TagCloud:


Link to us:



  Blogs & Sites:



 






Mondo Di Vino
Mondo Di Vino





[07/16/2008, 12:07] In ricordo di Sergio Zenato, grande imprenditore del vino gardesano e veronese

La Sorgente del VinoHo appreso solo ieri, trovandomi nella zona del Bardolino per un?ampia degustazione (di cui parler? presto) della scomparsa, avvenuta qualche giorno orsono, di Sergio Zenato, patron dell?omonima azienda vinicola di San Benedetto di Lugana.
E? una notizia che mi ha colpito e molto rattristato, perch? conoscevo Zenato, inconfondibile con la sua chioma di capelli ormai bianchi, la sua ?ciacola? veneta ed il suo modo schietto e diretto di fare, da tanto tempo, direi almeno una quindicina d?anni e ho sempre apprezzato, in lui, la tempra dell?imprenditore vinicolo di razza, quello che crea un?azienda vinicola, cosa che lui fece nel lontano 1960, e la fa crescere progressivamente sino a diventare una realt? importante e di riferimento nel variegato universo vinicolo del Garda e per estensione della provincia di Verona.
Dire Zenato, oggi, significa indicare una grande azienda con voce in capitolo nel mondo del Lugana, di cui ? stato uno dei pionieri e uno dei grandi interpreti, ma anche della Valpolicella, grazie ai suoi Amarone e Valpolicella, oltre al celebre ?Ripassa?, di stile sapientemente moderno. Grande selezionatore di uve e commerciante di quelli tosti, ma anche proprietario di vigneti propri e di un?azienda agricola come la Santa Cristina, 40 ettari di vigneti da cui ricavava i suoi Lugana top e altri vini. Ho diversi ricordi di Sergio Zenato, dovuti a visite e degustazioni fatte nella sua cantina e ad incontri fatti in giro per l?Italia.
La Sorgente del VinoUno particolarmente intenso mi riporta all?agosto del 1999, quando ci trovammo entrambi in Salento, a Guagnano, a porgere l?ultimo saluto ad un amico comune e grande uomo del vino, pugliese e italiano, Cosimo Taurino (il pap? del Patriglione e del Notarpanaro ed il re del Salice Salentino) che se n?era andato all?improvviso, lasciandoci sgomenti, il 23 agosto, alla vigilia della vendemmia.
Ricordo la sua e la mia emozione, il nostro essere senza parole, come lo sono ora che so che questo grande personaggio del vino del Garda e di tutto il Veneto, non ? pi? con noi.
Alla Signora Carla, ai suoi figli Nadia e Alberto, gi? da tempo attivi in azienda, le mie pi? sentite condoglianze e l?augurio di proseguire, con pari energia e successo, il lavoro avviato e cos? brillantemente proseguito da Sergio. ?

TrackBack
[01/01/1970, 00:00] Si presenta il libro dei dolci di Salvatore de Riso
Come tutti i grandi, Salvatore De Riso non ha preoccupazione di svelare i suoi segreti dolciari. Così è nato “Dolci del Sole”, edito dalla Rizzoli, e in libreria da oggi. Di più, chi vorrà assistere alla presentazione ufficiale c'è un doppio appuntamento. Il primo si terrà giovedì 27 novembre, 17,30 presso la Feltrinelli di Napoli in Piazza Dei Martiri. Qui, affianco a Salvatore De RIso, ...
TrackBack
[12/06/2008, 19:05] Se il Bardolino ? un vino da stelle...
La Sorgente del VinoSe c'? una cosa che non riesco proprio a capire ? come si faccia a non pensare al Bardolino come compagno ideale anche per la cucina d'alto profilo.
Mi spiego: pi? un piatto ? giocato sull'armonia, sull'equilibrio, sulla delicatezza, pi? a mio avviso quello stesso piatto "chiama" come compagno di tavola un vino che non sovrasti il cibo, ma che invece l'accompagni con freschezza, con slancio.
Certo, di grandi vini che han questa dote ce ne sono: adoro per esempio lo Champagne, i vecchi Bordeaux (quelli pre-parkeriani, pre-concentrazione), qualche aristocratico Pinot Nero borgognone (quelli tornati scarichi nel colore e finissimi nell'impatto, ch? anche in terra borgognona c'? stata qualche infatuazione per la palestra enologica nell'ultimo decennio). Ma perch? non prendere in considerazione, pi? semplicemente, il grande potenziale che un buon Bardolino o un buon Chiaretto sanno mettere in campo quando si parla d'abbinabilit? e di beva?
Una dimostrazione (per me, un'altra dimostrazione, ch? ne sono convintissimo) che i vini bardolinisti siano perfetti anche per la cucina d'eccellenza l'ho avuta ieri sera a Sorrento, con la cena che, all'hotel Excelsior Vittoria, ha visto confrontarsi tre cuochi veneti stella Michelin ed altrettanti colleghi stellati della Campania.
Gran bella cena, dico subito, di quelle che ti ricordi, ch? nonostante in sala fossimo attorno ai centocinquanta, ci sono arrivati piatti capaci di emozionare, appunto.
Resoconti della cosa li trovate sul nuovo sito del Consorzio del Bardolino (e c'? anche un bel pezzo di Paolo Virtuani in home page sul sito del Corriere della Sera). Quel che invece qui voglio dire ? che il Chiaretto Spumante, il Chiaretto "fermo" e il Bardolino ieri sera si son dcisamente ri-dimostrati vini da abbinamento ideale: nessuna prevaricazione sul piatto, nessuna "difficolt?" nella beva, nessun impegno aggiuntivo per il commensale, e anzi le ricette prendevano nuovo slancio dall'accostamento, ch? la freschezza bardolinista era adattissima nel pulire il palato dal boccone appena assaggiato e preparare il campo per la nuova forchettata.
E se i cuochi stellati cominciano a non vergognarsi d'abbinare le loro creazioni con l'etichette bardoliniste, allora credo che ci si potr? divertire. Anche perch?, diciamocelo, potremmo ordinare bottiglie dal prezzo umano anche nei ristoranti pi? blasonati, e con i tempi di vacche magre d'oggid? non ? per niente una prospettiva di poco tempo.
Mi si dir?: ? questione di reputazione, e il Bardolino ne difetta, oggi, e non ? dunque adatto al pubblico dei ristoranti da vip. Dico: ma dobbiamo per forza fermarci alle convenzioni, ai luoghi comuni, alle tendenze modaiolie? Nossignori, signori cuochi & ristoratori: un po' di coraggio, e proponiamo alla clientela i vini che possono star bene coi piatti che abbiamo in lista. Anche un Bardolino, o qualche altra doc "minore". Di quelle che fan vini da bere, mica solo da degustare. Che ce n'? tante, e buone, in giro.
La foto: brindo assieme ai tre cuochi stellati del Veneto, ossia, da sinistra, Stefano Pace del ristorante La Terrazza di Montecchia di Crosara, Leandro Luppi del Vecchia Malcesine di Malcesine e Isidoro Consolini del ristorante Al Caval di Torri del Benaco.
TrackBack
[01/01/1970, 00:00] Tramonti, 30 novembre. Tintore day
Happening di sapori e visite guidate per condurre gli appassionati alla scoperta dei vitigni centenari coltivati sorprendentemente a piede franco E’ una delle trentaquattro varietà autoctone presenti in Campania. Si tratta del Tintore che, insieme con altre tipologie di uve cosiddette minori, seppur produttivo risulta non essere ancora iscritto nel registro nazionale delle varietà di viti. E per far sì che si proceda in tempi brevi al riconoscimento del secolare ...
TrackBack
[05/18/2008, 19:24] Cantine Aperte in Umbria, sceglie VinoClic
La Sorgente del Vino Cantine Aperte, l'evento ideato e promosso da Movimento Turismo del Vino su tutto il territorio nazionale ha scelto VinoClic, per la promozione della sua versione umbra. Il Comune di Montefalco, probabilmente anche grazie alla giovane et? e quindi probabile freschezza di vedute, ha incaricato VinoClic di promuovere l'evento su tutto il network per tutta la settimana precedente la manifestazione nazionale. Come gi? rilevato in altra occasione, la promozione di eventi ? a nostro avviso uno dei settori in cui il nostro network esprime il meglio di se dal momento che la pubblicit? cos? veicolata porta con se non solo un marchio ma un'informazione utile e quindi ben accolta dal suo potenziale destinatario.
TrackBack
[12/06/2022, 09:18] Com'? fatto un critico enologico

Se ve la siete persa, questa ? la (necessariamente lunga) descrizione dell'oggetto, ad opera di Fabio Rizzari. Contiene, tra l'altro: 

?Il buon critico ? colui che per prima cosa cerca i pregi in un vino. E poi, nel caso, ? costretto a registrarne i difetti. L?attitudine giusta ? quindi di apertura, per cos? dire di solidariet? pregiudiziale verso l?oggetto della propria valutazione. Una postura fondamentale per qualsiasi critico ? letterario, musicale, cinematografico, d?arte, eccetera -, senza la quale perfino la poesia del sommo Dante pu? risultare incomprensibile o perfino ridicola. Il cattivo critico, all?opposto, ? invece colui che per prima cosa si dispone a cercare il pelo nell?uovo. A sciorinare un elenco di mancanze, vere o presunte, in un certo vino: questo qui ha avuto problemi di malolattica, quest?altro viene da una cattiva presa di legno, quest?altro ancora ha un alcol troppo elevato, e via andare. Credendo cos? di dimostrare, a se stesso e ai suoi lettori, la sua grande competenza. ?A me non la si fa?, ? il sottotesto, nemmeno tanto nascosto. Il cattivo critico ? uno dei problemi maggiori della letteratura di settore?.

Dello stesso autore a me piace ricordare sempre un'altra citazione, che pu? essere utile associata allo stesso discorso, che ?: 

?Il giudizio di gusto espone pi? di altri al ridicolo potenziale, e rivela pi? di altri la nostra fragilit?. Chi accetta di correre questo rischio ha un atteggiamento pi? rilassato e libero, non ostile verso gli altri?.

TrackBack
[10/09/2008, 16:17] Chocolando... Chocoday... e solidariet
Da venerd? 10 a domenica 12 ottobre ritorna a Soave Chocolando in Tour, Festa del Cioccolato Artigianale, quest'anno arricchita da concerti di musica jazz e blues, degustazioni e abbinamenti tra vino e cioccolato. Apertura degli stands dalle ore 12.00 alle...
TrackBack
[01/01/1970, 00:00] Mondovino: La C?tes du Rh?ne
Passata la mondana Costa Azzurra, con i suoi sfarzi e con i suoi affezionatissimi milionari e superstar, si apre, andando verso ovest, una delle aree vinicole Francesi pi? interessanti, sicuramente la pi? importante del sud della Francia, stiamo parlando dell'area del fiume Rh?ne, che taglia verticalmente questa bellissima valle...
TrackBack
[09/15/2008, 04:10] Monday Rerun 3: New vs Old Italian New York
Here is a post that generated some comment in Italy at the time. I think there's still relevance.
TrackBack
[01/01/1970, 00:00] ?Sapori di Primavera? 9/10/11 maggio alla Fabbrica della Ruota a Pray Biellese

?Sapori biellesi?, in collaborazione con il sistema ecomuseale della provincia di Biella organizza la settima edizione di ?sapori di primavera? mostra mercato dei prodotti di qualità dell?enogastronomia biellese, con il supporto della Regio Piemonte, della Provincia di Biella, della Comunità Montana Valsessera, della C.C.I.A.A. di Biella, e dell?ATL.
Parteciperanno i produttori del territorio selezionati da ?Sapori Biellesi?, che offriranno in vendita e in degustazione i loro prodotti più pregiati, alcuni dei quali difficili da reperire sul mercato in quanto di produzione limitata.
La sede è la Fabbrica della Ruota a Pray Biellese (Regione Vallefredda 1 strada provinciale biella- valsesia).
Orario: Venerdì ore 20.30 22; Sabato 15-22 / Domenica 10-19.
Ingresso 3 euro, ridotti 2,50.
Per avere il programma completo della manifestazione si può andare direttamente nel sito www.saporibiellesi.it.
Questa è una manifestazione nata per mettere a disposizione del consumatore una selezione dei prodotti biellesi presentati direttamente dai produttori.
Le aziende collaboratrici di terradeivini presenti alla manifestazione e di cui vi invitiamo a provare i prodotti sono:
Azienda Agricola Pastoris con i prodotti: Erbaluce di Caluso, passito e Rosso Canavese.
Azienda Agricola Ca? d?Andrei con i formaggi.
Azienda Agricola Aurum con i prodotti: miele, bugella e le nocciole biellesi.
Non mancate a questo appuntamento perché il prossimo è stato fissato per il 2010.

TrackBack
[10/12/2022, 14:46] Ristorante La Gallina a Gavi (AL) ? Villa Sparina Resort ? Chef Graziano Caccioppoli ? Patron Famiglia Moccagatta

La cucina “domestica” di Graziano Caccioppoli, nuovo chef (stellato 2022) del ristorante la Gallina all?interno di Villa Sparina, si gusta con il cucchiaio:?? il punto d’incontro tra la grande cucina italiana e la creativit? contemporanea, con uno stile unico che coniuga la cultura dei grandi chef europei con l’audacia e con l’intuito tipicamente italiani. Qua si parla proprio di gola: un men? generoso e godurioso che mette al centro il piacere dello stare a tavola e di mangiare assieme, condividendo storie e ricordi. Un tuffo nei sapori dell?infanzia, nella cucina dei nonni, e nei lunghi pranzi delle feste; una rievocazione del piacere puro dei primi assaggi, quando ? abbandonato il nutrimento materno ? si passava a quello solido, che nei primi tempi passa proprio dal cucchiaio. Noi ci siamo divertiti dall’aperitivo alla merenda pomeridiana, tornando un po’ bambini.

La squadra

STAFF DI CUCINA

Executive Chef: Graziano Caccioppoli
Sous Chef: Alessandro Marino
Chef the partie: Andres Cosso
Chef p?tissier: Alice Rossi
Commis di cucina: Federica Clavarino
Commis di cucina: Mizar Griva

STAFF DI SALA

Guest relation manager: Alessandro Oliveti
Responsabile di sala: Alfons Coli
Chef de rang: Raffaele Cond?
Chef de rang: Timis Ali
Chef de rang: Niccol? Massilia

Un angolo magico per il nostro aperitivo…

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Montanara, pomodoro e parmigiano fresco

La Sorgente del Vino

Toast: raschera e cotto nostrano

La Sorgente del Vino

Il nostro menu degustazione dedicato.

La Sorgente del Vino

Iniziamo con un delizioso baccal?, le sue trippe, zucca e spezie.

La Sorgente del Vino

Tipologia di pane/grissini e burro serviti: pane a lievitazione naturale con farina di orzo, carruba e semi misti, grissini al burro di montagna, focaccia alla genovese, burro nostrano di affinamento.

La Sorgente del Vino

In abbinamento Gavi del Comune di Gavi – Monterotondo – 2018 – VILLA SPARINA?

Naso molto aromatico con cedro, miele, mele cotte, cannella e zenzero, seguito da un palato intenso e di medio corpo dove gli aromi si uniscono e danno una spinta davvero concentrata persistente e gustosa. Tanta complessit? per un Gavi bianco. Leggera sapidit? sul finale, per arrotondare il tutto.

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Proseguiamo con lingua arrosto, carciofo, gambero.

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Stappiamo e sviniamo

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Capasanta e foie gras

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

A seguire gnocco al pesto

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Pacchero al pomodoro, ricci

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Ci divertiamo con Gavi del Comune di Gavi DOCG Montertondo 2008 – Villa Sparina?

Di colore dorato con una bella lucentezza e una buona consistenza. Il profumo al naso si apre con sentori di pera e agrume, poi subentrano note di spezia di particolare eleganza. Il gusto al palato ? di ottima freschezza e buona beva, caratterizzato da una bella sapidit? e una buona morbidezza. ? un vino equilibrato e persistente.

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

In arrivo caesar di piccione

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Tutto merito di una Caesar Salad mangiata in Giappone, quando lo chef aveva 19 anni. Quella Caesar Salad l?ha colpito, impressionato, per il dressing del piatto, complice la cucina giapponese e la sua capacit? di valorizzare le salse francesi. Nasce cos? il Piccione in caesar salad com’? oggi a la Gallina: lo chef ha optato per il piccione arrostito, passato in forno per dare croccantezza in superficie, mentre per l?insalata ha scelto il cuore di lattuga. La salsa Caesar ? stata alleggerita, la pancetta e il parmigiano sono la parte crispy, ed ? realizzata con tutti i componenti del piccione, compresi elementi considerati di scarto come cuore e fegato.

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Ci rinfreschiamo con una caprese.

La Sorgente del Vino

E via con il dolce: un viaggio a napoli

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Non ci facciamo mancare proprio niente…

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

E anche la merenda ? servita!

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La nostra Merenda “defaticante” condivisa con lo Chef.

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Dettagli.

La Sorgente del Vino

Enoteca

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Grazie di tutto e…alla prossima!

Cucina

Due universi, quello mediterraneo e quello sabaudo, che si vanno incontro con equilibrio nel nuovo men?, dove stupisce la complementarit? tra il pesce fresco, le lunghe preparazioni della carne, la pasta fresca e quella secca, insieme a frutta e ortaggi. Tra salato e dolce c’? costanza e linearit?: un vero e proprio percorso, dove ogni piatto assume la sua unicit?, dagli antipasti ai dessert, anche grazie alla presenza e complicit? della pastry Chef Alice Rossi. E tutto o quasi si degusta con il cucchiaio: le carni si sciolgono in bocca, i bocconi sono calibrati perfettamente per riempire deliziosamente la bocca del commensale e rapirlo di piacere. Sono salse e sughi sontuosi che attingono al campo lessicale francese dello chef, dolci e creme soffici e vellutati, cedevoli ed avvolgenti.

Servizio e accoglienza

? stata Villa Sparina stessa a riportare alla memoria e ai sensi dello chef ricordi e sapori di quell?epoca d?oro. Evocazioni che Caccioppoli intreccia con l’atmosfera calda e accogliente del resort e del suo ristorante: qui lo chef declina la sua mano, la sua cultura culinaria unica e fatta di evocazioni mediterranee, rendendo omaggio a un territorio ricco e dalla forte identit? gastronomica che viene amabilmente raccontata dal personale di sala con grandi sorrisi.

Conclusioni

Sono pi? d’uno i men? pensati e realizzati dallo chef Graziano Caccioppoli, ma con un denominatore comune essenziale: il ricordo dei profumi e dei sapori della giovinezza, gli aromi e i segreti della cucina familiare, ?quella della nonna che portava a tavola il pollo arrosto pi? croccante del mondo e la zuppiera di tortelli fumante nel brodo profumatissimo, sapori che ancora mi incantano?. Ed ? proprio cos? che lo chef e tutta la squadra riescono a riportarci ai ricordi d’infanzia, coronando l’esperienza in una location da sogno.

La Sorgente del VinoViaggiatore Gourmet

RISTORANTE LA GALLINA – Villa Sparina Resort

Frazione Monterotondo, 56 – 15066 Gavi (AL)
Tel: +39 0143 685 132
Email: info@la-gallina.it
Sito web: www.villasparinaresort.it

L'articolo Ristorante La Gallina a Gavi (AL) – Villa Sparina Resort – Chef Graziano Caccioppoli – Patron Famiglia Moccagatta proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[07/07/2018, 03:48] Factors to Consider When Choosing Pet Food

Age of the Pet

Age is an important factor to consider when choosing your pet’s food. Your pet needs to be fed appropriate food for his or her age. This is important as a certain amount of calories and proteins are needed for your pet to grow to adulthood properly. By providing your pet with his important current life stage diet, you will be meeting his growth requirements.

There are different types of pet food ranging from those for young pets, adult, and senior pet. If it?s your first time buying packaged food, read the labels to know what components a certain pet food has.

Consider the Breed Size

La Sorgente del VinoChoose the pet food based on the size of your pet’s breed. Young pets will need to consume well-balanced nutrients for immune functions, healthy skin, bone development, and growth. Most pet foods are usually categorized by specific breed factors which only include breed size since there is no other major difference between breeds.

Small breed pets have fast metabolism rates compared to medium and large breeds. That is why small pet breeds need more fatty nutrients than others.

Check for Food Allergies

Be extremely careful while choosing the food for a pet with thin coat quality, sensitive skin or redness of the skin. Food allergies are most common in dogs so if your pet is a dog lookout for allergy signs like scratching.

Don’t confuse food intolerance with food allergy; this is because lactose intolerance and poor digestion are as a result of food allergy.

Feeding your dog sources of carbohydrates and protein for 3 months triggers a strong immune response that helps alleviate allergic reactions.

Dietary Supplement

If you are feeding your pet a complete commercial balanced diet, you might not require adding a nutritional supplement like vitamins. However, with old pets, of a particular breed or with a certain disease condition may need a dietary supplementation. Check with your veterinarian whether supplementing your pet with fish oils, additional anti-oxidants or joins supplement could improve your pet’s health.

Reproductive Status of a Pet

A pet that is neutered or spayed has minimal maintenance energy requirements. It is, therefore, recommend to reduce their calories intake by approximately 25-30 percent from the usual recommendations.

If a bag of your dry pet food recommendations is feeding approximately one cup daily, you should only feed 2/3 to 3/4 of the same cup daily. Always consult the veterinarian while changing the diet and before starting a pet on any weight loss program.

Is the Food Easy to Digest?

La Sorgente del VinoJust like humans proper digestion is very important and affects the pets well being too. If essential nutrients in the dog food are not digestible, then look for another food. You can determine whether you have the right food by checking how well your pet defecates.it will tell you whether what is in the food bonds well with the pet.

Expiration Date

Packaging and manufacturing of the pet food products is also an important factor that you must consider. Pet food has certain health limitation that comes with food use and quality. This involves both packaging and the pet food. Go for pet food that has packaging date labeled.

Food with short shelf life should be consumed faster than those with a longer shelf life. This ensures …

TrackBack
[07/15/2008, 22:34] Ottant?anni e non dimostrarli: grandi Ch?teau bordolesi in degustazione

La Sorgente del VinoAcciperbacco che straordinaria emozione degustare grandi Ch?teau bordolesi anni Venti, vini di annate memorabili come 1923, 1924, 1926 e 1928, che ho avuto modo di ?intercettare? in occasione del WineDay che i fratelli Balan hanno ideato e organizzato magistralmente il 9 giugno a Mogliano Veneto vicino Treviso nell?accogliente cornice di Villa Braida! Sto parlando di roba fine come il Saint-Emilion Ch?teau Cap de Mourlin 1928, il Margaux 1928 Ch?teau Siran, quindi due 1926, il Pauillac Ch?teau Pichon Longueville Comtesse de Lalande ed il Saint-Julien Ch?teau Lagrange, e poi il Saint-Julien Ch?teau Gruaud Larose 1923 ed infine il Sauternes Ch?teau Doisy Da?ne annata 1924.
Bene, il fascino speciale di questi vini che hanno il magico potere di bloccare il tempo, di essere quasi ?eterni? e di durare, se ben conservati in condizioni ottimali in cantina per decenni per poi presentarsi alla prova assaggio in condizioni smaglianti, lo racconto in questo ampio articolo, dove spero di aver reso l?emozione di un?esperienza indimenticabile, pubblicato nello spazio delle news del sito Internet dell?A.I.S. Buona lettura!

TrackBack
[01/01/1970, 00:00] asteroidi e vino a volont
La Sorgente del Vino

Un evento eccezionale il 7 giugno a Belgirate, sul Lago Maggiore

Cari lettori e appassionati di vino, il 7 giugno, a Belgirate, sul Lago Maggiore, ci sarà una giornata veramente speciale. Il titolo della manifestazione è "gli Asteroidi ci guardano" e ricorderà il quindicesimo anniversario di uno "storico" Congresso astronomico internazionale che vide nel 1993 la presenza di quasi 400 studiosi provenienti da 39 nazioni. Fu un momento memorabile. Per l'occasione si terrà un piccolo congresso, aperto a tutti, sulla colonizzazione della Luna e dello Spazio vicino. Informazioni sul sito :
www.astronomia.com/evento-colonizzare-la-luna-e-gli-asteroidi.

Nel pomeriggio, si inizierà a osservare il Sole al telescopio, con le sue macchie e le sue protuberanze. Alla sera grande festa a partire dalle 19 con una breve celebrazione del Congresso del 1993 e degli asteroidi Belgirate, Candelo e Tirso (il vecchio circolo VEGA che ha cambiato nome per entrare nel firmamento in modo indelebile), poi fantastica selezione di baroli, barbaresco, roero,gattinara, ghemme,boca,fara,bramaterra, ecc., ecc. in libera degustazione.
In concomitanza a questa parata di vini eccezionali e di assaggi delle prelibatezze della gastronomia locale, inizierà la visione del cielo notturno al telescopio, nella splendida cornice della terrazza dell'Hotel Villa Carlotta. Un evento da non perdere, che Terra dei Vini ed il circolo TIRSO stanno cercando di organizzare al meglio. Vi aspettiamo numerosi...ed è solo l'inizio !!!
TrackBack
[11/25/2008, 15:02] Due Chiaretti "premio qualit?-prezzo" su Bollicine d'Italia
La Sorgente del Vino? in edicola "Bollicine d'Italia '09" del Gambero Rosso, la sedicesima edizione della guida agli spumanti italiani curata da Marco Sabellico e Giuseppe Carrus.
Oltre duemila i vini degustati, 350 quelli selezionati, 146 quelli premiati per il lor rapporto qualit?-prezzo. E fra i premiati, anche due Bardolino Chiaretto Spumante: il metodo classico di Monte Saline e lo charmat di Villabella.
"Tra i migliori Bardolino Chiaretto assaggiati c'? sicuramente questo eccellente ros? metodo classico" scrive la guida a proposito dello spumante di Monte Saline. Aggiungendo che questo Chiaretto ? "davvero irresistibile" e che "mostra una struttura solida ed equilibrata, polpa fruttata, fresco nerbo acido che sorregge la ricchezza estrattiva".
"Segnaliamo con entusiasmo questo Bardolino Chiaretto Spumante" scrive invece la guida del vino di Villabella. Ed aggiunge: "Al palato ? carezzevole nell'effervescenza, presenta un accenno di tannino e persistono i toni fruttati. Chiude lungo all'insegna del frutto. Eccellente".
TrackBack
[07/19/2008, 18:00] Piemonte: dati di produzione 2004-2006 delle DOC e DOCG

[English translation at the end of the document]
Fonte: Federcoc, Istat
Continuiamo a pubblicare i dati Federdoc, per cui abbiamo ora una visibilita? su 3 anni per le superfici e su 2 anni per la produzione di vino (2005-06). Dopo aver analizzato il Veneto, parliamo oggi di Piemonte, che ha prodotto nel 2006 2.1m/hl di vino DOC su 38200 ettari. Le principali denominazioni sono l?Asti con 565k/hl nel 2006 (+7%) su 9900ha, seguita dalla denominazione di ricaduta Piemonte (276k/hl su 4500ha) e dalle 3 denominazioni Barbera (Asti, Monferrato e Alba rispettivamente). Segue al sesto posto il Barolo che nel 2006 e? stato prodotto su 1723ha per un totale di 92k/hl, che corrispondono a un equivalente di circa 12.2m di bottiglie.


La Sorgente del Vino
(more…)

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino
TrackBack
[09/12/2008, 15:32] Maccheroni al forno pasticciati

La Sorgente del VinoPer quattro persone: 350 g di maccheroni di toscana Martellli, 150 g di prosciutto cotto tagliato grosso, 100 g di parmigiano, un litro di sauce bechamel, olio evo, una mozzarella, due cipolle, noce moscata, pepe bianco, sale q.b. Lessare la pasta in abbondante acqua salata, scolarla e farla raffreddare. Tagliare il prosciutto cotto a listarelle e farlo rosolare in poco olio d'oliva. Togliere il prosciutto e adagiare la cipolla tagliata a julienne facendola stufare con il burro. Prendere una teglia, imburrarla, unire due o tre cucchiai di salsa bechamel e aspergerla. Unire la pasta, la mozzarella a pezzi, la cipolla stufata e il prosciutto rosolato. Mescolare in modo da condire il tutto. Nappare con ricci di burro, besciamella e parmigiano. Infornare 20 minuti a 180?. Servire accompagnando con un Bardolino servito attorno ai 16?.

TrackBack
[05/24/2014, 21:43] A?Puddara&Oysters. Fessina?s wine tour and tasting 2014
La Sorgente del Vino
?I could hear the stars? crazy heart beating?between the perennial snows of the mountain top and the fire of the volcano? The winelovers will be guided to discover Contrada Moscamento?s centenary ?alberelli? (little trees) , in Rovittello (Castiglione di Sicilia), at sunset, for a touring aperitif with ERSE Bianco 2013 vintage, Etna DOC (blend Carricante, Minnella, Catarratto), among the authentic natural sculptures of vines and the dark dry stone walls and Etna?s typical terraces. After the tour around the vinification cellar and the old wine cellar made with lava stone, peak of the wine tour with an incursion into the real Fessina?s treasure chest , the 18th-century ?palmento? (the old winery with millstone) with the big ?chianca? still intact, very charming, even though it is currently under renovation.
La Sorgente del Vino
The wine tasting dinner will take place on the outside, at the vineyard-side , at sunset. The ?wine of the stars?, dedicated to the Pleiades rising above the top of Etna in summertime, and the seafoods of the OysterBar L?Acquario Degustazione in Giardini Naxos: A?Puddara&Oysters. Il Musmeci Bianco 2012, Fessina?s second cru Carricante, Etna DOC Bianco Superiore, in combination too. Under the stars, the ?vertical? tasting of Il Musmeci Rosso Riserva, cru of Nerello Mascalese 2007, 2008, 2009 vintages), which grows from Fessina?s eldest ?alberelli? (little trees), will be accompanied by a very fresh and typical main course, made with fish.
La Sorgente del Vino
TrackBack
[07/27/2008, 18:00] Champagne - vendite e andamento superfici e rese produttive - aggiornamento 2007

[English translation at the end of the document]
Fonte: Boizel Chanoine Champagne company report
Aggiorniamo al 2007 le statistiche relative allo Champagne. Le vendite sono cresciute del 5.3% a 338.7m di bottiglie, dopo essere salite del 4.6% nel corso del 2006. Le principali conclusioni della nostra analisi sono: (1) c?e? stato un forte incremento delle vendite dal 2000 in avanti, pari al 34% cumulato dal 2001; (2) a questo incremento si e? fatto fronte con un aumento del 9% delle superfici vitate, da 30500 a 32722ha, ma soprattutto con un incremento del 25% circa della resa per ettaro. (3) I costi di produzione stanno crescendo rapidamente: sono passati da circa EUR450/q a EUR530/q in un paio di anni.


La Sorgente del Vino
(more…)

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino
TrackBack
[03/17/2023, 13:41] Forme Restaurant ? Chef Arianna Gatti ? Brescia (BS)

A pochi minuti dal centro di Brescia si trova il ristorante Forme, situato all’interno del quartier generale di Atena. Una societ? specializzata nella formazione per aziende, privati e professionisti, nonch? proprietaria del ristorante?fine dining. Questo deve il suo nome sia alla presenza di oggetti di design e di giochi di forme geometriche nelle sale del locale sia al paese di origine della Chef Arianna Gatti, in provincia de L’Aquila. L’antica corte ristrutturata ospita anche?Sottoforme Bistr?:?formula di ristorazione pi? informale dedicata al business lunch. L’edificio, risalente all?Ottocento e immerso nel verde, funge da spazio polifunzionale, dove l?architettura storica e l’arredo contemporaneo danno vita a un locale moderno, dinamico e vivace. Lo spazio dedicato all?ospitalita? prende il nome di Atena Dolce Vita. Le quattro luxury suite, sono studiate in ogni dettaglio e ciascuna ha un differente stile. Esse accolgono il cliente in un contesto unico dove il lusso e? improntato su privacy ed esclusivita?, in grado di offrire ogni comfort possibile.?Il tutto ? presentato sotto il cappello Atena Multi Forme che include le attivit? dedicate all’organizzazione di eventi.

Da gennaio 2023 Arianna Gatti ? la chef di Forme. Ha scelto di essere affiancata da una brigata giovane e ambiziosa. La sua cucina, che lei stessa definisce tradizionale e dai sapori riconoscibili, prevede impiattamenti ricercati. Una cucina improntata sulla stagionalit? e basata su materie prime italiane acquistate da produttori e fornitori nazionali e, soprattutto, locali. Il men?, oltre che alla carta, ? incentrato su due percorsi di degustazione con portate ispirate al territorio abruzzese, sua regione d’origine e a quello besciano che ha saputo accogliere la giovane chef ?in questi anni.

La squadra:

Chef Arianna Gatti?

Sous chef Michele Barp?

Capo partita Elena Zeng, Elisa Frutti

Pastry chef Laura Valcamonico

Maitre di sala Elisa Redolfi

Chef de rang Chiara Cusato

Sommelier Tiziano Gasparini

Restaurant Manager Dario Corintio

Event Manager Massimo Carminati?

La Sorgente del Vino

Forme Restaurant si apre con un lungo vialetto e giardino curato. La location ospita anche ampi spazi all’aperto dedicati all’aperitivo o al dopo cena nel Lounge Bar?che si affaccia alle grandi vetrate del ristorante e quelle del Bistr?.?All’interno della corte si trovano diversi punti e sale relax in un ambiente rilassante e glamour. Un contesto che si presenta come una piccola “oasi” non lontana dal centro citt?, senza per? rinunciare alla praticit? e alla fruibilit? di poterlo raggiungere.

La Sorgente del Vino

La Sorgente del VinoGiochi di “forme” e desing anche per la sala da pranzo e la mise en place. Particolare attenzione per la cura e selezione degli oggetti d’arredo.

La Sorgente del Vino

Arianna Gatti?? la Chef di Forme Restaurant. Classe 1991 la Chef Gatti definisce la sua cucina: <<Tradizionale e ricca di sapori riconoscibili, composta da piatti realizzati con tecniche funzionali e che non richiedono spiegazioni preliminari, dove il design gioca un ruolo fondamentale>>.

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Tappa ufficiale Roadshow Viaggiatore Gourmet Novit? 2023! Iniziamo!

La Sorgente del Vino

Per l’aperitivo voliamo in?Sicilia in provincia di Agrigento con l’azienda Cristo di Campobello cristodicampobello.it?e il suo?Metodo Classico Extra Brut millesimato 2017. Protagonista il vitigno autoctono Grillo?vinificato in purezza, questo riposa 36 mesi sui lieviti.

La Sorgente del Vino

Il colore ? giallo paglierino con leggeri riflessi verdolini. Alla mescita la schiuma ? compatta e presenta un perlage fine ed elegante. Al naso si percepiscono fragranti profumi di crosta di pane, note floreali e agrumate. La correlazione retrolfattiva riporta immediatamente alla macchia mediterranea. L?equilibrata acidit? riempie il palato di freschezza assicurando un?intensit? gustativa e una lunga persistenza.

La Sorgente del Vino

Finger Food di Benvenuto.

La Sorgente del Vino

Sfera di melone invernale infusa al bergamotto e cordiale di agrumi affumicato, questa viene glassata con succo di pompelmo.

La Sorgente del Vino

A seguire: minicicciolo di barbabietola con crema di ricotta di bufala e aneto.

Tartelletta al nero, scampo, crema di ceci e scorza nera.

La Sorgente del Vino

I lievitati: fragrante pagnotta lievito madre, focaccia all’olio, grissini torinesi stirati a mano al carbone vegetale e polenta di Storo. In accompagnamento beurre demi (burro salato) d’Isigny AOP.

La Sorgente del Vino

Per enfatizzare le tradizioni e le origini della sua terra natia, Chef Arianna, propone come finger anche il classico arrostiscono?abruzzese con pancia di agnello arrotolata e cotta al forno a brace Josper. Per aromatizzare la carne, questa viene adagiata su un “cuscino” di erbe aromatiche tra cui: timo e rosmarino.

La Sorgente del Vino

Continuiamo con un’altra bollicina, questa volta “giochiamo” in casa: siamo nel cuore della Franciacorta, precisamente a Camignone in una delle aziende pi? storiche a conduzione familiare del territorio dedicato al metodo classico. L’azienda Mosnel mosnel.com?interpreta in modo sublime lo Chardonnay e il Pinot Nero con il suo Metodo Classico?in versione Ros? Pas Dos? “Paros?” 2011.

La Sorgente del Vino

Questo vino ha origine da un assemblaggio in prevalenza di Pinot Nero per il 70% e Chardonnay per il 30%; deve quindi la sua tenue colorazione al vitigno a bacca nera. La prima fermentazione avviene in barrique di rovere francese per circa 6 mesi. Le bottiglie restano minimo 36 ?mesi in affinamento prima della sboccata?e il conseguente non-dosaggio.

La Sorgente del Vino

Di colore giallo paglierino con riflessi d’orati tendente all’ambra, la bollicina ? suadente e di grana finissima. Spiccano le note agrumate e tostate. Alla beva il sorso rimane avvolgente e allo stesso tempo “croccante”, fresco e con finale lungo.

La Sorgente del Vino

Agone, puntrelle e dashi al kaffir lime.

La Sorgente del Vino

L’agone, tipico pesce del lago d’Iseo,?viene appena scottato alla brace. Puntarelle alla romana, dashi di rombo al kaffir lime e grattugiata di lime nero del Libano.

La Sorgente del Vino

Saint Honor? di storione e caviale.

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

L’emblema della pasticceria francese viene servito su sfoglia di farina di polenta di Storo, cevice e crema di storione dell’azienda bresciana Calvisano, bign? salato con gel al limone e caviale Oscietra.

La Sorgente del Vino

Granchio, latte di cocco, mandorle e rosa.

La Sorgente del Vino

Proseguiamo con il granchio variet? King Crab?(granchio reale) leggermente condito con alla base un pralinato di mandorle di Navelli e mandorle tritate. Il piatto viene completato con schiuma di molluschi al latte di cocco e petali di rosa. In accompagnamento:?ferratella abruzzese con ricotta di mandorla (fatta in casa) e polvere di rosa.?Come drink?cocktail a base di aceto di riso, mandorla e rosa.

La Sorgente del Vino

Elisa Redolfi – Ma?tre e?Sommelier intenta ad avvinare i calici per il prossimo vino in degustazione. Il Langhe Bianco?dell’azienda Ca’ D’Gal?cadgal.com ? un blend tra Chardonnay e Sauvignon Blanc (annata 2019) della cantina che sorge nella frazione di Valdivilla, parte del comune di Santo Stefano Belbo, in provincia di Cuneo.

La Sorgente del Vino

Si presenta di un giallo tenue e limpido, con riflessi verdolini. Un vino con caratteristiche di morbidezza accompagnate da una spiccata vena di freschezza e sapidit?. Apre con note e aromi floreali, caratteristici accenni di vegetale ma che successivamente sanno evolvere in una lunghezza fruttata e dal finale di mandorla. A tavola la sua spiccata e piacevole bevibilit? lo rendono un vino di sostanza e lunga persistenza.

La Sorgente del Vino

Spaghetto nero: aglio, olio, peperoncino e nero di seppia “sporca”.

La Sorgente del Vino

Spaghetto abruzzese dell?azienda ?Rustichella d’Abruzzo? mantecato con olio, aglio e peperoncino. Alla base salsa di fegato di seppia al lemongrass e zenzero, trito di seppia sottile utilizzata come fosse un “lardo” (questa viene stagionata e marinata in erbe e spezie). A tavola, lo spaghetto viene “sporcato” con il nero della seppia attraverso un apposito spruzzino.

La Sorgente del Vino

Raviolo di pecora, pecorino e santoreggia.

La Sorgente del Vino

Raviolo di pecora alla cottora. Il piatto pensato dalla Chef Gatti ricalca le orme dell’antica ricetta della tradizione abruzzese, diffusa soprattutto nella fascia montana. Il?ripieno del raviolo ? di stufato di pecora; viene servito con infuso di pomodoro. Completano il piatto: pecorino gregoriano, scorza nera e santoreggia montana.

La Sorgente del Vino

Gnocco di sedano rapa e blu di bufala.

La Sorgente del Vino

Gnocco di sedano rapa ripieno di formaggio di blu di bufala, glassato con fondo di sedano rapa. All’apice:?daikon marinato in aceto e miele e salsa di pera cotta. In accompagnamento granita di sedano per rinfrescare il palato tra un boccone e l’altro.

La Sorgente del Vino

Capriolo, radicchio e genziana.

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Servito in un uovo di ceramica: tartare battuta al coltello di?filetto di capriolo leggermente scottato, radicchio tardivo e confettura di prugnolo, il tutto affumicato con genziana. Da sorseggiare un piccolo drink al prugnolo.

La Sorgente del Vino

Siamo nel cuore del Barbaresco con “Virtus” Langhe Doc Rosso 2008, dell’azienda agricola Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Gr?sy marchesidigresy.com. Le variet? del blend ? composta dal 60% di Barbera e il 40% da Cabernet Sauvignon lavorate separatamente fino all’assemblaggio. Riposa in barriques di rovere francese per 28 mesi e successivo affinamento in bottiglia.

La Sorgente del Vino

Spiedo di lumache, guanciale, taco di verza.

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Lumache di vigna arrostite su forno a brace avvolte nel guanciale di Amatrice, crema di verza. A finire il piatto olio aromatizzato all’erba cipollina e prezzemolo. Da gustare come finger grazie alla foglia di verza che si presta come involucro o ?all’uso di forchetta e coltello.

La Sorgente del Vino

“Virtus” si presenta di un rosso rubino molto intenso e sfumature violacee appena accennate. Intenso e persistente, riecheggiano sentori di frutta rossa matura, speziatura e cioccolato. Il Cabernet Sauvignon dona struttura mentre la percentuale di Barbera regala la giusta acidit?, rendendolo un vino pieno, delicato e armonico.

La Sorgente del Vino

Maialino, tarassaco, mela e cardamomo.

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Anguilla in salm?.

La Sorgente del Vino

Anguilla cotta alla brace e laccata con salm? di capriolo. Impreziosita con foglia d’oro e tartufo nero d’Abruzzo.

La Sorgente del Vino

Il “Chinaldo” – vino aromatizzato, riprende la tradizione piemontese dei grandi chinati impiegando per? un vitigno tipico dell’Oltrep?: il Pinot Nero. Grazie all’azienda Finigeto?Finigeto.com, situata nelle vocate colline dell’Oltrep? Pavese, si riprende una ricetta?di estratti di erbe, radici e spezie fra le quali spiccano la china e la genziana, scorze di agrumi e coriandolo che vengono aggiunte al Pinot Nero Riserva il Nir?.

La Sorgente del Vino

Vino chinato?dal colore rosso scarico e buona densit?. Su una base aromatica di ciliegie e ribes nero si frastagliano fragranze di china, rabarbaro, arancio amaro, note di erbe medicinali e spezie. Risulta essere dolce, pieno e deciso senza essere mai stucchevole.

La Sorgente del Vino

Dessert e piccola pasticceria.

La Sorgente del Vino

[Ri]scoperta:?il dolce dedicato a Brescia.?Il percorso “Racconti” del men? Inverno si chiude con il dolce [Ri]scoperta dedicato alla citt? di Brescia in occasione di Capitale Italiana della Cultura 2023, insieme a Bergamo.

La Sorgente del Vino

Nel piatto la chef Gatti presenta la Vittoria Alata, una delle pi? straordinarie statue d’epoca romana e uno dei simboli di Brescia. Al suo interno una mousse di litchi e cioccolato bianco con gel di lamponi e pralinato di sesamo. Il tutto valorizzato da una polvere di sesamo nero e cialde croccanti a forma di ali, che, durante gli scavi, furono ritrovate a parte.

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino

Piccola Pasticceria: macaron capperi e caff?, girella di soffice al limone e gelatina al mandarino, marsmallow cocco e lampone, cremino al pistacchio,?nocciole pralinate e glassate al cioccolato fondente Domori.

Caff??selezione delle migliori arabiche: Etiopa Somalia e Giamaica Blu Mountain firmata Caff? Milani (azienda d’importazione e torrefazione di Como).

La Sorgente del Vino

Chiudiamo il pranzo con il “defaticante” per eccellenza: Gin Tonic!

La Sorgente del Vino

Tonica Fever Tree e?Engine – pure organic gin. Il distillato di Paolo Dalla Mora ? un prodotto biologico e?con ingredienti da filiera controllata e di provenienza italiani. Stile pop e ispirata all’iconografia anni ’80, la latta brevettata rimanda al mondo dei motori.

La Sorgente del Vino

Un saluto accogliente e caloroso quello della Chef Arianna e della Sommelier e Ma?tre di sala?Elisa insieme a tutta la brigata. Grazie?dell’accoglienza, alla prossima!

La Sorgente del Vino

CUCINA

La cucina di Forme, ispirata alla tradizione italiana, si presenta concreta e di sostanza, lontana dalle mode del momento e affiancata da una cantina che propone un?importante selezione vini. Le ricette di famiglia della giovane Chef Arianna si conciliano con la tradizione bresciana, frutto anche del decennale servizio presso il Miramonti l’Altro dello Chef Philipe L?veill? ?**stelle Michelin, che ha ispirato e cresciuto Arianna nella realt? del fine dining. Definita dallo chef di Concesio: organizzata, motivata, competente ed equilibrata, nella sua carriera ? riuscita ad aggiudicarsi il ruolo di sous-chef all’interno della squadra, per poi approdare da gennaio 2023 a Forme Restaurant per un nuovo percorso professionale.

ACCOGLIENZA E SERVIZIO

Quello del ristorante Forme ? un team quasi tutto al femminile. Se in cucina troviamo Chef Arianna, in sala padroneggia Elisa Redolfi – Ma?tre?e Sommelier che con eleganza, finezza?e puntualit? gestisce la regia del servizio. Un connubio quello tra donne (non sempre) facile; in questo caso la loro sinergia ed entusiasmo di mettersi in gioco, regala al commensale un’esperienza unica in un contesto chic e di grande personalit?, quasi maniacale anche nella cura del dettaglio e arredo.

CONCLUSIONI

Forme ? un nuovo ristorante fine dining capace di conciliare cucina, tradizioni gastronomiche e design nello stesso contesto e nella medesima intensit?: dai grandi e diversi spazi, alla mise en place ricercata, agli oggetti d’arredo, ai percorsi degustazione e selezione vini. I piatti proposti risultano essere fini ed equilibrati: sorprendono il palato tra il panorama abruzzese, quello bresciano e rimandi anche ai classici francesi!

Forme Restaurant?

Via Codignole, 52, 25124 Brescia (BS)

Tel. +39 0302400353

Email: info@formerestaurant.it

Sito web: www.formerestaurant.i

L'articolo Forme Restaurant – Chef Arianna Gatti – Brescia (BS) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[11/09/2008, 22:15] Il Bardolino al Tg1
La Sorgente del VinoM'? successo di parlare del Bardolino al Tg1 stasera, in prima serata.
Il telegiornale della rete 1 Rai ha infatti mandato in onda un servizio di Anna Scafuri dedicato al Novello, vino "di stagione".
Nel montaggio ? stato inserito anche un mio intervento registrato mercoled? scorso a Verona nel corso dell'Anteprima Novello al palazzo della Gran Guardia (l'immagine che correda questo post ? tratta dal sito internet del Tg1).
Parlando di macerazione carbonica, ho detto di come questa tecnica in fondo esalti quei caratteri fruttati - lampone, fragolina di bosco. fragola, mora, ciliegia acerba - che sono anche le caratteristiche salienti del Bardolino.
Insomma: il Novello pu? riuscire a dare un'idea delle prerogative del Bardolino, anche se di questo resta una versione baby, una sorta di giocattolino stagionale, in attesa dell'uscita dei vini della nuova annata.
Nel corso del medesimo servizio ? stato intervistato anche Gianni Zonin, leader della maggior azienda vinicola privata italiana, che ha parlato della leadership veneta nel campo del Novello.
TrackBack
[07/21/2008, 18:00] Esportazioni di vino italiano - aggiornamento aprile 2008

Fonte: ISTAT
I numeri resi pubblici da ISTAT un paio di giorni fa sulle esportazioni sono sorprendentemente buoni anche per il mondo del vino, probabilmente con qualche relazione all?impatto della Pasqua (che nel 2008 cadeva a Marzo e nel 2007 cadeva ad Aprile). In particolare, mentre continuano a vedersi alcuni segnali positivi (principalmente il miglioramento del prezzo-mix, soprattutto per i vini sfusi), Aprile e? stato un mese in cui tutte le categorie si sono mosse in modo positivo ed omogeneo ed in cui i volumi non sono stati inferiori all?anno scorso (+2% a 1.6m/hl): si tratta della primo mese positivo dopo una serie ininterrotta di segni negativi cominciata ad Agosto 2007. Il primo grafico mostra proprio questo: la linea rossa vi dice che il massimo volume annuo esportato e? stato raggiunto a luglio del 2007, dopo di che la linea e? sempre scesa; nel 2008 la linea riprende di colore giallo da gennaio e come potete notare in corrispondenza del numero 4 (aprile) la discesa si ferma: siamo a 18.4m/hl misurato sui 12 mesi rispetto a 19.2m/hl del medesimo periodo misurato ad aprile 2007 e ai 16.6m/hl del 2006


La Sorgente del Vino
(more…)

La Sorgente del Vino

La Sorgente del Vino
TrackBack
Tecnorati