TagCloud:


Link to us:



  Blogs & Sites:



 






Mondo Di Vino
Mondo Di Vino





[08/07/2022, 20:18] How to destroy your Italian wine legacy in one generation

The following is a pirated Zoom transcript from a putative conversation between two old friends ? an ancient matriarch (Maria, or, M) of a renown Italian wine estate and her venerable importer (Carl, or, C) in the US. Howdy-do from an innermost and most particular cyber-labyrinth, seldom penetrated by we mere mortals.  

C: Hello darling, how goes it in the bowels of Italy in August? Are you somewhere cool and wet, I Hope?

M: I wish, my dear. No, I am sequestered on our family estate, as my three nieces have Covid. They came for a visit and brought this dreadful virus with them.

C: Oh no! You poor dear. I hope your satellite internet is working, so the children can document their every breath on their Insta.

M: Of course. They live such fascinating lives and we all must keep up with it. What a time we live in, yes?

C: Tell me about it. Shall we jump right in?

M: Of course. Fire away, maestro.


C: So, tell me about your estate and where everything lies at this point. Last time we talked, you were contemplating your ultimate demise and annihilation, and worrying about your castle, your vines, your wines and your legacy. Did I frame it up for you ok?

M: Oh yes. Perfect. As you know I am nearing my 10thdecade on this lovely planet, and even though I am still quite healthy, time isn?t on my side. I took this place over from my father 60 years ago. He had married into a famous family, but papa was a working man. And as he had no sons, it fell to me, the oldest daughter, to carry on what he had started. It was quite an eye-opener for me in 1962. I was newly married, my husband was starting his job at the nearby university, and I became steeped in the feminist movement, mainly as a result of how the men on the farm regarded me.

C: How so?


M: Well, they did not accept a woman as their equal, let alone their boss. And they would go about doing things the way they always had. My husband was very supportive of me, mind you, but he was busy. So, I had to ?learn to drive? by crashing, metaphorically. Fortunately, I was stubborn and didn?t lack for confidence. I was no shrinking violet.

My father saw to it that I traveled when I was young. I went to France. Paris. Bordeaux. Burgundy. Nice. Normandy. A well-rounded tour. And then he sent me to London, to learn English, but also to study the Anglo-Saxon mind. We saw a lot of English visitors to our region after the war, but to study them and make friends with them in their element was a different experience. And I made some lasting associations that served me well in life and business.

C: Your winery and its ascension in the world of wine as one of the great wines of Italy was something you had planned for?


M: Oh, absolutely not! I was trying to keep the place together for papa, and it is a wonderful estate. But the winemaking in the 1950?s was far from optimal, as it was in most of post-war Italy. Along with that, our economy was slow to start. But around the time I took over the winery, we were seeing momentum. Italy was waking up.

C: You and I worked together for 30-40 years. In that time, we saw an evolution in your wines.

M: Yes, but we also saw a cultural shift, both in Italy and in America. The young people were becoming more attuned to globalism, not just to their backyards. Travel became more prevalent, not just among the well-heeled, but also by students. Eurail helped for sure. But also, there were the beginnings of a social consciousness that the young were cultivating. Maybe the war in Vietnam prompted it, or the birth control pill? Ha! Yes, it was probably more the pill than the war.


C: I saw it here too, not just in California and New York, but all across America. Something was stirring.

Fast forward to today. We?ve lived a good, long life. Italian wines are heralded as some of the finest in the world. Your estate has prospered, as has your family. Who among your successors will take it to the next level? Do you have a succession plan?

M: Oh, Lord, this has been weighing on me of late. I am a bit worried about the future, even though I know there is not much there waiting for me.

C: How so?

M: As you know, my nieces, the ones who are here with Covid, all went to the best universities. And they are smart and beautiful, and tanned and trim, and they lack not for attention from men (and women). But they don?t have so much life experience. Oh yes, they handle our export business and our social media platforms. They get our wine in front of the best influencers and trendsetters. And they make it all look gorgeous and effortless. But I worry that they live in this fabricated world so much that the visceral world is not as much to their liking as the virtual one. I try to tell them that the physical body has time constraints on it. They won?t always be young and beautiful and buxomly. Yes, my words, from this ancient feminist!


C: You are worried that they don?t understand the blood, sweat and tears it took to get to this point?

M: Most certainly! They have credit cards with no limits. Since they were little girls, they have traveled first class. Their lives have been curated and polished, there are no rough edges to their life. But life, itself, is very roughhewn. One needs only to walk among the vines before dawn to see what a cruel jungle it can be out there. And likewise, in the so-called civilized world. You know, they can make it look fabulous. One week they are doing a vertical tasting among the greatest sommeliers in London. And the next week they are on their family yacht, swimming and tanning in the Costa Smeralda. But they have their very own unique reality, their bubble, which is very different from most of our clients. I often wonder how they can relate to the everyday person, like I had to, when I was coming up. I had no choice, I had to press on. My nieces are a bit more elevated from the dirt. Entitled? I mean, we all want the best for our children. But sometimes, when everything is handed to them, where is the struggle to achieve something for oneself? This is what is haunting me, and many like me, across the wine world in Italy and France. The generation that put wine on the map is dying and the young people, I worry, do not know how hard it was get here. We are perilously close to seeing our Italian wine legacy destroyed in one generation. And we are, more or less, powerless to do much about it. We are ancient. We are invisible. Oh yes, we have the power of the checkbook. But time is not on our side. My concern is that the youth, who all their lives have been young, will squander this opportunity by spending too much time with their selfies, their Botox, with living their best lives, to actually make provisions for their future, when they are old and grey. When I ask my nieces about their incessant capriciousness on social media, they just laugh out loud and tell me not to worry. They say, ?Zia, don?t worry. We are cancelling ourselves!?

It terrifies many of us who worked so hard to get here. We didn?t go this far to cancel anything. We saw a demon of a man try to cancel us, our culture, our history and our legacy. And he killed himself in a bunker in Berlin, thank God. But we never know when that sort of maniacal energy will arise. At the beginning of our chat, you asked me where I was, someplace cool and wet? And here I am on the family plot. It is hot. It is dry. It is unlike anywhere and anytime I can recall. But we, in Europe, are at war. There is a war being waged, a day?s drive from here. And my nieces complain because the Cartier shop in Florence keeps shorter hours in summer. This is the reality I am facing. So, yes, I do believe we are on the precipice of legacy ending occurrences.

C: I hear from your voice the anxiety in it. I see your concern.


M: Look, fortunately I am not frail. I may be on the doorstep of my 10th decade, but it is going to take more than a lazy breeze to push me over. I only hope my nieces will have the strength to face the everyday world, not this construct that agrees and ?likes? their every little whim. I don?t know. I hope. I didn?t get here though, just by hoping. It was blood, sweat and tears, lots of it. And of course, lots of red wine, too, thankfully.

We?ll get through this, if I have anything to say about it. And if we don?t, I hope I will be long gone by then. I?ve realized that legacy is a fantasy. It is something we pin up on a wall and before long we begin to adore and worship it, rather than the thing it represents. I?ll say it again ? legacy is a delusion.

C: Maria, here?s to the delusion of legacy and deliciousness of your wine. A votre sant?.

M: Same to you, dear friend. Come see me before we both get too old to breathe on our own. I?ll open the last bottle of the ?61 for us. See you soon, I hope.

 

C: From your lips to God's ears. Talk soon, amica.

 

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[08/02/2022, 15:32] Rossese di Dolceacqua, se 50 anni vi sembrano pochi

Il penultimo fine settimana di luglio 2022 me lo ricorder? per il caldo africano, come molti di voi, e per la ricorrenza festosa dei 50 anni dalla DOC del Rossese di Dolceacqua. Il 22, 23 e 24 luglio nonostante la calura torrida (s'? capito che faceva caldo?) nell'ameno paesino della Val Nervia ci sono state una serie di iniziative (cene, convegni, spettacoli, banchi di assaggio) che hanno degnamente ripercorso un periodo storico apparentemente lungo, ma comunque parziale: il Rossese a Dolceacqua ? un fatto ancora pi? risalente dell'et? della sua DOC. Questi racconti, narrazioni, storytelling - fatemi essere contemporaneo - hanno accompagnato queste giornate, assieme ai numerosi assaggi, quindi insomma non ci si lagna anzi grazie ai produttori di Dolceacqua che mi hanno invitato, manco fossi un influencer che danza su TikTok. E come direbbe pseudo Dante: per trattar del ben che vi trovai, dir? delle cose che vi ho scorte. 

Lo stato di molti assaggi (ad una cena) 
Si dice sempre, non si pratica mai abbastanza: il vino si valuta a tavola. Per dirla bene, chi sa e chi ricorda cita Sangiorgi, "il vino ? il ministro della tavola". Abbinato a preparazioni local estreme (tipo capra e fagioli), oppure a piatti delicati, il Dolceacqua dimostra una versatilit? di abbinamento che non ? facile trovare in altre denominazioni. A questo aggiungo che i numerosi assaggi hanno da subito presentato produttori altrettanto numerosi accomunati - e questo secondo me ? rilevante - da livelli qualitativi costantemente alti, e vale pure per etichette meno note: per fare un semplice esempio, Maixei ? una realt? cooperativa che produce tra l'altro Dolceacqua, e pure la cantina sociale non sfigura, anzi, mette nel bicchiere un rosso convincente, succoso, con la tensione e leggiadria tipica. Se mi passate il momento sciovinista, se sei enofilo e sei ligure non puoi che essere contento di verificare tutto questo. 
La sala del convegno

"No, il dibattito no!" (Pseudo Nanni Moretti) 
?Il Rossese di Dolceacqua: ieri, oggi, domani? - Conferenza presso la sede dell?ex Comunit? Montana, recita il programma di domenica mattina. Uno cita Nanni Moretti per un fatto politico, siccome la conferenza ha visto, purtroppo, una folta apparizione di personalit? politiche regionali e nazionali, sulle quali chi scrive dovrebbe evitare di mugugnare per non apparire il solito guastafeste. Ma siccome io non so bene evitare questa, diciamo, funzione, devo dire: era meglio farne a meno. E non mi riferisco ai sindaci, che sono comunque rappresentanti politici che col territorio, per la loro funzione specifica, hanno a che fare. Mi riferisco ai capataz che hanno infarcito lunghe prolusioni di supercazzole come "fare sistema" e altre vacuit?. Soprattutto, hanno evocato concetti difficili da maneggiare, come un supposto salvifico enoturismo di massa che, credetemi, collide con una DOC prodotta in quantit? omeopatiche, su un territorio ristretto, in una regione in cui le infrastrutture che dovrebbero veicolare queste masse sono patetiche: sulla qualit? disastrosa delle autostrade liguri c'? una vasta letteratura che spazia tra la fantascienza e il surreale, ma niente: si deve per forza indicare negli spostamenti massivi un tipo di veicolo promozionale decente, lasciando fuori dal discorso un'altra parolina, sostenibilit?, che potr? essere utilizzata comunque in altri ambiti, con voluttuosa abbondanza. Vabb?, arrivati a questo punto della lagna uno dice "ma parliamo di vino che ? meglio", ed in effetti la conferenza ha avuto pure momenti di notevole interesse, per esempio quando Matteo Gallello (autore su Porthos, Verticale) ha parlato della versatilit? di abbinamento del Rossese di Dolceacqua di cui sopra: dalla cucina locale, alle preparazioni semplici fino a quelle pi? complesse, citando anche cucine orientali e/o etniche.
Per chi lo desidera, ed ? dotato di spirito di sacrificio, ho caricato su Youtube il video intero della conferenza, peraltro scippato dalla pagina Instagram degli organizzatori ma io continuo a preferire YT, sono antico.

Ma parliamo di vino che ? meglio 
Nel pomeriggio di domenica, sul tardi quando il calore era meno africano, in piazza a Dolceacqua c'erano un bel po' di tavoli di assaggio, con un buon numero di produttori, qualcuno anche poco noto e a me sconosciuto. ? il genere di dettaglio che aumenta il mio interesse. Dopo aver assaggiato tutti, modestamente, potrei fare, anzich? una lunga serie di appunti di degu, una specie di stato generale del Dolceacqua, sotto forma di classifica. Nel senso che: c'? un nocciolo duro di produttori, sempre quelli, che per me rappresentano l'eccellenza. Diciamo i primi cinque della classifica. C'? il gruppo degli inseguitori, altri cinque, che stanno facendo un ottimo lavoro. C'? un terzo gruppo, di nuovi, giovani, outsider, troppo piccoli per uscire dall'area produttiva, che lo stesso mi facevano dire ad ogni assaggio: ma che bravo, questo. 
L'allestimento in piazza/1

L'allestimento in piazza/2


I soliti bravi 
Terre Bianche aveva il Dolceacqua classico 2021 che ? riuscito, cosa per me alquanto strabiliante, a superare (forse) il mitico 2020 che venne prodotto usando anche le uve dei cru. Veramente un assaggio notevolissimo. Maccario Dringenberg forse non serve nemmeno presentarla, ? una specie di rassicurante certezza. Non esiste una nomeranza di quest'azienda che mostri mai anche un vago cedimento, l'esecuzione ? perennemente precisa e giocata su quel mix di nettezza e fisicit? che definisce questa DOC unica e desiderabile. Ka' Mancin? ? tra i miei preferiti perch? - nel fare vini pur diversi dai primi due citati - ? capace di inserire un profilo di personalit? unicissimo che si ritrova nel bicchiere: un rosso zergo, appena burbero, e ugualmente succoso, dalla bevuta invitante. Lo stesso discorso si potrebbe fare per Testalonga Perrino, azienda stracult per la risalenza produttiva (il signor Nino Perrino ha cominciato a far vino ben prima della DOC) e stracult al cubo per la difficolt? a trovare in giro quest'etichetta, prodotta in quantit? sempre troppo basse rispetto alla richiesta. Il vino peraltro ha una tensione tutta sua, pi? terra che frutto, e poi carne e sangue. Da bersi nella maturit?, meglio, e del resto il banco di assaggio gestito da Erica Perrino ha consentito di sentire annate un po' indietro, e che festa, difatti. Tenuta Anfosso continua a dare prove notevolissime col Poggio Pini, ma in realt? era sufficiente l'assaggio dell'ultima annata del suo Rossese classico per avere subito la misura di un produttore arrivato, nel senso buono del termine intendo, cio? affidabile. 
Anfosso e le sue etichette

Quello che restava di Perrino, alla fine

Giovanna Maccario e un magnum di Sette Cammini

Gli inseguitori
Qui devo andare un po' pi? veloce se no mi esce fuori Guerra e Pace (e inevitabilmente qualcuno lo devo tagliare) ma ci sono alcuni produttori che stanno mettendo in giro delle vere delizie, ogni anno che passa un po' di pi?. Applausi quindi per Mauro Zino con un Superiore Peverelli 2019 dritto e serissimo. Oppure Roberto Rondelli che con Arenaria 2021 prosegue nel segnare la via per la definizione del suo Rossese, coerente. Un altro 2021 memorabile, e piacevolissimo, ? quello di Foresti, altro produttore che sta crescendo a ritmo sostenuto. E Gajaudo col Luvaira 2019, scusate il cru pazzesco verrebbe da dire, pure ben giocato col legno che qui a Dolceacqua pare sempre un'arma a doppio taglio. In coda ri-cito Maixei, esemplare cantina sociale che con cose come il Barbadirame Superiore 2019 mi fa pensare che, quando anche la cooperazione esprime risultati cos? alti, ebbene vuol dire che la denominazione intera ha raggiunto livelli encomiabili. 
Il Peverelli di Mauro Zino

Arenaria by Roberto Rondelli

"Luvaira", fa sempre piacere leggere questa nomeranza

La bella etichetta di Maixei


Attenti a quelli l? 
Adesso vi piazzo un paio di nomi, poi fate voi. Azienda Agricola Caldi, ettari tipo uno o due, assaggiato Superiore 2020 e Classico 2021, da comprare al volo. Piccolo problema: vino non ce n'?, quel poco ? venduto localmente ad aficionados (e qui ometto gli improperi dell'enotecaro). Ascari col Dolceacqua 2021 promette benissimo, considerando che ? poco pi? che un giovane esordiente, quindi again da tenere d'occhio. 
Le etichette molto classiche di Caldi

Ed ecco il giovane promettente


Gran finale, in giro per vigne
Luned? mattina, camminata per Posa? e Luvaira in compagnia di Giovanna Maccario. Potrei ripetere che faceva caldo anzi caldissimo, ma arrivati lass? c'era chi, come il signor Dringenberg, in vigna ci stava lavorando, e allora che faccio: mi lamento, io, che facevo il turista? Del resto vedere quei cru storicissimi e prestigiosi con la guida di Giovanna ? stato un fatto glorioso - che in fondo non era nemmeno cos? caldo, a ripensarci. Come direbbero quelli bravi, ora facciamo parlare le immagini, e da Dolceacqua ? (quasi) tutto.
Il mare ? l? dietro

I terrazzamenti con la pietra a secco

Altri terrazzamenti tra i filari

Alcune piante che soffrono la siccit?: quest'anno altrove l'azienda ha irrigato a goccia
TrackBack
[07/31/2022, 17:15] Are ?The Best Italian Wines? the Best We Can Do?
From the archives
I thought we might have dodged the bullet. You know, the one whereby all the wines of the country are judged by a few? France has had that moment a time or two. Lately it?s been in China, where Lafite ruled. Now it?s Domaine de la Roman?e-Conti?s turn.

Italy, ah Italy, land of wine for the everyday person. Maybe in Italy. But in the rest of the world, has Italy managed to escape the curse of the wine snob?


The Italian-styled spot my friend went to and was disappointed in their wine list, when I looked at it, I saw some of the wines certain people consider ?the best.? Among them were Tignanello and Sassicaia. I?m not sure how much Tignanello (at $170+) and Sassicaia (at $270+) their flip-flop wearing clients are going to be ordering, especially when it is 95?F at 9:00PM.

In years past, it seemed the only way Italian wines made a statement was when they stood out. One way to do that would be on price. Another would be on rarity. Restaurateurs would proudly display wines like Sassicaia, Ornellaia, Solaia, Tignanello, Sori Tildin, Biondi-Santi, Bricco Rocche and Santo Stefano on their wine lists, while the rest of us were left holding our tongues, just wishing for a nice little wine we could get through the evening (and the menu) with.

But Italy didn?t conquer the world with wines that were rare or expensive. Quite the opposite.

Now we?re hearing this might be already happening with Italian wines in Asia. Right after the folks over there pass through their Roman?e-Conti phase.

Is it the fault of those who make the iconic wines that command so much attention? Is Piero Antinori to blame? Angelo Gaja?

I am willing to bet that Angelo Gaja doesn?t drink Sori Tilden on a daily basis. Not that he couldn?t if he wanted to. But even a wine like Sori Tilden on a daily basis would take the specialness out of that wine. Likewise, I find it hard to imagine Piero Antinori sitting down to the lunch table every day and opening up a bottle of Tignanello or Solaia. It?s just too much. So why do some people put these wines up as the epitome of what Italian wine is all about?


Part of it is marketing. The ?We are just as good as the French? argument. Which, for all intents is over in Italy. But there are folks in America (and China) who haven?t gotten the message, or the fax, the text or the tweet. So, one more time.

?Italy?s best wines? isn?t what Italy does best. Yes, Italy does luxury as well or better than anyone else. People copy their cars, their shoes and fashion, their food, their music, their films. Italy is a brand that drips with luxury. But it?s lux omnes, a more grounded, everyday celebration of the soil and the hand of humankind. What good is it if only a chosen few can enjoy it? Don?t we already have a perilous imbalance in the gap between the very wealthy and the rest of the folks? Does anyone remember France in July of 1789?

While this blog isn?t going to solve the problem of the wealth gap, the idea that Italian wines are only good at the top for only a few is a trend that needs to be shut down now.

Contrary to what I have been reading on local blogs, the reality is there are lots of Italian wines that have quite a following in these parts, along with the rest of the country. One just needs to step outside of their bubble and breathe in the fresh air and the good news that?s all around us. I go to my local Italian store, Jimmy?s, on Saturday, and there are all kinds of people buying Italian wines. Now, the folks at Jimmy?s don?t give them a choice (they only sell Italian wines) but you don?t hear many of their clients complaining about it. It?s not that big of a deal ? it?s just a short explanation, maybe a little story and they head home with one or 30, with happiness and relief. The relief is that they couldn?t figure out which wines to buy. But someone who knows helped them. So that made them happy. But that is the duty of the merchant and the restaurateur. Yes. Duty. And it?s a joyous one.

Italy is happy to share their best with anyone and everyone. That is the great secret of the best Italian wines. It?s grounded. It?s every day. It?s easy. It?s painless. It?s affordable. It?s no big deal.

It?s that simple.




 



wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[07/24/2022, 17:19] Exclusive: Interview with a Bottle of Italian Wine

It?s been a while since we last chatted, so I figured it was time to set up the recorder and ask my favorite bottle of Italian wine how their life is these days. Come along for the ride, let?s see what they have to say for themself.

Q. The last time we talked, you had just been filled with a wine from the 2017 harvest. How are things developing?

A. Thanks for asking. It?s been about 4 ? years since then, and it?s been a cool, dark journey. But what would you expect? I mean, it?s not like we?re ready.

Q. OK then, so what have you been mulling over these past 4 ? years?

A. Ah, yes, lots of time to think. Well, we don?t hear much in this part of the cellar, but it seems you humans have been having quite a go of it, what with this virus, the global climate situation and certain bellicose political figures, both in power and removed from.


Q. Oh God, don?t get me started. Yeah. I think coming from the challenging harvest of 2017 sounds like a cakewalk compared to the mucking about we?ve been doing out here in the light. But tell me, what do you think of the wine inside you?

A. You know, it?s not bad. There were some challenges around harvest time, so I?ve heard from the cellarmaster who roams these caves. But overall, I think for the wine that we have with us, it should have a good run.

Q. what does it feel like, to be a vessel that holds the liquid we know as wine. Is it like being pregnant? Is it euphoric? Do you get a contact buzz? Tell me..

A. It?s nothing like that. We?re a neutral surface and so we have the barest of contact with the alcohol. And we didn?t give birth to the grapes, so that?s not an emotion we feel down here. No, it?s more like quiet expectation. It takes a lot of patience to wait for the moment of the great release. And it?s different for every bottle, every wine in here. I?d say it?s a humbling experience to cradle this liquid that theoretically was born to give pleasure. If there is any contact high, it?s knowing that.

Q. Wow, interesting. So, your role is more like that of a Vestal Virgin, to maintain the fire, so to speak.

A. Yes, that?s it! we must make sure the fire doesn?t go out, metaphorically. And the fire is the spirit that embodies wine.

Q. Anything about the grape itself, what it feels like, its spirit? Can you offer anything to enlighten us about this part of the process?

A. Again, that?s hard to tell, as I haven?t had any experience with any grape, let alone the one(s) that are inside me. From what I can tell, it?s a lively variety, very spirituoso. Also, very sensitive to change, to light, to movement, to temperature fluctuation. Sometimes it?s like walking on eggshells around here. One must tread lightly, or as lightly as a bottle of wine can tread, if you know what I mean.


Q. Oh, I get it. So, when do you guys get out? And where do you go from here?

A. I wish I knew. I believe our appellation has already been released. So, I am assuming we must be a riserva of some sort. Or a library release. In any case, I heard a rumor we might be heading out in the autumn when the weather cools down. Right now, we?re still in the cages, waiting to be labeled and boxed up. If I had my druthers, I?d like to stay here, in Italy. But the winery owner loves Thailand and New York. I guess we?ll see. I just don?t want to find myself on some hot, balmy island in the Caribbean. Not so much fun for a wine of this sort.

Q. Wrapping up, is there one thing about this experience that our readers could take away?

A. Most definitely. And that is, this will pass. Whatever it is you?ve been going through, it's part of an evolution. It isn?t the final destination. We?re all going somewhere eventually. The key is to stick it out and be patient, and a little courageous, and not without the hope that wherever you might be heading will be exactly where you were meant to go. Hey, not too bad for an insentient vessel made from sand.

Q. That?s certainly sagacious reasoning. The wisdom of the desert sands. Well, good luck and safe travels, wherever you end up.

A. Same to you. Alla nostra salute!

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[07/17/2022, 21:08] The Italian Table & The Venus Flytrap

I grew up in a home where most of the meals were made from scratch. We didn?t eat a lot of frozen anything, except for ice cream. And we didn?t live in a time when processed foods were as prevalent as they are now. So, when I went to Italy for the first time, it wasn?t the revelatory experience it might have been for the average American. Most of the foods were pretty familiar, with a few regional exceptions. None the less, when I went to Italy, and I went a lot, I always looked forward to dining at the Italian table.

And at those tables, whether they were commercial enterprises like a restaurant or a trattoria, or a farm side or village meal, made by the local people who were involved with the farm or lived in the villages, it always seemed to be an uplifting experience, compared to what I was experiencing back in the US when working in the wine trade. Mind you, I had to eat at a lot of Italian restaurants in America for business. But they rarely achieved the heights of enjoying a meal in Italy.


You see, dining in Italy had seduced me into thinking that I was eating the best, the freshest, the healthiest food I could ever, would ever, put in my mouth. And it was so delicious! For years, I?d anticipate and salivate over going back to Italy, not just for the wine, but the food.

And what kind of food? The bread. The cheese. The pasta. The vegetables. The seafood. The desserts. The pizza. The salumi. The Prosciutto. The everything.

Now, I?m finding out some of those foods are not too friendly to my insides. Not allergic. Just not right, all the time. Things like bread and cheese and pasta and pork and sweets, to name a few. Which makes it terrifically difficult, seeing as I love all of those things.


But they don?t love me.

Add to that all the wine, which now we are finding that too much of a good thing isn?t a good thing.

But still, for years, I dreamt and planned and waited and anticipated about going to Italy. To eat like one could not eat anywhere else in the world. Imagine Sicily, or Abruzzo. Or Trentino. Or the Langhe. And then, Emilia-Romagna. My God, what have I done? I?m going into shock just thinking about it.


So, how did this happen? Did I develop an eating disorder? Did Italy over-influence me, override my innate sensibilities with its delicious, scrumptious, mouth-watering delicacies? Yes. Yes. And yes.

One of my Italian dining mates said it best. ?Alfonso, the Italian table is like a Venus Fly trap. It seduces you. It beckons you. It draws you nearer and nearer. And when you are comfortably seated, it goes about turning the tables. And it traps you. And then, it starts eating you.?


Like a frog in a pot of cold water, the temperature rose slowly, until it was too late.

Well, almost.

At least, in my case.

What happened to me was a number of things. First and foremost, Covid restricting travel. I haven?t been to Italy in three years. And that?s not a complaint. Just a fact. I?m an introvert, so travel isn?t a lifestyle necessity. Health, peace, normalcy and consistency are higher on my priority list. I miss Italy. But I?m not dying to go to Italy.

I reckon I gained a half pound for every trip I made to Italy in the last 35 years. So that would roughly be about 30 pounds. It?s not that the food wasn?t healthy or wonderful or delicious. In fact, that might have been one of the reasons I gained the weight I did. Because it was healthy and wonderful and delicious. But just the wrong sized portions.


How many lunches and dinners that lasted for hours and hours, course after course, wine after wine, sitting, resting, rusting? Again, not complaining. But not a healthy regimen, year after year. I?m just saying.

We romanticize it, people want to be in that position, to be able to travel and eat and drink, and be schlepped around and looked after. I get it. People want to feel wanted. They want to feel love. And food (and drink) fills a void in many of us.

But portion control.

I know, we all think we?ll never know when we?ll see our next meal. It was like that for hundreds of thousands of years. A hard habit to break. And when you see a wonderful spread, laid out so artfully, it?s hard to resist. You want to jump in head first. I?ve been there. I jumped as often and as deep as I could, whenever I could.


But now I wonder, next time, what will I do? Will I succumb to my old habits? Or will I be a little less like a fly and try and resist the Venus fly trap? I know I want to. I know I?ll try. I know it took me years to take off those 30 pounds from those 60 trips, and I know what a challenge and sacrifice it has been. A privileged one, for sure. But, nonetheless?

But the bread. The cheese. The pasta. The vegetables. The seafood. The desserts. The pizza. The salumi. The Prosciutto. The everything.

It will be interesting to see if I?m a fly, or a frog. Or simply a person who has lived long enough to test and know his limits, when one is thrown into an alimentary garden of Eden. We?ll find out someday. What about you?

 

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[07/15/2022, 17:57] JOL? EMOTIONAL CUISINE | J44 Urban Lifestyle Hotel 5 Stelle ? Jesolo (VE)

Il ristorante Jol? Emotional Cuisine, nel contesto del J44 Lifestyle Hotel, apre le sue porte per sorprendere le tue abitudini culinarie, accompagnandoti a tutto gusto. Jol? ? il risultato del forte desiderio di proporre qualcosa di nuovo e importante sul territorio Jesolano. Il continuo studio del prodotto e delle tendenze, l?insaziabile interesse verso la materia prima e le esperienze internazionali vi faranno dire ?questo non ? solo un ristorante, ma ? il riassunto del luogo dove mi trovo?. A testimoniare questa cucina curiosa, autentica, che abbraccia l?arte del fusion senza mai scordarsi della preziosa offerta del territorio ? la carta essenziale: una delicata selezione di abbinamenti da gustare, che seguono instancabilmente le stagioni.

La squadra

Team Cucina

Executive Chef: Sander Wildenberg
Sous Chef: Giulio Sancilio
Chef de partie: Davide Macor
Chef de partie: Andrea Visintin
Chef de partie: Andrea Viscardi

Team Sala

Ma?tre: Bruno Bego
Sommelier: Francesco Piazza
Chef de rang: Alessandro Polato

Team Tacco11

Bar Manager: Luca Girotto
F&B Manager: Fabio Bello
Hotel Manager: Marco Girotto
General Manager: Matteo Rizzante

Iniziamo con l’aperitivo da Tacco11 con un’immancabile Gin Tonic ? Gin Sospiri, Tonica Fever Tree Mediterranean

Stuzzichiamo un’Ostrica Gillardeau, dashi beurre blanc, caviale & Bun di branzino (pescato nostrano), bergamotto

Ci spostiamo in camera…

Il benvenuto personalizzato

E ora momento relax alla SPA Privata ad uso esclusivo solo su prenotazione al 9? piano.

Vasca idromassaggio

E adesso a cena al Jola Emotional Cusine

Abbiamo optato per il menu degustazione “A mano libera”

Un po’ di mixology per iniziare

Americano con Bitter ?Divo Rosso? e Vermouth Insolito al radicchio.

Stuzzicando grissini di semola & Cracker nero soffiato, pat? fegatino di pollo e nocciola, polvere di paprika & Cialda di polenta gialla, gras pist? (lardo di pata negra) e gli amuse bouche: Frico, gel di cipolla bruciata, Lisca al nero di seppia, emulsione di baccal?, polvere di alghe Dashi e beurre noisette

Stappiamo la prima bottiglia: Champagne Dosage Z?ro Blanc de Blancs Grand Cru “Encry Grande Cuv?e” Magnum – Vue Blanche Estelle

Di colore giallo paglierino intenso al calice, con perlage sottilissimo e di grande persistenza. Estremamente raffinato all?olfatto, ai fiori bianchi e alla pesca noce aggiunge ricordi tostati di nocciola e crosta di pane, e sfumature minerali e agrumate. Il palato ? pieno e croccante, profondo e ampio, di ottima lunghezza e gradevolmente sapido in chiusura.

In abbinamento carpaccio di scorfano all?acqua pazza, salsa aglio, olio alle erbe Accanto: Grissino all?acqua di mare e katsuobushi

A seguire Derthona IGT 2019 – Vigneti Massa

Di colore giallo paglierino luminoso. Al naso si distinguono fragranze di mela golden, kiwi, caramella al limone, ?fumo?, tenui soffi floreali e minerali. Il palato rivela una silhouette affilata, agrumata, con piacevoli guizzi sapidi. Finale piuttosto disinvolto, che rimanda al quadro?aromatico.

In abbinamento alla capasanta di Caorle, crema di cavolfiore bruciato, nocciola, caviale. Accanto: Focaccia con Olio Muraglia denocciolato

Assaggiamo ora Cerasuolo D?Abruzzo Rosa-Ae DOC – Torre dei Beati

Un vino rosato piacevole e immediato, attraversato da delicati sentori di rosa e accenti fruttati di melograno, fragoline e ciliegie. Ha un gusto rinfrescante, succoso ed equilibrato, dotato di bella vitalit? e golosa freschezza

Accostato alla Tartare di cervo (filetto, cacciato Europa), gel ai frutti rossi, Tom Kha Gai, jus di cervo al cioccolato fondente. Accanto: Pagnotta di segale, burro (Normandia) montato e sale Maldon

A seguire Hora Prima IGT – Mosole

Di colore giallo intenso. Il profumo di frutta matura con sottofondo di albicocca, ananas e agrumi. Al gusto, il corpo ? ben sostenuto da una buona struttura e finisce lungo e persistente.

Pensato in abbinamento allo Spaghetto ?Monograno Felicetti?, lievito, dashi, limone, scampo (Sicilia)

Bottoni di pecorino romano e carota, brodo di foglie di cavolfiore, sommacco e noci pecan

Ci spostiamo su Yoigokochi Sak? Tentaka Organic

Tentaka Organic ? un sak? biologico certificato, prodotto dall?autorevole sakeificio Tentaka Shuzo. Delicato ma ricco di acidit?, umami e sentori terrosi.

Perfettamente accostato al Rombo pescato in Olanda, sedano rapa in crema e marinata, Tosazu all?aceto di Sirk?

E’ il momento di addolcirsi con ?Ad Nonam? Bianco Passito IGT – Mosole

Vellutato, dolce e cremoso.?Il segreto dell?appassimento naturale in cassetta sotto la tettoia rivolta a sud-ovest, da settembre a dicembre, permette ai grappoli il loro naturale processo di disidratazione, una maggiore concentrazione di zuccheri e dona agli acini un colore che va dal giallo, oro, al bronzo.

Abbinato a Lampone, lampone, lampone (mousse, gel e croccante di lampone)

E ora Vin Santo di Gambellara DOC – Vignato Virgilio

Colore giallo dorato. Al naso esprime sentori di frutta disidratata, come albicocche e spezie dolci. Al palato ? avvolgente, ricco di sensazioni con la giusta freschezza e morbidezza.

A seguire Mousse al tabacco (mousse al tabacco, gelato al caff?, aria di sambuca, crumble vaniglia)

Piccole coccole: Gel?e di arancia e campari | Bonbon cocco e lime | Macaron lampone | Craquelin al mascarpone | Viennese al cioccolato

Una foto con tutta la squadra!

Buonanotte!

Un risveglio con vista mare

Colazione in camera!

Un grande GRAZIE e…a presto!!

Cucina

Jol? si propone attraverso i suoi piatti con ingredienti di alta qualit? e stagionali, colori e usanze che rispettano le tradizioni facendoci espandere verso orizzonti lontani. Nulla ? fuori posto e tutto sembra accostarsi per esaltare il gusto naturale della materia prima. Pensando ad un percorso per tutti quelli che non vogliono rinunciare a nulla ?A Mano Libera? ? un menu degustazione a sorpresa che rappresenta l?identit? di Jol? e il loro rispetto verso la materia prima. Accostata e armonizzata dall?ispirazione creativa dello Chef Sander Wildenberg.

Servizio ed Accoglienza

A rendere interessante la proposta del Jol? sono proprio le persone che ci lavorano. Ognuno di loro ha una storia da raccontare, e lo fanno attraverso i piatti e i racconti durante il servizio. Ogni competenza, ogni consapevolezza, ogni esperienza internazionale pregressa viene trasmessa nei piatti e con i piatti.

Conclusione

Un indirizzo perfetto e imperdibile per chi cerca il relax sul mare e una proposta gastronomica fuori dalle righe, con la possibilit? di fare un salto verso la mondanit? senza uscire dall?hotel.

Viaggiatore Gourmet

J44 Lifestyle Hotel
Via Dante Alighieri, 46 – 30016 Jesolo, Venezia
Tel: +39 0421 1830300
E-Mail: booking@j44hoteljesolo.it
Sito web: www.j44hoteljesolo.it

L'articolo JOL? EMOTIONAL CUISINE | J44 Urban Lifestyle Hotel 5 Stelle – Jesolo (VE) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[07/10/2022, 21:55] The Wine Trade?s Dirty Little Secret

For the past three weeks I?ve not been imbibing in alcoholic beverages, part of a seasonal cleanse, taking an active part in becoming healthier. Oh, don?t get me wrong, I?m not saying wine isn?t healthy for you. Actually, wine has alcohol in it, and alcohol is pretty toxic. But we usually give wine a pass, because it is so delicious, and we have it with meals. And we age it, and fetishize it, and worship it. So, that must make it OK.

But really folks, the wine trade has a problem. A drinking problem.


You see it everywhere. A wine lover, maybe a blogger, maybe a consumer, it doesn?t matter, they are going to one of their favorite spots in wine country. And you start seeing them posting pictures of wine. First at the airport. Then on the plane, and as soon as they?re in wine country, there they go again, a wine shot. And then after a day of tasting and visiting wineries, what do they do? They go to dinner. And then they really start to get their drink on. After 24 hours, they might have consumed 2-3 bottles of wine. That?s a lot for a body to take in.

When I was a kid, we lived across the way from family friends. The husband was a screen writer, although his wife once told me he was a gofer for a famous television producer. He always seemed to be hanging around the house when he wasn?t out running errands, or as he liked to say, polishing up a script. Actually, what he was really good at was polishing off a bottle, night after night.

He was harmless enough when he was sauced up, as long as he wasn?t behind the wheel. But I saw first-hand, how an alcoholic functioned in his world. And it wasn?t pretty.


An erstwhile colleague once remarked to me why they thought folks were attracted to the wine business. ?Oh, that?s an easy one, it?s for the buzz.? Simple as that. No psychoanalytical meanderings, no in-depth exploration over daddy problems. The buzz.

I?ve seen it in friends and coworkers. Bottle follows bottle, follows another bottle. And then another. And when that?s done, then the after-dinner drinks. And then, the night is young, so why not have an ice-cold beer? The wine trade has an inordinate number of souls who just cannot get a grip on their alcohol dependence. It?s sad. Because somewhere there?s a spouse and kids and friends and other family, getting short shrift for some bottle of Barolo. But the bottle of Barolo gets likes on Instagram, and pictures of your son hitting a t-ball, maybe not as much? It?s a shame.

Talking to someone about their addiction, these days, is a tricky proposition, for who among us wants to cause someone to feel shame? We?d never think of doing it to someone who might be struggling with their weight, would we? And alcohol is such a personal thing, a twisty-turny journey for each and everyone of us. Each one different. He who is without sin, well, you know the rest of the saying.


So, what do we do about it? I think it?s a personal decision. But from a health point of view, as we age, our tolerance for alcohol (or anything, for that matter, food, insincere people, bullshit, etc.) diminishes. I?m looking at a wine closet and a wine fridge filled with wine, wondering how in Heaven?s name I?m going to drink all that wine in my lifetime.

I was moved to write this piece because I was thinking about someone who I used to be close to. But we drifted apart. The details at this point aren?t that important. But from afar, I?ve kept tabs on them. And man do they get their drink on a lot. Oh, it?s couched in wine dinners, or wine education, or conviviality. But it?s a lot of alcohol this person is ingesting into their system. I can?t help but wonder if they are having a hard time facing something in their life that is uncomfortable, maybe even taboo.


I know my neighbor, the gofer or the screenwriter, depending on who you talked to, was avoiding something. He told me, once, in a drunken stupor, while we were outside throwing a baseball around.

It was 3, maybe 4 o?clock in the afternoon, and he popped over to visit. And seeing as I was outside by myself with a ball and a mitt, he offered to play catch with me. He did that a lot. Anyway, I could tell he was lit. But he was always friendly and never abusive to me.  Something he said as we were tossing the ball around stuck with me. ?You know, kid, sometimes I just have a hard time trying to see myself fitting in to this world. It?s like I?m lost and I don?t know what to do to find myself.?

If you have trouble with alcohol, please don?t wait until your liver fails you, like my baseball throwing friend. Dig into yourself, find out if you have addiction problems, and then get help. From family, from friends, from professionals. But don?t wait. Your health is more important than a thousand likes on Facebook, or the greatest 3-star Michelin meal in France. Don?t let the wine trade?s dirty little secret - a drinking problem - be your problem. Your health is your wealth, and your key to living your best life.

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[07/01/2022, 17:29] Borgobrufa Spa & Resort ? ELEMENTI Fine Dining ? Chef Andrea Impero ? Brufa (PG)

Nel cuore verde d?Italia e dell?Umbria, a Torgiano, su di una collina che domina Assisi e Perugia sorge Borgobrufa SPA Resort. Completamente rinnovato nel 2019 offre una sublime quiete, accoglienza, comfort e benessere. Per godere appieno del silenzio e della pace caratteristiche del luogo, Borgobrufa SPA Resort accoglie solo ospiti con et? superiore ai 15 anni. La posizione privilegiata del 5 stelle permette di godere di una vista senza uguali, che spazia dalle colline coltivate a vigneti e olivi, che si pu? godere da ognuna delle 49 camere, caratterizzate da arredi della tradizione umbra o di design moderno e ricercato. Un regno di lusso e charme, dotato di tutti i comfort, compresa la SPA pi? grande dell’Umbria.

La spettacolare vista panoramica accompagna gli ospiti anche a tavola, grazie alle vetrate a tutta altezza del raffinato Ristorante Quattro Sensi e del pi? intimo Tempio del Gusto. La cucina, affidata allo chef Andrea Impero, valorizza sapori autentici e specialit? umbre, affidandosi a ingredienti di prima qualit? e produttori locali e riscoprendo tecniche di lavorazione di un tempo. Ultimo ma non ultimo, l?esclusivo Elementi Fine Dining per un?esperienza culinaria unica. Oltre 150 etichette di pregio, tra vini del territorio, regionali, italiani e internazionali compongono la preziosa Enoteca. Scegliere di soggiornare o cenare al Borgobrufa SPA Resort significa godersi un’esperienza suggestiva completa!

La squadra

Martina Pallante Restaurant Manager

Cucina

Andrea Impero Executive Chef
Daniele Binario Sous Chef
Diego Pennacchia Chef Tournant
Antonio Virgilio Head chef de Parti
Federico Ramacciani Demi Chef
Luigi Cerlino Demi Chef
Giacomo Pochini Demi Chef e Bakery
Luigi Difazio Commis
Iacopo Giulietti Commis
Pamela Fabbrizi Pastry Chef
Andrea Angeleri Pastry chef

Staff di sala

Domenico Scotto D?Antuono Maitre
Xavier Austoni Sommelier
Mariano di Meo Secondo Maitre
Armando Onorato Barman

 

Lo chef Andrea ci introduce l’orto di Borgobrufa

Lunch a Bordo Piscina.

Iniziamo con l’aperitivo della casa: Poggio Belvederino 2019 ? Borgobrufa

Incrocio Manzoni e Trebbiano, bianco elegante e dotato di gran fascino, ideale per aperitivi e primi piatti leggeri.

E un assaggio di Umbria Chardonnay IGT ?Bram?to della Sala? 2019 – Castello della Sala

Di colore giallo paglierino leggero con sfumature verdognole, al naso si presenta con un bouquet ricco in cui predomina la frutta matura, in particolare mela e ananas. Al palato le leggere note minerali si intrecciano con quella sapidit? e speziatura tipica dei vini del Castello della Sala. Il risultato ? un vino fine, elegante, dotato di una ottima spina minerale che ne favorisce la persistenza e la complessit?.

Per iniziare leggeri…la signora Carbonara!

A seguire insalata di polpo e patate

Assaggiamo anche Burgus 2018 – Borgobrufa

Blend di Sangiovese e Cabernet dai profumi intensi e freschi con un veloce passaggio in barrique, ottimo con carni rosse, pollami e cacciagione.

In abbinamento al Chef Burger di manzo ?Etrusco? con scamorza di pecora ?La Solana?, pomodori grigliati e salsa tartara. Servito con patate fritte alla paprika fatte in casa e pane morbido al sesamo di nostra produzione

Il Sunset Bar!

Ci spostiamo nella nostra Imperial Emotion Suite & SPA, una bolla di lusso, charme e privacy totale. Una Suite di 200 mq con due camere doppie, piscina interna riscaldata, sauna e bagno turco, 40 mq di patio con vasca idromassaggio e 220 mq di giardino privato.

Il benvenuto in camera…

La nostra piscina interna riscaldata privata!

E l’immancabile idromassaggio

Ci spostiamo all’aperto in piscina per l’aperitivo

Ed eccoci finalmente da Elementi Fine Dining

La sala propone un ambiente intimo, raccolto ed elegante in cui si respira quiete e armonia grazie alla raffinata la mise en place, minimalista e poetica.

Le danze si aprono con alcune chicche:

  • Il salame autoprodotto di porco Cinturello Orvietano
  • Il pane sciapo a lievitazione naturale con farine di grani antichi Umbri
  • La cialda di farro come elemento primordiale nel ricordo del primo cereale coltivato dall?uomo.
  • Olio extra vergine d?oliva ?San Felice? Locci cultivar autoctona del territorio

La salsa della perugina

BACCALA? IN FERMENTO ALLA PERUGINA: questo appetizer rappresenta invece il punto d?arrivo in Umbria per lo chef che reinterpreta una ricetta popolare attraverso tecniche opposte ma efficaci soprattutto per la conservazione, quindi la salsa della perugina (prugne, albicocche secche, carote, sedano, scalogno, pomodoro) che fermenta spontaneamente per 2 mesi e lo chef ne utilizza il succo per marinare il baccal? crudo.

Gli altri amuse buche:

RAFFAELLO DI TINCA AFFUMICATA: Tradizionale del lago Trasimeno la tinca affumicata con legno di faggio, il pat? fatto dallo chef racchiude una mandorla tostata e viene cosparso di quinoa soffiata.

COPPIETTA DI CALAMARO: ricordi di tradizione norcina romana le coppiette di maiale trasformate in coppiette di calamaro.

BLINI DI BARBABIETOLA, STRACCHINO? E? CAVIALE ADAMAS: esperienze di vita vissute, la Russia per lo chef ? stata punto di partenza della carriera e motivo di visione per le tecniche future, rappresentativo di uno stato il blinis con il caviale per i giorni di festa.

In abbinamento un calice di Trebbiano Spoletino ‘Laetitia’ – Fongoli

?Laetitia? di Fongoli ? un?Trebbiano Spoletino?espressivo, fruttato e minerale, di buona ricchezza aromatica, ottenuto con breve macerazione sulle bucce. Profuma di frutta gialla e fiori e al palato si rivela fresco, piacevole e succoso

A seguire Metodo Classico Passerina Dosaggio Zero – Faraone

Colore paglierino tenue, perlage fine e persistente, cremoso in bocca, sentori di crosta di pane, retrogusto leggermente amaro.

Grissini della casa

Stappiamo adesso Il Reminore – Madrevite

Di colore giallo paglierino con sfumature dorate. Al naso la presenza di frutti bianchi e agrumi, con raffinate note minerali. Un vino fresco, profondo e con spiccata complessit? tipica del vitigno.

Terra bagnata.

Salsiccai d?anguilla, fagiolina del lago trasimeno e sedano nero fermentato

La ricerca del territorio si sofferma su una microzona dell?Umbria che ha stupito per richiamo alla terra e sensazioni fangose legate all?umidita del lago. A Castiglion del Lago Fabio Berna custodisce la banca del seme umbro e la vera fagiolina del Trasimeno oltretutto ?l?aglione Valdichiana? data la vicinanza al lago di Montepulciano, il tutto di contorno al pesce pi? autoctono umbro l’anguilla, il sedano nero di trevi ci riporta ai gusti primordiali del fermento naturale.

Degustazione di oli.

Olio extravergine d’oliva “Sesto” – Loreti

Olio extravergine d’oliva Gran Cru Villa Magra – Franci

PORCO TONNO: Cinturello Orvietano ?Urbevetus? preservato, papacelle fermentate e rapetti

Il porco tonno nasce dall?idea di portare sul piatto un metodo di conservazione antico che consiste nel conservare le carni in vasi di vetro effettuando una salamoia calibrata, dopo lunghe ore di cottura e metterlo sott?olio. Cos? facendo dopo un paio di mesi si pu? consumare. Una volta pronto tramite lo scambio osmotico che avviene tra la carne e l?olio si ottiene un aspetto visivo uguale al tonno in scatola che attualmente si continua a utilizzare con questa tecnica. Servito con rapetti osmotizzati e papacella fermentata.

In abbinamento alla Birra artigianale ?Suburbia? – Fabbrica di Birra Perugia

Birra dal colore giallo dorato con schiuma compatta e molto persistente. Al naso predominano i toni erbacei, resinosi, con note balsamiche e speziate su qualche leggero sentore agrumato. In bocca apre con un fruttato che cede quasi subito il passo a note amarognole e volutamente dure.

A seguire Umbria Rosato IGT ?La Bisbetica? 2018 – Madrevite

Alla vista regala un bell?arancio-rosa, brillante e luminoso. Il naso si apre su sfumature floreali, per poi percepire decise note fruttate, di lampone e ciliegia in particolare, completate da una sottile mineralit?. La bocca ? fresca e sapida, intensa e gradevole, di lunga persistenza.

Tarallini per spezzare

A seguire un calice di Fiano di Avellino DOCG “Vino della Stella” 2018 – Joaquin

Giallo paglierino intenso, con riflessi dorati al calice. Offre al naso complesse note olfattive, composte da albicocca, ananas, melone e frutta tropicale matura, cui si aggiungono sfumature mielate e ricordi di frutta secca e appassita. Corposo e minerale al sorso, si dimostra elegante, di ottima persistenza e gradevolmente ammandorlato in chiusura.

In abbinamento a PESCATRICE ROMANA: Coda di rospo e la sua trippa, rabarbaro e radici

FARAONICA: Salm? di faraona di Laura Peri, erbe amare e cannellino del fiasco.

Degustiamo anche l’olio extravergine d’oliva Olivastro – Quattrociocchi

A seguire olio extravergine d’oliva biologico?Costa del Riparo – Viola

ALTO PIANO MEDITERRANEO: Tonno rosso ?Belfag?? patata vitellotte di Colfiorito e anice

PRINCIPI: Orzo mondo di Poggio aquilone, estratto erba grano e bue grasso etrusco

PASTA & CIPOLLA: Spaghettini Pastificio dei campi in crioestrazione di cipolla di Cannara

Il primo piatto concepito ragionando sul fattore umano dell?uomo che lavora i campi, dell?uomo che non aveva niente di cui mangiare e dopo una giornata di lavoro desiderava solo la pasta con la cipolla, quindi l?idea nasce dall?incontro con LUIGI ORTOLANI storico produttore di CIPOLLA DI CANNARA. La tecnica utilizzata ci consente di rendere amabile profondo e complesso un piatto che altrimenti sarebbe stato pesante e di non facile digestione, invece lavorandola in questa maniera la cipolla snellisce il suo effetto e diventa elegante.

GIALLO ORO: Carnaroli ?Riserva San Massimo? zafferano di Citt? della Pieve, cognac e scampi.

Concettualmente il piatto pi? lussuoso del menu, l?idea ? stata quella di abbinare prodotti rari e preziosi in un unico piatto come ostentazione alla lussuria argomento non amato e non gradito dallo Chef.

Ed ora Tizzonero – La Carraia

Il ?Tizzonero? deve il suo nome alle profondit? del colore e alle rese per ettaro piuttosto contenute. Al naso ricorda note di visciola, ribes nero, cioccolato, china e liquirizia. In bocca risuona la sapidit? dei terreni vulcanici e la ricchezza di estratto. L?impatto ? morbido, succoso e di bella persistenza.

In abbinamento a la GHIOTTA: Ravioli di piccione, lardo e carote

Un piatto simbolico che esprime la passione dello Chef nei confronti della cacciagione e degli animali di bassa corte, il piccione alla ghiotta a origini Todine ed il territorio Umbro ne conosce le molteplici varianti. Nella tradizione la ghiotta sta a rappresentare la leccarda sotto lo spiedo dal quale ri recuperano i succhi della carne per irrorarla di nuovo. Il principio del piatto ? lo stesso con il piccione scottato quasi crudo il ripieno del raviolo con interiora e cosce , la salsa della leccarda servita in sala ed il lardo di maiale sottile ad ungere ogni raviolino.

Pre dessert: L?uovo sbattuto

Questo pre desset rievoca sentimenti e ricordi legati all? infanzia, l?intenzione dello Chef ? di far emozionare con il gesto dell?uovo sbattuto il cliente facendogli ricordare questo gesto d?affetto che le nonne o le mamme facevano a tutti i bambini di un tempo passato.

E adesso giochiamo un po’….

In preparazione in sala:

  • BRIOSCIA: Fiori d?arancia e gelsomino
  • PASTA DOLCE: Noci, limone bruciato, alkermes

Un dolce non troppo dolce ma molto significativo, ci spostiamo in Sicilia regione che ha stupito lo Chef con i suoi profumi, sapori e tradizioni, rappresentativa la brioscia con il tuppo antecedente alle brioches francesi di cui si dice ci abbiano rubato il nome. Viene servita con una crema inglese fatta con uova d? anatra, panna d? alpeggio e vaniglia Tahiti. Il tuppo solo nel piatto da inzuppare con le mani nella crema e goderne un paio di morsi fugaci inebriati dal profumo di Gelsomino nebulizzato nell? aria e l?acqua distillata di fiori d?arancia amara nell?impasto della brioscia riportano alla memoria ricordi una passeggiata di primavera tra le fioriture della Sicilia e delle riviere nostre tutte.

Concettualmente uno dei dolci pi? rappresentativi della regione, di solito cucinato nelle festivit? natalizie. Questo piatto simboleggia la povera arte pasticcera della regione e risale all? epoca rinascimentale inquanto si hanno i primi cenni storici di maccheroni dolci e non salati nel 1400. La versione dello Chef esalta la storia ma soprattutto la selezione sfrenata dei prodotti che compongono questa ricetta.

Per concludere caff? Corsini Arezzo le coccole finali:

  • Diplomatico allo Strega
  • Cannolo con crema di capra e fragole fermentate
  • Bacio di dama allo zenzero
  • Mini maritozzo con panna
  • Daquoise alle nocciole con mousse santoreggia
  • Cremino tre cioccolati
  • Tartufino con tartufo nero estivo della tenuta San Pietro a Pettine (Trevi)
  • Bacio alla Perugina

Al nostro risveglio…una super colazione! Dolce o salato, ce n’? per tutti

Un saluto a tutto il team! Che squadra!

Una di quelle viste che difficilmente di scordano

La cristalleria

Un meraviglioso grazie a tutti e….a presto!!

CUCINA

La cucina del ristorante Elementi di Borgobrufa SPA Resort ? il fulcro attorno a cui ruotano e si intrecciano i fondamenti di una filosofia chiara, cristallina: la ricerca instancabile dell?essenza, della verit?, del benessere e dell?armonia. ? un percorso che nasce da lontano, dalle passioni di una brigata guidata da uno Chef giovane ma gi? traboccante di esperienze e cultura culinaria, che ? soprattutto stimolato da un fervore illimitato per una perfezione stilistica e intellettuale che nulla lascia al caso. Ogni dettaglio, ogni singolo ?elemento? ? collocato con cura maniacale: una cucina di pensiero, prima di tutto, figlia legittima di una riflessione profonda sul concetto di ?cucinare? che va oltre la trasformazione della materia prima. ? proprio la materia prima il punto di partenza e di arrivo di un cammino circolare, che parte dalla terra, dai suoi frutti, da fornitori appassionati di idee e progetti, scovati in ogni anfratto di una regione ricca di veri giacimenti gastronomici. Il rispetto per la tradizione ? assoluto, il gusto ? forgiato dalla tecnica culinaria in messaggi di rara limpidezza, scanditi attraverso due percorsi di degustazione che viaggiano sicuri all?interno e all?esterno di un confine regionale che firma gli ambiti in cui la fantasia e il sapere di Andrea Impero sanno fondersi.

SERVIZIO E ACCOGLIENZA

Ambiente intimo, raccolto, elegante: tavoli ben distanziati, la grande vetrata che domina la campagna umbra e svela Perugia. Si respira quiete e armonia grazie alla raffinata la mis en place, minimalista e poetica, con la classe di Domiziani che scandisce e dipinge d?arte i momenti trascorsi qui al ristorante Elementi. Una brigata di cucina e di sala giovane, motivata entusiasta, sapr? accogliere il cliente con garbo, professionalit? e savoir faire, per condurli attraverso due percorsi gustativi unici.

CONCLUSIONI

Un luogo in grado di racchiude l?espressione del territorio e delle stagioni, del relax e della spensieratezza in uno. La vacanza al Borgobrufa SPA Resort si completa di esperienze suggestive che rendono il soggiorno ancora pi? speciale, tra cui degustazioni e corsi di cucina. Appena fuori dal Resort, a Brufa si pu? visitare il Parco delle Sculture, un museo a cielo aperto con opere d?arte contemporanea. E poi camminate nella natura e tour in e-bike, passeggiate a cavallo e sfide con le racchette nel campo da tennis privato: una full immersion nella natura.

Viaggiatore Gourmet

 

BORGOBRUFA RESORT
Via del Colle, 38, 06089, Brufa di Torgiano, PG ItaliaTelefono?
Tel +39 075 9883
Sito Web: www.borgobrufa.it

L'articolo Borgobrufa Spa & Resort – ELEMENTI Fine Dining – Chef Andrea Impero – Brufa (PG) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[06/21/2022, 07:36] Quellenhof Luxury Resort Passeier ? Ristorante 1897 Gourmet ? San Martino in Passiria (BZ)

Un paradiso per il benessere e lo sport: Wellness Resort Quellenhof si trova nelle immediate?vicinanze di Merano, tra prati e boschi, circondato dal meraviglioso paesaggio alpino dell’Alto Adige. Dal 2016 c’? anche un piccolo e raffinato ristorante gourmet. Il nome risale all’anno di fondazione del Quellenhof nel lontano 1897. All’epoca fu costruito come un semplice ufficio postale lungo la Strasse Passirio. Con il passare del tempo il Quellenhof si ? sviluppato in un popolare luogo di incontro. Gli ospiti venivano anche da lontano per assaggiare la trota del Passirio appena pescata e preparata in diversi modi. Oggi si possono scegliere tra tre varianti di menu degustazione: 4, 5 o 6 portate. In un pacchetto unico a tutto gusto e relax immersi tra i profumi di montagna!

La squadra

Staff cucina

Mayr Mike: Chef
Kofler Christa: Sous Chef
Kofler Maria: Chef de Partie
Pistis Alberto: Chef de Partie
Ferrante Claudio: Chef de Partie
Pozzobon Enrico: 2? Chef de Patissier

Staff di sala

Matteo Lattanzi: M?itre d?Hotel & Sommeliere
Peter Tschenett: Sommeliere
Alexander Tsch?ll: Chef de Rang
Gabriel Haas: Commis de Rang

 

Al nostro arrivo per guidarci nella straordinaria degustazione, quel fuoriclasse di Matteo Lattanzi, un professionista esemplare!

Il nostro benvenuto personalizzato

Mise en place

Iniziamo con l’aperitivo Alto Adige Spumante Ris. DOC Pas Dos? 600 Blanc de Blanc 2015 – Cantina Kurtatsch

Perlage fine ed elegante, al naso si percepiscono note di frutto giallo fresco, melone bianco, pesca, frutta esotica e buccia di cedro. Palato estremamente fine, cremoso e avvolgente, con note di pane tostato, burro e marmellata di limoni dolci. Chiude in morbidezza con mineralit? e acidit? che giocano a rincorrersi creando armonia al palato.

E un calice di Champagne Brut “La Cuv?e” – Laurent-Perrier

Di colore giallo dorato, con perlage elegante e persistente. Al naso ? ampio e complesso, in cui le note fruttate e agrumate sono arricchite dai classici rimandi alla crosta di pane, ai lieviti, alla pasticceria e al burro. L?assaggio ? fragrante, armonioso ed equilibrato, di ottima lunghezza.

Tipologia di pane, burro e olio: Pane fatto in casa (projetto regiokorn) grano coltivato in Alto Adige km 0, Burro salato 1897 fatto in casa, Burro di mais fatto in casa con salame chorizo, ?La Cuv?e? Extra Virgin Olive Oil monocultivar Taggiasca 100% Italian – cold pressed 100% Italiano – lavorato a freddo.

Iniziamo con i saluti dalla cucina: Burro salato 1897 Burro di mais con salame chorizo, Kiachl con cavolo bianco della Passiria – rafano – caviale, Vulcano macaron con caviale Kaluga – Creme fraiche, Coda di bue – spuma di patate – Ibericopop – scorzonera, Erbette del giorno (pianta al fungo – gallinella – trifoglio – foglia di senape) consigliate dalla nostra ?maga delle erbe? o appena raccolte da noi, Tarte flamb?e con porro giovane – uva – noci – gel di pera.

E ancora altre meraviglie in arrivo: Sorbetto di pomodoro Picadilly – salsa chutney di pomodoro verde – panna acida – polvere di pomodoro – olio d’oliva Ricciola – vinaigrette ponzu di miso e sasamo – vinaigrette Shizo – gel allo zenzero, Polpo – paprika – pesto di limone – olive nere – cuore di bamb?, Uovo di quaglia nero – cipolla di tropea – parmigiano – caviale – glace di vitello, Asparagi verdi – Quinoa – Hummus – Gel al timo – Yogurt greco – Vinaigrette ai cereali

FOIE GRAS BIO zucca – olivello spinoso – physalis

Salmone spagnolo con sorbetto di asparagi locali – agrumi – frutto della passione – olio d’oliva – porro giovane

In abbinamento a Appius 2016 – St. Michael Eppan

Colore giallo paglierino brillante. Al naso si presenta intenso e diretto: erbe aromatiche da un lato e fragranze floreali dall?altra. Sboccia in un secondo momento la componente fruttata: frutti di polpa bianca e di contorno frutti esotici. Al palato ? equilibrato e fresco con grande mineralit?. Note di nocciola e di vaniglia affumicata. Dalla piacevolissima acidit?, di grande eleganza, il millesimo APPIUS 2016 ? dotato di prodigiosa lunghezza.

Stappiamo anche Alto Adige Gew?rztraminer Riserva DOC “Exilissi” 2007 – Baron Di Pauli

Di colore giallo dorato. Al naso si rivela aromatico e di buona complessit?, con sentori di albicocca, note di chiodi di garofano, petali da rosa e cenni di miele. Al palato ? pieno, intenso, di ottima struttura e piacevole freschezza.

Versato in Coravin!

Assaggiamo anche un succo di mela di montagna Kohl!

Un tocco di classe..

?BEUSCHERL? granoturco – scorzonera – tartufo nero

GAMBERO SICILIANO cocco – curry – mango

Assaggiamo Terre Siciliane IGT Carricante Carjcanti 2018 – Gulfi

Di colore giallo paglierino intenso, al naso esprime note che spaziano dai capperi al limone, dal melone all?orzo e alla pietra pomice. Al palato colpisce per avvolgenza e per personalit? con un perfetto equilibrio tra acidit? e sapidit?.

In abbinamento SALMERINO DI FONTANA mela gala -semi di senape – carote

A seguire (Signature Dish) – Ravioli alla barbabietola, formaggio alpino, liquirizia, piccione Mieral.

Apriamo “Sanctissimus” Pinot Bianco Riserva A.A. DOC 2016 – Kellerei St.Pauls?

Di colore giallo dorato brillante. Profumo ampio, armonico, complesso, intenso, fruttato, floreale e speziato, con sentori di affumicato, albicocca, biancospino, frutta gialla e spezie. Gusto ampio, avvolgente, elegante, intenso, fruttato, fum? e speziato.

Stappiamo anche Don? Rouge 2012 – Hartmann Don?

Un vino dai profumi di spezie e radici. Il ventaglio di aromi spazia dal glicine alle olive nere. Il sorso ? fragrante e succoso a dispetto dell?et?, dove i fiori hanno la meglio sulla frutta rossa a bacca piccola.

Rimanendo sulla stessa annata proviamo anche Alto Adige Pinot Nero DOC ?Barthenau Vigna S. Urbano? 2012 – Hofst?tter

Rosso rubino intenso al calice. Amarene e lamponi, fragole e frutti di bosco fragranti, poi anche sentori vanigliati e sfumature finemente speziate: il bouquet olfattivo si svela raffinato ed elegante. Il sorso ? ben bilanciato e giocato tra componente tannica, freschezza e aromaticit?. Ottima la persistenza.

Abbinato a PLUMA DI IBERICO sanguinaccio – mela – balsamico – crema al miele

Sella di Capriolo, crosta di fior di ibisco, topinambur in tre atti (mousseline, buccia disidratata e buccia fritta)

Degustiamo L?wengang Cabernet 2009 – Alois Lageder

Ed ora….dessert!

Sorbetto al pop corn, cenere, pera acida Grumeter (pera nostrana- locale), marshmellow alla pere Grumeter (pera nostrana – locale)

In abbinamento a Exilissi Ice Alto AdigeBaron di Pauli

Un vero e proprio Eiswein, caratterizzato da un lato una concentrazione estrema, dall?altra una struttura filigrana, e da uno straordinario gioco di acidit?. Persistente ed aromatico il retrogusto.

YUZU – COCCO – BANANA.

ALBICOCCA DELLA VAL VENOSTA – YOGURT DAL MASO opalys- noci pecan

Ed infine...alcune coccole: cannelloni – cocco – frutto della passione, saluto dal coniglietto di pasqua – mango – yogurt del contadino, pralina di yuzu, crostata – mirtilli – cr?me fra?che, dulcey ? mela – fava di tonka, cheesecake – asparago ? lamponi

Uno sguardo alla sala

Mini bar in camera!

Il buongiorno si vede dal mattino…il CLAMOROSO Breakfast del Quellenhof.

Omelette espressa!

Una intera sala dedicata agli “Estratti” con ben 4 apparecchi professionali.

Nutella ne abbiamo ?

Disponibilit? di pranzi golosi e veloci…

Anche uno splendido maneggio all’interno del resort!

La nostra colazione!

E un po’ di sport!

Grazie di tutto e…alla prossima!

Cucina

Il ristorante Capitanato da Matteo Lattanzi con lo chef Michael Mayr, che guida la cucina del raffinato ristorante gourmet Quellenhof Gourmetstube 1897 regala emozioni durante tutto il viaggio. Prenotando il menu gourmet, gli ospiti potranno scegliere tra 3 varianti di 4, 5 o 6 portate. L’Alto Adige offre molti prodotti locali di grande qualit?, come le erbe fresche, il pesce, che viene consegnato fresco, ogni giorno, dalla pescicoltura che si trova nella vicina San Leonardo in Passiria, dove la fresca acqua del torrente di montagna offre le condizioni ottimali per l?allevamento di pesci belli e sani.

Servizio ed accoglienza

Servizio impeccabile, gentilezza e sorrisi vi accompagneranno costantemente. Matteo Lattanzi, appassionato direttore e sommelier, assicurer? il perfetto abbinamento tra vino e cibo. La cantina del Quellenhof, infatti, vanta una scelta di oltre 1.200 etichette con particolare attenzione a quelle dell’Alto Adige.

Conclusioni

Un’armoniosa sinergia tra l?alpino e il mediterraneo, tra la montagna e il lago, tra l’Alto Adige e il Lago di Garda. Un luogo di calma, che rinvigorisce. Imperdibile se cercate una vacanza superlativa di puro piacere!

Viaggiatore Gourmet

 

Quellenhof Luxury Resort Passeier
Passeirerstra?e / via Passiria 47 | I-39010 St. Martin bei Meran/S. Martino presso Merano
Tel. +39 0473 645474
E-mail info@quellenhof.it
Sito web: www.quellenhof.it
Giorni di apertura: Marted? ? Sabato
Dalle ore 18.00 fino 24.00

L'articolo Quellenhof Luxury Resort Passeier – Ristorante 1897 Gourmet – San Martino in Passiria (BZ) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[06/03/2022, 15:54] Ristorante Sotto Sale ? Patron Francesco Balzani ? Favignana (TP)

Il Sotto Sale di Favignana (TP) con il suo patron Francesco Balzani e la sua fantastica ?crew? in questo momento rappresentano la fotografia ideale di quello che si tende a definire CONTEMPORANEO: un locale onesto, schietto, sincero, dove il prodotto, l?artigianalit?, la mano, i gesti e la regia mettono il cliente al centro di una VERA esperienza di gusto e piacevolezza. Scevro di sovrastrutture, inutili orpelli, ostentazione di tecniche, mette il cuore, una calda umanit?, e il prodotto enogastronomico al CENTRO. Accorrete! Perch? scoprirete anche la storia di una piccola Isola meravigliosa.

La squadra

Francesco Balzani: Chef Patron
Marco Di Iulio: Executive Chef
Alessandro Frassinelli: Sommelier
Simone Sanna: Chef De Partie
Mattia Sermanni: Chef De Partie
Eiji Hikino: Chef De Partie
Singh Gojinder: Commi De Partie
Soleada Ventrone: Commi De Partie
Gea Anita Padelli: Maitre

Iniziamo con l’aperitivo!!

Spumante Metodo Classico Extra Brut 2013 – Murgo

Di colore giallo paglierino, con p?rlage molto fine e persistente. Al naso esprime un bouquet con note di fiori di camomilla, ginestra, sentori di crosta di pane e nuances di nocciola. Al palato si apre con un?acidit? viva e rinfrescante, il bouquet ? complesso, fine ed elegante.

Olio in degustazione!

Tipologia di pane e olio: olio Titone espressamente dedicato al Sottosale dalla sig.ra Titone accompagnato da pane fatto in casa con lievito madre farina tipo 2, focaccia genovese, pane del panificio “la maidda” di trapani.

Iniziamo con FISH SALAD: insalatina con verdurine croccanti, pagro al vapore, gazpacho bianco, cialda di nori, olive taggiasche, olio EVO? I&P

Passiamo allo scampo

Simpatiche Filetes De Anchoa en aceite de oliva.

Sashimi med!

In abbinamento a Catarratto del Masso – Feudo Montoni

Di colore giallo dorato splendente con riflessi verdognoli, al naso presenta delicate note di alloro e menta,?fiori d?arancio con sentori agrumati di?pompelmo rosa ed erba appena tagliata.? Al palato ? molto fresco e persistente, lunga intensit? aromatica con note di mandorle.

Passiamo al TATAKI TUNA ROLL: roll croccante di tonno cotto/crudo, crema di piselli, wasabi, miso, salsa allo scalogno, finocchietto marino.

Cambiamo range e passiamo ora alla TARTARE DI MANZO, OSTRICA, CAVIALE E YUZU: Battuta di manzo al coltello con ostrica, caviale baikal e zabaione allo yuzu

Assaggiamo ora VENTRESKA GRILL: ventresca sulla robata ?(griglia gisapponese) senape al pistacchio, biete e friggitello, dukka

POLPO E LIQUIRIZIA: polpo sulla griglia, topinabur, liquirizia

SPAGHETTI FELICETTI KATZUOBUSHI: Spaghetti monograno felicetti senatore cappelli, burro bretone, acciughe nardin, katzuobushi

Degustiamo ora Etna Bianco 2020Pietradolce

Vino fresco, sapido ed elegante dalla struttura snella e beverina, nato da uve Carricante del versante nord del grande vulcano. I suoi profumi sono fruttati e mediterranei, con piacevoli sfumature di erbe aromatiche. Il sorso ? morbido e bilanciato, piacevolmente minerale.

In abbinamento a CAPPELLACCI PAGRO, TENERUMI ?E BOTTARGA: cappellacci ripieni di pagro su crema di tenerumi e bottarga di muggine

RISO CROCCANTE: carnaroli tipo paella, seppie, astice, aioli terminato al tavolo

In abbinamento Etna Bianco DOC Sicilia “Gamma” 2018Federico Curtaz

Gamma ? Carricante 100% che viene vinificato e affinato in acciaio. Si presenta nel bicchiere con un bel colore dorato luminoso. Il vino ? solido in bocca, dall?intensit? tesa e decisa. Ha un carattere fortemente minerale che termina con sentori di pietra focaia e grafite. Federico Curtaz Etna Bianco Gamma ? un vino dritto con frutta che ricorda gli agrumi e la pera croccante.?

Ed ora la signora ARA-GO-STA: Aragosta, salsa di aragosta, cialda croccante

Passiamo a Occhio di Terra 2020Caravaglio

Vino bianco secco, autentico scrigno di profumi che si sprigionano delicatamente. Qui, la Malvasia di Lipari ? in purezza, protagonista e potente.

In abbinamento a RICCIOLA IN NERO, GUANCIALE E CUCUZZA: Ricciola in crosta di nero, gateau di cucuzza e guanciale, crema di tenerumi

Proviamo ora Composition #1 Coteaux Champenois blanc – Maison J?r?me Lefevre

Nota fumosa al naso, con erbe aromatiche e pesca in confettura. Assaggio profondo e materico con rosmarino e acqua marina che si concentra, alla fine, sulla grande sapidita? di ritorno. Essenziale e crudo, si stacca completamente dalla visione champenois per arrivare ad una sua dimensione, tutta personale e unica, e incredibilmente affascinante.

Abbinato all’interessante VENTRESKA GRILL: ventresca sulla robata ?(griglia gisapponese) senape al pistacchio, biete e friggitello, dukka

Ci divertiamo adesso con Etna Rosso DOC “‘a Rina” 2018 – Girolamo Russo

Rosso rubino elegante al calice. Gradevolmente complesso il bouquet olfattivo, composto da ricordi fruttati di amarene, prugne e ciliegie, cui si aggiungono sfumature balsamiche e richiami al tabacco e al cuoio. Il sorso ? pieno e morbido nella trama tannica, fresco e leggermente minerale. Ottima la lunghezza.

Abbinato a SURF AND TURF: Rib-eye di manzo, astice e asparagi

Passiamo ai dessert!

Ma prima un assaggio di Passito di Pantelleria ‘Nes’ 2019 – Pellegrino

Si tratta di un vino passito?dolce molto intenso e caratteristico, vinificato e maturato solo in acciaio. Emana profumi molto ricchi e intensi di albicocca disidratata, agrumi canditi, miele e molto altro. Al palato ? denso, potente, dolce e avvolgente, dotato di sapidit? e di una lunghissima persistenza.

CIOCCOLATO E PEPE: cremoso al cioccolato e pepe del madagascar, gelato al cioccolato bianco e pepe di sichuan, terra di cacao, miso

A seguire TARTE TATIN: tatin di melanzane, caramello al marsala, gelato alla vaniglia, crumble di semi

Assaggiamo in abbinamento Vecchio Samperi – Marco De Bartoli

Per la produzione del Vecchio Samperi viene utilizzato un?sistema di ?travasi? di piccole parti di vino di fresca produzione in botti con vini gi? invecchiati!

Alcuni cimeli…

L’immancabile foto con tutta la squadra!

Prima di partire all’avventura un bicchiere di Amaro Rizza!

E adesso? Vi porto in giro a visitare l’intera Isola con me!

GRAZIE ancora di tutto e…alla prossima!

Cucina

Sottosale serve una cucina di pesce raffinata ma mai noiosa, sa proporre i prodotti locali in una veste nuova e originale, che soddisfa sia in termini di porzioni che di presentazione. Carta dei vini adeguata, con interessanti etichette siciliane e non solo.

Servizio e accoglienza

Sottosale ? anche la sua ciurma: persone che in grado di apprezzare la bellezza, con il sorriso stampato sul viso in grado di regalare esperienze indimenticabili che non rimangono chiuse dietro la porta, ma anzi vengono via con te.

Conclusioni

SottoSale ? un incontro di culture, un porto di mare. S?ispira alle saline di Trapani, ? amico dei fenicotteri rosa. Conosce i metodi antichi di conservazione del cibo e del pesce. Nella sala danzano gli oggetti di un tempo che riverberano ancora di luce. Qui di sera puoi sentire il remo che affonda nell?acqua per riemergere con un?energia che fa rima con poesia. SottoSale ? l’esperienza, non solo gastronomica, che non va persa per nulla al mondo.

Viaggiatore Gourmet

RISTORANTE SOTTO SALE

Via Garibaldi, 9 91023 Favignana (TP)
Telefono: +39 320 8432916
Indirizzo mail: info@sottosale.com
Sito web: www.sottosale.com

L'articolo Ristorante Sotto Sale – Patron Francesco Balzani – Favignana (TP) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[05/12/2022, 09:55] Della lenta fine di Facebook (sempre troppo lenta)


La mia aziendina, come ogni aziendina che si rispetti, ha una pagina Facebook. Non ne sono molto contento. Potrei parlare per ore della cattiva qualit? di quel social network - non che gli altri siano meglio, ma Facebook ? ormai da tempo il peggio del peggio. E nemmeno mi dilungo sul perch?, basterebbe leggere (o ricordare) le mille vicende al limite dell'intollerabile, dall'uso degli algoritmi che tendono a far uscire fuori il peggio delle discussioni a Cambridge Analytica, oppure le pubblicit? demenziali. Fatto sta che, per quanto riguarda il mio profilo personale, l'ho abbandonato da tempo e con notevole piacere, quel che forse avete letto in giro ? vero: se mollate Facebook guadagnerete tempo e salute mentale. E' anche il mio consiglio, adesso, e voi vedete un po'.

Comunque, mi ostino a tenere aperta la pagina dell'enoteca. Oggi ho provato a sponsorizzare un contenuto (dicono che la pubblicit? sia l'anima del commercio) ma Facebook, o meglio Meta come dice di chiamarsi adesso (e pure qui glissiamo) mi ha presentato alcuni messaggi surreali come da immagine. A parte la "probabile violazione della normativa" relativa alla promozione di prodotti alcolici (e scusate, io avrei una legalissima enoteca), spicca l'assurdo "problema con il metodo di pagamento" per il quale avrei un insoluto di euro zero. Ma...


Ho provato a risolvere il problema e, ancora, mi sono scontrato con un buffo muro di gomma di autorisponditori che scrivono qualcosa come "non stiamo dietro a tutte le lamentele, vedi un po' nelle FAQ come cavartela". Comunque prova e riprova, forse l'ho spuntata. 

Poi per caso oggi leggo questo post di Wittgenstein (leggetelo, ? divertente). Narra simili vicende di intoppi e casini vari. Ma la cosa pi? allegra ? che si tratta di un post del 2011.

Ora, essendo io un utente anziano della rete, posso dire di aver visto iniziare, e finire pi? o meno drasticamente, svariati luoghi virtuali. Se vi dico che quando ho cominciato a usare Internet non c'era ancora Google, ho reso l'idea. Ebbene, non so quando Facebook smetter? una volta per tutte di essere un luogo di rilievo, ma ? gi? tardi adesso. 

Non condivider? questo post su Facebook, per qualche tipo di residua coerenza. E ugualmente, presto o tardi, ma ? meglio presto, la mia aziendina chiuder? quella pagina.

TrackBack
[05/11/2022, 04:51] Ristorante 9090 by Canottieri Omegna (VB) ? Chef Matteo Arvonio

A seguito di una completa ristrutturazione della storica sede dei Canottieri di Omegna nasce 9090,?un ristorante innovativo, gourmet, elegante ed accogliente, chiamato cos? in onore della lunga tradizione industriale di Omegna, ?paese di pentole e caffettiere?.?9090 ?, infatti,?la prima caffettiera Alessi?premiata con il Compasso d?Oro ed esposta al MOMA di New York. Il ristorante si trova in una posizione privilegiata sul lago d?Orta con una vista spettacolare. 9090 ? nato per valorizzare la location e il territorio, ma anche per sorprendere! Una cucina originale e in continua evoluzione, un recipiente di vitalit? e innovazione che rende ogni visita da Canottieri Omegna un momento di sorpresa, piacere, emozione, e un’autentica festa per tutti i sensi.

La squadra

Executive Chef: Matteo Arvonio?
Pastry Chef: Matteo Arvonio
Maitre e Sommelier: Davide Pastrello
Chef de Rang: Ivan Eldi

Esterni

Ingresso

Terrazza su Lago

Foto Storica

L’insegna

La sala

Entr?e e pane/grissini e burro/olio serviti: Sauro ? pane integrale con lievito madre, Senatur – pane di grano duro Senatore cappelli con lievito madre, Foccaccia ? la nostra foccaccia di casa, HO2 ? grissini artigianali all?acqua

Tataki di trota salmonata, maionese alla teriyaki, foam di pancetta affumicata

Per il primo abbinamento proviamo Caratto Sicilia DOC – Az. Caruso e Minini

Di colore limpido giallo paglierino tendente al dorato. Al naso si esprime con un?esplosione di frutta tra cui mela verde, pera, ananas e mango, una nota floreale spiccata tipica dei fiori bianchi che lo rendono sicuramente fresco ed elegante. Al palato si percepisce un vino pieno, minerale, acido e leggermente sapido frutto della brezza marina in collina.

Iniziamo il nostro viaggio con Astice e croccante di platano alle spezie aromatiche, yogurt al lime, bun al nero di seppia, avocado, daikon, uova di trota.

Passiamo al Sauvignon Collio – Az. Schioppetto

Paglierino al calice, con leggeri bagliori verdognoli. I sentori olfattivi erbacei e fruttati, creano un bouquet composto da pesca, albicocca, susina gialla, salvia e basilico. Completano il naso richiami minerali e ammandorlati. Sorso brillante nella componente acida, saporito e lungo nella persistenza.

In abbinamento a “Tra terra e mare” Capesante scottate con “terra” di frutta secca, salsa d’ostrica, piselli, salicornia e chips di polenta soffiata

Ora un rosso: Ruche? di Castiglione Monferrato DOCG – Az. Poggio Ridente

Il colore ? rosso rubino vivo, con unghia violacea, accattivante per la sua aromaticit? che gioca sulle note floreali e fruttate di lampone, rosa e fragolina di bosco. Al palato il sorso ? appagante, gradevole con finale asciutto.

Passiamo all’Amatriciana e cacio e pepe si incontrano in un Raviolo! Ravioli fatti in casa con ripieno all’amatriciana spadellati con pecorino e pepe. Non si tagliano! Bisogna mangiarli interi e lasciarli esplodere in bocca

Stappiamo Vermentino – Az. Contini

Giallo paglierino con riflessi dorati. Note intense di fiori gialli e frutta leggermente matura, finale speziato e salino. Sorso intrigante e piacevole, si caratterizza per la sua bevibilit? e piacevolezza lasciando un finale carezzevole.

In abbinamento al Morone Atlantico profumato d?Asia. Morone al cartoccio profumato al lemongrass, salsa al miso, cannolicchi e quinoa

Che ci viene preparato davanti al tavolo!

Ed ora Fara Riserva “Vigna di sopra” – Az. Valle Roncati

Colore? rubino ?intenso ?tendente ?al ?granato. Bouquet ?avvolgente ?con note di liquirizia, frutti rossi e sentori di spezie. Al palato ? sapido, ?asciutto, ?con ?piacevoli? tannini morbidi?che lo rendono nell?insieme piacevole, vellutato e di grande persistenza finale.

Abbinato alla Faraona & Anatra: tra Oriente & Occidente. Roll di faraona al passito, ripieno d? anatra, castagne d?acqua e cipollotti, foie gras alle 5-spezie, fico caramellato

Ed ecco il momento di Don PX Pedro Xime?nez – Az. Toro Albala? e Rum Zacapa 23

In abbinamento al dessert: Parfait al Caffe?, crumble alle spezie, gel all?arancia, ristretto al caffe? e rum

Dulcey-Amaro: Cremoso al cioccolato Dulcey e cioccolato fondente, morbido ‘dacquoise’, cialda di riso al cacao, sfera di bufala, caramello salato

Caff? Illy e piccole coccole finali:?Baci piemontesi alla nocciola, Fugascina (dolce tipico del verbanese), Tartufi di cioccolato fondente, Mini cheesecake con frutti di bosco.

Un GRANDE GRAZIE ancora a tutto il team!

Cucina

9090 ? nato per sorprendere. Si capisce dal primo assaggio: le materie prime sono maniacalmente ricercate e di ottima qualit?, le ricette sono il risultato di un originalissimo percorso di sviluppo dello chef Matteo Arvonio e il men? abbraccia la cucina regionale italiana aprendosi alle suggestioni di quella internazionale, soprattutto asiatica. Ad affiancare lo Chef una?brigata giovane,?motivata?e?dinamica, che porta passione, ispirazione e tanta ricerca.

Servizio ed accoglienza

Ad ogni ottima cucina deve abbinarsi un ottimo servizio. Quello di 9090 ? dinamico, attento e preciso. Grazie a queste qualit? di respira un?aria rilassata e accogliente, dedicata interamente alla soddisfazione del cliente.

Conclusioni

Con l’incantevole vista sul Lago d’Orta, l’abbraccio delle montagne circostanti e i men? originali creati dallo chef, Ristorante 9090 ? il luogo da scegliere e dove tornare e ritornare, per sentirsi ogni volta buongustai della vita e della sua bellezza.

 

Viaggiatore Gourmet

 

RISTORANTE 9090

Lungolago Buozzi ? 28887 Omegna (VB)
Tel. +39 351 993 9982
Mail: ristorante@canottieri-omegna.it

Orari apertura:

Cena: da mercoledi? a lunedi? (chiuso martedi?) 19:30 – 21:30
Pranzo: Sabato e Domenica 12:30 – 14:30

L'articolo Ristorante 9090 by Canottieri Omegna (VB) – Chef Matteo Arvonio proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[05/02/2022, 14:21] Corsi e ricorsi: il mio prossimo corso di degustazione inizia tra poco


Se io fossi attento all'ottimizzazione dei motori di ricerca dovrei titolare "Corso di degustazione in enoteca" e basta, ma siccome mi piace troppo essere zuzzurellone, si gioca con le parole.

Il prossimo corso che organizzo in enoteca ? cos?: abbastanza divertente. Si impara ad assaggiare il vino, come veri professionisti, ma (giuro) non ci si annoia. Quindi ecco la notizia: dal prossimo marted? 24 maggio, per cinque marted? di seguito, ore 20,30, vi porto nel meraviglioso mondo della tecnica d'assaggio. Sono aperte le iscrizioni, e il costo complessivo ? di euro 250. Nel prezzo ? compreso un set da sei bicchieri da degustazione, un libro di testo (molto bello) "Il piacere del vino" edito da Slow Food, e attestato finale di partecipazione. La sede del corso ? presso l'enoteca, Via Donizetti 92R a Genova, con posti limitati (massimo 12 partecipanti). E questo ? il programma dettagliato:

Marted? 24 maggio. Prima serata: full immersion di tecnica d?assaggio: analisi visiva ? olfattiva ? gustativa. Prime nozioni di tecnica, uso del bicchiere, e analisi sensoriale. Si assaggiano 4 vini alla cieca, cio? senza sapere cosa assaggiate. Un bianco fresco fruttato, uno maturo, e due rossi nello stesso modo.

Marted? 31 maggio. Seconda serata: ripasso della tecnica d?assaggio sulle tre fasi complessive. Un po? di storia: il modernismo degli anni novanta, l?affermazione del vino naturale. Riflessioni sui cambiamenti nella percezione del gusto. Nuovamente 4 vini in cieca, sempre 2 bianchi + 2 rossi. 

Marted? 7 giugno. Terza serata: ultimo ripasso sulla tecnica, approfondimenti su abbinamenti, cantina personale, il vino a tavola. Capitolo sui difetti: quali, come riconoscerli. Regioni vitivinicole. 4 vini in cieca, tutti con bollicine.

Marted? 14 giugno. Quarta serata: il corsista ha sviluppato la capacit? critica, quindi spazio all?assaggio, che sar? un po? pi? difficile in quanto costituisce un primo test degli strumenti finora in possesso. I vini speciali, spumanti, etc. Regioni vitivinicole/2. 4 vini in cieca, tutti dello stesso colore.

Marted? 21 giugno. Quinta serata: prosegue la serie di assaggi impegnativi, riepilogo definitivo. Il concetto di maturit? e affinamento, il ruolo del tempo. 6 vini in cieca, 3 bianchi e 3 rossi, in diverse fasi di maturit?.

Per iscriversi: email, oppure una telefonata in stile old economy allo 010 6531544, ma anche 347 5566554 (pure Watsapp, vabb?).

TrackBack
[04/19/2022, 09:06] Sul vino naturale, e sulla tecnica d'assaggio

Il mondo del vino naturale ? stato spazzato dall'ennesimo venticello di bufera sorto dopo le  dichiarazioni del Consorzio ViniVeri riportate da Jacopo su Intravino. Alle osservazioni di Jacopo si aggiunge Pietro, che sul suo blog ospita l'intervento di Nicola Perullo. Letture lunghe, ma ci sta, quando si spacca il capello in quattro si abbonda parecchio nel descrivere i perch? e i percome. Per quanto mi riguarda, a parte la personalissima pensata "era ora", direi anche (scusate) "io l'avevo detto". Comunque, trovate il tempo di leggere tutto, perch? a mio modo di vedere si segna una svolta nel dibattito.

C'? poi, per me, una doppia utilit?, visto che mi appresto a mettere su il solito mini-corso di tecnica d'assaggio dedicato ai clienti dell'enoteca. Oggi, se si parla di educazione al gusto, ? davvero necessario avere chiaro quanto l'avvento del vino naturale abbia sovvertito la liturgia dell'assaggio - e pure qui, potrei dire: era ora.

TrackBack
[03/29/2022, 06:59] EALA *****L ? My Lakeside Dream Hotel 5 Stelle Lusso sul Lago di Garda ? Ristorante SENSO ? Limone sul Garda (BS)

Sulle rive del Lago di Garda in perfetta sintonia con il territorio, wellness, cuore green e proposta gourmet guidata da Alfio Ghezzi si apre ?My lakeside dream?: Eala un?hotel 5 stelle lusso per una vacanza che riscopre l?armonia tra anima e corpo, dove l?amore per il territorio incontra l?esclusivit? e l?eleganza.

Progettato dalla famiglia Risatti come un sogno da?vivere tra acqua, terra e cielo, l’hotel vuole trasmettere il piacere di?ritrovare s? stessi attraverso un viaggio?autentico ed esclusivo che dalla cucina al wellness, dall?architettura al comfort studiato per ogni singola?Suite, racconta i profumi, i colori e gli elementi che contraddistinguono?Limone sul Garda e i suoi dintorni.

Un territorio che ? autentica fusione di paesaggi, tradizioni e prodotti esaltati anche nell?alta cucina di Alfio Ghezzi,?chef pluristellato?che guida il?Ristorante Alfio Ghezzi Bistrot?e il?Fine Dining Senso, in cui artigianalit? e maestria?si combinano alla natura e al desiderio di offrire?piatti raffinati?ma contraddistinti da semplicit? e rispetto della materia prima.

La squadra

F&B MANAGER: Marco Donazzolo
EXECUTIVE CHEF: Alfio Ghezzi
RESIDENT CHEF: Akio Fujita
SOUS CHEF: Bruno Tesla
PASTRY CHEF: Giacomo Pascotto
RESTAURANT MANAGER: Lorenzo La Melia
HOSTESS MANAGER: Alessia Cimarolli?

RISTORANTE SENSO

MAITRE E SOMMELIER: Manuele Menghini
CHEF DE RANG: Luca Murgia

RISTORANTE ALFIO GHEZZI BISTROT

MAITRE BISTROT: Mirko Fugagnoli
JUNIOR MAITRE: Christian Morandini
RESPONSABILE COLAZIONI: Emanuele Gualandris e Daiana Pesci?

Pranzo con vista…

Ci accomodiamo all’Alfio Ghezzi Bistrot – EAT SIMPLE

Una meravigliosa terrazza sul lago che accoglie gli ospiti in un ambiente elegante, vivace e dinamico. L?Alfio Ghezzi Bistrot, il bar sul Lago di Garda di EALA, ? uno spazio ideale per uno spuntino o un aperitivo, ma anche per un incontro di lavoro. Il Bistrot punta a un servizio rapido e a un?offerta semplice, ma allo stesso tempo attenta e curata nei dettagli.

Come inizio ci viene presentato l’olio Uliva Garda Trentino DOP 100% Casaliva

Aperitivo!

Iniziamo con il Sisam di anguilla

A seguire Polpo Arrostito, patate, basilico, pomodorini, fagiolini e Ulidea

La vista

Stappiamo un Furlet Bianco, Vigneti delle Dolomiti IGT

Giallo paglierino lucente con sfumature verdi, con un bouquet di fiori bianchi con note fruttate che richiamano la pesca ed una sfumatura di vaniglia che avvolge il tutto rendendolo pi? armonico. Anche al palato si avverte l?aroma di pesca e di fiori che conferiscono a questo vino vivacit? ma anche una spiccata morbidezza. Il profilo organolettico scaturisce da un gioco tra freschezza, succosit? e gusto minerale.

Accompagnato da Riso, zafferano e porcini

Proseguiamo il nostro viaggio con un assaggio di Tai IGT VENETO Riserva di Famiglia – Diotisalvi

Giallo paglierino intenso alla vista. Al naso si impone con glicine, fiori di tiglio e di acacia, seguiti da mandorle dolci e frutta gialla matura. Il palato prosegue su questo registro, rilasciando aromi fruttati e ammandorlati, che conducono al sorso rotondo, morbido e avvolgente, di buona struttura, gentile freschezza e piacevole sapidit? gustativa.

Che accompagna perfettamente i Cannelloni di patate, seppie e nero di seppia

Passiamo ora a Alto Adige Schiava DOC 2017 – Reyter

Rosso rubino chiaro. Al naso si avvertono note di frutti rossi, fiori secchi, sentori di mandorla e spezie; al sorso ? equilibrato, piacevolmente fresco, dal finale leggermente amaricante.

Abbinato alla Zuppa di pesci di lago

Per terminare al meglio Benaco Bresciano IGT vino passito bianco “Sole di Dario” 2015 – Cantrina

Giallo oro con riflessi ambrati; sprigiona profumi intensi di albicocca essiccata, confettura, miele e frutta secca. In bocca ? setoso, avvolgente, in un equilibrio ben giocato tra freschezza e morbidezza.

Abbinato alla gustosa Torta di mele, soffice al Ferrari demi-sec e gelato al t? Earl Grey

E perch? no…anche il limoncino verde del Lago di Garda – Malora!

Sogni d?oro in ambienti unici! Ci riposiamo nella Suite Alisia. L’eleganza del marmo predomina gli interni di questa Suite. Nella vasca Airpool sulla terrazza vista lago la mente ? libera di spiccare il volo.

Letto matrimoniale super King size

Il benvenuto in camera…

Dotata di tutti i comfort!

Terrazza con vista lago!

Si scende!

Alcuni dei prodotti locali in esposizione all’hotel.

Andiamo a dare una sbirciatina nel magico mondo del ristorante SENSO.

La vetrina vini si apre davanti a noi…

Il banco bar!

La terrazza del ristorante vista lago.

Prima di cena andiamo a sbirciare la EALA Luxury Spa. 1.500 mq di Benessere con una proposta di trattamenti unici ideati per risvegliare la parte pi? sensibile del Vostro Essere attraverso un approccio Olistico, Sensoriale e Naturale nel rispetto e nella valorizzazione delle materie prime del territorio.

L’infinity pool

Non manca nemmeno la beach grill!

Ed dopo tanto relax, la cena al ristorante SENSO

Iniziamo al meglio stappando un Trento Spumante Riserva Extra Brut ‘Perl? Nero’ 2013 – Ferrari?

L’olfatto ? coinvolto da sentori fruttati di piccoli frutti rossi, mela e nocciola tostata, con note di t? e chinotto su un leggero sfondo minerale. Al palato ? sontuoso, morbido e sapido, fresco con note agrumate e lungo.

Accompagnato alla Cialda di semi di lino e rafano

Sfiziosi amuse bouche! Focaccia con crema di uova di salmone; chips con senape, barbabietola e semi di papavero; cannolo di sedano rapa, crema di noci e ulidea; trota affumicata, erbette e crema al formaggio

Passiamo a Cinciallegra –?Il Roccolo di Monticelli

Di colore giallo paglierino leggermente velato. Al naso spiccano i sentori di crosta di pane che vengono completate da intense note fruttate e agrumate. In bocca ??fresco, beverino e di buona persistenza.

Proviamo?Wehlener Sonnenuhr Riesling Sp?tlese 2010 – Joh. Jos. Pr?m

Di colore giallo dorato con intensi sentori fruttati e dalla mineralit? pronunciata. In bocca si esprime con potenza, il sorso ? avvolgente e ricco di aromi fruttati e di pietra bagnata. La beva ? tesa e ben bilanciata tra acidit? e residuo zuccherino. Chiude lunghissimo su note salmastre.

Abbinato alle ZUCCHINE, il suo fiore, zuppa di pesci di lago

E ai FAGIOLINI, liquirizia, agone e brodo di agone affumicato

?SHIITAKE, coregone, emulsione di shiitake e birra

In accompagnamento a Altomare 2018 – Barraco?

Un interessante Grillo?in purezza di grande carattere ed aromaticit?. Il colore ? giallo dorato dai riflessi brillanti ed i profumi sprigionati ricordano nocciole, pasta frolla e cedro. Il sorso ? cremoso, minerale, equilibrato e lungo

Passiamo a al Puligny-Montrachet 2019 – Domaine Jean Marc Boillot

Si presenta con un bel colore giallo paglierino con riflessi dorati, al naso le note intense di fiori bianchi, nocciole fresche e vaniglia si aprono regalando al palato un sorso pieno e minerale. Persistente e secco sul finale.

Abbinato ai PLIN, gallina, anguilla e mirtillo rosso

A seguire RISOTTO allo zafferano

SPAGHETTI MONOGRANO MATT FELICETTI, liquido insolito e polvere di alloro

OLIO IMPERIALE, Garda Trentino Dop prevalenza Casaliva

COMPARTIRE, pane con lievito naturale e burro di malga

CARPIONE, rapanelli in carpione, salsa al sedano rapa

Ed ora “Versante Nord” Nerello Mascalese 2018 – Eduardo Torres Acosta

Che accomapgna l’ANIMELLA DI VITELLO, salsa allo yogurt, caff?, prezzemolo e cetriolini con crema di mandorla

E la FRACOSTA DI MANZO, pakchoi,? manzo crudo e il suo brodo

Andiamo a sbirciare in cucina!

PREDESSERT in cucina: stracchino di Tremosine, meringa e pepe rosa; kaki, mela con Ulidea

?LAMPONI, limone e pomdoro

Un goloso tiramis?

LA MOKA, caff? Illy Blend Alfio Ghezzi

E per terminare gin tonic!

Colazione da sogno per un perfetto risveglio!

La scelta a buffet

Un immenso grazie a tutti! Alla prossima

Cucina

L’offerta gastronomica di EALA ? seguita dallo chef stellato Alfio Ghezzi e sviluppata nell’operativo dal bravissimo resident Akio Fujita. Il concept gastronomico elaborato dallo chef riflette i desideri e le aspirazioni degli ospiti di oggi e fonde con maestria la cultura gastronomica e l’amore per il territorio. La filosofia dedicata alla cucina di EALA ? l?unione tra cucina e territorio, cultura locale e cultura nazionale. Sia il fine dining Senso che Alfio Ghezzi Bistrot sono spazi capaci di offrire esperienze sempre nuove, speciali e stimolanti. Vengono servite pietanze leggere, fresche e in linea con la filosofia ?chilometro zero? in abbinamento a vini selezionati della regione.

Servizio ed accoglienza

Grande Professionalit?, regia e governo del fuoriclasse Marco Donazzolo che guida con passione un team giovane e dinamico, garantendo grazie ad una lunga esperienza nell?ospitalit?, una continua ricerca della pura essenza del lusso, che si combina con l’essenza di questo luogo magico.

Conclusioni

Adult friendly?e dal cuore green, Eala ? un?esperienza di assoluto benessere declinata tra una proposta?gourmet di alto livello, guidata dallo?chef pluristellato Alfio Ghezzi con la regia di Marco Donazzolo, e una?filosofia di wellness?che celebra un?viaggio tra acqua, terra e cielo, ispirato alla localit? di?Limone sul Garda?e ai suoi panorami.

Viaggiatore Gourmet

EALA *****L ? My Lakeside Dream Hotel 5 Stelle Lusso sul Lago di Garda

Via IV Novembre, 86
25010 Limone sul Garda BS, Italia
Tel +39 0365 954613 – + 39 0365 954120
Email info@ealalakegarda.com | Sito web: ealalakegarda.com

Orari di apertura:

  • Hotel aperto tutto l’anno;
  • Bistrot aperto tutti i giorni, pranzo e cena;
  • Senso dal mercoled? alla domenica solo la sera.

L'articolo EALA *****L ? My Lakeside Dream Hotel 5 Stelle Lusso sul Lago di Garda – Ristorante SENSO – Limone sul Garda (BS) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[03/28/2022, 07:00] Cristallo, a Luxury Collection Resort & Spa, Cortina d?Ampezzo (BL)

Per una sosta di puro relax, circondati dalle imponenti e algide Dolomiti, vi suggeriamo un soggiorno da sogno presso l’Hotel Cristallo di Cortina d’Ampezzo, a Luxury Collection Resort Spa. Un unicum di emozioni in stile art nouveau, affacciato sulla leggendaria localit? montana di Cortina d?Ampezzo, il resort ? circondato da valli alpine e offre una straordinaria gamma di attrattive perfette sia per il periodo estivo che invernale.

Al suo interno sboccia il Ristorante IL GAZEBO, che quest’anno festeggia i suoi primi 120 anni, con un men? costruito partendo dalla valorizzazione della qualit? della materia prima, ricercata principalmente all’interno del territorio, e grazie ai preziosi consigli e al supporto di piccoli produttori locali. Il men? del Gazebo viene ogni volta creato seguendo la stagionalit? delle materie prime, in modo da contribuire alla sostenibilit? del territorio e valorizzare le piccole imprese locali, tra cui molti presidi slow food.

La Squadra

Staff di cucina

Executive Chef: Marco Pinelli?
Sous Chef: Emanuele Gatta
Pastry chef: Gloria Amato

Staff di sala

Restaurant & Banqueting manager: Diego Piergiovanni?
Ma?tre d’h?tel: Artjom Tzerepanov
Assistant Ma?tre d’hotel: Francesco Loro

Il benvenuto di Viaggiatore Gourmet!

Cosa ci aspetta appena entrati in camera..

Lo stile inconfondibile del Cristallo Hotel Spa caratterizza tutte le 74 camere e suite, che accolgono gli ospiti con un fascino ricercato e servizi moderni, tra cui tv a schermo piatto, cassaforte in camera, Minibar, Wi-Fi, servizio in camera.

Uno sguardo fuori in terrazzo

Scendiamo a vedere il Cristallo Lounge Bar. Un luogo incantevole in cui lasciarsi trasportare dalla musica rilassante in cui fare una sosta per un t? pomeridiano o una cioccolata calda accompagnati da deliziosi pasticcini, saporiti stuzzichini prima di cena o drink creativi.

Ci spostiamo verso Il Gazebo, che offre un’esperienza gastronomica che si sposa perfettamente con la creativit? dello chef Marco Pinelli e con un’accurata selezione delle materie prime, in cui si persegue un’infinita ricerca della qualit? pi? elevata, in un’atmosfera intima con una vista suggestiva.

Non manca la FitWell Club! Prendetevi cura di voi stessi nel fitness center all’avanguardia, allestito esclusivamente con attrezzature Technogym e con l’innovativo sistema Wellness System.

La spettacolare Cristallo Ultimate SPA dell?Hotel propone una vasta scelta di trattamenti terapeutici che utilizzano principalmente materie prime locali, con rituali detox, anti age, rilassanti e tonificanti.

Diamo una sbirciatina anche alla Presidential Suite...

Mobility Partner

Aperitivo!

Arancini di riso, croquette di patate e provolone del monaco, parmigiana di melanzana croccante, cialda di rapa rossa, salame marinato al ginepro, la nostra crema acida e crema d’avocado

Ci spostiamo a tavola!

In arrivo il primo vino!

Un calice di Vino Spumante Ros? Metodo Classico Dosaggio Zero VSQ – Azienda Agricola Z?m?

Si presenta di colore rosa chiaro “buccia di cipolla” con bollicine molto sottili. Al naso si apprezzano fiori bianchi, rose e miele di acacia, ma anche lievito, frutta secca e liquirizia. Il sorso ? sapido, secco, con perlage sottile, avvolgente con sentori di crosta di pane, lievito e liquirizia nel finale.

Tipologia di Pane e olio: Pane bianco ed integrale, lievito madre con farina Petra Molino Quaglia. Grissini di mais all’olio extravergine di oliva. Sfoglie di segale e farro. Focaccia romana al sale Maldon. Olio Monocultivar dritta – azienda Persiani (Teramo)

Iniziamo con gli stuzzichini di benvenuto:

Pat? di quaglia gelificata al porto rosso e crostino di mais e segale
Roccia alle erbe, crema di gin e mandorle e speck d’anatra marinato al ginepro
Alice fritta farcita con ricotta al limone
Chips di salmerino con la nostra crema acida e bottarga di salmerino
Daikon, verdurine in carpione, sgombro marinato al miso e fiammato

L’amuse bouche: Tuorlo d’uovo delle Dolomiti in cofit di fava tonka, spuma di patate, tartufo nero e crumble di mais e zafferano.

Assaggiamo ora Pinot Bianco 2019 – Hartmann Don?

Vino bianco fresco, elegante e raffinato. Conquista il palato con il suo equilibrio e la mineralit?. La sua eleganza e una certa leggerezza lo rendono particolarmente beverino.

Accompagnato dal Salmerino marinato al pino mugo, uova di trota, barbabietola rossa, estratto di rapanello, sambuco e ribes

A seguire una deliziosa e invitante crema fredda di cetrioli, menta, porri e patate del Cadore con le nostre alici salate

Proseguiamo con Soave Sereole 2019 Soave doc – Bertani?

Colore giallo paglierino con riflessi dorati, al naso si apre netto in un bouquet floreale con le note tipiche di sambuco e pera, per poi evolversi in profumi pi? dolci di frutta a pasta gialla come albicocca, ananas e melone. Il sorso ? morbido, ripropone il gusto dei frutti gi? avvertiti al naso con note sapide e lunghe che ne esaltano l?elevata struttura.

Abbinato ai Porcini scottati, fonduta di formaggio Brite, e ‘mikado* di liquerizia.

Spaghetto di Gragnano del pastificio Cuomo, pomodorini del piennolo del Vesuvio dell’azienda Virtuna e basilico.

Passiamo alla birra Staion del birrificio Bionoc: ispirata alle birre Belghe della tradizione, leggera, dissetante e molto gustosa. Aromatizzata con coriandolo e buccia d?arancio, risulta essere molto profumata e saporita.

Sapientemente abbinata ai Tortelli di coniglio del Cadore brasato, mirtilli fermentati, carotine glassate e brodetto di fieno e camomilla

Adesso ? il momento di un calice di Montello e Colli Asolani DOC ?Venegazzu? Rosso della Casa? 2016 – Loredan Gasparini

Nel calice si presenta con un rosso rubino, denso e profondo. Al naso si sviluppano profumi complessi, che dal fruttato virano verso aromi di tabacco misti a spezie dolci. Al palato ? caratterizzato da un sorso pieno e potente, con una piacevole vena fresca dove i tannini morbidi e levigati puliscono il sorso e contribuiscono a rendere l?esperienza di beva fluida e scorrevole, nonostante l?ottimo corpo. Finale lungo e intenso con un ottima persistenza fruttata.

Abbinato al “Piatto dei nostri 120 anni”: Tagliatelle di grano duro fatte da noi, rag? d’agnello delle Dolomiti e crema di noci feltrine

Insalatina con erbe selvatiche del Maso Aspinger Rarit?ten: Erba ghiaccio, edera terrestre, magenta spreen, spinaci baby, berle, rucola wasabi, crescione perenne, levistico, acetosa francese, spinaci fragola ed erba pisello.

Quaglia dell’azienda agricola Colussi del Cadore scottata e confit, salsa alla ciliegia, flan di granturco, cima di rapa, crema d’aglio nero e miele fermentato.

Assaggiamo “La Groletta” Valpolicella Ripasso DOC 2018 – Corte Giara

Di colore rosso rubino maturo. Il frutto rosso dolce e polposo si sposa con le spezie dolci per lasciar poi spazio a note di erbe officinali e delicatamente speziate. Il corpo di ottima struttura trova nella spinta acida il giusto completamento alla sua armonia, risultando morbido ma ugualmente agile al palato.

In abbinamento con la Guancia di vitello Damini brasata al bergamotto candito, cavolo a foglia ripassato all’aglio orsino.

Pre Dessert!
Composta di frutti di bosco calda con gelato al fiordilatte di malga

E poi…il dessert: “Latte e Caff?”: bavarese al caff?, spuma al latte, cremoso al caff?, meringa al latte, meringa al caff? e gelato

Caff? Illy blend 100% arabica e piccole delizie “Petit Four”: Bab? al rum e crema alla vaniglia, Macaron al lampone, Gelatina di mango, Cioccolatino fondente ripieno di ganache all’io EVO Persiani.

Terminata la cena ritorniamo nella nostra camera

…per godere di un risveglio stellato!

Il team!

Con VG

Ci salutiamo con un MI-TO!

Grazie veramente a tutto lo staff! A prestissimo

Cucina

Vi invitiamo a scoprire Il Gazebo, guidato dall?Executive Chef Marco Pinelli che coniuga perfettamente la sua creativit? e l’accurata selezione delle materie prime con una ricerca continua dell?alta qualit?.

Servizio e accoglienza

L’impeccabile servizio e l’incantevole retaggio culturale del Cristallo, rinomato punto di ritrovo del jet set nostrano, sopravvivono da oltre un secolo. Il comfort e la cortesia offerti rispecchiano l’innata ospitalit? del Bel Paese, che permea ogni aspetto della storia dell’hotel.

Conclusioni

Cristallo, a Luxury Collection Resort&Spa, si trova a soli 10 minuti a piedi dal centro di Cortina d?Ampezzo. Imperdibile per la sua deliziosa offerta ristorativa, il meraviglioso comfort della Cristallo Ultimate Spa e per l?inimitabile location in cui ? situato.

Viaggiatore Gourmet

 

Cristallo A Luxury Collection Resort & Spa

Via Rinaldo Menardi 42, Cortina d?Ampezzo

L'articolo Cristallo, a Luxury Collection Resort & Spa, Cortina d’Ampezzo (BL) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[03/03/2022, 15:59] Ristorante L?Arcade ? Porto San Giorgio (FM) ? Chef/Patron Nikita Sergeev

Siamo tornati a trovare Sergeev Nikita, l?italiano d’adozione e nuova Stella Michelin 2022 ?, che ci ha regalato percorsi gastronomici davvero intriganti. A Porto San Giorgio, nelle Marche, il ristorante L’Arcade ? una tappa che non si pu? proprio perdere per chi desidera vivere nuove esperienze gourmet letteralmente affacciati sul mare. L?ambiente ? minimalista, con una ventina di posti, bisogna prenotare con largo anticipo. Nikita ? un ottimo interprete di piatti mediterranei, con un tocco rigorosamente personale e moderno valorizza materie prime locali e stagionali. Per una cena di assoluta qualit?, accompagnata dal dolce sciabordio delle onde del mare, vi consigliamo di non perdervi questa occasione!

La Squadra

Chef/Patron: Nikita Sergeev
Maitre e Sommelier: Leonardo Nicci?
Direttore di Sala: Andrea Bianchini

 

L’ingresso!

Sala con vista…

…e che vista!

Tavolo e mise en place

Diamo un occhio al resto del ristorante

Aperitivo!!

Stappiamo un Cuv?e JRE ?Cuv?e des Jeunes? N? 5, Franciacorta Extra Brut Riserva 2009 – Berlucchi

Composto da uve Chardonnay?in purezza della vendemmia?2009. Il vino base ? stato parzialmente affinato in barrique per sei mesi, al fine di amplificarne complessit? e struttura. Dopo un riposo di ben?dieci anni sui lieviti, al d?gorgement ? stato aggiunto un dosaggio contenuto, soli tre grammi litro, per dare spazio alla sua?importante personalit?.

Ad accompagnare gli amuse bouche:

  • Oliva nera al forno, arancia e mandorla
  • Cracker al miso di pomodoro
  • Cremino alla Harissa e Sommacco
  • Crocchetta di patate cacio e pepe, uova di aringa

Te Consomm?: Brodo di susina, pomodoro verde e estratto di bergamotto.

Tipologia pane: Pane a lievitazione naturale, con lunga fermentazione ed alta idratazione. Integrale, Bianco al grano arso, Focaccia grani antichi, Cialde di amaranto e ceci.

Insalata fredda di mare con ostrica al suo interno, prezzemolo, ricco di mare e vongole.

Guanciotto di ostrica cotta nel brodo di melanzata e bava di noci.

Vodka Beluga Gold Line?in abbinamento a gelato di insalata russa.

Passiamo alla sogliola, peperone verde e pesto di alghe.

Assaggiamo Vintage Albari?o 2015 – Paco & Lola

Un vino profondo, strutturato e molto espressivo. Al naso si esprime con sentori di frutta bianca matura, con spiccate note di erbe aromatiche, leggermente speziate. Il sorso ? pieno, con un finale lungo e fresco, dove ci mostra tutto il frutto maturo e ci regala sensazioni minerali.

Abbinato al delizioso taco con capasanta, insalata riccia, olivello spinoso e caviale.

Passiamo ora a Mandol?s Furmint 2018 – Tokaj – Oremus

Di colore giallo dorato, con un bouquet lussureggiante che rivela un aroma di pompelmi freschi e limoni, note floreali?di tiglio e camomilla e un fine accenno di erbe, zafferano e rovere. Il corpo ? forte e pieno e un’acidit? vivace. Caratterizzato da un finale elegante e lungo.?

Che accompagna perfettamente il risotto alla ruta.

La lumaca in verde

Stappiamo un “Petit Manseng” Lazio IGT 2020 – Casale del Giglio

Colore giallo paglierino brillante, profumo molto intenso, aromatico e speziato. Dal gusto fresco, molto minerale, sapido, di ottima struttura.

A seguire gambero rosso su estratto di musse di vitello e granita di pomodori antichi.

Ed ora ci lasciamo travolgere da Cotes de Provence Ros? “BY OTT ” 2020 – S?lection Ott

Di colore rosa cerasuolo, al naso esprime note di straordinaria freschezza: agrumi, accenti di pesca e di albicocca e toni floreali. In bocca ? fresco, sapido, pieno ed equilibrato. Una leggera speziatura ne accompagna il tratto fino ad una chiusura di ottima pulizia.

Proseguiamo con il fusillone alla puttanesca di pesca Saturnia, acetosella e anguilla.

Razza su un letto di erbe aromatiche e lapsang (te nero cinese).

Assaggiamo ora Moelleux Montlouis Sur Loire 2016 – Fran?ois Chidaine

Il naso ? divino, con note di ananas candito, mela e pera caramellata, spezie dolci e mielate. Il palato ? tenero, morbido e fresco, con una sublime acidit? che fa dimenticare lo zucchero, un equilibrio degno dei pi? grandi vini bianchi amabili del mondo.

In abbinamento a petto di piccione marinato su crema di carota e germogli.

Pre dessert! Sorbetto di ribes nero su un fondo di champagne.

Ed ora…? il momento di addolcirsi un po’!

Stacchiamo con Pineau des Charentes Vieille R?serve – Cognac Leyrat

Lampone e rabarbaro ghiacciati.

Per finire Caff? Energa di Giancarlo Rocchi, torrefattore di Altidona (FM). Tipologia: Arabica Santos (Brasile), Robusta India Sherry, Robusta (Guatemala)

E piccole delizie: Tartufo bianco al limone e cumino, Tartufo nero al cioccolato e rum, Macaron al frutto della passione, Cannel?s, Mora e gorgonzola, Madeleine.

Un saluto a tutto il team!

Un enorme grazie e….a presto!!

Cucina

La cucina di Nikita Sergeev ? caratterizzata dal rigore che lo chef ci mette nello scoprire ogni segreto della cucina italiana, che fonde puntualmente con le sue origini in maniera impeccabile. Si rifornisce esclusivamente da fornitori locali e riesce sempre a stupire, rendendo di difficile ed affascinante lettura i suoi piatti.

Servizio e accoglienza

L?Arcade colpisce non solo con i suoi sentori ma anche con un servizio curato, preciso e discreto. Gli arredi del locale rendono l?atmosfera elegante, accogliete, tutta da scoprire. La carta vini vanta una selezione ricca e completa, con molte referenze naturali tutte da scoprire.

Conclusioni

Intimit?, accoglienza e cura. Queste le parole chiave che caratterizzano l?Arcade di Porto San Giorgio, in cui gli ospiti sono davvero seguiti e coccolati dall?inizio alla fine del servizio, con cura ed attenzione.

Viaggiatore Gourmet

Ristorante L’Arcade

Lungomare Gramsci Sud, 315 – Porto San Giorgio (FM)

Tel: 0734 675 961

Mail: info.larcade@ristorantelarcade.it

Sito Web: ristorantelarcade.it

L'articolo Ristorante L?Arcade ? Porto San Giorgio (FM) ? Chef/Patron Nikita Sergeev proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[03/03/2022, 09:59] E stavolta si chiude per un mesetto almeno



Chi l'avrebbe mai detto che avrei appeso un cartello cos? verboso, tanto lungo che pare un post? Per? ci tocca, siccome marted? 8 marzo si parte per una simpatica operazione di protesi totale del ginocchio, in quel di Novara, nientemeno (un posto pi? lontano non c'era, per questo scalcinato SSN). Quindi ecco la comunicazione di servizio: da marted? 8 marzo l'enoteca ? chiusa, e riapre boh, non so esattamente quando: tra ricoveri e riabilitazione ci vorr? almeno un mese. 

Si tratta di una cosa che rimandavo da molto, conseguenza peraltro di un vecchio incidente al mio ginocchio destro - anzi, siccome i blog hanno memoria perenne (mica come quella fetenzia di Facebook) questo ? il post che narrava l'evento traggico (due gi), che in definitiva ? all'origine dei fatti odierni. 

Domani, che ? venerd? 4 marzo, sar? gi? assente per visite preliminari. Ultimo giorno in cui resto aperto ? sabato 5 marzo, a bottega io stappo qualcosa, semmai chi passa beve con me. Resta la posta elettronica e Whatsapp per comunicazioni veloci, e ci si rivede, prima o poi.

TrackBack
[02/26/2022, 10:28] Cose da leggere, proprio oggi

"Niente sar? pi? come prima nell?Antropocene. Nemmeno la vigna che ho davanti agli occhi. Nemmeno i vini che ne verranno fuori. Non ci sar? alcun grand-cru class? a poter resistere a questa sovversione e qualunque idea di un terroir immobile, cristallizzata dentro disciplinari, pensata per la protezione di vitigni o parcelle indifendibili, ? destinata a franare. Con buona pace di ogni sovranit? immaginata dentro ai muretti a secco dei clos".

L'ha scritto Corrado Dottori (e dovrei aggiungere: ovviamente), in un post che si intitola La guerra in Ucraina vista da una vigna.

TrackBack
[02/19/2022, 19:21] Acqua Restaurant ? Olgiate Olona (VA) ? Patron Andrea Marcella e Davide Possoni

Davide Possoni e Andrea Marcella sono gli artefici di un’insegna che punta ad unire convivialit? e ristorazione contemporanea: Acqua Restaurant. La location ? nuova e moderna, ricorda la forma di una nave, arredata con gusto, grazie all’impiego di materiali naturali, quali legno, pietra e acciaio. La sensazione algida, rigorosa ed eclettica, che si prova quando si varca la porta ? dovuta allo sviluppo degli ambienti, concepiti per creare un percorso sensoriale avvolgente, ispirato alle sensazioni trasmesse da scenari marini.?L?obiettivo ? avvolgere l?ospite in un luogo nuovo, accogliente e discreto e dobbiamo dire che sono proprio riusciti a farci vivere un?experience intrigante, avvincente e di grande qualit?.

La squadra

Patron: Andrea Marcella e Davide Possoni

Tavola e mise en place

Aperitivo!

Iniziamo con un calice di Champagne Brut Cuv?e Tradition Premier Cru – Gaston Chiquet

Giallo paglierino lucente, al naso si esprime su note di frutta croccante, albicocca e pesca bianca, e di agrumi. In bocca si distende con naturalezza e, grazie a un residuo zuccherino poco elevato di 8 g/l, presenta un buon equilibrio tra morbidezza e freschezza. Bella persistenza aromatica.

In accompagnamento gli amuse bouche: cialda di riso nero soffiato, maionese di polpo e limone candito, pop corn di parmigiano

bavarese di bufala, biscotto al pomodoro e basilico, pomodoro e fragola con mazzancolla marinata

Tipologia pane: pane ai 5 cereali, pane farina di segale e carbone vegetale, pagnotta lievito madre e farina di grano tenero, carta musica all’olio e sale maldon

Gazpacho all’italiana, crumble di parmigiano, tartare di gambero rosso di Mazara del vallo

Gambero rosso di mazzara con la sua testa fritta, riduzione di arancia e zafferano, salsa aioli

Passiamo ora a un assaggio di Chablis “Saint Martin” 2019 – Laroche

Giallo paglierino. Fresco e fruttato al naso, con sentori di mela e pera arricchiti da toni minerali. Pulito e vivace in degustazione, caratterizzato da una raffinata armonia e da una chiusura gradevolmente agrumata.

Accompagnato allo sgombro bruciato marinato ai lamponi, variazione di finocchio e olio all’aneto

Carpaccio di capasanta su crema di robiola di capra, caramello al miso e grissino all’aglio nero

Tartare di aragosta, insalata di mango acerbo, gelato al cocco, pepe e fiocchi di sale

Scampo del mediterraneo, salsa nage al curry e mela

Cuore di baccal? giraldo, salsa romesco, peperoni piquillo e nocciole

Tagliata di tonno scottato, leche di tigre nikkei e avocado

Alziamo l’asticella con animella di vitello in tempura, capperi, gel di limone e liquirizia

Polpo scottato su crema di patate ratte, polvere di olive e salsa al basilico

Stappiamo la Vitovska 2011 – Vodopivec

Sei mesi di macerazione nell?anfora per lasciar esprimere tutto il potenziale dell?uva vendemmiata il 16 e 17 settembre. L?etichetta raccoglie le uve di diverse vigne che naturalmente fondono le caratteristiche del territorio. Una sintesi perfetta che porta in bottiglia, dopo ventiquattro mesi di affinamento in legno, ogni immagine e ogni profumo del Carso.

Ed ecco i primi!

Iniziamo con dei deliziosi ravioli ripieni di scorfano, salsa bouillabaisse e frutti di mare

Passiamo poi agli?gnocchi di patate, vongole, fave e bottarga

Con un profumo che avvolge ci immergiamo nel?risotto riserva? mantecato alla salvia, rag? di quaglia e petto scottato

E ai golosi spaghettoni trafilati all’oro Verrigni, astice, burro affumicato e polvere di pomodoro

Cambiamo range con Carmenero, Sebino Rosso Carm?n?re IGT – Ca’ del Bosco

Il Carmen?re ? un vitigno originario del bordolese, confuso per lungo tempo con il Cabernet franc. Pur avendo dei tratti organolettici in comune, ? un vitigno assai diverso: molto pi? intenso e speziato.

Abbinato al filetto di rombo, beurre blanc ai porcini fermentati e prezzemolo

Profumo di mare??Coda di rospo arrostita, baby zucchina alla vaniglia e joux di pollo

Dalla fresca brezza marina speziamo con la pancia di maialino cotta a bassa temperatura, gel di mela verde, biete e salsa al gin

Filetto di manzo tataki, funghi shitake, salsa teryaki e joux al tartufo

Ed ora…dessert!

Stacchiamo con il Moscato d’Asti DOCG – I Vignaioli di S. Stefano

Vino bianco e dolce, di colore giallo paglierino. Il perlage ? fine, elegante. Al naso ? fruttato, intenso, molto persistente. Il sapore dolce, aromatico, ? in equilibrio con il basso contenuto alcolico e con l’acidit?, mai molto elevata, che conferisce al prodotto una piacevole freschezza.

Si abbina meravigliosamente allo zabaione, frutti di bosco e gelato alla vaniglia

Giochiamo con la?pesca melba rivisitata

E concludiamo con la?zuppetta di albicocche, spugna e gelato alla nocciola, verbena al limone

Ed un finale di piccole coccole e caff?!

Un saluto al team!

Grazie mille e…..a presto!!

Cucina

L?executive chef in cucina ? Alessandro Menoncin, classe 1988, con un bagaglio di esperienze che vanno dall?Antica Corte Pallavicina?a?Gordon Ramsay, dal?Bulgari Hotel?di?Londra al?Rivea?di?Alain Ducasse. Il ristorante propone due diversi menu degustazione, il primo da 5 portate a 110 euro, al quale si pu? abbinare la degustazione vini al calice a 40 euro e il secondo da 7 portate a 140 euro (60 euro in pi? per il wine pairing). L?offerta ? completata da piatti alla carta con la scelta?tra 5 antipasti crudi, 5 antipasti caldi, 5 primi piatti, 5 secondi piatti?e infine 5 dessert a 15 euro l?uno.

Servizio e Accoglienza

Guidati dalla volont? di valorizzare e mettere al centro di tutto l’esperienza dell’ospite, il team capitanato da Alessandro Farioli (Restaurant Manager) grazie all’investimento economico e di know-how dei patron riesce a regalare vere e proprie esperienze multi-sensoriali attraverso la selezione di materie prime, ricette e tecniche di preparazione, ricercate cantine, ambienti curati in ogni dettaglio.

Conclusioni

Lo scopo dei fondatori?? quello di trovare nuove?forme per interpretare la ristorazione contemporanea, oltre a quello di valorizzare e mettere al centro di tutto l’esperienza dell’ospite. Siamo rimasti entusiasti e colpiti da tutte le attenzioni e i particolari e non vediamo gi? l?ora di tornare da Acqua Restaurant!

 

Viaggiatore Gourmet

Acqua Restaurant
Via F. Corridoni, 1 (c/o Piazza San Gregorio) 21057 ? Olgiate Olona (VA)
+39 351 730 2292
info@acquarestaurant.it

Chiuso tutto il marted? e a pranzo da luned? a sabato

L'articolo Acqua Restaurant – Olgiate Olona (VA) – Patron Andrea Marcella e Davide Possoni proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[01/18/2022, 09:54] Si fa presto a dire nebbiolo


E' marted?, si torna dalla gita aziendale per vigneti del fine settimana. Domenica e luned? sono trascorsi veloci, tra una cantina e l'altra, e questa volta la meta era la Langa dei Barolo e Barbaresco. E' stato un ripasso molto utile, anche, per ridefinire un concetto probabilmente mai abbastanza ripetuto: il terroir fa la differenza. E non mi riferisco tanto al generico concetto di territorio langhetto, quanto proprio alle microzone, quello che in termine tecnico si chiama Menzione Geografica Aggiuntiva e in Francia si chiama cru, cio? il nome della vigna, della micro particella che a parit? di vitigno (si parla di nebbiolo) ogni volta ? in grado di restituire un vino profondamente diverso a seconda della particella.

Gli assaggi con Francesco Principiano, in cantina

In effetti si fa presto a dire nebbiolo - come quando uno entra in enoteca e dice: dammi un nebbiolo. Certo, quale? Come lo preferisci? Fresco e giovanile, scattante e beverino, o magari complesso e austero? Perch? basta poco, bastano poche centinaia di metri e un versante, una riva, con una diversa esposizione e suolo: tutti fattori che generano vini molto distanti tra loro, nella percezione e nell'assaggio. Poi certamente influisce lo stile del produttore, cio? il progetto di vino che il produttore ha in mente, e che assieme al terroir compone quel che versiamo nel bicchiere.

A questo proposito basta confrontare due vini con stessa denominazione e annata, da due vigne diverse, ed ecco fatto: due vini totalmente differenti, e comunque notevolissimi, in ragione dell'assaggio. Quindi cominciamo il tour.

Le due etichette di nebbiolo Principiano

Langhe Nebbiolo 2020, Giuseppe Principiano
Siamo nel comune di Monforte, area Barolo, e questo nebbiolo ? in sostanza il vino cadetto dei poderosi Barolo aziendali. Ha esattamente la tensione e il vigore di quell'uva, di quel terroir, esibisce un bel tannino fiero e quella specie di immediata soddisfazione che ti fa dire: eccolo qui, il nebbiolo da Barolo. Solo affinamento in acciaio, ora al naso ha un floreale molto invitante e un'eleganza nobile, compassata. In enoteca costa 14 euro (ma ? una specie di offerta momentanea, direi di accorrere, ecco).

Da Principiano assagger? anche la versione affinata in legno dello stesso nebbiolo, vendemmia 2018 - qui la maturit? ha aggiunto ulteriore complessit? e finezza. Si tratta di una curiosa versione dedicata, precisa il produttore, quasi esclusivamente al mercato straniero. Manco a dirlo, ne ho voluto un po' per me, e in enoteca cosa sui venti euro. 

Il vigneto Montestefano, fuori dalla cantina di Teobaldo Rivella

Langhe Nebbiolo 2020, Serafino Rivella
Di Rivella scrissi annorum fa su Intravino. Qui ci troviamo nel comune di Barbaresco e soprattutto siamo in pieno cru Montestefano, uno dei vigneti storici dell'area, famoso per dare nebbioli possenti, profondi, dalla longevit? pazzesca. Otto mesi di legno grande per un rosso quasi cupo nella sua austerit?, forse ? la suggestione dell'assaggio ma ci trovi la terra che sa di tartufo, i capperi, la menta, e la frutta nera arriva dopo un bel po' - e in bocca ? solenne, maestoso, ha la grazia voluminosa dei grandi. Il prezzo in enoteca, 34 euro, riflette la microproduzione (due ettari in totale) e comunque lo stellare livello di artigianalit? che ? tipico di questo produttore cult.

Piccoli produttori, piccole cantine: quella di Rivella, per esempio

In conclusioni vini molto diversi, anche nei prezzi come si vede, ma tutti molto adatti a rappresentare le infinite sfumature di qualit? che pu? raggiungere questo vitigno. Si torna a casa con la percezione precisa di aver solo sfiorato questa complessit?, e col desiderio di tornare, per studiare ancora un po'. 

TrackBack
[01/10/2022, 11:11] Alla Corte dei Bicchi Hotel e Ristorante ? Chef/Patron Fabrizio e Alessandro Bicchierai ? Cavriana (MN)

Alla Corte dei Bicchi ? albergo ristorante nato in un’antica casa padronale, completamente ristrutturata. La sala del ristorante ? suddivisa in diverse salette tra cui la veranda che si affaccia su un parco di 9000 metri quadrati con possibilit? d’estate di cenare o pranzare all’aperto immersi nel verde delle colline moreniche.

L?albergo offre camere ampie e spaziose dotate di tutti i comfort: bagno privato, servizi igienici, asciugacapelli, riscaldamento, aria condizionata, minibar, cassaforte, servizio pulizie giornaliero. All?interno della struttura ? anche presente una sala interna in cui ? possibile ammirare un reperto storico unico: un pozzo presumibilmente del periodo medievale, perfettamente conservato.

La location ? ideale anche per?matrimoni, cerimonie, banchetti e riunioni di lavoro con menu specifici di diverso livello di prezzo, con una qualit? costante e sempre molto alta.

La Squadra

Fabrizio Bicchierai: titolare head chef
Alessandro Bicchierai: titolare Pastry Chef/sous chef
Lorenzo cortese: chef de partie primi piatti
Laris Turkovic: chef de rang

Marco Cobelli: Ma?tre

Lo splendido ingresso

Tavolo di VG e mise en place!

Aperitivo! Iniziamo con un calice di Vino Spumante Extra Dry – InVictus

Tipologia di pane: tutto fatto in casa, ? composto da panini al latte con farina casereccia preparati freschi ogni mattina, grissini stirati all’olio extra vergine d’oliva del Garda e delle schiacciatine lievitate 48h stirate a mano.

Iniziamo con il cubo di focaccia fatta in casa, farcita con un pesto di pistacchi di Bronte, mortadella IGP e pomodori confit.

Segue il carpaccio di manzo marinato servito su una sbrisolona salata, e condito con un olio alla erbe del loro orto.

In abbinamento a Raudii Garganega 2017 – Domini Veneti

Un vino bianco che sorprende, in cui freschezza e profumi si bilanciano molto bene. Con il suo nome, omaggia una battaglia che il popolo Cimbro, originario delle montagne circostanti la Valpolicella: i monti Lessini.
A base di uva Garganega, si presenta con di colore giallo paglierino. Il gusto ? gioiosamente armonico, finemente dolce, con quel profumo fine che ricorda la frutta esotica.

Tra gli antipasti assaggiamo anche l’uovo a 65?, un uovo cotto a bassa temperatura servito su un rag? di funghi porcini e glassato con una fonduta al parmigiano e rosmarino.

Abbinato a Voltese Bianco Frizzante IGT – Reale

? un vino frizzante ottenuto da uve Pinot Nero fatto rifermentare per un periodo prolungato in autoclave metodo charmat.
Caratterizzato dal colore giallo verdognolo chiaro, si presenta con sentori fruttati delicati al naso, dal sapore sapido ma morbido.

Passando ai primi abbiamo optato per i taglioni al nero di seppia con calamari e cime di broccolo pugliese serviti su una crema al broccolo aglio e peperoncino.

Abbinato a Spumante Metodo Martinotti Extra Dry Ros? “Boll?” – Andreola

Nel calice ha un colore rosa cerasuolo molto acceso; il perlage ? sottile e intenso. Il naso ? principalmente fruttato, con note di fragole di bosco, ciliegia e lampone, intervallate da lievi sentori di geranio. In bocca ? vivace, fresco, con un finale lievemente ammandorlato.

Intramezzo interessante con un ottimo Gin Tonic a base Malfy Gin Rosa versione Pompelmo.

Un gin delicato dal sapore decisamente agrumato, dal colore rosa chiaro, con intensi sentori d’agrumi in particolare pompelmo, ricche e persistenti note finali di ginepro.

Per accompagnare i ravioli di borraggine saltati con un burro aromatizzato al gin Malfi al pompelmo, e finiti con una polvere d’olio alle erbe.

A seguire i secondi! Il primo abbinamento scelto ? Crestale – Reale

Vino ottenuto da uve Sauvignon Blanc, dal colore giallo dorato chiaro, profumo persistente, aromatico, caratteristico, sapore asciutto, vellutato, di corpo.

Iniziamo con il Dripping autunnale composto da una tela di crema di zucca mantovana, accompagnata da verdure di stagione in diverse cotture come cime di rapa, lenticchie, rapa rossa al vapore e cipolla rossa in agrodolce, concludendo con delle pepite di blu di capra.

Concludiamo i salati con il piccione lavorato in due modi: petto arrostito e cosce disossate e farcite con un pat? di fegato di piccione, cotte poi a bassa temperatura e pastellate e fritte il tutto accompagnato dal fondo di cotture e pur? di castagne.

Accompagnato perfettamente dalla birra Atra – 32 via dei Birrai

Si tratta di una birra costruita come una Strong Dark Ale di stampo belga. Il risultato ? una bassa concentrazione di zuccheri nella birra che conferisce un corpo leggero alla stessa nonostante la sua pronunciata alcolicit?. La schiuma ? decisamente un capolavoro. Nonostante il suo livello alcolico l’Atra esibisce una schiuma color cappuccino con consistenza pannosa oltre alle consuete doti di finezza, compattezza, aderenza e persistenza.

Ed ora…dessert!

Per pulirci il palato degustiamo la selezione dei sorbetti composta da sei gusti diversi (mela e vaniglia, origano pomodoro e cannella, albicocca e rosmarino, arancia gin e ginepro, ananas coriandolo e peperoncino, rabarbaro e zenzero).

Spingiamo verso la fine con un intenso SherryPedro Xim?nez?Romate

Un vino dolce dal colore ambrato scuro prodotto da uve Pedro Ximenez a Jerez in Spagna. Al palato dominano sensazioni di frutta secca e disidratata che lo rendono adatto per accompagnare dessert, formaggi erborinati e gelati. Ma ? anche un vino da meditazione, da bere in purezza.

Per passare a Lussuria dessert costruito in una coppa martini su tre strati: gel allo cherry, salsa alle nocciole e salsa cocco e peperoncino. E’ stata servita con una siringa ripiena di salsa al fondente (che andr? inserita all’interno della coppa martini in modo da miscelare i vari gusti) e un cucchiaino con una piccola quenelle di mousse al tartufo nero.

Concludiamo con caffe della linea gold selection della Lavazza.

Un GRANDE GRAZIE a tutto il team e….a presto!!!

 

Cucina

La cucina ? di impronta casalinga ma anche tecnica e al tempo stesso ricercata. La pasta e il pane sono fatti in casa, cos? come tutte le preparazioni per i piatti. Il ristorante presenta un menu ? la carte? e pone grande attenzione a tutte le esigenze e intolleranze degli ospiti.

Servizio e accoglienza

La famiglia proprietaria della struttura vi accompagner? e seguir? per tutto il vostro soggiorno, facendovi sentire sempre coccolati e in buone mani. Cura e attenzioni si possono ritrovare in ogni aspetto della permanenza, rendendola una certezza.

Conclusioni

Se siete alla ricerca di uno scrigno verdeggiante in cui assaggiare la tradizione e rilassarsi in mezzo alla natura delle colline moreniche, Alla Corte dei Bicchi ? la location giusta per voi!

 

Viaggiatore Gourmet

Corte dei Bicchi
Via Guidizzolo 10 46040 Cavriana (Mantova)
Giorni di chiusura: domenica sera e lunedi
Sito web: www.allacortedeibicchi.com
Mail: info@allacortedeibicchi.com
Telefono: 0376 815024

L'articolo Alla Corte dei Bicchi Hotel e Ristorante ? Chef/Patron Fabrizio e Alessandro Bicchierai – Cavriana (MN) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[11/25/2021, 09:09] La solita
La solita, bella e profonda, riflessione sul vino - naturale ed altro - di Corrado Dottori. "Solita" si fa per dire, ad averne di osservatori cos?. Dove si legge tra l'altro:

"Eppure oggi l'esplosione stile supernova del "naturale" e il suo enorme successo mi sembrano in gran parte una rappresentazione gi? vista, vecchia. Con tutte le sue narrazioni, i suoi selfie, le sue forzature, le sue bottiglie feticcio, i suoi influencer, il suo circo e i suoi circoli e le sue falsit? belle e buone. Proprio nel momento in cui i nodi della catastrofe ecologica che ci circonda vengono definitivamente al pettine, proprio quel mondo, il nostro mondo, balbetta parole come "sostenibilit?" e "biodinamica" ma in fondo in fondo ? del tutto silente. E politicamente ininfluente". 
TrackBack
[11/23/2021, 08:56] Life hacking: come aprire le bottiglie vecchissime (? la Mario Pojer)

Questa tecnica di apertura di bottiglie ultra arcaiche richiede, peraltro, un caminetto e una pinza da fabbro (da qualche parte ne abbiamo tutti una) ma - scherzi a parte - ? straordinariamente efficace. Se non altro, notevole da vedere quindi ecco Super Mario all'opera.

TrackBack
[11/03/2021, 12:46] Si sta come d'autunno le fiere del vino


Il ritorno alla normalit? passa per il ritorno alle fiere vinose. Gi? dissi che mi mancano, e ora rieccole, che si fa? Ci si lamenta che piove, che il posteggio ? difficile, che non ti danno l'accredito? Ma ci mancherebbe. Va tutto benissimo, anzi.

E' tornata Fornovo, la fiera denominata Vini di Vignaioli, ma conosciuta ovunque come Fornovo e basta. Ora per? si tiene a Varano de' Melegari, nei dintorni, quindi non sappiamo pi? come chiamarla. Essendo conservatori continuiamo tutti a dire ci vediamo a Fornovo, ma in quell'altro paese, comesichiama

Il distanziamento era migliorabile, ma che ci vuoi fare.

Nuova location decente, tempo ?rendo, da quelle parti quando non piove c'? freddo e/o la nebbia. Ma appunto, ? bello ritornare ai grandi classici.

Gli assaggi sono stati interessanti, alcuni anche molto piacevoli, essendo quello il giro dei vini naturali la percentuale ? sempre: 20% buoni, 80% non li capisco. A voi ggiovani invece piacciono cos?, brettati e volatili, che ci possiamo fare? Passer? pure 'sta moda del "facciamoci del male", per come la vedo siamo nel mezzo di una nuova forma di standardizzazione del gusto: colore opaco, nota acetica, mela acerba, qualche strano tannino, giudizio finale "boh". (E questa era la descrizione standard di un assaggio bianco).

Peraltro c'erano cose buonerrime. Afferro gli appunti e trascrivo a caso, tra parentesi i punteggi tanto per fare il bastian contrario.

Cascina Boccaccio ha centrato di nuovo il suo succoso Celso Zero (88), dolcetto con una breve macerazione carbonica che enfatizza il frutto (bella sta descrizione tecnica, eh?). 

Ah, questi ovadesi, quanto ci piacciono.

Podere Borselli mi ha fatto conoscere Ostro, un bel vermentino 2016, (apper?) pieno di frutta bianca e in bocca personale, morbido eppure fresco (87). Cascina Corte molto sugli scudi con quasi tutto, il migliore ? forse il Dogliani Superiore 2017, potente, stratificato e austero (87+), e belle le cose in anfora. Anche Andrea Occhipinti ha messo in fila solo cose encomiabili, il mio preferito resta Alea Viva 2020, naso di rose e spezie, bocca saettante (88+). Tra i primi della classe (ri)spicca Marco Sara, l'assaggio del suo Erba Alta 2016 (89) ? stato tra i top dei top, naso mooolto (con tre o) complesso, bocca suadente e vivida. Altro meritevole ? Sedilesu che traccia la linea di definizione del concetto cannonau, tutti molto buoni, e centra il primato con un incredibile Perda Pinta 2019 (89) che a dispetto di una gradazione alcolica esorbitante, 17?, ? un bianco che vola altissimo, aitante come uno sparviero sardo (ci sono gli sparvieri in Sardegna? Non so). 

Pure le etichette di Francesco Marra erano piene di stile.

Francesco Marra aveva due spettacolari rosati da primitivo e negroamaro (87+ tutti e due), nonch? due rossi dalle stesse uve, di una precisione encomiabile - e non solo, erano pure una delizia. Salto ogni recensione di Stefano Amerighi semplicemente perch? la perfezione esecutiva del suo syrah cortonese non ? pi? una notizia da annorum.

Notizie che non lo erano.

E direi che ci possiamo fermare qui, che senn? si fa lunga. E siccome le fiere ricominciano davvero, pure qui si prepara qualcosa, torna Vin Natur a Genova, i prossimi 21 e 22 novembre: ci si (ri)vede l?.




TrackBack
[09/04/2018, 07:01] Guide for Choosing a Good Dentist

If you have dental issues or complications, it is necessary that you find a good dentist who will take care of your needs. However, the issue is, there are many dentists the market today and settling for the best may be tricky. For this reason, you need to take time and find the?best dentist in Miami who will offer the type of services you require. Dentists have various types of services they offer. There are those who have specialized in a particular field while some are general dentists who deal with almost all dental issues. If you are looking for a dentist, here are quick factors that you can consider looking at so that you get the best dentist.

Check on Experience

First, when searching for a dentist to offer dental services to you, we recommend that you try checking out the experience of your prospective dentist. This is a crucial aspect to check on because the longer the experience, the more quality services the dentist will offer. A dentist who has been offering dental services for years will be well placed to handle your dental needs than one who has just started practicing. This is applicable because past experiences will help the dentist be in a position to handle and manage any dental complications.

Check on Specialization

Secondly, when you want to settle on the best dentist, it is essential that you first understand the kind of dental service you need. This will help you know the kind of dentist you need. Dentists have various services that they offer. Some offer specialized dental services, and that means you need to know exactly what you are seeking for.

Check on Training

With the increased need for dental services, some individuals will want to take advantage of that and start offering dental services but they are not qualified. Therefore, to avoid falling prey for such fake dentists, it?s essential that when searching for a dentist, you should check to know if the dentist is trained. The dentist should declare his or her qualifications and show you the documents which give evidence for that. This way, you will get dental services from dentists who have undergone proper training in dental health.

Consider the Reputation

When searching for a good dentist, it is also advisable that you consider knowing the reputation of your prospective dentist. You need to know how many successful cases of dental procedures the dentist has offered. Similarly, you need to know what people feel about the services that the dentist offers. This way, you will understand if the dentist will be suitable to offer dental services that you may need.…

TrackBack
[08/26/2018, 05:19] Six Hints to Choose the Best Drug Rehab Nj

Addiction to the drug can ruin your life. It reaches a point where you want to get rid of the addiction, but you cant that easily. If you are at this juncture, you should visit a respected and reliable drug rehab NJ. An excellent drug rehab center will help you to stay away from drug or alcohol addiction. The hints as discussed below will help you to decide the best drug rehab NJ for your recovery.

Licensing

Perhaps, this is the first issue that you should reconsider before determining a drug rehabilitation center. Facilities that don’t have valid licenses might not help you to recover fully. Lack of a valid license means that the facility that you are visiting is not recognized by the authorities and might be operating against the law. Stay away from rehabs without licenses as they will only rob you of your hard earned money.
?

Treatment Procedures

The treatment protocols used at a facility might raise or reduce your chances of recovery. For instance, you should find out whether your chosen facility provides detox together with other therapies and counseling. When you come across a drug rehab?that offers such treatment, then you will be on the right path to quick recovery. High-end facilities also offer yoga when they think its necessary.

Highly Qualified Staff

The level of experience of the employees working at the rehab center that you choose might impact negatively or positively on your recovery. If you decide to go for an inpatient facility make sure that that the staff are available around the clock. You should also check whether the staff are registered by the relevant authorities to confirm that they have the necessary experience.

High Patient Staff Ration

If you get admitted to a rehab center with few staffs, then you might not get the attention that you want. Rehab centers that have more doctors and nurses will give you the care that you need for quick recovery.

Aftercare Treatment

Once you are done with your rehabilitation program, it’s essential that you are closely monitored to reduce your odds of succumbing to drug abuse again. The aftercare you require varies depending on your requirements as well as the degree of addiction. However, it’s suggested that you see your doctor weekly or once in a fortnight after leaving the rehab center to chat about your progress and the difficulties that you might be encountering.

Pricing and Insurance

Most people don’t know that rehabilitation therapies can cost you a fortune. For this cause, you should find out how much the treatment will cost in advance to avoid nasty surprises. In most cases, expensive rehabilitation centers offer the best care. If you have a valid medical insurance policy, you should discover whether your chosen facility accepts it and how much it can cover.

If you are having an uphill task trying to get away from drugs, it’s better to get treatment sooner than later. You will come across a number of drug rehab NJ centers to pick from online and to make a sound decision keep the hints as explained above in mind.…

TrackBack
[08/23/2018, 14:03] Coming up With a Weekly Meal Plan

Healthy eating is essential for your general well-being. The type of food you eat plays a critical role in determining the health status of your body. Most health or diet experts advice one to take in a balanced diet to keep their bodies in the perfect shape. The Dad Quarters have some of the best reviews and health advice that can help keep you in good shape. Your food should be made up of proteins, vitamin, carbs, and irons.

There are a number of food deficiency illnesses you can contract if you fail to consume a balanced diet. The most common ones include malnutrition, rickets, and scurvy. Most of these conditions are usually common among kids. Failure to take in a balanced diet can also weaken your body?s defense system.

Your body will not be able to fight certain conditions, and this will leave you weak or falling sick most of the time. Proteins play an essential role in the growth and development of your body. They do help increase muscle mass. Carbohydrates help provide your body with energy to carry out some activities. They act as fuel to your body.

Vitamins boost your immune system and improve your body functions. You can find all these nutrients in different foods. One thing you can do to make sure you consume a balanced diet is come up with your own menu that has all types of meals. This might be a difficult task for many. Here is how you can come up with a weekly meal plan that is made up of a balanced diet.

Look for Recipes

The first thing you should do when coming up with your home menu is to look for recipes. Look for recipes used in making different types of meals. Make sure the different types of meals make up a balanced diet. Getting different recipes will help make your job more comfortable when it comes to creating a weekly meal plan.

Sort your Recipes

The next thing you should do is sort out the different recipes according to the nutrients contained in them. One that is used for cooking a protein-rich meal should be separated from one that is used to prepare a meal with any other type of nutrient. Make sure that each day you have a meal rich in a specific type of nutrient.

Stock your Kitchen

You can now stock your kitchen with the different types of foods so that you can have easy access to them. Failing to do so may see you change your meal plan because you are not able to reach the type of meal for that particular day. Do not overstock because some of them may go bad quickly. Cook the perishables first.…

TrackBack
[08/22/2018, 16:17] Facts About Provillus

This is one of the hair supplement used in preventing hair loss. Hair loss is common in both men and women. This condition is associated with family history, hormonal changes, and certain medical conditions. It is also caused by scalp infections such ringworms. Drugs uses in treating cancer, arthritis, heart problems and blood pressure are the ones that cause hair loss. The other causes of this issue include emotional shock, excessive weight loss, a high fever, and radiation therapy. Provillus is purely natural and it can be used by both women and men. Apart from preventing hair loss, this product is effective in promoting regret of the lost hair. Again, it has complex ingredients that prevent hair loss.

Ingredients of Provillus

It contains natural ingredients such as pumpkin seeds, zinc, propylene glycol, nettle root, water biotin, and vitamin B6. These components are beneficial for hair growth and for the hair follicles? health. Again, they are well combined to bring the desired results. Provillus works by providing vital elements and necessary?nutrients needed by the hair.

Vitamin 6 is one of the essential vitamins for maintaining a healthy hair. Its natural character is helpful for reducing side effects and allergic reactions. It should be used regularly to restore weak hair, prevent hair loss and make hair thicker. Individuals who take this supplement regularly can enjoy their hair coverage after three months. You can get many customers testimonials in the internet.

 

Advantages of Provillus

  • It is effective in promoting hair growth in bald spots and other hair thinning areas
  • Its active ingredients have potent hair regrowth properties
  • It shows positive results after a few months or weeks
  • It has become very popular due to its many positive reviews and effectiveness.
  • It contains essential vitamins, and minerals making it easy for use.

Negative Effects of Provillus

  • You will be required to use this product continuously for you to enjoy its benefits
  • It can cause some side effects when used in higher amounts than indicated. It can lead to a feeling of?light-headedness or dizziness, and swelling of tongue and lips. Individuals who experience these side effects are advised to consult a doctor.

How is Provillus Used?

You should take one capsule every day. It should be taken with food such as breakfast. It is very hard to get it for the local drugstores. It can be purchased from its official website.…

TrackBack
[07/07/2018, 03:48] Factors to Consider When Choosing Pet Food

Age of the Pet

Age is an important factor to consider when choosing your pet’s food. Your pet needs to be fed appropriate food for his or her age. This is important as a certain amount of calories and proteins are needed for your pet to grow to adulthood properly. By providing your pet with his important current life stage diet, you will be meeting his growth requirements.

There are different types of pet food ranging from those for young pets, adult, and senior pet. If it?s your first time buying packaged food, read the labels to know what components a certain pet food has.

Consider the Breed Size

Choose the pet food based on the size of your pet’s breed. Young pets will need to consume well-balanced nutrients for immune functions, healthy skin, bone development, and growth. Most pet foods are usually categorized by specific breed factors which only include breed size since there is no other major difference between breeds.

Small breed pets have fast metabolism rates compared to medium and large breeds. That is why small pet breeds need more fatty nutrients than others.

Check for Food Allergies

Be extremely careful while choosing the food for a pet with thin coat quality, sensitive skin or redness of the skin. Food allergies are most common in dogs so if your pet is a dog lookout for allergy signs like scratching.

Don’t confuse food intolerance with food allergy; this is because lactose intolerance and poor digestion are as a result of food allergy.

Feeding your dog sources of carbohydrates and protein for 3 months triggers a strong immune response that helps alleviate allergic reactions.

Dietary Supplement

If you are feeding your pet a complete commercial balanced diet, you might not require adding a nutritional supplement like vitamins. However, with old pets, of a particular breed or with a certain disease condition may need a dietary supplementation. Check with your veterinarian whether supplementing your pet with fish oils, additional anti-oxidants or joins supplement could improve your pet’s health.

Reproductive Status of a Pet

A pet that is neutered or spayed has minimal maintenance energy requirements. It is, therefore, recommend to reduce their calories intake by approximately 25-30 percent from the usual recommendations.

If a bag of your dry pet food recommendations is feeding approximately one cup daily, you should only feed 2/3 to 3/4 of the same cup daily. Always consult the veterinarian while changing the diet and before starting a pet on any weight loss program.

Is the Food Easy to Digest?

Just like humans proper digestion is very important and affects the pets well being too. If essential nutrients in the dog food are not digestible, then look for another food. You can determine whether you have the right food by checking how well your pet defecates.it will tell you whether what is in the food bonds well with the pet.

Expiration Date

Packaging and manufacturing of the pet food products is also an important factor that you must consider. Pet food has certain health limitation that comes with food use and quality. This involves both packaging and the pet food. Go for pet food that has packaging date labeled.

Food with short shelf life should be consumed faster than those with a longer shelf life. This ensures …

TrackBack