorino.it

L'articolo Ristorante Opera Ingegno e Creativit? – Torino – Chef Stefano Sforza, Patron famiglia Cometto/Merzagora proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/06/2020, 13:57] Cronache dall'Area X. Oppure: vini da bere a casa
Raro caso di post in cui ci sono due titoli, il secondo ? quello sensato. Il primo si riferisce al libro che sto leggendo, e sembrava comunque riferibile ai tempi che viviamo. L'enoteca durante il lockdown resta chiusa se non in modalit? on demand, cio? su appuntamento, oppure con consegna a domicilio: basta una telefonata e si decide assieme che vi pu? servire (a proposito, il mio cellulare ? sempre: 347 5566554). Comunque sia venerd? che sabato prossimi l'enoteca ? aperta con orario pomeridiano, 16-19,30, che hey, arriva Pasqua.

Nel frattempo che si beve, chiusi a casa? Difficile fare una statistica ma in generale a me pare che stia fissando una specie di tendenza. Nel cartoncino da sei bottiglie, che viene acquistato per la consegna a domicilio, normalmente ci stanno un paio di rossi leggeri, un paio di bianchi altrettanto, una bottiglia di bollicine e un rosso, o bianco, un po' pi? importante e/o tosto. Si copre, all'incirca, il fabbisogno della settimana - che, lo sapete, dovete bere poco. Lo sapete, vero?

Il magazzino non si rifornisce facile, data la situazione (non ho ancora scritto coronavirus e scusate, mi faccio i complimenti da solo). Un po' per fortuna e un po' perch? a me le cose easy piacciono, combinazione di 'sti tempi ho trovato le due etichette che vedete in immagine, e taac, sono davvero i vini che servono, adesso. E infatti si avviano ad essere best seller - o almeno, io me lo auguro, ecco.

Roagna, il nome del produttore, non ? quel Roagna di Langa, quello superfigo e costoso, ? Giuseppe Roagna, quell'altro, area Roero. per la precisione, abbiamo:

Langhe Dolcetto 2018. Finalmente un tono alcolico non ingombrante, 12,5%, che mi consente di iniziare una scheda con il grado, cosa che non faccio mai. La leggiadria ? la cifra di questo rosso fragrante e croccante, coi tannini accennati e un finale di mandorlina che innamora. Jolly per molti abbinamenti possibili, compagno di tavola confortante. Di questi tempi, poi. Prezzo: euro 10,80.

Langhe Favorita 2018. "Attento a quel che cerchi, potresti trovarlo". Io cercavo un bianco fine e teso, appena petillant (eh s?, l'hanno imbottigliato con un soffio di bollicine, solo un soffio), con frutta bianca e freschezza scattante in bocca, che il bicchiere finisse in un sorso solo. Ol?, trovato, adesso devo resistere alla tentazione di aprirne un'altra bottiglia. Sui nove euro.

E questi sono solo due esempi. Restate a casa, bevete poco ma insomma, bevete bene, e per ogni altra cosa restiamo a disposizione.
TrackBack
[03/20/2020, 10:42] Cronache da qui, puntata indefinita
Sta finendo la seconda settimana di fermo, e non credo che vedremo presto la fine. La cosa peggiore, ammesso che si riesca a fare una classifica, ? non capire bene quando finir?. Tanto vale attenersi a quel che dicono i dottori, e non uscire, stare a casa il pi? possibile e resistere. Per quanto mi riguarda so che posso reggere su tempi lunghi, in questo genere di prove, ma appunto: quanto lunghi? Pure il mio lavoro non regger? questo fermo per molto. Ma adesso non ci penso.

Intanto leggo, guardo film e serie (come tutti quelli che conosco, direi) e bevo cose messe via o pescate a caso nella mia enoteca. Anche il lavoro, fermo com'?, ? una scusa per uscire se e quando c'? un cliente che ti chiama per una fornitura. E comunque esco col senso di colpa. Ieri sera ho risentito la lumassina (rifermentazione naturale in bottiglia) di Cascina Prai? (prodotta assieme a Sancio, raro caso di collaboration tra cantine) ed ? stata decisamente una bevuta confortevole e confortante. Soprattutto, ? sempre la solita storia del vino che quando arriva in enoteca ? poco pronto, ma dagli un po' di tempo e taac, diventa un capolavoro. Peccato che sia anche finito. Davvero, questo 2017 appena arrivato era tipicamente citrino, immaginate un succo di lime alcolico ed effervescente. Ieri sera invece era disteso e complesso.

Bevuto nel gotto sbagliato apposta, niente calice da assaggio: non si tratta di abbruttimento da casalinghitudine, era pi? una scelta ideologica, essendo quello vino contadino e retr?, ci voleva il bicchieraccio proletario. Quindi ? un'altra forma di snobismo, s
TrackBack
[03/16/2020, 14:56] Tutti a casa
Alla fine pure qui si cede al virus, e si sta a casa. Direi che non serve spiegare quale virus, nemmeno si sente il bisogno di scrivere ancora mezza parola in pi? su quel che succede - e su quanto surreale e pazzesco sia tutto. Che poi, in effetti, nemmeno ho idea di quanto tutto sia in corso di sovversione e cambiamento. Come cambieranno le cose, da adesso in poi? Non sono in grado di formulare risposte. Posso immaginare scenari, e non mi piacciono. Cerco di ridurre al minimo il rumore di fondo, e questo post serve solo per annunciare che l'enoteca ? chiusa fino a nuovo ordine. Sono possibili acquisti su appuntamento, e/o consegne a domicilio (gratis) chiamando il numero 374 5566554.

Lavorare, cio? stare aperti, con un clima da coprifuoco era impossibile. E probabilmente non aveva gran che senso: per ora ? chiaro che stare a casa previene le possibilit? di trasmissione e contagio, quindi per la salute mia e di tutti, ? meglio ridurre in ogni modo le occasioni di uscita. E fine.

Quindi tutti a casa, anche io. Credo che sar? un periodo interessante, mi dedicher? alle letture e prover? a tenere un diario. Magari, anche, delle cose che bevo e leggo, a partire dall'immagine l? sopra, pescata a caso nella mia galleria del cellulare (in questi giorni pure troppe foto cos?, ho inserito). Esco solo nelle situazioni consigliate (o consentite), lavoro ad un nuovo progetto, vivo e attendo. Spero tutto bene anche voi.
TrackBack
[01/24/2020, 14:11] Grillo, nel senso del Rossese di Dolceacqua (non quell'altro)
I lavori in corso per il prossimo Genova Wine Festival hanno lati positivi e divertenti. Per esempio si cercano, e si trovano, aziende nuove e inedite. Succede anche di trovare un produttore del quale non ci sono nemmeno due righe sull'internez. Mai recensito, sconosciuto. Sito in costruzione. E allora che si fa? Facciamo noi il primo passo.

Grillo ha due ettari di vigneto nella zona del Dolceacqua (Rossese di). L'azienda in realt? fa olio, il vino ? un fatto recente - e almeno quel sito esiste. "La passione per il nostro territorio ci ha invogliato a creare un'azienda vitivinicola, che si estende per due ettari, dove nasce la nostra produzione di Rossese". E fine della presentazione, non male come minimalismo ligure, vero?

Quindi che vuoi fare, assaggiamo. Ho aperto i vini in due riprese. Prima il Rossese di Dolceacqua Superiore 2018, che dal colore profondo si annuncia un po' stipicizzato, se per tipico intendiamo il colore scarico. Il naso segue a ruota, pi? frutta che scattanza, ma comunque bella bevibilit?, certo non pesante nell'esecuzione (per fortuna). Piacevole, e da risentire. Il Rossese "base", o classico, sempre 2018, aperto il giorno dopo ha dato una gran bella prova, forse anche pi? attraente, adesso, rispetto al pur buono Superiore: ? scarico al colore e il naso ? un mix un po' selvatico di terra e frutto, la bocca ? snella, insomma scatta bene. Mi piace.

Alla fine promossi, saranno al Festival. L'impressione ? positiva anche data la vendemmia 2018, che da quelle parti non ? stata facilissima. Ai posteri (e ai visitatori del GWF) la sentenza, speriamo non ardua.
TrackBack
[09/27/2019, 07:38] Gli anni passano anche qui
Ogni tanto mi chiedo a che serva esattamente Linkedin, e finisco per darmi la solita risposta: serve a creare connessioni. Tutto molto bello, ma insomma, anche molto distante e vaporoso. Qualche giorno fa per? Linkedin mi ricorda che questo blog compie quindici anni - e le prime reazioni che ho avuto erano del tipo "com'? potuto succedere?"

Poi non contento, Linkedin mi consiglia modi per diventare pi? sharp, ch? evidentemente i suoi insondabili algoritmi hanno rilevato questa necessit?. Se ? vero, ecco un altro punto di utilit? in quella rete sociale.

Certo, quindici anni di chiacchiere in questo belmondo sono stati un bel giro. E siccome non ho ancora finito, si continua, possibilmente sharp.
TrackBack
[09/09/2019, 15:27] Ricomincio da Montalcino (un posto a caso)

Settembre, andiamo. ? tempo di... poi non mi ricordo come fa. Si ricomincia, insomma, ? settembre, e questa ? la non-notizia. Questo settembre per me arriva dopo un lungo periodo un po' particolare, convalescenza post-operatoria, e vi risparmio i dettagli - ma sono quelle vicende del tipo "il dottore dice che devi stare a riposo ALMENO un mese". E sono quei momenti in cui volevi essere davvero un dipendente del parastato, ma ? andata come ? andata, sei enotecaro. Quindi con qualche ritardo alziamo la serranda, e davvero si ricomincia.

Alla fine della lunga pausa riesco a fare una fuga veloce a Montalcino (un posto a caso). Bravo me, me lo dico da solo. Cos'? quella? Una breve vacanza? Una trasferta di lavoro? Tutte e due le cose assieme. E alla fine se devo prendermi un periodo pure breve per, boh, rimettermi assieme, scelgo di camminare le vigne di Montalcino. A 'sti punti il wine blogger pubblica qualche foto da paesaggio meraviglioso e settembrino come solo da quelle parti pare di trovare, e risolve la questione narrativa.



Long story short, al ritorno da laggi? ho appena scaricato una cosa di Montalcino che mi piace assai. Fattoria del Pino, cos? si chiama la new entry in enoteca, ? una produzione manco a dirlo piccola e bella, in stile con la casa (la mia, di casa, intendo) perch? qui si selezionano cose di quel genere. Poi ? emergente, ? nuova, ? fuori dai giri. Lavora in naturale, niente interventismi, pura espressione del sangiovese di quel territorio. L'azienda presenta tre etichette che elenco in ordine di peso, importanza, prezzo.



Vin Val? 2016 ? un Rosso di Toscana IGT, e proviene da un vigneto di impianto recente. Ha la grazia del frutto e la veemenza del sangiovese, un piccolo passaggio in legno (solo grande, in azienda) lascia alle note ancora fresche e fruttate uno spazio maggiore, a renderlo una piccola delizia. Sta sui 15 euro.

Rosso di Montalcino 2015 esce da un'annata abbastanza benedetta. Ci sarebbe da dire, ora, su questo vino, quella formula abbastanza abusata e nemmeno simpaticissima, "? un piccolo Brunello". Ci ho pensato un po' a come evitarla questa formula, ma si vede che non ci ho pensato abbastanza. Veramente un assaggio del tipo "comprare subito". In enoteca costa un po', sui 22 euro. Li vale tutti. E per me vale pure di pi?.

Brunello di Montalcino 2014, scelto apposta dalla famigerata annata poco fortunata. La produttrice in quella vendemmia ha ridotto le rese in misura drastica, e l'effetto ? quello che mi piace tanto: ? nelle annate difficili che esce fuori la classe dell'azienda. Questo Brunello '14 ? un capolavoro. E con lui ho una panoramica di tre annate, quanto basta per cominciare a conoscersi. E fare amicizia. Costa euri 59.



E siccome ci piace tanto, Fattoria del Pino entra a far parte delle aziende che vendo anche in rappresentanza, quindi i colleghi operatori si fanno un nodo al fazzoletto - e presto qui si apre qualcosa da assaggiare, sempre per quella cosa "bello parlare di vino, ma assaggiarlo ? meglio".
TrackBack
[05/21/2019, 14:08] Mare&Mosto, ma anche diavolo&acqua santa
Si va a Sestri Levante, a girare per i tavoli di Mare&Mosto, per quella cosa che chiamiamo location, che pure in due giornate grigie e di pioggia merita abbondantemente il viaggetto. La Baia del Silenzio, la spiaggia, le barche a riva, con l'effetto mare d'inverno di questo memorabile (in quanto invernale) maggio 2019 sono tutti elementi di grande bellezza che hey, quasi ti potrebbero distrarre dagli assaggi. Fortuna che piove quindi si sta dentro al Convento dell'Annunziata, belli concentrati.

Siccome serve sempre un filo rosso che connetta la rassegna e le dia un'identit?, qui si assaggia solo Liguria. E accade un fatto insolito, vista lo schieramento tra filosofie produttive che ormai s'? determinato: da una parte le fiere di vini naturali, dall'altra tutto quanto il resto - qualunque cosa sia, e pure la prima categoria non ? facilissima da definire. Qui invece li troviamo tutti e due, i produttori: i naturali un po' radical e i convenzionali che boh, ti dicono: eh, s?, ci sono anche io.

Il diavolo e l'acqua santa assieme. E siccome a me le categorie, soprattutto quando sono schieramenti, finiscono per sembrare respingenti, mi piace saltare, qui a Mare&Mosto, di palo in frasca. Quindi assaggio serenamente Possa e Bosoni, che, vi assicuro, sono un po' come il giorno e la notte. Quale ti piace? Quale ti dispiace? Per me funziona (alle solite) nello stesso modo: dipende da che c'? nel bicchiere. Per esempio: Possa ha schierato, di nuovo, uno Sciacchetr? encomiabile. Bosoni aveva il Vermentino Etichetta Nera che (giuro) profumava di pesto. Ma mica solo basilico, eh. C'era tutta la ricetta, i pinoli il pecorino l'olio di oliva. Insomma una cosa mai vista e un bel po' spiazzante. Mi ? piaciuto? Beh, s?.

In generale di questa rassegna potrei segnalare le produzioni che vendo, come fossi un auto-influencer. Quindi meraviglioso il Cinqueterre 2018 Perci? di Cheo. Altrettando il Rossese 2018 di Terre Bianche. Ma siccome non ce la faccio, devo dire strabene di quelli che non vendo e che berrei e riberrei un giorno s? e uno no. I Rossese (tutti) di Giovanna Maccario. Quello di Ka' Mancin?. Tra l'altro ? stata una rassegna interessante per i rossi, che insomma identifichiamo un po' meno con la liguritudine, e invece sui miei appunti ci sono punteggi altissimi per Pulin 17 di Bruna (granaccia e un po' di syrah e barbera), Shalok 16 di Poggio Gorleri (granaccia). Sui bianchi per me trionfano sempre, alle solite, Maria Donata Bianchi (vermentino) e Laura Aschero (pigato). Sul fronte che definiamo naturale, ma sappiamo che la definizione sfugge tra le dita come la sabbia fine della Baia del Silenzio, per me c'e' Daniele Parma e Casa del Diavolo - con tutta la produzione.

Il fatto ? che non so risolvermi nella scelta tra i due stili. Non ne ho proprio alcuna voglia.
TrackBack
[03/16/2019, 09:48] Genova Wine Festival visto da qui
Di l?, cio? su Intravino, ho dedicato al Genova Wine Festival tre post. Pure troppi, verrebbe da dire - ma comunque eccoli:

Qui racconto la genesi di tutto quanto: ? stata una vicenda a lungo pensata, e desiderata.
Qui promettevo cosa avremmo fatto, in sostanza - e abbiamo mantenuto le promesse, si pu? dire.
Qui spiego com'? andata alla fine: in modo parecchio soddisfacente.

E allora, c'? bisogno di un altro post che parli di Genova Wine Festival? S? e no: non esiste una cosa come bisogno di un altro post, a meno che questo non sia un blog personale nel quale chi scrive riversa il suo flusso di coscienza. Indovina un po', Diario enotecario ? anche quella roba l?.

Cos? mentre Intravino alla fine ? la blogzine istituzionale nella quale in un certo senso era necessario parlare di GWF, qui non c'? nessuna necessit?, nessuna istituzionalit?. Quindi uno pu? lasciarsi andare a considerazioni traverse, che magari non infilerebbe in un comunicato stampa o in un ambito istituzionale dove i discorsi si impostano.

Gi?, cosa ci ? successo nel frattempo? Siamo diventati pi? adulti? Mettere mano a GWF ? stato anche quello, fare una cosa da adulti. Ora che ? passato, per?, a me lascia quella sensazione un po' straniante, come dopo un esame scolastico. Ora che ho passato questo test, penso al prossimo. E s?, appunto, ? straniante. Poi mi pare di averne parlato in tutti i modi, ma i modi erano quelli istituzionali. Che ci ? successo, che mi ? successo? Eravamo quelli cazzari, e adesso ci escono di bocca cose come signore e signori, benvenuti nella splendida cornice.

Per questo uno tiene un blog personale, per dire: caro Diario, GWF ? stato anche altro, per me.

Per esempio, ricordo domenica sera quando tutto era finito, e le ultime cose erano state smontate. Quella sera, quando era molto tardi ed ero in uno dei miei soliti posti a bere, mi prende una grande, profonda, improvvisa tristezza. Al punto che ero arrabbiato con me stesso, e mi dicevo: ma che diavolo ti prende? E niente, era pi? forte di me, era arrivata una botta improvvisa, come se i nervi avessero ceduto - e immagino sia stato qualcosa del genere. Mesi e mesi a pensare a un progetto, e ora era tutto passato.

Il fatto ? che davvero, tutto quanto, ? cominciato molto tempo fa. Ero a Vinitaly 2018 e gi? ne parlavo, con alcuni produttori. Le aziende che hanno partecipato a GWF sono state scelte, tutte, una per una, contattandole personalmente. Ad ogni produttore abbiamo spiegato il nostro progetto, ma parlavamo di qualcosa che esisteva solo nella nostra mente, fino ad allora. Li abbiamo dovuti convincere, a volte, e a volte come ? normale non ci siamo riusciti: qualcuno non poteva partecipare, qualcuno aveva terminato il vino disponibile, qualcuno, legittimamente, potr? aver pensato: ma chi sono, questi qua? Sia come sia, ? stato un lavoro lungo, passato per infiniti contatti telefonici e di persona. Alla fine lo scopo era mettere assieme una specie di dream team di produttori che ci piacevano. Adesso che vedo la bolletta telefonica, vedo anche quanto a lungo sono stato al telefono. Insomma, ci abbiamo infilato una quantit? di energia pazzesca, in questo progetto. Mi piacerebbe adesso ringraziare, uno per uno, tutti i produttori che ci hanno creduto, e ci hanno detto di s?.

Per me poi questo lungo lavoro ? stato un fatto nuovo: lavorare con un gruppo di persone abbastanza numeroso, una squadra, e mi riferisco ai ragazzi di Papille Clandestine che hanno reso possibile concretamente tutto quanto. Io che sono un solitario, una ditta individuale e anche abbastanza individualista, ho cercato di lavorare in squadra, ho cercato di capire come ci si muove in una realt? complessa come quella - e mentre per qualcuno il lavoro di squadra ? pane quotidiano, per me era una novit? ed anche una sfida. Spero di aver fatto quel che ci si aspettava da me, ma adesso che sono nella fase dei ringraziamenti, dico grazie ai papilli che mi hanno voluto, assieme a Pietro, nel gruppo operativo di organizzatori, visto che GWF ? stato appunto una joint venture tra loro e il settore genovese di Intravino.

E siccome la rete non dimentica, e alla fine questo ? un quartierino ristretto, in questo post del 2010 (duemiladieci, ehm) scoprivo pi? o meno l'esistenza dei papilli. Ragazzi, ne ? passato di tempo, eh?

Adesso per? per non esagerare coi sentimentalismi, facciamo i buoni propositi. Si avvicina il prossimo Vinitaly, e gi? so che contatter? alcune aziende che sono nella nostra wish list, per il prossimo Genova Wine Festival. Perch? s?, pensiamo gi? all'edizione 2020.
TrackBack