TagCloud:


Link to us:



  Blogs & Sites:



 






Mondo Di Vino
Mondo Di Vino





[11/14/2022, 05:59] Stanley Tucci, I really, really hate you!

Like many of us who follow such things, Stanley Tucci?s Searching for Italy has grabbed our attention. Those of us who haven?t gotten on a plane and traveled to all of Italy?s 20 regions in the last couple of years might have reason for just a tiny bit of jealousy directed towards Signore Tucci. Maybe even a small smattering of resentment. And being humans, that would be totally understandable. But that is not why I harbor any small amount of rancor towards him. After all, he is showing us parts of Italy we cannot reach, may never reach, couldn?t even find the places if we tried for a reach, right?

No, that?s all good. What caused me to twinge here and there while watching the series was a couple of other things.

First and foremost, the let?s take the little matter of wine. Oh, the Signore likes wine. It?s just not a main character in his play. Wine is an accompaniment to the larger picture ? food. Oh, and culture and his family history and his ability to make something so natural, in Italy, seem like something so unattainable.

Big Night/YouTube

Which leads me to my other gripe, if you will. I mean, in the contest of actually loving everything he has done, including ?That Movie? he did so long ago.

No, it?s that when he goes into a region, many of which I have deep experiences in (sans Sardegna) I know part of what he will find. And in some cases, he has found some of the same people and places (and foods) that I have come across in my 50+ years of traveling and living in Italy. So, I look for how he will perceive it and communicate it to his impatiently waiting audience in the greater world.


How will this winemaker, cheesemaker or chef come across? Will folks see this place as some place they?d like to go to someday? And if so, will that be a problem, ala ?Under the Tuscan Sun,? when folks invaded Tuscany in search of their own personal sun? And the food ? what happens to that cheesemaker in Altamura now? Will his business grow? Will it be the same? Will it change, maybe not for the better? After all, blue cheese from Puglia might not be the next Calabrian chile, but what if it is, in places like New York, London, San Francisco, Houston?

Not that it would necessarily be a bad thing. As long as the follow-though to the end user is as close to the personal experience in Italy, yes? And we all know that, in America at least, that process has improved markedly in the past 40 years.

But still, there?s always someone who will take the idea and try and replicate it, often with disastrous and sardonic results. I mean Pane Carasau from Sardegna can be produced in other places of the world, but that blood sausage that was spread on it, how will that iteration be managed? Or mismanaged?

You see, I am not even talking about wine now. It is still way in the background. You didn?t see any of it in Calabria, or Puglia, and the Sardegnan episode, you did, but who knew? You saw a lot of cleavage though.


Ok, cleavage still draws larger crowds than wine, even in these post #MeToo times. I say post not because we?re over it, but because we have passed over the threshold. I should have said present times. There, that better?

I haven?t seen Piedmont yet, maybe that episode will go deeper into it. And Venice, although if they go any deeper than un ombra I?d be surprised. Happily surprised.

Thankfully some of my special (and secret places) were not discovered by Signore Tucci?s advance team. Like the once-upon-a-time truck stop in Ciro. Or the sports bar in in Cisano Sul Neva in Savona (Liguria). And my beloved Puerto Baloo in San Benedetto del Tronto, Marche remains uncast in this series. So far.

One great surprise ? the ?new? 21st region of Italy ? London. Now that intrigues me. I?ve not been deep in London since it has undergone its transformation as a global culinary centre. So, that is going on my bucket list. Thank you, Stanley. All is forgiven.

 

 

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[11/06/2022, 20:09] My Last Trip to Italy

It had been a while since I was in Italy, so when the chance came to go, I grabbed the opportunity. This was not a junket, or even a free press trip. Which was fine. Everything I?d seen on social media with regards to those trips showed the same old people. It was as if they had their own cruise line, a semi-circle of acquaintanceship.

No, I was on my own, in a way. I wasn?t alone, but this wasn?t going to be a social event, the kind that junkets have become, especially now that covid resurrections are being lifted.

A word about travel. The world experienced a great disruption in the last three years. It really isn?t quite over. Nonetheless, I?ve witnessed that folks are antsy about getting back to their lives, prior to Covid. No matter how much any of us want it, there is no turning back the clock. And, as well, one really cannot ?make up the time? that one thinks was ?lost.? Now, some folks are traveling with a vengeance, trying to get every last thing in before their ice cream truly melts.

I don?t feel that way. To feel that way, for me, would be a delusion. I am here, right now, just as I have always been. The last three years was an irreplaceable experience, no matter how hard any of us would like imagine otherwise. But there were lessons to be learned.

But to return to the default world of 2019, 2015, or 2000, would be, for me, folly. Not judging others. Just stating my point of view.

That said, travel now is different. So, in many ways, my last trip to Italy was inimitable.

The voyage was effortless, even easy. In this new world we find ourselves in, I was able to travel without much effort. Where I was going there would be no large group, no hype. Just Italy. The Italy I had grown to love, and miss.

The days were sunny and bright, with just a slight crispness to the air. The roads were not crowded, for where I was in Italy wasn?t where the tourists or the influencers flocked to. Would I write about it? I am right now. But the caveat was always not to brag about a place or a particular wine or wines. Or even to let on where exactly I was. It was part of the unspoken code that I was compelled to observe in order to make this last trip to Italy.

So why would I do it? Why did I do it? Why not? Other than this brief recounting, there would be no prideful displays, no gloating over being there and not somewhere else.

The wines? They were red, white, ros?, sparkling, sweet and dry.

The food? It was fresh, locally prepared, healthy and plentiful.

Everything was in balance. Everything was perfect. It was Italy, after all.

But no pictures, no Instagramming or Facebooking. No videos, no tweeting. And no selfies. Just Italy, the Italy that was bestowed upon me for this journey.

It was wonderful. It was personal. It was powerful. And it was authentic.

It was simply, my last trip to Italy.

 

 

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[10/30/2022, 21:01] Blame It On The La C? N?va
from the archives My first time visiting Piedmont was over a generation ago. At the time a winemaking revolution was in its infancy. The Italians had discovered small barrique and higher prices. New wineries were going up. It was the beginning of a cycle that only now is starting to make full circle. It was an exciting era for Italian wines and Piedmont. And they were getting world respect for their wines, like their cousins in Burgundy.

That initial visit we toured Barolo, Castiglione Falletto, Serralunga d'Alba , Diano d'Alba, Grinzane Cavour, La Morra, Monforte d'Alba and Novello. I also met winemakers and tasted in Neive, Treiso and Barbaresco. Somewhere between Bricco Faset and Rabaj? I got religion. But it wasn?t until several years later that they let me in the church.

It happened when was traveling with a friend who I was buying wine from. He had talked to me about these three brothers and their dad who worked their vineyards between two areas, Montefico and Montestefano. We were on our way to visit them. Their land was called La C? N?va, the new house. It had only been there for several hundred years.

Barbaresco can be a sleepy little place. I get a calmness when there, like this is the perfect place in the world for one of those life-changing naps. I?ve had a few of them in Barbaresco. But the wine is what really has changed some of my ideas about Nebbiolo.

I?m probably not the greatest devotee of Nebbiolo. Maybe it?s my California upbringing, possibly the wines from the South of Italy have influenced me. Perhaps the wines from Burgundy have also shaped my views about Barolo and Barbaresco. Somewhere between my tastes and my expectations is where I have compartmentalized my views about these wines. Nothing like having high expectations for the wines while allowing my palate preferences to limbo, easily, under the bar. It makes an interesting inner dichotomy. But then, we are in the land of Eco, so perhaps this is all part of the expectation of territoriality. I have come to peaceful terms with Nebbiolo.

What does that mean? An example. Recently I was in San Francisco having dinner with winemaker friends and some of their clients. One young lady was there and she was a lively Roman candle of energy. She told me in her Latin accent, ?I reeealllly loooove Nebbiolo.? Apparently, they loved her too, for she was initiated into the Order of the Knights of the Truffle and Wines of Alba. Some kind of big deal. They never asked me. Maybe my secret initiation into the Cavaliere Del Vini Siciliani, way back when, disqualified me. Hmmph.

I asked her why she loved Nebbiolo so much. My understanding from her was that she had decided that it would be a good idea (for her career?) to find an important wine area and concentrate on all the wines from there, a fast-track way to expertise on a subject. Why hadn?t I ever thought of that? I could have saved all kinds of time. Who needed to trek to Salina and visit with Hauner, while he was still alive? What did it matter to carry our babies all across Puglia, visiting winemakers, now long gone? And Abruzzo and the Marche, minor outposts of wine, why would I spend so much time with such unimportant wines? I admit it, I am slow sometimes.

But lately, I have been spending more time in Piedmont, more than I really thought I would. And here is what I am learning.

There is something interesting between these two areas, Piedmont where Nebbiolo is made, and Burgundy where Pinot Noir thrives. Not to say I intend to draw parallels on the quality or style of the wines. Couldn?t care less. But there is something about the winemakers and the people who live in those lands that are curious to me. Biggest difference to me? The C?te de Beaune and the C?te de Nuits are relatively flat, compared to Alba and Barbaresco.For me, in Burgundy, it is all laid out for one to explore and absorb. In Piedmont, there is always a little Bricco around the corner with a secret.

That is what the three brothers and the old father at La C? N?va have been to me, these past thirty plus years. They have been this little covert delight that only a few people know about. Sure, they share land with more famous producers, Gaja and Giacosa. And yes, their star doesn?t shine as brightly in the sky. But for the life of me, I cannot figure out why. The brothers at La C? N?va make a most natural kind of wine, with little or no intervention in the fields. Forget small oak, those are for experimenting with. They prefer large Austrian botte. Their crus are Montestefano, Montefico and Bric Mentina, a gorgeous hilltop red. For Barbaresco production they farm 10 hectares, from which they make a paltry 30,000 bottles. They make joyfully delicious, headache-free, red wine.

I've long stopped collecting Gaja, Giacosa and Giacomo Conterno. I love their wines, but like overly large homes and fancy Italian cars, I don?t spend money on things like that. Maybe it?s because I realize I'll never be as wealthy as folks who can afford those uber-premium items for daily consumption. Perhaps it is because I have been to those mountain tops and don?t have an appetite for that kind of opulence anymore. Or maybe it is because I have found wines from simple and down-to-earth folks who understand what they are making from their land. And that is what I am wanting in my wine.


Or I could just blame it on the La C? N?va, with its magic spell.



 
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[10/23/2022, 18:59] Friendship, Alcohol & Your Best Life


D
uring the past three years, it seems as if time has slowed down. I know that?s not scientifically possible, but still something has changed. And as the world comes out of its self-imposed confinement, our values have shifted, at least for some of us. In the wine world, and most likely beyond, how we relate to one another, to material items, and our quality of life, they are all intertwined.

Three aspects are occupying my attention of late:


Friendship

What an eye opener that has been. For one, when you change professions or transition from the working world to the world after, one undergoes a transformation that, like parenthood, there are paltry clues provided. I?ve talked a lot about transactional relationships on this blog, and never has it been more acutely shown to me that I have fewer of those types of relationships than when in the working world. Not complaining, just observing. It?s not like when one is on social media and trying to amass a load of ?friends.? No, this is the analog version, slower, deeper and with less bullshit than the virtual ones. This is where you find out who is really in your corner, not just lobbing a ? for shits ?n giggles.

Recently reading a book by Nina Totenberg, called ?Dinners with Ruth: A Memoir on the Power of Friendships.? Early on in the book she writes:

?Ruth didn?t teach me everything about friendship. I?ve had other wonderful teachers, expected and unexpected. All of them have taught me that friendship is precious, that it involves showing up, that it involves supporting and helping, that it is not always about the grand gesture, but rather about the small one. It is about extending the invitation, making space at the table, picking up the phone, and also remembering. Friendship is what cushions life?s worst blows and what rejoices in life?s hoped-for blessings. It can sometimes be as simple as a hug when the hug matters most.?

I?ve been lucky to have a couple of those friends, especially during the double whammy of Covid and retirement. I?ve also noticed that folks who I thought were my friends, well let?s just say their definition of friendship isn?t probably the same as mine or Nina?s. Unanswered emails and texts notwithstanding, many folks just haven?t shown up. What am I going to do, hound them? Maybe they?re busy. Maybe they can?t be bothered. Maybe their life is so full of other priorities. I?ve resolved to let ?em be, except in cases where my not ?showing up? could be interpreted that I no longer give a shit. I do, but I also know my ice cream is melting. I?m not chasing the impala across the savannah. It?s a fine line.


Alcohol

I never realized just how destructive the wine world was, and continues to be. Recently I was reading about an up-and-coming wine writer and on their ?about? page they noted among their many interests in wine writing and wine tasting that they drank copious amounts of Champagne and Burgundy daily. I did a double take. Really? Not to be virtue signaling here, but it struck me oddly. Copious?

Alcohol is, after all, a toxic substance, and too much of a good thing isn?t always a good thing. I would hope an editor might take that person aside and suggest another word like ?adequate? or ?agreeable,? so as not to suggest that binging on wine daily is an activity we should aspire to.

Still, many of us yearn to feel better. And alcohol, like drugs, and sex, and power, and access, can impart exultance.

While wine has alcohol, it isn?t the reason for loving wine. But try and convince an alcoholic, especially an intelligent and well educated one, to buy into that proposition. To some, it?s simply irresistible.

I have a list in my head of all the people in my trade who died young. It?s a rather long list. Most of them were sudden, like a car accident or a suicide. But those who had an illness, the ones I talked to in their last days, not a one of them would?ve traded a day for a drink. The only copious amounts of anything they wanted were more days, more heartbeats, more life. Not more Barolo.


Your Best Life

These days it?s easy to see our ?friends? somewhere exotic, with a bevy of wine bottles, presenting us with the latest version of their best life. Right now, they?ve finished with their romantic glamping vacations in Phuket and Porto Cervo, and now we?re seeing other folks who are bloodletting their Italian/French/Portuguese/you name it wine country trips. Great food, always with the best friends, in glamorous and serene settings. It?s like everyone has turned into Ali MacGraw and Steve McQueen, and are tanning poolside at The Riviera in Palm Springs in 1969 - having the best sex, drinking the best wine and eating the best food - living their best life.

But even MacGraw and McQueen had to come down to earth from time to time.

Not so on Earth in 2022, where all we see is the bright side of the moon.

Look, we?ve all just been through an epoch that set the world on its side. And it isn?t done yet. Like I recently said, there is some major shit going down every day on earth.

So, I?m not buying into the ?my best life? bullshit. Is it a deflection from the real world, an avoidance? Or, are folks just getting back to their life, as it should be? I?m just not picking up the tab for that version of reality.

So, saying all that, what in hell crawled up my ass, you might ask?

Simply, that I am re-evaluating life, starting with friendships, alcohol and living one?s best life. I want to keep and grow my deep friendships. I want to love wine, but I don?t want it to be my sun and my moon. And I want to explore what life has to offer, but with a mind to the reality that there are those of us, some of them friends, some of them in the wine trade, who don?t have the freedom and the privilege that many of us have in the Free World. I want to be more mindful of their plight and responsive to it so that they too can find a way, someday, to return to their best life, their friendships and their families. And, yes, over a table with fresh and healthy food, and where delicious wine flows again.

 


   

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[10/20/2022, 10:21] S'adatt Laluce 2013, i suoi annetti se li porta bene


Gli acquisti nella mia enoteca funzionano circa nel seguente modo: se conosco un produttore e ho gi? apprezzato i suoi vini, di solito non ho bisogno di assaggi preliminari. Lo compro e basta. Serve naturalmente una frequentazione lunga, e comunque tra un acquisto e l'altro, che riconferma il fornitore, ci sono fiere e vari eventi utili per risentire che ha combinato nel frattempo il nostro produttore. Comunque sia, certi acquisti sono tecnicamente riordini, li faccio in automatico, diciamo che mi fido.

Giorni fa ? tornato sugli scaffali un produttore della zona del Vulture, cio? Basilicata, del quale ho una buona opinione dovuta appunto al tempo: ? da un po' che lo conosco. Era anche molto tempo che non vendevo quei vini ma l'acquisto l'ho (ri)fatto senza troppi pensieri.

? proprio 2013, s?

Scaricando la mercanzia noto che il rosso base dell'azienda proviene da un'annata risalente, 2013 nientemeno - e la cosa un po' mi sorprende: e come mai mi consegni un vino cos? ?g?e? (Pensavo tra me e me. Che uno potrebbe dire: ma non controlli le annate quando ordini? E io risponderei: ma no, io mi fido. E poi i produttori sono dei creativi, sono degli artisti, lasciali fare).

Faccio l'assaggiatore da quando No? si ? arenato, e ancora non ho trovato un modo per valutare un vino finch? sta dentro una bottiglia chiusa: bisogna necessariamente aprirla e versare il contenuto nel bicchiere. Se qualcuno sa come fare in un altro modo me lo dica una buona volta, che sarebbe anche un risparmio. Quindi insomma non c'era altro sistema, e cos? stamattina apriamo S'adatt Aglianico del Vulture 2013 di Michele Laluce. Sul sito c'? una presentazione serissima con tanto di "scheda di autocertificazione" che dimostra l'italico amore per le formule legalesi e un po' bizantine. Ma vabbe', ? utile: un aglianico in purezza, solo botte d'acciaio, il resto lo vedete. Quindi ors? assaggiamolo.

Quando uno dice "scheda esaustiva"

Colore di buona profondit?, quasi cupo se non fosse per una maggiore trasparenza ai bordi che lo rende pi? luminoso. Classico rubino fitto con tendenza al granata solo lieve, insomma giovanile alla vista, non gli daresti tutti 'sti anni.

Al naso parte pianissimo: come se faticasse ad aprirsi, all'inizio ci sono funghi secchi e terra bagnata. Lascio il bicchiere a prendere aria e dopo cinque minuti comincia la danza, diventa cangiante, assume un tono speziato tipo pepe e poi foglia di tabacco. Resta sottile, direi giocato sull'eleganza.
Peraltro: a mezz'ora dall'apertura diventa ematico, cio? odora di sangue e macelleria che detto cos? pare orribile e invece vi assicuro che ? una mezza figata. E la chiudo qui perch? coi riconoscimenti olfattivi di mezz'ora in mezz'ora cambia, quindi dovrei editare il post per i prossimi giorni e non sta bene.

In bocca invece attacca quasi duro, i tannini ci sono pure se non feroci e menomale, ? alquanto imperioso, come a darsi un tono. Occupa il palato e dura un bel po', in generale il quadro ? quello di un rosso mordace, serio e deciso, gli manca l'allungo ma la verve dell'aglianico c'? tutta, e nuovamente si beve un rosso pronto ma, direi, distante dalla fase in cui lo definiremmo maturo. Curiosamente ha un tono salato, in definitiva esibisce durezze pi? che mollezze, mi fa pensare ad un vino che ha necessariamente bisogno di stare a tavola, assieme a robe succose e succulente, penso alle costine di maiale, al rag?, o a formaggi di media stagionatura dove la dolcezza residua chiama un vino cos?, un po' impetuoso nel suo tono salino.

Considerazioni finali: questo ? l'aglianico e questo ? il Vulture, verrebbe da dire, qui (a volte) si bevono rossi screanzati, ruvidi, contadini nel senso nobile. ? una bevuta piacevole, soprattutto mi interessa vedere che un rosso del 2013 ? in una fase evolutiva interessante, che consente una bevuta nobilitata dalla stratificazione - anzi, viene da pensare che lo stesso rosso solo di cinque anni pi? giovane sarebbe stato molto meno armonico. Si fissa su un punteggio di 84/100, penalizzato solo da quel naso riottoso, poco incline ad asfaltare immediatamente l'assaggiatore con frutti e fruttoni (che tanto ci piacciono, e che ci posso fare). Consideriamo anche che parliamo di un vino base come dissi, espressione ?renda per definire il primo vino aziendale, che in enoteca costa 13,80 euro - ma siccome ora sta aperto, e mi va di farlo conoscere, ci facciamo una bella promozione con sconto 10% e vual?, esce a 12 euri. 

TrackBack
[10/16/2022, 22:05] Is Italy (and Italian wine) heading towards a catastrophic precipice?
Italy MMXXII ~ Quo Vadis?

Probably not the best headline for a blog in terms of SEO. Maybe better to use ?Italy 2022, and her impending economic, environmental, political, agricultural and social turmoil, following on the heels of the post-pandemic (or is it?) era.?  Yes, we have much to consider, starting with the wine grape harvest.

Regardless of the quality or quantity of the harvest, which on its own is worthy of deeper consideration, but taking into account a larger vista in which wine, as an agricultural bi-product, is made with the labor of humans and the energy of technology. Say what?

Fasten your seat belts, folks.


This is complex. So, let us start in the fields. The cost of water, of energy to pump water, or to power the farm machinery, including the winemaking equipment. In other words, the energy demands that are needed to bring grapes into wine, in a bottle.

Word is that everything related to energy will see spikes in prices, thanks to Putin (and Saudi Arabia). Already, anecdotal information is coming out of Italy from folks saying the cost of energy is as much as tripling. That?s electricity to keep the winery machinery running, to keep the white (and other) wines fermenting cool, to keep the pumps pumping, the lights on, anything and everything that depends of electrical generation in order to keep things operating. That?s one aspect.


Along with that, across the supply line, the nurseries that provide the vine material, the barrel makers, the bottle makers, the label and cork makers, the box fabricators, the paper companies, the glue providers, the capsule manufacturers, all are seeing their world shrink and their expenses explode. Expect Italian wine prices, regardless of whether it is a vintage of century or not, to increase dramatically.

White, rose and sparkling wine will be the first we will notice. But those red wines that have to age for 3-4-5 or more years, what about them? Well, the price of borrowing money is going up and to hold onto Brunello or Barolo for years, in this era, will cause those wines, as, and when, they are released, to skyrocket. I?m already hearing from folks in the trade who are telling me that they are being prepared for major increases.

Along with that, stories have come across my desk relating to the price of shipping, which some sources have told me that those costs have stories as much as tripled in cost. So, if the formula (only an example) would be to add $1 per bottle for shipping, now expect $3. A $12 wine won?t become $15, because those costs are added in and then formulated to include those costs in the profit scheme. Think closer to $17-20. And that will be IF everyone in the tiers take a softer approach towards profitability and margins. Yeah, I kinda got wonky on you. Sorry.

Let?s go back to Italy.


Folks there are really worried because they have Russia breathing down their necks, the Ukrainian crisis still very much unresolved and unsettling, and the winds of war are blowing across the planet. Putin is threatening nuclear action. North Korea is popping off test rockets, Turkey is, well, Turkey, and China is also rattling sabers, especially in regards to Taiwan and ?US interference? in their backyard. Israel and Iran and Syria, another powder keg. We can?t even think about Afghanistan or Africa, because the Western world thinks they are of utmost importance, as if we were not the interconnected (and interdependent) world that we have become.

Oh, and Covid is rearing its ugly head with a variant wave (BQ.1 and BQ1.1.) in Italy, France and Germany, among other places, as we head into the colder (and holiday) months.

Meanwhile China and the US are Italy?s growing wine market. Or were, prior to 2020. And while that growth is starting up, with the world economies talking recession (and in the UK, economic depression), that makes it hard for a farmer or a small vineyard/winery to plan their future. Because the future is that uncertain.

I know this all sounds so very dire. That?s because it is.


A winery is having to deal with labor costs, material increases, energy prices soaring, along with a social fabric, in Italy, that is disintegrating. Politically, there appears to be a wave of autocratic leadership that is washing over Italy, along with other European, Asian, Africa, and American countries. Wine doesn?t stand much in the way of amelioration, when there are bigger fish to fry. And the wine lover (dare we call them a wine consumer?) who has less to spend today than they did two years ago, and now it is more expensive, well, let?s just say they aren?t going to get much relief. Save for governments borrowing more money (at higher interest rates) or printing money, to spread the wealth around. And I?m not seeing very much wealth being spread around these days. You either got it or you didn?t, at this point. The bus is small and it is all full up.

So, yeah, 2022 is a great vintage. A big vintage. A wonderful vintage. A notable vintage. So what?

Or maybe the question is, ?So what now?? Back to that old Quo Vadis thingie. Except instead of asking Italy, maybe we should rephrase the question to: ?Earth 2022 ? where in Hell are we going??

New York, April 2020 (AP Photo/Wong Maye-E)

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[10/09/2022, 20:01] Italy's "Miracle Harvest" for the 2022 Wine Crop
"Un Miracolo!"

Get ready, for here it comes! The long-awaited (and inevitable) treatise tsunami over the 2022 Italian grape harvest. Just like the ubiquitous dissertations on the perfect Thanksgiving wine or the vaulted Springtime piece on the gaggle of new ros? wines. Why do we love these so? Too many scribes today are looking for the easy-layout, the slam dunk, the no-brainer, when it comes to content. The 21st century has broken everything, and the internet leads the way, always and in every way. So, let?s get ready for a plethora of boilerplate and an avalanche of clich?, with regards to the 2022 harvest. It will be epic!

Honestly, who even remembers the 1994 harvest? Or the 2011? And what makes the 2022 more special? Oh, right, it?s because we?re here and now and 2022 is the thing, dangling right in front of us, begging the experts (and they are all experts) to pass their judgment and burnish their (s)word upon the producer?s shoulders.


They will talk about the weather and global warming. They will dwell on drought and floods. Of the wind storm that comes up on the peninsula and the maritime breezes. They will not forget to enlighten you about the hillside vines and their exposure to the sun and the wind and the moon and planets. They will blather on about Dante and Petrarch and Veronelli and Parker. They will deliver orations about production and abundance, or lack thereof. They will labor over the journey a sole winemaker takes to make their perfect wine. They will lecture about chemicals, or their revulsion to chemicals. Ditto for technology. And let?s not forget intervention. Every buzzword imaginable will be packed into their reports.

Some of them will charge for it. Some of them will lay it down in front of you for free. It doesn?t matter, they will use similar words and strive for self-importance. For they will identify with the harvest as a reflection of their self-worth. And what will we, the lowly wine drinkers, make of it? What is our takeaway?

Well, I reckon the writers will want us to laud them for their powers of observation and prognostication. For many of them will tell you that when they toured the vineyards in April that they saw, they felt, they knew that this would be the harvest to end all harvests.

Again?

Brilliant!


Meanwhile, winemakers toil. They pick. Sticky hands, sore backs, sunburn, long hours, sweaty, weak knees. And then they take to crush and press. And wait and watch, sleeping at the winery, because they need to punch down every few hours. Watching their babies incubate and become wine. Away from family, little or no sleep. The occasional shower. No exercise except for the work. Haphazardly eating. Little, or most likely, no sex. All in service of the grapes, the vines, the wine gods.

But yet, we are supposed to worship the writer of the harvest report because they elucidate all that is necessary for understanding.

Like I said, get ready, I can hear them typing away furiously right now, all over the world. You need them to tell you what you need to know about anything and everything that the harvest has wrought.

For now, I?m going to go outside and take a walk in this nice, cool, crisp autumn weather. What will be will be, regardless of the self-appointed tastemakers and wine hustlers proclivity for gab.

I might even open up that last bottle of Lambrusco Sorbara and start up the wood smoker and smoke me some wild, line-caught salmon, indubitably.

I?ll give it to you in one short paragraph, this 2022 harvest:

?After a short, wet spring and a long hot summer, with a little help from the scirocco and the maritime breezes, the harvest of 2022 in Italy will go down as one of the surprisingly greatest in history. ?Definitely the harvest of the decade if not the century!? one independent winemaker in the Langhe exclaimed. In Tuscany, as well, the elderly Montalcino scions noted that they hadn?t seen a harvest like this ?since 1967.? And in the Veneto, Amarone producers were licking their lips over a protracted growth season with ?potentially gobs and gobs of great Amarone to come, nothing like we have seen since 1947.? Not to be outdone the Etna producers amplified the feeling from the peninsula and went one step further. ?We have not seen a wine harvest like this since 1828 ? this is definitely the harvest of the millennial.? So be it. the greatest harvest Italy has ever seen, mark their words.

And if you liked 2022, as they said in Philadelphia and Brooklyn, just wait till next year. It?ll be even greater. Just ask the experts! 


TrackBack
[10/05/2022, 10:12] Lefay Resort & SPA Dolomiti ? Ristorante GRUAL ? Pinzolo (TN)

Lefay Resort & SPA Dolomiti sorge nella skiarea di Madonna di Campiglio e si trova a Pinzolo, il maggior centro della Val Rendena. Emerge dal bosco e s?integra perfettamente nel paesaggio in cui ? collocato: coerentemente alla filosofia del Brand, Lefay Resort & SPA Dolomiti reinterpreta l?architettura tradizionale del luogo, ritrovando gli elementi ricorrenti delle costruzioni di montagna. Il legno, la pietra, la rigorosa semplicit? delle finiture; ogni materiale scelto riflette la perfezione naturale delle Dolomiti con un?anima green per una ?vacanza benessere? indimenticabile, tra passeggiate nel parco, soste in piscina e cene gourmet. Ispirato ad un bosco incantato, il ristorante Grual deve il suo nome alla montagna che fa da sfondo al Resort e valorizza gli ingredienti del Trentino-Alto Adige, provenienti da fornitori biologici e sostenibili. Uno dei maggiori punti di forza ? il design integrato con il territorio circostante. Coerentemente alla filosofia del Brand, Lefay Resort & SPA Dolomiti reinterpreta infatti l?architettura tradizionale del luogo, ritrovando gli elementi ricorrenti delle costruzioni di montagna. Il legno, la pietra, la rigorosa semplicit? delle finiture; ogni materiale scelto riflette la perfezione naturale delle Dolomiti.?

Insomma, questa struttura invita a vivere la vacanza con i sensi, ad aprirsi alla natura con corpo e mente. Ogni elemento all?interno di Lefay permette nuovi scenari, in cui perdersi per riscoprirsi.

La squadra

  • Matteo Maenza, Executive Chef
  • Mirko Pistorello, Resident Chef
  • Yuri Ongaro, Restaurant Manager

Iniziamo con un aperitivo prima di salire in camera..

Ci troviamo nel Lounge Bar, un ambiente caldo e avvolgente, rischiarato dalle tonalit? ambrate del legno che offre il meglio dei cocktail e liquori internazionali e regala un?incantevole vista sulle cime delle Dolomiti, dichiarate dall?UNESCO ?Patrimonio dell?Umanit??.

Saliamo in camera e troviamo questo splendido benvenuto!

Giulio Ferrari, bottiglie rare e preziose.

La?Royal Pool & SPA Suite rappresenta la massima espressione del nuovo lusso Lefay: il foyer dell?ingresso si apre su un?ampia zona benessere, cuore pulsante dell?intera Suite, con ampia vasca idromassaggio, una doccia, due saune, lettini per i trattamenti e una whirlpool esterna sul terrazzo.

Bagno con doppio lavabo, vasca, doccia, sauna e servizi separati

Ampia stanza guardaroba con cassaforte

Meraviglioso letto King Size

Non manca un’esclusiva zona salotto interno?

Dettagli

La vista..

Scendiamo al ristorante Grual

…e diamo un occhio in giro!

Tavola e mise en place

La spettacolare sala

L’angolo caminetto

Aperitivo!

Iniziamo con Altolago Vermut

?Altolago? nasce dall?esperienza di due mondi vicini. Madonna delle Vittorie, cantina sul Lago di Garda, e la distilleria situata pi? a nord. Questo Vermut ? una selezione di uve vinificate in rosso e in rosato, aromatizzato tramite una lavorazione a freddo. Complesso ma elegante sia da consumarsi liscio che in miscelazione.

E anche un calice di Franciacorta Brut DOCG ?Vintage Collection? 2014 Magnum – Ca? del Bosco

Alla vista si presenta con un bel colore giallo paglierino, leggermente tendente al dorato. Il perlage ? fine e persistente. Al naso si avvertono interessanti sentori che richiamano la frutta a guscio, impreziositi da tocchi di lieviti, pasticceria e leggeri accenni agli agrumi. In bocca ? di buon corpo, fasciante e ampio grazie a un sorso elegantemente sapido, il cui gusto si avverte anche nel finale.

Menu degustazione a noi dedicato.

Iniziamo con gli amuse bouche:

  • La mela (brunoise di mela, aceto di mela e mousse di mela)
  • Cuscinetto di grano saraceno con maionese al tartufo
  • Rametto di patate e paprika affumicata
  • Cracker di rape rosse
  • Il sasso (formaggio al vino Lagrein, speck e pane)

Tipologia di pane/grissini e burro serviti: Croissant salato, Pane alle olive, Ciabatta di semola, Pane al cumino, Grissini classici.

Radicchio, yogurt di capra, pere e pinoli.

Coregone marinato, insalata di tuberi e latte al pino mugo.

Sarde di lago e prugne doccia d’oro

Patate di montagna, pesto della regina e ketchup di rosa canina.

Apriamo Pouilly Fum? de Ladoucette 2019 – Baron de Ladoucette

Sublime espressione del Sauvignon Blanc, prende vita nei vigneti del Baron Patrick de Ladoucette, che detiene lungo la riva destra della Loira la pi? grande propriet? di Poully-sur-Loire. Sensazioni agrumate, balsamiche ed erbacee deliziano l?olfatto, mentre al palato prevalgono le note fresche e minerali.

In abbinamento a ravioli di farina di castagne, coda di manzo brasata, zabaione alle erbe, brodo di funghi.

A seguire spaghetti monograno Felicetti, burro di malga affumicato, corniole e cervo.

Proseguiamo con i secondi: salmerino aplino con crema di pane e cavolo nero.

Trota fario, cereali al prezzemolo, spugnole e lumache.

A seguire un calice di Hirsch, Pinot Nero Doc 2017 – Steinhaus

Seduce la vista con un rosso rubino, che varia di tonalit? per invecchiamento. Al naso sprigiona un bouquet aromatico di frutti di bosco, ciliegia, lamponi che poi lascia spazio a note speziate e di tabacco. Al sordso dimostra una trama morbida di tannini e risulta avvolgente.

Che accompagna perfettamente la sella di capriolo, cavolo rosso e polenta croccante.

Pre dessert: granita al timo, sorbetto all’acetosa e Fernet Bio Walcher

Per un finale dolce… Passione Passito DOC 2008 – Strevi

Di colore oro intenso, dal naso travolgete: fiori bianchi e frutta gialla sciroppata. Al palato risulta denso e strutturato, il sapore ? dolce e in
equilibrio con l’acidit?.

Sottobosco – emulsione di noci, mousse al cioccolato, composta di more e gelato al pepe di montagna.

Finale a sorpresa: “La Cima“.

Come se non bastasse….panettone con zabaione!

Un breve e bel riassunto:

…e quando si dice risveglio da sogno

Colazione in camera con vista!

Grazie ancora e… a PRESTO!

Cucina

Grual utilizza un approccio alla cucina che valorizza i sapori pi? autentici del territorio, utilizzando materie prime di stagione provenienti da produttori locali. Cos? facendo?privilegia gli aspetti salutari del cibo seguendo i principi della cucina sostenibile, tra cui l’etica, la stagionalit? e, appunto, il sostegno ai fornitori locali. Il men? degustazione Altimetrico da dodici e otto portate ? ispirato ai sentieri del territorio, suddiviso in tre altezze.

Servizio e accoglienza

Accoglienza impeccabile, cura e attenzioni all’ospite da quando prenota a quando saluta, cos? come il servizio al tavolo: esperto, preciso e molto cordiale.

Conclusioni

Un concept culinario che valorizza i sapori pi? autentici del territorio, utilizzando materie prime di stagione abbinate ai gusti e profumi delle Dolomiti. Lefay ? un luogo di eccellenza pensato per la cura delle emozioni. Ideale per ricollegarsi con il proprio s?.

Viaggiatore Gourmet

LEFAY RESORT & SPA DOLOMITI

Via Alpe di Grual 16, 38086 Pinzolo TN
Tel: +39 0465 768800
E-mail: res.dolomiti@lefayresorts.com
Sito web: www.lefayresorts.com

L'articolo Lefay Resort & SPA Dolomiti – Ristorante GRUAL – Pinzolo (TN) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[10/02/2022, 21:36] When an Italian Takes to Drink

Normally, most of us find it inconceivable to come upon an Italian with a drinking problem. Wine, and to a lesser extent, beer and spirits, have been an integral part of the Italian table. Moderation was something my Sicilian grandfather instilled in me as a young boy. I rarely saw anyone, at our family gatherings, mildly drunk or otherwise. It just wasn?t a thing, alcoholism, in our family or our Italian culture.

And then, we moved to the desert when I was a kid, and we lived across from an Italian family. The husband was a screen writer, although his wife once told me he was a gofer for a famous television producer. He always seemed to be hanging around the house when he wasn?t out running errands, or as he liked to say, polishing up a script. Actually, what he was really good at was polishing off a bottle, night after night. He was harmless enough when he was sauced up, as long as he wasn?t behind the wheel. But I saw, first-hand, how an alcoholic functioned in his world. And it wasn?t pretty.

It is no small thing, when an Italian takes to drink. In my travels in Italy, over 50 years, I?ve witnessed little, if any, examples of an Italian for whom alcohol have gotten the better of them. Americans, well, that?s another story. Countless times I?ve dragged besotted colleagues to their room and dumped them in their bed, dead drunk. How, I asked myself, did they get that way? I was with them the whole evening. I'd had my share of wine, but it didn?t waste me.


I remember this one person. They were highly intelligent, with advanced degrees. Loved all things Italian. But once they landed at the airport, they couldn?t wait to get their drink on. Often, when they?d be further from the city and the urban gendarmes, they'd pull out a doobie, and enhance their intoxication with another level of bliss. Usually, the person would excuse themselves early and stumble back to their room. So much for enlightened conversation.

Alcohol abuse has destroyed families and friendships, yet the Italians, historically have dodged that bullet. Why, I ask. And is that really the case now? In this age of Covid, when so many people have been sequestered and sheltered, with access to anything just a delivery away, with any number of temptations, are the Italians still stalwart in their temperance?

Our neighbor was a casualty. And several of the Italians who came over in the 1970?s, on the cruise ships, who eventually married here and stayed and opened up restaurants, some of them didn?t escape the temptation of the easy flowing wine tap. They worked long hours, had little social (or family) life outside the restaurant, and at the end of a fast lunch or a long dinner rush, they just wanted to kick back and mellow out. I get it. But I?ve lost a couple of them along the way.

Just like my erstwhile colleague, who couldn?t wait to get their drink on, so too, my Italian friends, far from home, succumbed to enslavement by intoxicants ? beer, wine, whisky. Sad.

Recently at lunch, with one of my non-transactional friends (i.e., a genuine chum) we got to talking about what would happen if someday a doctor said either of us could no longer drink any alcohol due to a physical condition.

?It would depend on the severity of the malady, but I would be inclined to temper the doctor?s advice with regards to the situation I was finding myself in,? my friend said. ?If I was a goner, I probably wouldn?t stop drinking wine, as my condition would be terminal. But if my life would be better for it, and my condition would improve, if I stopped, I?d do it in a New York second.?

I thought about my response. Simply, if someone told me I had to stop drinking wine, I?d say, ?OK, but that ginger kombucha, you?re not taking that away from me.? I had an alternate and a plan, a contingency.


I probably won?t be needing to, but I contemplated a life free of alcohol. And it brought up the Second Noble Truth of Buddhism ? the root of all suffering is desire. I could give up wine, but could I give up wanting it?

Wanting it would still impart suffering from an affliction that could be worse than the diagnosis the doctor made, which put into motion the whole thing about quitting alcohol.

And then, something inside me said, ?Keep it simple.?

I was going down a rabbit hole.

I was missing something that I hadn?t given up. I like wine, sometimes I even love wine. But I can live without wine.

Is that cultural? Or is it behavioral?

However we parse it out, what is it about the Italian culture that has allowed it to create and enjoy these amazing gifts from the earth, yet, not become obsessed and hooked on them?

And what is it about so many Americans, young and old, highly intelligent ones too, that wine, this intriguing intoxicant, gets the better of them? 

 


 

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[09/30/2022, 16:39] Tappo a vite tutta la vita


In questo post Ernesto Gentili ritorna su un tema mai abbastanza insistito, l'utilit? del tappo a vite per avere vini esenti da imperfezioni, anche minime, che il sughero non riesce a garantire. E per dirlo con la forza che il concetto merita, Gentili aggiunge che:

?pi? il vino costa pi? t?incazzi se non risponde alle attese per colpa del tappo. E allora vorrei il tappo a vite sui vini ?TOP?, non su bianchi, rosati e rossi d?annata. In fondo cos? si salvaguarderebbe la produzione del sughero e anche l?intelligenza dei consumatori. ? l?ora di smetterla di appellarsi al magico rito della stappatura, di usare i sommelier solo per fargli annusare i tappi (possono fare ben altro) o di affermare che il pubblico non ? ancora pronto per questo cambiamento. Basta, per favore!?

Proprio cos?, col punto esclamativo: sarebbe ora davvero. In the picture lass?, alcuni vini col tappo a vite che ho in vendita, sempre troppo pochi secondo me.

TrackBack
[09/25/2022, 20:27] Eataly taken over by a global private equity conglomerate? Say it ain't so!

Recent news from abroad has it that Eataly has had a change of ownership. Investindustrial, headed up by Andrea Bonomi, has acquired 52% (majority) share for about $200 million. Not a ridiculous amount for a concept that started almost 20 years ago.

Now, according to the website, Grocery Dive, Eataly is in ?more than 40 locations in 15 countries including eight flagship stores in North America and 16 franchise stores across Europe, the Middle East and Asia.? Quite a jump from their initial shop in Northern Italy.

$200 million seems like a small amount for 40 locations. I wonder how much debt the original company might have piled up. Was that debt erased? Who, if anyone, walked away with millions? What changes will come about? Expect  more expansion, and expect the Bastianich family will sell their shares, as part of the deal (as per The Financial Times).

In 2007, I?d heard about Eataly from friends in Italy, where it was getting some good buzz. It was autumn, and I was planning a wine buying trip to northern Italy. A colleague, who was from Torino, where the very first Eataly opened, suggested we stop in his hometown to visit, see a Juventus game and see Eataly, before heading into wine country. And that was how my fascination with Eataly began.

Since then, I?ve visited numerous Eataly?s around America, New York, Chicago and Los Angeles, to eat, to shop, and occasionally, even sell some Italian wine. I have gotten to know Eataly well. And when I heard the owners were planning on putting an Eataly in Dallas in 2020, in my home town, I was astounded. Why Dallas, when Houston, down the road, was touted as being so much more cosmopolitan and diverse? Why not Seattle, where the Italian wine and food scene thrives? Or New Orleans, which has a mosaic of food cultures (plus the tourism factor) that Eataly would surely dovetail into quite nicely. But Dallas? I was over the moon.

And then Covid hit.

The brass at Eataly went ahead and put it five miles from my home, in NorthPark Center, a beloved (and very upscale) shoppers paradise, even though we were looking at a very uncertain future. But Italy, and Italians, have faced uncertainty at every bend and turn of their history. Something in the Italian DNA sees adversity as a challenge, and banking on resilience to make it through the worst times. I learned that from my grandparents, and my mom and aunts and uncles.

With time to reflect during Covid, I began to envision this long-time connection between Dallas culture and their love for all things Italian.

When I moved to Dallas in 1978, I went to work down the street from the now-Eataly at a then-iconic Italian restaurant, Il Sorrento.

Il Sorrento was the lovechild of Mario and Irene Messina. Mario was creative force, and Irene made sure all the bills got paid, and the money grew. Mario was inspired to create a dining experience in Dallas that was missing. As Craig Claiborne wrote in the New York times about Dallas dining: ?Years ago I would have summed up the restaurant scene here in a phrase: ?Not worth a detour.? There were dozens of barbecue restaurants and places where you could eat Tex-Mex cooking, but these were prevalent throughout Texas.?

Yeah, Tex-Mex and barbecue. Still rocking Dallas. But Mario Messina was a visionary, and he had a dream.


In the Swinging Sixties he started the first of what would be the beginning of the Italian wave of dining. He actually used the word cucina rather than the more popular French word cuisine. He brought espresso (and the machines) to these parts, made his own bread, had his own pasta making room, a wine cellar with female sommeliers (replete with ?uniforms? comprised of short shorts ala Dallas Cowboy Cheerleaders). On and on, tableside service, Caesar Salad and Fettuccine Alfredo made to order, strolling musicians, fortune tellers, lounge singers in a sultry bar setting, bread boys rushing out hot fresh bread (as soon as you finished the one you just got) and much, much more. Il Sorrento was Mario Messina?s grand opus.

It?s long gone, except in the minds and hearts of the dinosaurs who remember how impossible it was to get a decent espresso or a ball of fresh mozzarella. Now, all of that is behind us. And here comes Eataly, gilding the lily of our Italian obsession.

In a way, it was a vindication of all the efforts people in Dallas have given, from Mario Messina at Il Sorrento (whose gravesite overlooks Eataly) to the Paul and Mike Di Carlo (of Jimmy?s, Dallas) and all the purveyors, vendors and lively hearts that got the attention of the folks in Torino for a big little town in the west called Dallas.

7:00 AM - Mike DiCarlo of Jimmy's in Dallas

From my initial flirtation in 2007 in Torino to now, 2022, in Dallas, 15 years later we have one in the place I call home, Dallas, Texas. And while my loyalty is to my local retailer (Jimmy?s, first and foremost), I thought it was an exciting thing to see, especially the restaurant side. When I came to Dallas in 1978 from California, I was a stranger in a strange land. This place was starting to look like home, 42 years hence. Better late than never.

Now word comes that a global private equity firm has the reins. Oh, they sent out a press release assuring folks that these changes won?t subvert the mission of Eataly. I?ve worked for family companies and corporations that were ?taken over.? Nothing ever stays the same.

Look at Whole Foods. I?ve seen my local Whole Foods store become transformed from a New Age grocery, which I once recognized, into a company that now stacks White Claw, high and wide, in the aisles.


What might we see in the future from Eataly? Primi Frutti flavored Italian Moscato? Wait, you can already find that stacked at local liquor chains here.

In reality, the local Eataly is looking more like an alter-universe of Italian wine. There is an orange wine section. Attention is paid to small producers. Two friends messaged me recently, with encouraging news of their products receiving great receptions at the Dallas Eataly. Let?s hope that small, independent streak is allowed to continue.

And looking at the shelves, so many faces of folks I worked with over the years. They aren?t just bottles, they are lives, with some of them now in their 3rd and 4th generations. History. Nostalgia? Perhaps. But also, the notion of passing the tradition from one generation to the next.


Eataly is now entering its 2nd generation. What should we expect? Look to Italy for answers about Eataly, I?d say. And right now, Italy is convulsing and undergoing some potentially extreme changes, politically, economically and socially.

Same ?ol same ?ol? I mean, we could say that about Italy, for it knows about disruption. It might even feed on it, grow from it. And likewise with Eataly. I am hopeful. But I don?t have a dog in the fight anymore. I?m sitting on the dock of the bay.

But I like the developments I?ve seen in the elaboration of Italian culture in little ?ol Big D. Finally, I can get a decent espresso, a wonderful gianduja gelato, great Prosciutto, and wonderful mozzarella, both local and from the motherland. Yeah, this is the land of milk and honey.  I just hope the good times keep rolling. We need the Italian ambassadors of food and wine. now more than ever.

We will see. As Zimmy said, ?The times they are a changin?.?

T.G.I.F.
 

 

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[09/21/2022, 09:36] Correlazioni spurie ma non troppo: nebbiolo e pinot nero


Negli ultimi giorni ho fatto due assaggi ravvicinati, il solito sistema del prelievo di scaffale ("vediamo un po' com'?") per verificare se quel che ho in vendita, per cos? dire, mantiene le promesse. Posto che s?, modestamente, il livello qualitativo delle due etichette in questione era pi? che eccellente, questo raffronto mi ha fatto ripensare ad un tipo di correlazione tra i due vitigni utilizzati, nebbiolo e pinot nero, che tendo a comparare volentieri, pure se queste uve generano vini ben diversi tra loro - al punto che questa correlazione si potrebbe definire spuria, cio? infondata, ma siccome questo sentimento ce l'ho da sempre, cos? senza vergogna, ora ne parlo. E a che servono i blog se non per narrare i fatti propri, ancorch? poco gloriosi?

1. Langhe Nebbiolo 2020 Rivella, azienda Montestefano

Nel comune di Barbaresco c'? questa specie di culto per il vigneto Montestefano, che genera nebbioli formidabili e severi. Rivella ha vigneto solo in Montestefano, quindi produce due vini, e basta: il Barbaresco, e il Langhe Nebbiolo, una specie di second vin come direbbero a Bordeaux - tuttavia questo nebbiolo ? secondo a nessuno. Gi? dal colore: la sua trasparenza ? pura accademia del nebbiolo. I profumi sono segnati da ampiezza e finezza, c'? tanta materia, dalla terra bagnata al tartufo al pepe e potrei continuare, fino al rabarbaro e alla menta ma meglio che ci dia un taglio, tutto per? accennato, leggiadro, tipo un soffio leggero. La bocca ha saldezza, entra sul palato con determinazione nebbiolesca, tannini e polpa. Fa un anno di legno grande, che non lo doma manco un po': ottimo adesso, chiss? che diventa tra qualche anno.
Prezzo in enoteca, 37 euro.

2 - Bourgogne Cuv?e Gravel 2019, Claude e Catherine Mar?chal

Borgogna, C?te d?Or, pinot nero: ho la vostra attenzione con poche parole, gi? lo immagino. Questo Bourgogne declinato in maniera inappuntabile nel suo terroir d'elezione conferma e supera ogni aspettativa: bello il colore nitido, profondo, al naso esibisce frutta nera, fiori. In bocca ha una morbidezza di frutto irresistibile, svelando una capacit? di abbinamento spiazzante: bevuto assieme a tortilla con chili di carne e fagioli (la signora ha una cucina creativa) segna l'abbinamento pi? funambolico e trionfale della mia carriera recente. La speziatura e la sapidit? della preparazione ha trovato nella morbidezza del frutto e nella bevibilit? inarrestabile del vino un match sorprendente.
Prezzo in enoteca, 37,90 euro.

Dove sta la correlazione? Certi nebbiolo, certi pinot nero, condividono grandezza e facilit? di beva. ? il genere di elemento gustativo che per me rende un vino grandioso: mettere assieme la profondit? gustativa di grande soddisfazione con la leggerezza, l'apparente distacco. Alcune uve riescono bene in questo: nebbiolo, pinot nero. Nelle mani del produttore giusto, e questo lo diamo per scontato.


TrackBack
[09/18/2022, 20:51] Wine, Watches & Cigars ? Is There No Ceiling?

Recently, I popped into my local grocery store, Central Market, in Dallas. On the wall was a bottle of Ch?teau Pontet-Canet 2016 for $200.00.

On the Rolex website, one of their newest watches, a GMT-Master II ?Pepsi? lists for $10,750 retail, but try and find one new for that price. On the secondary market though, you might be able to find one for twice retail.

I?m reading an article in Cigar Aficionado, and they?re talking about Cohiba Cuban cigars now retailing for over $100.

Before the great disruption event of 2016, you could have easily found a bottle of Pontet-Canet for under $80, still a price most people wouldn?t consider, except for maybe a special occasion, and well above the price I remember seeing the 1982 stacked in my local Safeway (for $12.99!). A Rolex, five years ago you could have gone into a local AD (authorized dealer) and picked one up, at retail. Still a pricey proposition, but reachable for folks with the means. And that Cohiba Splendido? Well, in Canada or Italy I saw them for about $10, back in the day. Still, a pricey smoke, but not a C-note!

Something is out of whack. Are we living in a world exclusively comprised of billionaires? Is there no ceiling on these consumer items? Have we all gone mad? Where in hell have we landed? Is there a way off of this planet?


I have my science fiction dystopian theory about this which I will share. Sometime in the summer of 2016, around July or August, Planet Earth, traveling through space, drifted through a cosmic cloud that caused half of the people to lose all sense of order in their daily lives. Politically, socially and economically. Around the time Covid arrived on the scene, we were so topsy-turvy as a people, nothing seemed to be out of the ordinary anymore. And along with Covid came disruption of goods and services. People started walking away from jobs, relationships, you name it. We found ourselves in uncharted territory.

Meanwhile, the earth keeps turning, and people try and piece back their lives, put the puzzle back together. And then we look up find ourselves looking at wines costing $200, watches costing $20,000 and cigars costing $100. Something?s gotta give.

The good news is, you can still find terrific wines for under $20, really nice watches for under $500 and eminently enjoyable cigars for $5. Maybe not the 1% of the 1%, but who among us belongs to that club? Or would even want to be?

The thing is, for many of us, wine and watches, and to a lesser extent, cigars, are everyday items. Common things. Something that we think are within our grasp. But when they start becoming unattainable, even for folks with a little money in their bank accounts, what is it saying about who we are as a people?


I know, for my part, I can just limit my cravings, or eliminate them altogether. But those expensive items won?t just go away. In fact, they are in short supply. Good luck obtaining a Submariner at your local Rolex store. Or a Cohiba cigar from Cuba. Or a Screaming Eagle from Napa. But someone out there has the money and the ?connections? to find and buy, and hopefully enjoy these stratospheric consumer goods.

Italy has some of that. But Italy hasn?t built their brand on the premise of rare and unavailable. Oh yeah, you can look for, and find, a bottle of Soldera. And you will pay dearly for it. But Italian wine doesn?t orbit around that sun. For lack of a better term, the Italians have ?diversified their portfolio.?


I?m happy about that. Our French cousins, especially in Burgundy and Bordeaux, have arrived to a place where wines we once drank, even when we were young and broke, are no longer accessible to folks, who are now more mature and well-heeled. And they sell everything they make! But where?s the fun in seeing your wines become captive to a culture aroused by a fetishism of rarity. They?ve become a wingless bird, a rara avis. Prisoners in a wine cellar, seldom if ever to see the light of day, the warmth of the dinner table, the comradery of friendship and family. I couldn?t imagine an Italian wine like this, in my world. It would be barbarous.

I reckon much of this is built upon the sand castle of prestige and privilege. Folks want to be seen as being ?in,? and having the means to show it. All ?A? side, no ?B? side kinda thing. Italy has some of that status addiction, but when it is all said and done, Italians want to have a good time. They want to open the bottle, brandish the Cartier and smoke the robusto. Italians want to enjoy their life, not lock it up in some closet, safe or humidor. They find a way.


America, on the other hand, will we find a way? Or our way back? It might entail going forward through an inferno. I feel it. I see it. We?re living in a time unlike anytime I?ve seen in my lifetime.

Will we make it? I really don?t know. But I do know it won?t be because Italy has made it impassible and futile to move forward, at least with their wines. And thank the good graces for that. Gratitude for the obtainable, the experience made available. The gate unlocked; the door open. The table set. The wine ready. For all. Thank you, Italy.


 

? written and photographed by Alfonso Cevola limited rights reserved On the Wine Trail in Italy
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[09/11/2022, 19:21] A World Without Italian Wine

Who among us could imagine a world without wine from Italy? Well, I?m sure there are those teetotalers who have and do. And there are those for whom alcohol is an addiction, and they as well could, and should, imagine such. But for those of us who are not controlled by alcoholic urges and for whom wine is a safe and healthy accompaniment to our meals and our friendships, wine no longer from Italy is unthinkable.

But not impossible. With threats from global climate change, changes in animal migrations, land wars, and general convulsive nature of our world, could Italian wine be wiped off the face of Earth?

In fact, a world without Italian wine existed for much longer than a world with it. Millions of years, billions. And Italian wine, how long have we had it, maybe 5,000 years? So, it?s not like it has been a permanent thing on the planet. But most of us live in the here and now, where we live our lives, and trouble ourselves little with the before and after of things.

Nothing is forever.

So, will there be Italian wine in 5,000 years? Will there be an Italy? Will Earth still foster human life? Will any of us ever know? Why should we care?

I look at the family tree of, say, the Antinori family, who have been around for 26 generations, 600 years, 8% of the time Italian wine has been around. They are invested in the past as well as the future. It?s part of their living legacy. But those of us without the history, the tree and the patrimony might struggle to see the why of it. Why should we care?

In short, Italian wine is a gift from the earth to her people. And her people have made it into something greater than how it came to be, originally. It is a thing humankind has done that is good and hearty, full of life. It is joyful and it is a cause for celebration. It is an everyday thing as well. It is mundane and it is extraordinary. So, if it were to be wiped off the face of Earth, many of us would see it as tragic and heartbreaking.

But life would go on, without wine, without humanity.

Photo courtesy of the winery

I say this with a simple wine in mind that I had the other day. It was a white wine from Piedmont, a Gavi ?Cristina Ascheri,? from Cantine Giacomo Ascheri. Gavi, at one time, was considered one of the greatest white wines in Italy. But fashions change and trends emerge. And everything circles around, usually, over and over. And now Gavi is cycling back into favor among people who still appreciate well made wines. This wine is simply delicious. It beckons one. Delicate. Assertive. Savory. Dry. Rich, even. Lovely wine. A world without this wine would be a sadder place. I don?t want to live in a world without wines like this.

Everyday another wine tugs on me. ?We don?t have a lifetime for you to wait,? they call to me. The ones in the cellar are even more blunt, ?Open me, you bastard, I?ve been sitting in this cold, dark place for 20 years. I?m ready goddamnit!? A Nebbiolo, doubtless.


The Sangiovese ones are outspoken in the only way something from Tuscany can be. One Chianti exclaims, ?I may not be a Brunello and some of you might think I cannot age, but don?t waste me any longer. I?m ready to go ? wake up, get in here and take me out of this place!? Yes, a world without Italian wines would be so much more boring than it is now.

Oh, they don?t talk to you? You think I might be a little batty? Perhaps. Or maybe this silverback has learned to listen to his cellar mates. They don?t talk to you? I?m sorry, what you are missing out on. Take it from me, they talk endlessly, chattering all through the night, knowing that they have one function to fulfill, and that is to escape the confines of the cork and bottle in which they are imprisoned.

Yes, what a world it would be, a world without Italian wine. But not any world I care to live in. How about you? 


 

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[09/03/2022, 05:35] Gardena Gr?dnerhof Hotel & Spa ? Ristorante Anna Stuben ? Ortisei (BZ)

Il Gardena Gr?dnerhof Hotel & Spa incanta sin dal primo istante. Il suo nome ? da anni sinonimo di comfort ai massimi livelli, nonch? di eccellenza in ogni ambito. E’ il luogo ideale per chi desidera vivere la vacanza in ambienti accoglienti e confortevoli, con arredamenti caratterizzati da eleganza e personalit?. Le proposte culinarie degli chef del ristorante gourmet Anna Stuben hanno preso il volo verso proposte pi? sofisticate delle tradizionali stube, spesso basate su prodotti del territorio alpino. Di altissima qualit? il servizio, prodigo di attenzioni nei confronti dei clienti, e i consigli del competente sommelier. Una vacanza, dunque, all’insegna dell’eleganza classica senza sussulti modaioli, un quadro ideale per chi ? alla ricerca di un soggiorno gourmet e romantico.

La squadra:

Reimund Brunner: chef di cucina
Nicola Civita: chef de partie
Giorgio Cecchini: chef de partie
Egon Perathoner: Maitre ? Sommelier
Anastasja Rasom: Demichef

Entriamo nella splendida e spaziosa suite di lusso

Lo spazio fitness!

Divertimenti per tutte le et?…

Non manca la musica dal vivo…

L?ampia spa offre tutte le opportunit? per rilassarsi, riposarsi e ritrovare nuove energie, raggiungendo l?armonia interiore nel modo pi? piacevole!

Alcuni dettagli degli interni..

Il ristorante gourmet dell’hotel: Anna Stuben.

E ci accomodiamo con questa mise en place.

Iniziamo con un assaggio di Champagne Brut Heritage “Premier Cru” – Louis Brochet

Mette in luce una veste delicatamente dorata, arricchita da bollicine di grande finezza. Intenso al naso, rilascia un piacevole connubio tra note di mela e pera, miele, vaniglia e acacia. Al sorso si rivela armonioso, regalandoci una sensazione di leggerezza e pienezza, concludendo la lunga scia gusto-olfattiva con un ricordo di mentuccia e anice stellato.

Un grande premio…ad un grande chef!

Amouse buche: pane alla cipolla con caviale e panna acida, sfera di peperoni con olive taggiasche, kombucha al finocchio, sfoglia al carbone con lattica di capra. Carpaccio di manzo dry aged, humus di ceci, anguilla affumicata.

Tipologia di pane/grissini: Pane bianco, pane “Laugen”, pane con semi di girasole, grissini bianchi, grissini con rosmarino ed arancia, cracker con cumino e finocchio. Emulsione di olio di oliva con lime e cerfoglio.

Salmerino di fonte chicor?e, fondo di verdure brasate, olio d?aneto

A seguire gnocchi spinaci, nocciola, limone

In abbinamento Bio Vernatsch 69 Schiava – Tenuta Rielinger

69 Schiava ? una Schiava piantata nel 1969 e mai irrigata. I vecchi cloni e l’irrigazione mai vista prima gli conferisco un carattere tipico del Pinot Nero.

Anguria: bulgur, ketchup di verdure, crumble di olive

Passiamo al fegato d?oca avocado, ananas, brioche al rosmarino

Risotto finocchio, calamari, arancia

Si prosegue con Capesante: barbabietola rossa, senape, fondo affumicato

Abbiniamo un Pinot Bianco Alto Adige DOC Riserva Sanctissimus 2017 – Cantina St. Pauls

Questo Pinot Bianco ? caratterizzato da un gioco intrigante tra acidit?, frutta e complessit?. Giallo paglierino, grande complessit? olfattiva, presenza di note di mela matura, con profumi speziati e di salvia. Al palato, voluminoso, succoso, cremoso e persistente.

Bufalo d?acqua nostrano: tartare, pomodoro, anice, Sch?ttelbrot

In abbinamento Echezeaux Grand Cru 2015 – cantina Millau

Di?colore rubino scuro. Al naso sprigiona aromi intensi e complessi di brioche, spezie, ribes nero e cacao. Il vino appare seducente al palato, mostrando pienezza e rotondit? e rivelando gustosi tocchi di moka e menta, oltre a tannini morbidi. Finale splendidamente fresco.

Passiamo a Peego 2019 – cantina Valle Isarco

In abbinamento al Capriolo quinoa al basilico, ravanello, salsa al Lagrein

A seguire: Entrec?te Dry Aged dell?Alto Adige scalogno al cumino, sedano, more

Predessert!

Cioccolato Karuna rucola, ciliegia, pistacchio

Lampone, mascarpone, caramello, gelato al prezzemolo

Patata, chips, rabarbaro, menta, fragole

Caff?: torrefazione CAROMA 100% arabica

Piccola pasticceria: fragola, iuzu, cocco, favatonca e maccaron al caramello salato

Una foto con lo chef e il sommelier!

Per concludere un assaggio di Merlot DJJ 2016 – cantina Niklas

Rosso rubino denso e profondo alla vista. Naso intenso, che regala sensazioni di frutta rossa matura, fiori macerati e spezie dolci. Assaggio coerentemente corposo e bilanciato tra calore da un lato e tannino dall?altro.

E di Vino santo 2016 – cantina Salvetta

Illumina il calice di un bel color giallo dorato con riflessi ambrati, al naso sprigiona note di zest di limone e albicocca candita, con tocchi di frutta secca tostata e fiori di zagara. La bocca ? sapida e croccante, vanta un?eccellente persistenza e sul finale ripropone piacevoli note floreali e candite che lo rendono un perfetto vino da meditazione.

Al risveglio

Ottima colazione in camera

Con vista!

Grazie mille e…alla prossima!

CUCINA

La cucina del ristorante gourmet Anna Stuben, insignita di numerosi premi, ? tra le migliori dell?Alto Adige. Reimund Brunner, chef de cuisine dell?Anna Stuben, ha fatto della sua passione una professione ad altissimo livello. Le sue raffinate creazioni a base di prodotti prevalentemente regionali sono state premiate dalle pi? importanti guide gastronomiche internazionali. La cucina di? Reimund ? un?autentica arte e un?esperienza da vivere.

SERVIZIO E ACCOGLIENZA

Servizio gentile, attento e premuroso. Le irresistibili creazioni di Reimund Brunner si accompagnano a vini altrettanto squisiti, scelti tra le centinaia di etichette pregiate della cantina. Egon Perathoner, esperto sommelier e grande conoscitore di vini di tutto il mondo, vi accompagner? in un percorso enoico indimenticabile!

CONCLUSIONI

Per coronare una splendida giornata di vacanza, non c?? nulla di pi? piacevole di una cena squisita, servita nella raffinata cornice del nostro accogliente ristorante gourmet. Una cena all?Anna Stuben ? un percorso del gusto da ricordare e da ripetere.

Viaggiatore Gourmet

 

I-39046 Ortisei ? Val Gardena Dolomiti ? Alto Adige

Tel.: +39 0471 796315
www.annastuben.it?? info@gardena.it

ORARI DI APERTURA: LU-SA 19:00 – 21:00

L'articolo Gardena Gr?dnerhof Hotel & Spa – Ristorante Anna Stuben – Ortisei (BZ) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[08/31/2022, 05:35] Executive Spa Hotel ? Ristorante ALTO ? Chef Mattia Trabetti ? Fiorano Modenese (MO)

ALTO ? l?innovativo e sofisticato rooftop restaurant dell?Executive Spa Hotel, caratterizzato da una cucina d?avanguardia, basata sull?esaltazione del gusto attraverso ricerca costante e gesto creativo. ALTO affaccia sul magnifico panorama delle colline modenesi e la sua moderna struttura offre un?atmosfera unica nel suo genere. L?obiettivo ? regalare un?esperienza totale, unica nel suo genere, coinvolgendo il cliente e raccontandogli il luogo magico in cui si trova, visto con occhio giovane e innovativo.

La squadra:

Chef: Mattia Trabetti
Capopartita ai primi e vegetali: Irene Zui
Capopartita antipasti e dolci: Elios Bono
Ma?tre e sommelier: Alberto Gallingani

Al nostro arrivo in Hotel, un dolce benvenuto!

Diamo un’occhio alla nostra stanza, partendo dall‘angolo del mini-bar

EXECUTIVE SPA HOTEL 4 Stelle Superior a Fiorano Modenese ? un riferimento per stile, eleganza e ospitalit?.

Ci spostiamo per l’aperitivo…da ARIA Cocktail Bar!

Situato nel Rooftop dell?Executive Spa Hotel, ARIA ? un salotto elegante e conviviale dove potersi rilassare sorseggiando cocktail di ogni genere!

Ed ora…a cena da ALTO!

Sala e mise en place..

Elegante e minimale cucina a vista

Iniziamo con gli snack di benvenuto:

  • omaggio alla basilica di Fiorano: ricostruzione in miniatura artigianale della basilica al cui interno si possono trovare delle chips di riso e capperi per omaggiare il fatto che sotto la basilica crescono i capperi;
  • sfera di pasa kataifi fritta con mayo aioli fatta con aglio fermentato nel miele per 2 anni;
  • cialda di grano saraceno, crema di berber?, gambo di broccolo fermentato nel lievito madre e foglie di cime di rapa;

Nell’attesa arrivano i ciccioli di manzo da abbinare con aceto Sirk e aceto affinato in anfora di Acetaia San Giacomo.

In arrivo l’amuse bouche “zucca e limone“: alla base un battuto di limone fermentato, crema di zucca, ?gocce? di zucca cruda macerata nell?aceto, brodo di fieno e olio al rosmarino

Per il prossimo piatto: Spumante Brut Nature Metodo Classico “Nature”Monsupello

Di colore giallo paglierino carico, dal perlage fine e persistente con una spuma molto morbida. Al naso ? uno spumante dotato di sentori complessi, ricorda la crosta di pane, la sua evoluzione ci riconduce a sentori di cassis, mandorla amara e nocciola tostata. Al palato si presenta estremamente secco, ? uno spumante dedicato agli intenditori; di rara struttura e finezza.

Abbinato al CAVOLO RAPA E MISO DI PANE: il cavolo rapa viene cotto intero sui carboni, pulito esternamente e tagliato sottile. Accompagnato dal miso di pane e frutta secca.

Tipologia di pane: Pane a lievito madre e patate, olio di Castello di Spezzano

Proseguiamo con Vigneti delle Dolomiti Bianco “Manna” 2019 – Franz Haas?

Giallo dorato scarico che tende a scurirsi con l?invecchiamento. Il bouquet olfattivo ? complesso, seducente e inedito, composto da note di sambuco, pistacchi e petali di rose. La complessit? rimane anche al sorso, con il vino che risulta essere un concentrato di eleganza, morbidezza e mineralit?.

Che si accosta perfettamente con MAIALINO E BACCALA: all?interno del piatto troviamo dei ?ravioli? di baccala mantecato, chips di pelle di baccal? ed erbe selvatiche, il tutto accompagnato da un brodo montato e speziato di maiale. A lato uno spiedino di mirto con la guancia del baccal? e la guancia del maialino da mangiare in un sol boccone

Un trionfo per le papille gustative ANGUILLA, KIMCHI DI FRIGGITELLI E ROSE: le anguille vengono cotte intere alla brace, spolpate e condite con dello scalogno bruciato. Il friggitello che viene lavorato con la tecnica coreana del kimchi, olio alle rose e paprika affumicata.

A seguire: Canna Torta 2020 IGT Toscana Bianco – Podere Le Ripi

Dopo 9 mesi di contatto con le bucce in anfore di terracotta, questo vino, come molti vini arancioni, esce dalla zona di comfort del gusto tipico del vino. Noi chiamiamo questo gusto umami. Non ? solo un gusto ma anche una sensazione, ? un mix di salinit?, dolcezza, amarezza ma anche acidit?, rendendo questo vino ricco, carnoso e anche molto gustoso e saporito.

Stappiamo ora Emilia Rosso IGT “Macchiona” 2013 – La Stoppa

Rosso granato al calice, leggermente ambrato all?unghia. Dolci sentori di frutta rossa surmatura e a confettura aprono l?olfattiva, che lascia percepire anche sfumature speziate e toni ossidativi. Succoso l?assaggio, liscio nella trama tannica e gradevolmente minerale al palato. Ottima la persistenza.

Da accompagnare con CAPPELLETTI, NOCCIOLE NERE E BOURBON: il cappelletto viene farcito con le nocciole nere (nocciole raccolte verdi e fatte ossidare), e mantecato con un burro al bourbon ottenuto con la tecnica del fatwash. Ultimiamo il piatto con una nebulizzata di bitter.

Degusiamo ora un Gewurztraminer 2016 – Domaine Marcel Deiss

Dorato al calice, con un naso aromatico, intenso, agrumato, di pietra focaia e sentori lievemente piccanti. Palato minerale, morbido, rotondo, concentrato e dalle venature lievemente dolci.

In abbinamento al RISOTTO, FEGATO DI SEPPIA, ELICRISO E BERGAMOTTO: il risotto viene mantecato con dell?olio all?elicriso, accompagnato da una salsa al nero di seppia, fegato di seppia a crudo, scorze di bergamotto preservato e capperi di elicriso.

Tipologia di pane: Pane a lievito madre con farine ?Azienda Agricola il Pichello? con burro montato all?aceto di vino rosso affinato in botti di ginepro ?San Giacomo? e burro affumicato e polvere di origano

Proseguiamo con Cuv?e Terre de Lumi?re Moulin-a-Vent – Ch?teau du Chatelard

Al calice di rosso scuro, con un naso ricco di frutti rossi e un gusto prevalente di fragola. Al palato sorprende lo stile e la delicatezza, contrastata dalla?ricchezza e dalla forza dei tannini, ma pur sempre ben equilibrati.

Perfettamente abbinato al BATSOA DI STORIONE E PIEDINI DI MORA ROMAGNOLA, SALSA POP-KOJI: il batsoa in questo caso ? fatto da un filetto di storione farcito con un rag? di piedini di mora romagnola, impanato classico e accompagnato dalla salsa Pop-koji fatta con pop corn e koji di riso.

Raccontato direttamente dallo chef!

Adesso un calice di Gaston Hochar 2014 – Chateau Musar

Vino ricco di trama, con intensi caratteri di “frutta cotta”: prugne, susine selvatiche, mirtilli rossi, ciliegie, fichi e datteri. Il Cabernet Sauvignon conferisce sapori di frutta nera, le uve Cinsault e Carignan contribuiscono al profumo e alla speziatura elastica.

In abbinamento LEPRE, SCORZONERA, CICORIA E GALANGA: le lepri arrivano intere, vengono spolpate e spalmate con grasso di manzo, chiuse a salsicciotto ed al momento passate al bbq. A contorno troviamo della scorzonera in crema e in pezzi, insalata di cicoria e polvere di galanga. A concludere il fondo delle lapre al vino rosso.

PREDESSERT: gelato aromatizzato alle foglie di tabacco, caviale Calvisus e gelatina al whisky.

AMARA: l’amaro di Arancia Rossa di Sicilia IGP

BITTER: un dolce creato partendo da elementi amari. Alla base delle rocce di cioccolato fondente, gel di pompelmo giallo, pompelmo rosa a vivo, gambi di carciofo essiccati e gelatina al Cynar.

Qualcosa di speciale: Birra di pane dello chef

Per concludere: Formaggio di Pecore Cornelle?

…e buonanotte!

Al risveglio un room service da oscar!

Ed ? gi? ora di pranzo! Apriamo Falconero 24 2017 – Terraquilia

Falconero 24 di Monte Alfonso deve il suo nome al lunghissimo periodo di affinamento a cui ? sottoposto, ? caratterizzato da un tannino fitto e da un sorso strutturato.

PIZZA GOURMET – La polpo e patate: Mozzarella fior di latte biologica, polpo, patate di montese schiacciate, olio al prezzemolo

Gnocco fritto con pancetta cotta affumicata ?La Giovanna? di Capitelli

Passatelli in Crema di Parmigiano Reggiano 30 mesi dell?Azienda Agricola ?Hombre? e Tartufo Nero

Degustazione di olio extravergine d’oliva

Tortellini della tradizione in brodo di cappone

Tagliatelle di sfoglia verde al rag? di anatra e pecorino del Parco del Frignano

Cotechino del Salumificio ?Regnani? con Pur?, Salsa Verde e Zabaione al Lambrusco

E per terminare…Gelato alla crema con ?Uova Parisi? e gelato Fiordilatte di montagna in abbinamento a Zabaione al Marsala, ganache di Cioccolato Fondente ?Domori?, Nocciole pralinate

In abbinamento Passito di Pantelleria “La pinona” 2017 – Terdeste

La Pinona? ? un passito di struttura, carico di estratto, dal colore cupo. Al naso ? un concerto di profumi: frutti rossi e neri in confettura si amalgamano perfettamente a note speziate e balsamiche. Al palato ha grande intensit? e finezza, mai troppo dolce, equilibrato, con tannini che ne allungano la persistenza.

Grazie mille e…a PRESTO!

CUCINA

Il territorio ? il punto di partenza di una pratica in costante dialogo con i produttori locali, in un?ottica di comprensione e valorizzazione concepita come presupposto per un?articolazione del gusto di stampo esperienziale. L?avanguardia e la ricerca, espresse nel massimo rispetto della materia prima, sono figlie di un?idea personale che interiorizza la tradizione per poi stravolgerla.

SERVIZIO E ACCOGLIENZA

Servizio preciso e pulito, cordiale e sempre sorridente. Dalla cucina alla sala si percepisce impegno e dedizione, la carta vini ampia ed intrigante? con diverse chicche di territorio.

CONCLUSIONI

A pochi km dal centro di Modena e Maranello, a pochi passi dal celebre Autodromo, ? il luogo perfetto per immergersi nella cultura, nel paesaggio e nelle ricche tradizioni emiliane. Un ristorante d?eccellenza, un rooftop esclusivo con ristorante e cocktail bar, un fitness center di nuova concezione e un accogliente centro benessere. EXECUTIVE SPA HOTEL ? un?esperienza unica, autentica, nel cuore dell? Emilia Romagna.

Viaggiatore Gourmet

ALTO RISTORANTE

EXECUTIVE SPA HOTEL ? ROOFTOP
Via Circondariale San Francesco, 2
41042 Fiorano Modenese, Modena
Tel: +39 0536 1753281
E-mail: info@altoristorante.com
Sito web: www.altoristorante.com
Dal marted? al sabato solo a cena dalle 19.30 alle 22.30

L'articolo Executive Spa Hotel – Ristorante ALTO – Chef Mattia Trabetti – Fiorano Modenese (MO) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[08/02/2022, 15:32] Rossese di Dolceacqua, se 50 anni vi sembrano pochi

Il penultimo fine settimana di luglio 2022 me lo ricorder? per il caldo africano, come molti di voi, e per la ricorrenza festosa dei 50 anni dalla DOC del Rossese di Dolceacqua. Il 22, 23 e 24 luglio nonostante la calura torrida (s'? capito che faceva caldo?) nell'ameno paesino della Val Nervia ci sono state una serie di iniziative (cene, convegni, spettacoli, banchi di assaggio) che hanno degnamente ripercorso un periodo storico apparentemente lungo, ma comunque parziale: il Rossese a Dolceacqua ? un fatto ancora pi? risalente dell'et? della sua DOC. Questi racconti, narrazioni, storytelling - fatemi essere contemporaneo - hanno accompagnato queste giornate, assieme ai numerosi assaggi, quindi insomma non ci si lagna anzi grazie ai produttori di Dolceacqua che mi hanno invitato, manco fossi un influencer che danza su TikTok. E come direbbe pseudo Dante: per trattar del ben che vi trovai, dir? delle cose che vi ho scorte. 

Lo stato di molti assaggi (ad una cena) 
Si dice sempre, non si pratica mai abbastanza: il vino si valuta a tavola. Per dirla bene, chi sa e chi ricorda cita Sangiorgi, "il vino ? il ministro della tavola". Abbinato a preparazioni local estreme (tipo capra e fagioli), oppure a piatti delicati, il Dolceacqua dimostra una versatilit? di abbinamento che non ? facile trovare in altre denominazioni. A questo aggiungo che i numerosi assaggi hanno da subito presentato produttori altrettanto numerosi accomunati - e questo secondo me ? rilevante - da livelli qualitativi costantemente alti, e vale pure per etichette meno note: per fare un semplice esempio, Maixei ? una realt? cooperativa che produce tra l'altro Dolceacqua, e pure la cantina sociale non sfigura, anzi, mette nel bicchiere un rosso convincente, succoso, con la tensione e leggiadria tipica. Se mi passate il momento sciovinista, se sei enofilo e sei ligure non puoi che essere contento di verificare tutto questo. 
La sala del convegno

"No, il dibattito no!" (Pseudo Nanni Moretti) 
?Il Rossese di Dolceacqua: ieri, oggi, domani? - Conferenza presso la sede dell?ex Comunit? Montana, recita il programma di domenica mattina. Uno cita Nanni Moretti per un fatto politico, siccome la conferenza ha visto, purtroppo, una folta apparizione di personalit? politiche regionali e nazionali, sulle quali chi scrive dovrebbe evitare di mugugnare per non apparire il solito guastafeste. Ma siccome io non so bene evitare questa, diciamo, funzione, devo dire: era meglio farne a meno. E non mi riferisco ai sindaci, che sono comunque rappresentanti politici che col territorio, per la loro funzione specifica, hanno a che fare. Mi riferisco ai capataz che hanno infarcito lunghe prolusioni di supercazzole come "fare sistema" e altre vacuit?. Soprattutto, hanno evocato concetti difficili da maneggiare, come un supposto salvifico enoturismo di massa che, credetemi, collide con una DOC prodotta in quantit? omeopatiche, su un territorio ristretto, in una regione in cui le infrastrutture che dovrebbero veicolare queste masse sono patetiche: sulla qualit? disastrosa delle autostrade liguri c'? una vasta letteratura che spazia tra la fantascienza e il surreale, ma niente: si deve per forza indicare negli spostamenti massivi un tipo di veicolo promozionale decente, lasciando fuori dal discorso un'altra parolina, sostenibilit?, che potr? essere utilizzata comunque in altri ambiti, con voluttuosa abbondanza. Vabb?, arrivati a questo punto della lagna uno dice "ma parliamo di vino che ? meglio", ed in effetti la conferenza ha avuto pure momenti di notevole interesse, per esempio quando Matteo Gallello (autore su Porthos, Verticale) ha parlato della versatilit? di abbinamento del Rossese di Dolceacqua di cui sopra: dalla cucina locale, alle preparazioni semplici fino a quelle pi? complesse, citando anche cucine orientali e/o etniche.
Per chi lo desidera, ed ? dotato di spirito di sacrificio, ho caricato su Youtube il video intero della conferenza, peraltro scippato dalla pagina Instagram degli organizzatori ma io continuo a preferire YT, sono antico.

Ma parliamo di vino che ? meglio 
Nel pomeriggio di domenica, sul tardi quando il calore era meno africano, in piazza a Dolceacqua c'erano un bel po' di tavoli di assaggio, con un buon numero di produttori, qualcuno anche poco noto e a me sconosciuto. ? il genere di dettaglio che aumenta il mio interesse. Dopo aver assaggiato tutti, modestamente, potrei fare, anzich? una lunga serie di appunti di degu, una specie di stato generale del Dolceacqua, sotto forma di classifica. Nel senso che: c'? un nocciolo duro di produttori, sempre quelli, che per me rappresentano l'eccellenza. Diciamo i primi cinque della classifica. C'? il gruppo degli inseguitori, altri cinque, che stanno facendo un ottimo lavoro. C'? un terzo gruppo, di nuovi, giovani, outsider, troppo piccoli per uscire dall'area produttiva, che lo stesso mi facevano dire ad ogni assaggio: ma che bravo, questo. 
L'allestimento in piazza/1

L'allestimento in piazza/2


I soliti bravi 
Terre Bianche aveva il Dolceacqua classico 2021 che ? riuscito, cosa per me alquanto strabiliante, a superare (forse) il mitico 2020 che venne prodotto usando anche le uve dei cru. Veramente un assaggio notevolissimo. Maccario Dringenberg forse non serve nemmeno presentarla, ? una specie di rassicurante certezza. Non esiste una nomeranza di quest'azienda che mostri mai anche un vago cedimento, l'esecuzione ? perennemente precisa e giocata su quel mix di nettezza e fisicit? che definisce questa DOC unica e desiderabile. Ka' Mancin? ? tra i miei preferiti perch? - nel fare vini pur diversi dai primi due citati - ? capace di inserire un profilo di personalit? unicissimo che si ritrova nel bicchiere: un rosso zergo, appena burbero, e ugualmente succoso, dalla bevuta invitante. Lo stesso discorso si potrebbe fare per Testalonga Perrino, azienda stracult per la risalenza produttiva (il signor Nino Perrino ha cominciato a far vino ben prima della DOC) e stracult al cubo per la difficolt? a trovare in giro quest'etichetta, prodotta in quantit? sempre troppo basse rispetto alla richiesta. Il vino peraltro ha una tensione tutta sua, pi? terra che frutto, e poi carne e sangue. Da bersi nella maturit?, meglio, e del resto il banco di assaggio gestito da Erica Perrino ha consentito di sentire annate un po' indietro, e che festa, difatti. Tenuta Anfosso continua a dare prove notevolissime col Poggio Pini, ma in realt? era sufficiente l'assaggio dell'ultima annata del suo Rossese classico per avere subito la misura di un produttore arrivato, nel senso buono del termine intendo, cio? affidabile. 
Anfosso e le sue etichette

Quello che restava di Perrino, alla fine

Giovanna Maccario e un magnum di Sette Cammini

Gli inseguitori
Qui devo andare un po' pi? veloce se no mi esce fuori Guerra e Pace (e inevitabilmente qualcuno lo devo tagliare) ma ci sono alcuni produttori che stanno mettendo in giro delle vere delizie, ogni anno che passa un po' di pi?. Applausi quindi per Mauro Zino con un Superiore Peverelli 2019 dritto e serissimo. Oppure Roberto Rondelli che con Arenaria 2021 prosegue nel segnare la via per la definizione del suo Rossese, coerente. Un altro 2021 memorabile, e piacevolissimo, ? quello di Foresti, altro produttore che sta crescendo a ritmo sostenuto. E Gajaudo col Luvaira 2019, scusate il cru pazzesco verrebbe da dire, pure ben giocato col legno che qui a Dolceacqua pare sempre un'arma a doppio taglio. In coda ri-cito Maixei, esemplare cantina sociale che con cose come il Barbadirame Superiore 2019 mi fa pensare che, quando anche la cooperazione esprime risultati cos? alti, ebbene vuol dire che la denominazione intera ha raggiunto livelli encomiabili. 
Il Peverelli di Mauro Zino

Arenaria by Roberto Rondelli

"Luvaira", fa sempre piacere leggere questa nomeranza

La bella etichetta di Maixei


Attenti a quelli l? 
Adesso vi piazzo un paio di nomi, poi fate voi. Azienda Agricola Caldi, ettari tipo uno o due, assaggiato Superiore 2020 e Classico 2021, da comprare al volo. Piccolo problema: vino non ce n'?, quel poco ? venduto localmente ad aficionados (e qui ometto gli improperi dell'enotecaro). Ascari col Dolceacqua 2021 promette benissimo, considerando che ? poco pi? che un giovane esordiente, quindi again da tenere d'occhio. 
Le etichette molto classiche di Caldi

Ed ecco il giovane promettente


Gran finale, in giro per vigne
Luned? mattina, camminata per Posa? e Luvaira in compagnia di Giovanna Maccario. Potrei ripetere che faceva caldo anzi caldissimo, ma arrivati lass? c'era chi, come il signor Dringenberg, in vigna ci stava lavorando, e allora che faccio: mi lamento, io, che facevo il turista? Del resto vedere quei cru storicissimi e prestigiosi con la guida di Giovanna ? stato un fatto glorioso - che in fondo non era nemmeno cos? caldo, a ripensarci. Come direbbero quelli bravi, ora facciamo parlare le immagini, e da Dolceacqua ? (quasi) tutto.
Il mare ? l? dietro

I terrazzamenti con la pietra a secco

Altri terrazzamenti tra i filari

Alcune piante che soffrono la siccit?: quest'anno altrove l'azienda ha irrigato a goccia
TrackBack
[07/15/2022, 17:57] JOL? EMOTIONAL CUISINE | J44 Urban Lifestyle Hotel 5 Stelle ? Jesolo (VE)

Il ristorante Jol? Emotional Cuisine, nel contesto del J44 Lifestyle Hotel, apre le sue porte per sorprendere le tue abitudini culinarie, accompagnandoti a tutto gusto. Jol? ? il risultato del forte desiderio di proporre qualcosa di nuovo e importante sul territorio Jesolano. Il continuo studio del prodotto e delle tendenze, l?insaziabile interesse verso la materia prima e le esperienze internazionali vi faranno dire ?questo non ? solo un ristorante, ma ? il riassunto del luogo dove mi trovo?. A testimoniare questa cucina curiosa, autentica, che abbraccia l?arte del fusion senza mai scordarsi della preziosa offerta del territorio ? la carta essenziale: una delicata selezione di abbinamenti da gustare, che seguono instancabilmente le stagioni.

La squadra

Team Cucina

Executive Chef: Sander Wildenberg
Sous Chef: Giulio Sancilio
Chef de partie: Davide Macor
Chef de partie: Andrea Visintin
Chef de partie: Andrea Viscardi

Team Sala

Ma?tre: Bruno Bego
Sommelier: Francesco Piazza
Chef de rang: Alessandro Polato

Team Tacco11

Bar Manager: Luca Girotto
F&B Manager: Fabio Bello
Hotel Manager: Marco Girotto
General Manager: Matteo Rizzante

Iniziamo con l’aperitivo da Tacco11 con un’immancabile Gin Tonic ? Gin Sospiri, Tonica Fever Tree Mediterranean

Stuzzichiamo un’Ostrica Gillardeau, dashi beurre blanc, caviale & Bun di branzino (pescato nostrano), bergamotto

Ci spostiamo in camera…

Il benvenuto personalizzato

E ora momento relax alla SPA Privata ad uso esclusivo solo su prenotazione al 9? piano.

Vasca idromassaggio

E adesso a cena al Jola Emotional Cusine

Abbiamo optato per il menu degustazione “A mano libera”

Un po’ di mixology per iniziare

Americano con Bitter ?Divo Rosso? e Vermouth Insolito al radicchio.

Stuzzicando grissini di semola & Cracker nero soffiato, pat? fegatino di pollo e nocciola, polvere di paprika & Cialda di polenta gialla, gras pist? (lardo di pata negra) e gli amuse bouche: Frico, gel di cipolla bruciata, Lisca al nero di seppia, emulsione di baccal?, polvere di alghe Dashi e beurre noisette

Stappiamo la prima bottiglia: Champagne Dosage Z?ro Blanc de Blancs Grand Cru “Encry Grande Cuv?e” Magnum – Vue Blanche Estelle

Di colore giallo paglierino intenso al calice, con perlage sottilissimo e di grande persistenza. Estremamente raffinato all?olfatto, ai fiori bianchi e alla pesca noce aggiunge ricordi tostati di nocciola e crosta di pane, e sfumature minerali e agrumate. Il palato ? pieno e croccante, profondo e ampio, di ottima lunghezza e gradevolmente sapido in chiusura.

In abbinamento carpaccio di scorfano all?acqua pazza, salsa aglio, olio alle erbe Accanto: Grissino all?acqua di mare e katsuobushi

A seguire Derthona IGT 2019 – Vigneti Massa

Di colore giallo paglierino luminoso. Al naso si distinguono fragranze di mela golden, kiwi, caramella al limone, ?fumo?, tenui soffi floreali e minerali. Il palato rivela una silhouette affilata, agrumata, con piacevoli guizzi sapidi. Finale piuttosto disinvolto, che rimanda al quadro?aromatico.

In abbinamento alla capasanta di Caorle, crema di cavolfiore bruciato, nocciola, caviale. Accanto: Focaccia con Olio Muraglia denocciolato

Assaggiamo ora Cerasuolo D?Abruzzo Rosa-Ae DOC – Torre dei Beati

Un vino rosato piacevole e immediato, attraversato da delicati sentori di rosa e accenti fruttati di melograno, fragoline e ciliegie. Ha un gusto rinfrescante, succoso ed equilibrato, dotato di bella vitalit? e golosa freschezza

Accostato alla Tartare di cervo (filetto, cacciato Europa), gel ai frutti rossi, Tom Kha Gai, jus di cervo al cioccolato fondente. Accanto: Pagnotta di segale, burro (Normandia) montato e sale Maldon

A seguire Hora Prima IGT – Mosole

Di colore giallo intenso. Il profumo di frutta matura con sottofondo di albicocca, ananas e agrumi. Al gusto, il corpo ? ben sostenuto da una buona struttura e finisce lungo e persistente.

Pensato in abbinamento allo Spaghetto ?Monograno Felicetti?, lievito, dashi, limone, scampo (Sicilia)

Bottoni di pecorino romano e carota, brodo di foglie di cavolfiore, sommacco e noci pecan

Ci spostiamo su Yoigokochi Sak? Tentaka Organic

Tentaka Organic ? un sak? biologico certificato, prodotto dall?autorevole sakeificio Tentaka Shuzo. Delicato ma ricco di acidit?, umami e sentori terrosi.

Perfettamente accostato al Rombo pescato in Olanda, sedano rapa in crema e marinata, Tosazu all?aceto di Sirk?

E’ il momento di addolcirsi con ?Ad Nonam? Bianco Passito IGT – Mosole

Vellutato, dolce e cremoso.?Il segreto dell?appassimento naturale in cassetta sotto la tettoia rivolta a sud-ovest, da settembre a dicembre, permette ai grappoli il loro naturale processo di disidratazione, una maggiore concentrazione di zuccheri e dona agli acini un colore che va dal giallo, oro, al bronzo.

Abbinato a Lampone, lampone, lampone (mousse, gel e croccante di lampone)

E ora Vin Santo di Gambellara DOC – Vignato Virgilio

Colore giallo dorato. Al naso esprime sentori di frutta disidratata, come albicocche e spezie dolci. Al palato ? avvolgente, ricco di sensazioni con la giusta freschezza e morbidezza.

A seguire Mousse al tabacco (mousse al tabacco, gelato al caff?, aria di sambuca, crumble vaniglia)

Piccole coccole: Gel?e di arancia e campari | Bonbon cocco e lime | Macaron lampone | Craquelin al mascarpone | Viennese al cioccolato

Una foto con tutta la squadra!

Buonanotte!

Un risveglio con vista mare

Colazione in camera!

Un grande GRAZIE e…a presto!!

Cucina

Jol? si propone attraverso i suoi piatti con ingredienti di alta qualit? e stagionali, colori e usanze che rispettano le tradizioni facendoci espandere verso orizzonti lontani. Nulla ? fuori posto e tutto sembra accostarsi per esaltare il gusto naturale della materia prima. Pensando ad un percorso per tutti quelli che non vogliono rinunciare a nulla ?A Mano Libera? ? un menu degustazione a sorpresa che rappresenta l?identit? di Jol? e il loro rispetto verso la materia prima. Accostata e armonizzata dall?ispirazione creativa dello Chef Sander Wildenberg.

Servizio ed Accoglienza

A rendere interessante la proposta del Jol? sono proprio le persone che ci lavorano. Ognuno di loro ha una storia da raccontare, e lo fanno attraverso i piatti e i racconti durante il servizio. Ogni competenza, ogni consapevolezza, ogni esperienza internazionale pregressa viene trasmessa nei piatti e con i piatti.

Conclusione

Un indirizzo perfetto e imperdibile per chi cerca il relax sul mare e una proposta gastronomica fuori dalle righe, con la possibilit? di fare un salto verso la mondanit? senza uscire dall?hotel.

Viaggiatore Gourmet

J44 Lifestyle Hotel
Via Dante Alighieri, 46 – 30016 Jesolo, Venezia
Tel: +39 0421 1830300
E-Mail: booking@j44hoteljesolo.it
Sito web: www.j44hoteljesolo.it

L'articolo JOL? EMOTIONAL CUISINE | J44 Urban Lifestyle Hotel 5 Stelle – Jesolo (VE) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[07/01/2022, 17:29] Borgobrufa Spa & Resort ? ELEMENTI Fine Dining ? Chef Andrea Impero ? Brufa (PG)

Nel cuore verde d?Italia e dell?Umbria, a Torgiano, su di una collina che domina Assisi e Perugia sorge Borgobrufa SPA Resort. Completamente rinnovato nel 2019 offre una sublime quiete, accoglienza, comfort e benessere. Per godere appieno del silenzio e della pace caratteristiche del luogo, Borgobrufa SPA Resort accoglie solo ospiti con et? superiore ai 15 anni. La posizione privilegiata del 5 stelle permette di godere di una vista senza uguali, che spazia dalle colline coltivate a vigneti e olivi, che si pu? godere da ognuna delle 49 camere, caratterizzate da arredi della tradizione umbra o di design moderno e ricercato. Un regno di lusso e charme, dotato di tutti i comfort, compresa la SPA pi? grande dell’Umbria.

La spettacolare vista panoramica accompagna gli ospiti anche a tavola, grazie alle vetrate a tutta altezza del raffinato Ristorante Quattro Sensi e del pi? intimo Tempio del Gusto. La cucina, affidata allo chef Andrea Impero, valorizza sapori autentici e specialit? umbre, affidandosi a ingredienti di prima qualit? e produttori locali e riscoprendo tecniche di lavorazione di un tempo. Ultimo ma non ultimo, l?esclusivo Elementi Fine Dining per un?esperienza culinaria unica. Oltre 150 etichette di pregio, tra vini del territorio, regionali, italiani e internazionali compongono la preziosa Enoteca. Scegliere di soggiornare o cenare al Borgobrufa SPA Resort significa godersi un’esperienza suggestiva completa!

La squadra

Martina Pallante Restaurant Manager

Cucina

Andrea Impero Executive Chef
Daniele Binario Sous Chef
Diego Pennacchia Chef Tournant
Antonio Virgilio Head chef de Parti
Federico Ramacciani Demi Chef
Luigi Cerlino Demi Chef
Giacomo Pochini Demi Chef e Bakery
Luigi Difazio Commis
Iacopo Giulietti Commis
Pamela Fabbrizi Pastry Chef
Andrea Angeleri Pastry chef

Staff di sala

Domenico Scotto D?Antuono Maitre
Xavier Austoni Sommelier
Mariano di Meo Secondo Maitre
Armando Onorato Barman

 

Lo chef Andrea ci introduce l’orto di Borgobrufa

Lunch a Bordo Piscina.

Iniziamo con l’aperitivo della casa: Poggio Belvederino 2019 ? Borgobrufa

Incrocio Manzoni e Trebbiano, bianco elegante e dotato di gran fascino, ideale per aperitivi e primi piatti leggeri.

E un assaggio di Umbria Chardonnay IGT ?Bram?to della Sala? 2019 – Castello della Sala

Di colore giallo paglierino leggero con sfumature verdognole, al naso si presenta con un bouquet ricco in cui predomina la frutta matura, in particolare mela e ananas. Al palato le leggere note minerali si intrecciano con quella sapidit? e speziatura tipica dei vini del Castello della Sala. Il risultato ? un vino fine, elegante, dotato di una ottima spina minerale che ne favorisce la persistenza e la complessit?.

Per iniziare leggeri…la signora Carbonara!

A seguire insalata di polpo e patate

Assaggiamo anche Burgus 2018 – Borgobrufa

Blend di Sangiovese e Cabernet dai profumi intensi e freschi con un veloce passaggio in barrique, ottimo con carni rosse, pollami e cacciagione.

In abbinamento al Chef Burger di manzo ?Etrusco? con scamorza di pecora ?La Solana?, pomodori grigliati e salsa tartara. Servito con patate fritte alla paprika fatte in casa e pane morbido al sesamo di nostra produzione

Il Sunset Bar!

Ci spostiamo nella nostra Imperial Emotion Suite & SPA, una bolla di lusso, charme e privacy totale. Una Suite di 200 mq con due camere doppie, piscina interna riscaldata, sauna e bagno turco, 40 mq di patio con vasca idromassaggio e 220 mq di giardino privato.

Il benvenuto in camera…

La nostra piscina interna riscaldata privata!

E l’immancabile idromassaggio

Ci spostiamo all’aperto in piscina per l’aperitivo

Ed eccoci finalmente da Elementi Fine Dining

La sala propone un ambiente intimo, raccolto ed elegante in cui si respira quiete e armonia grazie alla raffinata la mise en place, minimalista e poetica.

Le danze si aprono con alcune chicche:

  • Il salame autoprodotto di porco Cinturello Orvietano
  • Il pane sciapo a lievitazione naturale con farine di grani antichi Umbri
  • La cialda di farro come elemento primordiale nel ricordo del primo cereale coltivato dall?uomo.
  • Olio extra vergine d?oliva ?San Felice? Locci cultivar autoctona del territorio

La salsa della perugina

BACCALA? IN FERMENTO ALLA PERUGINA: questo appetizer rappresenta invece il punto d?arrivo in Umbria per lo chef che reinterpreta una ricetta popolare attraverso tecniche opposte ma efficaci soprattutto per la conservazione, quindi la salsa della perugina (prugne, albicocche secche, carote, sedano, scalogno, pomodoro) che fermenta spontaneamente per 2 mesi e lo chef ne utilizza il succo per marinare il baccal? crudo.

Gli altri amuse buche:

RAFFAELLO DI TINCA AFFUMICATA: Tradizionale del lago Trasimeno la tinca affumicata con legno di faggio, il pat? fatto dallo chef racchiude una mandorla tostata e viene cosparso di quinoa soffiata.

COPPIETTA DI CALAMARO: ricordi di tradizione norcina romana le coppiette di maiale trasformate in coppiette di calamaro.

BLINI DI BARBABIETOLA, STRACCHINO? E? CAVIALE ADAMAS: esperienze di vita vissute, la Russia per lo chef ? stata punto di partenza della carriera e motivo di visione per le tecniche future, rappresentativo di uno stato il blinis con il caviale per i giorni di festa.

In abbinamento un calice di Trebbiano Spoletino ‘Laetitia’ – Fongoli

?Laetitia? di Fongoli ? un?Trebbiano Spoletino?espressivo, fruttato e minerale, di buona ricchezza aromatica, ottenuto con breve macerazione sulle bucce. Profuma di frutta gialla e fiori e al palato si rivela fresco, piacevole e succoso

A seguire Metodo Classico Passerina Dosaggio Zero – Faraone

Colore paglierino tenue, perlage fine e persistente, cremoso in bocca, sentori di crosta di pane, retrogusto leggermente amaro.

Grissini della casa

Stappiamo adesso Il Reminore – Madrevite

Di colore giallo paglierino con sfumature dorate. Al naso la presenza di frutti bianchi e agrumi, con raffinate note minerali. Un vino fresco, profondo e con spiccata complessit? tipica del vitigno.

Terra bagnata.

Salsiccai d?anguilla, fagiolina del lago trasimeno e sedano nero fermentato

La ricerca del territorio si sofferma su una microzona dell?Umbria che ha stupito per richiamo alla terra e sensazioni fangose legate all?umidita del lago. A Castiglion del Lago Fabio Berna custodisce la banca del seme umbro e la vera fagiolina del Trasimeno oltretutto ?l?aglione Valdichiana? data la vicinanza al lago di Montepulciano, il tutto di contorno al pesce pi? autoctono umbro l’anguilla, il sedano nero di trevi ci riporta ai gusti primordiali del fermento naturale.

Degustazione di oli.

Olio extravergine d’oliva “Sesto” – Loreti

Olio extravergine d’oliva Gran Cru Villa Magra – Franci

PORCO TONNO: Cinturello Orvietano ?Urbevetus? preservato, papacelle fermentate e rapetti

Il porco tonno nasce dall?idea di portare sul piatto un metodo di conservazione antico che consiste nel conservare le carni in vasi di vetro effettuando una salamoia calibrata, dopo lunghe ore di cottura e metterlo sott?olio. Cos? facendo dopo un paio di mesi si pu? consumare. Una volta pronto tramite lo scambio osmotico che avviene tra la carne e l?olio si ottiene un aspetto visivo uguale al tonno in scatola che attualmente si continua a utilizzare con questa tecnica. Servito con rapetti osmotizzati e papacella fermentata.

In abbinamento alla Birra artigianale ?Suburbia? – Fabbrica di Birra Perugia

Birra dal colore giallo dorato con schiuma compatta e molto persistente. Al naso predominano i toni erbacei, resinosi, con note balsamiche e speziate su qualche leggero sentore agrumato. In bocca apre con un fruttato che cede quasi subito il passo a note amarognole e volutamente dure.

A seguire Umbria Rosato IGT ?La Bisbetica? 2018 – Madrevite

Alla vista regala un bell?arancio-rosa, brillante e luminoso. Il naso si apre su sfumature floreali, per poi percepire decise note fruttate, di lampone e ciliegia in particolare, completate da una sottile mineralit?. La bocca ? fresca e sapida, intensa e gradevole, di lunga persistenza.

Tarallini per spezzare

A seguire un calice di Fiano di Avellino DOCG “Vino della Stella” 2018 – Joaquin

Giallo paglierino intenso, con riflessi dorati al calice. Offre al naso complesse note olfattive, composte da albicocca, ananas, melone e frutta tropicale matura, cui si aggiungono sfumature mielate e ricordi di frutta secca e appassita. Corposo e minerale al sorso, si dimostra elegante, di ottima persistenza e gradevolmente ammandorlato in chiusura.

In abbinamento a PESCATRICE ROMANA: Coda di rospo e la sua trippa, rabarbaro e radici

FARAONICA: Salm? di faraona di Laura Peri, erbe amare e cannellino del fiasco.

Degustiamo anche l’olio extravergine d’oliva Olivastro – Quattrociocchi

A seguire olio extravergine d’oliva biologico?Costa del Riparo – Viola

ALTO PIANO MEDITERRANEO: Tonno rosso ?Belfag?? patata vitellotte di Colfiorito e anice

PRINCIPI: Orzo mondo di Poggio aquilone, estratto erba grano e bue grasso etrusco

PASTA & CIPOLLA: Spaghettini Pastificio dei campi in crioestrazione di cipolla di Cannara

Il primo piatto concepito ragionando sul fattore umano dell?uomo che lavora i campi, dell?uomo che non aveva niente di cui mangiare e dopo una giornata di lavoro desiderava solo la pasta con la cipolla, quindi l?idea nasce dall?incontro con LUIGI ORTOLANI storico produttore di CIPOLLA DI CANNARA. La tecnica utilizzata ci consente di rendere amabile profondo e complesso un piatto che altrimenti sarebbe stato pesante e di non facile digestione, invece lavorandola in questa maniera la cipolla snellisce il suo effetto e diventa elegante.

GIALLO ORO: Carnaroli ?Riserva San Massimo? zafferano di Citt? della Pieve, cognac e scampi.

Concettualmente il piatto pi? lussuoso del menu, l?idea ? stata quella di abbinare prodotti rari e preziosi in un unico piatto come ostentazione alla lussuria argomento non amato e non gradito dallo Chef.

Ed ora Tizzonero – La Carraia

Il ?Tizzonero? deve il suo nome alle profondit? del colore e alle rese per ettaro piuttosto contenute. Al naso ricorda note di visciola, ribes nero, cioccolato, china e liquirizia. In bocca risuona la sapidit? dei terreni vulcanici e la ricchezza di estratto. L?impatto ? morbido, succoso e di bella persistenza.

In abbinamento a la GHIOTTA: Ravioli di piccione, lardo e carote

Un piatto simbolico che esprime la passione dello Chef nei confronti della cacciagione e degli animali di bassa corte, il piccione alla ghiotta a origini Todine ed il territorio Umbro ne conosce le molteplici varianti. Nella tradizione la ghiotta sta a rappresentare la leccarda sotto lo spiedo dal quale ri recuperano i succhi della carne per irrorarla di nuovo. Il principio del piatto ? lo stesso con il piccione scottato quasi crudo il ripieno del raviolo con interiora e cosce , la salsa della leccarda servita in sala ed il lardo di maiale sottile ad ungere ogni raviolino.

Pre dessert: L?uovo sbattuto

Questo pre desset rievoca sentimenti e ricordi legati all? infanzia, l?intenzione dello Chef ? di far emozionare con il gesto dell?uovo sbattuto il cliente facendogli ricordare questo gesto d?affetto che le nonne o le mamme facevano a tutti i bambini di un tempo passato.

E adesso giochiamo un po’….

In preparazione in sala:

  • BRIOSCIA: Fiori d?arancia e gelsomino
  • PASTA DOLCE: Noci, limone bruciato, alkermes

Un dolce non troppo dolce ma molto significativo, ci spostiamo in Sicilia regione che ha stupito lo Chef con i suoi profumi, sapori e tradizioni, rappresentativa la brioscia con il tuppo antecedente alle brioches francesi di cui si dice ci abbiano rubato il nome. Viene servita con una crema inglese fatta con uova d? anatra, panna d? alpeggio e vaniglia Tahiti. Il tuppo solo nel piatto da inzuppare con le mani nella crema e goderne un paio di morsi fugaci inebriati dal profumo di Gelsomino nebulizzato nell? aria e l?acqua distillata di fiori d?arancia amara nell?impasto della brioscia riportano alla memoria ricordi una passeggiata di primavera tra le fioriture della Sicilia e delle riviere nostre tutte.

Concettualmente uno dei dolci pi? rappresentativi della regione, di solito cucinato nelle festivit? natalizie. Questo piatto simboleggia la povera arte pasticcera della regione e risale all? epoca rinascimentale inquanto si hanno i primi cenni storici di maccheroni dolci e non salati nel 1400. La versione dello Chef esalta la storia ma soprattutto la selezione sfrenata dei prodotti che compongono questa ricetta.

Per concludere caff? Corsini Arezzo le coccole finali:

  • Diplomatico allo Strega
  • Cannolo con crema di capra e fragole fermentate
  • Bacio di dama allo zenzero
  • Mini maritozzo con panna
  • Daquoise alle nocciole con mousse santoreggia
  • Cremino tre cioccolati
  • Tartufino con tartufo nero estivo della tenuta San Pietro a Pettine (Trevi)
  • Bacio alla Perugina

Al nostro risveglio…una super colazione! Dolce o salato, ce n’? per tutti

Un saluto a tutto il team! Che squadra!

Una di quelle viste che difficilmente di scordano

La cristalleria

Un meraviglioso grazie a tutti e….a presto!!

CUCINA

La cucina del ristorante Elementi di Borgobrufa SPA Resort ? il fulcro attorno a cui ruotano e si intrecciano i fondamenti di una filosofia chiara, cristallina: la ricerca instancabile dell?essenza, della verit?, del benessere e dell?armonia. ? un percorso che nasce da lontano, dalle passioni di una brigata guidata da uno Chef giovane ma gi? traboccante di esperienze e cultura culinaria, che ? soprattutto stimolato da un fervore illimitato per una perfezione stilistica e intellettuale che nulla lascia al caso. Ogni dettaglio, ogni singolo ?elemento? ? collocato con cura maniacale: una cucina di pensiero, prima di tutto, figlia legittima di una riflessione profonda sul concetto di ?cucinare? che va oltre la trasformazione della materia prima. ? proprio la materia prima il punto di partenza e di arrivo di un cammino circolare, che parte dalla terra, dai suoi frutti, da fornitori appassionati di idee e progetti, scovati in ogni anfratto di una regione ricca di veri giacimenti gastronomici. Il rispetto per la tradizione ? assoluto, il gusto ? forgiato dalla tecnica culinaria in messaggi di rara limpidezza, scanditi attraverso due percorsi di degustazione che viaggiano sicuri all?interno e all?esterno di un confine regionale che firma gli ambiti in cui la fantasia e il sapere di Andrea Impero sanno fondersi.

SERVIZIO E ACCOGLIENZA

Ambiente intimo, raccolto, elegante: tavoli ben distanziati, la grande vetrata che domina la campagna umbra e svela Perugia. Si respira quiete e armonia grazie alla raffinata la mis en place, minimalista e poetica, con la classe di Domiziani che scandisce e dipinge d?arte i momenti trascorsi qui al ristorante Elementi. Una brigata di cucina e di sala giovane, motivata entusiasta, sapr? accogliere il cliente con garbo, professionalit? e savoir faire, per condurli attraverso due percorsi gustativi unici.

CONCLUSIONI

Un luogo in grado di racchiude l?espressione del territorio e delle stagioni, del relax e della spensieratezza in uno. La vacanza al Borgobrufa SPA Resort si completa di esperienze suggestive che rendono il soggiorno ancora pi? speciale, tra cui degustazioni e corsi di cucina. Appena fuori dal Resort, a Brufa si pu? visitare il Parco delle Sculture, un museo a cielo aperto con opere d?arte contemporanea. E poi camminate nella natura e tour in e-bike, passeggiate a cavallo e sfide con le racchette nel campo da tennis privato: una full immersion nella natura.

Viaggiatore Gourmet

 

BORGOBRUFA RESORT
Via del Colle, 38, 06089, Brufa di Torgiano, PG ItaliaTelefono?
Tel +39 075 9883
Sito Web: www.borgobrufa.it

L'articolo Borgobrufa Spa & Resort – ELEMENTI Fine Dining – Chef Andrea Impero – Brufa (PG) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[06/21/2022, 07:36] Quellenhof Luxury Resort Passeier ? Ristorante 1897 Gourmet ? San Martino in Passiria (BZ)

Un paradiso per il benessere e lo sport: Wellness Resort Quellenhof si trova nelle immediate?vicinanze di Merano, tra prati e boschi, circondato dal meraviglioso paesaggio alpino dell’Alto Adige. Dal 2016 c’? anche un piccolo e raffinato ristorante gourmet. Il nome risale all’anno di fondazione del Quellenhof nel lontano 1897. All’epoca fu costruito come un semplice ufficio postale lungo la Strasse Passirio. Con il passare del tempo il Quellenhof si ? sviluppato in un popolare luogo di incontro. Gli ospiti venivano anche da lontano per assaggiare la trota del Passirio appena pescata e preparata in diversi modi. Oggi si possono scegliere tra tre varianti di menu degustazione: 4, 5 o 6 portate. In un pacchetto unico a tutto gusto e relax immersi tra i profumi di montagna!

La squadra

Staff cucina

Mayr Mike: Chef
Kofler Christa: Sous Chef
Kofler Maria: Chef de Partie
Pistis Alberto: Chef de Partie
Ferrante Claudio: Chef de Partie
Pozzobon Enrico: 2? Chef de Patissier

Staff di sala

Matteo Lattanzi: M?itre d?Hotel & Sommeliere
Peter Tschenett: Sommeliere
Alexander Tsch?ll: Chef de Rang
Gabriel Haas: Commis de Rang

 

Al nostro arrivo per guidarci nella straordinaria degustazione, quel fuoriclasse di Matteo Lattanzi, un professionista esemplare!

Il nostro benvenuto personalizzato

Mise en place

Iniziamo con l’aperitivo Alto Adige Spumante Ris. DOC Pas Dos? 600 Blanc de Blanc 2015 – Cantina Kurtatsch

Perlage fine ed elegante, al naso si percepiscono note di frutto giallo fresco, melone bianco, pesca, frutta esotica e buccia di cedro. Palato estremamente fine, cremoso e avvolgente, con note di pane tostato, burro e marmellata di limoni dolci. Chiude in morbidezza con mineralit? e acidit? che giocano a rincorrersi creando armonia al palato.

E un calice di Champagne Brut “La Cuv?e” – Laurent-Perrier

Di colore giallo dorato, con perlage elegante e persistente. Al naso ? ampio e complesso, in cui le note fruttate e agrumate sono arricchite dai classici rimandi alla crosta di pane, ai lieviti, alla pasticceria e al burro. L?assaggio ? fragrante, armonioso ed equilibrato, di ottima lunghezza.

Tipologia di pane, burro e olio: Pane fatto in casa (projetto regiokorn) grano coltivato in Alto Adige km 0, Burro salato 1897 fatto in casa, Burro di mais fatto in casa con salame chorizo, ?La Cuv?e? Extra Virgin Olive Oil monocultivar Taggiasca 100% Italian – cold pressed 100% Italiano – lavorato a freddo.

Iniziamo con i saluti dalla cucina: Burro salato 1897 Burro di mais con salame chorizo, Kiachl con cavolo bianco della Passiria – rafano – caviale, Vulcano macaron con caviale Kaluga – Creme fraiche, Coda di bue – spuma di patate – Ibericopop – scorzonera, Erbette del giorno (pianta al fungo – gallinella – trifoglio – foglia di senape) consigliate dalla nostra ?maga delle erbe? o appena raccolte da noi, Tarte flamb?e con porro giovane – uva – noci – gel di pera.

E ancora altre meraviglie in arrivo: Sorbetto di pomodoro Picadilly – salsa chutney di pomodoro verde – panna acida – polvere di pomodoro – olio d’oliva Ricciola – vinaigrette ponzu di miso e sasamo – vinaigrette Shizo – gel allo zenzero, Polpo – paprika – pesto di limone – olive nere – cuore di bamb?, Uovo di quaglia nero – cipolla di tropea – parmigiano – caviale – glace di vitello, Asparagi verdi – Quinoa – Hummus – Gel al timo – Yogurt greco – Vinaigrette ai cereali

FOIE GRAS BIO zucca – olivello spinoso – physalis

Salmone spagnolo con sorbetto di asparagi locali – agrumi – frutto della passione – olio d’oliva – porro giovane

In abbinamento a Appius 2016 – St. Michael Eppan

Colore giallo paglierino brillante. Al naso si presenta intenso e diretto: erbe aromatiche da un lato e fragranze floreali dall?altra. Sboccia in un secondo momento la componente fruttata: frutti di polpa bianca e di contorno frutti esotici. Al palato ? equilibrato e fresco con grande mineralit?. Note di nocciola e di vaniglia affumicata. Dalla piacevolissima acidit?, di grande eleganza, il millesimo APPIUS 2016 ? dotato di prodigiosa lunghezza.

Stappiamo anche Alto Adige Gew?rztraminer Riserva DOC “Exilissi” 2007 – Baron Di Pauli

Di colore giallo dorato. Al naso si rivela aromatico e di buona complessit?, con sentori di albicocca, note di chiodi di garofano, petali da rosa e cenni di miele. Al palato ? pieno, intenso, di ottima struttura e piacevole freschezza.

Versato in Coravin!

Assaggiamo anche un succo di mela di montagna Kohl!

Un tocco di classe..

?BEUSCHERL? granoturco – scorzonera – tartufo nero

GAMBERO SICILIANO cocco – curry – mango

Assaggiamo Terre Siciliane IGT Carricante Carjcanti 2018 – Gulfi

Di colore giallo paglierino intenso, al naso esprime note che spaziano dai capperi al limone, dal melone all?orzo e alla pietra pomice. Al palato colpisce per avvolgenza e per personalit? con un perfetto equilibrio tra acidit? e sapidit?.

In abbinamento SALMERINO DI FONTANA mela gala -semi di senape – carote

A seguire (Signature Dish) – Ravioli alla barbabietola, formaggio alpino, liquirizia, piccione Mieral.

Apriamo “Sanctissimus” Pinot Bianco Riserva A.A. DOC 2016 – Kellerei St.Pauls?

Di colore giallo dorato brillante. Profumo ampio, armonico, complesso, intenso, fruttato, floreale e speziato, con sentori di affumicato, albicocca, biancospino, frutta gialla e spezie. Gusto ampio, avvolgente, elegante, intenso, fruttato, fum? e speziato.

Stappiamo anche Don? Rouge 2012 – Hartmann Don?

Un vino dai profumi di spezie e radici. Il ventaglio di aromi spazia dal glicine alle olive nere. Il sorso ? fragrante e succoso a dispetto dell?et?, dove i fiori hanno la meglio sulla frutta rossa a bacca piccola.

Rimanendo sulla stessa annata proviamo anche Alto Adige Pinot Nero DOC ?Barthenau Vigna S. Urbano? 2012 – Hofst?tter

Rosso rubino intenso al calice. Amarene e lamponi, fragole e frutti di bosco fragranti, poi anche sentori vanigliati e sfumature finemente speziate: il bouquet olfattivo si svela raffinato ed elegante. Il sorso ? ben bilanciato e giocato tra componente tannica, freschezza e aromaticit?. Ottima la persistenza.

Abbinato a PLUMA DI IBERICO sanguinaccio – mela – balsamico – crema al miele

Sella di Capriolo, crosta di fior di ibisco, topinambur in tre atti (mousseline, buccia disidratata e buccia fritta)

Degustiamo L?wengang Cabernet 2009 – Alois Lageder

Ed ora….dessert!

Sorbetto al pop corn, cenere, pera acida Grumeter (pera nostrana- locale), marshmellow alla pere Grumeter (pera nostrana – locale)

In abbinamento a Exilissi Ice Alto AdigeBaron di Pauli

Un vero e proprio Eiswein, caratterizzato da un lato una concentrazione estrema, dall?altra una struttura filigrana, e da uno straordinario gioco di acidit?. Persistente ed aromatico il retrogusto.

YUZU – COCCO – BANANA.

ALBICOCCA DELLA VAL VENOSTA – YOGURT DAL MASO opalys- noci pecan

Ed infine...alcune coccole: cannelloni – cocco – frutto della passione, saluto dal coniglietto di pasqua – mango – yogurt del contadino, pralina di yuzu, crostata – mirtilli – cr?me fra?che, dulcey ? mela – fava di tonka, cheesecake – asparago ? lamponi

Uno sguardo alla sala

Mini bar in camera!

Il buongiorno si vede dal mattino…il CLAMOROSO Breakfast del Quellenhof.

Omelette espressa!

Una intera sala dedicata agli “Estratti” con ben 4 apparecchi professionali.

Nutella ne abbiamo ?

Disponibilit? di pranzi golosi e veloci…

Anche uno splendido maneggio all’interno del resort!

La nostra colazione!

E un po’ di sport!

Grazie di tutto e…alla prossima!

Cucina

Il ristorante Capitanato da Matteo Lattanzi con lo chef Michael Mayr, che guida la cucina del raffinato ristorante gourmet Quellenhof Gourmetstube 1897 regala emozioni durante tutto il viaggio. Prenotando il menu gourmet, gli ospiti potranno scegliere tra 3 varianti di 4, 5 o 6 portate. L’Alto Adige offre molti prodotti locali di grande qualit?, come le erbe fresche, il pesce, che viene consegnato fresco, ogni giorno, dalla pescicoltura che si trova nella vicina San Leonardo in Passiria, dove la fresca acqua del torrente di montagna offre le condizioni ottimali per l?allevamento di pesci belli e sani.

Servizio ed accoglienza

Servizio impeccabile, gentilezza e sorrisi vi accompagneranno costantemente. Matteo Lattanzi, appassionato direttore e sommelier, assicurer? il perfetto abbinamento tra vino e cibo. La cantina del Quellenhof, infatti, vanta una scelta di oltre 1.200 etichette con particolare attenzione a quelle dell’Alto Adige.

Conclusioni

Un’armoniosa sinergia tra l?alpino e il mediterraneo, tra la montagna e il lago, tra l’Alto Adige e il Lago di Garda. Un luogo di calma, che rinvigorisce. Imperdibile se cercate una vacanza superlativa di puro piacere!

Viaggiatore Gourmet

 

Quellenhof Luxury Resort Passeier
Passeirerstra?e / via Passiria 47 | I-39010 St. Martin bei Meran/S. Martino presso Merano
Tel. +39 0473 645474
E-mail info@quellenhof.it
Sito web: www.quellenhof.it
Giorni di apertura: Marted? ? Sabato
Dalle ore 18.00 fino 24.00

L'articolo Quellenhof Luxury Resort Passeier – Ristorante 1897 Gourmet – San Martino in Passiria (BZ) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[06/03/2022, 15:54] Ristorante Sotto Sale ? Patron Francesco Balzani ? Favignana (TP)

Il Sotto Sale di Favignana (TP) con il suo patron Francesco Balzani e la sua fantastica ?crew? in questo momento rappresentano la fotografia ideale di quello che si tende a definire CONTEMPORANEO: un locale onesto, schietto, sincero, dove il prodotto, l?artigianalit?, la mano, i gesti e la regia mettono il cliente al centro di una VERA esperienza di gusto e piacevolezza. Scevro di sovrastrutture, inutili orpelli, ostentazione di tecniche, mette il cuore, una calda umanit?, e il prodotto enogastronomico al CENTRO. Accorrete! Perch? scoprirete anche la storia di una piccola Isola meravigliosa.

La squadra

Francesco Balzani: Chef Patron
Marco Di Iulio: Executive Chef
Alessandro Frassinelli: Sommelier
Simone Sanna: Chef De Partie
Mattia Sermanni: Chef De Partie
Eiji Hikino: Chef De Partie
Singh Gojinder: Commi De Partie
Soleada Ventrone: Commi De Partie
Gea Anita Padelli: Maitre

Iniziamo con l’aperitivo!!

Spumante Metodo Classico Extra Brut 2013 – Murgo

Di colore giallo paglierino, con p?rlage molto fine e persistente. Al naso esprime un bouquet con note di fiori di camomilla, ginestra, sentori di crosta di pane e nuances di nocciola. Al palato si apre con un?acidit? viva e rinfrescante, il bouquet ? complesso, fine ed elegante.

Olio in degustazione!

Tipologia di pane e olio: olio Titone espressamente dedicato al Sottosale dalla sig.ra Titone accompagnato da pane fatto in casa con lievito madre farina tipo 2, focaccia genovese, pane del panificio “la maidda” di trapani.

Iniziamo con FISH SALAD: insalatina con verdurine croccanti, pagro al vapore, gazpacho bianco, cialda di nori, olive taggiasche, olio EVO? I&P

Passiamo allo scampo

Simpatiche Filetes De Anchoa en aceite de oliva.

Sashimi med!

In abbinamento a Catarratto del Masso – Feudo Montoni

Di colore giallo dorato splendente con riflessi verdognoli, al naso presenta delicate note di alloro e menta,?fiori d?arancio con sentori agrumati di?pompelmo rosa ed erba appena tagliata.? Al palato ? molto fresco e persistente, lunga intensit? aromatica con note di mandorle.

Passiamo al TATAKI TUNA ROLL: roll croccante di tonno cotto/crudo, crema di piselli, wasabi, miso, salsa allo scalogno, finocchietto marino.

Cambiamo range e passiamo ora alla TARTARE DI MANZO, OSTRICA, CAVIALE E YUZU: Battuta di manzo al coltello con ostrica, caviale baikal e zabaione allo yuzu

Assaggiamo ora VENTRESKA GRILL: ventresca sulla robata ?(griglia gisapponese) senape al pistacchio, biete e friggitello, dukka

POLPO E LIQUIRIZIA: polpo sulla griglia, topinabur, liquirizia

SPAGHETTI FELICETTI KATZUOBUSHI: Spaghetti monograno felicetti senatore cappelli, burro bretone, acciughe nardin, katzuobushi

Degustiamo ora Etna Bianco 2020Pietradolce

Vino fresco, sapido ed elegante dalla struttura snella e beverina, nato da uve Carricante del versante nord del grande vulcano. I suoi profumi sono fruttati e mediterranei, con piacevoli sfumature di erbe aromatiche. Il sorso ? morbido e bilanciato, piacevolmente minerale.

In abbinamento a CAPPELLACCI PAGRO, TENERUMI ?E BOTTARGA: cappellacci ripieni di pagro su crema di tenerumi e bottarga di muggine

RISO CROCCANTE: carnaroli tipo paella, seppie, astice, aioli terminato al tavolo

In abbinamento Etna Bianco DOC Sicilia “Gamma” 2018Federico Curtaz

Gamma ? Carricante 100% che viene vinificato e affinato in acciaio. Si presenta nel bicchiere con un bel colore dorato luminoso. Il vino ? solido in bocca, dall?intensit? tesa e decisa. Ha un carattere fortemente minerale che termina con sentori di pietra focaia e grafite. Federico Curtaz Etna Bianco Gamma ? un vino dritto con frutta che ricorda gli agrumi e la pera croccante.?

Ed ora la signora ARA-GO-STA: Aragosta, salsa di aragosta, cialda croccante

Passiamo a Occhio di Terra 2020Caravaglio

Vino bianco secco, autentico scrigno di profumi che si sprigionano delicatamente. Qui, la Malvasia di Lipari ? in purezza, protagonista e potente.

In abbinamento a RICCIOLA IN NERO, GUANCIALE E CUCUZZA: Ricciola in crosta di nero, gateau di cucuzza e guanciale, crema di tenerumi

Proviamo ora Composition #1 Coteaux Champenois blanc – Maison J?r?me Lefevre

Nota fumosa al naso, con erbe aromatiche e pesca in confettura. Assaggio profondo e materico con rosmarino e acqua marina che si concentra, alla fine, sulla grande sapidita? di ritorno. Essenziale e crudo, si stacca completamente dalla visione champenois per arrivare ad una sua dimensione, tutta personale e unica, e incredibilmente affascinante.

Abbinato all’interessante VENTRESKA GRILL: ventresca sulla robata ?(griglia gisapponese) senape al pistacchio, biete e friggitello, dukka

Ci divertiamo adesso con Etna Rosso DOC “‘a Rina” 2018 – Girolamo Russo

Rosso rubino elegante al calice. Gradevolmente complesso il bouquet olfattivo, composto da ricordi fruttati di amarene, prugne e ciliegie, cui si aggiungono sfumature balsamiche e richiami al tabacco e al cuoio. Il sorso ? pieno e morbido nella trama tannica, fresco e leggermente minerale. Ottima la lunghezza.

Abbinato a SURF AND TURF: Rib-eye di manzo, astice e asparagi

Passiamo ai dessert!

Ma prima un assaggio di Passito di Pantelleria ‘Nes’ 2019 – Pellegrino

Si tratta di un vino passito?dolce molto intenso e caratteristico, vinificato e maturato solo in acciaio. Emana profumi molto ricchi e intensi di albicocca disidratata, agrumi canditi, miele e molto altro. Al palato ? denso, potente, dolce e avvolgente, dotato di sapidit? e di una lunghissima persistenza.

CIOCCOLATO E PEPE: cremoso al cioccolato e pepe del madagascar, gelato al cioccolato bianco e pepe di sichuan, terra di cacao, miso

A seguire TARTE TATIN: tatin di melanzane, caramello al marsala, gelato alla vaniglia, crumble di semi

Assaggiamo in abbinamento Vecchio Samperi – Marco De Bartoli

Per la produzione del Vecchio Samperi viene utilizzato un?sistema di ?travasi? di piccole parti di vino di fresca produzione in botti con vini gi? invecchiati!

Alcuni cimeli…

L’immancabile foto con tutta la squadra!

Prima di partire all’avventura un bicchiere di Amaro Rizza!

E adesso? Vi porto in giro a visitare l’intera Isola con me!

GRAZIE ancora di tutto e…alla prossima!

Cucina

Sottosale serve una cucina di pesce raffinata ma mai noiosa, sa proporre i prodotti locali in una veste nuova e originale, che soddisfa sia in termini di porzioni che di presentazione. Carta dei vini adeguata, con interessanti etichette siciliane e non solo.

Servizio e accoglienza

Sottosale ? anche la sua ciurma: persone che in grado di apprezzare la bellezza, con il sorriso stampato sul viso in grado di regalare esperienze indimenticabili che non rimangono chiuse dietro la porta, ma anzi vengono via con te.

Conclusioni

SottoSale ? un incontro di culture, un porto di mare. S?ispira alle saline di Trapani, ? amico dei fenicotteri rosa. Conosce i metodi antichi di conservazione del cibo e del pesce. Nella sala danzano gli oggetti di un tempo che riverberano ancora di luce. Qui di sera puoi sentire il remo che affonda nell?acqua per riemergere con un?energia che fa rima con poesia. SottoSale ? l’esperienza, non solo gastronomica, che non va persa per nulla al mondo.

Viaggiatore Gourmet

RISTORANTE SOTTO SALE

Via Garibaldi, 9 91023 Favignana (TP)
Telefono: +39 320 8432916
Indirizzo mail: info@sottosale.com
Sito web: www.sottosale.com

L'articolo Ristorante Sotto Sale – Patron Francesco Balzani – Favignana (TP) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[05/12/2022, 09:55] Della lenta fine di Facebook (sempre troppo lenta)


La mia aziendina, come ogni aziendina che si rispetti, ha una pagina Facebook. Non ne sono molto contento. Potrei parlare per ore della cattiva qualit? di quel social network - non che gli altri siano meglio, ma Facebook ? ormai da tempo il peggio del peggio. E nemmeno mi dilungo sul perch?, basterebbe leggere (o ricordare) le mille vicende al limite dell'intollerabile, dall'uso degli algoritmi che tendono a far uscire fuori il peggio delle discussioni a Cambridge Analytica, oppure le pubblicit? demenziali. Fatto sta che, per quanto riguarda il mio profilo personale, l'ho abbandonato da tempo e con notevole piacere, quel che forse avete letto in giro ? vero: se mollate Facebook guadagnerete tempo e salute mentale. E' anche il mio consiglio, adesso, e voi vedete un po'.

Comunque, mi ostino a tenere aperta la pagina dell'enoteca. Oggi ho provato a sponsorizzare un contenuto (dicono che la pubblicit? sia l'anima del commercio) ma Facebook, o meglio Meta come dice di chiamarsi adesso (e pure qui glissiamo) mi ha presentato alcuni messaggi surreali come da immagine. A parte la "probabile violazione della normativa" relativa alla promozione di prodotti alcolici (e scusate, io avrei una legalissima enoteca), spicca l'assurdo "problema con il metodo di pagamento" per il quale avrei un insoluto di euro zero. Ma...


Ho provato a risolvere il problema e, ancora, mi sono scontrato con un buffo muro di gomma di autorisponditori che scrivono qualcosa come "non stiamo dietro a tutte le lamentele, vedi un po' nelle FAQ come cavartela". Comunque prova e riprova, forse l'ho spuntata. 

Poi per caso oggi leggo questo post di Wittgenstein (leggetelo, ? divertente). Narra simili vicende di intoppi e casini vari. Ma la cosa pi? allegra ? che si tratta di un post del 2011.

Ora, essendo io un utente anziano della rete, posso dire di aver visto iniziare, e finire pi? o meno drasticamente, svariati luoghi virtuali. Se vi dico che quando ho cominciato a usare Internet non c'era ancora Google, ho reso l'idea. Ebbene, non so quando Facebook smetter? una volta per tutte di essere un luogo di rilievo, ma ? gi? tardi adesso. 

Non condivider? questo post su Facebook, per qualche tipo di residua coerenza. E ugualmente, presto o tardi, ma ? meglio presto, la mia aziendina chiuder? quella pagina.

TrackBack
[05/11/2022, 04:51] Ristorante 9090 by Canottieri Omegna (VB) ? Chef Matteo Arvonio

A seguito di una completa ristrutturazione della storica sede dei Canottieri di Omegna nasce 9090,?un ristorante innovativo, gourmet, elegante ed accogliente, chiamato cos? in onore della lunga tradizione industriale di Omegna, ?paese di pentole e caffettiere?.?9090 ?, infatti,?la prima caffettiera Alessi?premiata con il Compasso d?Oro ed esposta al MOMA di New York. Il ristorante si trova in una posizione privilegiata sul lago d?Orta con una vista spettacolare. 9090 ? nato per valorizzare la location e il territorio, ma anche per sorprendere! Una cucina originale e in continua evoluzione, un recipiente di vitalit? e innovazione che rende ogni visita da Canottieri Omegna un momento di sorpresa, piacere, emozione, e un’autentica festa per tutti i sensi.

La squadra

Executive Chef: Matteo Arvonio?
Pastry Chef: Matteo Arvonio
Maitre e Sommelier: Davide Pastrello
Chef de Rang: Ivan Eldi

Esterni

Ingresso

Terrazza su Lago

Foto Storica

L’insegna

La sala

Entr?e e pane/grissini e burro/olio serviti: Sauro ? pane integrale con lievito madre, Senatur – pane di grano duro Senatore cappelli con lievito madre, Foccaccia ? la nostra foccaccia di casa, HO2 ? grissini artigianali all?acqua

Tataki di trota salmonata, maionese alla teriyaki, foam di pancetta affumicata

Per il primo abbinamento proviamo Caratto Sicilia DOC – Az. Caruso e Minini

Di colore limpido giallo paglierino tendente al dorato. Al naso si esprime con un?esplosione di frutta tra cui mela verde, pera, ananas e mango, una nota floreale spiccata tipica dei fiori bianchi che lo rendono sicuramente fresco ed elegante. Al palato si percepisce un vino pieno, minerale, acido e leggermente sapido frutto della brezza marina in collina.

Iniziamo il nostro viaggio con Astice e croccante di platano alle spezie aromatiche, yogurt al lime, bun al nero di seppia, avocado, daikon, uova di trota.

Passiamo al Sauvignon Collio – Az. Schioppetto

Paglierino al calice, con leggeri bagliori verdognoli. I sentori olfattivi erbacei e fruttati, creano un bouquet composto da pesca, albicocca, susina gialla, salvia e basilico. Completano il naso richiami minerali e ammandorlati. Sorso brillante nella componente acida, saporito e lungo nella persistenza.

In abbinamento a “Tra terra e mare” Capesante scottate con “terra” di frutta secca, salsa d’ostrica, piselli, salicornia e chips di polenta soffiata

Ora un rosso: Ruche? di Castiglione Monferrato DOCG – Az. Poggio Ridente

Il colore ? rosso rubino vivo, con unghia violacea, accattivante per la sua aromaticit? che gioca sulle note floreali e fruttate di lampone, rosa e fragolina di bosco. Al palato il sorso ? appagante, gradevole con finale asciutto.

Passiamo all’Amatriciana e cacio e pepe si incontrano in un Raviolo! Ravioli fatti in casa con ripieno all’amatriciana spadellati con pecorino e pepe. Non si tagliano! Bisogna mangiarli interi e lasciarli esplodere in bocca

Stappiamo Vermentino – Az. Contini

Giallo paglierino con riflessi dorati. Note intense di fiori gialli e frutta leggermente matura, finale speziato e salino. Sorso intrigante e piacevole, si caratterizza per la sua bevibilit? e piacevolezza lasciando un finale carezzevole.

In abbinamento al Morone Atlantico profumato d?Asia. Morone al cartoccio profumato al lemongrass, salsa al miso, cannolicchi e quinoa

Che ci viene preparato davanti al tavolo!

Ed ora Fara Riserva “Vigna di sopra” – Az. Valle Roncati

Colore? rubino ?intenso ?tendente ?al ?granato. Bouquet ?avvolgente ?con note di liquirizia, frutti rossi e sentori di spezie. Al palato ? sapido, ?asciutto, ?con ?piacevoli? tannini morbidi?che lo rendono nell?insieme piacevole, vellutato e di grande persistenza finale.

Abbinato alla Faraona & Anatra: tra Oriente & Occidente. Roll di faraona al passito, ripieno d? anatra, castagne d?acqua e cipollotti, foie gras alle 5-spezie, fico caramellato

Ed ecco il momento di Don PX Pedro Xime?nez – Az. Toro Albala? e Rum Zacapa 23

In abbinamento al dessert: Parfait al Caffe?, crumble alle spezie, gel all?arancia, ristretto al caffe? e rum

Dulcey-Amaro: Cremoso al cioccolato Dulcey e cioccolato fondente, morbido ‘dacquoise’, cialda di riso al cacao, sfera di bufala, caramello salato

Caff? Illy e piccole coccole finali:?Baci piemontesi alla nocciola, Fugascina (dolce tipico del verbanese), Tartufi di cioccolato fondente, Mini cheesecake con frutti di bosco.

Un GRANDE GRAZIE ancora a tutto il team!

Cucina

9090 ? nato per sorprendere. Si capisce dal primo assaggio: le materie prime sono maniacalmente ricercate e di ottima qualit?, le ricette sono il risultato di un originalissimo percorso di sviluppo dello chef Matteo Arvonio e il men? abbraccia la cucina regionale italiana aprendosi alle suggestioni di quella internazionale, soprattutto asiatica. Ad affiancare lo Chef una?brigata giovane,?motivata?e?dinamica, che porta passione, ispirazione e tanta ricerca.

Servizio ed accoglienza

Ad ogni ottima cucina deve abbinarsi un ottimo servizio. Quello di 9090 ? dinamico, attento e preciso. Grazie a queste qualit? di respira un?aria rilassata e accogliente, dedicata interamente alla soddisfazione del cliente.

Conclusioni

Con l’incantevole vista sul Lago d’Orta, l’abbraccio delle montagne circostanti e i men? originali creati dallo chef, Ristorante 9090 ? il luogo da scegliere e dove tornare e ritornare, per sentirsi ogni volta buongustai della vita e della sua bellezza.

 

Viaggiatore Gourmet

 

RISTORANTE 9090

Lungolago Buozzi ? 28887 Omegna (VB)
Tel. +39 351 993 9982
Mail: ristorante@canottieri-omegna.it

Orari apertura:

Cena: da mercoledi? a lunedi? (chiuso martedi?) 19:30 – 21:30
Pranzo: Sabato e Domenica 12:30 – 14:30

L'articolo Ristorante 9090 by Canottieri Omegna (VB) – Chef Matteo Arvonio proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[05/02/2022, 14:21] Corsi e ricorsi: il mio prossimo corso di degustazione inizia tra poco


Se io fossi attento all'ottimizzazione dei motori di ricerca dovrei titolare "Corso di degustazione in enoteca" e basta, ma siccome mi piace troppo essere zuzzurellone, si gioca con le parole.

Il prossimo corso che organizzo in enoteca ? cos?: abbastanza divertente. Si impara ad assaggiare il vino, come veri professionisti, ma (giuro) non ci si annoia. Quindi ecco la notizia: dal prossimo marted? 24 maggio, per cinque marted? di seguito, ore 20,30, vi porto nel meraviglioso mondo della tecnica d'assaggio. Sono aperte le iscrizioni, e il costo complessivo ? di euro 250. Nel prezzo ? compreso un set da sei bicchieri da degustazione, un libro di testo (molto bello) "Il piacere del vino" edito da Slow Food, e attestato finale di partecipazione. La sede del corso ? presso l'enoteca, Via Donizetti 92R a Genova, con posti limitati (massimo 12 partecipanti). E questo ? il programma dettagliato:

Marted? 24 maggio. Prima serata: full immersion di tecnica d?assaggio: analisi visiva ? olfattiva ? gustativa. Prime nozioni di tecnica, uso del bicchiere, e analisi sensoriale. Si assaggiano 4 vini alla cieca, cio? senza sapere cosa assaggiate. Un bianco fresco fruttato, uno maturo, e due rossi nello stesso modo.

Marted? 31 maggio. Seconda serata: ripasso della tecnica d?assaggio sulle tre fasi complessive. Un po? di storia: il modernismo degli anni novanta, l?affermazione del vino naturale. Riflessioni sui cambiamenti nella percezione del gusto. Nuovamente 4 vini in cieca, sempre 2 bianchi + 2 rossi. 

Marted? 7 giugno. Terza serata: ultimo ripasso sulla tecnica, approfondimenti su abbinamenti, cantina personale, il vino a tavola. Capitolo sui difetti: quali, come riconoscerli. Regioni vitivinicole. 4 vini in cieca, tutti con bollicine.

Marted? 14 giugno. Quarta serata: il corsista ha sviluppato la capacit? critica, quindi spazio all?assaggio, che sar? un po? pi? difficile in quanto costituisce un primo test degli strumenti finora in possesso. I vini speciali, spumanti, etc. Regioni vitivinicole/2. 4 vini in cieca, tutti dello stesso colore.

Marted? 21 giugno. Quinta serata: prosegue la serie di assaggi impegnativi, riepilogo definitivo. Il concetto di maturit? e affinamento, il ruolo del tempo. 6 vini in cieca, 3 bianchi e 3 rossi, in diverse fasi di maturit?.

Per iscriversi: email, oppure una telefonata in stile old economy allo 010 6531544, ma anche 347 5566554 (pure Watsapp, vabb?).

TrackBack
[04/19/2022, 09:06] Sul vino naturale, e sulla tecnica d'assaggio

Il mondo del vino naturale ? stato spazzato dall'ennesimo venticello di bufera sorto dopo le  dichiarazioni del Consorzio ViniVeri riportate da Jacopo su Intravino. Alle osservazioni di Jacopo si aggiunge Pietro, che sul suo blog ospita l'intervento di Nicola Perullo. Letture lunghe, ma ci sta, quando si spacca il capello in quattro si abbonda parecchio nel descrivere i perch? e i percome. Per quanto mi riguarda, a parte la personalissima pensata "era ora", direi anche (scusate) "io l'avevo detto". Comunque, trovate il tempo di leggere tutto, perch? a mio modo di vedere si segna una svolta nel dibattito.

C'? poi, per me, una doppia utilit?, visto che mi appresto a mettere su il solito mini-corso di tecnica d'assaggio dedicato ai clienti dell'enoteca. Oggi, se si parla di educazione al gusto, ? davvero necessario avere chiaro quanto l'avvento del vino naturale abbia sovvertito la liturgia dell'assaggio - e pure qui, potrei dire: era ora.

TrackBack
[03/29/2022, 06:59] EALA *****L ? My Lakeside Dream Hotel 5 Stelle Lusso sul Lago di Garda ? Ristorante SENSO ? Limone sul Garda (BS)

Sulle rive del Lago di Garda in perfetta sintonia con il territorio, wellness, cuore green e proposta gourmet guidata da Alfio Ghezzi si apre ?My lakeside dream?: Eala un?hotel 5 stelle lusso per una vacanza che riscopre l?armonia tra anima e corpo, dove l?amore per il territorio incontra l?esclusivit? e l?eleganza.

Progettato dalla famiglia Risatti come un sogno da?vivere tra acqua, terra e cielo, l’hotel vuole trasmettere il piacere di?ritrovare s? stessi attraverso un viaggio?autentico ed esclusivo che dalla cucina al wellness, dall?architettura al comfort studiato per ogni singola?Suite, racconta i profumi, i colori e gli elementi che contraddistinguono?Limone sul Garda e i suoi dintorni.

Un territorio che ? autentica fusione di paesaggi, tradizioni e prodotti esaltati anche nell?alta cucina di Alfio Ghezzi,?chef pluristellato?che guida il?Ristorante Alfio Ghezzi Bistrot?e il?Fine Dining Senso, in cui artigianalit? e maestria?si combinano alla natura e al desiderio di offrire?piatti raffinati?ma contraddistinti da semplicit? e rispetto della materia prima.

La squadra

F&B MANAGER: Marco Donazzolo
EXECUTIVE CHEF: Alfio Ghezzi
RESIDENT CHEF: Akio Fujita
SOUS CHEF: Bruno Tesla
PASTRY CHEF: Giacomo Pascotto
RESTAURANT MANAGER: Lorenzo La Melia
HOSTESS MANAGER: Alessia Cimarolli?

RISTORANTE SENSO

MAITRE E SOMMELIER: Manuele Menghini
CHEF DE RANG: Luca Murgia

RISTORANTE ALFIO GHEZZI BISTROT

MAITRE BISTROT: Mirko Fugagnoli
JUNIOR MAITRE: Christian Morandini
RESPONSABILE COLAZIONI: Emanuele Gualandris e Daiana Pesci?

Pranzo con vista…

Ci accomodiamo all’Alfio Ghezzi Bistrot – EAT SIMPLE

Una meravigliosa terrazza sul lago che accoglie gli ospiti in un ambiente elegante, vivace e dinamico. L?Alfio Ghezzi Bistrot, il bar sul Lago di Garda di EALA, ? uno spazio ideale per uno spuntino o un aperitivo, ma anche per un incontro di lavoro. Il Bistrot punta a un servizio rapido e a un?offerta semplice, ma allo stesso tempo attenta e curata nei dettagli.

Come inizio ci viene presentato l’olio Uliva Garda Trentino DOP 100% Casaliva

Aperitivo!

Iniziamo con il Sisam di anguilla

A seguire Polpo Arrostito, patate, basilico, pomodorini, fagiolini e Ulidea

La vista

Stappiamo un Furlet Bianco, Vigneti delle Dolomiti IGT

Giallo paglierino lucente con sfumature verdi, con un bouquet di fiori bianchi con note fruttate che richiamano la pesca ed una sfumatura di vaniglia che avvolge il tutto rendendolo pi? armonico. Anche al palato si avverte l?aroma di pesca e di fiori che conferiscono a questo vino vivacit? ma anche una spiccata morbidezza. Il profilo organolettico scaturisce da un gioco tra freschezza, succosit? e gusto minerale.

Accompagnato da Riso, zafferano e porcini

Proseguiamo il nostro viaggio con un assaggio di Tai IGT VENETO Riserva di Famiglia – Diotisalvi

Giallo paglierino intenso alla vista. Al naso si impone con glicine, fiori di tiglio e di acacia, seguiti da mandorle dolci e frutta gialla matura. Il palato prosegue su questo registro, rilasciando aromi fruttati e ammandorlati, che conducono al sorso rotondo, morbido e avvolgente, di buona struttura, gentile freschezza e piacevole sapidit? gustativa.

Che accompagna perfettamente i Cannelloni di patate, seppie e nero di seppia

Passiamo ora a Alto Adige Schiava DOC 2017 – Reyter

Rosso rubino chiaro. Al naso si avvertono note di frutti rossi, fiori secchi, sentori di mandorla e spezie; al sorso ? equilibrato, piacevolmente fresco, dal finale leggermente amaricante.

Abbinato alla Zuppa di pesci di lago

Per terminare al meglio Benaco Bresciano IGT vino passito bianco “Sole di Dario” 2015 – Cantrina

Giallo oro con riflessi ambrati; sprigiona profumi intensi di albicocca essiccata, confettura, miele e frutta secca. In bocca ? setoso, avvolgente, in un equilibrio ben giocato tra freschezza e morbidezza.

Abbinato alla gustosa Torta di mele, soffice al Ferrari demi-sec e gelato al t? Earl Grey

E perch? no…anche il limoncino verde del Lago di Garda – Malora!

Sogni d?oro in ambienti unici! Ci riposiamo nella Suite Alisia. L’eleganza del marmo predomina gli interni di questa Suite. Nella vasca Airpool sulla terrazza vista lago la mente ? libera di spiccare il volo.

Letto matrimoniale super King size

Il benvenuto in camera…

Dotata di tutti i comfort!

Terrazza con vista lago!

Si scende!

Alcuni dei prodotti locali in esposizione all’hotel.

Andiamo a dare una sbirciatina nel magico mondo del ristorante SENSO.

La vetrina vini si apre davanti a noi…

Il banco bar!

La terrazza del ristorante vista lago.

Prima di cena andiamo a sbirciare la EALA Luxury Spa. 1.500 mq di Benessere con una proposta di trattamenti unici ideati per risvegliare la parte pi? sensibile del Vostro Essere attraverso un approccio Olistico, Sensoriale e Naturale nel rispetto e nella valorizzazione delle materie prime del territorio.

L’infinity pool

Non manca nemmeno la beach grill!

Ed dopo tanto relax, la cena al ristorante SENSO

Iniziamo al meglio stappando un Trento Spumante Riserva Extra Brut ‘Perl? Nero’ 2013 – Ferrari?

L’olfatto ? coinvolto da sentori fruttati di piccoli frutti rossi, mela e nocciola tostata, con note di t? e chinotto su un leggero sfondo minerale. Al palato ? sontuoso, morbido e sapido, fresco con note agrumate e lungo.

Accompagnato alla Cialda di semi di lino e rafano

Sfiziosi amuse bouche! Focaccia con crema di uova di salmone; chips con senape, barbabietola e semi di papavero; cannolo di sedano rapa, crema di noci e ulidea; trota affumicata, erbette e crema al formaggio

Passiamo a Cinciallegra –?Il Roccolo di Monticelli

Di colore giallo paglierino leggermente velato. Al naso spiccano i sentori di crosta di pane che vengono completate da intense note fruttate e agrumate. In bocca ??fresco, beverino e di buona persistenza.

Proviamo?Wehlener Sonnenuhr Riesling Sp?tlese 2010 – Joh. Jos. Pr?m

Di colore giallo dorato con intensi sentori fruttati e dalla mineralit? pronunciata. In bocca si esprime con potenza, il sorso ? avvolgente e ricco di aromi fruttati e di pietra bagnata. La beva ? tesa e ben bilanciata tra acidit? e residuo zuccherino. Chiude lunghissimo su note salmastre.

Abbinato alle ZUCCHINE, il suo fiore, zuppa di pesci di lago

E ai FAGIOLINI, liquirizia, agone e brodo di agone affumicato

?SHIITAKE, coregone, emulsione di shiitake e birra

In accompagnamento a Altomare 2018 – Barraco?

Un interessante Grillo?in purezza di grande carattere ed aromaticit?. Il colore ? giallo dorato dai riflessi brillanti ed i profumi sprigionati ricordano nocciole, pasta frolla e cedro. Il sorso ? cremoso, minerale, equilibrato e lungo

Passiamo a al Puligny-Montrachet 2019 – Domaine Jean Marc Boillot

Si presenta con un bel colore giallo paglierino con riflessi dorati, al naso le note intense di fiori bianchi, nocciole fresche e vaniglia si aprono regalando al palato un sorso pieno e minerale. Persistente e secco sul finale.

Abbinato ai PLIN, gallina, anguilla e mirtillo rosso

A seguire RISOTTO allo zafferano

SPAGHETTI MONOGRANO MATT FELICETTI, liquido insolito e polvere di alloro

OLIO IMPERIALE, Garda Trentino Dop prevalenza Casaliva

COMPARTIRE, pane con lievito naturale e burro di malga

CARPIONE, rapanelli in carpione, salsa al sedano rapa

Ed ora “Versante Nord” Nerello Mascalese 2018 – Eduardo Torres Acosta

Che accomapgna l’ANIMELLA DI VITELLO, salsa allo yogurt, caff?, prezzemolo e cetriolini con crema di mandorla

E la FRACOSTA DI MANZO, pakchoi,? manzo crudo e il suo brodo

Andiamo a sbirciare in cucina!

PREDESSERT in cucina: stracchino di Tremosine, meringa e pepe rosa; kaki, mela con Ulidea

?LAMPONI, limone e pomdoro

Un goloso tiramis?

LA MOKA, caff? Illy Blend Alfio Ghezzi

E per terminare gin tonic!

Colazione da sogno per un perfetto risveglio!

La scelta a buffet

Un immenso grazie a tutti! Alla prossima

Cucina

L’offerta gastronomica di EALA ? seguita dallo chef stellato Alfio Ghezzi e sviluppata nell’operativo dal bravissimo resident Akio Fujita. Il concept gastronomico elaborato dallo chef riflette i desideri e le aspirazioni degli ospiti di oggi e fonde con maestria la cultura gastronomica e l’amore per il territorio. La filosofia dedicata alla cucina di EALA ? l?unione tra cucina e territorio, cultura locale e cultura nazionale. Sia il fine dining Senso che Alfio Ghezzi Bistrot sono spazi capaci di offrire esperienze sempre nuove, speciali e stimolanti. Vengono servite pietanze leggere, fresche e in linea con la filosofia ?chilometro zero? in abbinamento a vini selezionati della regione.

Servizio ed accoglienza

Grande Professionalit?, regia e governo del fuoriclasse Marco Donazzolo che guida con passione un team giovane e dinamico, garantendo grazie ad una lunga esperienza nell?ospitalit?, una continua ricerca della pura essenza del lusso, che si combina con l’essenza di questo luogo magico.

Conclusioni

Adult friendly?e dal cuore green, Eala ? un?esperienza di assoluto benessere declinata tra una proposta?gourmet di alto livello, guidata dallo?chef pluristellato Alfio Ghezzi con la regia di Marco Donazzolo, e una?filosofia di wellness?che celebra un?viaggio tra acqua, terra e cielo, ispirato alla localit? di?Limone sul Garda?e ai suoi panorami.

Viaggiatore Gourmet

EALA *****L ? My Lakeside Dream Hotel 5 Stelle Lusso sul Lago di Garda

Via IV Novembre, 86
25010 Limone sul Garda BS, Italia
Tel +39 0365 954613 – + 39 0365 954120
Email info@ealalakegarda.com | Sito web: ealalakegarda.com

Orari di apertura:

  • Hotel aperto tutto l’anno;
  • Bistrot aperto tutti i giorni, pranzo e cena;
  • Senso dal mercoled? alla domenica solo la sera.

L'articolo EALA *****L ? My Lakeside Dream Hotel 5 Stelle Lusso sul Lago di Garda – Ristorante SENSO – Limone sul Garda (BS) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[03/28/2022, 07:00] Cristallo, a Luxury Collection Resort & Spa, Cortina d?Ampezzo (BL)

Per una sosta di puro relax, circondati dalle imponenti e algide Dolomiti, vi suggeriamo un soggiorno da sogno presso l’Hotel Cristallo di Cortina d’Ampezzo, a Luxury Collection Resort Spa. Un unicum di emozioni in stile art nouveau, affacciato sulla leggendaria localit? montana di Cortina d?Ampezzo, il resort ? circondato da valli alpine e offre una straordinaria gamma di attrattive perfette sia per il periodo estivo che invernale.

Al suo interno sboccia il Ristorante IL GAZEBO, che quest’anno festeggia i suoi primi 120 anni, con un men? costruito partendo dalla valorizzazione della qualit? della materia prima, ricercata principalmente all’interno del territorio, e grazie ai preziosi consigli e al supporto di piccoli produttori locali. Il men? del Gazebo viene ogni volta creato seguendo la stagionalit? delle materie prime, in modo da contribuire alla sostenibilit? del territorio e valorizzare le piccole imprese locali, tra cui molti presidi slow food.

La Squadra

Staff di cucina

Executive Chef: Marco Pinelli?
Sous Chef: Emanuele Gatta
Pastry chef: Gloria Amato

Staff di sala

Restaurant & Banqueting manager: Diego Piergiovanni?
Ma?tre d’h?tel: Artjom Tzerepanov
Assistant Ma?tre d’hotel: Francesco Loro

Il benvenuto di Viaggiatore Gourmet!

Cosa ci aspetta appena entrati in camera..

Lo stile inconfondibile del Cristallo Hotel Spa caratterizza tutte le 74 camere e suite, che accolgono gli ospiti con un fascino ricercato e servizi moderni, tra cui tv a schermo piatto, cassaforte in camera, Minibar, Wi-Fi, servizio in camera.

Uno sguardo fuori in terrazzo

Scendiamo a vedere il Cristallo Lounge Bar. Un luogo incantevole in cui lasciarsi trasportare dalla musica rilassante in cui fare una sosta per un t? pomeridiano o una cioccolata calda accompagnati da deliziosi pasticcini, saporiti stuzzichini prima di cena o drink creativi.

Ci spostiamo verso Il Gazebo, che offre un’esperienza gastronomica che si sposa perfettamente con la creativit? dello chef Marco Pinelli e con un’accurata selezione delle materie prime, in cui si persegue un’infinita ricerca della qualit? pi? elevata, in un’atmosfera intima con una vista suggestiva.

Non manca la FitWell Club! Prendetevi cura di voi stessi nel fitness center all’avanguardia, allestito esclusivamente con attrezzature Technogym e con l’innovativo sistema Wellness System.

La spettacolare Cristallo Ultimate SPA dell?Hotel propone una vasta scelta di trattamenti terapeutici che utilizzano principalmente materie prime locali, con rituali detox, anti age, rilassanti e tonificanti.

Diamo una sbirciatina anche alla Presidential Suite...

Mobility Partner

Aperitivo!

Arancini di riso, croquette di patate e provolone del monaco, parmigiana di melanzana croccante, cialda di rapa rossa, salame marinato al ginepro, la nostra crema acida e crema d’avocado

Ci spostiamo a tavola!

In arrivo il primo vino!

Un calice di Vino Spumante Ros? Metodo Classico Dosaggio Zero VSQ – Azienda Agricola Z?m?

Si presenta di colore rosa chiaro “buccia di cipolla” con bollicine molto sottili. Al naso si apprezzano fiori bianchi, rose e miele di acacia, ma anche lievito, frutta secca e liquirizia. Il sorso ? sapido, secco, con perlage sottile, avvolgente con sentori di crosta di pane, lievito e liquirizia nel finale.

Tipologia di Pane e olio: Pane bianco ed integrale, lievito madre con farina Petra Molino Quaglia. Grissini di mais all’olio extravergine di oliva. Sfoglie di segale e farro. Focaccia romana al sale Maldon. Olio Monocultivar dritta – azienda Persiani (Teramo)

Iniziamo con gli stuzzichini di benvenuto:

Pat? di quaglia gelificata al porto rosso e crostino di mais e segale
Roccia alle erbe, crema di gin e mandorle e speck d’anatra marinato al ginepro
Alice fritta farcita con ricotta al limone
Chips di salmerino con la nostra crema acida e bottarga di salmerino
Daikon, verdurine in carpione, sgombro marinato al miso e fiammato

L’amuse bouche: Tuorlo d’uovo delle Dolomiti in cofit di fava tonka, spuma di patate, tartufo nero e crumble di mais e zafferano.

Assaggiamo ora Pinot Bianco 2019 – Hartmann Don?

Vino bianco fresco, elegante e raffinato. Conquista il palato con il suo equilibrio e la mineralit?. La sua eleganza e una certa leggerezza lo rendono particolarmente beverino.

Accompagnato dal Salmerino marinato al pino mugo, uova di trota, barbabietola rossa, estratto di rapanello, sambuco e ribes

A seguire una deliziosa e invitante crema fredda di cetrioli, menta, porri e patate del Cadore con le nostre alici salate

Proseguiamo con Soave Sereole 2019 Soave doc – Bertani?

Colore giallo paglierino con riflessi dorati, al naso si apre netto in un bouquet floreale con le note tipiche di sambuco e pera, per poi evolversi in profumi pi? dolci di frutta a pasta gialla come albicocca, ananas e melone. Il sorso ? morbido, ripropone il gusto dei frutti gi? avvertiti al naso con note sapide e lunghe che ne esaltano l?elevata struttura.

Abbinato ai Porcini scottati, fonduta di formaggio Brite, e ‘mikado* di liquerizia.

Spaghetto di Gragnano del pastificio Cuomo, pomodorini del piennolo del Vesuvio dell’azienda Virtuna e basilico.

Passiamo alla birra Staion del birrificio Bionoc: ispirata alle birre Belghe della tradizione, leggera, dissetante e molto gustosa. Aromatizzata con coriandolo e buccia d?arancio, risulta essere molto profumata e saporita.

Sapientemente abbinata ai Tortelli di coniglio del Cadore brasato, mirtilli fermentati, carotine glassate e brodetto di fieno e camomilla

Adesso ? il momento di un calice di Montello e Colli Asolani DOC ?Venegazzu? Rosso della Casa? 2016 – Loredan Gasparini

Nel calice si presenta con un rosso rubino, denso e profondo. Al naso si sviluppano profumi complessi, che dal fruttato virano verso aromi di tabacco misti a spezie dolci. Al palato ? caratterizzato da un sorso pieno e potente, con una piacevole vena fresca dove i tannini morbidi e levigati puliscono il sorso e contribuiscono a rendere l?esperienza di beva fluida e scorrevole, nonostante l?ottimo corpo. Finale lungo e intenso con un ottima persistenza fruttata.

Abbinato al “Piatto dei nostri 120 anni”: Tagliatelle di grano duro fatte da noi, rag? d’agnello delle Dolomiti e crema di noci feltrine

Insalatina con erbe selvatiche del Maso Aspinger Rarit?ten: Erba ghiaccio, edera terrestre, magenta spreen, spinaci baby, berle, rucola wasabi, crescione perenne, levistico, acetosa francese, spinaci fragola ed erba pisello.

Quaglia dell’azienda agricola Colussi del Cadore scottata e confit, salsa alla ciliegia, flan di granturco, cima di rapa, crema d’aglio nero e miele fermentato.

Assaggiamo “La Groletta” Valpolicella Ripasso DOC 2018 – Corte Giara

Di colore rosso rubino maturo. Il frutto rosso dolce e polposo si sposa con le spezie dolci per lasciar poi spazio a note di erbe officinali e delicatamente speziate. Il corpo di ottima struttura trova nella spinta acida il giusto completamento alla sua armonia, risultando morbido ma ugualmente agile al palato.

In abbinamento con la Guancia di vitello Damini brasata al bergamotto candito, cavolo a foglia ripassato all’aglio orsino.

Pre Dessert!
Composta di frutti di bosco calda con gelato al fiordilatte di malga

E poi…il dessert: “Latte e Caff?”: bavarese al caff?, spuma al latte, cremoso al caff?, meringa al latte, meringa al caff? e gelato

Caff? Illy blend 100% arabica e piccole delizie “Petit Four”: Bab? al rum e crema alla vaniglia, Macaron al lampone, Gelatina di mango, Cioccolatino fondente ripieno di ganache all’io EVO Persiani.

Terminata la cena ritorniamo nella nostra camera

…per godere di un risveglio stellato!

Il team!

Con VG

Ci salutiamo con un MI-TO!

Grazie veramente a tutto lo staff! A prestissimo

Cucina

Vi invitiamo a scoprire Il Gazebo, guidato dall?Executive Chef Marco Pinelli che coniuga perfettamente la sua creativit? e l’accurata selezione delle materie prime con una ricerca continua dell?alta qualit?.

Servizio e accoglienza

L’impeccabile servizio e l’incantevole retaggio culturale del Cristallo, rinomato punto di ritrovo del jet set nostrano, sopravvivono da oltre un secolo. Il comfort e la cortesia offerti rispecchiano l’innata ospitalit? del Bel Paese, che permea ogni aspetto della storia dell’hotel.

Conclusioni

Cristallo, a Luxury Collection Resort&Spa, si trova a soli 10 minuti a piedi dal centro di Cortina d?Ampezzo. Imperdibile per la sua deliziosa offerta ristorativa, il meraviglioso comfort della Cristallo Ultimate Spa e per l?inimitabile location in cui ? situato.

Viaggiatore Gourmet

 

Cristallo A Luxury Collection Resort & Spa

Via Rinaldo Menardi 42, Cortina d?Ampezzo

L'articolo Cristallo, a Luxury Collection Resort & Spa, Cortina d’Ampezzo (BL) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[03/03/2022, 09:59] E stavolta si chiude per un mesetto almeno



Chi l'avrebbe mai detto che avrei appeso un cartello cos? verboso, tanto lungo che pare un post? Per? ci tocca, siccome marted? 8 marzo si parte per una simpatica operazione di protesi totale del ginocchio, in quel di Novara, nientemeno (un posto pi? lontano non c'era, per questo scalcinato SSN). Quindi ecco la comunicazione di servizio: da marted? 8 marzo l'enoteca ? chiusa, e riapre boh, non so esattamente quando: tra ricoveri e riabilitazione ci vorr? almeno un mese. 

Si tratta di una cosa che rimandavo da molto, conseguenza peraltro di un vecchio incidente al mio ginocchio destro - anzi, siccome i blog hanno memoria perenne (mica come quella fetenzia di Facebook) questo ? il post che narrava l'evento traggico (due gi), che in definitiva ? all'origine dei fatti odierni. 

Domani, che ? venerd? 4 marzo, sar? gi? assente per visite preliminari. Ultimo giorno in cui resto aperto ? sabato 5 marzo, a bottega io stappo qualcosa, semmai chi passa beve con me. Resta la posta elettronica e Whatsapp per comunicazioni veloci, e ci si rivede, prima o poi.

TrackBack
[02/26/2022, 10:28] Cose da leggere, proprio oggi

"Niente sar? pi? come prima nell?Antropocene. Nemmeno la vigna che ho davanti agli occhi. Nemmeno i vini che ne verranno fuori. Non ci sar? alcun grand-cru class? a poter resistere a questa sovversione e qualunque idea di un terroir immobile, cristallizzata dentro disciplinari, pensata per la protezione di vitigni o parcelle indifendibili, ? destinata a franare. Con buona pace di ogni sovranit? immaginata dentro ai muretti a secco dei clos".

L'ha scritto Corrado Dottori (e dovrei aggiungere: ovviamente), in un post che si intitola La guerra in Ucraina vista da una vigna.

TrackBack
[01/18/2022, 09:54] Si fa presto a dire nebbiolo


E' marted?, si torna dalla gita aziendale per vigneti del fine settimana. Domenica e luned? sono trascorsi veloci, tra una cantina e l'altra, e questa volta la meta era la Langa dei Barolo e Barbaresco. E' stato un ripasso molto utile, anche, per ridefinire un concetto probabilmente mai abbastanza ripetuto: il terroir fa la differenza. E non mi riferisco tanto al generico concetto di territorio langhetto, quanto proprio alle microzone, quello che in termine tecnico si chiama Menzione Geografica Aggiuntiva e in Francia si chiama cru, cio? il nome della vigna, della micro particella che a parit? di vitigno (si parla di nebbiolo) ogni volta ? in grado di restituire un vino profondamente diverso a seconda della particella.

Gli assaggi con Francesco Principiano, in cantina

In effetti si fa presto a dire nebbiolo - come quando uno entra in enoteca e dice: dammi un nebbiolo. Certo, quale? Come lo preferisci? Fresco e giovanile, scattante e beverino, o magari complesso e austero? Perch? basta poco, bastano poche centinaia di metri e un versante, una riva, con una diversa esposizione e suolo: tutti fattori che generano vini molto distanti tra loro, nella percezione e nell'assaggio. Poi certamente influisce lo stile del produttore, cio? il progetto di vino che il produttore ha in mente, e che assieme al terroir compone quel che versiamo nel bicchiere.

A questo proposito basta confrontare due vini con stessa denominazione e annata, da due vigne diverse, ed ecco fatto: due vini totalmente differenti, e comunque notevolissimi, in ragione dell'assaggio. Quindi cominciamo il tour.

Le due etichette di nebbiolo Principiano

Langhe Nebbiolo 2020, Giuseppe Principiano
Siamo nel comune di Monforte, area Barolo, e questo nebbiolo ? in sostanza il vino cadetto dei poderosi Barolo aziendali. Ha esattamente la tensione e il vigore di quell'uva, di quel terroir, esibisce un bel tannino fiero e quella specie di immediata soddisfazione che ti fa dire: eccolo qui, il nebbiolo da Barolo. Solo affinamento in acciaio, ora al naso ha un floreale molto invitante e un'eleganza nobile, compassata. In enoteca costa 14 euro (ma ? una specie di offerta momentanea, direi di accorrere, ecco).

Da Principiano assagger? anche la versione affinata in legno dello stesso nebbiolo, vendemmia 2018 - qui la maturit? ha aggiunto ulteriore complessit? e finezza. Si tratta di una curiosa versione dedicata, precisa il produttore, quasi esclusivamente al mercato straniero. Manco a dirlo, ne ho voluto un po' per me, e in enoteca cosa sui venti euro. 

Il vigneto Montestefano, fuori dalla cantina di Teobaldo Rivella

Langhe Nebbiolo 2020, Serafino Rivella
Di Rivella scrissi annorum fa su Intravino. Qui ci troviamo nel comune di Barbaresco e soprattutto siamo in pieno cru Montestefano, uno dei vigneti storici dell'area, famoso per dare nebbioli possenti, profondi, dalla longevit? pazzesca. Otto mesi di legno grande per un rosso quasi cupo nella sua austerit?, forse ? la suggestione dell'assaggio ma ci trovi la terra che sa di tartufo, i capperi, la menta, e la frutta nera arriva dopo un bel po' - e in bocca ? solenne, maestoso, ha la grazia voluminosa dei grandi. Il prezzo in enoteca, 34 euro, riflette la microproduzione (due ettari in totale) e comunque lo stellare livello di artigianalit? che ? tipico di questo produttore cult.

Piccoli produttori, piccole cantine: quella di Rivella, per esempio

In conclusioni vini molto diversi, anche nei prezzi come si vede, ma tutti molto adatti a rappresentare le infinite sfumature di qualit? che pu? raggiungere questo vitigno. Si torna a casa con la percezione precisa di aver solo sfiorato questa complessit?, e col desiderio di tornare, per studiare ancora un po'. 

TrackBack