TagCloud:


Link to us:



  Blogs & Sites:



 






Mondo Di Vino
Mondo Di Vino





[01/07/2024, 16:02] The Small, Small, Small, Small World of Italian Wine

?Compared to what??

The land mass of Italy figures out to be 0.2% of the world, similar to Poland, Ecuador, New Zealand and Vietnam. In regards to wine production, though, Italy is often the largest producer, occasionally swapping with France, depending on the harvest. How such a small land mass became to account for such a large amount of wine production is a fascinating thought. The reality, is that Italy, like France and a few other select areas of the world, is uniquely situated to produce large amounts of fine wine. A miracle one might even say. However, that miracle took a long time to create and it was not without its share of purgatorial tribulations.

Still, as one observes today on the social media platforms, one might think it to be one giant movable feast. The young generation who?ve inherited it from this point surely make it out to be a well-tanned cake walk, with the commensurate high-toned tastings in exotic places from Bangkok to Miami. Along with that, the four and five star stays at hotels in fascinating spots like Dubai and Singapore, poolside moments notwithstanding, as well as sumptuous dining experiences at all hours of the day and night. One might think the essence of Italian wine was just one long glamorous ride on a magic red carpet, like something out of One Thousand and One Nights. Were that it was as simple as that.


It's like watching someone drive up to the valet in Houston or Los Angeles in a Ferrari or a Lamborghini and imagine that is the epitome of the Italian car tableau, the end all and the be all of it. And for those in the pits, they know that ain?t so. So it is, as well, in the Italian wine landscape. There?s a  hell of a lot more blood sweat and tears than foie gras and Franciacorta. In the field, a Defender is a work vehicle, not a totem for status. And a filone and a carafe of the new wine is more likely to feed the body, like a deconstructed savory cannolo and a quartino of orange wine is employed to feed the ego in some far-flung destination touted on TikTok.

The actuality is that it took a long time and a lot of hungry souls to get Italian wine to the place it is today, and even though it is a small world, it has taken, and will continue to take an army of committed individuals to keep the continuation propelling into the future. Which means some of the children on the beaches of Phuket and the Maldives might have to come back home and get a little more dirt under their nails. Why?


Let?s just say AI. Or in wine terms, China. Just as we?ve seen in fashion and vehicles, the competition to create a dominant bedrock for a market is not a static thing. The urge to be better, to be number one, is a human craving, not the sole possession of any one culture - not the French, not the Italians, not the Americans. The whole world is plugged in now, and they want their shot at the brass ring. We?ve already seen it in technology, and with the effects of global climate change, the conditions that make Italy (or France) so unique for wine production can, sooner or later, exist elsewhere. And the loom on which that future lore will be woven is more easily achieved in that kind of future in which we are heading.

A friend of mine frequently reminds me the Rome fell because they essentially ran out of money. The economy stupid. Well, it doesn?t take a genius to look at Western countries, like Italy, and their enormous debt linked with the unequal distribution of wealth, to know that those Cartier and Botox bedecked princesses lying on tanning mats in Abu Dhabi while sipping on Bollinger RD is not a recipe for sustainability of supremacy. But hey, don?t take it from a plebe. Just wait and see, because the fire-storm is coming. Get your fiddles ready.

Time and chance are unlimited to all. It's a small world, and it?s getting smaller.

 

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[12/31/2023, 19:36] Walking on Frozen Water
?When life is sweet, say thank you and celebrate. When life is bitter, say thank you and grow.? ? Shauna Niequist

Often, I sit down at the desk here and just start typing, as I am doing now. And then the words appear, maybe making sense, and sometimes not so much. After eighteen years doing this, at least once a week, often more, I?m resigned to seeing where it takes me, and you, if you?re still with me.

About 85% of you will not make it to this sentence and new paragraph. So, it goes. We want it in small bites, and we want the punch, the energy and the electricity right from the get-go. No time to waste.

Knowing more acutely about that aspect of time at this point in life, I empathize. There is precious little to waste.


What will 2024 bring on the wine trail in Italy? I have no idea. I know there will be some early physical challenges to be overcome next year. That kind of goes with the territory of the elders. Does my voice have any bearing in the world of Italian wine? At this point, if I haven?t already done and said what I was going to do and say, I?d hope that whatever aftertaste I leave in the mind of the reader will be a light one. Soft and trailing off into the sunset, a dessert wine, a Moscato passito from Sicily perhaps. That would be fine with me.

I was looking at one the other day in the wine shop that I go to ? it was from Pantelleria, an island I spent time on and loved dearly. Great memories, even if some of them were profoundly sad, made that way by grief and loss. But the sweetness of the wine, as I remember, offered solace. So, perhaps, in 2024, maybe my voice can assuage that around me, and that which occasionally pulls up to these pages. It is a hope of mine. Dare I say it is one of my resolutions for the new year? I would if I did such things. In any event, it?s on the punch list.


One of the things I want to focus on, with regards to wine and writing about it, is not so much how it tastes and what a great time I?m having with whatever magnificent bottle is in front of me. Rather, how it embeds itself into the greater picture of life, and a life that is looking more for peace and tranquility than one mired in chaos and upheaval. Girding our loins for this new year, there will be plenty of that from the souls who feed on such impulses. Feeling more alive among disruption seems to be a dominant dystopian trope in these times. But at this point in my life, I?ve seen as bad, maybe even worse, in previous eras. We will either get through it ? or we won?t. It?s, more or less, out of our hands.

One of the things I want to grapple more with in 2024 is the level of seriousness we seem to take ourselves when we are in present moment situations. I know that when I was working full time, that work took up a lot of mental and psychic energy, not to mention the physicality that went along with it during some of those times. I was all in, which wasn?t such a bad thing. But now I look at folks who are all in, and I wonder if that is really why we are here. Of course, I could turn that right back at me and ask myself if where I am now, my ?all in-ness? is any less ludicrous than those who are in the work place and earning their way. There is this future me, somewhere 5-10-15 years from now, looking back and wondering why I am doing what I am doing now. Could I be engaged otherwise? Should I be volunteering? Should I read more? Should I finally get my photographic archives sorted out, so that sometime after I am long gone, there might be a story about a time, with images galore, that could help clarify this time and why it turned out the way it did? Am I walking on frozen water, not knowing if the surface will hold the weight? Does that matter?

Ukraine, July 26: The body of a Russian soldier in the Zaporizhzhia
region, where Ukraine was waging a counteroffensive. @tylerhicksphoto

The departed soldier in the photo above (getting my vote for photo of the year), in a way, tells the story of all of us these past few years. We?ve been plowed under by the weight of events that have passed over us. How we decide to persevere and pivot under such overwhelming odds is up to each and every one of us, individually. For better or worse, I?ve inherited a survival mechanism that has taken me thus far. I imagine it taking me further, or so my future me tells me. What I plan to do between now and then is what is left of my journey on this pretty little orb.

Happy New Year to all y?all. See you in 2024. Warm wishes and marshmallow kisses!

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[12/24/2023, 17:52] We?ve Come So Far, So Good

Looking back over the past year, if I were to assess it as a grape-into-wine harvest, I might say this:

We started with a late but mild spring. Rainfall was average, with little to no hail or tornadoes. Once summer arrived, in June, the heat went up and stayed there for months. And months. And months. For humans, as well as grapes, it made for a difficult growing season, as there was no recovery available during the night. Often temperatures never went below 90?F, even at midnight! It was a brutal summer, the second in a row.

Still not as brutal as the summer of 1980 or even 2011. In 1980, it was just plain hot for hundreds of days, temperatures over 100?F the whole time. And 2011 also had extreme drought. Thousands of cows died from lack of water and relief. So, 2023 wasn?t as bad as it could have been.

And if a wine were to come from a harvest like that?


Grapes are like humans in many ways. We?ve traveled together for thousands of years. Our has been a mutual journey through time and space. If I were a grape, I doubt this year I would have been made into that good of a wine. But seeing as I?m a human, it struck me a little differently. It felt like I was being taken down a peg or two from more youthful times.

Time, the ultimate leveler. As I perused the pages the NY Times 2023 obits, there were skads and skads of folks who figured so prominently in our lives the past several generations. People like Henry Kissinger and Silvio Berlusconi. Powerful men, womanizers, aggressive behaviors. And others like Tony Bennett and Tina Turner, who embellished our lives for the better with their artistry. All of them steeped into their lives fully. All of them with one common denominator now ? the ride is over.

I know that might sound a bit morose, but actually, for me, it is illuminating. What we get ourselves into, in this life, which occupies so much of our time and attention, and our love (or our antipathy) make up a lot of what we call our life.


I remember a friend?s father, who was a hopeless alcoholic, and when he was three sheets to the wind, he?d often sing this little ditty:

?Happiness, happiness, everybody?s looking for happiness. ?Round and ?round they all do chase, everybody looking in a different place.?

How true those words are, even though coming from him it sounded a bit more tragic. Still, we can learn from almost anything, with an open spirit. And 50 years later, I see all this running around, all these people shouting and screaming and bleeding and crying and dying and laughing and it?s astounding we, as a species, have accomplished as much as we have, especially in the last 70 or so years. I?m both bewildered and amazed at the quantity of human expression on earth. And I?m just an erstwhile wine guy who aspires to be more photographically proficient before his time runs out.

Oh, wine. Yes. I zagged.

This week I heard a thud and a crash and went outside to see if a branch fell on the roof. I saw nothing. A few days later I walked into my wine closet and saw what it had been. A fairly old bottle of (Texas) Port wine had leapt from the shelf and committed oenocide. I got me to wondering if other bottles in there had shared similar dispositions. After all, in the way I arrange the bottles, that wouldn?t be terribly difficult to conjure. I went down a rabbit hole, imagining what a wine must feel like when they know they?ve come a long way in time and they are still lying there, in the dark, in the (sometimes) cold and with very little to stimulate them (thankfully) or motivate them (as if?) towards a timelier conclusion to their existence. Like I said, a rabbit hole. Anyways, I have to think a bit more about this, as there might be a post in there, somehow. Next year.


One of my young friends, my Sicilian waif, of sorts, was grilling me on my future. ?Oh, next year, are you going to write more?? he asked. To which I responded, ?I?m running out of things to write about, and doing one post a week is more than enough,? I pleaded. ?Oh, nonsense, you have reams and reams of stories in you, get off it!?

In a way, that was a pleasant prod. In fact, even though blogs, and wine blogs especially, have long passed their use-by date, it seems enough people are coming here monthly, so many that I am surprised why they are still coming? Didn?t I peak ten years ago? It seemed like it to me. But what do I know, I am water in the river. Not the River. There is something greater sending me wherever I am going. And in the spirit of the season, thank you for taking this little trip with me these past 18 years. Yes, in a few days, On the Wine Trail in Italy will be 18. Old enough to vote. But not old enough to vote myself off the island, like my little Texas Port friend did earlier this week.

So, stay tuned. Open up some older bottles ? they?re ready to go. And crack open a panettone and some Moscato too.  Merry Christmas and Happy Festivus. So far, so good!


 

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[12/17/2023, 15:13] What do you call home?

Having migrated to Texas from California 45 years ago now, I have been occupied with two things: the next chapter and the meaning of home.

Years ago, I read a book, Gods, Men and Wine. Somewhere in it there was a passage about how humans and grapes traveled together through time and history. Making home where they landed and hopefully thrived. Italy was surely a good move, for both grapes and humankind.

I?ve wondered if 45 years has been enough for me in Texas. And I?ve gone to other places to research uprooting and transplanting myself. It?s getting late for these old vines, to be sure, but what if? I grew up in California and spent my early years and most of my youth there. I loved it. But that was then, and the California of my youth no longer exists.  To quote Yogi. ?Nobody ever goes there anymore ? it's too crowded.? It?s also too expensive now.


Can I ever have called New York City home? Well, I tried living there, but I didn?t take root. Put myself back into the Southwest, where I have spent most of my life. Much better for that. But we all have to try things, don?t we? It doesn?t mean we will thrive or be our best selves (or best wines). But try we must.

I have narrowed it down to the Southwest, which is not that small of a target. But it is something. Still, I?m already there, so, where else in the SW is going to be a better fit, if at all?

I had this rose bush, for 20 years on the east side of my yard. And for 20 years it sat there and did nothing. Nary a flower in 20 years, and scrawny growth. Sad. And then, during the pandemic, I moved it over to the west side of the yard. Bingo! It grew and grew and produced flower after flower. Maybe 50 feet difference? But all the difference in the world. You never know, how near or far it will need to be until you take the steps.

Grapes and where they call home. Can a Sangiovese grape call Bordeaux home? Can Viognier call Sicily home? Well, if they moved there and spent some time there, I reckon eventually any grape can call anywhere home, as long is it survives there. 50 feet or 4 million. Not an exact science, this search for home.

The song God Bless America has the line, ?God bless America, my home sweet home.? When I heard that recently it was as if a light went off inside. Not to get all mushy and pseudo-patriotic, but was that what my Italian grandparents were looking for when they came here, for America as home? It sure felt like it.

Maybe instead of looking somewhere on a pinpoint on a map, this place, home, is bigger and more amorphous than one specific place? Is it something inside now?


A friend was talking to me as I was ruminating over this subject, especially the moving part. I mentioned I needed to find a safe harbor if all hell broke loose in 2024. His comment was ?If all hell breaks loose in 2024, there will be no place to run, no place to hide.? He is right, for better or worse. We?re all in this together, whether we want to be or not. That is what America is right now. It may not feel like we?re very together. But when you pull back the focus a couple of thousand miles and look at it from the space station, that?s pretty much the essence of it.

Your roots are in, you are where you are. Grow the best grapes you can and make the best wine from them. And fear not.

  • Oh, and would you like an Italian wine recommendation? Sure, why not?


I picked up this bottle at my local Italian wine and food store for $14.99. Casale del Giglio Bellone from Lazio. A 2021 vintage, I was making chicken cutlets Milanese and needed a dry, crisp white.

Ian D?Agata has three pages about the grape, Bellone, in his landmark tome, Native Wine Grapes of Italy. I recommend you search out his notes, as they are detailed and profuse. Tasting the wine, I had the sensation of time travel, and was transported to a loggia in Frascati where I most likely enjoyed a wine with this grape in it 30 or more years ago with my bride.

In the present moment, the wine was perfect. It was crisp and dry and with not off flavors, no oxidation, which I have come to expect almost instinctively from Italian white wines, a remnant of past inculcation. These days, winemaking and science have advanced, so the wines are cleaner and less furry. It was a fabulous match with the cutlets, and the side dish of steamed spinach agio olio didn?t fight the wine. I actually found myself reaching for the wine after a bite of the spinach to detect any contrapuntal conflict. Nada, niente. A minor victory for food and wine matching.

All this to say, get yourself a bottle of this wine, seek it out. It was a surprising find.

 

 

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[12/10/2023, 22:05] Where in Heaven's Name?

This past week I?ve been racking up miles across the great Southwest looking for the future. The journey has taken me to Santa Fe, New Mexico, a place I hadn?t been to in more than 25 years. It used to be a place I went to often, for work and for play. I even went there once for a honeymoon. So, there are plenty of good memories in that place.

This time, while on other business I managed to go to a few wine shops and restaurants. I was happily surprised to see Italian wine thriving there. Mind you, you could fit Santa Fe into one of the new developments in Dallas or Houston. But the place attracts artists, intellectual and the very well healed. Some of the folks in Santa Fe have another home in Tuscany, from the conversations I was privy to. The Italian connection is alive and well.

And the wines are exciting. In one local spot near the square, Pasqual?s. one can get a very respectable white from Etna (Tenuta delle Terre Nere) or an equally honest Nebbiolo (Vajra) from Piedmont, by the glass, under $20.

Out in the tony Las Campanas neighborhood, Arroyo Vino is a wine shop with a restaurant attached to it. From the wine shop side, one can source many a wonderful Italian red and white, both from the traditional producers as well as the crunchy granola camp. A short walk to the caf? and voila, many a great evening awaits.

Further up the highway, at Pueblo of Pojoaque, I stopped into a little Mexican place, El Parasol, to lunch with the locals for some good, solid Mexican food. Afterwards, I walked it off and strolled over to Kokoman Fine Wines and Liquor, where I discovered a treasure trove of Italian reds with enough age on them to be more interesting than when they were first released. I spotted a covey of  Nino Negri wines, a Sfursat Di Valtellina. 2012, for under $50, a steal, and an accompanying 2013 Nino Negri Cinque Stelle Sfursat di Valtellina for under $70, also a bargain. Matched with a nice oxtail stew with polenta, on a cold high-desert night in December, both those wines were made for the moment. Great stuff, and Santa Fe has it in droves.

With friend and colleague Eugenio Spinozzi in 1995

You might be out in the middle of nowhere, in a little caf? in Eldorado, and a radiant little piece of Italy and Italian wine will welcome you. It was wonderful to see and to taste as well.

In Texas, Italian wine has become successful. But it also has been fetishized at some of the bright and shiny spots in the larger cities. You can see it on Instagram, with the  sparkle ponies showing off their bottles of Monfortino or Gaja, Sassicaia or Solaia. But here in New Mexico it has undergone a more earthbound display, where wines are accessible not just to the 1%ers or the influencers. Not that one couldn?t find that in New Mexico. It just isn?t the default here.

My soul and my heart in New Mexico underwent a bit of an overhaul, hopefully for the better. Back in Texas, the politicians and the angry not-so-young men are battling over their personal Gaza?s. Enough already, it?s Hanukkah, Kwanzaa and Christmas time. Time to stop bickering and find a way to make peace.

Meanwhile, in New Mexico, the quest continues, the search for Eldorado. At least I won?t have to look far to find Italian wines I know and love. Thank Heavens for Santa Fe.

 

 

? written and photographed by Alfonso Cevola limited rights reserved On the Wine Trail in Italy
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[12/06/2023, 19:54] Citt? Europea del Vino 2024 ? Alto Piemonte e Gran Monferrato

Il prestigioso riconoscimento conferito per L’Alto Piemonte e il Gran Monferrato come Citt? Europea del Vino 2024 ? motivo di grande orgoglio e soddisfazione. Consegnato a Bruxelles dalla rete RECEVIN (Rete Europea delle Citt? del Vino), questo titolo di eccellenza evidenzia la straordinaria qualit? delle aziende produttrici di questi territori, sottolineando il ruolo di protagonista che l’Italia gioca nel panorama vitivinicolo europeo.

La corona di alloro, simbolo di prestigio e raffinatezza, sar? portata per l’intero anno da venti citt? piemontesi, che collaboreranno sotto un’unica sigla per offrire un programma condiviso di eventi straordinari. Le provincie di Alessandria, Biella, Novara, VCO e Vercelli si uniranno per accogliere eventi, meeting, convegni e degustazioni nei Comuni di Acqui Terme, Barengo, Boca, Bogogno, Borgomanero, Briona, Brusnengo, Casale Monferrato, Fara Novarese, Gattinara, Ghemme, Grignasco, Maggiora, Mezzomerico, Ovada, Romagnano Sesia, Sizzano, Suno, Vigliano Biellese e Villa del Bosco.

In Foto un bellissimo scorcio del Comune di Mezzomerico (NO)?

Il dossier Alto Piemonte Gran Monferrato ha trionfato grazie al suo coinvolgimento esteso, abbracciando vasti territori e numerosi Comuni Citt? del Vino. La programmazione straordinaria legata all’evento ha giocato un ruolo cruciale nel differenziarsi dalla concorrenza, evidenziando la capacit? di offrire un’esperienza unica e coinvolgente.

Le tavole rotonde, le degustazioni, i convegni e le tematiche di carattere generale, incentrati sulle politiche comunitarie sulla vitivinicoltura, il mercato, il rapporto tra vino e salute, l’educazione al consumo consapevole e l’identit? dei territori, costituiranno il cuore pulsante di questo straordinario programma di eventi. Un continuo passaggio di testimone da una citt? all’altra durante l’intero anno promette di attrarre un vasto pubblico, composto da turisti, curiosi e professionisti del settore, contribuendo cos? a consolidare la reputazione di queste citt? come eccellenze nel mondo del vino.

Altres?, la scelta del disegno rappresentativo dell’Associazione per il 2024, realizzato dal talentuoso studente Emanuele Franchi dell’Istituto Enaip di Novara, ? un ulteriore motivo di celebrazione. Il vigneto che si tinge dei colori dell’arcobaleno, simbolo di pace e non violenza, rappresenta il desiderio collettivo di vivere in un territorio rigoglioso e sicuro.

La Professoressa Marika Leonardi, artefice della partecipazione dell’Istituto Enaip al concorso, esprime la sua felicit? per la vittoria, sottolineando il notevole impegno dimostrato dagli alunni nel rispondere allo spirito del bando. Quest’anno, con il tema della Pace, ? stata offerta ai ragazzi un’opportunit? di riflessione, integrando il loro ingegno artistico con le esperienze legate al mondo del vino, unendo creativit? e consapevolezza in un contesto educativo stimolante.

Viaggiatore Gourmet assumer? un ruolo proattivo in qualit? di Media Partner, con l’obiettivo di raccontare (VG-Live) e promuovere il calendario delle numerose iniziative programmate nell’ambito dei diversi comuni per l’intero anno 2024.

Stay tuned!

Citt? Europea del Vino 2024 – Alto Piemonte e Gran Monferrato.

L'articolo Citt? Europea del Vino 2024 – Alto Piemonte e Gran Monferrato proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[12/03/2023, 14:50] It All Depends on You

Jackson Pollock Salmon
It is so very entertaining observing from the edge of the river. Swimming along are the young fish, all bright and shiny and determined to show the world just what great swimmers they are. And aren?t they beautiful? Along with that, regulated by the river and depending on the fish, they might just be swimming somewhere to save their species, as members of their group have done for countless generations.

Likewise, it is a similar swim, on land with the up-and-coming crop of wine tradesmen and women. They?re all suited up and shimmering in the bright room, say, at a wine tasting. I love to study their movements in the room, who they talk to, what they talk about, which wines they are drawn to, and the people they connect with. We all did it, consciously or otherwise. It?s part of our humanity.

What I?ve been pondering, a lot, lately, is how the present iteration of today?s wine professionals - the movers and the shakers - is girded. And with the news coming out lately that wine, once again, is lumbering, due to economic malaise and several other factors, I can?t help but wonder how they will pull the wine trade out of the nosedive it seems to be finding itself in.

For myself, I had no idea just how severe the present crisis was. And surely some of the doomsayers can?t all be right? But we all love to see things bleed, don?t we? And some of us actually want to read about the rescue being a successful one.

I read this recently by Edith Zimmerman:

Not long ago, when I ordered a caf? au lait in downtown Washington, I was told my lait choices were oat, soy, or almond. ?I?ll take regular whole milk,? I said. ?Sorry, we don?t have that,? the barista replied.

It reminded me when I was taking a walk around my local shopping mall and stopped in at the Italian Emporium. In the cold box were wines that warbled the oat, soy or almond mantra, this time regarding Italian wines. There were orange wines. There was a Sicilian Viognier and a Piedmontese Riesling. There was no Soave, Verdicchio or Gavi to be found. ?Sorry, we don?t have that,? the barista replied.


I?m all for inclusion. I?m befuddled when the basic building blocks, the ones that got us here, are cast aside for the idiosyncratic being presented as the standard-bearers. It took years to bring people over from France and California to Italian wines, and to Italian whites even more of a challenge. A Sicilian Viognier? It?s a bizarre anachrony. No wonder they?re reducing floor and display space in the store. 

I?m saying this because even though I am open to all, what happened to the rest of all? By the way, the Viognier and Riesling, strangers in a strange land, were selling for well over $20. Not your everyday ring-up. Who?s making these choices? Who is teaching the young decision makers how to run a successful business, not just curating a list of one?s favorite off-the-wall wines? What good is this for anyone involved?

Years ago, there was this buyer in a town in Texas who moved around from store to store. One could tell their current interests, at the time, by the set. In one store, they had 90+ Parker wines from Australia that were selling for over $30. In another they hand-picked a slew of Grosses Gew?chs Rieslings from Germany, again, $30 and up, 90 points and up. And the wines sat there. Meanwhile the wine buyer moved on. Eventually that town in Texas became like a cemetery for said wine buyers? current crazes, until the  person left the business and the state. And it took years to move those wines out, many of them suffering from sitting too long under the fluorescent lights of the wine shops. For what?

Look, we all have a learning curve. But many of us had teachers and guides, souls that steered us away from the cliffs of bad decisions. I don?t see those safeguards as clearly today.

I went into a local Italian place that just opened up. Nice decorations, pleasant environment, not too loud or bright. The server handed me the wine list. $12 for a glass of red from Abruzzo, essentially a co-op wine. Twenty years ago, this would have been a $5 pour. Now entry level is $12. Of course, the wine is probably better now than it was twenty years ago. But a savvy buyer could have readily found an even better wine and maybe it would have been seen as a good deal, by folks like me, at $12.


I didn?t drink wine that night. Ok, that was the other end of the spectrum from the ?anything goes? curated selection at the Italian wine and food emporium. But I wonder what folks, who are just looking for a good Margherita pizza and a mellow glass of red, are getting themselves into when they step into some of these places which are governed by that shimmering crop of today?s wine tradesmen and women.

If I were new to Italian wine and I went into either of these places, I don?t know if I would ever become a fan of Italian wine. Seriously. I?m being told what to like by someone who hasn?t learned the basic blocking and tackling of the trade. Or someone looking to make as much profit off me on a glass of wine, to the point that the first ? glass pays for the bottle.

There?s a lot of talk about the crisis in today?s restaurant industry, in regards to attracting servers and workers into the industry. Horrible hours, demanding work, questionable compensation. I think with what I am experiencing with today?s wine buyers (not all, but too many) that the reported restaurant crisis will solve itself. Because folks will just stop coming to places that are not elevating their tastes and needs within their budgets. It?ll be like X (formerly Twitter) and just fade into the past. Peut-?tre?

Of course, many of us will by then disappear. And that will also solve the younger generations annoyance with the elders who have handed them this world.

In a world that is still looking for whole wine, what will they do with all that unsold oat, soy, or almond wine? What are they going to do, follow us into oblivion? Or keep swimming to save the species?

 

 

? written and photographed by Alfonso Cevola limited rights reserved On the Wine Trail in Italy
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[11/26/2023, 20:49] The Right Time to Open That Bottle
The clock of time is a wild child...? - Priyansha Vashi

Lately, as it seems I have a lot more time on my hands, although it is somewhat abbreviated compared to 30 years ago, I often muse upon the logistics of when to open a bottle. During the recent holiday, I wanted to find something red and with a little bit of age on it, maybe 10 years. Along with that, I needed a crisp fresh white wine to complement the foods we were serving along with the preferences of the other folks enjoying the wine with me. Both wines needed to be opened at the right time. In the case of the white wine, that was a little bit easier. But in the case of the red, a 2013 Barolo, I wondered just what I might be getting myself into. No, not anything dramatic. More of a desire to pinpoint the right bottle at the right time kind of thing. And if it didn?t work, well, there are plenty more willing participants in that cold, dark room, where they huddle in peace waiting for their moment to shine.

The white, a German, is a favorite quaff of mine lately. A 2021 Sauvignon Blanc from the Pfalz and the Von Winning. Denoted as ?II? among the different cuvees of SB made by the Weingut, this one is their entry level, which sees no oak. I love this wine. It?s German, it?s white and even though it isn?t a Riesling, it has similar characteristics of one. But it is a bit more tarty, edgy and super clean in the finish. Went very well with the smoked turkey, the mashed potatoes (with lots and lots of butter) and the traditional green bean casserole (albeit a bit more artisanally created). Anyway, it was deelish and perfect.

The Barolo, a single vineyard 'Pernanno' 2013 from Cascina Bongiovanni presented a bit more of a complex challenge. Reviews had pegged this wine as maybe being a little too oaked, and slightly hot in the alcohol profile. I took that into consideration to go along with the smokiness of the turkey. The grapes, grown in Castiglione Falletto, had good enough of a pedigree, for sure. And the 2013 vintage, now ten years old, received a fair share of laudatory acclaim. What better way to find out than to pop a bottle and see where we were at?

Folks write about the strong tannins of Barolo, but for years that sensation has eluded me. I didn?t feel it. Maybe it was growing up on California wine. Or going to En Primeur in Bordeaux for years. Now there were a lot of tannic wines I tasted in Napa and Bordeaux. But Piedmont? Nahhh, I didn?t get that gene.

But this wine was tr?s tannic. I decanted it rather ruggedly, as the picture denotes. We were going to spank this baby and welcome it into the cruel world of the living. The wine did not back down, came out screaming, bawling. But it did calm down, eventually. And in the period of an afternoon and evening, the life of that wine was laid out for all to see and feel.

So often, we labor over when is the right time to pull the cork. I think that humankind wrestles with that issue over many levels. In the case of wine, though, what I have found is that there is an infinitesimal number of times when the conditions are perfect. Conversely, there are rare few times when it isn?t the right time. Sure, we?ve all experienced those moments when the spirit of the wine inside the newly opened bottle of wine had passed years ago. Such is life. And death.

What I have learned, in my dotage, is to not sweat the small stuff. If the wine doesn?t feel right, open another one, chances are very few of us who have wine collections will live to see all of our bottles opened up in our lifetime. So, take that into consideration. And in the meantime, learn to pivot when pivoting is needed, and appreciate and be grateful for the small miracles that open up in front of us every day.

P.S. The Barolo was just fine, it was the right time.

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[11/24/2023, 17:53] La Peca ? Lonigo (VI) ? Famiglia Portinari ? Tappa Ufficiale VG Roadshow 2023

La Peca ? l’oasi gastronomica di Lonigo (VI) che sorprende ad ogni visita. Una tavola raccolta, intima, dove la passione per i sapori autentici e il calore dell’accoglienza sono la firma indelebile della Famiglia Portinari.?

In questo angolo di Lonigo, La Peca ha scelto di portare avanti la tradizione familiare e ci ha aperto, le porte del suo amato ristorante. Con una maestria culinaria che abbraccia le radici del territorio veneto e uno sguardo rivolto all’innovazione, la proposta gastronomica conquista per la sua freschezza e originalit?.

La selezione di materie prime di eccellenza, ricercate con cura e trasformate con maestria in piatti che esplodono di gusto e raffinatezza, continua a deliziare i palati degli ospiti che, come viaggiatori gourmet, ritornano costantemente per lasciarsi sorprendere e apprezzare la magia culinaria di La Peca.

Grazie ai due fratelli Pierluigi e Nicola, e i fedelissimi collaboratori ? stato possibile dare vita a un’esperienza culinaria che va al di l? delle aspettative, facendo de La Peca un luogo iconico, dove l’amore per la cucina si traduce in emozioni tangibili per ogni ospite che varca la soglia di questo ristorante unico nel suo genere.

La squadra

Sala:

Pierluigi Portinari Maitre, Cinzia Boggian Maitre, Matteo Bressan Sommelier, Carolina Balbo Somelier,?Alessandro Portinari Cameriere, Jorgia Stival Cameriere,?Solano Montero Gabriela Cameriera

Cucina:

Nicola Portinari Chef,?Pometti Niccol? Sous Chef,?Gregori Marco Capo Partita Antipasti, Benedetta Bresaola Capo Partita Primi Piatti,?Bandera Gabriele Antipasti,?Bazzo Riccardo Capo Pasticcere,?Gambron Riccardo Primi Piatti,?Filippo Nicente Secondi Piatti,?Ruzzante Brian Primi Piatti

Matteo Bressan – Classe e Stile.

Appena seduti al tavolo, ci viene servito un Cristo di Campobello metodo Classico extra Brut del 2017, ottenuto dalle uve grillo del territorio, che sorprende per la sua freschezza e acidit? grazie al minimo dosaggio zuccherino. I suoi toni netti richiamano la macchia mediterranea, con note di erbe, pesca, agrumi e pera, culminando in un inconfondibile retrogusto ammandorlato. Gli audaci possono attendere la sboccatura del 2022 per apprezzarne la maturit? dopo 50 mesi di affinamento.

Apriamo gli antipasti con un’ Ostrica in zuppetta di ostrica, piatto che si descrive da solo, un’elegante ostrica immersa in una zuppetta avvolgente e intensa, un connubio sublime di sapori marini che cattura il palato con la sua delicatezza e profondit? aromatiche.Viene servito subito un Louis Roederer et Philippe Starck Brut Nature 2012. L’eccelsa collaborazione tra Louis Roederer e Philippe Starck si esprime in questo champagne Brut Nature 2012, un’eccellenza vinicola che unisce maestria e innovazione. Le bollicine sottili e persistenti catturano i sensi, introducendo un bouquet complesso di frutta matura, agrumi e sfumature floreali, arricchito da note tostate e speziate. La sua freschezza vivace si armonizza con una straordinaria profondit?, regalando un’esperienza gustativa raffinata e indimenticabile.

Continuiamo con questa insalata di alalunga in ceviche di mais combina sapori sorprendenti e freschezza marina. L’alalunga, delicato e saporito, si sposa con la freschezza e la dolcezza del mais, creando un contrasto di consistenze e unione di gusti che si mescolano in armonia, regalando un’esperienza leggera e invitante.

Chiudiamo in bellezza gli antipasti con questo Soffice di capuccio, tuorlo marinato, succo e bottarga di faraona. Il?sublime soffice di capuccio, arricchita da un tuorlo marinato, si sposa con l’intensit? del succo e la pregiata bottarga di faraona in un piatto stellato Michelin. La delicatezza del cavolo cappuccio si fonde con la profondit? del tuorlo marinato, mentre il succo e la bottarga di faraona aggiungono strati di gusto complesso e raffinato, creando un’esperienza gastronomica di livello superiore, degna delle stelle Michelin.

Continuiamo poi il nostro pranzo con Lo Champagne Tsarine Ros? Brut che incarna l’eleganza raffinata e l’essenza del lusso. Con un colore rosato brillante e sfumature sottili, le bollicine vivaci danzano in armonia sul palato, introducendo un bouquet aromatico di fragole mature, lamponi e note floreali delicate. La sua complessit? si rivela con sentori di agrumi e spezie sottili, sostenuti da un equilibrio perfetto tra freschezza vibrante e una piacevole cremosit?. Un’esperienza effervescente che si conclude con un finale lungo e appagante, rendendo questo champagne una scelta sofisticata per celebrare momenti indimenticabili.

Matteo Bressan, sommelier, ? un giovane talento del settore, dedicato e appassionato. La sua filosofia si concentra sulla qualit? percepita e sull’esperienza sensoriale del cliente, creando abbinamenti spontanei e appassionanti senza vincoli predefiniti.?

Dopo una breve pausa, rincominciamo col botto! Ecco Gli spaghetti “Fracasso” al tonno e ibisco, un’opera culinaria che incanta i sensi. Preparati con maestria, gli spaghetti, serviti tiepidi, trasportano in un vortice di sapori equilibrati e raffinati. Il tonno, declinato in una nota saporita e delicata, si fonde elegantemente con l’essenza floreale dell’ibisco, creando una sinfonia di gusto unica. L’armonia tra consistenza e profondit? gustativa rende questo piatto una vera delizia per il palato. L’eccellenza e la precisione nella preparazione si riflettono in ogni boccone, offrendo un’esperienza gastronomica indimenticabile e degna di due stelle Michelin.

In accompagnamento viene servito Fiano di Avellino DOCG Riserva erre, Tenuta Sarno 1860, un’eccellenza enologica che incanta i sensi con la sua eleganza e complessit?. Prodotto nelle colline irpine, questo vino si distingue per il suo colore giallo paglierino intenso e per i profumi avvolgenti di fiori bianchi, pesca e note agrumate. In bocca, rivela una straordinaria struttura, equilibrata tra freschezza e morbidezza, con una persistenza che esalta sapori di frutta matura e spezie delicate. La sua maturazione in legno conferisce una profondit? e una rotondit? uniche, esaltando la sua complessit? e donando un finale lungo e appagante. Perfetto per accompagnare piatti di pesce, formaggi stagionati o piatti della tradizione campana, questo vino rappresenta l’eccellenza dell’enologia campana.

Anche il minestrone ? un piatto degno di nota a La Peca. Il minestrone di questo ristorante, infatti, ? un’opera d’arte culinaria che esalta la freschezza e la purezza delle verdure. Ogni ingrediente, cotto separatamente per preservare la propria consistenza e sapore distintivo, si fonde armoniosamente in una sinfonia di gusto. Le verdure, tagliate con precisione, mantengono la loro croccantezza originale, offrendo una sensazione di freschezza in ogni boccone. Il brodo, ricco e profondo, ? un’esplosione di sapori concentrati, mentre l’assemblaggio finale delle verdure rivelano un equilibrio perfetto tra dolcezza, acidit? e amarezza, regalando un’esperienza culinaria straordinaria.?

Gli gnocchi di patate conditi con funghi e fieno rappresentano un’elegante reinterpretazione di un classico comfort food. Gli gnocchi, preparati con cura artigianale, sono soffici e leggeri, avvolgendo il palato con la loro consistenza delicata. I funghi, selezionati con cura, offrono un sapore terroso e avvolgente che si fonde armoniosamente con la dolcezza delle patate. Il tocco distintivo del fieno dona al piatto un profumo erbaceo e avvolgente, regalando una nota campestre unica. La combinazione di questi ingredienti crea un equilibrio tra morbidezza e consistenza, tra sapori intensi e aromi sottili, offrendo un’esperienza gastronomica sorprendente e raffinata, che incanta sia il palato che l’olfatto.

Sempre il preparatissimo Matteo ci serve in accompagnamento un Margaux Cru Class, Ch?teau Kirwan 2019 ? un vino straordinario che incarna l’eleganza e la raffinatezza dei grandi vini di Bordeaux. Questo vino rosso presenta una profonda complessit? aromatica con note di frutti neri, ribes nero e sfumature floreali sottili. In bocca, si distingue per la sua struttura fine e avvolgente, con tannini setosi e una vivace freschezza. Il finale lungo e persistente rivela la maestria della vinificazione, promettendo un invecchiamento eccezionale, e confermando la reputazione di questo Ch?teau come produttore di vini di alta classe.

A seguire, l’anguilla in forno di braci, con shiitake, misticanza di alghe e daikon, offre un connubio sorprendente tra sapori marini e terrosi. La carne succulenta dell’anguilla, cotta con maestria, si sposa perfettamente con la dolcezza e l’umami dei funghi shiitake. La misticanza di alghe, con la sua freschezza salina, arricchisce il piatto con note oceaniche, mentre il daikon, con la sua croccantezza e leggero sapore piccante, aggiunge contrasto e freschezza. Questa combinazione equilibrata e sofisticata di ingredienti offre un’esperienza culinaria multisensoriale, unendo sapori complessi e contrastanti in ogni morso.

E proseguiamo con Cipolla Rossa di Tropea, arachidi e Parmigiano. La dolcezza unica della Cipolla Rossa di Tropea, accoppiata con la croccantezza delle arachidi tostate e la complessit? del Parmigiano, crea un’esplosione di sapori in questa combinazione sorprendente. Le sottili fette di cipolla, dalla consistenza morbida e il gusto delicato, si uniscono alle arachidi croccanti, offrendo un contrasto intrigante tra dolce e salato. Il Parmigiano, con la sua nota salina e lattiginosa, completa il piatto con un tocco di complessit? e cremosit?, donando profondit? e struttura al tutto. Questa fusione di ingredienti, semplice ma raffinata, regala una sinfonia di sapori che si fondono in un’esperienza gastronomica memorabile.

In accompagnamento all aparte dolce del pasto, abbiamo un?Passione Aret?, Bragagnolo Vini Passiti, un nettare rosso che incarna la dedizione e la maestria artigianale.? Questo vino passito si distingue per la sua intensit? aromatica, con note di frutta matura, ciliegia scura e sentori speziati. In bocca, rivela una complessit? avvolgente, con una dolcezza controllata e una persistenza che celebra la raffinatezza del processo di appassimento delle uve.

Apriamo i dessert con Agrumi marmorizzati yuzu e cannella, ?un’esplosione di freschezza e aromi vibranti. Le fette di agrumi, immersi in un mix di succo di yuzu e cannella, creano un equilibrio sorprendente tra dolce e acidit?, arricchito dalla nota speziata della cannella. La combinazione offre un’esperienza gustativa dinamica, con la vivacit? degli agrumi che si fonde con la sottile complessit? della yuzu e l’intensit? calda e avvolgente della cannella.

Terminiamo le portate con Semifreddo al pepe verde, olive caramellate, arancia, carota e zenzero, un’armonia di contrasti sorprendenti. La morbidezza e la freschezza del semifreddo si sposano con la dolcezza delle olive caramellate, creando una sinfonia di sapori. Le note agrumate dell’arancia donano una vivacit? rinfrescante, mentre la carota aggiunge una dolcezza naturale e un tocco croccante. L’elemento sorprendente ? lo zenzero, che aggiunge una nota piccante e terrosa, conferendo al piatto una complessit? e un’esplosione di gusto inaspettati, creando cos? un’esperienza culinaria unica e avvincente.

E per concludere piccole dolcezze: Crostatina di pane, Namelaka alla rosa, fragola bbq e lampone,?Bonbon al cioccolato caramellato, whisky torbato e caff? e?Gelatina ai frutti rossi e carcad?

Prima di andare via, un classico intramontabile: Il Tanqueray Gin Nr Ten. Distintivo per la sua freschezza e complessit?, questa bevanda offre un bouquet di aromi di agrumi freschi, coriandolo e ginepro. La sua base di ginepro ? bilanciata da note leggermente speziate e erbacee, offrendo un gusto fresco e vibrante.

Cucina

In cucina al ristorante due stelle Michelin La Peca, l’arte culinaria si svela attraverso l’impegno instancabile del team guidato dalla famiglia Portinari. Ogni piatto riflette una passione vibrante, in continua evoluzione. La loro cucina, ricca di sfide e di profonde conoscenze, si rivela come un viaggio incantevole che regala risultati sorprendenti. Le tecniche impiegate sono una danza di precisione e chiarezza, creando sapori nitidi che offrono un’esperienza avvolgente e appagante.

Servizio

La squadra di sala guidata da Pierluigi Portinari e Cinzia Boggian trasmette un’ospitalit? delicata e un’accoglienza impeccabile. La dedizione di tutto il personale si manifesta in ogni attimo del servizio, mentre la carta dei vini, curata da Matteo Bressan e Carolina Balbo, vanta etichette importanti, testimoniando la profonda ricerca di eccellenza.

Conclusioni

? un onore per noi raccontarvi un ristorante di fama come La Peca, consolidato da oltre un decennio con due stelle Michelin e spesso accostato all’?lite dei tre stelle. Il menu degustazione proposto per la nostra Tappa Ufficiale del Roadshow of Excellence 2023 Viaggiatore Gourmet,? ci ha regalato un’ esperienza straordinaria e sorprendente. Le portate, ricche di contrasti e intensit?, come gli Spaghetti ?Fracasso? tiepidi al tonno e ibisco o Spaghetti ?Fracasso? tiepidi al tonno e ibisco, hanno espresso una culinaria eccezionale. Un ristorante che assicura un’esperienza coinvolgente e divertente, confermando la straordinariet? di questa destinazione culinaria che vale ben oltre un solo VIAGGIO.

 

Ristorante La Peca

via Giovanelli 2
36045 Lonigo (VI) Italy

Tel: 0444830214 – Email: info@lapeca.it

Sito: www.lapeca.it

Orari di apertura:

Dal marted? al sabato 12:00 ? 14:00 / 19:45 ? 22:00

L'articolo La Peca – Lonigo (VI) – Famiglia Portinari – Tappa Ufficiale VG Roadshow 2023 proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[11/20/2023, 16:04] Stua Noa Fine Dining Chef Andrea Fugnanesi ? Livigno (SO) ? Cena 4 Mani con Alessandro Gilmozzi Ristorante El Molin

Siamo tornati all?hotel Concordia di Livigno, elegante albergo situato nel cuore della nota localit? sciistica della Valtellina. L?occasione ? stata una cena nel ristorante fine-dining dell?hotel, lo Stua Noa, realizzata a 4 mani dall?head chef Andrea Fugnanesi e Alessandro Gilmozzi, un altro cuoco di montagna alla guida del ristorante ?Il Molin? di Cavalese che vanta da diversi anni una stella Michelin.

E non a caso il men? della serata, studiato dai due chef per i nostri Viaggiatori Gourmet, era intitolato ?Dall?Alpe alla Tavola?, un percorso volto a valorizzare, attraverso ricette creative o rivisitazioni moderne di piatti pi? tradizionali, le numerose materie prime che le montagne possono offrire, dai frutti della natura –? erbe spontanee e frutti, pesci di acqua dolce,? selvaggina – ai risultati del lavoro dell?uomo ? cereali e loro derivati, mele, prodotti degli allevamenti, latticini e formaggi.

La Squadra

Hotel Manager: Daniel Giacomelli

In Cucina

Head Chef: Andrea Fugnanesi

Sous Chef: Gabriele Bianchi

Capo Partita Antipasti: Federica Postorino

Capo Partita Primi: Domenico Cassanelli e Lorenzo Marcelli

Capo Partita Secondi: Yuri Meo

Pastry Chef: Federica Bagnarelli

In Sala

Ma?tre: Mattia Rossetto

Vice Ma?tre: Ergest Mecaj

In attesa della cena abbiamo preso possesso della nostra stanza in hotel, una delle eleganti e confortevoli camere che gli ospiti possono scegliere tra diverse combinazioni di metratura, disposizione interna e tipologie di servizi addizionali offerti (sauna, idromassaggio, ecc.).

Si tratta di camere contemporanee nell?arredamento e nei comfort disponibili, ma ispirate agli elementi architettonici tipici delle Alpi, con una splendida vista sulla vallata circostante.

Alcuni graditi omaggi ci attendono in camera ?

Fornitissimo angolo bar e caffetteria ?

Il bagno, moderno e luminoso.

Scendiamo al ristorante dove troviamo i tavoli elegantemente apparecchiati per la nostra cena?

?ed un ricco tavolo per gli aperitivi.

Gli chef che hanno studiato il menu della serata e che si alterneranno nella preparazione delle diverse portate previste:

  • Andrea Fugnanesi ? il giovane chef di origini umbre che, dopo diverse esperienze di rilievo sia in Italia che all?estero e la partecipazione al talent televisivo Top Chef, ? alla guida del ristorante ?Stua Nova? fin dalla sua apertura con uno stile di cucina moderno e di ricerca ma nell?assoluto rispetto del territorio.
  • Alessandro Gilmozzi, uno chef di grande esperienza, da anni al timone del ristorante ?Il Molin? di Cavalese e da sempre dedito alla sperimentazione sugli ingredienti alpini, che si esprime con una cucina in equilibrio tra tradizione e innovazione che gli ? valsa il riconoscimento della prestigiosa stella Michelin dal 2007.

Iniziamo la degustazione con alcune piacevolissime entr?e di benvenuto:

  • Macaron di pasta di Alessandro Gilmozzi
  • Mini burger di cervo e ribes fermentato di Andrea Fugnanesi

I vini della serata sono a cura di cura di Mamete Prevostini, cantina profondamente radicata nel panorama vitivinicolo della Valtellina. Fondata alla fine degli anni Venti del ?900, l?azienda coniuga la valorizzazione del territorio e della tradizione con le moderne tecnologie.

In accompagnamento alle entr?e degustiamo l?Opera Alpi Retiche Igt Bianco 2002, un vino bianco prodotto da un uvaggio di Chardonnay, Sauvignon, Pinot Bianco e Incrocio Manzoni coltivati sui pendii del comune di Postalesio in Valtellina. Dal 2001 la cantina dedica l?etichetta all?opera di un?artista locale, iniziativa da cui prende il nome il vino stesso. Di colore giallo paglierino brillante, al naso esprime piacevoli sentori di frutta matura che spaziano dalla mela all?albicocca con un finale minerale. In bocca e? ben equilibrato, fresco e sapido.

Proseguiamo la degustazione con il Monros?, un Nebbiolo, vitigno emblema della Valtellina, vinificato in rosa. Nel bicchiere mostra un colore rosato brillante, con profumi di frutti rossi e intense sfumature minerali. In bocca e? equilibrato e armonioso con un gusto in cui si ritrovano i frutti rossi gi? percepiti al naso.

Dal lago alla brace (Andrea Fugnanesi)

Questo vino rosato ? il perfetto abbinamento, anche per affinit? cromatica, per il primo antipasto, un filetto di salmerino scottato al bbq, accompagnato da un chutney di mela della Valtellina, uova di coregone ed emulsione al prezzemolo, piatto delicato in cui vengono armoniosamente accostati alcuni ingredienti del territorio.

In accompagnamento un fragrante pane sfogliato al burro.

La descrizione del prossimo antipasto.

Olio e montagna (Alessandro Gilmozzi)

Il successivo antipasto, a cura di Alessandro Gilmozzi, si configura come una vera e propria celebrazione della montagna e dei suoi frutti spontanei: una fresca insalata composta da 18 tipi di erbe e 5 variet? di fiori selvatici, valorizzati da un condimento di olio EVO in diverse consistenze. Una passeggiata sensoriale nei prati alpini!

Valtellina Superiore DOCG Grumello ?Vigna Sassina? 2019

In abbinamento ai primi piatti che seguono degustiamo un Grumello, una delle tipologie / sottozone previste dalla denominazione Valtellina Superiore DOCG. Realizzato con 100% di Nebbiolo della locale variet? Chiavennasca, si presenta di colore rosso rubino con riflessi granati e offre profumi di frutta, viola e rose con sentori speziati. In bocca ? corposo ma equilibrato con note di frutta e spezie.

Trout essential (Andrea Fugnanesi)

In questo primo piatto del resident chef Andrea Fugnanesi lo spaghettone della linea Monograno del pastificio trentino Felicetti ? realizzata con semole biologiche monorigine – viene cotto in un fumetto di trota ed infine mantecato con un burro acido; il piatto vien finito con uova di trota affumicate a freddo e polvere di melissa che dona delle fresche note erbacee ed agrumate.

Riso carnaroli alla cenere fermentata alla pigna di cirmolo (Alessandro Gilmozzi)

Il secondo primo, a cura dello chef Gilmozzi, ha per protagonista un riso carnaroli che viene cotto e mantecato come un risotto alla parmigiana. La particolarit? ? data dalla polvere di pigna di cirmolo con cui viene cosparso prima di essere servito: il cirmolo o pino cembro, ? una conifera ad alto fusto molto diffusa sulle Dolomiti; le sue pigne fermentate e quindi essiccate e polverizzate conferiscono al piatto dei profumi legnosi e balsamici che ricordano un camino acceso in una baita di montagna.

Sforzato Albareda 2019

In accompagnamento ai secondi piatti viene servito un vino emblematico della Valtellina, uno Sforzato. Le uve, di Nebbiolo Chiavennasca, attentamente selezionate e vendemmiate a mano nel mese di Ottobre vengono fatte appassire nel fruttaio fino a circa met? gennaio per aumentarne la concentrazione zuccherina. Successivamente si procede alla pigiatura e alla conseguente fermentazione alcolica in vasche di acciaio inox a temperatura controllata per un periodo di circa 20 giorni. Segue la svinatura e l?affinamento del vino per almeno 20 mesi in botti di rovere e per altri 10 mesi in bottiglia prima della messa in commercio. Ne risulta un vino potente ed elegante al tempo stesso, con sentori di frutta matura e note balsamiche, ed un ottimo equilibrio tra finezza e sapidit?.

Pane con farina 1 e farina 0, realizzato con il 100% di lievito madre accompagnato da burro di malga dell?azienda Alpe Livigno.

Il contorno viene cotto sulla brace direttamente al tavolo.

Manzo, nocciole, rosmarino? (Andrea Fugnanesi)

Il filetto di manzo, proveniente dagli allevamenti dell?azienda Alpe di Livigno, viene scottato nel burro di alpeggio, mantenendolo rosato e succulento; il piatto ? completato con un profumato estratto al rosmarino e un fondo di manzo ridotto, con un cipollotto alla brace come contorno.

Latte e betulla (Alessandro Gilmozzi)

Il dessert ? un dolce signature dello chef Gilmozzi, un omaggio alle sue montagne celebrate utilizzando due ingredienti principali: il latte d?alpeggio e la betulla, una pianta molto diffusa nelle foreste e di cui, fin dal Medioevo, venivano utilizzate tutte le parti, dal legno alla corteccia alla linfa alle foglie, e nota per le sue propriet? benefiche e medicinali. Il piatto ? composto da una sfera di mozzarella ripiena di yogurt e un gelato al fiordilatte profumati con foglie di betulla candite e polverizzate. Il finale ideale per un percorso di degustazione dedicato alle Alpi!

Icy corteccia (Alessandro Gilmozzi), una pralina fatta con la corteccia di cirmolo.

Per chiudere un goloso assortimento di petit four:

  • mini krapfen con crema al tiramis?
  • bign? al cacao ripieno di crema al fieno
  • macaron al cioccolato con ganache allo yuzu

In abbinamento ai dessert abbiamo degustato il Passito Vertemate, un vino realizzato con un uvaggio di 60% di Traminer aromatico e 40% di Riesling. Di colore giallo dorato/ambrato intenso, ha un aroma elegante di confettura di albicocca, frutta candita, miele e fiori gialli secchi con una piacevole nota minerale. Sapore equilibrato, morbido e piacevolmente fresco.

Un distillato chiude la cena.

Che GRAN bella serata!

Ed infine un brindisi in cucina con gli chef e tutta la brigata!

Cucina

Nella cucina del giovane chef Andrea Fugnanesi i sapori della tradizione alpina si evolvono con una creativit? gastronomica acquisita grazie a svariate esperienze a livello nazionale ed internazionale, oltre che ad una spiccata propensione per la ricerca e la continua innovazione. Gli ingredienti del territorio, uniti ad originali scelte internazionali, sono accuratamente selezionati e reinterpretati anche attraverso l?utilizzo di innovative tecniche di cottura. La cena realizzata a 4 mani con Alessandro Gilmozzi, chef di grande esperienza e maestro della sperimentazione sugli ingredienti di montagna, ha dato prova concreta del talento di questo chef e della sua capacit? di combinare tradizione e contemporaneit? nel totale rispetto degli ingredienti e del territorio.

Queste caratteristiche si ritrovano anche nel menu stagionale del ristorante nel quale, accanto ad una proposta alla carta, sono presenti tre interessanti percorsi di degustazione, il Concordia Experience (menu a mano libera di 7 portate legate alla fantasia e all?ispirazione dello chef), il Mountain Experience (menu di 6 portate con ingredienti del territorio di Livigno, rivisitati in chiave Fine Dining) e il Mountain Scent (menu vegetariano??composto da 7?portate). L?offerta del ristorante ? completata da una ricca carta dei vini.

Servizio e accoglienza

Nel ristorante si ritrovano le attenzioni e la calda ospitalit? che la famiglia Giacomelli, da anni alla guida dell?hotel Concordia che lo ospita, riserva ai suoi clienti. L?atmosfera intima ed il servizio attento e discreto coordinato dal ma?tre Mattia Rossetto rendono la cena un momento di grande piacevolezza.

Conclusioni

Il nome del ristorante, Stua Noa, nel dialetto livignasco ?stanza nuova?, ? stato scelto dalla propriet? per ricordare il tempo ormai lontano in cui, dopo una giornata di lavoro, le famiglie si riunivano nella stua in legno, l?unico ambiente riscaldato della casa, per consumare il pasto di fine giornata. E questa sensazione di calore e intimit? si ritrova in questa moderna e nuova interpretazione della stua, in cui il pasto viene servito esclusivamente in 5 tavoli, in modo da assicurare un servizio che sia il pi? possibile accurato ed elegante. Questo connubio di elementi tradizionali e spunti innovativi, sia nell?ambiente che nella cucina, fa del Ristorante Stua Noa un luogo di grande interesse nel panorama gastronomico di Livigno e dell?intera Valtellina. ?

?

Ristorante Ristorante Stua Noa ? Hotel Concordia

Via Plan, 114 | 23041 Livigno
Tel: +39 0342 990 100
Mail:
concordia@lungolivigno.com
Sito web:?
www.concordialivigno.com/stua-noa-fine-dining

L'articolo Stua Noa Fine Dining Chef Andrea Fugnanesi – Livigno (SO) – Cena 4 Mani con Alessandro Gilmozzi Ristorante El Molin proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[11/19/2023, 18:52] Pivoting While Whirling

Recently, longstanding and noted wine bloggers have been declaring. Things like:

?I don?t suppose I have many of you checking this site daily for updates?? - Vinography

?I have in fact been blogging without a break about every two weeks for more than a dozen years now, and I would be less than honest if I didn?t admit to feeling a little stale at it?and (will) take a brief sabbatical from this blog? - Tom's Wine Line

??the blog will end its 16-plus year run on Jan. 15?sadly, I don?t think it?s relevant anymore.? - The Wine Curmudgeon

And while I have noticed the world of blogging in general doesn?t seem to have the oomph it once had in the world (it?s no longer the bright shiny thing in the corner) my take on anyone who might be having an existential moment (we don?t need another crisis) in regards to their relevancy is an optimistic one.

I say this because while I have been blogging for close-on 18 years now, and religious about posting at least once a week in all that time (the hard-head in me) I see wine blogging less as a way to gather more and more readers so I can influence them (those days are long gone) and more as an exercise for my brain. I?m doing a lot of exercise these days, both physical and mental. I see the upside to longevity, as long as it has a healthy component to it. Wine blogging plugs me into a creative outlet that is part of that regimen. And traffic is still pretty good, if only for the fact that after blogging for so many years, a lot of new readers come here because of a search engine and they are looking for content that might still be meaningful. I mean, a review on a 2009 Soave from 2010 might not be so helpful in 2023, but folks who come to On the Wine Trail in Italy learned long ago not to come here for tasting notes.

Why such unbounded idealism? It?s part of my organoleptic fiber. It?s the way I look at things. And I look at a lot of things, being mostly a visual person.


I have been reading a book, Think Again, The Power of Knowing What You Don?t Know, by Adam Grant.  Recommended by a longtime friend and erstwhile college roommate Kevin, we both attended art and creativity classes at Santa Clara University back when the crust of the earth was cooling. We?ve bounced ideas off of each other a lot in the past 50 years, but more so in the post-Covid world we find ourselves in. For one, we have more time to investigate stuff. But we also are still interested in things like art and creativity. Kevin taught the stuff at a university in Minnesota. I entered the world of sales and business, being a single dad and needing to keep a leakproof roof above and the lights on below. It served me well in regards to rejection. I learned to see rejection as an exercise that could strengthen me and my resolve. And now, when I cogitate about the state of blogging, with or without wine, I don?t think about relevance too much. I focus on the work, the words, the exercise and the strength building. If you build it, they will come, right?

To the folks who say it?s over, what then? Because, as I see it, you have to move forward, or you stop living. As Adam Grant writes, one must rethink and unlearn. And after so many years on earth, I find that prospect invigorating, challenging, and exciting as all get out.

What can wine writers write about that will give their readers joy and excitement? For my part, I think the everyday living, with wine as a component of it, and integrating wine into one?s overall life, is the focus I have these days. It doesn?t matter if the wine is $10 or $500, if it?s 30 years old or barely a year. If it?s from Italy or New Mexico. There?s something there that tells a story. And in my view, the story is more a mirror or a reflection, than a score or an apostrophe.

Yeah, the world is whirling about at unimaginable speeds. But in order to keep from getting thrown off, we?re going to need to pivot. And that is what is commanding my attention presently. 


? written and photographed (except the first photo, courtesy of Adobe Creative Cloud) by Alfonso Cevola limited rights reserved On the Wine Trail in Italy
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[11/12/2023, 21:39] The Most Important Wine Harvest of All Time

How many times have you read it? The harvest in process and the ensuing data regarding the weather, the quantity and the quality that inevitably leads to an initial prediction that this year will be the wine of the decade? Wine of the century? Greatest of all time?

Recently I looked back over a slew of articles, going back forty years, and read something similar to that. At the time, I?m sure many of the journalists thought, indeed, that they were reporting an accurate assessment.

What I find curious, though, over time, is that the ?lesser? vintages, the ones not thought to be so great, actually delivered wonderful vinous experiences. That probably indicates that my interaction with the wine might have had less to do with the climatological conditions of past than the present conditions of my perceptual and emotional being.


I?ve written about this a time or two in recent posts. That the experiences, the setting, the people, the food, the personal sense of well-being contributes to the wine at hand and how one appreciates it in the moment.

Which, for me, throws out much of the prognostication about wine. Or at least, the hype.

Look, I?m not drinking as much wine as I once did, when I was actively involved in the wine trade. Oh, and I was also younger, my body was more forgiving. Now the thought of a thirty-year vertical tasting gives me convulsions. Too much of a good thing? Or as we age, does our need for exorbitance dissipate?

I recently saw a photograph of Frank Sinatra and Bono at a legendary steakhouse in my old home town, Palm Springs. Frank was 78 years old and he was puffing on a cigarette. I thought it an odd thing. An elderly man, smoking a cigarette in a bar while waiting on his table. I don?t know why it struck me so. I mean, I enjoy the occasional cigar, key word, being occasional. But as a habitual practice?

Not to equate smoking with wine drinking, although one could make the argument that both have their fair share of toxicity.


I reckon that moderation might be a prerequisite to enjoyment of anything that could become dangerous to one?s health. Skydiving comes to mind. Bungy jumping too.

But wine is supposed to be beneficial. That?s what folks have been telling us for forty years or more. Wine is good for you, they say.

Again, I?m thinking about the quality of the experience more than the actual quality of the wine. A wine that a famous critic gives 98 points versus one that gets only 89.

I?ve written about aged wines lately. But what is in my mind today isn?t about the age of a wine. And it seems it isn?t about the degree of buildup it gets in the press. No, I am diving into different waters here. The Chinese call it the Doctrine of the Mean, or Zhongyong.


It?s a middle ground between the extremes, the water that I am wading into. And I find the subtlety fascinating.

More wines open up to me from more harvests. It feels expansive but not in a materialistic manner. I feel it in art, in music, in cooking, in relationships. Less is more? Not really. It isn?t about less or more. Like I said, for me, it?s a middle ground.

So, when I read those pieces that tout the great vintage of 20_ _, I feel a detachment from those words. Maybe I?ve died. But it doesn?t interest me these days.

For one, they haven?t always rung true. But more to the point, those kinds of parameters just aren?t what I?m looking for in an experience with wine. I?m looking in other corners of the world of wine, and especially with regards to Italian wine, there are many corners. Or, rabbit holes.

All this to say, while my world has gotten smaller, the macro-view has presented me with a whole new universe. It?s a bit quieter, a bit calmer, for my present needs. It?s revelatory. Important? Maybe not so much. After all, the greatest of all time is always changing in our world. Look at the greatest actors, artists, musicians, fighters, warriors, countries, lovers, you name it, from 50, 100, 500 years ago. And look at them now. Things change.

He says, as he jumps, again, into the abyss.

 


wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[11/06/2023, 04:21] Remember Me? I'm Your Brother
From the archives: Grappling among the Offshoots ~ Gaglioppo and Nerello Mascalese

I?m the one who played tag with you and listened to you sing and play the piano. I?m the one who fell, more than once, sometimes just to the earth and sometimes out of sight. I?m your brother.

In the vineyards, when the grapes were full, you called from afar to pick the ripe ones for wine. You made pasta and poured red wine and gave shelter for the time. And when the harvest was over you bid adieu, until the next time you were in need. You paid just enough to make it through the winter.

When I was little, you were grown-up. You led. I followed. And I followed you to the edge of the mist and then you disappeared. When I traveled to another land, our only connection was through our veins and our memories.

Years later, when I stumbled and fell, you picked me up and brought me back. When I was healthy you sent me back out again into the fog. It was there I had to survive or die. I wouldn?t take another grafting.

When I finally laid down my roots, in a place where my roots were never meant to take, it was years of day and night, heat and cold, year after year. It would never make for greatness, not like in the places from where we came or where our grandparents came. It wasn?t stellar, but it was steady.

When the little ones around us grew and took to going their own ways, I?d wait under the sun and the moon to hear from you, hoping, wishing we still had a connection. After all, I?m your brother.

As your sign ascended ever higher and higher, and mine had me going deeper and deeper, I wondered how we came from the same parents. You sought light and peace. I sought depth and understanding. Our philosophies diverged ever so much more, greater and greater grew the gulf.

It was as if we were from two different universes. Yours was on the top of the hill, full of attention and drama. Mine was on the corner of a slope somewhere, hoping for a little more light before the sun set. Pushing out a little more of the fruit and the passion.

You probably thought I was still the baby. After all, I came last and who knows if I wasn?t a mistake, an afterthought. But here I was, filling up the ridge with my tendrils, reaching where? I did not know.

Now we are all older, even the offspring. Now the days are shorter. And fewer. And still we?re a million miles from where we started. And a million more from each other. Remember me? I?m your brother.



wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[11/03/2023, 10:09] Di Fornovo, fiere, fastidi, e un libro (fondamentale)


Sono partito per Fornovo avendo in testa questo passaggio, tratto dall'opera pi? fondamentale recente sul vino (Epistenologia, cio?).

?Esco dall?ennesima fiera del vino, vivo vitale naturale indipendente nudo critico resistente e corsaro, con consueto disagio e un gran mal di testa. Non sono i solfiti, certo che no, e poi tanti vini che ho amato son qua, gli irregolari e scomposti. Non ? questo, non ti agitare: non ho cambiato gusti rispetto al precedente viaggio. ? piuttosto il chiacchiericcio costante da indulgenze plenarie, tutta quella polvere che l?ambulare continuo da un banco a un altro, da un ?prova questo? a quest?altro solleva, insieme alle solite baggianate sulle annate e le frasi fatte che le accompagnano. Tutto questo mi procura un po? di fastidio, ma sono io, non ? certo colpa del vino. Abbiamo conosciuto dei vecchietti siciliani un po? persi e sperduti per la prima volta evidentemente portati a Milano perch? ora il loro ?prodotto? si vende. Mi piace il loro vino ma non per quel misero assaggio al banchetto, dosi talmente omeopatiche che sembra di essere in quel film di Antonioni dove si gioca a tennis senza pallina; mi ? piaciuto perch? mi piacciono loro, e questo non ? un surrogato rispetto al piacere del vino. Anzi, ormai sono questi gli aspetti del vino che noto: quella frase ?conta solo quel che ? dentro il bicchiere? ? qualcuno ancora lo dice, e con supponenza, come se rivelasse una verit? persino profonda ? non vuol dire nulla. Non c?? nulla solo dentro il bicchiere, perch? quel che ? dentro ? sempre anche fuori. Nemmeno dal rigoroso punto di vista delle ricerche sul percepire: perch? gustare, come ormai sanno tutti, ? multi- e cross-sensoriale.
Poi una volta che esco m?infastidisco anche di me che ho provato fastidio?

Insomma ero malmostoso, preventivamente. Ma poi quell'ultimo passaggio, "mi infastidisco anche di me che ho provato fastidio", per me arriva a proposito, siccome mi ci specchio dentro da un pezzo.


A Fornovo pioveva (ma che notizia ?, del resto)

Fatto sta che ho improvvisato qualcosa per evitare il fastidio. Questa edizione di Fornovo era per me pi? libertaria del solito, non avevo mappe o desideri. Cos? in mezzo ai molti produttori notissimi, con folle di assaggiatori al tavolo, ho scelto sempre i tavoli dove il produttore meno noto, o proprio sconosciuto, era da solo, mezzo triste mezzo assonnato. Ecco, ho fatto una raffica di assaggi cos?. E sono stati quasi tutti assaggi molto interessanti, al punto che pure essendo partito per Fornovo pensando "non mi serve nulla" adesso ho tre o quattro nomi che considero con favore. Forse questa formula destrutturata si rivela ideale, ma comunque Fornovo non ha deluso nemmeno quest'anno.

Sconosciuti a me, sconosciuti al mondo come lo frequento, il mondo digitale, internet, la conoscenza condivisa. Che nel frattempo ? diventata cosa? Pure quella vittima di una forma di enshittification, ovvero: alcune cose cambiano, ma inevitabilmente in peggio. Potrei fare qualcosa in proposito per rimediare, uno di quei post riassuntivi di nomi, aziende, assaggi, schede, punteggi. Ma ci sono due problemi: ho detto che ho scelto in via preventiva produttori depressi e abbandonati, ora che figura ci faccio ad elencarli? Ma soprattutto: siccome non possiamo non dirci perulliani, cio? seguaci della filosofia di tanto autore, che smonta senza scampo chi fa il mestiere del redattore di schede (io, tra l'altro!), come si fa?

Ci? ? fastidioso, no? E ovviamente m?infastidisco anche di me che ho provato fastidio.

TrackBack
[10/28/2023, 06:01] Guida Michelin Italia 2024 ? Nuove Stelle ! Novit? #GuidaMichelinIT #MichelinStar24
DUE NUOVI RISTORANTI 3 STELLE NELLA GUIDA MICHELIN ITALIA 2024
  • Con Atelier Moessmer Norbert Niederkofler e il ristorante Quattro Passi, salgono a 13 i ristoranti tre Stelle MICHELIN in Italia;
  • 5 i nuovi due Stelle e 26 le nuove una Stella MICHELIN che delineano un nuovo firmamento composto da 395 stelle distribuite in tutta la penisola
  • 13 nuovi ristoranti hanno ricevuto la Stella Verde MICHELIN
  • La selezione 2024 comprende un totale di 1986 ristoranti
#GUIDAMICHELINIT #MICHELINSTAR24

La 69^ edizione delle Guida MICHELIN ? stata svelata alle porte della Franciacorta nel corso di una cerimonia eccezionale presentata da Federica Fontana alla quale hanno partecipato oltre 500 invitati tra i quali ristoratori, professionisti e studenti provenienti da tutta Italia.

La selezione di ristoranti 2024 della Guida MICHELIN Italia celebra una gastronomia italiana ricchissima, piena di vitalit?, promossa da molti giovani talenti e una ristorazione impegnata e sostenibile radicata in tutta la penisola.

Si tratta dell?edizione dei record: la Guida MICHELIN Italia fa il bis di novit? tre Stelle MICHELIN, celebra cinque nuovi ristoranti due Stelle MICHELIN, dei quali due ricevono la doppia Stella in un solo colpo, e si arricchisce di 26 ristoranti con una Stella MICHELIN In totale, la selezione di ristoranti della Guida MICHELIN Italia 2024 comprende 395 ristoranti Stellati.

?Quest?anno gli ispettori hanno assegnato 33 nuove Stelle MICHELIN, tra le quali spiccano due nuovi tre Stelle che entrano nel Olimpo della gastronomia mondiale: i ristoranti Quattro Passi e Atelier Moessmer.? ha commentato Gwendal Poullennec, Direttore Internazionale delle Guide MICHELIN, ?La selezione 2024 della Guida MICHELIN Italia racchiude 395 ristoranti stellati, un nuovo record per la penisola, che sottolinea quanto la tradizione della cucina italiana e l?innovazione siano un connubio perfetto per esperienze culinarie eccezionali, ricche di emozioni, storia e convivialit??.

2 RISTORANTI RICEVONO LE PRESTIGIOSE 3 STELLE MICHELIN

Atelier Moessmer Norbert Niederkofler, Brunico, (BZ).

Nella nuova sede ospitata all?interno di una villa storica restaurata, lo chef Niederkofler rimane coerente al suo mantra di ?cook the mountain?, una formula per la quale in tavola finiscono solo i migliori ingredienti delle montagne e delle valli circostanti, direttamente dai produttori e dagli agricoltori che rispettano i loro cicli naturali per preservarne i sapori e gli elementi nutrienti. Un piatto che ha colpito gli ispettori, perch? in grado di tradurre questa filosofia con sorprendente forza al palato, ? il risotto con robiola, tuorlo d?uovo grattugiato e il crescione. Un piatto aromatico, intenso, pungente quasi a ricordare la parte aromatica del rafano ma senza l?eccessiva spinta piccante, piacevolmente equilibrato: una ricetta geniale.

Quattro Passi, Nerano, Napoli, (NA).

Tornano a splendere le tre Stelle MICHELIN anche in Campania, a Nerano, dove la penisola sorrentina si assottiglia puntando verso Capri, trovando il tempo di rallentare la corsa per creare una delle baie pi? romantiche della costa. In quest?angolo di paradiso il Quattro Passi apr? 40 anni fa: la conquista delle due stelle fu opera dello chef Tonino Mellino che da qualche anno ha ceduto il timone al giovane figlio Fabrizio, che ha compiuto l?ultimo passo per entrare nell?olimpo della ristorazione mondiale. Il suo tocco ha elevato la cucina campana e mediterranea a livelli di sorprendente raffinatezza, stile e sensibilit?. Tra i piatti che hanno colpito gli ispettori le linguine alla Nerano, fusillone ai ricci di mare, l?agnello Laticauda e la pasticceria salata: si passa dalla tradizione alla modernit? senza mai perdere la via del puro gusto attraverso il rispetto degli ingredienti e la perfezione delle cotture.

Oltre alle due new entry nella famiglia dei 3 Stelle MICHELIN, i Ristoranti che ?valgono il viaggio? in Italia e confermano le 3 Stelle, sono:

Villa Crespi Orta San Giulio (NO), Piazza Duomo ad Alba (CN), Da Vittorio a Brusaporto (BG), Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull?Oglio (MN), Osteria Francescana a Modena, Enoteca Pinchiorri a Firenze, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (AQ), Uliassi a Senigallia (AN) ed Enrico Bartolini al MUDEC a Milano.

5 NUOVI RISTORANTI 2 STELLE MICHELIN NELLA GUIDA ITALIA 2024

La cerimonia, presentata da Federica Fontana e trasmessa in live streaming, ? stata un susseguirsi di emozioni: 33 nuove Stelle in totale che hanno interessato 12 regioni delle quali 5 new entry nella categoria dei due Stelle MICHELIN, ovvero i ristoranti che valgono la deviazione due dei quali ricevono il riconoscimento doppio d?embl?e in questa edizione:

Verso, chef Mario e Remo Capitaneo, Milano (MI)

Dal nulla a 2 Stelle! Quando si dice che Milano ? la citt? della velocit? e del tutto e subito? Ma se il ristorante ? nuovo, non lo ? il talento dei fratelli Capitaneo che hanno maturato una lunga esperienza in blasonatissime maison, che ora possono esprimere e liberare nel loro ristorante. Una cucina inclusiva, aperta che accoglie al suo interno la sala e che propone piatti che per gli ispettori della Guida sono stati un formidabile exploit. Tra questi l?animella, ricci di mare, salsa bernese al caff? e acetosella, un piatto che lo chef rifinisce e spiega in sala con dovizia di particolari tecnici. Ha sorpreso l?equilibrio tra caff? ed i ricci: impensabile alla lettura, indescrivibile al palato.

La Rei Natura by Michelangelo Mammoliti, Serralunga d’Alba (CN)

Il nuovo ristorante ospitato all?interno dell?albergo Il Boscareto riceve a pochi mesi dall?apertura 2 Stelle, grazie alla brigata capitanata dallo chef Michelangelo Mammoliti. Nello straordinario giacimento gastronomico e paesaggistico delle Langhe, Mammoliti riprende il suo personale viaggio attraverso la cucina dei ricordi, con l?amatissimo mondo vegetale come straordinario alleato e diversi spunti di esperienze pi? esotiche. Un piatto che ha sorpreso gli Ispettori ? la parmigiana di agnello: creativo e delizioso, perfetto grazie al jus sapido ed aromatico.

Andrea Aprea, chef Andrea Aprea, Milano (MI)

Lo chef, campano d?origine e milanese d?adozione, gi? bi-stellato al ristorante Vun, riversa tutto il suo talento e la sua esperienza nell?omonimo ristorante meneghino nel quale propone piatti moderni, da sapori netti e decisi, privi di compromessi. Un suo classico? Il tortello di ricotta di bufala con ristretto di ragout napoletano: una esplosione di sapori.

George Restaurant, chef Domenico Candela, Napoli (NA)

Roof-garden del Grand Hotel Parker?s, da qui la vista domina Napoli e il suo Golfo come in una cartolina. Ma ? il talento di Domenico Candela a rubare presto la scena: forte delle sue origini campane e delle esperienze francesi, il cuoco sposa queste due straordinarie scuole gastronomiche in creazioni contaminate, come il Souffl? alla nocciola, frutto della passione, gelato al caramello, dessert d?ispirazione francese con la nocciola a rappresentare il Belpaese.

Piazzetta Mil?, chef Maicol Izzo, Castellammare di Stabia (NA)

Nella pi? autentica tradizione familiare, Piazzetta Mil? ? passata dalle mani dei genitori a quelle dei figli, dalla pizzeria all?attuale ristorante gourmet. Tre fratelli, due in sala, Valerio ed Emanuele e Maicol in cucina. Quest?ultimo un vero talento, audace nell?inseguire il suo sogno di una cucina personale che si snoda lungo un menu degustazione a sorpresa, dove trovare la Campania, ingredienti d?altrove e molta creativit?. Una nota originale dello chef ? quella di proporre un viaggio gastronomico che ruota intorno ad un ingrediente, giocando su accostamenti e tecniche di cottura che esaltano il gusto, come ? capitato agli ispettori con il peperone nel men? estivo presentato dapprima come uno speck, glassato, e con la banana, per una tarte tatin memorabile. Queste caratteristiche sono state determinanti anche per l?assegnazione di un ulteriore riconoscimento: MICHELIN Special Award Young Chef 2024, offerta da Lavazza.

26 NUOVI RISTORANTI RICEVONO UNA STELLA MICHELIN

Nella Guida MICHELIN Italia 2024 sono 26 le novit? una Stella MICHELIN. Tra queste, l?assegnazione della Stella al Bluh Furore, ristorante in Costiera Amalfitana, affidata ad Enrico Bartolini che ne ha definito la linea gastronomica, interpretata dallo chef Vincenzo Russo, classe 1995 che ha lavorato nella cucina di Antonino Cannavaciuolo. Da segnalare, l?assegnazione di tre nuove Stelle MICHELIN a ristoranti guidati da chef donna: Casa Mazzucchelli (Aurora Mazzucchelli) che riconquista la Stella MICHELIN, Ada (Ada Stifani) a Perugia e Wood (Amanda Eriksson) alle pendici del monte Cervino.

RISTORANTE LOCALITA’ PROV. REGIONE
Alici Amalfi Salerno CAMPANIA
**Bluh Furore Furore Salerno CAMPANIA
Un Piano nel Cielo Praiano Salerno CAMPANIA
Casa Mazzucchelli Sasso Marconi Bologna EMILIA ROMAGNA
Orma Roma Roma Roma LAZIO
Il Marin Genova Genova LIGURIA
Vignamare Andora Savona LIGURIA
*Contrada Bricconi Oltressenda Alta Bergamo LOMBARDIA
Horto Milano Milano LOMBARDIA
Il Fagiano Fasano del Garda Brescia LOMBARDIA
La Coldana Lodi Lodi LOMBARDIA
*sui generis. Saronno Varese LOMBARDIA
*Cortile Spirito Santo Siracusa Siracusa SICILIA
Crocifisso Noto Siracusa SICILIA
*Votavota Marina di Ragusa Ragusa SICILIA
Il Visibilio Castelnuovo Berardenga Siena TOSCANA
**La Magnolia Forte dei Marmi Lucca TOSCANA
Osmosi Montepulciano Siena TOSCANA
**Saporium Firenze Firenze Firenze TOSCANA
Dolomieu Madonna di Campiglio Trento TRENTINO
Ada Perugia Perugia UMBRIA
*Elementi Torgiano Perugia UMBRIA
UNE Capodacqua Perugia UMBRIA
Wood Breuil Cervinia Aosta VALLE D’AOSTA
NIN Brenzone sul Garda Verona VENETO
**Vite Lancenigo Treviso VENETO

* under 35 ** under 30

Tra le 33 novit?, sono 11 gli chef con et? uguale o inferiore ai 35 anni (4 dei quali con et? uguale o under 30). Tra i giovani chef Fabrizio Mellino (33) neo-tre stelle del ristorante Quattro passi e Maicol Izzo (31), nuovo due stelle e premio speciale Young Chef by Lavazza.

Tutta la lista completa dei ristoranti stellati presenti nella Guida MICHELIN Italia 2024, ? disponibile all?interno della cartella stampa.

13 NUOVE STELLE VERDI

La 69^ edizione della Guida MICHELIN ha assegnato 13 nuove stelle verdi, che portano il totale dei ristoranti in Italia con questo emblema a 58.

Atelier Moessmer Norbert Niederkofler Brunico (BZ) Trent. Alto Adige
Dal Pescatore Runate, Canneto (MN) Lombardia
Hyle San Giovanni in Fiore (CS) Calabria
Oasis – Sapori Antichi Vallesaccarda (AV) Campania
Horto Milano Lombardia
Saporium Firenze Firenze Toscana
Saporium Chiusdino (SI) Toscana
Vespasia Norcia (PG) Umbria
Il Piastrino Pennabilli (RN) Emilia-Romagna
La Cerreta Osteria Sassetta (LI) Toscana
Coltivare La Morra (CN) Piemonte
Grow Restaurant Albiate (MB) Lombardia
Radici San Fermo della Battaglia (CO) Lombardia

La Stella Verde ? un simbolo che contraddistingue i ristoranti in prima linea sul fronte della sostenibilit? e pu? essere attribuito a qualsiasi ristorante, non solo ai ristoranti Stellati o ai Bib Gourmand. Nell?assegnare il riconoscimento, gli ispettori prendono in considerazione molteplici fattori: la produzione delle materie prime, il rispetto del lavoro e il supporto dei produttori locali, la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti, le azioni mirate a minimizzare l?utilizzo delle risorse energetiche e l?impatto della struttura sull?ambiente, la formazione sostenibile dei giovani, sono solo alcuni dei temi.

SONO 4 I PREMI SPECIALI MICHELIN NELLA SELEZIONE ITALIANA 2024 AI QUALI SI AGGIUNGE IL NUOVO PREMIO ?PASSION DESSERT?

  • MICHELIN SPECIAL AWARD YOUNG CHEF 2024 offerto da Lavazza,assegnata a Maicol Izzo, ristorante Piazzetta Mil?, Castellammare di Stabia, NA.
  • MICHELIN SPECIAL AWARD SERVIZIO DI SALA 2024 offerto da Intrecci ? Alta Formazione di Sala assegnato a Federica Gatto, ristorante Cetaria, Baronissi, SA.
  • MICHELIN SPECIAL AWARD CHEF MENTOR 2024 offerto da Blancpain, assegnato a Gaetano Trovato, ristorante Arnolfo, Colle di Val d?Elsa, SI.
  • MICHELIN SPECIAL AWARD SOMMELIER 2024 offerto dal Consorzio del Vino Franciacorta, assegnato a Marzio Lee Vallio, ristorante Esplanade, Desenzano sul Garda, BS.

In questa edizione, e per la prima volta in Italia, ? stato conferito il premio ?Passion Dessert? ai ristoranti che offrono un?esperienze meritevole di un riconoscimento per l?alta qualit? della proposta dei dessert.

PREMIO PASSION DESSERT 2024 offerto da Molino Dallagiovanna:

Riccardo Monco ENOTECA PINCHIORRI Firenze
Davide Guidara I TENERUMI Eolie / Salina, ME
Gian Piero Vivalda ANTICA CORONA REALE Cervere, CN
Francesco Marchese FRE Monforte D’Alba, CN
Nicola Portinari LA PECA Lonigo, VI
Gaetano Trovato ARNOLFO Colle di Val D’Elsa, SI
Angelo Sabatelli SABATELLI Putignano, BA
Matteo Metullio – Davide De Pra HARRY?S PICCOLO Trieste

Oltre alla selezione di ristoranti ? disponibile gratuitamente sul sito web e sull?app della Guida MICHELIN la selezione delle strutture alberghiere pi? esclusive, uniche ed emozionanti in cui soggiornare in Italia e nel mondo.

Ogni hotel ? stato selezionato per il suo straordinario stile, servizio e personalit? e pu? essere prenotato direttamente attraverso il sito web e l’app della Guida MICHELIN. La selezione per l’Italia comprende gli hotel pi? spettacolari del paese, tra cui boutique intime e di design

Scaricate gratuitamente l’applicazione della Guida MICHELIN sul vostro telefono o visitate il nostro sito web per scoprire tutte le nostre selezioni e prenotare ristoranti e hotel straordinari.

LE STATISTICHE DELLA GUIDA MICHELIN ITALIA 2024

  • REGIONI

La regione con le novit? Stellate pi? importanti ? la Campania, con 1 tre Stelle, 2 due Stelle e 3 una Stella MICHELIN, 6 ristoranti in totale. Prima per dinamismo la Lombardia con 7 novit? (2 due Stelle, 5 una Stella), mentre al terzo posto troviamo la Toscana con 4 novit? una Stella MICHELIN.

Nella classifica delle Stelle MICHELIN per regioni, la Lombardia mantiene la leadership con 60 ristoranti (3 tre Stelle, 6 due Stelle, 51 una Stella), la Campania si conferma al secondo posto con 51 ristoranti, (1 tre Stelle, 8 due Stelle, 42 una Stella), mentre sul terzo gradino del podio troviamo la Toscana con 41 ristoranti (1 tre Stelle,5 due Stelle,35 una Stella). Scivola in quarta posizione il Piemonte con 40 ristoranti (2 tre Stelle,4 due Stelle,34 una Stella), mentre conferma il quinto posto il Veneto con 32 ristoranti Stellati (1 tre Stelle, 4 due Stelle, 27 una Stella).

  • PROVINCE

Nella classifica delle province tra le Top 5 troviamo due citt? campane : Napoli che si conferma al vertice con 29 ristoranti (1 tre Stelle, 7 due Stelle, 21 una Stella) e per la prima volta Salerno, in quarta posizione con 18 ristoranti (2 due Stelle, 16 una Stella), preceduta da Bolzano che conquista la seconda posizione con 21 ristoranti (1 tre Stelle, 3 due Stelle, 17 una Stella) e Milano che con 19 ristoranti Stellati (1 tre Stelle, 4 due Stelle, 14 una Stella) scivola in terza posizione.
La capitale, Roma, ? al quinto posto con 17 ristoranti Stellati (1 tre Stelle, 3 due Stelle, 13 una Stella).

  • BIB GOURMAND

Nella classifica dei Bib Gourmand per regioni, l?Emilia-Romagna si conferma al primo posto con 34 ristoranti. Alle sue spalle la Lombardia (29 ristoranti), seguita dal Piemonte (28 ristoranti) e dalla Toscana (26 Bib Gourmand). Al quinto posto il Veneto con 20.

Il panorama della Guida MICHELIN Italia 2024:

13 ristoranti (2 novit?)
40 ristoranti (5 novit?)
342 ristoranti (26 novit?)
58 ristoranti (13 novit?)
257 ristoranti (29 novit?)
1334 ristoranti (151 novit?)

Per un totale di 1986 ristoranti nella selezione 2024.

La selezione Italia 2024 della Guida MICHELIN sar? disponibile gratuitamente sull?app e il sito web dalle ore 20.00 del 14 Novembre. L?edizione cartacea sar? disponile nelle migliori librerie a partire dal 12 di dicembre.

Viaggiatore Gourmet

L'articolo Guida Michelin Italia 2024 – Nuove Stelle ! Novit? #GuidaMichelinIT #MichelinStar24 proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[10/25/2023, 10:00] BOLLE Restaurant ? Meeting VG Roadshow Anteprima Men? XI Atto ? Chef Marco Stagi ? Lallio (BG)

Siamo tornati, con il gruppo di amici del Club di Viaggiatore Gourmet, ad assaporare la cucina e godere dell?ospitalit? del Bolle Restaurant, il progetto di ristorazione fine dining della Famiglia Agnelli, alla guida dell?omonima azienda leader nella produzione di pentole e tegami di alta qualit? apprezzate nelle cucine professionali di tutto il mondo nonch? da numerosi appassionati cuochi amatoriali!

Il ristorante si trova a Lallio, alle porte di Bergamo, nello stesso edificio che ospita lo showroom aziendale, con annesso punto vendita aperto al pubblico: una costruzione decisamente moderna, cubica e di color alluminio, come il metallo alla base del business di famiglia. Al piano terra una lunga vetrina d? accesso al negozio e meritata visibilit? ai preziosi strumenti di cottura in vendita; al piano superiore si apre la sala ristorante in cui il tema della bolla che d? nome al locale ricorre in diverse scelte architettoniche e di arredamento: i grandi cerchi girevoli che consentono di creare spazi divisi per garantire maggiore intimit? ai vari gruppi di commensali, gli ampi tavoli rotondi, gli obl? che si aprono sulle pareti per permettere l?ingresso della luce naturale. Un ambiente elegante e rilassante che permette all?ospite di sentirsi in un luogo distante dalla brulicante attivit? della zona commerciale-industriale in cui ? localizzata la struttura.

Al timone della cucina ritroviamo il giovane e talentuoso Marco Stagi che, dopo un percorso professionale di altissimo livello in cucine prestigiose sia in Italia che all?estero, ? tornato nella sua citt? di origine proprio grazie al progetto ?della famiglia Agnelli conquistando 1 stella Michelin solo due anni dopo essere approdato al Bolle. ??

Il men? predisposto per la nostra tappa Ufficiale Roadshow Viaggiatore Gourmet 2023 ? un estratto della nuova carta del ristorante, l?XI ATTO, che siamo particolarmente curiosi e orgogliosi di assaggiare in anteprima!

La Squadra

In Sala

Restaurant Manager: Fulvia Rota

Ma?tre: Cristian Lavelli????????????????????????????????

Sommelier: Nicola Valsecchi

In Cucina

Chef: Marco Stagi

Sous Chef: Andrea Rota

Chef creative: Luca Belotti

Chef de partie antipasti: Antonio Rota

Chef de partie canap?: Tiecher Luca

Pastry Chef: Samuele De Bortoli

Si comincia… Piattoooo!

Ricordo di un viaggio sull?Etna?– Si parte con un soffice bun al vapore, dove il carbone vegetale usato nell?impasto richiama i colori della roccia vulcanica, che racchiude in un morso i sapori ed i colori della terra siciliana, dal pomodoro ai capperi alle olive.

Assortimento di amuse bouche

Se ?il buongiorno si vede dal mattino? la strepitosa sequenza di amuse bouche freddi che ci vengono serviti ? il preludio ad un pranzo che si prospetta di livello decisamente notevole!

  • Meringa al limone, yogurt, senape, carota e sedano: una partenza in freschezza.
  • Tartelletta tonnata, cipolla, capperi e origano: una combinazione molto mediterranea.
  • Conetto croccante caesar salad: tutti gli ingredienti e i sapori dell?iconica insalata ?Made in USA? concentrati in un croccante cono di pasta.
  • Bign? alle erbe, liquirizia e limone.
  • Cocktail del farmacista: uno shot di vermouth racchiuso in una sfera di gelatina da far esplodere in bocca.

Il Pastry Chef Samuele De Bortoli al taglio della focaccia appena sfornata!!!

Anche lo chef Marco Stagi ? impegnato personalmente nel servizio del pane…e degli accompagnamenti!

Il servizio del pane ? un momento di questo pranzo difficile da dimenticare! Ci viene servito e presentato direttamente dallo Chef e dal giovane Pastry Chef Samuele De Bortoli che ? l?artefice di una serie di prodotti di elevato livello qualitativo e gustativo. Come esplicitato anche nell?introduzione al men? del ristorante ?il pane non ? solo al centro della nostra tavola, ma resta la centralit? del nostro progetto, incarnando il nostro modo unico di dare il benvenuto e di accompagnare ogni ospite in un’esperienza indimenticabile?. E le promesse sono ampiamente mantenute?

Il pane ? una pagnotta ai 5 cereali realizzata con lievito madre e malto d?orzo tostato, con un?idratazione dell?80% che contribuisce ad ottenere morbidezza della mollica e alveoli ampi.

La focaccia, anch?essa ad alta idratazione e con lievito madre, con un impasto arricchito e profumato con semi di finocchietto viene servita con una salsa di pomodori grigliati. Veramente difficile smettere di mangiarne, specialmente appena servita, ancora calda e fragrante!

Per finire dei grissini al grano arso e polvere di cipollotto.

A rendere il tutto ancora pi? goloso, viene servita a tutti i commensali una generosa quenelle di Burro Bergamo, un burro dedicato alla citt? che, insieme a Brescia, ? Capitale Italiana della Cultura 2023.

Altra opzione di accompagnamento ? l?olio biologico extravergine 46?parallelo del ?Frantoio di Riva del Garda, un blend di diverse variet? di olive, prevalentemente Casaliva, dal gusto fruttato medio con note fresche, che richiamano l?erba appena tagliata.

Primo piano di questa focaccia Clamorosa !!!

Lattuga ai carboni caramello di pomodoro e salsa Oro

Il percorso di degustazione prosegue con la lattuga ai carboni con caramello di pomodoro e salsa Oro, una rivisitazione dell?insalata mista decisamente originale e gustosa, un esempio della maestria dello chef nel trattare i vegetali con tecnica e creativit?. Il cuore di lattuga ? grigliato, mantenendolo croccante, sui carboni che rilasciano una piacevole nota affumicata, adagiato su una salsa a base di pomodoro e finito con caramello di pomodoro e quinoa soffiata; un piatto in cui dolcezza e acidit?, morbidezza e croccantezza trovano un ottimo bilanciamento.

Tsarine ? Champagne Mill?sime 2018 Brut

Tsarine Champagne, il Mill?sime 2018 Brut delle casa di Reims. Realizzato con un uvaggio di 38% di Chardonnay, 35% di Pinot Noir e 27% di Pinot Meunier, matura sui lieviti per almeno 60 mesi. Dal colore leggermente dorato, al naso rivela profumi di fiori bianchi, uva passita. e. brioche con note speziate. In bocca risulta morbido e delicato con aromi di agrumi e mandorle ed un finale lungo e minerale.

Cardoncello alla brace, ostriche affumicate e crema ai pinoli tostati

Terra e mare nell?antipasto che segue dove il cardoncello, scottato sulla brace brevemente per mantenerne la carnosa consistenza, ? co-protagonista del piatto insieme all?ostrica che invece ? leggermente affumicata senza coprirne il gusto salmastro. Il tutto accompagnato da una crema ai pinoli tostati che conferisce al piatto una nota dolce e grassa al tempo stesso.

Panna cotta all?aringa e cima di rapa

Terminiamo la sequenza di antipasti con la panna cotta all?aringa e cime di rapa, un piatto in cui i sapori intensi e decisi dell?aringa salata, con il suo gusto deciso e la sua forte sapidit?, e delle cime di rapa, piacevolmente amarognole, si legano e si bilanciano grazie alla naturale dolcezza della panna, ingrediente di base del piccolo budino. Pinoli tostati, nascosti al centro della composizione, conferiscono un?inattesa croccantezza e un?ulteriore nota dolce al piatto. ???

Tenuta Sarno 1860 ? Fiano d?Avellino DOCG Riserva ERRE 2018

Passiamo all?assaggio di un?ottima espressione di Fiano di Avellino, prodotto dalla Tenuta Sarno 1860, un?azienda che fin dalla fondazione nel 2004 si ? dedicata alla valorizzazione di questo vitigno autoctono dell?Irpinia; la scelta aziendale di fondo ? stata infatti quella di impiantare in un unico sito, posto a 630 metri di altitudine sulla collina di Candida ed esposto a sud-est, esclusivamente viti di fiano, i cui frutti vengono successivamente vinificati declinandoli in differenti stili. Noi abbiamo assaggiato il Riserva, per il quale le uve sono fermentate in acciaio, a temperatura controllata, con lieviti selezionati neutri; il vino affina successivamente in acciaio per 26 mesi sulle fecce fini e per 3 mesi in bottiglia prima di essere immesso sul mercato. Al naso offre note agrumate, floreali e fruttate, con una nota finale di nocciola tostata. Al palato risulta intenso, molto fresco e complesso.

Risotto al Pomo d?Oro

Passiamo ai primi piatti con un signature dish dello chef, in carta fin dai suoi esordi alla guida del ristorante, il Risotto al Pomo d?Oro, il cui nome richiama sia l?oro del tegame in cui il piatto viene cucinato sia uno degli ingredienti principali, il pomodoro appunto, di cui vengono utilizzate diverse variet? impiegandone tutte le parti. Un piatto apparentemente semplice ma che in realt? lascia trasparire grande tecnica di esecuzione e rispetto per i sapori autentici delle materie prime utilizzate. Il riso, un Carnaroli invecchiato, viene cotto nell’acqua di differenti variet? di pomodoro e condito con un chutney leggermente piccante di datterino rosso e un gel di pomodoro e completato a tavola con una salsa di datterino giallo. Da mangiare rigorosamente con il cucchiaio, nel nostro caso di bamb?.

Pappardella ripiena ai funghi di stagione, astice confit e acetosella

Ancora funghi e crostacei in una combinazione molto raffinata e con richiami alla cucina francese pi? classica. Una sottile sfoglia di pasta all?uovo che racchiude un ripieno di funghi di stagione ? accompagnata da tenerissima polpa di astice confit e completata con un fondo a base del pregiato crostaceo ed una salsa all?acetosella che contrasta la dolcezza di fondo del piatto con una fresca nota erbacea ed agrumata.

Lingua ai peperoni arrosto e fonduta di caprino bergamasco

Assaggiamo ora un piatto che valorizza un taglio di bovino tradizionalmente considerato ?povero? ma che, adeguatamente preparato, pu? diventare un piatto assolutamente gourmet. La lingua, resa morbida da una prima cottura, viene grigliata ai ferri e glassata con una salsa di peperoni arrosto; il piatto ? completato al tavolo con una fonduta leggera di caprino bergamasco. ?

San Guglielmo ? Brunello di Montalcino DOCG 2017

In accompagnamento ai secondi ci viene servito un Brunello di Montalcino di una giovane e piccola azienda, la Cantina San Guglielmo, nata dal sogno di una famiglia, storicamente parte del Consorzio del Brunello di Montalcino, di produrre in proprio il prestigioso vino vanto dei colli senesi. Dai primi anni 2000 l?azienda coltiva un piccolo vigneto, posto sul versante ovest di Montalcino a circa 400 metri sul livello del mare e contornato da pura macchia mediterranea, partner indispensabile per l?equilibrio climatico di tutto il circondario. L?esordio sul mercato avviene nel 2019 con il Brunello DOCG 2016 e il Rosso di Montalcino DOC 2019. Noi abbiamo assaggiato il Brunello 2017, che si presenta nel bicchiere rosso rubino brillante, con intenso profumo di fiori rosa e di frutta rossa matura e note speziate; al palato ? corposo, strutturato, piacevolmente tannico e persistente. ????

Rana pescatrice, nocciola tostata e parmigiano affumicato

Tutta giocata sulla morbidezza questa rana pescatrice con nocciola tostata e parmigiano affumicato. Il filetto di pesce, reso quasi fondente da una perfetta tecnica di cottura, ? nappato con una salsa di nocciola tostata ed una crema al parmigiano affumicato.

A rendere ancora pi? golosa questa portata vengono servite in accompagnamento delle irresistibili brioche sfogliate di cui servirsi ad libitum.

Tenuta Bragagnolo ? Passione TRAMP

Prima di passare ai dessert, assaggiamo il vino di accompagnamento, un passito da uve Gew?rztraminer della Tenuta Bragagnolo, un?azienda vitivinicola che si ? specializzata nella produzione di vini passiti da uve aromatiche. I vigneti si trovano in Valle Bagnaria, tra le colline dell?Alto Monferrato dove tradizionalmente il Moscato e il Brachetto trovano un terroir ideale; a questi vitigni tradizionali di cui l?azienda possiede vigneti di oltre 50 anni di et? sono stati affiancate altre uve aromatiche, tra cui il Gew?rztraminer che produce questo vino dal colore ambrato, profumi intensi di frutta appassita, miele e un sorso caldo ma equilibrato ed elegante.

Crema alla vaniglia, granita uva fragola, spuma arachide salata e polvere di cappero

Un dessert molto originale con accostamenti creativi ed audaci di gusti, temperature e consistenze stratificate: a una dolce crema alla vaniglia segue una fresca e croccante granita di uva fragola, sovrastate da una ariosa e soffice spuma di arachide la cui sapidit?, unita a quella della polvere di capperi che completa il piatto, va? a bilanciare in contrasto la dolcezza degli altri elementi.

Grigliata di frutta

Pi? spinto sulla dolcezza il secondo dessert, una rivisitazione della macedonia in cui la frutta viene grigliata velocemente per non perdere la consistenza e servita ricoperta di piccole meringhe croccanti.

Arriva il momento immancabile nei Meeting Viaggiatore Gourmet, il Gin & Tonic!

Il Gin arriva dalla Galizia, sulla costa Atlantica al Nord della Spagna, ed ? prodotto da un?azienda, la Nord?s, che ha voluto dedicare il distillato al vento, il Nord?s appunto,?che annuncia l?arrivo del bel tempo nella regione. Si tratta di un gin molto aromatico, in cui la parte alcolica, derivante dall?autoctono Albarino, incorpora 11 aromatics tra erbe selvatiche galiziane e spezie provenienti da diverse parti del mondo.

Caff? e piccola pasticceria

Il caff? ? preparato con la selezione ?Difference Coffee? Yellow Bourbon 100% arabica.

In accompagnamento vengono servite alcune golosit? finali:

  • Crostatina al cacao e cioccolato caramellato: una sottile e fragrante frolla al cacao racchiude una suadente crema in cui il cioccolato fondente si sposa con le note dolci e al tempo stesso salate del caramello.
  • Madeleine al limone e vaniglia, ricetta storica Hof Van Cleve: i dolcetti tanto amati da Proust sono qui realizzati utilizzando la ricetta dello chef belga che ? stato maestro di Marco Stagi ? ed il risultato ? effettivamente particolarmente goloso!
  • Mandorle ricoperte di gianduja e cacao amaro.

Crostatina al cacao e cioccolato caramellato

Cucina

Una cucina moderna quella di Marco Stagi, sintetica ed essenziale, coerente anche con lo stile del ristorante nel suo complesso. Al tempo stesso una cucina molto tecnica da cui traspare, nonostante la sua giovane et?, il ricco bagaglio di esperienze maturate a fianco di grandi maestri a livello internazionale. Nei piatti si trovano quindi combinazioni audaci ma sempre equilibrate di sapori ed ingredienti, contrasti utilizzati in modo sapiente e bilanciato, ben dosate affumicature, una presenza rilevante ?di elementi vegetali, talvolta anche come protagonisti. Il tutto eseguito con perfetta maestria e grande attenzione ai sapori e alle consistenze delle materie prime impiegate. ? ??

Servizio e accoglienza

Ad accompagnare il cliente nell?esperienza culinaria troviamo in sala uno staff giovane e preparato, sempre coordinato e attento alle richieste dei clienti. Il servizio scorre fluido e ben cadenzato, con precise spiegazioni dei piatti, un impeccabile servizio del vino e alcune non scontate attenzioni al cliente. ? ?

Conclusioni

Un?esperienza decisamente appagante quella che si vive al Bolle Restaurant, dove l?ambiente elegante e moderno che accoglie il cliente appena varcato l?ingresso trasporta in una dimensione diversa da quella che ci si lascia alle spalle. Ed il viaggio continua a tavola, con i piatti originali dello chef, che si possono scegliere dalla carta stagionale oppure affidandosi a uno dei due percorsi di degustazione proposti: il primo ?La nostra storia – i nostri piatti pi? celebri in 6 passaggi? per assaggiare le creazioni pi? iconiche dello chef, il secondo ?Salto nel vuoto! – 8 passaggi completamente inediti? per gli amanti della sperimentazione. Il tutto accompagnato da vini di una ricca carta con etichette nazionali ed internazionali, selezionate dal bravo sommelier Nicola Valsecchi sempre pronto a suggerire abbinamenti legati sia ai piatti scelti che ai gusti dei clienti.

In conclusione, Bolle si conferma un solido progetto di ristorazione che in pochi anni dall?inaugurazione ha gi? fatto molta strada affermandosi tra i migliori locali della scena italiana; e sicuramente ha tutte le carte per procedere in un percorso di crescita che ci far? grande piacere seguire nei mesi e negli anni a venire!??

 

Informazioni – ?Bolle Restaurant 1 Stella Michelin

Via Provinciale, 30, 24040 Lallio ? Bergamo (BG)

?Tel. +39 035 0900208

?Mail. info@bollerestaurant.com

Sito web. http://bollerestaurant.com

ORARI

Dal marted? al sabato (dalle 12.30 alle 15.00/19.00 alle 22.00)

Giorni di chiusura domenica e luned?

?

L'articolo BOLLE Restaurant – Meeting VG Roadshow Anteprima Men? XI Atto – Chef Marco Stagi – Lallio (BG) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[10/18/2023, 11:58] Due assaggi della domenica e si scopre che


Quando arriva domenica metto da parte qualche assaggio della festa, e riservo a quel giorno bevute che immagino pi? divertenti. Anche se come sempre quando apro una bottiglia di vino non so mai davvero cosa mi aspetta, come la scatola di cioccolatini di Forrest Gump. C'? un'idea di massima, spesso delle aspettative, che finiscono sempre per intralciare l'assaggio, o ti deludono o resti sorpreso, ma appunto non sai mai.

Ecco il Rosso di Montalcino 2022 di Tiezzi: produttore molto stimato per il lungo cursus honorum, per aver fatto cose grandiose col sangiovese a Montalcino su due piccoli vigneti, il Poggio Cerrino e Vigna Soccorso. Dunque mi aspettavo la sangiovesitudine e la montalcinit? (non saprei come dire meglio) in fondo a quel bicchiere. Aspettative molto soddisfatte: il Rosso subito ha un naso truculento di sangue e macelleria, poi si quieta piano verso il mentolato (un naso di erba aromatica, verde, direi) e il frutto. Bocca super salda, tannino davvero squillante, sorso dritto e verticale, come a dire di grande soddisfazione, nel complesso un vino che mi piace perch? non rinuncia al carattere ruvido e nello stesso tempo ? appagante, sul finale risulta confortevole a dispetto delle premesse e del quadro generale. Ma come ci riesce? Beh, ci riesce. Il genere di assaggio che vorrei rifare il giorno dopo.

 

E una retro etichetta non ce la vuoi mettere?


Nel relax del fine pranzo risento il Rum Millionario 15 Reserva Especial, solera, che viene dal Per?. Posso ripetere quel che ho detto l? per l?: non me lo ricordavo cos? buono. Assaggio che supera le aspettative quindi, perch? io guardo spesso al Rum (quello nello stile dolcione, perlomeno) come a una bevuta un po' appesantita dalla zuccherosit?, tant'? che il Rum migliore ? quello che riesce a maneggiare la botta mielosa alternandola ad altro - ma a cosa? Qui c'era in effetti un alcol pulito, l'invecchiamento col metodo solera lo ha asciugato, la bocca era sollecitata ma non stuccata di dolcezza lasciva. Caspita, mi dico da solo, bravo Millionario, bel lavoro. Ancora adesso non so come mai non lo ricordassi cos? bene, serviva proprio il ripasso della lezione.

Ora mi devo studiare qualcosa di nuovo per la prossima domenica, vediamo che mi invento.


TrackBack
[10/15/2023, 10:28] Ristorante I Carracci Head Chef Guglielmo Araldi ? Grand Hotel Majestic ?gi? Baglioni? Bologna (BO)

I Carracci ? il ristorante principale del Grand Hotel Majestic “gi? Baglioni” di Bologna, l?unico 5 stelle lusso della citt? emiliana, parte di ?The Leading Hotels of The World? dal 1990, che trova dimora in uno storico e prestigioso palazzo risalente al XVIII secolo. Il ristorante, che ha anche un ingresso dedicato alla clientela esterna, ? ospitato all?interno di un magnifico salone del ?500 il cui soffitto ? interamente decorato da meravigliosi affreschi della scuola dei fratelli Carracci, da cui il nome del locale, una tra le pi? alte espressioni della pittura cinquecentesca.?La sala ? elegante e molto curata, particolarmente adatta per pranzi e cene dalla calda e intima atmosfera.

Accanto al salone principale troviamo il Caf? Marinetti dove, in un ambiente dall?atmosfera retr? che riporta ai primi decenni del XX secolo, ? possibile gustare un drink o un aperitivo cos? come consumare un pranzo veloce scegliendo i piatti da una carta Bistrot dedicata. Il ristorante dispone inoltre di una storica cantina che, oltre a vantare circa 300 etichette provenienti da tutto il mondo, diventa anche ?L?Enoteca Morandi?, una esclusiva location dove vengono organizzate degustazioni di vini e cene con men? creati ad hoc per esaltare le antiche ricette della cucina tradizionale.

L’Executive Chef Guglielmo Araldi, coadiuvato dal Pastry Chef Vincenzo Digifico e dall’intera brigata, propone una cucina contemporanea e di ricerca che per? non perde mai di vista la tradizione gastronomica italiana, ed in particolare quella emiliana. Uno dei 3 men? degustazione disponibili nel servizio serale, intitolato ?La Dotta, la Grassa, la Rossa? ? appunto un omaggio a Bologna con piatti che reinterpretano in maniera creativa la tradizione del capoluogo emiliano. Accanto a questo ? possibile scegliere tra altri due percorsi, uno creativo ed uno vegetariano, chiamati rispettivamente ?Intrecci? e ?Ispirazione Vegetale?, oltre che attingere da un men? alla carta di impronta fine-dining; per il pranzo sono proposti una carta ed un degustazione con preparazioni pi? classiche. Molto interessante la selezione di olii extra-vergine di oliva proposti in degustazione e in abbinamento ai piatti, che ? anche possibile acquistare. ? ?

La Squadra

In Sala

Restaurant Manager: Alessio Arlotti

Ma?tre: Giordano De Lellis

Secondo Ma?tre: Alessio Campaniello

Sommelier: Daniele Montuori

Chef de rang: Stefano Gadducci e Suellen Santos

In Cucina

Head Chef: Guglielmo Araldi??

Sous Chef: Agostino Schettino

Pastry Chef: Vincenzo Digifico

 

La nostra suite in stile art dec?

Vista dalla camera da letto principale.

Il Bagno padronale.

Il Benvenuto personalizzato.

Un cocktail ?ready to drink? ci d? il benvenuto in camera?

? insieme a della frutta fresca, spremuta d?arancia e un angolo bar ben fornito.

Che terrazza CLAMOROSA!

La spaziosa terrazza con vista sui tetti di Bologna.

Puntuale Couverture serale.

Scendiamo al ?Caf? Marinetti? per l?aperitivo

Mitico Domenico!

Il barman ci prepara un cocktail per accompagnare gli stuzzichini.

Ci trasferiamo nella suggestiva sala del ristorante

Crescentina fritta bolognese con salame rosa e squacquerone di Romagna

L?elegante mise en place.

Per iniziare ci vengono serviti alcuni invitanti amouse bouche:

  • Finto peperoncino di pappa al pomodoro;
  • Tuile di Friggione Bolognese, accompagnata da gel di cipolla e gel di pomodoro;
  • Tartelletta,?gel di ibisco, mandorla e perlage di rapa rossa;
  • Estratto di lattuga romana con sfere di passion fruit;
  • Pomodorino ghiacciato e marinato con sorbetto al pomodoro?e?fragola?con caviale di?aceto balsamico.

Un assaggio di alcuni degli olii extra-vergine di oliva disponibili in carta ??

Le Battistelle ? Battistelle Soave Classico DOC

Ci viene servita un?etichetta di una piccola azienda a conduzione familiare situata a Brognoligo, nel cuore della zona di produzione del Soave Classico, e vocata alla valorizzazione dei vitigni autoctoni tradizionali. Le uve Garganega utilizzate per la produzione di questo Soave provengono da un vigneto, il Battistelle, impiantato su terreni di struttura basaltico-tufacea ricchi di micro-elementi, coltivati su ripidi terrazzamenti a pergola semplice; proprio per le sue caratteristiche peculiari di pendenza e di difficolt? di conduzione viene definito, anche in etichetta, un vigneto estremo, che regala per? un vino di grande piacevolezza, espressione del territorio in cui matura, con note minerali che accompagnano quelle di erbe aromatiche, fiori bianchi e agrumi tipiche invece del vitigno. ??

Assortimento di panificati fatti in casa:

  • Grissini stirati a mano con origano e sale Maldon;
  • Pane con farine?integrali locali al lievito madre;
  • Focaccia con pomodorini;

accompagnati da burro salato di Normandia.

Gambero rosso, passion fruit, mango, caviale

Iniziamo la degustazione con un fresco antipasto pensato per valorizzare il pregiato protagonista del piatto, il gambero rosso che viene servito crudo e al naturale accompagnato, in una bellissima composizione estetica, da un gel di passion fruit, mango marinato e caviale Asetra.?

Quasi Caprese?

A seguire una reinterpretazione dell?iconica insalata tricolore di pomodoro, mozzarella e basilico. Il piatto ? composto da ricotta montata, gelatina di pomodoro, neve di mozzarella, pomodorini marinati, mozzarella di bufala a cubetti e crumble croccante; il tutto viene coperto da una cialda di pane con polvere di pomodoro e basilico e accompagnato da un gazpacho di pomodoro servito a parte.

Federico Aldrovandi – Alto Vanto Bianco, 2002

Proseguiamo la degustazione al calice con un Pignoletto dei Colli Bolognesi, prodotto da una piccola cantina situata a Monteveglio, sulle colline a pochi chilometri da Bologna. Dal colore giallo paglierino, al naso ha note floreali ed agrumate, con sentori di pesca; al palato ? delicato, con una vena fresca e sapida.

Quaglia, mirtilli, soia e lattughino arrosto

Il successivo antipasto ? composto da una quaglia marinata alla soia e arrostita, accompagnata da lattughino arrosto, salsa di prezzemolo, gel di soia e crudit? di filetto. In una ciotola a parte viene servito un gyoza ripieno di stracotto di coscia di quaglia e brodo aromatizzato al tosazu, una tipica salsa giapponese composta da salsa di soia, mirin e aceto di riso. Piatto molto interessante, in cui le varie parti del piccolo volatile vengono presentate in preparazioni diverse con contaminazioni di ispirazione orientale. ??

Risotto ?Riserva San Massimo? mantecato al burro di bufala, emulsione di ricci di mare e pomodoro secco

Passiamo ai primi piatti con un risotto mantecato al burro di bufala, maionese ai ricci di mare e ricci di mare freschi, limone candito, su una base realizzata con un?battuto di pomodori secchi.

Tenuta delle Terre Nere Etna Rosso, 2021

Passiamo ad un rosso siciliano realizzato sulle pendici dell?Etna. Le uve di Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio che compongono questo vino provengono dai vigneti di propriet? della Tenuta delle Terre Nere che possono vantare, accanto a impianti molto giovani, la presenza di viti antichissime, di et? dai 50 ai 140 anni, piantate quindi a piede franco. Le piante sono radicate su terreni vulcanici e sono allevate ad alberello, come vuole la tradizione del luogo. Si presenta di color rubino con un profumo fruttato e dolce, con i sentori di frutta matura e note speziate. Al palato risulta equilibrato e fine, piacevolmente intenso e fresco.

Spaghetto ?Pastificio dei Campi?, ristretto di moscardino, plancton, olive taggiasche e basilico

Proseguiamo la nostra cena con degli spaghetti del ?Pastificio dei Campi?, azienda di Gragnano nota per l?impegno nell?implementazione di una filiera completamente italiana e tracciabile al 100%, che vengono mantecati con un ristretto di moscardini e completati con crumble di olive taggiasche, polvere di plancton e gel al basilico.

Bottone di faraona, spuma di peperone arrosto, Castelmagno e fondo alla Rossini

A seguire una pasta ripiena, un bottone di sfoglia all?uovo farcito con stracotto di faraona, tartufo nero, spuma di peperone e Castelmagno. Il piatto viene finito con un fondo alla Rossini, preparato con jus di faraona, foie gras sfumato al Sandeman e tartufo, e guarnito con lamelle di tartufo nero e striscioline di peperone.

Tenuta Santa Lucia ? Albana di Romagna ?Albarara Cru Artigianale? 2019

Il vino seguente ? prodotto dalla Tenuta Santa Lucia, un?azienda vinicola che ha sede a Mercato Saraceno, in provincia di Forli Cesena, ed ha come obiettivo quello di creare vini di qualit??, ottenuti secondo metodi naturali e in sintonia col territorio dove nascono. Per questo coltiva esclusivamente vitigni autoctoni – albana, famoso, centesimino e sangiovese ? seguendo i metodi biologico e biodinamico. Noi abbiamo assaggiato un Albana in purezza, le cui uve provengono dal vigneto ?Roversano?, posto a circa 400 metri sul livello del mare con un?ottima esposizione a sud-est che garantisce perfetta e completa maturazione dei grappoli. Di colore giallo paglierino con decisi riflessi dorati e ottima brillantezza, all?olfatto ? fine e molto intenso, con note fruttate, floreali e speziate. Il sapore ? ampio, rotondo e morbido, decisamente caldo con lunga persistenza e finale leggermente minerale.

Spigola, Bouillabaisse alla Paprika dolce, prezzemolo

Passando ai secondi, ci viene servito un trancio di spigola, servito con una salsa alla Bouillabaisse con paprika dolce, prezzemolo e aglio nero. La spigola viene infine coperta di fiori eduli, erbe aromatiche e finger lime, di cui ci viene servita un?altra piccola porzione in accompagnamento.

Melanzana, pomodoro e basilico

Un secondo tutto vegetale con la melanzana cotta nel ?Big Green Egg?, il barbeque in ceramica ispirato agli antichi forni asiatici in creta utilizzati gi? 3.000 anni fa e noti come kamado, affumicata e servita con salsa al basilico e ristretto di pomodoro e melanzane. Un piatto ricco e complesso che non fa certamente rimpiangere l?assenza di ingredienti di origine animale!

Agnello, variazione di scorzonera e cipolla rossa di Tropea

Terminiamo i piatti salati con un filetto di agnello cotto al rosa accompagnato da una variazione di scorzonera, cipolla rossa di Tropea marinata e in gel, polvere d?olio al rosmarino e scorzonera, bon bon di coscia di agnello fritto.

In abbinamento un calice di ?Pinot Nero Fortuni? dell?azienda toscana Podere Fortuni, che ha sede nel Mugello, sull?Appennino Tosco-emiliano, e si ? prodigata fin dalla sua fondazione, nel 2001, alla produzione di Pinot Nero, un vitigno prestigioso ma di produzione complicata, che trova in questo territorio il microclima ideale per la sua maturazione, grazie specialmente all?importante escursione termica giorno-notte che si verifica durante il periodo estivo. Noi abbiamo assaggiato il vino proveniente dal vigneto Fortuni, uno dei due che l?azienda dedica a questo vitigno; di colore rosso rubino intenso con riflessi brillanti, sprigiona profumi di frutti bosco con note balsamiche; al palato si rivela elegante con sentori fruttati e buona persistenza finale.

Come pre-dessert gustiamo una rinfrescante gelatina allo zenzero con granita alle caramelle Fisherman?s e spuma di finocchio e sambuca, che pulisce il palato e ci prepara a degustare i dolci che seguono.

Cantina di Termeno – Gew?rztraminer Terminum Vendemmia Tardiva 2015

Assaggiamo un calice di Gew?rztraminer Terminum Vendemmia Tardiva 2015 della Cantina di Termeno. ? ottenuto interamente da uve Gew?rztraminer, raccolte a mano alla fine di dicembre, dopo che i grappoli sono stati attaccati dalla “muffa nobile” Botrytis Cinerea, e poi riposte in piccoli contenitori. Dopo una macerazione di 12 ore e una leggera pressatura, la fermentazione avviene lenta in barriques per 6-9 mesi, dopo i quali il vino continua l?affinamento in barrique per altri 7 -10 mesi e poi in bottiglia per un minimo di 3 mesi. Di colore giallo dorato carico ha profumi intensi di pesca, albicocca, litchi, mango, buccia d? arancia, miele, giglio; al palato offre un gusto intenso di frutta gialla matura e burro caramellato, bilanciato da note fresche e minerali.

Timo limonato, bergamotto, basilico e lime

Cremoso al cioccolato bianco e lime, crema di avocado, gel al basilico e lime, yogurt greco, biscuit al timo, mela in osmosi al Saint-Germain, mousse ghiacciata al bergamotto, sorbetto di lemongrass e zenzero e obulato di vodka, limone e fiori eduli.

Ancora un vino da dessert, il Torcolato 2018 Maculan, proveniente dal Veneto ed in particolare da Breganze, un piccolo paese ai piedi dell?altopiano di Asiago. ?I grappoli accuratamente selezionati di uva vespaiola vengono appassiti nel fruttaio per 4 mesi prima di essere pressati; dopo la fermentazione l?affinamento continua in barriques di rovere francese per 1/3 nuove e per 2/3 di secondo passaggio. Giallo dorato brillante, al naso esprime un bouquet intenso, con note di miele, fiori e vaniglia. Al palato ? dolce e pieno, ma equilibrato tra acidit? e zuccheri, perfetto per accompagnare dolci e piccola pasticceria ma anche formaggi stagionati o erborinati.

Cremoso Moscovado e liquirizia

Ed infine gelato alla vaniglia, accompagnato da riduzione al Jack Daniel?s, cremoso al cioccolato biondo Orelys (un cioccolato prodotto dalla celebre azienda francesca Valrhona con note cremose di liquirizia e biscotto, realizzato con zucchero moscovado), crema montata al caramello salato, biscuit al cioccolato cotto a vapore, pralinato di nocciola e mandorle, crumble di cioccolato e sale, meringhette alla liquirizia, gelato alla vaniglia e moscovado, toffee al Jack Daniel?s. Un insieme di sapori e consistenze che chiude con dolce freschezza la nostra cena.

Caff? Segafredo Zanetti tostato in grani?

In accompagnamento al caff? viene servita una composizione di piccola pasticceria ispirata al quadro di Salvador Dal? ??Il viso di Mae West? (Il tuo viso ? un sogno che trasformer? in un soggiorno).

Il viso di Mae West ? il quadro simbolo del surrealismo di Dal?; grazie alla sua fantasia d? forma all?immagine di una stanza abitabile, con tanto di divano a forma di labbra e altri elementi d?arredo che, nell?insieme, ne riproducono il volto stesso (1935).

Nel piatto troviamo:

  • L?occhio, una mousse di Yuzu e lime;
  • Il naso, una mousse al cioccolato;
  • La bocca, una mousse ai frutti di bosco.

Uno scatto con il sous chef? Agostino Schettino, il ma?tre Alessio Campaniello?e il sommelier Daniele Montuori.

Rientriamo in camera.

La terrazza in notturna

Al mattino ci attende una ricca colazione allestita sulla splendida terrazza.

Uova al piatto, insieme ad una vasta selezione di dolci, viennoiseries, pane e confetture, frutta fresca; da bere spremute fresche e cappuccino.

Merenda ?!

Cucina

Un connubio di arte, storia ed alta cucina accoglie gli ospiti del ristorante ?I Carracci? dove l?Executive Chef Guglielmo Araldi, con una solida esperienza maturata in prestigiose cucine dello stivale, propone una cucina creativa e di ricerca in cui le tradizioni gastronomiche emiliane si arricchiscono e rinnovano attraverso l?introduzione di ingredienti e sapori mediterranei, compresi molti vegetali, e l?utilizzo di tecniche e strumenti moderni. A completare sia i percorsi degustazione che la carta, le originali dolci creazioni del pasticciere Vincenzo Digifico anch?egli approdato nella cucina del Carracci dopo svariate esperienze di rilievo, menzione speciale per il Sous Chef Agostino Schettino che ha condotto il nostro servizio. ? ?

Servizio e accoglienza

In una sala raffinata, sia negli arredi che nella mise en place, si respira un?atmosfera intima e raccolta garantita dalla presenza di un numero limitato di tavoli. Gli ospiti sono accolti da un team di sala, guidato dal Ma?tre Giordano De Lellis, preparato e attento a soddisfare le richieste con garbo e discrezione. ? ??

Conclusioni

Aperto sia agli ospiti dell?Hotel Majestic che ai clienti esterni, il ristorante ?I Carracci? offre una proposta gastronomica in grado di soddisfare pienamente le esigenze di numerose categorie di visitatori, da coloro che ricercano un?esperienza di fine-dining a chi pranza per lavoro ma non rinuncia alla cucina di classe, senza dimenticare n? gli amanti della tradizione emiliana e dei suoi piatti caratteristici n? chi invece predilige una cucina vegetariana. ???

 

Ristorante I Carracci – ?Grand Hotel Majestic “gi? Baglioni”

The Leading Hotels of the World

Via Manzoni 2, 40121 Bologna

Tel. (+39) 051 225445

E-mail. ristorazionecarracci@duetorrihotels.com

Sito Web. https://grandhotelmajestic.duetorrihotels.com

Orari. Aperto tutti i giorni 12:30 ? 14:30 / 19:30 ? 22:30

L'articolo Ristorante I Carracci Head Chef Guglielmo Araldi – Grand Hotel Majestic “gi? Baglioni” Bologna (BO) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[10/11/2023, 16:11] Ristorante Tre Olivi Chef Giovanni Solofra ? Savoy Beach Hotel Paestum (SA)

Ci troviamo a Paestum, al centro della Piana del Sele, nel ristorante Tre Olivi, il salotto gourmet all’interno del Savoy Beach Hotel. Lo stile ? mediterraneo, con un’eleganza senza tempo e dalla bellezza sospesa tra mille pagine di storia. Ci troviamo, infatti, nella patria di Parmenide e Zenone, dove ? nato il pensiero filosofico occidentale, basato anche sull?importanza del mangiar bene per stare bene, mentalmente e fisicamente. In cucina troviamo l’executive chef Giovanni Solofra, con l’obiettivo di offrire ai commensali un?esperienza immersiva all?interno dei colori e profumi del Mediterraneo, che si iniziano a vivere gi? a partire dagli arredi, realizzati interamente in legno d?ulivo, l?albero simbolo della dieta Mediterranea. Tre Olivi nasce come tributo al Cilento, un luogo unico per i cultori dell?eccellenza culinaria, in cui la tecnica viene messa in pratica con estremo rigore, per esaltare ingredienti di prossimit?, con a volte l’aggiunta di preziose materie prime provenienti da terre lontane.

La squadra

Executive Chef Giovanni Solofra?
Head chef e sous chef Roberta Merolli?
Junior Sous Chef Alessandro Sardelli
Direttore di Sala Giuseppe di Franca

Ci accomodiamo al tavolo, mise en place essenziale ed elegante

Iniziamo con i famosi stuzzichini iniziali Canape: 5 bocconi che raccontano la storia agricola della piana del Sele.

Pannocchia: tacos di mais, mais abbrustolito, burro di mais, tartare di tonno, ceviche e cipolla in carpione.

Che accompagnamo con un calice di Champagne Blanc de Blancs Brut – Tsarine

Di colore oro pallido, dall’effervescenza fine e delicata. Al naso ? estremamente fine con aromi di fiori di tiglio e biancospino accompagnati da note pi? vivaci di limone candito. Il palato ? fedele al naso ed ? vivace e setoso con aromi di ananas, pera e agrumi canditi. Il finale ? leggermente speziato e salato.

  • La nostra bufala: (Fake) mozzarellina di mandorla affumicata al tabacco e latte di mandorla.
  • Ultima IGP: rucola, tartar di manzo e crumble di grana, come una tagliata rucola e grana.
  • Cirio: datterino rosso e giallo, pomodorino confit, concasse, succo di pomodoro e meringa di acqua di pomodoro ghiacciato, omaggio alla produzione di pomodoro.

Fior di Fragola: fragola nature, granita di fragole, gel di limone, limone azotato, menta e mix di pepi,
omaggio alla produzione di fragole destinate alla produzione di gelati.

Arriva in sala il carrello del pane, che nasce da una stretta collaborazione con Monte Frumentario, il mulino della cooperativa sociale Terra di Resilienza che ogni giorno rifornisce il ristorante di farine macinate a pietra da grani autoctoni cilentani.
La cooperativa ha il merito di aver portato alla luce le antiche variet? di grani del Cilento e le relative tecniche di coltivazione, riuscendo anche a creare un inizio di rivoluzione culturale che risponde a logiche di sostenibilit? sociale. L?incontro tra queste farine e la sapienza panificatrice di Roberta Merolli ha portato alla nascita di pani dai profumi dimenticati, cos? autentici e veri che rimandano a ricordi ed esperienze che non esistono pi?.

Trovare dei pani di questa fattura, con l?utilizzo di farine antiche, ? davvero difficile. La ferratella, tipica cialda dolce abruzzese, viene lavorata con farina monococco, pomodoro e origano. Taralli e grissini, preparati con un misto di grani cilentani, ricordano quelli napoletani. La baguette ? preparata con farine integrali. La focaccia con acqua di pomodoro, ed ha il sapore della pizza. La ciabatta con farina di semola. La pagnottella a lievitazione naturale. La brioche con il tuppo con impasto semi dolce, ? fantastica. In accompagnamento tre intingoli, con una menzione speciale per la melanzana e melograno e l?humus di ceci.

Iniziamo ad addentrarci nel menu con il primo piatto: Le Tre Olive

  • Nera: insalata mediterranea incamiciata in nero di seppia.
  • Grigia: peperoni croccanti e olive, incamiciati in burro di cacao.
  • Verde: essenza di oliva verde.

A Pan e Puparuole: Foie gras in tutte le sue declinazioni, torcione, mousse, polvere di grasso,
riduzione al rotavapor di salsa di peperoni.

Belle ?e ?ammere! Scarola riccia p? ?a ?nzalata: gambero gobbetto, ricci di mare, insalata di fiori e
scarola, perle di gazpacho bianco, e scarola liquida.

Passiamo ora allo Champagne Cuv?e Orium – Tsarine

Di colore oro ramato, con bollicine fini e delicate. Si esprime al naso con fiori bianchi e frutti carnosi, una tavolozza aromatica ricca e varia, il sorso ? rotondo in perfetto equilibrio tra finezza e ricchezza. Il finale ? persistente e tonico.

In abbinamento con ? A capa d??o purpo! Il te dei Napoletani, il brodo di polpo che viene venduto al mercato di Napoli. Spaghetti di farro monococco, spaghetti vegetali, tentacoli di moscardino, uovo di quaglia poch? e brodo di polpo aromatizzato allo zenzero.

?A pizza cu ?alice! Risotto mantecato con acqua di pomodoro, aglio, origano, colatura di alici di Menaica, alici di Menaica marinate ?cornicione gusto pizza?.

Ci stupiamo e divertiamo ora con il sorbetto al limone: spuma di patate, calamaretti spillo.

? Al pepe verde: fungo cardoncello della piana del Sele, crema di mandorla, fondo vegetale, mix di
pepi, l?illusione di mangiare un filetto al pepe verde vegetariano.

Stappiamo Alphonse Mellot Chardonnay 2017 – Les P?nitents?

Di colore giallo intenso con riflessi dorati, al naso risulta espressivo con bella intensit? aromatica con sentori di agrumi e frutta esotica. Il sorso ? fine ed equilibrato con note di limone e un finale delizioso e lungo.

Che accompagna molto bene i sapori della prossima portata: Na bona Marenna!: Agnello di Laticauda ?Irpinia? maionese di salsiccia e friarielli, fondo bruno, agnello cotto in wrap di pasta brick e friarielli, omaggio alla colazione napoletana, pane, salsiccia e friarielli.

Ci spostiamo nel dehor.

Per sorseggiare Passione Strevi 2009 – Bragagnolo Vini Passiti

Di colore ramato, ? un vino che?risulta piacevolmente denso e strutturato, al naso gli aromi sono molteplici e ricordano sempre fiori e frutta gialla sciroppata, il sorso esalta come dolcezza ed acidit? risultino ben bilanciate.

Presentosa: mousse di liquirizia, fico bianco del Cilento, sorbetto al limone di Sorrento, cialda allo zafferano. Un gioiello della tradizione abruzzese ? l?ispirazione per un dessert che utilizza gemme di zafferano, l?oro rosso di Abruzzo. Cialda allo zafferano su cremoso alla liquirizia, purea di fichi bianchi del Cilento e sorbetto al limone.

Lat(T)e Future: l? evoluzione del primo ricordo legato alla colazione, quando per la prima volta viene concessa una goccia di caffe nel latte e il pane abbrustolito viene inzuppato come un biscotto. Meringa di latte, spuma di latte, biscotto al pane, spugna di pane bruciato, gelato all? infuso di caffe e caffe espresso.

Momento gin tonic! Con Gin Engine & FeverTree

Arriva il carrello dolci con: ferratelle abbruzzesi, torta Caprese alle nocciole di Giffoni, e Bab??servite con crema pasticcera e marmellata d? uva Home Made.

Torroni:

  • Gianduia al latte e Mandorla d? Avola
  • Gianduia fondente e Nocciole di Giffoni
  • Cioccolato soffiato allo Yuzu

Ed ora si gioca con i Petit Four: Mashmellow Pastiera, Gelatina di Fichi e Limone, Fette biscottate con Nutella, Torta di Mele scomposta, Violetta cristallizzata, Macaron alla Nocciola di Giffoni, tre sorbettini: Limone, Ciliegia e Lampone.

Uno scatto con Giovanni e Roberta!

Un grande grazie a tutti e…alla prossima!

Cucina

Giovanni Solofra e sua moglie e collega Roberta Merolli dimostrano la voglia di riscrivere una storia gastronomica di un territorio estremamente legato alle proprie tradizioni. Lo fanno con eleganza, senza scadere nel folklore, usando grande tecnica e buona ironia. Usando ingredienti locali di altissima qualit?, servono i piatti con uno storytelling avvincente e puntano sulla leggerezza e sulla bont?, vincendo a mani basse.

Servizio e accoglienza

Tre Olivi ? un luogo da vivere e frequentare, dove incontrarsi, condividere, parlare e mangiare. L?ambiente gioca un ruolo da protagonista, permette di entrare in un’atmosfera di relax e di vivere a pieno l’esperienza a tavola. Il servizio ? cordiale e puntuale, non ti faranno mancare nulla!

Conclusione

Il Tre Olivi a Paestum ? un?idea prima di essere un ristorante. Un connubio ideale tra il concetto di perfezione espresso dal numero tre e l?ulivo, la pianta considerata sacra da gli antichi greci. E’ un luogo in cui si respira Mediterraneo a partire dalla scelta degli arredi, realizzati interamente in legno d?ulivo, ai piatti serviti, al gioco di luci e all’atmosfera. Un ristorante in cui vivere emozionanti esperienze di gusto, da ripetere e da raccontare agli altri.

 

Viaggiatore Gourmet

Tre Olivi

Via Poseidonia 41, Paestum
Tel: +39 0828 720023
Giorni di chiusura: luned? e marted?

L'articolo Ristorante Tre Olivi Chef Giovanni Solofra – Savoy Beach Hotel Paestum (SA) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[10/10/2023, 13:41] Ristorante Rubacuori dell?Hotel Ch?teau Monfort Chef Domenico Mozzillo ? Milano (MI)

Ci troviamo nel cuore di Milano, nell’affasciante Hotel Ch?teau Monfort, dove poter gustare la cucina dello chef Domenico Mozzillo al ristorante Rubacuori.?Un luogo fiabesco, in stile liberty di inizio 1900, dalle atmosfere neoromantiche?fairy tales che fanno da cornice alla cucina del laboratorio. Ogni sala ? una poesia: tre spazi differenti che trasformano in scenografia la sala da pranzo; potrete accomodarvi in un accogliente salotto, ricco di arredi colorati, o in un elegante club inglese ridisegnato con ironia, perfetto per la tua pausa di met? giornata o un incontro di lavoro. Perch? no, anche colazioni golose, un pranzo veloce e gustoso, una ricca cena o un rilassante dopocena con i drink del bar. L?Executive Chef Mozzillo sceglie le migliori materie prime italiane, per valorizzare i piatti della tradizione ed esaltare le ricette tipiche milanesi con prodotti a km 0, biologici e regionali.

La squadra

Staff di cucina

Domenico Mozzillo, Executive chef
Pablo Lincango, Junior Sous Chef
Stefano Ruiu, Junior Sous Chef
Ignacio Stoppani, Capopartita Primi
Simone Adami, Capopartita Secondi
Stefano Mandelli, Capopartita Antipasti
Mary Anne Sanchez, Commis
Pietro Ballabio, Commis

Staff di sala

Simona Elia, Restaurant Manager
Manuel Sfari, Sommellier
Mihai Dragan, Chef De Rang
Luigi Lillo, Barman

 

Ognuna delle?77 camere e suite dello Ch?teau Monfort?suggerisce un?atmosfera da sogno, una dimensione fiabesca che gioca con i ricordi dei viaggiatori di tutte le et?. Gli interni delle camere sono personalizzati con oggetti e arredi su misura che nascono dall?estro di abili mani artigiane. Un ambiente dal forte impatto emotivo, che disegna splendidi quadri a cielo aperto irradiati, di giorno, di abbondante luce naturale.

Il benvenuto in camera…

E in ogni fiaba che si rispetti, prima o poi si assaggia.

Ci accomodiamo al bar con due cocktail:

  • Bottega: Vodka, midori,lime e zucchero di canna
  • 18:30: Fernet branca, antica formula, bulleit bourbon

In accompagnamento tre fingers divertenti:

  • lisca di parmigiano, burro e alici
  • crocchetta di osso buco
  • tartelletta alle ollive con baccal? mantecato e crumble di oliva

L’angolo degli specchi

Il nostro tavolo e la mise en place

Diamo inizio alle danze con un Franciacorta Brut DOCG – Lantieri

Di colore giallo paglierino all?occhio, con riflessi dorati e con perlage fine e persistente. Il naso si sviluppa su sentori minerali e su toni fruttati di ananas e limone, per poi percepire note di lievito e di pane grigliato. Il sorso dimostra di essere ben articolato, profondo e sapido, coerente con l?olfatto e di ottima lunghezza.

Come amuse bouche, proviamo FUNGO: cremoso di castagne e mozzarella di bufala

E a seguire CAROTA: tartare, crumble di cioccolato e maionese alla senape.

Pane, burro e olio

Assaggiamo Platis Falanghina – Posta Faugno, Agricoltura Bio Musicale

In abbinamento a INVOLTINO: rivisitazione della braciola napoletana, abbiamo un carpaccio marinato, insalatina di scarola all?interno, sopra un cremoso al parmigiano, ristretto di rag? e crumble di pinoli.

CAPASANTA: rapa bianca e rossa, crema di barbabietola, tuorlo d?uovo e terriccio di nocciole

Proviamo ora Nuragus di Cagliari DOC – Antonella corda

Questo?Nuragus?esprime le due anime della Sardegna, la terra ed il mare. Tra i suoi profumi spiccano la?frutta d?autunno?come la pera e la mela, accompagnati da una?nota di salsedine marina. E? un vino fresco ed equilibrato che si contraddistingue per la caratteristica sapidit?.?Si abbina egregiamente con le crudit? di mare, soprattutto con le ostriche.

In splendido matrimonio con il RIGATONE ALLA LUCIANA: rivisitazione della ricetta classica polipetti alla Luciana. Sugo di polipetti, aria al pepe, olio al prezzemolo e olive disidratate.

A seguire RAVIOLO di manzo, spuma di pecorino, finferli e pioppini in olio cottura lamella di champignon a crudo.

Passiamo al rosso con San Colombano DOC Riserva ?Vigna Roverone? ? Nettare dei Santi

Brilla nel bicchiere col suo rosso rubino intenso. Il naso ? intenso, con note di piccoli frutti del bosco e marasca matura accompagnati da una leggera sensazione vanigliata. Il sorso ha un gusto deciso, austero, ma allo stesso tempo morbido e suadente, di ottima struttura e tannino equilibrato.

In abbinamento con AGNELLO: spalla di agnello in crosta di erbe, insalatina di scarola fresca e patate.

E una deliziosa TRIGLIA: sotto lo scoglio, una triglia di scoglio, latte di mandorla e chips di riso, salicornia e pomodorini, a terminare il suo ristretto.

A seguire BACCALA crema di topinambur, zucca candita e anacardi.

Che abbianiamo a due etichette della cantina Livio Felluga: Vertigo e Sharis

E ora ci divertiamo con la ZUCCA: omaggio al presidio slow food con un cremoso di zucca e stracchino delle Valli Orobiche e crumble di amaretti

Passiamo ora al lato dolce, iniziamo con Vino Passito bianco di Verdea Solitaire 2018 – Nettare dei santi

Si presenta con un colore giallo oro consistente, il profumo ? ampio, avvolgente, ricco di albicocca appassita ed in confettura, chinotto, miele d?acacia. Intensamente fruttato, sapore pieno, rotondo e vellutato con sensazioni di frutta matura, confettura, miele d?acacia. Persistente, buona acidit? e morbidezza.

BABA un cremoso di cioccolato bianco che diventa un bab? con crema al rhum

In accompagnamento due cocktail:

  • Rossana: Bombay gin, estratto di pera caramellata, southern confort, sciroppo di zucchero
  • Unix: Rum, Italicus, frutto della passione, sicilian lemonade

PERA: cremoso di ricotta alla liquirizia, pere in osmosi sentori di liquirizia e un estratto di pera a terminare.

Per concludere caff? e piccola pasticceria:

  • MACARONS fatti in casa con crema
  • Finta OLIVA DI MANGO cremoso al mango
  • GELATINA FRUTTA mista
  • TARTELLETA TIRAMISU cremoso al mascarpone e crumble al cioccolato
  • CIOCCOLATINO CAFE? cioccolato fondente e ganasce al caff?

Come after dinner puntiamo al Gin Ballor con tonica fever tree india aromatizzato al timo e zest di limone.

Una fiaba per grandi e piccini…

Beh che dire! Grazie di cuore e…alla prossima!!!

Cucina

Una cucina che rivisita in chiave moderna le prelibatezze classiche italiane, con un occhio di riguardo ai prodotti nostrani. Le parole chiave dello chef Domenico sono gusto, creativit? e colore. Oltre alle cene sontuose la cucina offre una colazione unica, tra pareti damascate e dettagli divertenti, come in una danza di piatti che corre sulle pareti, le file di tazze e teiere che si trasformano in piccole lampade, i particolari che evocano il meraviglioso Paese di Alice e del Cappellaio Matto,? per un’esperienza indimenticabile.

Accoglienza e servizio

Specchi vittoriani, tavolini rotondi di color oro e ampie vetrate saranno la cornice perfetta per un?incantevole cena. Le comode poltrone e i divanetti in velluto renderanno l’esperienza ancora pi? confortevole, grazie anche alle cure e attenzioni dello staff di sala che vi accompagner? con gentilezza e garbo in questo viaggio. Per gli appassionati di vino c’? anche un?antica cantina per le tue degustazioni, sotto un bellissimo soffitto a volta in mattoni rossi. A dare il benvenuto un grande tavolo in rovere massiccio e, proprio di fronte alla cancellata d?ingresso, un pezzo originale di fine Ottocento: la statua di Bacco, da cui zampilla il vino.

Conclusione

Il ristorante?Rubacuori?? proprio un luogo magico. La cucina ? un perfetto connubio tra i sapori tradizionali e la loro interpretazione contemporanea, non potete fare altro che provarla.

Viaggiatore Gourmet

Ristorante Rubacuori

Corso Concordia, 1 Milano
Tel. +39 02 77676708
Mail: fb@hotelchateaumonfort.com
Sito web: www.hotelchateaumonfort.com
Aperti a pranzo dalle 12.30 alle 14.30, a cena dalle 19.30 alle 22.00

L'articolo Ristorante Rubacuori dell’Hotel Ch?teau Monfort Chef Domenico Mozzillo – Milano (MI) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[10/10/2023, 10:05] Brut Tradition Vorin-Jumel. Le basi, proprio

Qualche considerazione dopo l'assaggio del nuovo Champagne Brut Tradition di Voirin-Jumel. Nuovo in quanto c'? stato un piccolo cambiamento nelle percentuali delle uve dell'assemblaggio, ora predomina il pinot nero col 61%, il restante ? chardonnay. Fino a un paio d'anni fa era cinquanta-e-cinquanta. Essendo arrivato fresco fresco, potevo esimermi dall'assaggiare subito, curioso come sono? Non potevo. 

Direttamente dalla mia galleria personale

Quindi ecco: il pinot nero prevale quanto basta, senza strafare, cio? non esagera in potenza ma fa il suo bel lavoro, conferisce una certa fierezza. Lo chardonnay segue a ruota, in secondo piano ma certo non dimesso, col suo corredo di crema pasticcera, insomma un po' di delicatesse che serve a completare il quadro. La retro etichetta ? del genere parecchio esplicativo, ci tiene a dire tra l'altro che la cuv?e in questione ? essenzialmente figlia della vendemmia 2020, e fa bene siccome ? una bellissima annata, col tradizionale saldo di vini di riserva.

Questo ? il genere di Champagne-base che praticamente ogni maison ha nel suo listino, in un certo senso ? il vino che rappresenta lo stile e le capacit? appunto basiche di chi produce. Per me i brut tradition (spesso si chiamano tutti cos?) sono assai significativi, perch? definiscono la champagnitudine (esiste 'sta parola? Boh) in maniera essenziale: eccolo qui, lo Champagne. Un po' come quando metti alla prova lo chef chiedendogli di fare la pasta al burro: vediamo un po' quanto sei bravo. E succede che quello ti stupisce tirando fuori un gran piatto, fatto di semplici materie prime di alto livello, e classe nell'esecuzione.


La retro in tutta la sua dettagliata spiegazione

Ma questo brut tradition, si diceva: bello e godevole, profuma di agrume e pan brioche, in bocca ha la vena salata tipica del genere, con quel dosaggio zuccherino che non ? n? poco n? tanto, ma ? in grado di sedurre le masse. Nuovamente, questa ? la missione delle cuv?e basiche, essere facili senza tradire la verve della tipologia. E farsi bere con volutt?. Il tradition di Voirin non mi delude nemmeno stavolta col piccolo cambiamento nel dosaggio. Ce ne sono tanti come lui, ma questo ? il mio. In quanto scelto da me.

TrackBack
[10/09/2023, 09:35] Caff? La Crepa ? Premiate Trattorie Italiane ? Famiglia Malinverno ? Isola Dovarese (CR)

Affacciato sulla scenografica e rinascimentale Piazza Matteotti, Caff? La Crepa, della?famiglia Malinverno, ? quel posto del cuore e dei sensi che vanta una cucina come patrimonio culturale, che attualizza il passato, rendendolo vivo e presente in continuazione. Si caratterizza per la ricerca dei migliori prodotti del territorio, che si trasformano in ricette tradizionali, piene di gusto e di sapori. Un viaggio nel tempo attraverso la tradizione, e se volete portarvi a casa un ricordo dell’esperienza prima di andarvene fermatevi alla bottega con rivendita!

La squadra

Federico Malinverno: owner, maitre e sommelier
Nicol? Bertuzzi: commis di Sala
Vittorio e Matteo: sous-chef
Andrea: chef capo partita
Andreina: commis di cucina
Laura: sfoglina

Iniziamo con l’aperitivo: Metodo Classico Extra Brut 2017 – Baglio Del Cristo Di Campobello?

Un vino bilanciato e fresco, che nasce da uve Grillo di cui conserva bene le propriet? organolettiche e le trasferisce nel calice. Regala ai sensi una piacevole esperienza gustativa, alla quale fa da sfondo la ricchezza del terroir di Campobello di Licata (AG), suo territorio d?origine.

Antipasto LA CREPA: i migliori salumi selezionati da Franco, serviti con giardiniera.

Partiamo con una bella batteria di antipasti. Lumache nostrane alla moda di Borgogna: una ?Bourguignonne all’Italiana? dove le lumache (mantovane) vengono preparate e condite con burro, scalogno e prezzemolo. Un guscio di pasta le racchiude donandole un sapore unico e uno stile inimitabile.

Baccal?!

Proseguiamo con Metodo Classico Ros? Extra Brut 2017 – Baglio Del Cristo Di Campobello?

Di color buccia di cipolla chiaro, si presenta al naso con profumi fragranti di petali di rosa, lampone, melograno e amarena. Piacevolmente fresco e acido al sorso grazie al dosaggio zuccherino minimo. Lungo nel finale e persistente.

Abbinato al Foie Gras en terrine Terrine de foie gras: trancio di fegato grasso cotto in terrina e servito con pan brioche caldo. Non ? fegato, ? foie gras!

Passiamo ora ai tortelli di zucca, un classico della bassa cremonese, quella che guarda verso Mantova e le terre gonzaghesche. La sfoglia all’uovo, tirata a mano, racchiude un ripieno di zucca, mostarda di mele, polvere di amaretti e noce moscata. Conditi con burro e salvia.

Ed ora riso all’onda con la nostra ?finanziera?. La speciale mantecatura rende questo piatto leggero e il sapore della ?finanziera? dona un tocco gustoso e ricercato.

Ora un calice di Metodo Classico Rosato Dosaggio Zero ?Jefferson? 2018 – Conterno Giacomo Nervi

Caratterizzato da?un bel colore rosato brillante, presenta un perlage fine e persistente. Al naso rivela aromi fruttati e intensi, su cui spiccano sentori di frutti rossi e fragolina di bosco. In bocca ? persistente, di buona struttura ed equilibrio.

In abbinamento con ?Savaren? di riso con rag? classico e lingua salmistrata.

Il ?Marubino? ai tre brodi: di casa in casa, ogni marubino trascina nel suo ripieno, oltre al salame cremonese, l’amore per la famiglia di chi lo prepara. Il dito indice, su cui viene avvolto, ? la sempre giusta misura.

Passiamo ai secondi! Iniziamo con il cotechino ?Vaniglia? con verze e polenta. La lenta cottura scioglie le parti grasse, rendendole morbide e succulente… come fosse vaniglia.

Un tripudio di sapori con il bollito misto alla cremonese con salsa verde e mostarda: dal celebre brodo cremonese, uno e trino, nacque il bollito. Le nuove tecniche di cottura danno vita a un piatto capace di conservare le propriet? organolettiche e la fragranza delle carni.

Stappiamo un Barolo DOCG Castelletto Riserva 2013 – Fortemasso

Di colore rosso rubino intenso e brillante con lievi riflessi aranciati. Armonico, pieno con astringenza delicata. Potente con retrogusto lungo e deciso che lascia spazio a una complessit? fruttata. Netto, ampio con note delicate di viola, rosa appassita, cannella, liquirizia, tabacco dolce.

Una foto con la squadra!

Pre dessert gelato alla fragola

Ci addolciamo con Passione Strevi 2009 – Bragagnolo Vini Passiti

Gli aromi sono molteplici e ricordano sempre fiori e frutta gialla sciroppata. Al palato il vino “Passione” risulta piacevolmente denso e strutturato, all’assaggio dolcezza ed acidit? risultano ben bilanciate.

Torta sabbiosa con crema al mascarpone. Il Maestro Verdi la voleva fatta cos?: ?Con i chiari si fa la fiocca. Si sbattono bene i rossi con lo zucchero. Si aggiunge a poco a poco la fecola e il burro ben morbido. Alla fine i chiari montati. Poi si versa il tutto nella ticcia ben unta di burro e subito in forno.? Viene servita con crema al mascarpone e scaglie di cioccolato.

Terminiamo con un caff? Torrefazione Salomoni Arabica + Robusta (Bio, sud America, FAIR TRADE) e biscotti.

Gin tonic per gradire con gin The Botanist Islay Dry Gin 22.

Prima di salutare diamo uno sguardo in giro…

Un grande grazie a tutto lo staff!

Cucina

La cucina di Caff? la Crepa ? basata sulle ricette e i prodotti della Pianura Padana e di quel lembo di terra solcato dal fiume Po e dal suo immissario minore, l?Oglio. Dai prodotti cerealicoli di ottima qualit?, alle carni bovine e suine, animali da cortile e pregiati pesci d’acqua dolce del vicino fiume e del lago di Garda. Tutti i piatti vengono serviti contornati da diversi ortaggi biologici cercando un giusto equilibrio tra calorie, proteine e colori. Le ricette hanno origine dalla memoria e dal ricordo ancora vivo di Mamma Elda e vengono rielaborate con tecniche moderne che cercano di mantenere intatto il gusto, perfezionandone la cottura, la salubrita? e la presentazione.

Servizio e accoglienza

Caff? la Crepa si ricorda anche per la sua essenza vera e autentica, accogliente e conviviale, senza forzature.? La cortesia del servizio ? davvero piacevole, rendendo l’esperienza ancora pi? memorabile.

Conclusioni

Un tuffo nel passato, rimanendo ancorati al presente. Gustando i piatti di Caff? La Crepa si percepisce la bont? della natura, dell?orto e della vigna di propriet?. Una garanzia sul rapporto qualit? prezzo e una bella visione di turismo sostenibile globale.

Viaggiatore Gourmet

Caff? la Crepa

Piazza Giacomo Matteotti, 14, Isola Dovarese CR

Tel. +39 0375 396161
Sito web: www.caffelacrepa.net
Chiuso il Luned? e il Marted??

L'articolo Caff? La Crepa – Premiate Trattorie Italiane – Famiglia Malinverno – Isola Dovarese (CR) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[10/09/2023, 09:31] Semola Fina ? Chef Patron Manuel Merlo & Sofia Omodeo Iuli ? Madonna di Campiglio (TN)

Semola Fina ? il ristorante di Madonna di Campiglio che non ti aspetti. Una cucina di prodotto e di cuore, per soli sei tavoli. Un luogo colorato e moderno, come i loro titolari, Sofia Omodeo Iuli e Manuel Merlo. Coppia nel lavoro e nella vita, lei pastry chef e lui chef, hanno deciso nel bel mezzo della pandemia, di dare una svolta alla loro vita e aprire il loro primo ristorante. La proposta gastronomica ? vivace e originale, la difficolt? di scegliere materie prime di altissima qualit?, farle recapitare in questa zona remota e trasformarle con la loro creativit?, ingegno e voglia di sperimentare, hanno dato in breve ottimi risultati, noi viaggiatori gorumet continuamo a tornarci sorprendendo ogni volta i nostri palati!

 

La squadra

Titolari: Sofia Omodeo Iuli e Manuel Merlo
In cucina: Manuel Merlo, ofia Omodeo Iuli, Valentina Pojer, Sara Rovigo
In sala: Fernando Maier, Jessica Pallaoro e Anna Torgler
Appena accomodati al tavolo ci colpisce la mise en place essenziale, senza troppi fonzoli.

Ci accoglie subito Sofia, dandoci il benvenuto!

Ci viene proposto per l’aperitivo un calice di Vitale Prosecco Valdobbiadene DOCG col Fondo – Malga Ribelle

Un prosecco dai sentori delicati di erbe officinali, timo di montagna e salvia, per poi virare sui fiori bianchi e quindi verso i sentori pi? fruttati dell?albicocca. Al palato ha una bella freschezza e una bellissima vena sapida e minerale. La bolla ? fine, suadente, molto elegante.

Tutto il pane viene preparato con cura e molte ore di lievitazione, viene servito con l’aperitivo di benvenuto.

Pan brioche e speck.

Brioscine fritte con fegato di anguille e rafano.

Che il viaggio abbia inizio!! Rossetti e lumache al verde

Proseguiamo con Ferrari F1? Limited Edition, Trentodoc – Ferrari

Di colore giallo paglierino intenso, dal perlage fine e persistente. Al naso ? gentile, intenso, con una nota di frutta matura nella quale si riconoscono sentori di crosta di pane, nocciola e un variegato bouquet floreale. Morbido, elegante e armonioso, ha notevole personalit?, intense note fruttate tipiche dello chardonnay cui si accostano belle fragranze di lievito.

In abbinamento con Ostrica Gillardeau, vermouth bianco e chiodi di garofano.

Passiamo ora alle capesante, midollo di vitello e pepe verde.

A seguire Champagne Non Dos? “Royale R?serve” – Philipponnat

Di color giallo dorato brillante, perlage persistente. All’olfatto si schiude su sentori floreali di biancospino, con forte richiamo di agrumi, di frutti esotici e di tiglio. In bocca, si apre con grande freschezza e mineralit?. Finale lungo, persistente su note di mela verde e pan brioche. Grande eleganza.

In abbinamento con gustosissimi ravioli di patate dolci, vongole e cime di rapa.

Una carezza per il palato: astice blu “alla Wellington”.

A seguire Cardoncelli al Vecchio Samperi con contorno

Passiamo al rosso con 2008 – Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Gr?sy

Un grande vino di immensa complessit? e il suo grande potenziale d?invecchiamento. 2008 un?annata difficile da descrivere a parole, un vino dalle mille espressioni che regala grandi emozioni, facilit? di beva disarmante.

In abbinamento al piccione, sesamo nero e topinambur alla vaniglia.

A parte oliva, limone di mare e pompelmo bruciato.

Pre dessert per rinfrescarci il palato: uva e crostacei

Assaggiamo ora allo Sherry Pedro Xim?nez “Murillo” – Lustau?

Color mogano opaco, intenso e viscoso alla vista. Esplode al naso, con sentori di frutta matura, profumi di liquirizia e richiami alla melassa. ? ricco, dolce, vellutato e morbido allassaggio, ben equilibrato e connotato da una chiusura lunga e da unottima finitura.

Che accompagna uno splendido creme caramel alla cipolla!

Non ci lasciamo cos?…anzi una spadellata di cappelletti non ce la facciamo scappare!!

Chiudiamo con un gin tonic con gin Tanqueray nr. ten.

Per finire caff? e piccole coccole!

Grazie di tutto…e alla prossima!

Cucina

In cucina agli chef Manuel e Sofia piace pensare e vivere il cibo considerandone ogni sfumatura. Si avverte la passione dietro ad ogni piatto, in costante evoluzione. Semola fina si presenta con una cucina istintiva ed espressa, indubbiamente piena di insidie, ma che fino ad ora ci ha regalato grandi risultati!?Le tecniche utilizzate sono dirette e chiare, i sapori nitidi e l’esperienza?inebriante e confortante.

Servizio e accoglienza

La squadra ? affiatata, delicata con i commensali e accogliente al punto giusto. La dedizione di Sofia e Manuel nella cura del loro ristorante traspare molto bene anche durante il servizio. La carta dei vini vanta per lo pi? etichette naturali, c?? molta Francia e tanta determinazione nella ricerca.

Conclusioni

Da Semola Fina si respira aria giovane e fresca, si percepisce la voglia di crescita e ci? che continua a colpire ? l’amore forte che traspare per questo locale e il lavoro dietro le quinte e una cucina equilibrata e appagante.

 

Viaggiatore Gourmet

Semola fina

Ristorante in Madonna di Campiglio
Via Al Sarca 30
Apertura da novembre a marzo
Telefono: 0465 88 00 14
Email: madonnadicampiglio@semolafina.it
Sito web: www.semolafina.com

L'articolo Semola Fina – Chef Patron Manuel Merlo & Sofia Omodeo Iuli – Madonna di Campiglio (TN) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[07/07/2023, 08:23] Com'? fatto un produttore di vino

Oggi ho mandato un mail ad un vigneron che mi fornisce cose buone. L'indirizzo mail solito ha un autorisponditore, ed ecco la risposta:


Tradotto liberamente: ciao ma ho avuto una bimba, la seconda (la famiglia cresce!) quindi fino ad agosto ho il mio da fare, parlane con mia sorella o col cantiniere (seguono email relativi). 

Ecco, quando si parla, molto, di differenza tra produzione artigianale e produzione industriale, io ci mettere pure questo, come distinguo: il vignaiolo (vignaiola, in questo caso) artigianale ? un umano, al quale capitano felicemente cose umane, quindi regolati di conseguenza, aspetta un attimo, parlane con chi mi sostituisce perch? adesso non posso. Questo, spero sia chiaro, ? alquanto meraviglioso, ? l'essenza dell'avere a che fare con umani, e non con misteriose SpA, o gente che in vigna ci va per sport, se ci va. E again spero sia chiaro, questa enoteca sceglie pervicacemente fornitori della prima specie.

TrackBack
[06/09/2023, 12:32] Di ritorno da Pantelleria, assaggi e cogitazioni laterali


Pantelleria ? una terra aspra. Distante, ai confini meridionali dell'Europa, spazzata da un vento impietoso che non a caso ? all'origine del suo nome arabo. Terreno vulcanico, ovunque la lava spunta con le sue lame di pietra nera e affilata. Isola senza spiagge, circondata da scogli inaccessibili fatti della stessa lava che scartavetra le estremit? degli umani, i quali pensando di essere al mare cercano un punto dove, chess?, fare un tuffo. Molto meglio fare camminate in mezzo a quella natura, meglio il trekking. Le strade sono spesso strettissime e inerpicate, ricordano le single track road viste in Scozia, quando preghi di non trovare nessuno in direzione opposta, perch? non sapresti dove accostare. Ma cos? hai la scusa buona per percorrere quelle strade molto lentamente, per goderti i paesaggi spettacolari tutto intorno. Nei pochi giorni in cui ho pilotato la vettura noleggiata, ho tenuto praticamente sempre la seconda marcia. La terza quasi mai. La quarta e la quinta sono praticamente inutili. 

Il vigneto pantesco (di Pantelleria, cio?) ? fatto cos?.

Pantelleria ? una terra estrema e difficile, le piante della vite sono alberelli infossati a proteggersi dal vento, e sono un bel disagio da vendemmiare, l? in basso. Questa terra dove l'uomo ha dovuto creare residenze, i dammusi, fatti di mura spessissime a proteggersi dal caldo che diciamo africano per amore dell'iperbole ma qui lo ? davvero, siccome siamo davanti all'Africa, questa terra durissima produce uno dei vini pi? dolci, flessuosi, accoglienti, confortevoli e deliziosi del globo. 

Il Passito di Pantelleria sembra la reazione opposta al suo contesto, quasi a contraddire le premesse. Qui sostanzialmente c'? un'unica uva, il moscato di Alessandria o moscatellone o zibibbo, clone diverso dal piemontese moscato bianco di Canelli. Vinificato come vino secco, senza alcun residuo zuccherino, ha l'aromaticit? gradevole del vitigno con un carattere spiccato e, questo s?, direi territoriale, indomito. Nella versione passita tocca il suo vertice, come dicevo pare un negativo fotografico di quella terra.

La situazione produttiva enologica a Pantelleria non ? dissimile da quella del resto del mondo: esiste un artigianato encomiabile che propone passiti da tuffo al cuore, struggenti e sensazionali. Esiste anche qualche tipo di industria che fa numeri ed ? certamente pi? pittoresca e turistica, diciamo. Nelle loro cantine si trovano pi? facilmente etichette disponibili e milanesi imbruttiti. I vini della prima categoria sono eternamente introvabili, e pure la visita in cantina ? meno agevole ("venite pure ma vino non ce n'?"). Lascio al mio lettore indovinare quello che piace a me. A questo proposito, ecco un paio di assaggi.

Salvatore Murana
Produttore storico, amato, stimato, rispettato. Vini inappuntabili e densi non solo nella struttura della dolcezza, ma anche densi di suggestioni e richiami. Murana ha diverse versioni del suo passito, Martingana imperativo e solenne, Mueggen una pietra miliare, Turb? apparentemente pi? delicato. Gad? ? la versione secca della stessa uva, salino e ampio. Il "Creato" ? raro e prezioso, ora si beve il 1983 (non ? un refuso) perch? affina per decenni, letteralmente. Ho provato a chiedere il suo prezzo, e alla risposta ("costa come un biglietto aereo per Pantelleria") non ho ritenuto di fare altre domande. Certo, che meraviglioso privilegio averlo nel bicchiere, con quel colore brunito e il finale interminabile.

Gli assaggi da Murana.

I vigneti intorno.

Da Murana ? visitabile, tra l'altro, il giardino pantesco: costruzione circolare a proteggere, di solito, una pianta di agrume, che senza il riparo non potrebbe crescere.

La retro etichetta del Creato racconta gi? molto.

Mueggen ha un equilibrio perfetto tra frutta essiccata e note marine.

Salvatore Ferrandes
Ci vuole un po' di fortuna, nel caso di Ferrandes: per trovarlo, anche geograficamente intendo, e trovarlo disponibile perch? gli impegni che ha sono numerosi, il lavoro in vigna per esempio. E comunque ? un altro produttore che, dati i numeri, ha scarsissimo vino disponibile - abbiamo prenotato qualcosa, abbiamo incrociato le dita, ora speriamo. Il suo passito ha una tensione dolce struggente, tiene impegnato l'assaggiatore per mezz'ore col naso infilato nel bicchiere perch? ogni olfazione ? un nuovo riconoscimento, una nuance inedita. In bocca pressoch? infinito. 

La strada per arrivare da Ferrandes ? una cosa cos?.

Assaggio di grande intensit?, definitivamente.

La (micro) cantina di Ferrandes, solo acciaio, niente legno.

L'uva appassita, peraltro buonissima.

E gli altri che non nomino
Nei miei giri per cantine naturalmente ho visitato anche il fashion e il decadente, poi c'? quello che non risponde al telefono e quello che non risponde alla mail, tutti questi non li nomino essenzialmente perch? non ho voglia di grane. Io comunque consiglio, nei preparativi delle visite di cantina, di infilare sempre un produttore che potrei definire industriale, o modaiolo, quello che ha sempre vino e ha la struttura fatta apposta per accogliere l'enoturista: ? un tipo di conoscenza utile, didattica, spesso costoro hanno numerosi meriti, consentono la visione ampia e soprattutto consentono di fare la scelta finale, viste tutte le opzioni.
TrackBack
[04/01/2023, 09:27] Aspettati l'inaspettato


In questi giorni ho scaricato tra le altre cose il Dolcetto d'Alba 2022 di Francesco Principiano. Produttore di formidabili nebbiolo e Barolo in Monforte, Principiano riesce a stupire pure con cose solo apparentemente piccole, come questo dolcetto.

La denominazione del dolcetto ? vasta e varia: Ovada, Alba, Dogliani, Acqui, Asti, e altre che dimentico perch? sono troppissime. Io sono un fan di Ovada, per molteplici motivi che hanno a che fare col chilometro zero (praticamente Ovada ? entroterra di Genova) e col fatto che l? la mia famiglia aveva vigneti, lo scorso millennio, e io facevo vendemmie e lavori connessi. Senza dire che molti Dolcetto di Ovada sono buoni come il pane - e a questo proposito ultimamente da un ovadese fatto assaggi molto interessanti, ma questo ? un altro discorso, e un altro post.

Il Dolcetto d'Alba di Principiano, dicevo. Si conosce bene, nel nostro giro, la triste storia del dolcetto albese: volentieri espiantato per far posto al nebbiolo che ? pi? figo e, ops, remunerativo, sta diventando raro (quello buono). Anche per questo ho preso al volo l'occasione di aggiungere il dolcetto agli altri rossi del produttore. E adesso scusate, mi faccio i complimenti da solo, ho fatto proprio bene: che meraviglia nel bicchiere. Floreale di violetta come da accademia dell'assaggio, frutti neri fitti, bocca succosissima e viva, tannini e un po' di agrume rosso su quel finale cos? langarolo, ruvido con simpatia. Un po' non te lo aspetti, ma vedi? Bisogna aspettarsi l'inaspettato. 

A voler dare punteggi io direi 87/100, in enoteca circa 11 euro, roba da prenderne a casse, ecco.

TrackBack
[01/11/2023, 08:54] Intelligenza naturale

Probabilmente sapete gi? cosa sia Chat GPT, la miglior versione di intelligenza artificiale in grado di elaborare testi e semplicemente chattare sulla qualsiasi. Oggi ci siamo intrattenuti in una simpatica conversazione, e il risultato, direi, non ? niente male.

"Il vino naturale ? un tipo di vino che viene prodotto senza l'utilizzo di additivi artificiali o conservanti e con il minimo intervento possibile durante il processo di produzione. La fermentazione avviene generalmente con lieviti presenti naturalmente sull'uva, senza l'aggiunta di lieviti selezionati in laboratorio. Inoltre, tali vini spesso non vengono filtrati o chiarificati prima dell'imbottigliamento".

Con Chat GPT si accede facilmente con l'account Google, per chi non ha voglia di ulteriori login. E con il robot uso modi educati, perch? quando Skynet prender? il potere si ricorder? che sono una personcina a modo, e non mi sterminer?.

 

TrackBack
[12/10/2022, 09:48] Aprire in caso di panettone


Nel campionato molto stagionale del vino da panettone, questo assaggio recente della Malvasia dolce di Camillo Donati sale agilmente sul podio. Annata 2017, quindi un po' di stratificazione, e dolcezza suadente, mielosa senza stanchezza. La rifermentazione naturale in bottiglia le d? un'effervescenza pimpante, adatta ad abbinarsi al lievitato butirroso di un panettone ricco. Attenzione solo al momento della stappatura, perch? il tappo (metallico) libera una gran quantit? di effervescenza - tenete il bicchiere molto vicino, non si sa mai. E soprattutto, sprecarne anche una goccia sarebbe un vero peccato. In enoteca sta sui venti euro, ed ? arrivato il momento: aprire in caso di panettone, ma provata pure su formaggi appena stagionati, una delizia.

TrackBack
[12/06/2022, 09:18] Com'? fatto un critico enologico

Se ve la siete persa, questa ? la (necessariamente lunga) descrizione dell'oggetto, ad opera di Fabio Rizzari. Contiene, tra l'altro: 

?Il buon critico ? colui che per prima cosa cerca i pregi in un vino. E poi, nel caso, ? costretto a registrarne i difetti. L?attitudine giusta ? quindi di apertura, per cos? dire di solidariet? pregiudiziale verso l?oggetto della propria valutazione. Una postura fondamentale per qualsiasi critico ? letterario, musicale, cinematografico, d?arte, eccetera -, senza la quale perfino la poesia del sommo Dante pu? risultare incomprensibile o perfino ridicola. Il cattivo critico, all?opposto, ? invece colui che per prima cosa si dispone a cercare il pelo nell?uovo. A sciorinare un elenco di mancanze, vere o presunte, in un certo vino: questo qui ha avuto problemi di malolattica, quest?altro viene da una cattiva presa di legno, quest?altro ancora ha un alcol troppo elevato, e via andare. Credendo cos? di dimostrare, a se stesso e ai suoi lettori, la sua grande competenza. ?A me non la si fa?, ? il sottotesto, nemmeno tanto nascosto. Il cattivo critico ? uno dei problemi maggiori della letteratura di settore?.

Dello stesso autore a me piace ricordare sempre un'altra citazione, che pu? essere utile associata allo stesso discorso, che ?: 

?Il giudizio di gusto espone pi? di altri al ridicolo potenziale, e rivela pi? di altri la nostra fragilit?. Chi accetta di correre questo rischio ha un atteggiamento pi? rilassato e libero, non ostile verso gli altri?.

TrackBack
[10/20/2022, 10:21] S'adatt Laluce 2013, i suoi annetti se li porta bene


Gli acquisti nella mia enoteca funzionano circa nel seguente modo: se conosco un produttore e ho gi? apprezzato i suoi vini, di solito non ho bisogno di assaggi preliminari. Lo compro e basta. Serve naturalmente una frequentazione lunga, e comunque tra un acquisto e l'altro, che riconferma il fornitore, ci sono fiere e vari eventi utili per risentire che ha combinato nel frattempo il nostro produttore. Comunque sia, certi acquisti sono tecnicamente riordini, li faccio in automatico, diciamo che mi fido.

Giorni fa ? tornato sugli scaffali un produttore della zona del Vulture, cio? Basilicata, del quale ho una buona opinione dovuta appunto al tempo: ? da un po' che lo conosco. Era anche molto tempo che non vendevo quei vini ma l'acquisto l'ho (ri)fatto senza troppi pensieri.

? proprio 2013, s?

Scaricando la mercanzia noto che il rosso base dell'azienda proviene da un'annata risalente, 2013 nientemeno - e la cosa un po' mi sorprende: e come mai mi consegni un vino cos? ?g?e? (Pensavo tra me e me. Che uno potrebbe dire: ma non controlli le annate quando ordini? E io risponderei: ma no, io mi fido. E poi i produttori sono dei creativi, sono degli artisti, lasciali fare).

Faccio l'assaggiatore da quando No? si ? arenato, e ancora non ho trovato un modo per valutare un vino finch? sta dentro una bottiglia chiusa: bisogna necessariamente aprirla e versare il contenuto nel bicchiere. Se qualcuno sa come fare in un altro modo me lo dica una buona volta, che sarebbe anche un risparmio. Quindi insomma non c'era altro sistema, e cos? stamattina apriamo S'adatt Aglianico del Vulture 2013 di Michele Laluce. Sul sito c'? una presentazione serissima con tanto di "scheda di autocertificazione" che dimostra l'italico amore per le formule legalesi e un po' bizantine. Ma vabbe', ? utile: un aglianico in purezza, solo botte d'acciaio, il resto lo vedete. Quindi ors? assaggiamolo.

Quando uno dice "scheda esaustiva"

Colore di buona profondit?, quasi cupo se non fosse per una maggiore trasparenza ai bordi che lo rende pi? luminoso. Classico rubino fitto con tendenza al granata solo lieve, insomma giovanile alla vista, non gli daresti tutti 'sti anni.

Al naso parte pianissimo: come se faticasse ad aprirsi, all'inizio ci sono funghi secchi e terra bagnata. Lascio il bicchiere a prendere aria e dopo cinque minuti comincia la danza, diventa cangiante, assume un tono speziato tipo pepe e poi foglia di tabacco. Resta sottile, direi giocato sull'eleganza.
Peraltro: a mezz'ora dall'apertura diventa ematico, cio? odora di sangue e macelleria che detto cos? pare orribile e invece vi assicuro che ? una mezza figata. E la chiudo qui perch? coi riconoscimenti olfattivi di mezz'ora in mezz'ora cambia, quindi dovrei editare il post per i prossimi giorni e non sta bene.

In bocca invece attacca quasi duro, i tannini ci sono pure se non feroci e menomale, ? alquanto imperioso, come a darsi un tono. Occupa il palato e dura un bel po', in generale il quadro ? quello di un rosso mordace, serio e deciso, gli manca l'allungo ma la verve dell'aglianico c'? tutta, e nuovamente si beve un rosso pronto ma, direi, distante dalla fase in cui lo definiremmo maturo. Curiosamente ha un tono salato, in definitiva esibisce durezze pi? che mollezze, mi fa pensare ad un vino che ha necessariamente bisogno di stare a tavola, assieme a robe succose e succulente, penso alle costine di maiale, al rag?, o a formaggi di media stagionatura dove la dolcezza residua chiama un vino cos?, un po' impetuoso nel suo tono salino.

Considerazioni finali: questo ? l'aglianico e questo ? il Vulture, verrebbe da dire, qui (a volte) si bevono rossi screanzati, ruvidi, contadini nel senso nobile. ? una bevuta piacevole, soprattutto mi interessa vedere che un rosso del 2013 ? in una fase evolutiva interessante, che consente una bevuta nobilitata dalla stratificazione - anzi, viene da pensare che lo stesso rosso solo di cinque anni pi? giovane sarebbe stato molto meno armonico. Si fissa su un punteggio di 84/100, penalizzato solo da quel naso riottoso, poco incline ad asfaltare immediatamente l'assaggiatore con frutti e fruttoni (che tanto ci piacciono, e che ci posso fare). Consideriamo anche che parliamo di un vino base come dissi, espressione ?renda per definire il primo vino aziendale, che in enoteca costa 13,80 euro - ma siccome ora sta aperto, e mi va di farlo conoscere, ci facciamo una bella promozione con sconto 10% e vual?, esce a 12 euri. 

TrackBack