TagCloud:


Link to us:



  Blogs & Sites:



 






Mondo Di Vino
Mondo Di Vino





[08/26/2008, 09:49] Amarone a Coppie: le migliori annate di San Briccio

Sabato 6 settembre presso la straordinaria cornice di Villa Verit? Fraccaroli, sita in via Boschetto 6 a Lavagno (VR), sede dell?Azienda Grotta del Ninfeo-Fraccaroli, si terr? un evento degustazione di Amaroni della Valpolicella tutti provenienti dai prestigiosi vigneti del territorio di San Briccio, una collina vulcanica storica della Valle di Mezzane.
Sar? l?occasione per valorizzare un territorio di grande potenziale enologico che produce grandi vini di prestigio internazionale.

Si tratta di una degustazione in verticale a partire dall?annata 1997 fino all?ultima messa in commercio delle 4 aziende che posseggono i loro vigneti sull?altura di San Briccio.
Ed ecco quindi il Roccolo Grassi grande parcella di vigneto su tufi basaltici di Marco Sartori, il Campo dei Gigli storico vigneto su calcare purissimo nella parte pi? a nord della collina, della Tenuta Sant?Antonio, il Grotta del Ninfeo dell?Azienda Fraccaroli posizionato su un bellissimo vigneto a ridosso dell?imponente villa veneta di propriet?.
Infine l?Amarone Basaltico di uno straordinario artigiano del vino Ernesto Ruffo che sorprender? per il valore dei suoi vini e la grande passione che trasmettono.
La degustazione si terr? alle ore 10.30 e sar? guidata da Bernardo Pasquali, giornalista e Coordinatore Regionale del Veneto per la Guida Vini Buoni d?Italia del Touring Club.
Ad ogni azienda ? stata lasciata facolt? di scelta di due annate tra le pi? rappresentative della loro storia produttiva.
Ecco la successione dei vini in degustazione:

  • Amarone della Valpolicella DOC 2004 Grotta del Ninfeo
  • Amarone della Valpolicella DOC 2003 Roccolo Grassi
  • Amarone della Valpolicella DOC 2002 Grotta del Ninfeo
  • Amarone della Valpolicella DOC 2001 Ernesto Ruffo
  • Amarone della Valpolicella DOC 2000 Campo dei Gigli Tenuta Sant?Antonio
  • Amarone della Valpolicella DOC 1999 Campo dei Gigli Tenuta Sant?Antonio
  • Amarone della valpolicella DOC 1998 Roccolo Grassi
  • Amarone della Valpolicella DOC 1997 Ernesto Ruffo

Alla degustazione parteciperanno i produttori Marco Sartori, Luca Fraccaroli, Ernesto Ruffo e Tiziano Castagnedi.
Al termine della degustazione Le tavole del Soave offriranno un buffet a tutti i partecipanti a base di prodotti tipici della Lessinia veronese nel giardino romano - rinascimentale della villa.
Per partecipare all?evento prenotare telefonando al seguente numero 3315782675, oppure cliccate qui per inviare una mail.

TrackBack
[07/04/2008, 10:35] Maledetta Peonina
(Clicca per ingrandire) Credo che la figura qui sopra spieghi qualche cosa riguardo al ?peccato? originale dell?enologia italiana, nonch? riguardo alle ultime tristi vicende legate allo scandalo noto come ?Brunellopoli?. Sono infatti rappresentati i ?profili antocianici? di vari vini ottenuti da vitigni coltivati in Italia, ovvero il contenuto percentuale dei 5 antociani responsabili del colore del vino rosso, e delle loro forme esterificate (altri). Fra i suddetti antociani la Malvina d? colorazioni intense tendenti al blu ed ? ritenuta da sempre la molecola pi? stabile e resistente all?ossidazione. Al contrario la Peonina tende maggiormente al rosso, e si ossida pi? facilmente verso tonalit? granata e mattone. Vi dice qualche cosa?
TrackBack
[01/01/1970, 00:00] www.michelemarziani.org
Appuntatevi l'indirizzo del mio nuovo diario on line, da oggi ufficialmente operativo: www.michelemarziani.org Vi aspetto!...
TrackBack
[01/01/1970, 00:00] Tramonti, 30 novembre. Tintore day
Happening di sapori e visite guidate per condurre gli appassionati alla scoperta dei vitigni centenari coltivati sorprendentemente a piede franco E’ una delle trentaquattro varietà autoctone presenti in Campania. Si tratta del Tintore che, insieme con altre tipologie di uve cosiddette minori, seppur produttivo risulta non essere ancora iscritto nel registro nazionale delle varietà di viti. E per far sì che si proceda in tempi brevi al riconoscimento del secolare ...
TrackBack
[09/04/2008, 17:33] Morgan Pasqual ospite di Soave Versus
Morgan Pasqual, del ristorante 5 Sensi di Malo, porter? la sua scuola di cucina Cookiaio alla manifestazione Soave Versus, durante una serata che avr? luogo sabato 6 settembre alle 20.30 presso il parco Zanella a Soave (VR). ?Una cucina tutta...
TrackBack
[09/10/2007, 18:10] Kelablu e il Vino del Giorno
La Sorgente del VinoVe lo ricorderete ai tempi di Peperosso (ometto link, il nuovo ? purtroppo la brutta copia dell'originale) piccante acido corrosivo ma anche curioso innovativo e istruttivo, Massimo Bernardi, col quale condivido il cranio totalmente sprovvisto di peluria varia (ma lui ? pi? bello) ? tornato con il suo nuovo progetto, Kelablu - scuderia GamberoRosso.

Tra le tante belle cose che potrete leggere sul suo blog, ebbene, ci sar? anch'io! Troppo onore per un pigrone come me essere ospitato da cotanto blog in compagnia di un manipolo di amici di vecchia data (non pochi i membri della WBA, per quanto essa possa ancora essere considerata in vita) per animare la rubrica Il Vino Del Giorno, null'altro che sintetiche note giornaliere su quello che ci capita di bere e di consigliare, senza darci arie e senza usare toni troppo... ingessati. Insomma, Maroni e WS da una parte, noi dall'altra. Il compito ? duro ma ce la faremo. Intanto io inizio il 12 Settembre, e mai data poteva essere pi? adatta....

Stay tuned!
TrackBack
[12/29/2019, 13:25] 14 Year Anniversary - On the Wine Trail in Italy - The Year-End Review
La Sorgente del Vino
This year marks 14 years on the wine trail in Italy. 2019 was also the year I transitioned from the hectic wine trade to a more tranquil life. I now write about wine for publications other than this blog, and I devote time to more reflection and am dedicating energy to other aspects of my being. For many in the wine trade, what one does seems to define who one is. I am not a fan of labels, never have been. Everyone is trying to cube us up, put us into a box, so that they can explain who we are by what we do. That?s typical Western Anglo-Saxon American silliness.


So, you have the magical postnominals behind your name? I?ve met many with those letters and some of them still show a distressing lack of knowledge and understanding of Italian wine. However, they get to stand on the dais in the seminars and sit in wine competitions. They got into the big boys? club. What they do from there will be more of a reflection of their character than their memorization skills. But this is all in the rear-view mirror now, I really don?t care about the big boys? club of anything.

About the course of the wine blog. If I were being 100% realistic, and if I had the courage, I?d pull the plug right now. Be done with it. Drink what there is in my wine cave (including the $900 bottles!) and sail off into the sunset. And that will ultimately happen. But the blog has become an exercise for the brain and a way for me to express thoughts, not always about wine, for myself and anyone else who cares to read. I don?t chase wine news or catchy headlines or the drama of the wine trade. Oh, like the rest of you, I slow down when passing an accident on the road (if only to avoid the people in front of me who are really more interested in the blood and guts and crushed metal and glass). But I?m more concerned with getting on down the road.

La Sorgente del Vino
Wine writing has become a pitiful thing. There are so many bad articles about wine, misspelled, written from a perspective that sounds more like someone is pushing a (p.r.) agenda rather than trying to educate the readers. And then there are the endless pieces from folks who go on a wine junket and feel compelled to vomit their every activity on the pages. That?s what Instagram is for folks, put your bird droppings there. Or TikTok. But real writing, real good writing? Admittedly, wine blogs are not always the best place to suss out the good stuff. That said, be on the lookout for an announcement early in 2020 for news about my extracurricular wine writing.

Another aspect is the difference between public and private engagement. While this site is public and open to all, it has diverged into a more private space in 2019. Coupled with ?getting small,? which is a movement towards a more intimate space among listeners, who don?t necessarily crave another?s influence as much as another?s vision, or perspective. The world is turning, rightfully, to the younger generations. They have energy, passion, they have the bandwidth of time that older generations have already consumed. In other words, time is on their side. For now. But as those who have gone before have said, time has a way of dispatching everyone to the same place, eventually. So, while all eyes are on youth, there is always an argument to be made for those who have plowed and pruned through many moons. Experience, after all, isn?t such a bad thing, if it doesn?t become preachy or patriarchal.

Therefore, I go into my 15th year as a wine blogger. I am, as the CEO of the company I last worked for called me, the ?oldest millennial.? Ha! I am in my terrible teens for sure. But before we go into the next year, let?s take a quick look at some of the posts I wrote, why I wrote them and what they meant to me.
La Sorgente del Vino

In February I was the guest of Collisioni and Ian D?Agata?s group for an event called Gastronomix. We spent several days studying the other wines of Piedmont along with the foods. It was a fabulous trip and these posts came of it:
My long history with Ruch?

Erbaluce, where have you been all my life?

Grignolino and its Indomitable Illuminance on Individuality

Carema - ?Strong and Likeable as the Sun and the Stone?
These are personal stories but they also were meant to convey a sense of the place as well as what the actual wines might taste like. Everyone chases Barolo and Barbaresco, and for good reason. But for those looking to tap into the indigenous nature of Italy, grapes like Erbaluce and Grgnolino are a good (and more affordable) place to journey. I love these wines, and this part of Italy, and they have enabled me to stay connected to their (our) timeless and precious heritage.

In June I tried an experiment with:
An Epic Journey in Pursuit of the Evolution of Native Wine
While there were some experiential-based facts behind this story, my intent was to push beyond memories and try and capture an elusive spirit that I feel in the vineyards of Italy. It eventually expanded out to seven parts:
La Sorgente del Vino
Pt. II - In Tuscany, Leaving it all Behind, for the Odyssey of a Lifetime

Pt. III - Living Free in a World of Chains

Pt. IV ? Creating Your Own Current in the Sea of Life

Pt. V ? A Symphony of Wine in 100 Movements

Pt. VI ? Cracking Open the Corycian Cave (and the Key to Peace)

Pt. VII ? "There are no interlopers in my vineyard - they all are indigenous living things"
My intent was to fall underneath the spell of ?the greatest winemaker the world has never known.? And she transmitted her philosophy in this seven-part series. Probably a bit too much for the eno-blogosphere. But it was a very rewarding exercise for me and it changed how I saw Italian wine.

One day I was having lunch or coffee with my friend, Eric Asimov, and he asked me what did I wish for in my path of writing. Without thinking, I blurted out, ?Well, I?d really like to write a kick-ass science fiction novel.? Immediately I went flush in the face. Here I was with the nephew of one of the greatest science fiction writers, and himself a wonderful and sensitive wine writer.

That said, I meant it. I know I come late to that game and there are plenty of great sci-fi writers already. None the less, I used the occasion of my blog to try some speculative pieces. They were:
La Sorgente del Vino
Burning Man At 50 - Five Gen ?? Women Who Are Changing Wine and the World

The Scandal that has Shaken the Universe of the Masters of ?ophisticated ?annabis

??????? - The State of Italy - Wine, Culture, All of It - in 2120
All very different pieces. But they all reflect my interest in ?what if?? and how we might frame the future from present time. This is an area I intend to expand upon in 2020 and beyond (2120?). I offer them up here, not as a series as much as a collection of my intent to pursue speculative writing about wine in the future.

As well, I like to fantasize not quite into the science fiction realm, but definitely not factual based writing. These two pieces were great fun to write and received pretty well:
La Sorgente del Vino
The Elite Cabal and Their Conspiracy for the Future of Wine

A late-night dispatch from a tired and wary Italian wine export agent in China

What ifs taken to the ledge and thrown into the abyss.

China is emerging in my writing, as witnessed above in the sci-fi series and also one of the fantasy pieces. I also wrote a more serious piece about China, which got some pretty good traction:
La Sorgente del Vino
The top 10 destinations for Italian wine exports? China isn't on the list
I have nothing against China, and the wine folk I have met have been the kind of people I?d love to get to know more. China is a big target and she will be here long after we?re all gone. But for now, I wanted my Italian colleagues to know some of the facts about where we?re at, so they could consider the investment of their time and money (and children?s lives too). Building the Italian wine brand outside of Italy is something that isn?t done in one lifetime, as witnessed by the spread of Italian wine in America in the past few generations.

Which brings me to one of my favorite subjects, which I wrote a few pieces on in 2019, namely Italian wine in America:
La Sorgente del Vino
Italian Wine in America - An Array of Abundance

So you think you want to import Italian wine?
Italians bringing their wine to America and Americans importing Italian wine are reoccurring themes on this blog for many years, and this year was no exception.

Almost finished - a few pieces that either struck my reader or that I just liked a whole hell of a lot.
La Sorgente del Vino
Regarding Wine, Writing and ?Influencers?

Are Wine Ambassadors Worth the Time and Money?

Oh, The People You?ll Meet! (at a wine media luncheon)

5 Italian Wine Buyers (that I wanted to challenge, gag and thank)

The 2nd Most Important Book About Italian Wine ? Ever
The first two ranged from naval gazing to an ardent attempt to ask if wine ambassadors pay their way. And the third and fourth posts were just me trying to lighten up a bit. The last one, a serious post, revolved around the recent book published by Ian D?Agata. Worth buying.

And finally, another diversion:
La Sorgente del Vino
Altamont, December 6, 1969 - The end of the '60's or, simply, childhood's end?
Since the mid 1960?s, (when I was actually 14) I have carried a camera with me. Photography is my North Star, my tether, my cypher and my mirror. I love photography more than wine. There, I?ve said it. With that, I dug into my archives and posted a short piece with 30 photographs from that fateful day in California. It was a day that changed many young lives, and I was there to capture it. It changed my life too.

As usual, I?ve gone over words (TL;DR). My spell and grammar checker, Gerald, will be having one hell of a time with all these words, so I better stop now and give the poor guy a break. After all, he just did his 40-someteempth O-N-D.

Thanks for reading. I?m not going anywhere fast. (Don?t we all know that?) Happy New Year and keep flossing!

La Sorgente del Vino





wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[07/11/2008, 08:20] Provocazione: coprire le vigne valtellinesi per tutelare i vititicoltori?

La Sorgente del VinoNella Valtellina del vino che domenica ha purtroppo subito una violenta grandinata che ha colpito soprattutto, e duramente, i vigneti della Sassella attorno a Sondrio (Arpepe e Fondazione Fojanini tra i pi? colpiti), e ha toccato i territori di Montagna, Albosaggia e Caiolo, si registra, come si pu? leggere da questo articolo pubblicato nelle pagine di Sondrio del quotidiano La Provincia, (vedi qui allegato Sciopero vigneti) una presa di posizione assolutamente provocatoria. Un vero sasso nello stagno. L?autore ? il direttore della Fondazione Fojanini Graziano Murada, che ha proposto una sorta ?di sciopero della vista dei vigneti al fine di valorizzare quello che sta a monte della qualit? dei vini valtellinesi e di riequilibrare il rapporto tra produzione e vendite?.
Lo ha fatto, come si pu? leggere anche in quest?altro articolo (vedi qui allegato
lavoro in vigna ) di Daniela Lucchini, in occasione della cerimonia premiazione della ventiquattresima edizione del Ciapel d?Oro che assegna riconoscimenti a viticoltori valtellinesi che si sono particolarmente distinti.
Murada ha lanciato la sfida a nascondere dietro teli bianchi il tesoro dei terrazzamenti, per la maggior parte coltivati da piccoli produttori e le prime risposte sono state molto positive, sia da parte dei viticoltori che dal presidente della Fondazione Fojanini, nonch? direttore di Provinea, Introini, fino ad Alberto Marsetti, presidente della Coldiretti e al mondo politico.
In un intervento pubblicato sul sito Internet Valtellina on line, il presidente della Provincia di Sondrio Fiorello Provera ha dichiarato: ?
E bravo Murada! Il direttore della Fondazione Fojanini, nonch? sindaco di Albosaggia, ha messo ancora una volta il dito nella piaga, sottolineando come, a fronte di 8 milioni di bottiglie consumate annualmente in provincia di Sondrio, la gran parte sia rappresentata da vino prodotto fuori di qui. E? scoraggiante constatare che su una produzione provinciale di circa 3 milioni e mezzo di bottiglie di qualit?, anche eccellente, 400mila rimangano invendute?.
Dati innegabili e verissimi, ma vagheggiare una sorta di ?autarchia? come fa il presidente leghista della pi? settentrionale delle province lombarde dichiarando ?l?Amministrazione Provinciale ha scelto di dare contributi unicamente a sagre, iniziative e feste che utilizzino vino locale. Un piccolo segno, ma significativo della nostra attenzione ai viticoltori e all?intero comparto vitivinicolo?, per tentare di recuperare l?attenzione dei consumatori valtellinesi verso i vini locali (che spesso qualitativamente lasciano a desiderare e profumano ben poco di Nebbiolo di montagna e scarsamente testimoniano uno stile produttivo e un?identit? valtellinese?), non mi sembra proprio la migliore soluzione.
Come dice bene Marsetti ?al di l? delle provocazioni dobbiamo piuttosto perseverare perch? il trio composto da territorio, ambiente ed agricoltura sia il vero punto di forza della nostra valle?. E perch? la viticoltura ed i vini valtellinesi sappiano stare sul mercato, con una loro precisa identit?, senza forme di assistenzialismo, con un orgoglio produttivo che ancora oggi fa spesso difetto.

P.S.
Claudio Introini, direttore di Provinea mi scrive in merito agli interrogativi da me espressi ieri sull?attivit? della Fondazione che dirige: ?Caro Ziliani, rispondo con piacere alla domanda che poni nel blog circa l’attivit? di ProVinea. ?Per la candidatura UNESCO ProVinea sta procedendo alla stesura di un documento di analisi storico-comparativa che deve dimostrare agli ispettori ICOMOS l’unicit? e l’eccezionalit? della nostra viticoltura. Intanto stiamo cercando in ogni possibile modo di sensibilizzare l’INTERA filiera produttiva a che si renda conto che condizione indispensabile al riconoscimento a patrimonio UNESCO e alla sua spravvivenza ? avanti a tutto la garanzia che il terrazzamento vitatato sia, oggi e pi? ancora in futuro, mantenuto EVOLUTIVO e VIVO.
E’ un impegno che viticoltori, vinificatori-trasformatori e istituzioni locali devono sottoscrivere per valorizzare attraverso l’unicit? del territorio e la sua conoscenza la specificit? dei vini ivi prodotti. Di tutto questo avr? per? grande piacere di parlarne in occasione di un prossimo eventuale incontro. Cordialmente Claudio Introini?.
Attendiamo con fiducia l?incontro e ulteriori notizie?

TrackBack
[07/12/2008, 22:06] Suvvia ministro Zaia non faccia anche lei il politicamente corretto!

La Sorgente del VinoSuvvia Ministro Luca Zaia, lei che vuole essere concreto e dalla parte della gente, e si ? detto pronto a ?sporcarsi le scarpe? occupandosi dei tanti problemi del Ministero delle Politiche Agricole, non faccia anche lei, come tutti, il ?politicamente corretto?!
Se mi permette un - disinteressato - consiglio, eviti accuratamente in futuro, come ha invece fatto nella vivace intervista al Magazine del Corriere della Sera, accompagnata da una foto che la ritrae in giacca e cravatta e fazzoletto verde padano d?ordinanza nel taschino, mentre brandisce piccone e badile tra i vigneti di Montalcino, di ripercorrere le orme dei suoi predecessori, che sembravano soffrire di un inferiority complex nei confronti di quello che per molti doveva diventare o era considerato il ministro ombra il titolare del dicastero che fu di Alemanno e poi di De Castro.
Sto parlando del ?quasi santo? e del futuro ? e molto contestato ? docente di ?sociologia dell?ambiente e del territorio? all?Universit? di Studi di Torino, del lider maximo e capataz della golosa associazione della Chiocciola Carlo Petrini
Se vuole essere davvero diverso, e accreditare un’immagine (credo molto gradita alla gente) di decisionista, che decide senza guardare in faccia a nessuno, infischiandosene di poteri forti, antiche consorterie e camarille, gruppi di pressione e lobbies varie, bene, alla classica domanda di Vittorio Zincone sul Magazine ?a cena col nemico??, non risponda pi?, come ha fatto, ?Carlo Petrini, di Slow Food. So che ? di sinistra. Ma d?istinto sento che c?? qualcosa che ci accomuna?!
Va bene dare prova di essere uomini di mondo e di aver capito come vanno le cose, anche nel mondo dell?agroalimentare italiano, dove tutti, da destra a sinistra, parlano bene di Carlin, ma si risparmi certi complimenti, certi omaggi automatici e riconoscimenti, che ormai fsuonano stucchevoli e d?ja vu.
A meno che non pensi anche lei, come ha pensato il nuovo Sindaco di Roma Alemanno prima o dopo le elezioni, che una ?benedizione? e un placet di Petrini siano importanti per poter diventare nel 2010 il primo presidente leghista della Regione Veneto? ?
??

TrackBack
[09/10/2007, 18:30] Vignaiolo virtuale
La Sorgente del VinoQuest'anno ? andata com'? andata, nonostante i miei buoni propositi, la mia prima vendemmia sar? per un'altra volta.
Nel mondo reale, per?. In quello virtuale invece sono gi? alla seconda vinificazione su myWineFarm.com. Dopo essermi cimentato con un "buon" Cortese dell'Alto Monferrato da 320 punti, ho fatto quasi il botto con una "OTTIMA" Barbera D'Asti da 362 punti (il sito indica la Barbera al maschile... ahiahi!) prodotta nella sottozona Nizza, nel Cru Vigna Verde esposto a nord-est a 230mt di altezza.
Potatura corta, rese basse, trattamento con verderame (come insegna pap?), ho chiamato la famiglia a darmi una mano, ho raccolto in ottobre con luna calante, vinificazione in rosso classica e imbottigliamento in agosto in giornata senza vento.

E voglio proprio vedere se Suckling non mi da almeno 97/100 su WS!

Sapete fare di meglio? Se si, vi invito tutti per una grigliata nella mia cascina Sorito. Suvv?a, ? a soli 6 km dal centro abitato pi? vicino!
TrackBack
[09/03/2008, 20:14] Festival del Franciacorta IX Edizione

Dal 20 al 22 settembre torna il Festival del Franciacorta, la maggiore manifestazione dedicata alle Bollicine pi? famose d’Italia.

Nella splendida cornice di Villa Lechi ad Erbusco (BS), si potranno degustare tutte le tipologie della DOCG, e soprattutto valutare la sboccatura 2008.
Proprio quest’anno si celebra il sorpasso della Franciacorta come zona di maggiore produttrice di bollicine rifermentate in bottiglia in Italia, ai danni della Doc Trento, ma mi raccomando, non citate ad un Franciacortino i suoi vini come Spumanti Metodo Classico, altrimenti con un calcio vi spedisce direttamente dalle Torbiere di Iseo alla cima di Montisola, sempre sul Lago d’Iseo: il Franciacorta ? Franciacorta e basta, e il suo metodo di produzione ? il Metodo Franciacorta.
Sul sito della Manifestazione troverete tutte le informazioni necessarie sugli eventi, Cantine partecipanti, il programma e tante altre notizie.

TrackBack
[01/22/2019, 08:48] Nuovi orari in enoteca (ed altri cambiamenti)
La Sorgente del Vino
Caro diario, le cose cambiano. Potrei scriverlo sulle reti sociali, potrei scriverlo su Linkedin dato che parlo di cambiamenti lavorativi - e lo far?. Ma adesso lo scrivo qui: cambiano alcune cose intorno al mio lavoro.

Sto cominciando una nuova attivit?. Faccio il rappresentante, il venditore - di vini, ovviamente, resto con la bevanda odorosa. Sto esaminando proposte, qualcuna l'ho gi? accettata, solo non avevo ancora detto ufficialmente che all change.

E siccome il cambiamento riguarda anche l'enoteca, l'enoteca rimane, ma ad un regime di apertura ridotto. Cambia l'orario, rester? aperta solo nel pomeriggio, dalle 16 alle 19,30.

TrackBack
[04/23/2008, 09:43] Barilla chiama i blogger per Alixir

La Sorgente del Vino

Il 29 marzo scorso sono stato al temporary store di Alixir a Roma. Alixir ? una nuova linea di prodotti lanciata di recente da Barilla per la quale rimando al mio post scritto qui.

L’occasione ? stato un invito ricevuto da Alex e Mirko di Ninjamarketing. Una bella occasione per conoscere personalmente diversi blogger con i quali si ? avuto modo di sentirsi su internet: Caterina Di Iorgi di Blogosfere, Lele Dainesi, Luca Conti di Pandemia, Stefano e Marco di Due Spaghi, Tommaso Maggio de Lospremiagrumi.com, Simone Sbarbati di Frizzifrizzi.it, Federico Quaranta e Tinto di Decanter su Radio2

Non ? abituale incontrare tanti blogger e personalit? del web 2.0 italiano che discutono insieme di un argomento, per cui qualche parola ? di dovere. L’incontro ? stato un esempio lampante di come le cose stanno cambiando: Barilla, una delle maggiori aziende del food italiano, incontrata i blogger per presentare la nuova linea di prodotti, ma soprattutto per avere un feedback su diversi aspetti: packaging, comunicazione, punti di forza e di debolezza, …

Non far? il punto sulla comunicazione di Alixir nella blogosfera che, per certi aspetti, ha avuto dei risvolti non proprio ottimi, bens? proprio sul fatto del cambiamento in atto, cambiamento che nel mondo del vino appare un p? pi? lento.

1. Una grande azienda si apre
2. Obiettivo: avere un feedback, capire, ma anche veicolare il proprio nome tra gli influenti

Mi ? rimasta impressa una frase che riporta anche Mauro Lupi nel suo blog: alla domanda “perch? non aprite un blog?”, il padrone di casa Eugenio Perrier di Barilla ha risposto

Semplicemente perch? non lo sappiamo fare

ShareThis

TrackBack
[06/11/2008, 17:26] Italia in Rosa a Moniga

Si svolger? a Moniga del Garda (BS) la prima edizione di Italia in Rosa, nei giorni 28 e 29 giugno 2008.

Trattasi della prima manifestazione enologica nazionale dedicata a questa tipologia di vino, spesso bistrattata, ma che il mercato sta cominciando ad apprezzare.

Saranno in degustazione circa 250 vini, tra fermi e bollicine, in rappresentanza delle 20 regioni italiane, questo ? l’elenco dei vini presenti. Oltre alla ricca degustazione sabato 28 un talk show dal titolo “Il Terzo Polo-Le Scuole Italiane del Rosato”, con una ricchissima partecipazione, vedi la lista e gli argomenti trattati.
Altre informazioni al sito istituzionale della manifestazione.

Che dire, se siete amanti dei Rosati e volete farvi un bel fine settimana sul Lago di Garda, questa ? l’occasione giusta, e poi cos? tanti vini rosati in assaggio in una sola volta non si sono mai visti.
Max Pigiamino Perbellini

TrackBack
[01/01/1970, 00:00] Autunno in Boca, fra le vigne di una delle doc pi? interessanti del Piemonte
Segnatevi questa data: domenica 21 settembre 2008. Non rappresenta solo l?ingresso dell?autunno (che pare abbia deciso di arrivare con una settimana di anticipo?) ma, cosa ben pi? interessante, almeno per gli enogastrofili, ? il giorno in cui Boca (NO) si riveler? in tutto il suo fascino, proponendo i vini...
TrackBack
[01/01/1970, 00:00] Cena etnica a Ferrara
TrackBack
[05/18/2008, 19:24] Cantine Aperte in Umbria, sceglie VinoClic
La Sorgente del Vino Cantine Aperte, l'evento ideato e promosso da Movimento Turismo del Vino su tutto il territorio nazionale ha scelto VinoClic, per la promozione della sua versione umbra. Il Comune di Montefalco, probabilmente anche grazie alla giovane et? e quindi probabile freschezza di vedute, ha incaricato VinoClic di promuovere l'evento su tutto il network per tutta la settimana precedente la manifestazione nazionale. Come gi? rilevato in altra occasione, la promozione di eventi ? a nostro avviso uno dei settori in cui il nostro network esprime il meglio di se dal momento che la pubblicit? cos? veicolata porta con se non solo un marchio ma un'informazione utile e quindi ben accolta dal suo potenziale destinatario.
TrackBack
[10/09/2008, 16:48] Autunno... Cantar Bacco
Incede l'autunno, stanno per terminare le fatiche della vendemmia... A Soave si potr? festeggiare tutto ci? ascoltando alcuni "Canti di Bacco" in tre sedi: Venerd? 17 ottobre presso il Duomo di San Lorenzo alle 20.45 Sabato 18 ottobre presso l'Auditoriun...
TrackBack
[01/01/1970, 00:00] Battipaglia, 26 novembre. Gennaro Esposito a Rossorossorosso...Piedirosso!
Gennaro prepara la sua mitica minestra di pasta mista di Gragnano con crostacei e pesci di scoglio nella cucina di Fabbrica dei Sapori. Alla sua sinistra si intravede Maurizio Somma del Papavero. Il clou della prima serata dedicata al rosso più amato dai napoletani. Abbinamento perfetto con il Piedirosso. Per la cronaca: ho potuto provarla solo fredda perché impegnato nel lavoro e ho constatato la insuperabile classicità di una piatto memorabile. ...
TrackBack
[10/25/2018, 09:33] Smellier, cloudier, juicier, more acidic and generally truer
La Sorgente del Vino
Leggo solo oggi questo vecchio pezzo di The Guardian, che parla di vini naturali - quasi fosse un wine blog, per attirare click. No vabbe' dai, sto scherzando, si capiva, s?? Guardian scrive di vini naturali a modo suo, e cio? in modo assai rilevante e quindi questa lunga, lunga lettura la mettiamo da parte, perch? ? un ritratto molto esauriente. Prendetevi il tempo per leggere tutto, se ancora vi mancava.

Guardian riesce anche a dire alla veloce cosa sia un vino naturale, e per questo l'ho adoperato per titolare il mio post: "they tend to be smellier, cloudier, juicier, more acidic and generally truer to the actual taste of grape than traditional wines". Notevole anche l'immagine, che riciclo - una cosa a met? tra lo steampunk e il disaster movie.
TrackBack
[09/23/2008, 17:55] Fake Amarone (?) della Valpolicella

La Sorgente del Vino


Tempo di vendemmie.
Anche per gli amici dell'ICQ e del Corpo Forestale dello Stato.

Il guaio ? che i "raccolti" che fanno non ci piacciono (e non piacciono nemmeno a loro).

TrackBack
[10/13/2008, 10:47] Verso il Foscarino...Vendemmia
E' nel periodo di vendemmia, in giornate autunnali piene di luce ancora calda, che metto pi? a fuoco tutte le ragioni della mia passione per questa terra. Son salita verso il Foscarino, colle ventoso che guarda la pianura (in giornate...
TrackBack
[09/13/2008, 19:54] Gambero Rosso, un clamoroso autogol

La Sorgente del Vino

Strane manovre in quel di Gambero Rosso Holding.
Non conosco personalmente Stefano Bonilli ed anzi alcune sue uscite come per esempio la causa con Guelfo Magrini e le critiche trancianti alle grappe di Romano Levi, non le ho condivise (per quel che vale). Solo qualche sporadico contatto via e-mail, sempre cordiale ma niente di pi?. Mi astengo pertanto dall'esprimere un giudizio sul fatto in s? del licenziamento. Vorrei invece spendere una parola per i primi passi del nuovo management. Se il buongiorno si vede dal mattino, la nuova leadership non credo avr? gran fortuna online. In queste ore internet ? una voce sola, solidariet? a Bonilli per i modi con i quali ? stato messo alla porta ed oscurato dal web dalla direzione di Gambero Rosso.

Oscurare dal web ? Ma nemmeno all'et? della pietra..

In un articolo apparso oggi sul nuovo blog di Bonilli, immediatamente ripristinato dopo la censura del vecchio, l'ex direttore lamenta il silenzio delle maggiori testate giornalistiche, eccezion fatta per un intervento di Marco Gatti su la Nazione. Non mi preoccuperei pi? di tanto, il futuro ? qui sulla rete.


[Foto credit : http://www.hawaflcio.org]

TrackBack
[07/24/2008, 18:00] Constellation Brands - risultati primo trimestre 2008

[English translation at the end of the document]

Appena dopo aver mostrato agli investitori la strategia, Constellation Brands ha riportato dei risultati eccellenti nel primo trimestre del 2008/09 (Marzo-Maggio 2008). In tre parole: nel segmento dei vini la crescita organica e? stata del 15% (anche grazie al fatto che nel Q1-07 le vendite erano scesi dell?8%), ma soprattutto i margini stanno migliorando sensibilmente, dopo le acquisizioni nel vino premium e la quasi completa uscita dal segmento del vino sfuso e all?ingrosso. I principali indicatori sono tutti positivi: le vendite salgono del 3% a USD930m (ma la crescita organica e? del 13% a livello consolidato, inclusi gli spirits), l?utile operativo cresce del 33% a USD91m e l?utile netto (che include anche il contributo della divisione birra) fa segnare un progresso del 50% a USD45m.


La Sorgente del Vino
(more…)

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino
TrackBack
[01/01/1970, 00:00] L'azienda vinicola Baroncini di S.Gimignano devastata da un incendio
Questa notte, un incendio di probabile origine dolosa ha causato gravi danni alla nota azienda vinicola Baroncini di San Gimignano (Siena). Dalle prime indagini sembrerebbe che l'incendio sia stato appiccato da un membro della famiglia dopo una violenta discussione. Le fiamme si sono sviluppate negli uffici e poi si sono propagate in tutta la tenuta, raggiungendo l'abitazione del custode dove vive anche una famiglia dello Sri Lanka che si ? messa fortunatamente in salvo. Il danno ammonta, secondo le prime stime, a 300 mila euro.La famiglia Baroncini ha una lunga tradizione vitivinicola e olivicola, tramandata di generazione in generazione; oltre a produrre vino sotto il proprio nome, la famiglia ? proprietaria di un gruppo di aziende sotto il marchio "Terre Vitate": Il Faggeto, dove viene prodotto il Nobile di Montepulciano, Aia della Macina, in Maremma, dove nasce il Morellino di Scansano, Poggio Castellare a Montalcino per il Brunello e il Rosso, Fattoria Sovestro e Torre Terza dove vengono prodotti numerosi vini fra cui il Chianti Colli Senesi e la Vernaccia di S.Gimignano, infine la Georgian Vineyard, situata a Kvareli in Georgia, dove si produce il Cabernet Saperavi.
TrackBack
[06/25/2008, 12:00] ? arrivata la Catalogna!
TrackBack
[04/08/2008, 20:41] Invecchiare
C'? un cambiamento climatico in atto, una tendenza all'aumento della temperatura media. Tutti lo sostengono oramai, con dosi pi? o meno elevate di allarmismo. Non si sa ancora esattamente se il fenomeno abbia origine antropica (effetto serra) o dipenda da altri fenomeni geolocici ciclici. Questa cosa devo dire che mi turba; forse sar? che soffro il caldo! Dal punto di vista enologico sono ancora pi? turbato. Se un milesimo come il 2003 diventasse la normalit? e non l'eccezione, cosa occorerrebbe fare per evitare di ripetere i disastrosi risultati espressi dai pi? blasonati vini italiani? Che tipo di gestione della vigna occorrer? mettere in pratica? A queste domande sta pensando un sacco di gente. Nuovi indici pedologici aiuteranno a selezionare nuovi terroir (di questo parleremo pi? avanti); pratiche come la sfogliatura intorno ai grappoli andranno in pensione; le esposizioni dei filari andranno ripensate; anche i vitigni subiranno la loro bella rivoluzione, ed inevitabilmente tutto ci? avr? un riflesso sui disciplinari di produzione. E in cantina cosa occorrer? fare per preservare aromi e fragranze? Esattamente su questo tema ho letto alcuni scritti del Prof. Mario Fregoni pubblicati da VQ, da cui mi sono permesso di estrarre alcune frasi, che riporto letteralmente.
TrackBack
Tecnorati