TagCloud:


Link to us:



  Blogs & Sites:



 






Mondo Di Vino
Mondo Di Vino





[09/09/2021, 12:00] By the Bottle: Carmen Castorina

Wine lovers on wine and the vinous life

 

I?ve known Carmen for awhile now. He?s one of the best storytellers in the wine biz. He knows everybody. He?s been around for ages, so he has ?all the dirt? on almost anyone who's anyone. Not that he?d ever go down that road. No, Carmen is a guy who loves life, family and wine. In 2014, he retired as the chief storyteller for the Gallo family. And before you put your high-hat on, don?t. We all started out somewhere, and in the early days the paths were fewer and far between. But he navigated through a large family company during one of the most historic epochs for wine, and especially wine in California. That said, Carmen isn?t the man in the grey flannel suit. No, he?s more of a stretchy polo and linen shorts guy now, especially in North Texas, where we are still enduring high 90+?F days, blistering sun and heat, heat, heat. And you wonder why we drink so much white (and ros?) wine down here? Anyway, I am a huge fan of Carmen, and now you can be too, if you so desire.

 

What wines do you have standing up right now?

As I continue to purposefully ?drink down my cellar??.

Peter Lehmann The ?Mudflat? Shiraz 2000, Fontanafredda Barolo 1974, Chateau Montelena Cabernet Sauvignon 1988, A. Rafanelli Zinfandel 1997, Clarendon Hills Romas Grenache 2006, Summus 1997, Benanti Serra Della Contessa 2001.

What?s the last great wine you drank?

Penfold?s Cellar Reserve Grenache 2002. Big surprise in that it looked, smelled and tasted as vibrant as it did back in 2004.

 

Describe your ideal drinking experience (when, where, what, how).

Traveling in various wine regions and having a meal consisting of a locally sourced regional specialty paired with a wine produced nearby. Some examples?.the seafood of Galicia paired with Albarino,?..clearly a local pairing that has evolved down through the ages. I also recall a memorable dinner of roast lamb along with a Morellino di Scansano while visiting the original home of my wife?s family, Pitigliano, in 2014.

 

What?s your favorite wine no one else has heard of?

For most of my career the wines of Sicily were overlooked and ignored. When I first tasted the wines of Mt. Etna 18 years ago, I became enamored of them?in particular Nerello Mascalese and Carricante.  They were little known then and continue to fly under the radar, 

 

What wine should everybody drink before the age of 21?

The old family tradition of giving the younger folks some wine mixed with ginger ale surely cannot be considered detrimental in this age of enlightenment!

 

What wine should nobody drink until the age of 40?

I honestly can?t think of any.

 

Who in wine ? winemakers, winery owners, writers, retailers, collectors ? active today do you admire most?

Without sounding patronizing, the Gallo Family and their winemakers strive to produce excellent, well-made wines at all levels and coupled with their distribution prowess result in wider spread availability to consumers on a global basis.  I have great admiration for the winemaking team at Catena in Argentina?their wines, across the range, never seem to disappoint. As for the wine press?.three stand out not only for their ability to widely ?spread the gospel? and have a broad-based impact.?.but also for the genuine nature of their personalities?. Robert Parker, Hugh Johnson and Jancis Robinson.

 

Do you count any wine as guilty pleasures?

Tokaji Azu 6 Puttonyos Aszu and Domaine des Baumard Quarts de Chaume come to mind.

 

Has Covid19 changed the way your approach wine?

Obviously more at home consumption as opposed to dining out on-premise.  A silver lining here in that Covid has accelerated my long-term plan for the older wines collected down through the years that have been looking for a reason to be opened.  Many surprises along with disappointments.

 


Has a wine ever brought you closer to another person, or come between you?

While not involving a particular person a wine that had a dramatic effect on my career would have to be the 1978 Gallo Cabernet Sauvignon Private Reserve, noteworthy as the first vintage dated bottling released by the Winery. Some background?-in August 1979 as part of the job interviewing process I was invited to Modesto and given a tour of the newly completed underground cellars. Little did I know that among the wines aging in large 2000-gallon Slavonian oak casks was the aforementioned Cab. I was also made aware that the winery was in the process of ramping up its commitment to acquiring properties in the prime North Coast growing regions of Sonoma and Napa. Once on the job and having spent three years involved with E&J Brandy it became time to go to market with a lineup of vintage dated varietals. The ?78 Cab, having aged for 48 months in those large casks, was Gallo?s initial entry into the so-called world of ?fine wine? and I was fortunate enough to participate in this project. That led to other assignments in the ongoing expansion of the fine wine portfolio which continued until my 2014 retirement. 

 

What?s the most interesting thing you learned from a wine recently?

Expect the unexpected and be prepared to be surprised. 

 

What moves you most in a wine?

When a wine meets or exceeds the expectations you have for it.

 

What do you really wish you understood about wine?

The ability of winemakers to assess a wine?s changing characteristics as it develops from crush to final bottling is something that I have always admired. The really skilled vintners seem to really be able successfully vinify, blend and age to achieve a desired result.

 

Which styles do you especially enjoy drinking?  And which do you avoid?

Clean, well-balanced wines that show their provenance as opposed to over-oaked, manipulated wines. As I ramble on through life, I find the lower alcohol wines to be much more ?tolerable.?


How do you organize your wines?

Haphazardly?..but with a nod towards vintage and country/area of origin.

 

What wine might people be surprised to find in your racks?

Ports?.courtesy of an industry friend I have a number of them on hand.  Over 20 years ago I was able to acquire a bottle of Taylor Fladgate Vintage Port ?94 which was rated 100 pts. by Wine Spectator.

 

What?s the best wine you?ve ever received as a gift?

Considering ?best? a relative term I was fortunate to have been given a bottle of 1990 Vega Sicilia Unico Gran Reserva.   

 

How have your drinking tastes changed over time?

Low tolerance for higher alcohol wines began years ago and continues till today. I likewise moved away from many California Chardonnays as the oaky, smokey, buttery trend took over.

 

Disappointing, overrated, just not good: What wine did you feel as if you were supposed to like, and didn?t? Do you remember the last wine you set aside without finishing?

For a long time, I struggled to appreciate Barolo and while I?ve come to a much better understanding of wines made from Nebbiolo given a choice I still would go in a different direction. As for not finishing a wine if there are no flaws it seems foolish to me to leave a bottle unfinished. 

 

What wine do you think everyone should try?

Picpoul from Washington State.

 


You?re organizing a dinner party. Which three people from the wine world, dead or alive, do you invite?

Ernest Gallo, Nicolas Catena, and Piero Antinori. These innovators made significant, impactful lasting contributions in their respective countries that continue to spread throughout the wine world. 

 

What wines are you embarrassed not to have drunk yet?

Sad, rather than embarrassed, to not have tasted all of the First Growths and most of the Grand Cru Burgundies. Having said that I find no embarrassment in enjoying wines that are more accessible and affordable.

 

What do you plan to drink next?

I?ll know at dinnertime.

 


 

More here from the archives - My Dinner(s) with Carmen

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[09/05/2021, 13:27] 50 years ago ~ notes from Florence ~ September, 1971

Saying goodbye to my Sicilian family at the dock, I got on the boat and returned to Naples. From there I took a train to Florence. I was an art student (mainly photography, but a well-rounded course of classes), and Florence seemed like a good place to visit. The Italian holiday was tapering off, people were returning to their towns and villages, so I did as well. I had two more weeks in Italy before I had to be back at class in Santa Clara.

Looking back now, probably the best thing would have been to stay in Sicily, and dive in deeper. But I didn?t want to take too much advantage of my relatives? hospitality. And I knew I?d be back. Florence called.

Oddly, seven years later I went back to Florence and spent three weeks there. So, I really did a deeper dive into Florentine life too. But not this time.

This time, 1971, I was alone and walked the town. It was still a bit warm, but the city was coming back to life. Tourism was a big thing there, not like it is now, by any stretch of the imagination. But you could tell it held a draw for people from all around the world.


I remember seeing avocados for sale at a produce stand for an unimaginable price. They were from Israel. Odd, I thought, because avocados, where I came from, grew on trees, and all one had to do was find one and pick them. But $3 for an avocado in Italy in 1971? That was a whole meal. Or a room in a pensione, in those days.

Five years earlier Florence had suffered thought a devastating flood, and the markers from the flood were still in evidence. Lines were noted on buildings where the flood had risen to. Some of the storefronts were still shuttered. It was 1971, we weren?t in the greatest economical period then. Florence was trying to come back, to rebuild.

Wine? Well, even in the little trattorias or mensas that I could afford, there was always a quarter of a liter of wine to go with the meal. But I didn?t think much about it. It accompanied the meal. In fact, it was probably a good habit to develop, not to put wine up on some pedestal and worship it. but to include it in the communal repast. I remember getting into a workers mensa and sitting with stone workers, carpenters and plumbers, eating the same food, drinking the same wine. I was a bit of an odd man out, but no one thought much about it. we ate, some made small conversation, and they got back to work. My work? Walking the streets with my camera.

I don?t know what happened to those photos, some of them have gone misplaced. But I do remember some of them. I have a few, one of a courtyard outside my room. I remember going to the Pitti and the Uffizi, along with the Accademia and the Duomo. The pictures will show up someday, I hope.


In reality I was starting to get a little lonely and restless. I fantasized about going to Zermatt, Switzerland, where I imagined it must be cooler than Florence, this time of the year. But Switzerland, I was told, was more expensive, and I was a student on a budget. So, I stayed a little longer in Florence.

I do remember buying some clothes there, namely three sweaters, a pair of leather bellbottoms and a pair of sandals. I still have the sweater, bought at the San Lorenzo market. They cost 1800 lire each ($3 then) and they are still in good shape. Wool. I also bought a pair of suede bell bottoms. I still have them, though the 30? waist size they came in no longer fit me. I was skinny then.

The sweaters, I can occasionally fit into, but only for nostalgic reasons.

And the sandals? Why always sandals? I bought a pair in Pozzuoli, the cork ones. This time, in Florence, they were of leather, bought at an artisanal shop near the Ponte Vecchio. They were lovely, I still have a pair just like them, that I bought, another time, in Florence. Classic Roman style. Yeah, coming from a family of leather workers, shoes especially, these tapped into my Italian DNA.


What else do I remember? The ice cream. And yes, a fleeting glance from a beautiful young Italian woman. It was just a second or less, as we passed in the street, me with my camera, she with her girlfriends. Better as a memory than whatever fantasy I conjured up about her.

Next week, Positano in 1971. Wow, what a place it was then.

 
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[09/02/2021, 10:34] By the Bottle: Emily Huang

Wine lovers on wine and the vinous life.

I met Emily in Barolo a few years ago, where we were both attending Collisioni at the invitation of Ian D?Agata. Emily lives in Taiwan, and on social media her nom de plume is @unpoalticcia. She radiates a quiet serenity, or as we used to say in Rome a couple of millennia ago, ?Altissima quaeque flumina minimo sono labi.? She is essential to the future of wine and Italian wine. I learned some new things from our exchange below. So glad she contributed and participated in this series, please give Emily a warm welcome.

What wines do you have standing up right now?

I am having a Freisa from G.D. Vajra. I found it most interesting is the spark between the wildness in Freisa and the elegance from Vajra. Theirs is a bigger wine with darker fruit accents than usual, but that like all Freisa wines ages extremely well and expressing aromas and flavours with age that are remarkably similar to Nebbiolo?s.

To be honest, I am so obsessed with Italian native grapes and Freisa is really one of the greatest, but the simple truth is that the country has just so many great wine grapes, many of which most wine lovers have never even heard of, it is nothing short of amazing.

Are there any classic wines that you only recently had for the first time?

I have just had a Baricci Rosso di Montalcino 2011. The aroma and body is simply fabulous. Perfect timing to taste, but it can still be aging for a few more years. Baricci is one of only four estates to own vineyards in what is the true Montosoli hill (and not the enlarged Montosoli area of today) and his wines speak of what is arguably Montalcino?s best terroir. But Montalcino has a bunch of terroirs that are first rate amidst what is far too large a denomination: for example, the Canalicchio di Sopra area right next to Montosoli is very close in quality to it.

Describe your ideal drinking experience (when, where, what, how).

The best would be sitting in the glass room in the vineyard in Italy, especially in the harvest season, watching the busy people working on the wines for next vintage that I am drinking. 

What?s your favorite wine no one else has heard of?

There is one particular variety from Emilia-Romagna called Centesimino. It?s an aromatic red variety that boasts a charming floral aroma, and has gentle acidity. It?s perfect for aperitivo, but can actually be made as a full-bodied red wine that will stand up to hearty meat dishes such as stews, and delivers a fantastic sweet Passito too.

Who in wine ? winemakers, winery owners, writers, retailers, collectors ? active today do you admire most?

I admire Ian D?Agata for sure, who is also my mentor. He is a living (walking?) encyclopedia, not just in wine, also in food, in culture, in history and sometimes, even a life coach. He uses simple expression to explain complex subjects, for example: Italian wines. In this way, I feel more encouraged and I have more motivation and passion to dig into the Italian wine field, and to organize and walk my own path.

Do you count any wine as guilty pleasures?

Wines can never connect with guilty. It?s only pleasure.

What?s the most interesting thing you learned from a wine recently?

Sting bought a Tuscan winery since he tasted a Barolo?! How funny is that?!

I need to make sure that I am able to distinguish from Barolo and Super Tuscan or Chianti wines.

What moves you most in a wine?

The philosophy of wine maker or winery owner.

Wine is connection between nature and human being and wine maker tell its own story by the expression of wines. Wine maker is like magician, every move, every step he/she does, it?s glorious and full of surprise.

Which styles do you especially enjoy drinking?  And which do you avoid?

I like delicacy and elegance in wines. Powerful and way too intense can be enjoying as well, but it really depends on the occasion.

What wine might people be surprised to find in your racks?

French wines. ?

What?s the best wine you?ve ever received as a gift?

Still waiting for the best to come. Never too late for a surprise ?

You?re organizing a dinner party. Which three people from the wine world, dead or alive, do you invite?

Steven Spurrier, Kerin O'Keefe, Aldo Vajra and more?

What wines are you embarrassed not to have drunk yet?

Let?s say ?a lot?? still have super long list to catch up with?

What do you plan to drink next?

As an Italian wine geek, I?d say any Italian would do.

 
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[08/29/2021, 18:36] 50 years ago ~ notes from Palermo ~ August, 1971

After booking passage on the ship from Naples, I spotted the bay of Palermo, the Conca d?Oro. My family was supposed to be meeting me at the dock. I felt like Vasco da Gama, or Amerigo Vespucci, in reverse.

My grand aunt and uncle were there with their family, welcoming this young, gawky Americano in jeans, carrying a back pack. I must have been a sight.

They spoke very little English, the younger ones more conversant than the elders. I spoke a smattering of Italian. But we were family! We can do this!

In fact, learning Italian by immersion works. I?m not saying it worked on me then, but I was thrust into a culture and a language and I had to find oxygen. I had to speak Italian.


These days when someone asks me if I speak Italian, I tell them that I am conversant, but not fluent in the language. But there are other languages, unspoken ones. I am more adept in those silent tongues.

I?m sure there?s an Italian professor out there who, if he is reading this, will shake his head and feel like all that effort was for naught. But it wasn?t. I see in the dark. I hear the crackle of the sun on the rain-spit piazza. I?ll be OK.

My aunt was sure I hadn?t eaten for days, so she rushed me back to the family compound to fatten me up.

What do I remember? Early mornings on the roof of the building overlooking the Centro Storico of Palermo, watching the ships come in and go out. Drinking caffe latte, so smooth, creamy, sweet and restorative. The seagulls chanting their staccato symphonies. The ships calling out from afar. The bells, the many bells of the churches of this ancient city. I love Palermo so very much. It is like going back into the family tree and visiting my ancient forbearers.

On the street, though, modernity is in bloom. Everything is hustle and bustle. It?s a big city atmosphere. Nothing like where I grew up in the little village on the desert. It was a bit intimidating. Survival in Palermo was, and still is, so basic to the daily comings and goings. The shopping at the open markets, preparing lunch and dinner from a menu of fresh items found in the stalls. The daily specials. And the wine.

Sicily is like Italy in some ways vinous. And in other ways, it is like going back in time, the time when wine began. Basic stuff, now so swank. Red wines from Perricone. White from Insolia and Catarratto. We didn?t know about Nero d?Avola and Nerello Mascalese. Etna was, for all intents, on the other side of the planet. This was Palermo, the center of the universe. We were fine with what we had.

The wines I remember were often a bit rough. I remember my uncle was always putting something in the glass with the red wine, be it sparkling water or a peach.

And then there was the habit of taking a glass of water and putting a milky liquid in it, making the water cloudy and mysterious. And when cold, quite refreshing, tasting of licorice. I loved how the water would cloud up. I still love that stuff, 50 years later.


I slept in my great grandfather?s room. He would haunt me during my afternoon naps. Just like my dad does sometimes. We have these conversations, me with the dead guys. They are always asking me ?Why am I here?? and telling me ?No, I am not dead!? Truly. I try and be courteous, but if they aren?t alive and they are talking to me, what does that make me? Eventually I wake up, with the sounds of the street below, Via Roma, the clapping of the horse hooves on the ancient avenue.

Everything about that trip 50 years ago, prepared me for an Italy which to this day, still excites me. It is a wondrous place. My relatives, all gone now, only come to visit in dream-space now. I?m so grateful I made my way to them, finding my roots, but really discovering another world. One which I loved then, and love to this day. 


wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[08/26/2021, 11:25] By the Bottle: Darrell Corti

Wine lovers on wine and the vinous life.


In my mind, Darrell Corti embodies that often-quoted motto from Joseph Campbell, ?The privilege of a lifetime is being who you are.? He is one of my heroes. We share California as our native state and Italy as our place of ancestral descent. He knows almost more about anything, food, wine and otherwise, than I or many of us will ever be able to comprehend. Underlying all of that is a kindness and an openness that imprint Darrell as incomparable. I cannot tell you how happy this makes me to have him on our series, and in our world.

What wines do you have standing up right now?

Most of the samples that I have received. During the summer, wines with deposit are really not interesting.

What?s the last great wine you drank?

What do you mean by great? Expensive? There are not many really great wines around, but a lot of expensive ones!

Are there any classic wines that you only recently had for the first time?

Again, what do you mean by ?classic?? I can imagine what you mean, but perhaps there are not so many ?classic? wines around. Classic to me, may not be ?classic? to someone else.

Describe your ideal drinking experience (when, where, what, how).

It is most of the time when enjoying a wine. Situations can change, but the wine remains.

What?s your favorite wine no one else has heard of?

With the amount of curiosity around today, there is probably not many wines unheard of. In fact, I would be surprised since most wines that are around now, would never have been considered 10-20 years ago. Just look at Georgia, Armenia, Israel and all of the forgotten varieties that are now being resurrected. Also, the antique vinifications that are now becoming the hot, new thing.

What wine should everybody drink before the age of 21?

According to the law, no one under 21 should drink wine. But then there is always the possibility of tasting some at home, or sneaking a taste of some elsewhere. Stupid law!

What wine should nobody drink until the age of 40?

Stupid question! The earlier one starts drinking wine, the better the memory bank is for the 40s!

Darrell Corti (L), Andre Tchelistcheff (C)and Lucio Gomiero (R) in earlier days

Who in wine ? winemakers, winery owners, writers, retailers, collectors ? active today do you admire most?

Too many and a lot of them have now gone to their reward.

Do you count any wine as guilty pleasures?

What is guilty about it? It is a pleasure. And what is wrong with pleasure. The only guilt is that sometimes there is too little wine in the glass and the bottle should have been a magnum.

Has Covid19 changed the way your approach wine?

No! It may have made life a bit more difficult and tedious, but hasn?t changed my approach at all.

Has a wine ever brought you closer to another person, or come between you?

I don?t remember. Too much wine.

What?s the most interesting thing you learned from a wine recently?

That some of what is called wine today is smoke and not a lot of roast. Troppo fumo e poco arrosto.

What moves you most in a wine?

The way it smells and tastes. Most of the time, wine doesn?t respond to this anymore. It is more smoke (see above.) Sometimes, its history and fame precedes it, and one?s expectation is destroyed by the reality.

What do you really wish you understood about wine?

How some wines can be so well thought of and other not. It seems the more pleasure it gives, the less fame it has. And for the most part, this is for all wines, all over. Sometimes the blah, blah, blah about a wine is just that.

Which styles do you especially enjoy drinking? And which do you avoid?

I try not to drink wines over 14.5% alcohol. I don?t sell them if table wine. It is amazing to see how many at this level are still being made. Wine should be made out of ripe fruit, not over-ripe fruit unless there is a reason for doing so. With climate change, we may all be drinking the equivalent of port, sherry and Madeira under the guise of table wine. When table wine at a high degree of alcohol used to be made, it was an exception. Now it is the rule. Something has to give! Either grapes should be picked a little under-ripe for freshness or we have to add water to the wine in a glass. Sometimes, not a bad thing to do. Most wine at one time or another was watered, now we think that high alcohol wine is the way wine should taste. Utter nonsense.

How do you organize your wines?

A question I don?t understand.

What wine might people be surprised to find in your racks?

I have no idea.

What?s the best wine you?ve ever received as a gift?

A bottle of 1982 Petrus.

How have your drinking tastes changed over time?

Of course. I used to like very different wines in the 60s-80s. By the 90s, I like fresher, less tannin, more elegant wines, and continue to do so. Possibly, I appreciate fine white wines more now than perhaps previously. But definitely less tannic, structured wine. A cabernet with the first descriptors being ?chocolate? is a real turn off. We have lost the scent of Cabernet, something very difficult to do.

Disappointing, overrated, just not good: What wine did you feel as if you were supposed to like, and didn?t? Do you remember the last wine you set aside without finishing?

Honestly, most of the wines I taste nowadays. Perhaps it is just being bored with what should be very good and usually isn?t. Big names and small, wine has forgotten what it is: a beverage, not a piece of art. Although, some wines are a work of art. But as Prof. Webb at Davis used to say: ?Winemaking is a craft, raised to the level of an art.? Sometimes, it feels as though the craftsman is missing and the busker is more important.

What wine do you think everyone should try?

Try everything! You never know where you might find a jewel.

You?re organizing a dinner party. Which three people from the wine world, dead or alive, do you invite?

You really want to get me into trouble!

What wines are you embarrassed not to have drunk yet?

None. But especially the ones that begin life at three figures and then go to five or six. Wine is a beverage, not an art object. Once you?ve opened the bottle, what is left?

What do you plan to drink next?

Hopefully, a good wine that might be new and show what its crafter wanted to show and I like it.

  
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[08/22/2021, 12:00] 50 years ago ~ Postcard from Naples ~ August 22, 1971
From the archives
Dear Mom and Dad,

Well, I'm in Italy. I finally made it to Rome. The last week has been warm. Hotter than where I came from. Rome was miserable. And empty, save for a few Americans who actually had lire. Wartime in America. Nixon devalued the dollar the day I arrived in Rome to get more European countries to buy things from us. We need the money to pay for the war in Vietnam. And it looks like we are going into a recession that could last for years.

I got to Naples from Rome on a train. I have a day before the ferry takes me to Palermo. I have a day to kill.
Now, I'm walking.


I am wearing an army surplus khaki short sleeve shirt. I like it because the pockets are big enough for me to put a light meter in it. I am traveling with two rangefinder cameras, Canon VIT models. One has a normal lens and the other has a wide angle. I bulk rolled FP4, FP5 and Tri- X. I had 20 rolls of film.


Heading towards the water on Viale Antonio Gramsci. It runs into Via Mergellina runs into the Via Antonio Gramsci and turns into the Galleria Laziale. I get my first up close view of Vesuvius.

Walking on the Galleria, it turns into Via Diocleziano and then Via Bagnoli, where it turns and runs into Via Pozzuoli. Heading towards the town of Pozzuoli it name changes again to Via Napoli and then to Lungomare Pertini. I am walking. It is a long walk, blistering hot. By then it is lunch. I find a little osteria/pizzeria and sit down. The soles on my desert boots are hot. My jeans, worn such that they need patches, are steady. I?ve been marching through Italy and I am hungry. I order a simple pizza with tomato, garlic and oregano. It was 600 lire. A few minutes later the lady brings out the pizza and asks me what I want to drink with it. ?Vino rosso,? I answer. She looks at me like I?ve gone mad, and instead brings me ?una foglietta? of white wine and a glass. It was 80 lire.

It is August, it is hot and I am having pizza for the first time in my life. And the white wine, chilled, is a divine dance with the tomato, garlic and oregano . A bottle of mineral water, frizzante, waits its time on the table.

After lunch, an obscene version, for who would eat pizza in the afternoon? Young tourists with flat bellies. I then order an espresso. 40 lire. A small cup barely filling the bottom comes to me. It is rich, frothy and potent.

I leave 800 lire and the lady comes out to me to give me the 80 lire I left. I tell no, it?s OK, keep it. She looks at me, puzzled, shakes her head and goes back into the restaurant.

Twenty feet down the street I stop to look at sandals made with cork soles. Everywhere there is cork. We are in Pozzuoli. I buy a pair for 1800 lire and put them in my back pack. Kids of all ages are coming up to me, touching me, following me, running by my side as I walk up the street. Everywhere there is noise and music, yelling and crying, playing and shouting. Everyone in Pozzuoli is outside.

The kids are talking to me in their Neapolitan dialect. I vaguely understand them; Mom, they sound a lot like Nonna Lucrezia. They talk to me as if I should understand them. I look like them. But I am about 6 inches taller than the tallest person in the town. I am wearing jeans, an army shirt and desert boots. I have a camera and a backpack. And the kids, they want to touch everything.

I finally make the long circle back to the Terminal Traghetti Napoli to go to Palermo. Before I get on the ship a young boy comes up to me. He wants to sell me a watch. I had read about that, never thought I?d see it. But there I was in Naples, being sized up for a watch purchase by a ten year old. Where is that boy now?


I'll write more when I get to Palermo.


Love,

Alfonso




wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[08/19/2021, 11:29] By the Bottle: Eric Asimov

Wine lovers on wine and the vinous life.

  I first met Eric in Napa Valley, California. Since then, we?ve traveled, supped and opened a bottle or two in New York City, Austin, Texas and Sicily. Eric has the distinction of being one of the most influential wine criticstoday, a position he doesn?t take lightly (nor would he probably admit to it). Nonetheless, it is what it is. He?s riding that tiger. Let?s jump on board with him and take a spin, shall we?

What wines do you have standing up right now?

Most of the time, what I?m planning to drink is a function of what I?m planning to write about. I will keep that private other than to say I?ve just enjoyed some excellent bottles for my Wine School unit on dark ros?s.

What?s the last great wine you drank?

I prefer to think of ?greatness? in terms of context, expectations and fulfillment rather than on some universal scale in which the great wines are profound examples of historic terroirs or estates. With that in mind I would say a Ch?teau de B?ru Chablis Montserre 2018 was a great wine. I love Chablis, though I?m not a particularly a fan of the 2018 vintage. Nonetheless, this wine was beautiful, intense in the way of the vintage yet full of characteristic Chablis minerality rather than fruitiness, pure and unmediated. I loved it.

Are there any classic wines that you only recently had for the first time?

I can?t think of any sorts of wine, though I can think of plenty of legendary bottles that I?ve never had, and probably never will. Cheval Blanc 1947, for one.  


Describe your ideal drinking experience (when, where, what, how).

With great friends and family, outdoors, with wonderful food. The particulars don?t matter.

What?s your favorite wine no one else has heard of?

I don?t keep secrets. If I like a wine I?ve posted or written about it.

What wine should everybody drink before the age of 21?

I don?t advocate withholding any wine until 21 but everybody should experience the joy of bubbles at a relatively early age.

What wine should nobody drink until the age of 40?

I also don?t advocate withholding any wines ever from adults. But I would advise after age 40 revisiting whatever biases you might have.

Who in wine ? winemakers, winery owners, writers, retailers, collectors ? active today do you admire most?

I most admire the many winemakers who are constant to their personal vision, even in the face of opposition ? critics or community who tell them they are wrong or market metrics indicating other styles or grapes are more popular. These people see themselves working within cultural or stylistic traditions that they value more than the year-to-year swings in fashion. They tend to work humbly, in harmony with the land rather than asserting control. They are the ones producing wines that transcend the notion of a beverage, who are anchored in history and culture. Beyond production, this applies as well to retailers, sommeliers, writers and others who stick to their points of view, who are willing to debate and to make their cases but ultimately understand that enjoying wine is not a competition nor a means for asserting the size of one?s ego.

Do you count any wine as guilty pleasures?

Guilt has nothing to do with it, nor does shame.

 

Has a wine ever brought you closer to another person, or come between you?

I don?t think wine alone has brought me closer to another person, but wine absolutely has a role to play in fostering friendship, community and intimacy.

What?s the most interesting thing you learned from a wine recently?

This goes back a couple of years, but I was surprised to learn that Heitz routinely blocks malolactic fermentation in its red wines.

What moves you most in a wine?

Wines that are cultural expressions, regardless of how modest or profound they might be. In fact, sometimes the more modest wines are more moving because it?s clear the producer has sacrificed financially in order to adhere to tradition. That said, I find great older bottles particularly moving, particularly when the wine is from a vintage of historical or personal significance. 


Which styles do you especially enjoy drinking?

I love wines that combine delicacy with intensity and that go well with food. I?m not impressed by power or impact. I probably drink more whites than reds simply because of what I tend to cook, but that?s no indication of preference.

How do you organize your wines?

Haphazardly, wherever I can find room.

What wine might people be surprised to find in your racks?

Retsina? I have a few good bottles. I do have a lot of Chianti Classico, reds from the Northern Rh?ne, riesling, Burgundy, Barolo, sherry and Champagne. Also, chenin blanc. My tastes are diverse, and I regularly drink a wide variety of wines, but the bottles I keep to age tend to be more classic. I don?t know if that?s surprising or not.  

What?s the best wine you?ve ever received as a gift?

Once while I was on a book tour in Birmingham, Ala., a local wine club chipped in with a case of wines from their collections to thank me for coming. I?ve never received a gift like that, before or since, just for showing up. I was beyond touched.

How have your drinking tastes changed over time?

My tastes changed a lot in my 20s and 30s, not a whole lot since then, at least, I don?t think they have. I try to be open minded, but I?m pretty confident in what I like and don?t like.

You?re organizing a dinner party. Which three people from the wine world, dead or alive, do you invite?

Robert Mondavi, Aubert de Villaine, Lulu Peyraud. I have a lot of questions for these people!

What wines are you embarrassed not to have drunk yet?

I am lucky enough to occupy a privileged position in wine with remarkable access. Wines that I would like to try but have not had a chance to drink tend to be ultra-rare or expensive. No embarrassment there. If there are more readily available wines that I ought to have tried and have not simply because I don?t know about them, I guess that would be embarrassing.

What do you plan to drink next?

Dinner tonight will be Sicilian-style pesto. I will finish a wonderful Luis Seabra Granito Vinho Verde that I opened last night, which will go well with the pesto. Then, I guess, I better find something else.

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[08/15/2021, 14:14] My 50 year anniversary, or Nozze d'Oro, with Italy

It was on this day, August 15th, in 1971, that I first landed in Italy. It was a 20th birthday gift, with a little help from my friends. The plane flight from Los Angeles International airport to Aeroporto Internazionale di Roma?Fiumicino "Leonardo da Vinci" cost $900.00 (about $6,0000.00 today). No small sum for a college student then. But I wanted to visit the birthplace of my grandparents, and see the country where it all started for this young student, budding photographer and eventually, an Italian wine lover.

Once I landed, I decided to walk to Rome. Not thinking it that far away, and trying to conserve my money, in addition to the fact that I didn?t have many lire on me, I headed outside.


This is one of the great things about being young and clueless. I had no idea the walk was 20 miles, and for a walker, almost impossible to traverse. That, and it was the middle of August (and Ferragosto at that!) and the temperature was hovering about 95?F. After I paid a visit to the Leonardo Da Vinci statue at the airport, I turned around and caught a bus to the Rome train station.

August 15, 1971 was also a Sunday. And a national holiday. And back in the USA, then President Nixon had just devalued the dollar. So, I was pretty much S.O.L. And I was jetlagged, having been so excited, I didn?t bother to sleep much on the plane. So, I wandered out of the train station with my backpack on and my trusty little Europe on $5 a Day and my Michelin Guide to Italy, and sought out a room.

I walked around the neighborhood of the train station, found a little pensione on the Via Palestro near the university and somehow managed to talk the landlady into letting me have a room.

I was still excited (and quite jet lagged), so I set my gear down and decided on a little nap. Some hours later I awoke to the sounds of an Italian television program in the kitchen. I thought I had slept for days, but it was probably 4 or 5 hours, just enough to keep me from getting on Italian time.

The kind landlady made me a plate of pasta and some vegetables, and offered a glass of red wine. How wonderful it all tasted. Here I was in a strange boarding house in a big city with people I didn?t know, who were treating me like family. It was a moment that really made me see Italy and Italians through a lens that I still sometimes use. We were only 25 years away from the liberation of Italy during World War II; perhaps the landlady took pity on the young American. It wasn?t that much money, I think with half pension it was about 1,500 lire, or $2.50 a day. My room I would have to share if someone else came in. But it never happened that anyone else came.

Walking around Rome during the day would be my introduction to Italy. And I walked everywhere, with my cameras, photographing everything in black and white, Tri-X film, with my Canon rangefinder cameras. I was living the dream of a young man to be a street photographer, and Rome was my canvas.

Little did I know I would come back to Italy more than equivalent of once a year for the next 50 years. Nor did I realize then that I?d be back here on business. Wine business. For I was far from being on my career path of becoming a wine lover, and some would say, an expert in Italian wine. I wasn?t that interested in wine, then. For me, it was my first love, photography, that brought me here. And to meet my family, trace my roots, try and make sense of the what and the why of my grandparents leaving Italy and coming to America.

From the Villa Borghese to the Fontana di Trevi, the Sistine Chapel to the Baths of Caracalla, there was no backdrop that I wouldn?t shoot in the blistering heat and humidity of Rome in August.

In that time the city was quiet, many people out of town in cooler places. Just a few tourists and the workforce of Rome, who stayed behind to keep the city running. Many shops were closed for the month, but there was enough life in the Eternal City to get a feel for a place that humans have inhabited for thousands and thousands of years.

But it was like the city was mine. It welcomed me into this marriage with Italy, which has lasted now for 50 years. It has been a constant in my life, always there, always greeting me with its warm caress and lovely people, food, and landscapes.

I must admit when I first landed in Italy one of my initial thoughts was, ?Gee, all the people in Italy are great. They all love everybody. There are no criminals here. This place is perfect!? Yeah, I had one of those moments. And for a 20-year-old who was na?ve and idealistic, that thought propelled me into many places in Italy that weren?t quite as I had envisioned them. But I survived. They almost got the best of me once. But they didn?t. And while I am 50 years older than that 20-year-old moonbeam chaser, that person is also still here, watching over my shoulder as I write these words.

?Hey, I got you to this point,? he whispers in my ear. ?You didn?t do so badly. We met our family, we had great times, had a lot of good things to eat. And those wines. And those pictures. Not too shabby, amico!?

Yep, no too shabby is right. We made it this far. I still am deeply in love with Italy. In fact, I really have little desire to go elsewhere when we can get on a long-haul plane and go somewhere safely. Until then, I have years and years of images, and hundreds of bottles of Italian wine to share with my friends and loved ones here at home on my little island, my Isola da Cevola.

That will do me for now. And later, when the sparkling wine is opened and we toast our Nozze d'Oro, I?ll probably start working on the next 10 or so years. 50 more years isn?t going to work for this Silverback.

But the past 50 have just been great, when it comes to Italy. 

 So, yes, onward, through the fog?

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[08/12/2021, 06:00] By the bottle: Anthony D'Anna

Wine lovers on wine and the vinous life.


Anthony and I met in Italy and fast became pals. Hailing from Melbourne, Australia, he and his family have made wine, and especially Italian wine, a priority in their corner of the world. Endowed with a youthful vigor and a curious mind, I?ve really enjoyed getting to know Anthony, and I hope the rest of you will also take pleasure in his insights, his impeccable taste and his exuberant joy about wine and life.

 

What wines do you have standing up right now?

One of the few benefits of lock-down in Oz has been a lot more time at home. That has meant I have had the opportunity to drink wines that have been cellared for 10-15 years and are now ready to be drunk. Over the last few weeks I have had a good look at 2006 Barolo with the highlights being Borgogno Barolo Classico 2006 and Piero Benevelli Ravera di Monforte Barolo 2006. These 2006 are in a great spot right now.

What?s the last great wine you drank?

The last great wine was the 2008 Soldera Case Basse a few weeks ago. Gianfranco was definitely a unique individual and the wines he made stand out like a beacon. They talk more about Gianfranco than Montalcino or Sangiovese and show his relentless drive to perfection.

Are there any classic wines that you only recently had for the first time?

Like the rest of the wine world, with prices of Barolo and Barbaresco going through the roof it has opened up opportunity for many wine regions that were simply forgotten or passed over. One of these being Alto Piemonte and specifically Bramaterra. Recently I drank the Antoniotti Bramaterra 2016 which is a brilliant wine.

Describe your ideal drinking experience (when, where, what, how).

My ideal drinking experience would be somewhere in Italy (maybe Rome, Puglia or Piemonte) with my wife at a family run trattoria (think Armando al Pantheon) eating food specific from the region with wine picked by that family to match with their regional food.

No one does hospitality better than the Italians. They get it and that is for me one of the biggest things I miss about not travelling. Life is all about experiences and there is no better experience than sharing a meal with some of the people you cherish the most, with food that is prepared with love and drinking wine that compliments the food and environment.

What?s your favorite wine no one else has heard of?

Up until recently in Oz it was the Nebbiolo made by Renato Vezza in Priocca! I spotted a bottle in Chiara Pepe personal cellar in Abruzzo and we drank it over dinner with the family. Renato was an unknown to me and all of Oz. That wine really showed me that great Nebbiolo doesn?t have to be Barolo or Barbaresco.

What wine should everybody drink before the age of 21?

Gee, that is a hard one. I don?t think many people under 21 would understand the great wines of the world. For me, that is a process that takes years and it is really a journey. So, the wine everybody should drink before 21 needs to be wine that can open your eyes to just how special wine can be. Depending on where you live in the world, it will differ. In Oz, I would choose something like Pewsey Vale Riesling from the Eden Valley. Think of a scorching hot summers day, oysters or prawns on the bbq, washed down with old vine, refreshing Eden Valley Riesling.

Who in wine ? winemakers, winery owners, writers, retailers, collectors ? active today do you admire most?

As an importer, Kermit Lynch. The vision he had is mind blowing and I think the template on importing for me is definitely strongly aligned with how he started importing.

As a wine writer, I really enjoy reading Monica Larner?s reports on Italian wine. Not only is Monica a fantastic person, but her writing really transports me to a sense of place and gives even someone who travels to Italy three times a year (well before Covid) a better understanding of the producer, vintage and wine.

As a producer there are many. The Benevelli family, the Pepe family, the Bianchi family (Monsanto), the Gaia family to name a few. The list could go one. Going back to Italy is like seeing family. We work with producers that are our friends and more like family.

Do you count any wine as guilty pleasures?

Definitely not. It is a career. Early on in my university days, I had to choose if I wanted to become a banker or accountant and have wine as a pleasure, or work in wine. I am fortunate in that my family has always worked in wine, however it wasn?t until the end of my days at University that I knew that I wanted wine to play a major role in my life.

Has a wine ever brought you closer to another person, or come between you?

Drinking great bottles over a meal with friends or loved wines definitely forges a stronger bond with friendships and family. I am a lover not a fighter and enjoy wine with company with those that I like. 

What?s the most interesting thing you learned from a wine recently?

That sometimes all of us in the wine industry can get it wrong! I have a sneaking feeling that 2010 Barolo is not going to turn out exactly how we thought.

What moves you most in a wine?

The stories. Great wine is all about the story. The story of who made it. The vineyard. The Vintage. Understanding and hearing these stories moves me the most in wine.

What do you really wish you understood about wine?

Wine is all about learning. I don?t think we fully understand everything about wine. We can analyze and test wine to find out pH, alcohol, etc but wine is so much more than that and I think that is why it is so alluring. Great bottles can come from bad vintages and unheard of producers. Similarly, we can be disappointed with wine from great vintages and great producers. Like a  golf swing, every bottle is slightly different. It is those differences that make wine so great.

Which styles do you especially enjoy drinking?  And which do you avoid?

I love feminine, perfumed wines that have layers of fruit and complexity. Barolo, Barbaresco, Brunello and Burgundy are probably my four favourite things in wine.

How do you organize your wines?

Our life is so organized and regimented that it is good to have some chaos. With my own personal cellar, nothing is organized. It is made up of bottles that I have cellared many years ago and the greatest joys is finding a bottle that you had forgotten you put in your cellar.

In the next few months, I am splitting my cellar in two locations so that should even throw even more surprises.

What wine might people be surprised to find in your racks?

My cellar is probably 90% Italian, 5% French and 5% Australian. However, I have been collecting vintage port for twenty years. I hardly ever drink it and I don?t know why I collect it. Maybe deep down, I know my kid?s grandchildren may one day open a bottle of port that was made 100 years ago. Other than that, I really don?t know why I collect a wine I rarely drink.

What?s the best wine you?ve ever received as a gift?

I think the best wine I have received as a gift really hasn?t been about the wine. Some bottles given to me from friends who have treasured these bottles and then passed away make you remember and reminisce about all the great times you have had with them. It might not be the best wine I have received to drink, but it is one of the best wine gifts you can receive.

How have your drinking tastes changed over time?

That is a hard one. I have spent most of my life around wine. The wine I love today is still the wine I loved when I was 25. Maybe it is the connection we have to Italy through family that has meant why my tastes haven?t changed a lot over time. What I can?t drink today (and could rarely drink when I was young) was big, alcoholic wines that taste of sugar rather than a sense of place.

Disappointing, overrated, just not good: What wine did you feel as if you were supposed to like, and didn?t? Do you remember the last wine you set aside without finishing?

Gamay! In theory I like it, but more often than not the palate profile and structure doesn?t do it for me. Wine is so personal. Some of my friends who I respect absolutely love Gamay. Just not for me.

What wine do you think everyone should try?

Old bottles that take you back to a different era. I love history. Drinking wines made during the war years with no refrigeration, temperature control and under circumstances we can?t even imagine make you realize just how lucky we are today.

You?re organizing a dinner party. Which three people from the wine world, dead or alive, do you invite?

It would be a female affair. I have two daughters who are free thinkers.  I know if they decided to go into the wine industry, they would make sure that equality in the wine industry should be a given. The three people at the dinner party would be three females who have led the way in my time.

  • Gaia Gaja
  • Chiara Pepe
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[08/08/2021, 16:53] On photography, personal passion and a significant occurrence


T
his past week I?ve been out of pocket at a photography workshop retreat in northern Wisconsin bordering Lake Superior. The weather was cooler than it was in Texas, but warmer than normal (for Wisconsin). But I wasn?t there for the climate.

What brought me there was the teacher, Keith Carter, who I?ve followed for years. Keith is an educator and a damn good one. He definitely pulled me out of my comfort zone/rabbit hole. I am re-energized and ready for more photographic forays.

What really impacted me in the past week was to be around a core of people who were pursuing their passion. Whether for work or for pleasure, everyone was there to strike a match and burn their bushes. It was my Burning Man. I loved it. 

Personally, I?ve been passionate about photography and a whole lot of other things in my seven decades. I?m healthy and very lucky. And I?m grateful to be able to continue to dig into the creative process.

It was that way when I was in the wine trade. It was that way because I did not want to compromise. It sometimes got me into hot water in the corporate world, but I didn?t drown. Sometimes it got a little warm, but I could jump or pivot or just wait the bastards out until they got bored and moved on to other prey. I am not a good meal for a predator ? too many bones.

I?m getting further and further from the wine world, which makes writing a wine blog a precarious pastime. Wine has receded from my immediate foreground, much like I have from the wine world. It seems very symmetrical in that way. Photography is coming closer into focus again. There is work to be done.


Work. An odd word for someone who left the work force. You know, when I was in grade school, the nuns (and the priests) really banged into our skulls the idea of vocation and avocation. They were probably trying to enlist young souls into their orders (no doubt), with regards to the vocation thing. I thought long and hard about it. I was also intrigued over the years about the whole avocation thing. Far from its definition (some synonyms include: diversion, a kick, an amusement, a sideline, and my favorite ? schtick!). Now avocation seems more like the next stage in one?s livelihood (when I say that word, I intend it to mean how one supports one?s existence, but not in a commercial or monetary way).

Funny, because I was never really interested in the whole commercial livelihood thing anyway. I found something I liked to do and I did it. Along with being a dad, a photographer, and all the other things I am and do (and was and did). I?m still pretty closely aligned to the person I?ve always been. Only in the present stage I have more (and less) time to focus on particular things. For me, photography is one of those things at the top of the list.

All this to say when one taps into their personal passion, it can be an amazing ride of a lifetime. I see it in others, in myself and in the last week, I was doused liberally with it. Like I said earlier, I am enlivened.


Which might be a good time to be so. I recently passed a milestone recurrence in regards to my nascency. It seemed like a big one to me. I don?t feel much different in some ways. But there it came and went. And it gave me pause to think a little, to reflect a little more and then as Professore Carter said to us, to ?do the work.?

So, there you have it. I?m sure I?ll still post subsequent missives about wine, but like I said in December of last year, this blog isn?t justabout wine anymore.

And as we all found out at the workshop last week, I guess we?ll just have to see.


 

 

written and photographed by Alfonso Cevola limited rights reserved On the Wine Trail in Italy

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[07/03/2021, 12:07] La situ a Ponente, nel senso della Riviera

Il mese appena trascorso ha visto un bel po' di assaggi che riguardano la prossima Guida essenziale ai vini d'Italia di Daniele Cernilli, per la quale curo la Liguria. Con l'occasione una mini trasferta di due giorni a Dolceacqua ? stata utile per ripassare la lezione: che aria tira a Ponente? Ecco un riassunto per sommi capi.

Terre Bianche
Succede che il Rossese di Dolceacqua 2020 by Filippo Rondelli coincide col 150? anniversario della fondazione aziendale. In questa annata l'azienda non ha prodotto le vigne singole, quelle che si chiamano Menzioni Geografiche Aggiuntive, e le uve sono tutte confluite nel Rossese classico - mai dire base, prendete nota, Rossese base ? una parolaccia e da quelle parti vi cacceranno via dalla cantina col fucile caricato a sale. Il Dolceaqua 2020, dicevamo: saranno le uve delle MGA che sono comprese nel blend, sar? che a Terre Bianche dopo centocinquant'anni hanno affinato qualche tipo di abilit? a fare vino, ma quel Rossese ? una bomba a tempo: nel senso che gi? adesso ? esplosivo, ma con due-tre anni di affinamento far? il botto. Quanto al loro Pigato 2020, sempre un bel lavorino, solito trionfo di erbe aromatiche e citrino il giusto. La verit? ? che Terre Bianche ? una specie di sicurezza, quass?.
(Di Terre Bianche in enoteca vendo il Rossese di Dolceacqua, sui venti euro)


Un vigneto e la cantina da Terre Bianche

Maccario Dringenberg
? interessante notare che per un Terre Bianche che stavolta non produce MGA, c'? una Giovanna Maccario che ha letteralmente il culto della sottozona, arrivando a produrre un numero consistente di Menzioni Geografiche Aggiuntive, ognuna col suo bel perch?: chi ha ragione? Boh, per me tutti e due. A me piace, in Maccario, questa attenzione al genius loci, vabb? scusate il latino - era per dire: attenzione al particolare. Ogni MGA ha il suo caratterino definito, la sua dettagliata bellezza. Comunque, i 2019 di Luvaira, Curli, Posa? Biamonti (che ? una sotto-sottozona di Posa?, ecco ve l'avevo detto) sono semplicemente commoventi, sono quintessenziali per capire cosa sia Dolceacqua oggi: finezza, bellezza, eleganza, facilit? di beva e complessit? stratificata messi assieme. Il Rossese Classico 2020, molto promettente, era ancora nella botte d'acciaio (solo acciaio per i Dolceacqua di Maccario). A proposito: visitare la (piccola, ovviamente) cantina di Giovanna, nel borgo di San Biagio della Cima, vale il prezzo del biglietto di andata, ritorno, e pure soggiorno.


Gli assaggi da Maccario


Un angolo della cantina di Maccario


Giovanna in cantina


La botte che contiene 7 Cammini, la nuova MGA di Maccario

Ka' Mancin?
A me i vini di Maurizio Anfosso fanno impazzire: sempre un po' ruvidi, riottosi, si concedono poco e si aprono piano, poi dagli quel po' di tempo e te ne innamori. Esiste qualcosa di pi? ligustico, nel senso di territoriale, ligure, di questo? A partire dal suo bianco, il Tabaka 2020, che nel bicchiere spande un effluvio che il bravo assaggiatore creativo descrive cos?: belin che sei salito a fare fin qua su? Ma tornatene in spiaggia. E invece, se lo fai respirare - esattamente come il suo rosato - si diventa amiconi. Il Dolceacqua Galeae 2020 poi ? uno dei migliori mai assaggiati, bel lavoro davvero. Se pianificate una visita in cantina, questa ? un'altra destinazione per la quale dovete controllare bene, prima di partire, freno frizione e gomme dell'auto. Che s?, la scalata ? lunga e ripida, sopra Soldano.


Gli Assaggi da K? Mancin?


La vista da Soldano


Una parte della cantina di K? Mancin?

Testalonga Perrino
Antonio Testalonga Perrino la tocca piano, dice sottovoce: io ormai ho sessanta vendemmie alle spalle. Questo signore, che per sessant'anni ha prodotto Rossese, ora affiancato da Erica, sua nipote, ? un'icona vivente a Dolceacqua. Al netto del fatto che i suoi vini sono alquanto introvabili, prodotti in misura davvero omeopatica, vi segnalo che il 2020 assaggiato in botte, nella micro cantina aziendale, si annuncia grandioso. Vi suggerirei l'acquisto compulsivo - a trovarlo. Particolarmente rilevante il suo bianco a base vermentino, se fossi uno di quei giovinastri che bevono vini naturali vi direi che ? orange ma siccome sono una persona di una certa vi dico solo che ? una pietra miliare di carattere e rocciosit?. Delle delizie del Rossese 2019 non vorrei parlarne troppo, ne ho comprato una dose ridicola per l'enoteca e sta gi? finendo, lasciate perdere, bevete altro, va bene?


Alcuni assaggi


Le botti col Dolceacqua 2020 in affinamento


Vecchie etichette


Il signor Perrino racconta


La targa sulla porta della cantina

Extra bonus: Daniele Ronco
A Ranzo c'? questo giovine promettente. E a Ranzo che vuoi produrre? Ma Pigato, ovviamente, e pure un po' di Granaccia. Due ettari di vigna solamente, i latifondi in Liguria sono cos?. Assaggio ben tre annate di Pigato, '20 '19 e '18, tutte encomiabili (la mia preferita ? la 2019 adesso) e pure la Granaccia, da un vigneto alto, a 500 metri, ? tesa ed elegante, niente affatto seduta sul fruttone. Dario produce in proprio da poco, la sua famiglia fa uve da anni e annorum ma ha sempre conferito ad altre cantine. Le premesse e le promesse, dicevo, sono buone con tendenza all'ottimo.
(Di Daniele in enoteca vendo le ultime due annate di Pigato, sui sedici euri, e la Granaccia che sta a venti)


Assaggi da Daniele Ronco, Pigato di 3 annate e Granaccia


Il Borgo sopra Ranzo che porta alla cantina di Daniele


Daniele nel vigneto
TrackBack
[05/24/2021, 05:04] Vineria Enoteca Fuoriporta ? Patron Luca Bandirali Chef Delfina Piana ? Crema (CR)

L?enoteca vineria FUORIPORTA si contraddistingue per la proposta di un men? che non prevede il classico antipasto, primi, secondi e dolce ma l’opportunit? di scegliere qualsiasi tipologia di piatto senza condizionamenti.?Anche un palato poco esperto sarebbe in grado di riconoscere le materie prime di alta qualit? ed artigianali scelte per la preparazione dei piatti, unite al bagaglio esperienziale trentennale.

Esperienza riportata soprattutto nella narrazione delle etichette non convenzionali che vengono selezionate e ricercate dai sommelier Luca e Michele, rispettose dell?ambiente e in linea con la tradizione del territorio. Ogni bottiglia a calice ? pensata per un connubio perfetto con i piatti della chef Delfina.

Si tratta di un luogo di charme in cui concedersi una cena, un aperitivo o un dopocena in un ambiente pieno d’atmosfera e gusto nel delizioso centro storico di Crema, in cui noi non vediamo gi? l’ora di tornare!

La squadra

Lo staff di cucina

Chef DELFINA PIANA
Sous chef ALBERTO CARRELLI, KHMIL YULIYA

Lo staff di sala

Sommelier e patron LUCA BANDIRALI
Sommelier di sala MICHELE SCORSETTI
Responsabile accoglienza MARCO NODARI

La brigata di Cucina.

Il meraviglioso dehor.

A spasso in cantina…

Riportiamo, come sempre, il men? degustazione e quello alla carta.

Il Men? “In mezzo al tavolo”

Prosciutto di tonno tonnato, capperi di Salina e perle di yuzu ? 18,00
Culatello di Zibello Bre de Gallo e giardiniera ? 22,00
Guazzetto di calamari e moscardini al prezzemolo con pagnotta di lievito madre ? 16,00
Bloc di foie gras d?oca con pan brioche e confettura d?arancia ? 18,00
Crostone ai grani antichi con rag? di Delfina di carne fassona piemontese ? 12,00
Croissant sfogliati farciti con code di gamberi alla piastra, salsa rosa e gocce di tabasco ? 18,00
Focaccia romana con verdure al forno, Testun d?alpeggio e roastbeef di Black Angus ? 14,00

Menu alla carta

Crudo di ricciola e gamberi rossi di Mazara con macedonia di frutta e verdura e perle di soia ? 22,00
Battuta di Fassona a pois con salse, capperi, acciughe e sottiletta di toma Piemontese ? 16,00
Fusilloni di Gragnano con rag? di Black cod alla crema di basilico, zucchine e pinoli tostati ? 17,00
Spaghetti di Gragnano Pastificio dei Campi, con pesto di pistacchi di Bronte, anelli e ciuffi di calamaretti e lime ? 17,00
Fagottini di pasta all?uovo agli asparagi, raspa d?oro, guanciale croccante e gocce di balsamico ? 16,00
Scaloppa di foie gras d?oca con mele stufate, perle e zeste di limone ? 20,00
Polpo in padella con crema di patate, porri, zafferano e polvere di capperi di Pantelleria ? 20,00
Oasi di pesce al vapore su crepes alle erbe con salsa di mango e misticanza ? 22,00
Costolette d?agnello del Galles scottate al rosmarino con ratatouille ai profumi dell?orto e senape di Dijon ? 22,00
Petto e coscia di quaglia al foie gras con germogli, fiori e mirtilli ? 22,00
Plateau di formaggi selezione Fuoriporta in abbinamento a mostarde e confetture ? 16,00

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

La Chef Delfina!

Apertivooooo!

Iniziamo con un calice di Slovacchia Traja Boxeri Slobodne Vinarstvo

Un 100% Sauvignon biodinamico, che passa 7 giorni a contatto con le bucce, caratterizzato da fermentazione spontanea e affinamento in uova di cemento, nessuna chiarifica n? filtrazione. Nel complesso si presenta incredibilmente erbaceo e sapido, con sentori di scorze di pomelo verde e cardamomo.

Tipologia pane: grissini stirati artigianali, pane di lievito madre ai cereali accompagnato con il burro Alpi con acciughe del cantabrico Nardin e pan brioche alle erbette.

Piattoooo!

Cream Tart con caprino alle erbe aromatiche, salmone scozzese affumicato e pomodori secchi.

Sbirciamo” in cucina…

Battuta di fassona a pois con salse e “sottiletta” di toma Piemontese.

Proseguiamo ora con: Croissant sfogliati ai cereali e sale Maldon, farciti con code di gamberi alla piastra e salsa rosa con gocce di tabasco.

Ma siamo solo agli antipasti…

Per il prossimo abbinamento optiamo per Saumur AOC “Bulles de Roche” Domaine des Roches Neuves (Chenin M.C.)

Spumante espressivo e minerale che nasce e cresce a Saumur, nella Loira, ottenuto da un blend di Chenin Blanc, 95% presente, e Cabernet Franc, 5%. Alla vista si presenta con un colore giallo intenso. Il profumo richiama le note agrumate di pompelmo e limone, su uno sfondo piacevolmente floreale di fiori di campo ed erbe aromatiche. Il sorso ? sapido e fresco, elegante e minerale. Chiude con grande finezza ed eleganza.

Che si sposa perfettamente con il coloratissimo Mosaico di crudo di gamberi rossi di Mazara, capasanta e salmone Up Stream, con macedonia di frutta e verdura profumata all’aneto.

A seguire Vellutata di burrata sfumata allo champagne, con capesante e bollicine di yuzu.

Degustiamo ora Austria Burgenland wein – Gruner Veltliner

Vino Biodinamico Riesling Italico e Moscato 10%. Assume tutte le caratteristiche dall’affinamento uova di cemento.

In abbinamento con Polpo in padella con crema di patate, porri e zafferano con polvere di capperi di Pantelleria.

Assaggiamo Toscana Ampeleia Bianco.

Uvaggio Biodinamico di Malvasia, Ansonica e Trebbiano, affinamento in cemento. La breve macerazione dona il colore che tende al dorato, sapidit? e acidit? danzano insieme accompagnando il succedersi di frutta tropicale, agrumi, camomilla, rosmarino.

Patron Luca in assaggio!

Proseguiamo con i meravigliosi spaghetti di Gragnano Pastificio dei Campi con pesto di pistacchi di Bronte, anelli e ciuffi di calamaretti e lime.

A seguire Ravioli di faraona, con crema di asparagi, Bella Lodi Raspadura e gocce di balsamico.?

E ora Veneto Merloq II CEO

Biodinamico 100% Merlot, passaggio di un anno di barrique. Vino compatto e dotato di un gran corpo, il lungo affinamento aiuta a smussare le parti pi? dure che inaspettatamente tengono il vino bello dritto. Il palato scalpita e stupisce per una nota fresca molto decisa, inusuale per il varietale e un tannino medio ma ben definito. Non mancano anche note di ciliegia nera e mirtilli e un sentore erbaceo.

Nel frattempo nel backstage

Passiamo ai secondi con le deliziose costolette d’agnello del Galles scottate al rosmarino con ratatouille ai profumi dell’orto e senape di Dijon.

Stacchiamo con un calice di Sicilia Moscato della Torre Passito Marabino

Biodinamico Moscato 100%,?dolce, morbido e profumato, dai profumi intensi di agrumi e frutta candita, miele e fiori, dalle note aromatiche e minerali.

Pronti per i dessert!

Bignolata con crema pasticcera, frutti di bosco e coulis ai lamponi.

Rocher al torroncino con salsa ganache al cioccolato e polvere d’oro.

Concludiamo con caff? 100% arabica selezione Fuoriporta e Gocce di cioccolato Cluisel 63.

Un saluto a questo incredibile team!

Un GRAZIE immenso, e a prestissimo!

Cucina

Un percorso sensoriale, che gioca sul gusto e la creativit? dei piatti preparati dalla chef Delfina. Colori e appagamento dei sensi contraddistinguono i suoi piatti, costruiti con una filosofia che persegue la costante ricerca di materie prime di altissima qualit?.

Servizio e accoglienza

Gentilezza e grande disponibilit? contraddistinguono l?accoglienza e il servizio in enoteca. La carta dei vini presenta un?ampia selezione di etichette biologiche e biodinamiche valorizzando da sempre vignerons che producono in modo?sostenibile.

Affidarsi ai?consigli personalizzati e puntuali del sommelier e patron Luca Bandirali e di Michele Scorsetti ? un vero piacere, grazie alla loro trentennale?esperienza?nel settore enologico.

Conclusioni

L?enoteca e la vineria sono due realt? complementari collegate dalla grande passione e cura che tutto lo staff ci mette. L?incessante ricerca di prodotti di qualit? per il negozio ha trovato il suo sfogo naturale nella vineria, dove ? possibile assaggiarli in un ambiente accogliente. Si pu? apprezzare come ogni piatto e ogni abbinamento abbiano una precisa identit?, raccontata con tanta attenzione.

Viaggiatore Gourmet ? Viaggiare, conoscere, esserci!

Vineria Enoteca Fuoriporta

Via Matteotti 13-15, Crema 26013 CR
Sito: www.vineriafuoriporta.it
Mail: info@enotecafuoriporta.it
Tel: 037383747 – 3664326101
Aperto Gioved?-venerdi-sabato sera e domenica a pranzo

L'articolo Vineria Enoteca Fuoriporta – Patron Luca Bandirali Chef Delfina Piana – Crema (CR) proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[05/20/2021, 14:30] Grand Hotel Tremezzo ? Tremezzo (CO) ? GM Silvio Vettorello, Patron Valentina De Santis

Cinque stelle lusso, oltre?cento anni?di?storia?e una delle piu? iconiche viste sul?lago?di?Como.?Un hotel di?charme in stile Art Nuoveau?circondato da un?parco?secolare, una passeggiata?panoramica, tra un tripudio di azalee, ortensie e tulipani accoglie i suoi ospiti in ambienti dall?atmosfera unica. Ogni ambiente di questo luogo sorprendente vanta una personalit? inconfondibile, la struttura offre innumerevoli intrattenimenti e luoghi di relax, come la piscina?Water On the Water, galleggiante all?interno della spiaggia privata dell?hotel proprio in fronte allo champagne bar?T Beach, l?immancabile?T SPA di oltre 1.000 m2?con l?Infinity Pool?e una?SPA Suite?privata per una perfetta cura del corpo, attenzione al?benessere?e all?equilibrio psicofisico della persona.

E? stata pensata un?offerta ristorativa sulla base delle diverse esigenze della sua clientela: dall?informalita??tout cour ? sia essa vista lago al T Beach, nella natura del parco al?T Pizza?o all?interno del palazzo al?T Bar, per concludere con l?esclusiva?proposta?gourmet?del Ristorante?La Terrazza Marchesi, guidato da?Osvaldo Presazzi, che in carta ripropone gli intramontabili piatti del maestro?Gualtiero Marchesi con l?attenta regia di Enrico Dandolo, a celebrare una esclusiva unica al mondo.

Il Gran Hotel Tremezzo ? stato in grado di accogliere una domanda nuova includendo opportunit? che rispecchiano particolari esigenze dopo il lockdown, confermandosi uno dei tesori pi? preziosi del Lago di Como nonch? tra le strutture pi? importanti e lussuose del mondo.

L’imponente facciata dell’hotel…

L’ingresso.

La lobby?e i suoi meravigliosi dettagli.

Veniamo accolti e guidati dal fidato General Manager Silvio Vettorello.

Entriamo nella Suite Aurelia, una della collezione di camere e suite del Grand Hotel Tremezzo, ognuna con una personalit? e uno charme unici. Tutte con spettacolari viste sulle acque del lago o sulla tranquillit? del parco, le camere e le ville stupiscono con i loro interni d?epoca e i dettagli di comfort: dai balconi e terrazzi alle vasche idromassaggio.

L?area living.

La camera da letto.

Terrazza con vista sul lago.

La sala da bagno con vasca idromassaggio.

Kit di amenity firmato Aqua Como.

Un piccolo cadeaux “Con amore”.

Minibar.

Uno sguardo al rinnovato T Beach, con la sua inimitabile spiaggia che si apre al lago nei colori emblematici dell?hotel davanti al panorama mozzafiato di Bellagio.

Aperitivoo!

L?Arancione: Veuve Cliquot Rich, Arancia Fresca, Kumquat, Melone, Zenzero.

Ci viene servito:

Gamberoni con salsa guacamole cotti su piastra Onfalos e serviti con timballo di riso venere e pomodori sardi.

Tartare di gambero rosso su ratatouille di mela verde, lime e pepe rosa.

Non possiamo non provare la Birra artigianale?Aquadulza?“24 SEI” IPA e

Ci spostiamo nella terrazza del T Bar per un pranzo leggero.

Tipologia pane:

Iniziamo con un Trebbiano d’Abruzzo DOC 2016 – Emidio Pepe

Si presenta di un intenso giallo paglierino, con un bouquet di frutti gialli ed erbe aromatiche. Al palato si sviluppa su note fruttate, anticipate da grande freschezza, sapidit? e buona struttura. Chiude con grande slancio minerale, armonico e persistente.

Lo accompagnamo al salmone marinato all?aneto, con salsa dolce forte alle pere.

Proseguiamo con Penne al tartufo estivo e spinacino.

Verdure alla griglia.

Che accompagnano il Filetto di branzino, alla mediterranea.

Uno squisito T BURGER con manzo, pancetta affumicata, senape antica, cipolle di Tropea, formaggio Lariano, uova bio accompagnato da patatine fritte.

E’ il momento dei dessert!

Ci lasciamo deliziare dalla Millefoglie pistacchio e crema.

Proviamo anche la selezione “I nostri sorbetti & gelati” e Fragola con crema di latte.

Concludiamo con eleganza con biscotti secchi e

Ci spostiamo percorrendo i corridoi e il giardino in stile Art Nuoveau.

Quasi celato nei giardini del Palace, non lontano dalle acque della Piscina dei Fiori con i suoi profumi arriviamo a T Pizza.

Ci viene servito un fresco …

Pizzeeee!

Assaggiamo una meravigliosa Pizza Toscana: pomodoro, mozzarella, culatello e pecorino di fossa.

Calzone classico ripieno di pomodoro e mozzarella.

Pugliese: Pomodoro, mozzarella, stracciatella di bufala delle Murge, pomodorini secchi, cipolla rossa e basilico.

Tornando in camera ci attende una piacevole sorpresa

Usciamo per una passeggiata panoramica immersi nel parco?secolare?di 20.000 m2, tra azalee, ortensie e tulipani.

Arriviamo nella T SPA, che propone i trattamenti di una delle pi? esclusive e ricercate linee di bellezza al mondo, l’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella.

Mosaico Studio, glamour come l?et? dell?oro di Hollywood, con i suoi servizi di manicure e parrucchiere, ha la capacit? di farvi sentire come una star del cinema.

Visitiamo ora la?Heat Experience che in stile contemporaneo offre la millenaria tradizione del benessere derivante dal calore a diverse temperature.

Tra le varie offerte potrete godere del bagno turco, bagno mediterraneo, sauna vista lago, docce emozionali, la fontana di ghiaccio e l?area relax rivestita in onice.

Passando da un ambiente all?altro e da un?esperienza all?altra, corpo e mente prenderanno consapevolezza dei diversi e complementari effetti benefici del calore regalandovi una sensazione di benessere totale.

Dopo un piacevolissimo pomeriggio nella T SPA, ? il momento dell’aperitivo al T Bar!

Drink in arrivo!!

Ci viene servito:

Ci spostiamo dunque nella Terrazza Gualtiero Marchesi,?il?ristorante dedicato all?eredit? del grande Gualtiero Marchesi, l?unico ristorante al mondo in grado di riproporre nel rispetto del suo stile i suoi piatti iconici, oltre a proporre nuove creazioni ispirate alla sua filosofia unica.

Una sbirciatina nel regno dello chef Osvaldo Presazzi.

Arte in corso!

Facciamo una chiacchiera con Enrico Dandolo.

La magia di una delle pi? belle terrazze affacciate sul Lago di Como.

La struttura ha preso importanti provvedimenti per garantire ai clienti la massima sicurezza, ci viene infatti consegnato il menu in una busta.

Iniziamo con un importante Trebbiano d?Abruzzo DOC ?Valentini? 2016 – Valentini

Nel calice si presenta con un ammaliante giallo carico che vira verso il dorato. Il naso ? un tripudio?di fiori bianchi, tra cui emerge la ginestra, di caff??e frutta a polpa bianca. Il sorso ? magistrale, stupisce per come abbraccia freschezza e sapidit?. Lunghissimo ed indimenticabile, ? una bottiglia che in ogni sua annata mostra bellezza e sfumature differenti.

In abbinamento

Il clamoroso Dripping di pesce, tributo a Jackson Pollock.

Un signature di Marchesi che si ispira alla tecnica di Pollock dello sgocciolamento del colore: fondo di maionese leggera, il bianco dei calamaretti e delle vongole, accanto al rosso della passata di pomodoro, al nero, ottenuto unendo alla maionese il nero di seppia e al verde della maionese alla clorofilla di prezzemolo.

A seguire capesante, riesling e pepe rosa,?un antipasto elegante e goloso col contrappunto acido dato dalla salsa di vino e burro.

Tipologia di pane: bocconcino con farina di mais, bocconcino alle olive taggiasche, sfilatino al pomodoro fresco e secco, pane libro, grissini di mais stirati a mano, cracker al Parmigiano.

E’ il momento dell’incredibile raviolo aperto, una ricetta rivoluzionaria?che punta a separare e scomporre gli ingredienti, per permettere una degustazione nel rigoroso rispetto delle caratteristiche organolettiche di ciascuno.

Riso, oro e zafferano, l’icona della prima alta cucina italiana. Semplice, eppure cos? efficace.

Proseguiamo con l’achrome di branzino, tributo a Piero Manzoni.

Astice arrosto, salsa al limoncino, piccole verdure.

?Bouquet di vegetali scottati con salsa di pomodoro.

Filetto di vitello alla Rossini, preparazione classica che Marchesi rilegge con pochi ma essenziali tocchi personali per completare l’armonia dei sapori nel segno della leggerezza.

Il rosso e il nero, tributo a Lucio Fontana.

Il momento dei dessert!

Iniziamo con la Sacher Marchesi.

Souffl? al frutto della passione con salsa al cioccolato (20 minuti).

Zabaione freddo al Marsala, spaghetti di riso fritti. Omaggio a Salvatore Sava.

Lo chef viene a salutarci…

Coppa ai frutti rossi, gelato alla vaniglia e salsa ai lamponi.

Non poteva mancare il Millefoglie di ovis mollis, crema al mascarpone e frutti di bosco.

Caff? e piccola pasticceria.

Colazione in camera!

Un GRANDE GRAZIE e…a presto!

Cucina

Una cucina innervata dalla competenza lungimirante del maestro Gualtiero Marchesi garantisce eleganza declinata con gusto e tecnica ammirevole. Piatti perfettamente eseguiti, cotture inappuntabili e materie prime che celebrano la grandezza del luogo che rappresentano. Una filosofia che trova spazio anche nelle diverse proposte della struttura, rimodellate con originalit? ed eleganza. Cinque locali per cinque occasioni differenti, l?incontro fra classico e moderno, sperimentale e creativo che non finiscono di stupire e piacere.

Servizio ed accoglienza

Un esempio di professionalit?, passione, esperienza firmata dalla famiglia De Santis. Tanta capacit? e bravura degne di innumerevoli note di merito conquistate negli anni, grazie alle importanti attenzioni ai dettagli, all?amore trasmesso a tutti i dipendenti, poco meno di 100 persone, distribuite tra hotel, SPA, parco e ristoranti. L?orgoglio per la missione che ciascuno compie ogni giorno ? ben visibile e garantisce un?esperienza esclusiva ai massimi livelli. Un VERO cinque stelle!

Conclusioni

Nello storico palazzo si rivive tutto lo splendore della Belle ?poque, che riporta il cliente all?esuberanza di un?epoca dorata. I dettagli creati per soddisfare la loro instancabile ricerca del piacere continua a splendere negli anni, mantenendosi tra le vette dell?accoglienza italiana, reinventandosi e riproponendosi con lo scorrere del tempo senza mai rinnegare la sua forte identit?.

 

Viaggiatore Gourmet

Grand Hotel Tremezzo
22016 Tremezzo (CO)
Via Provinciale Regina, 8
Tel. (+39)?0344 42491
E-mail:?info@grandhoteltremezzo.com
Sito internet:?www.grandhoteltremezzo.com

Ristorante La Terrazza
Aperto a cena tutti i giorni
Email:?concierge@grandhoteltremezzo.com

L'articolo Grand Hotel Tremezzo – Tremezzo (CO) – GM Silvio Vettorello, Patron Valentina De Santis proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[05/11/2021, 09:02] La Brinca ? Ne (GE) ? Famiglia Circella

La Brinca?propone i piatti di terra della tradizione contadina della Liguria di Levante, legata ai prodotti locali e alle stagioni. Immersa nel verde, La Brinca ? una casa coloniale diventata nel giro di 30 anni una delle migliori trattorie non solo della Liguria, ma di tutta Italia. A capo del locale troviamo la famiglia Circella: genitori e figli che uniscono passione e tempo, mettendo in campo una grande energia e tanto cuore, passione e dedizione. Basta essere accolti per comprendere l?atmosfera del ristorante, i piatti poi parlano da s?. Si tratta di una cucina locale, stagionale, generosa e golosa, e grazie ai giovani di casa?Simone?e?Matteo, si va oltre un piatto di pasta ripiena o un secondo di carne.

Eccellente anche la cantina dei vini, oltre 1000 etichette, scelti sempre alla perfezione e con cura per gli abbinamenti.

La squadra

Lo staff di cucina

Chef: Simone Circella
Coproprietario/Preparazioni: Roberto Circella
Aiuto cucina: Stefano Circella
Coproprietaria/Pastry chef: Pierangela Ghidini

Lo staff di sala

Coproprietario/sommelier: Sergio Circella
Sommelier: Matteo Circella

L’ingresso….

Riportiamo, come sempre, il men? degustazione e quello alla carta.

Il Men? degustazione Tradizionale

Antipasti della nostra Campagna
Gnocchetti di Castagna al Pesto di mortaio, Prescinseua e Verdure
Ravioli di erbette cu Tuccu di Cabannina
Cima di Faraona ripiena alle Erbe e Castagne
Budino di Zucca nostrana, Prescinseua e Ricotta dell?Aveto
Il Brinchetto
Sorbetto di Frutta fatto da noi
Assaggio di 3 Formaggi locali

? 38,00 bevande escluse
? 50,00 con 3 vini in abbinamento a bicchiere selezionati

Il Men? alla carta

Antipasti tradizionali dell?Entroterra del Tigullio

Antipasti della nostra Campagna ? 14,00
Salumi misti selezionati da noi con assaggio di Giardiniera di nostra produzione ? 15,00
u Brandacujun?? 15,00
C?niggiu Magro ? 15,00
La nostra Giardiniera ? 10,00
Testaieu o Frisciulla al Pesto di mortaio ? 5,00

La Pasta, impastata e fatta a mano

Ravioli di Erbette cu Tuccu di Cabannina ? 14,00
Gnocchetti di Patate locali al Pesto di mortaio e Verdure ? 14,00
Prescinseua e Verdure ? 14,00
Corzetti (o Croxetti) di farina rustica con i Funghi e le Noci al nero di Trombette ? 14,00
Ravioloni di Erbette e Sarazzu con salsa di Nocciole Misto Chiavari ? 14,00
Lattughe ripiene in Brodo ? 15,00

Secondi Piatti

Torta Lavagnexe ? 16,00
Tomaxelle ? 16,00
Punta di Vitello al forno a legna alle bacche di Ginepro ? 17,00
Coppa di Maialetto all?Alloro a lentissima cottura ? 16,00
Cinghiale in casseruola ai gusti alla Ligure ? 17,00
Fritto misto alla Genovese ? 18,00

Il Magro

Budino di Zucca nostrana, Prescinseua e Ricotta dell?Aveto ? 16,00
Formaggi Locali con Confettura di Cipolla Rossa di Zerli (o Genovese) fatta da noi ? 15,00

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

Iniziamo con uno splendido aperitivo!

Assaggio di benvenuto: polpette di bollito con confettura di cipolla Rossa di Zerli.

In abbinamento a?Brutsprinstin 2015 – Vittorio Graziano, Castelvetro di Modena

Bollicina fine e solleticante, fresca e salina, con piacevoli sentori di frutta bianca, limone e pompelmo, menta balsamica ed eucalipto. Al palato immediatezza e scorrevolezza distinguono il sorso, bel corpo sinuoso e retrogusto amarognolo che stimola la beva.

Tipologia pane: focaccia Genovese all’olio e focaccetta di lievito madre. Grissini artigianali del forno locale Curotto di Lavagna in abbinamento a Olio extra vergine di oliva Riviera Ligure di Levante dop La Favola della Mignola, Lavagna.

Proseguiamo con U Brandacujun.

Testaieu di farina locale al pesto di mortaio.

Abbinato a?Raixe Bianco 2019 – Giorgia Grande

Bianco frutto di una microproduzione proveniente dalla Val di Vara, ? il classico uvaggio delle Cinque Terre (Bosco, Vermentino e Albarola) in una versione succosa e sapida, che si dipana tra richiami alla macchia mediterranea, frutta esotica e refoli salmastri.

C?niggiu Magro.

Corzetti di farina integrale con i funghi e le noci al nero di funghi trombette.

Accompagnato con un calice di Dettori Bianco 2018 – Alessandro Dettori

Un vino di grande solarit?, appaga il palato, inebria il naso e persiste in un finale lunghissimo, sapido, ampio, prospettico.

E un calice di Romorantin 2018 – Brendan Tracy, Loira

Proseguiamo con i Ravioloni di erbette e sarazzu con salsa di Nocciole Misto Chiavari.

Che si sposa piacevolmente con Un Bianco (Cimixa) 2017 – La Felce

Al colore si presenta ambrato luminoso. Il naso ? un susseguirsi di profumi piacevoli, fini ed eleganti, dall’uva spina appassita, passa e sotto spirito, fico secco, mela cotta al forno, fiore di castagno, sentori speziati di pepe bianco, susina e miele. Al palato si apre con una piacevole sensazione tattile di tannino, complessa, ma fine. La beva ? secca, calda, abbastanza morbida. Persistenza media, equilibrato, chiusura amaricante, netta, decisa.

Ed ora il momento delle avvolgenti e rassicuranti Lattughe ripiene in brodo.

Budino di Verdure e ricotta dell’Aveto.

Si tratta di un semplice flan di verdure di stagione, con la zucca trombetta e ricotta locale. Accompagnato con; carciofi, cavolo ripieno, fagiolane in salsa, sancrau ovvero il cavolo rosso cotto in aceto e di guarnizione foglie e fiori che vengono coltivati e raccolti negli orti della Brinca.

Assaggiamo ora la Torta Lavagneixe!

Ribes nero biologico dell’Aveto nel suo sugo con sorbetto di limone.

Torta soffice di castagne con il suo gelato.

Ciliegie cotte nel vino con gelato di crema.

Torta di ricotta e Nocciole Misto Chiavari.

Le etichette che abbiamo degustato!

Scendiamo a visitare la cantina!

Un saluto al team che ci ha coccolati!

Un GRANDE grazie e…a presto!

Cucina

La Brinca?vuol dire tradizione, chi vuole assaporare i piatti tipici della memoria ligure qui va sul sicuro. Simone?sforna prelibatezze della tradizione e nuove creazioni tutte da scoprire, lasciatevi trasportare e affidatevi alle sue sapienti mani.

Servizio e accoglienza

Pap??Sergio affianca Matteo?in sala, insieme compongono un duo esperto della zona circostante, dal cibo al vino. La carta dei vini presenta oltre mille etichette, con grande attenzione alla Liguria, carta degli oli extravergine?d’oliva e pi? di 300 referenze tra i distillati.

Conclusioni

Un locale che offre la Liguria con passione e tanta cura, anche dopo l?emergenza sanitaria si sono rimboccati le maniche facendo nascere un efficientissimo?e-commerce, raddoppiando anche l?orto adiacente alla trattoria. Ci sentiamo di consigliare La Brinca per il grande cuore e le attenzioni che ogni Viaggiatore Gourmet merita.

 

Viaggiatore Gourmet ? Viaggiare, conoscere, esserci!

Trattoria “La Brinca”?
Indirizzo: Via Campo di Ne, 58 16040 – Ne (GE)
Telefono: +39.0185.337480
Email:?labrinca@labrinca.it
Prenotazione necessaria
Giorno di chiusura: Luned?
Aperto a pranzo solo il Sabato, la Domenica e Festivi

L'articolo La Brinca ? Ne (GE) ? Famiglia Circella proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[05/01/2021, 08:18] Ristorante Il GrecAle ? La Morra (CN) ? Patron/Chef Alessandro Neri

Siamo tornati a fare visita ad?Alessandro Neri,?chef patron di indiscutibile talento, nel nuovo indirizzo del suo?Il GrecAle, affacciato su uno dei cru pi? significativi del Barolo, dove ? possibile farsi coccolare godendo dell?immancabile?vista sul paesaggio. Il cambio di location non ha distolto Alessandro dalla sua continua voglia di affiancare alle tipiche ricette del territorio una fresca e mediterranea nota di mare. La sua cucina, infatti, esprime un profondo legame con il territorio, le materie prime scelte sono un perfetto mix di mare e di tradizione langarola estremamente equilibrato ed elegante.

Il ristorante ? affiancato dal giardino delle erbe aromatiche e da due terrazze panoramiche imperdibili, la struttura ? anche dotata di 4 camere Superior con terrazzi affacciati sui vigneti Patrimonio Unesco di La Morra, in cui coltivano e producono la DOC Verduno Pelaverga in tiratura limitata.

Archivio storico reportage:
->?Reportage del 12 Settembre 2011
->?Meeting del 28 Novembre 2011
->?Meeting del 30 Giugno 2012
->?Reportage del 1? Dicembre 2012
->?Reportage del 19 Dicembre 2017
-> Reportage del 21 Ottobre 2019

La squadra

Lo staff di cucina

Chef/Patron:?Alessandro Neri
Sous chef: Francesco Benedetto, Matteo Graglia

Lo staff di sala

Ma?tre/sommelier:?Elisa Migliassi
Sommelier: Ilaria Bergia

L’ingresso…

Riportiamo, come sempre, il men? degustazione e quello alla carta.

MENU? DEL GIORNO
Richiede la partecipazione di tutto il tavolo

4 piatti di Ale ? 40
6 piatti di Ale ? 70
8 piatti di Ale ? 85

LA DISPENSA

Chiocciole Paolo Bove x Il GrecAle 200g ? 22
Acciughe San Filippo 70g ? 20
Sardine n. 31 La Br?jula 125g ? 10
Ventresca pinna gialla La Br?jula 120g ? 12
Sgombro Conserverie Courtin 185g ? 12
Cannolicchi di Salvora 120g ? 30
Uova di riccio Conservas Cambadas 80g ? 35
Caviale Tradition Royal Calvisius 30g ? 90
Salame Cresponetto di Varzi 3/hg
Prosciutto di vaca vieja 5,5/hg

IL PIEMONTE

Battuta di Fassona, carciofi e Grana ? 15
Vitello tonnato cotto al punto rosa ? 15
Ravioli del plin, burro montato e salvia ? 15
Tajarin 40 rossi d?uovo al rag? di salsiccia ? 15
Guancia al Barolo e soffice di patate ? 15
Tomahawk di sanato al bbq, patate di montagna ? 25

IL CRUDO

Tartare di ricciola ? 25
Tartare di tonno ? 20
Tartare di palamita ? 16
Ostrica Fine de Claire ? 3
King Crab al vapore ? 40
Scampo Mar Ligure ? 6
8 Gamberi rosa Mar Ligure ? 6
Gambero viola S. Margherita Ligure ? 4

IL DESSERT

Vizi e Capricci ? 10
Palermo ? La Morra coast to coast ? 10
Tortino al cioccolato e gelato al mandarino ? 10
Monte bianco ? 10

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

La splendida e suggestiva vista su La Morra, nel mezzo dei vigneti del Barolo.

Entriamo a salutare in cucina!

Aperitivo con vista…

Tipologia degli stuzzichini: chiocciole al verde di Paolo Bove Selezione Il GrecAle, Salsiccia di Bra, Gamberi impanati nelle nocciole, Arancino di paella, Chips di patate e acciuga cantatrice, Blinis con salmone sockeye, Crystal bread e insalata russa tradizionale, Brioches ripiena di Bettelmatt, Cestino vietnamita con rag? e spuma di bufala.

Brioches ripiena di Bettelmatt e Cestino vietnamita con rag? e spuma di bufala.

Crystal bread e insalata russa tradizionale.

Chips di patate e acciuga cantatrice e Blinis con salmone sockeye.

Gamberi impanati nelle nocciole.

Arancino di paella.

Salsiccia di Bra.

Chiocciole al verde di Paolo Bove Selezione Il GrecAle.

Ci accomodiamo dentro per proseguire con il nostro pranzo…

Iniziamo con un calice di Colli Martani Grechetto “Grecante” 2019Arnaldo Caprai

Giallo paglierino intenso, si esprime al naso con intensi sentori di frutta esotica e pesca gialla accompagnati da note floreali di fresia e biancospino. Al palato ? pieno, fresco, piacevolissimo. Di grande persistenza.

Tipologia pane: pane integrale fatto in casa, pane di semola fatto in casa, focaccia nell’impasto della pala romana fatta in casa, grissini al rosmarino fatti in casa.

Uno splendido inizio con il Crudo del GrecAlegamberi viola di S.Margherita, Gamberi rosa e scampi Mar Ligure, Salmone Sockeye canadese, ostrica fine De Claire nr. 2 Marennes Oleron.

Battuta di Fassona, grana, carciofi d’Albenga e tartufo nero scorzone.

Frittella di rossetti, insalata di finocchi e arance.

Vitello tonnato della tradizione.

Brandacujun, carciofi e tartufo nero scorzone.

Cipolla ripiena di Bettelmatt, salsiccia di Bra e tartufo nero scorzone.

Tentacolo di polpo alla plancha, cime di rapa e crema di ceci.

Tataki di tonno e giardiniera piemontese.

Accompagnato da un calice di Ella, Vino Rosato 2018 – Negretti

Di colore rosa buccia di cipolla con riflessi luminosi. Al naso ? elegante con sentori di bucce di nespole, polpa di albicocche mature con un ricordo di fragole e fiori di bosco.
Al palato mostra una solida struttura confermando sentori percepiti al naso, caratterizzato da una sottile vena acidula e sapida. Di bella immediatezza e gran bevibilit?.

Proseguiamo con Fusillo lucano al ferretto, gamberi viola, ceci e cime di rapa.

Tajarin 40 rossi d’uovo, rag? di coniglio al coltello, olive taggiache e tartufo nero scorzone.

Zuppa di pesce del GrecAle – cozze, vongole, spigola, gamberi rosa e cicale di mare.

Tacos di mais, dentice al bbq e peperoni alla menta.

Stacchiamo con un freschissimo sip di Beluga Vodka.

Ed ora….il momento dei dessert!

Ci deliziamo con una golosa Key lime pie al mango.

Cialda al cacao, gelato al cioccolato e arancia candita.

Coccole finali con Caff? Lavazza qualit? sostenibile??TIERRA! 100% Arabica e piccola pasticceria: sfogliatella alla crema pasticciera, bign? craquelin con chantilly, biscotto all’anice, bugie di Carnevale.

Concludiamo con il Passito ?Remember? 2006 – Rocche dei Manzoni

Dal colore giallo-oro intenso, deliza con il suo bouquet pieno, grasso,?di eccezionale eleganza. Con un lieve ed esaltante sentore di fiore di acacia. Il sorso risulta pieno, nobile, fermo e dal nerbo deciso.

Lo Chef Alessandro in sala (tra riflessioni e defaticante).

Un saluto ai protagonisti Alessandro e Elisa.

Grazie mille come sempre, e alla prossima!

CUCINA

Il Grecale riesce sempre a sorprendere nonostante le alte aspettative, la carta cambia periodicamente al variare delle stagioni e dell’offerta del mercato, prendendo spunto dal territorio. Alessandro riesce a portare a tavola un respiro di casa con contaminazioni lontane, sfornando ricette sapientemente studiate con abilit? e creativit?.

SERVIZIO E ACCOGLIENZA

Il nuovo ambiente ? confortevole, perfettamente curato nei dettagli, con mise en place di gusto. I piatti dello chef vengono sinergicamente accompagnati da una cantina curata con grande passione dalla ma?tre e sommelier Elisa Migliassi, in grado di aggiungere una certa dinamicit? con un servizio attento e discreto.

CONCLUSIONI

Un locale gestito con passione, in grado di soddisfare anche le richieste pi? intransigenti. Una cucina che offre oltre gli immancabili grandi classici anche ottime preparazioni a base di pesce sempre freschissimo, con un servizio attento e gentile. Il GrecAle ? una tappa che ci sentiamo sempre di consigliare.

 

Viaggiatore Gourmet ? Viaggiare, conoscere, esserci!
Il GrecAle
Borgata Muratori 90
12064?La Morra?(CN)
Tel: 0173731193-3382669092

L'articolo Ristorante Il GrecAle ? La Morra (CN) ? Patron/Chef Alessandro Neri proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/20/2021, 06:00] Galleria ALTIDO Smart Boutique ApartHotel in centro a Milano

Galleria Altido: nata nel settembre del 2019, pronta ad accogliere di nuovo i suoi ospiti viaggiatori. Nel cuore di Milano lo smart boutique aparthotel che unisce il comfort di un albergo di lusso alla sicurezza e all?autonomia di una casa. Per un soggiorno raffinato, ma indipendente.

Introduzione dei Patron Alessandro e Federica Corona.

?Spinto dall’amore per la mia citt? e dalla voglia di affacciarmi al mondo dell’hospitality, ho deciso di cogliere l?occasione unica di acquistare l’esclusivo aparthotel Galleria in centro a Milano, perfetto per accogliere business man e turisti che vogliono conoscere il capoluogo lombardo partendo proprio dal cuore della citt?: la prestigiosa Galleria Vittorio Emanuele II sulla quale si affacciano le 12 camere?, racconta Alessandro Corona, Ceo & Co-founder, insieme alla sorella Federica, di Galleria Altido.

Per noi in questo momento ? una grande sfida ma anche l?opportunit? di mettere sul mercato una formula innovativa: non siamo un hotel, non siamo un appartamento ma il connubio tra i due. Siamo in una posizione d?eccellenza che consente di raggiungere facilmente le attrazioni economiche, storico-culturali e ricreative della citt??, dichiara Alessandro Corona.

Il meraviglioso affaccio su Galleria Vittorio Emanuele II.

Galleria Altido ha una posizione privilegiata adatta per tutte le tipologie di viaggiatori:?per chi vuole sviluppare il business, per coloro che sono interessati allo shopping o per?i?turisti che desiderano conoscere la citt?.

Galleria Altido ? una sistemazione esclusiva d?eccellenza in cui il comfort di un albergo si unisce alla privacy e alla riservatezza di un appartamento per dare vita a un nuovo concetto di hospitality.

Due sono le aree lounge; la reception ? a disposizione degli ospiti dalle 10 alle 18 30 con servizio di assistenza notturna.

Galleria Altido si compone di 10 camere e 2 suite, caratterizzate da metrature che vanno dai 27 ai 42 mq: arredate con attenzione ai minimi dettagli, presentano accostamenti cromatici eleganti ? dal tortora al bronzo al blu polvere – che fanno sentire a casa, dando vita a una combinazione armonica tra classico e moderno.

In Galleria Altido ci sono servizi innovativi studiati per coniugare funzionalita? smart e hi-tech al concetto di comfort metropolitano.?Tra questi il powerbank sharing, una batteria mobile a disposizione del cliente per avere lo smartphone carico e operativo in ogni momento. All?interno di?ogni stanza ? garantita una connessione wi-fi ad alta velocit?, una cassaforte e uno smart hotel tv fino a 50??.? Il frigo bar ? gratuito e ogni camera e suite ? dotata di una coffee station fornita di caff?, t?, tisane.

Ed ora spazio come sempre, alla nostra esperienza (site inspection) una 24 ore di soggiorno presso la Galleria Suite.

Ci troviamo in pieno Centro.

A piedi ? possibile raggiungere alcuni tra i principali luoghi simbolo della citt?.?La posizione centrale ? perfetta per visitare il Duomo, la Pinacoteca di Brera, il Castello Sforzesco e il Teatro alla Scala. Alloggiare in Galleria Altido significa essere a pochi passi dal famoso quadrilatero della moda tra cui la celebre via Monte Napoleone. Inoltre molti dei ristoranti stellati della citt? e dei locali notturni pi? prestigiosi si trovano nella zona.

Attraverso l’innovativo sistema Vikey.it?

Si pu? accedere infatti alla propria camera senza chiavi n? tessere magnetiche ma con il proprio smartphone. Questo ? possibile grazie alla collaborazione con Vikey, azienda specializzata in soluzioni hardware e software per alberghi e case vacanze.

? sufficiente scaricare l?app, registrarsi e gestire l?apertura sia dell?ingresso al palazzo, sia quello alla propria camera.

Il sistema gestisce, oltre agli aspetti del check-in e del check-out, l’invio alla Questura dei documenti degli ospiti e il pagamento dei servizi di?upselling.

La comodit? di non avere chiavi/key card (da perdere) ma di poter fare tutto in semplicit? attraverso app dedicata sul proprio telefono.

Cuscini non mancano

Il vantaggio in pieno centro di poter disporre di tutti i migliori servizi in delivery a domicilio della citt?.

Si parte con un “light lunch” by Turbo Milano

Lobster Roll Special Menu
Tenero pan brioche appena sfornato, astice fresco di primissima qualit?, special salsa rosa ed erba cipollina, il tutto accompagnato da
Parmesan & Truffle Fries e dall?esclusivo Turbo Cocktail Bilquis.

Con i suoi accompagnamenti…

A proseguire…

Una merenda con Champagne Casanova, e Sandra Ciciriello 142 Restaurant.

Momento Aperitivo con i migliori cocktail di Milano, aperitivo by DRINC.

Sushi Dinner by Wicky’s

Wicky’s Innovative Japanese Cuisine a Milano

L’abituale momento “defaticante” …? Pizzata by Sav?.

Il Krug della Buonanotte.

Gran finale di serata con il miglior gelato di Milano, Gusto 17.

Buonanotte

Good Morning. La colazione inclusa nel soggiorno da Savini ci attende.

Con l?obiettivo di coccolare la propria clientela Galleria Altido offre la colazione continentale – inclusa nel prezzo della camera – presso l?elegante e storico locale Savini, situato proprio accanto all?ingresso. Lo storico bar milanese ha infatti studiato una proposta per i clienti di Galleria sin nei minimi dettagli, compresa la mise en place. Nato nel 1867 in periodo di Belle Epoque il locale divenne da subito simbolo di eleganza e salotto di importanti incontri tra uomini illustri della storia meneghina. Oggi ? possibile respirare il fascino e l?eleganza di un tempo gustando ottime colazioni e alta pasticceria.

Una sorpresa da Carlo Cracco, per gli ospiti davvero pi? esigenti (i nostri titolari VG Card) anche la possibilit? di regalarsi una colazione sontuosa direttamente in camera.

E non capita proprio tutti i giorni…

Davvero una esperienza clamorosa.

Da oggi la location ? convenzionata per i nostri associati al Club di Viaggiatore Gourmet e chiaramente inserita nella collezione delle nostre destinazioni certificate e consigliate.

Galleria Altido
Eleganti camere e suite autonome, un appartamento con i migliori servizi di un hotel a due passi da Galleria Vittorio Emanuele II e da Piazza del Duomo
Via Ugo Foscolo, 8
20121 Milano
Info e Prenotazioni: +39 0282954338

www.galleriaaltido.com
info@galleriaaltido.com

L'articolo Galleria ALTIDO Smart Boutique ApartHotel in centro a Milano proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/17/2021, 09:53] 965mo Meeting VG @ Antica Trattoria Del Gallo ? Gaggiano (MI) ? Patron Paolo Reina

Una storia antica, che affonda le sue radici nel 1870, ? quella dell?Antica Trattoria del Gallo, arrivata oggi alla sua terza generazione. Un?atmosfera radiosa, accogliente, di grande gusto soprattutto nei piatti, che hanno rapito gli Amici Gourmet in questo 965mo Meeting.

Una cucina che guarda alla tradizione lombarda lasciandosi trasportare da diversi influssi creativi, attenta alla scelta delle materie prime, di qualit? selezionate mediante la scrupolosa ricerca tra artigiani, contadini e allevatori. Una qualit? costante nel tempo, che continuiamo a riscontrare con grande piacere da diversi anni.

Altrettanto apprezzata la?carta dei vini, ampia e?strutturata, storia d?amore con il patron che apporta scelte originali?e?mai scontate.

Archivio storico reportage:

->?Reportage del 25 gennaio 2011
->?Meeting del 28 ottobre 2011
->?Meeting del 28 novembre 2012
-> Meeting del 28 ottobre 2013
-> Meeting del 13 Ottobre 2015

La squadra
Staff di cucina
Chef e Patron: Paolo Reina
Capi partita: Francesco Molisse, Mauro Radaelli, Gabriele Zacconi, Moises Vilca Castro
Pasticcera: Nicole Marcovecchio, Davide Collov?
Lavaggio: Maritza Cabreras
Staff di sala
Responsabile e sommelier: Alessandro La Cava? ?
Camerieri: Sergio Cerra, Maddalena Rossignoli, Giulia Pisano
Sala e mise en place.

Il tavolo degli Amici Gourmet.

Tipologia pane:

Aperitivo! Franciacorta Dosaggio Z?ro DOCG ?Vintage Collection? 2014 Magnum – Ca? del Bosco

In abbinamento con stuzzichini dalla cucina…

Cotechino, zucca e mostarda.

Zucca, fonduta di stracchino e castagne.

Pastrami di lingua.

Lumache, patata, terra di porcini.

Per il prossimo abbinamento degustiamo Chablis Saint Pierre 2017 – Albert Pic

Dal colore giallo paglierino, presenta una capacit? di espressione olfattiva delle tipiche note floreali e fruttate, con agrumi e pesca bianca, a seguire delicati sentori minerali ed erbacei. Il sorso presenta una buona struttura, il sui punti di forza sono la freschezza e la mineralit?.

Baccal? mantecato, polenta e tartufo nero.

Passiamo ora a “Maurizio Zanella” Sebino rosso IGT 2011 – Ca’ del bosco?

Si ottiene vinificando separatamente le uve Cabernet Sauvignon, Merlot e Cabernet Franc dei migliori vigneti di Ca? del Bosco. Di colore rosso rubino intenso, si presenta al naso con sentori complessi e concentrati, di visciola sotto spirito, ribes, pepe e liquirizia. Al palato rivela una struttura compatta, morbida ed equilibrata. Il finale e molto speziato e persistente.

In piacevole abbinamento con crema di zucca, riso nero selvaggio, mandorle croccanti.

Proseguiamo con un colorato quanto intenso nel gusto riso, erbe, aceto balsamico.

Stappiamo Colli Tortonesi Barbera DOC Bigolla 2004 – Vigneti Massa

Di colore rubino con riflessi granata, molto interessate la complessit? olfattiva: sentori floreali, fruttati e speziati. L’assaggio evidenzia una buona freschezza anche nonostante il lungo affinamento, di grande corpo e beva convincente.

E un incredibile Napa Valley Opus One?2004Opus One Winery

Si presenta di un brillante rubino scuro, al naso si possono apprezzare aromi di violetta, cedro, foglie di t? nero, pepe nero. Al palato ? morbido, cremoso e concentrato con?elementi di toffee e cacao, fruto intenso e tannini robusti che promettono resistenza e longevit?.

Si sposa molto bene con la guancia di manzo al vino rosso con purea di patate, tanto da sembrare esser pensato per questa portata.

A seguire trancio di merluzzo, passatina di ceci e cavolo nero.

Rognoncino trifolato, spinaci e sesamo.

Ravioli di vitello, burro e Parmigiano.

Ed ora…dessert!

Gelato alla crema, cioccolato fuso e croccante di mandorle.

Gli storici cannoncini alla crema della Trattoria del Gallo.

La Diplomatica di Andrea Besuschio.

Terminiamo con caff? Torrefazione Giamaica Caff? (Verona) di Gianni Frasi.

Un grande GRAZIE a tutti!

Viaggiatore Gourmet

Partner della 965ma edizione Meeting di Altissimo Ceto

Antica Trattoria del Gallo dal 1870
Via Kennedy, 1 – 20083 Milano Vigano Certosino Gaggiano (MI)
Tel.
02.9085276
Chiuso
luned? e marted?
E-mail:
?info@trattoriadelgallo.com
Sito internet:
?www.trattoriadelgallo.com

I prossimi meeting di?Altissimo Ceto:

www.altissimoceto.it/meeting-eventi/

Essere un nostro?associato?significa ricevere?inviti personali?per oltre?100 eventi?(annuali) imperdibili che organizziamo per i?nostri soci,?un ricco calendario di?eventi?settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi)?privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti i 11?tre stelle, dei 37?due stelle?e da una buona parte dei?323 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di?Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais?selezionati tra i pi? prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News ? Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By?Amici Gourmet???Network esclusivo di appassionati Gourmet.

L'articolo 965mo Meeting VG @ Antica Trattoria Del Gallo – Gaggiano (MI) – Patron Paolo Reina proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/15/2021, 11:56] VIVA ? Eataly Milano Smeraldo ? Chef Viviana Varese

Slanci ed equilibri, dedizione e passione, sostanza e colore.?? la cucina di VIVA, ? la firma di?Viviana Varese. La cucina VIVA racconta e si mescola con i ritmi milanesi, ? cosmopolita, aperta e ricca di influenze, stimoli creativi e novit?. Si nutre di arte e design, moda e innovazione, cultura e curiosit?.

Per la serie piatti CLAMOROSI, ci ha lasciato particolarmente colpiti ?NON TOGLIERE L’OSSO A MARIO?, ossobuco al barbecue con diaframma scottato, tartare di fassona, cipollotto, maionese di senape e neve all’aceto. Un piatto che quando arriva al tavolo lascia senza parole, in una sensazione sospesa tra la curiosit? e la sorpresa. Colpisce la ricchezza della presentazione, il perfetto assemblaggio, il gioco di colori, la porzione abbondante. L?assaggio ? costellato da un crescendo di sorprese appaganti, e speri non termini mai.

La Squadra

Chef: Viviana Varese

Sous Chef: Ida Brenna
Ai Dolci: Matthias Kapornyai

In Sala: Simona Ponticelli
In Cantina: Valentina Rizzi

L’ingresso

Cantina vini a vista.

Apertitivo!

Iniziamo con un calice di Franciacorta Dosaggio Zero DOCG ?Vintage Collection Noir? 2009 – Ca’ Del Bosco

Di colore dorato, con un perlage finissimo. Il ventaglio di profumi spazia da pasticceria, scorza di agrumi ed essenze floreali. Il sorso ? austero, rigoroso, dotato di un bel rigore espressivo, ottimo rapporto tra freschezza e sapidit?. Chiude con un finale di lunghissima persistenza.

In abbinamento agli sfiziosi stuzzichini di benvenuto!

Bouquet di insalata con crema di pistacchio e amaranto.

Foglia croccante con estratto di topinambur.

Finta oliva con crema di oliva fredda.

Chips pelle di baccal? e limone

Spirale di funghi porcini.

Brioche al vapore con funghi e tartufi.

Tipologia pane:

Grani antichi Senatore Cappelli,?Grissini tirati All’olio, Burro montato con polvere di agrumi.

FOGLIA: tonno rosso marinato all?aceto di ciliegia, foglie di shiso croccante e salsa di plancton e gamberi.

Passiamo alla degustazione di Etna Bianco ‘Fondo Filara’ 2019 – Cantine Nicosia

Nato da un blend di uve Carricante e Cataratto cresciute ad elevate altitudini su sabbie vulcaniche, mostra un interessante profilo varietale di note di frutta a polpa bianca e agrumi, poi aromi di fiori bianchi, frutta secca e miele. Al palato ?? elegante, si allunga con un raffinato intreccio di freschezza e mineralit?.

In abbinamento a SPUGNA DI MARE: cozze al burro nocciola acidulo, mandorle di Noto e dragoncello.

La chef in sala per completare il prossimo piatto!

MI SCIOLGO: gnocchi di patate con tuorlo d?uovo, aceto balsamico e fonduta di Caciocavallo Podolico e tartufo bianco d?Alba.

MARE CALDO: capesante, seppie e cannolicchi serviti con salsa calda ai frutti di mare.

INSUPERABILE: superspaghettino con brodo affumicato, calamari, vongole e polvere di tarallo.

Splendidamente accompagnato da ‘Spigau Crociata’ 2010 – Rocche del Gatto?

Espressione pura e autentica del Pigato ligure, chiamato in dialetto “pigau“, prodotto con lieviti indigeni e affina per almeno 12 mesi in grandi vasche d’acciaio. Al naso sprigiona un bouquet di macchia mediterranea, miele e mandorle, al palato ? caratterizzato da una struttura fresca e morbida, intensa e corposa, guidata da una gradevole vena sapido-minerale.

LA RINASCITA: risotto cacio e 7 pepi con limone d?Amalfi fermentato.

SEI IN ARROSTO: tortello ripieno di arrosto con crema di zucca, spuma di Parmigiano Reggiano, castagne e tartufo bianco d?Alba

Proseguiamo il nostro percorso con Brunello di Montalcino DOCG 2013- Le Potazzine

Di color rosso rubino carico e luminoso, si esprime al naso con un bouquet fine di frutti di bosco scuri, lavanda, fiori secchi e sottobosco, con richiami balsamici. Il sorso ? ricco, vellutato e dinamico. Piacevole spalla acida e tannica, chiude con eleganza, armonia e persistenza.

Segue NON TOGLIERE L?OSSO A MARIO: ossobuco al barbecue con diaframma, tartare di Fassona (presidio slow food), cipollotto, maionese alla senape e neve all?aceto.

VIVA I MARINAI: zuppa di pesce concentrata con pesce crudo e cotto, crostacei, molluschi e alghe.

OMAGGIO A KUSAMA: zucca del nostro orto al barbecue e gelato all?alloro.

Sapientemente accompagnato dal Barolo DOCG 2013 – Borgogno

Rosso rubino con riflessi granato, leggermente aranciati. Al naso presenta sentori di viola appassita, note di piccoli frutti rossi e delicati sentori speziati. Al palato ? secco, corposo, balsamico, caratterizzato da un tannino austero ben bilanciato. Chiude con un finale leggermente astringente.

Ed ora….il momento dei dessert!

Ci lasciamo trasportare verso la chiusura accompagnati da un calice di Ice Wine Transylvania 2016 – Liliac & Kracher

Un vino spettacolare che, a fronte di una considerevole dolcezza, presenta una spiccata acidit? che riesce a bilanciare in maniera adeguata.

LA PERFEZIONE NON ESISTE: guscio di meringa con spuma di zabaglione, sorbetto al cacao e caff?, mandorle di Noto e pepe Timut.

LIMONE: mousse al profumo di limone di Amalfi.

MONT BLANC: ganache di marroni, meringa, gelato al fior di latte, panna e marron glac?.

Per concludere al meglio, coccole finali!

Gelatina al frutto della passione, Cremino,? Meringa alla liquirizia, Tortina ricotta e pere, Cioccolatino, Canditi di arancia.

Un grande GRAZIE e…alla prossima!

Cucina

VIVA ? Viviana Varese e la sua?brigata. Forte, giovane, preparata. ? una cucina?audace, reale, entusiasta. ? fatta di persone, conoscenze, immaginazione.?? viva!

Sala ed Accoglienza

In sala, come in cucina, le parole chiave sono conoscenza delle preparazioni, degli ingredienti, dell?idea e tanta passione. Una danza di complicit? e tecnica, precisione e divertimento. Tutto l?ambiente ospita 65 persone (fino a 90 per eventi speciali) ed ? studiato personalmente da Viviana per rispecchiare la sua visione e idea di cucina.?Il colore ? il protagonista della sala?e gioca con la luce della vetrata, che affaccia su Piazza 25 Aprile.

Conclusioni

Una carta smart che consente di mantenere l?identit? di ristorante d?autore anche nel lunch menu, ma in una versione rinnovata, viva e dinamica, in alternativa c?? un menu La storia ? VIVA,?con i classici della chef in cui la matrice rimane italiana, ma con tante contaminazioni del mondo.

Viaggiatore Gourmet

VIVA Eataly

Piazza Venticinque Aprile, 10, 20121 Milano MI
Eataly PIANO 2
MAR – DOM: dalle 12.00 alle 15.00
Giorno di chiusura: luned?

Mail: info@vivavivianavarese.it
Telefono: +39 02 49497340
Sito web: www.vivavivianavarese.it

L'articolo VIVA – Eataly Milano Smeraldo – Chef Viviana Varese proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[04/01/2021, 08:46] Due assaggi con svariate considerazioni a margine


Si diceva che in assenza di fiere, le fiere vengono da te. Almeno in parte: non riuscendo pi? a girare per rassegne, i distributori pi? savi si industriano e girano per enoteche (tipo la mia) con la loro mercanzia, e l'enotecaro assaggia, valuta, medita, rimembra, considera, e se va bene compra. Anzi lanciamo un appello a tutti: c'? stato un tempo in cui dovevo dire no grazie, non inviarmi campioni, dimmi a quale fiera vai che io passo ed assaggio. Adesso vale il contrario, e per fortuna qualcuno si sta dando da fare in questo modo. Succede, anche, che si assaggino cose non esattamente centrate, ma vabb?, in quel caso non faremo nomi.

Parliamo piuttosto di due assaggi tra i molti proposti da Radici Natural Wines (grazie). C'? la parolina magica natural quindi che te lo dico a fare, parliamo di vini naturali. E siccome ogni volta che appare la parolina magica tocca fare il disclaimer, si tratta di vini naturali ben fatti. Durante gli assaggi mi ha quasi sorpreso trovare come un filo conduttore in mezzo alle aziende selezionate da questa distribuzione, tutti vini che assieme al carattere spiccato mostravano una pulizia esecutiva esemplare, come se l'assaggiatore che ha fatto la selezione seguisse la sua personale visione. In mezzo ai molti, dicevo, ecco i due che mi sono piaciuti di pi?, e infatti finiscono sullo scaffale.

Vino Rosso "G", Auriel. Nome totalmente minimalista per questo rosso piemontese imbottigliato senza alcuna denominazione n? annata in etichetta. Trattasi di grignolino, da qui la "G" - con nota di stile: l'immagine ? disegnata da Dario Fo. Sottobanco apprendo pure che ? vendemmia 2019. Non mi dilungo sul why e il because molti produttori preferiscano tagliare ogni orpello burocratico e usino la denominazione (appunto, minimalista) ex lege di vino rosso, a me sta bene cos?, io credo che il temperamento artistico e creativo di chi produce vino gli consenta questo e altro. E siccome conta quel che c'? nel bicchiere, ecco: sorpresa. Frutta rossa e anche nera direi, fitta e profonda, succosa, matura, una cosa tra la fragola e l'amarena. In bocca ha tensione, freschezza, pienezza, vino di bella e confortante soddisfazione. Prezzo in enoteca, sui venti euri. Punteggio dai miei appunti: 87+
Qualche giorno dopo dello stesso produttore assagger? anche una barbera, fresca di agrume rosso e beverina, coerente con lo stile del produttore, cio? a dire molto bene.
Sito del produttore, per saperne di pi?

Malvazjia 2019, Klabjan. Una malvasia slovena dall'area istriana, la dizione completa in etichetta ? Kakovostno vino ZGP - Pridelano in ustekleni?eno na posestvu. E se avete letto tutto capite perch? neanche ci provo a pronunciarlo, amici sloveni scusate ma non parlo la vostra bella lingua, la faccio breve e vi dico che ? malvasia istriana. L'assaggio ? spettacolare: colore con un velo di carica opaca, ma giusto un velo, giallo pieno. Al naso parte baldanzoso, fragrante tra la frutta e le erbe aromatiche, ampio e fittissimo. La bocca ha una presa gustativa goduriosa, di nuovo la frutta e il sale, finezza e potenza assieme - ma che bravo ? il signor Klabjan? Prezzo in enoteca, 22 euro. Punteggio dai miei appunti: 90
Qui altre info sul produttore, che ? anche un personaggio


TrackBack
[03/25/2021, 17:47] 971mo Meeting VG @ Ristorante Da Vittorio ? Brusaporto (BG) ? Chef Chicco e Bobo Cerea

Il nostro?tour?di?eventi enogastronomici esclusivi?riservato ai nostri?associati,?Roadshow of Excellence, fa sempre tappa presso il Ristorante tristellato Da Vittorio a Brusaporto. Una coccola vera, non solo per il palato, ma anche per l?animo di noi viaggiatori gourmet alla continua ricerca di emozioni. La famiglia Cerea ? sempre stata in grado di regalarcele, anche in un momento come questo quando tutto sembra perduto e lo sconforto si fa prossimo, quando le preoccupazioni sono costanti per tutto ci? che sentiamo, leggiamo, vediamo. Ed ecco che la magia della magistrale accoglienza della famiglia Cerea assolve, almeno in parte, queste apprensioni per un momento di pura gioia e ci insegna che il lavoro, la professionalit?, l’impegno, la costanza, l’attenzione, pagano sempre. Ne usciamo sicuramente con tanta voglia di fare, di credere in un futuro migliore e di affrontare ogni giorno come una nuova sfida da superare per aiutarsi a migliorare tutti insieme. Qui il racconto della nostra ultima esperienza.

Archivio storico reportage:

->?Reportage del 17 Novembre 2006
->?Meeting del 1? Settembre 2008
->?Meeting del 23 Novembre 2009
->?Meeting del 13 Maggio 2010
->?Meeting del 19 Aprile 2011
->?Meeting del 20 Marzo 2012
->?Meeting del 25 Marzo 2013
->?Meeting del 24 Marzo 2014
->?Meeting del 30 Marzo 2015
->?Meeting del 18 Maggio 2015
->?Meeting del 21 Marzo 2016
->?Meeting del 3 Aprile 2017
->?Meeting del 26 Marzo 2018
->?Meeting del 10 Dicembre 2018
-> Meeting del 22 Febbraio 2019
-> Meeting del 26 Luglio 2019

La Squadra

Staff di sala

Zana Alessandro ? Maitre
Di Lisa Nicola ? Maitre
Turani Alessandro ? Maitre
Sartorato Fabrizio ? Sommelier
Barone Luigi ? Chef de Rang
Peroni Andrea ? Chef de Rang
Scala Felice ? Chef de Rang

Staff di cucina

Rota Paolo ? Chef Da Vittorio
Bergamelli Giambattista ? Chef Da Vittorio
Mancini Luca ? Chef responsabile DaV
Perego Ezio ? Chef Relais Cantalupa
Malighetti Massimo ? Executive chef catering
Finazzi Simone ? Pastry Chef

Aperitivo in cantina!

Un calice di benvenuto di Franciacorta Sat?n DOCG ?Vintage Collection? 2015Ca’ Del Bosco servito dal sommelier Fabrizio Sartorato.

Partiamo con alcuni finger food a passaggio: finto pomodorino di pappa al pomodoro e una tartelletta formata da pane carasau con rag? bianco, spuma di parmigiano e tartufo nero.

Spaghettino di tonno rosso, pistacchio e bagna cauda: tonno crudo tagliato a spaghetto, bagna cauda calda per dare contrasto e pistacchio per la croccantezza.

Scampo “alla Vittorio”: vecchia ricetta di pap? Vittorio, scampi fatti alla milanese con limone e nocetta di burro.

Il nostro salmone affumicato: Salmone che arriva fresco dalla Scozia, affumicato a freddo nel nostro camino con pino d?aleppo elegno di ?vite, non contiene ne conservanti ne additivi chimici. Viene servito con crema acida, vinaigrette al cetriolo e aneto, accompagnato con pan brioche.

Carciofo alla giudia e fonduta di taleggio: classica ricetta romana di carciofi alla giudia abbinati ad un formaggio locale.

Il?menu personalizzato degli Amici Gourmet.

Iniziamo con un Franciacorta DOCG Cuv?e Annamaria Clementi 2002Ca’ Del Bosco

Dal magnifico colore dorato e perlage finissimo, si apre al naso con un profumo di straordinaria complessit? e un sorso di eccezionale pienezza e persistenza.

Piattooo!!!

Royale di sardina affumicata, cavolfiore e caviale.

Tipologia pane: grissini sfoglia con sale Maldon, gobetti con farina di mais, airbag, grissini tipo Torino con farina di segale accompagnati da Olio Montecroce del Garda e burro di malga della Val Brembana.

Zucca marinata alla senape, mele cotogne e radicchi.

Falsa candela di Foie gras e amaretto.

Non ci facciamo mancare proprio nulla…un calice di Trento DOC ?Giulio Ferrari Riserva del Fondatore? 2000Ferrari

Al calice di colore giallo brillante con lievi riflessi dorati e un perlage finissimo e persistente. Al naso esprime un bouquet fruttato?in perfetta armonia con i sentori di miele, note di cioccolato bianco, spezie e agrumi. Al palato ? elegante e armonico, di corpo vellutato e composito. Si possono percepire fragranze di miele, di acacia e fieno maturo e note floreali. Un vino di grandissima persistenza.

Tartare di ricciola, quinoa, rabarbaro e puntarelle.

Il prossimo piatto viene terminato al tavolo.

Scampone alla griglia, dulce de leche, colatura di alici e neve di cedro.

Proseguiamo con il finto gnocco al nero di seppia e brodo di patate arrosto.

Calamaretti spillo tonnati.

Proseguiamo con un Langhe DOC BiancoV.D. Vajra

Di colore giallo?dorato luminoso. Il naso ? piacevolmente floreale, arricchito da nuances di pesca, mela, limoni e sensazioni erbacee. Di corpo leggero, con un sorso secco e sapido e di piacevole freschezza.

In arrivo il vassoio dei lievitati! Pane alle olive, sfogliato al burro, brioches, focaccina con pomodoro, ciabatta.

Vino!

In splendito abbinamento con sedano rapa glassato e tartufo bianco.

Ed ora il momento di un grande piatto, che ci ha lasciati piacevolmente sospesi tra i suoi sentori: risotto mantecato al pan brioche, nocciola e tartufo.

Ed ora il piatto re della cucina Da Vittorio, terminati in sala nella Pentola d’Oro Agnelli: Paccheri alla “da Vittorio”.

Non poteva mancare il saluto di mamma Bruna?

Bianco e Nero.

Ci prepariamo ai dessert con un calice di Moscato d’Asti DOCG “Sant’Ilario” 2018 – Ca’ d’Gal

Giallo paglierino intenso, con riflessi dorati. Al naso ? ampio, complesso ed elegante, con particolari note fruttate di pesca gialla e albicocca, acacia e salvia. Il sorso si apre dolce, sorretto da una buona acidit?, non invadente, di buona e persistente freschezza.

Dessert!!

Cachi e castagne.

Pasticceria assortita in abbinamento a caff? Lavazza.

Gli storici cannoncini farciti al momento.

Grazie infinite come sempre e…alla prossima!

Consulta il calendario eventi?qui?e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet ? Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della 971esima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Ristorante Da Vittorio
Via Cantalupa, 17 – Brusaporto (BG)
Tel. (+39) 035 681024
Chiuso mercoled? a pranzo
E-mail:?info@davittorio.com
Sito internet:?www.davittorio.com

I prossimi meeting di?Altissimo Ceto:

www.altissimoceto.it/meeting-eventi/

Essere un nostro?associato?significa ricevere?inviti personali?per oltre?100 eventi?(annuali) imperdibili che organizziamo per i?nostri soci,?un ricco calendario di?eventi?settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi)?privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti i 11?tre stelle, dei 37?due stelle?e da una buona parte dei?323 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di?Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais?selezionati tra i pi? prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News ? Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By?Amici Gourmet???Network esclusivo di appassionati Gourmet.

L'articolo 971mo Meeting VG @ Ristorante Da Vittorio – Brusaporto (BG) – Chef Chicco e Bobo Cerea proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[03/15/2021, 15:31] Vitium Restaurant ? Crema (CR) ? Chef Michele Minchillo

Vitium Restaurant ? una di quelle occasioni di convivialit? che tanto ci piacciono. Si presenta con?una cucina ardita, quasi inattesa?nei suoi percorsi, ricca di colori e sfumature, contemporanea, contaminata. Alla guida di queste emozioni troviamo lo?chef Michele Minchillo di Monopoli, al suo fianco la compagna Federica Bernabini?responsabile di sala.
Due giovanissimi, carichi e fortemente motivati, con una voglia di darsi da fare davvero travolgente, gentili, attenti, professionali, ma allo stesso tempo non invadenti.

La Squadra

Staff di Sala:

Federica Bernabini – Maitre
Martina Fusar Bassini – Chef de Rang

Staff di Cucina:

Michele Minchillo – Head Chef
Alessandro J Colella – Sous Chef
Loris Denti Tarzia – Chef de Partie

L’ingresso del ristorante…

Il menu.

La magnifica sala e mise en place.

Il nostro tavolo, accanto all’antico camino.

Iniziamo con il primo vino in degustazione: Champagne Extra Brut – Francis Orban

Si presenta di colore giallo paglierino tendente al dorato, con un naso intenso e piacevole, di profumi fruttati, come la pesca gialla, e la mineralit? data da un’intensa nota iodata. Il sorso ? elegante, con trama minerale e speziata che gli dona buona persistenza.

In arrivo un sontuoso aperitivo in abbinamento allo champagne:

Cialda di arachidi, sfera di campari e mango
Zucca agrodolce, nocciola e Pimenton
Sassolino di salva cremasco e chutney di cipolla Giarratana
Pomme souffl?, aceto balsamico e capocollo di Martina Franca (Az. Agr. Santoro)
Tartelletta di grano arso, patata affumicata, polvere di cipolla bruciata e miso
Carotina fermentata ed intingolo di olio, miele, limone, e alloro

Ci viene servito l’olio pugliese di pura Coratina della Az. Agricola Todisco.

In abbinamento ai vari pani fatti in casa: pagnotta integrale lievito madre, focaccia alta idratazione, grissini stirati a mano grano arso e miele al timo e burro di Normandia e polvere di scalogno nero.

Piattooo!!!

Lattuga, mandorla affumicata, gel limone e bottarga di Muggine e gelato di olive.

Animella, bisque di gamberi, riso nero soffiato e polvere di scalogno nero.

Il prossimo piatto viene completato al tavolo: capasanta marinata in acqua e sale x 2 giorni, rapa bianca, bergamotto, tartufo nero e fondo di bosco.

In abbinamento Riviera del Garda Classimo Groppello DOC 2018 – Cantrina

Di un bel rosso rubino, sprigiona un profumo intenso di frutti rossi selvatici, che diviene speziato con l?invecchiamento in botti inox.

Guancia di manzo, fondo di cottura al ponzu, lampascioni e segale tostata.

Passiamo ai prossimi due vini in degustazione: Bianco Solera ‘Revolution’ – Zillinger

Un vino bianco austriaco, nato da un blend di Chardonnay fermentato in anfora, Scheurebe co-fermentato brevemente in acciaio e Riesling ottenuto da metodo solera. I profumi di albicocca, cannella, fiori macerati, resina e agrumi maturi si esprimono su una struttura fresca, rocciosa e minerale.

E un assaggio di Petite Arvine ‘Nuances’ 2017 – Ottin

Vino bianco corposo della Val d’Aosta, prodotto da uve attaccate da botrytis cinerea e affinato per 12 mesi in tonneaux. Ha un bouquet burroso e complesso,?spiccano note di frutta esotica e vaniglia. Il palato ? secco, fresco e avvolgete rivela una ricca mineralit? iodata con eleganti sfumature fum? di lunga persistenza.

In accompagnamento a Baccal? confit, aglio nero, lenticchie cotte al BBQ, beurre blanc di capra affumicato, e olio alle erbe bruciate del mediterraneo.

Pennone, riccio di mare, porro bruciato e caprino.

Proviamo Romagna Albana DOCG secco Albarara Cru Artigianale – Tenuta Santa Lucia

Di colore giallo paglierino con decisi riflessi dorati e ottima brillantezza. Al naso ? fine, molto intenso, elegante, con note fruttate, floreali e speziate. Il sorso ? ampio, rotondo e morbido, caldo con lunga persistenza e finale leggermente minerale. E? un vino sontuoso e coinvolgente

Deliziosamente accostato alla linguina grezza cotta in un estrazione di zafferano, crema di aglio bianco e liquirizia.

Raviolo ripieno di rag? alla genovese, salva cremasco, riduzione di cipolla caramellata e mostarda di zucca.

Abbinato a Rosso di Montalcino DOC 2017 – La Magia

Sangiovese 100%, maturato per 6 mesi in botti di terzo passaggio. E’ un vino di grande personalit?, caratterizzato da un colore rosso granato intenso, un frutto vivace e da una freschezza che lo rendono gradevole per ogni occasione.

Proseguiamo con il rombo alla mugnaia, polvere di lievito madre e caramello di peperoni.

Cappelletto di castagne ripieno di scalogno brasato, olio di mandorla amara, brodo di cima di rapa e rafano grattugiato.

San Pietro nel Mediterraneo, brodo di capperi e olio al prezzemolo, pop corn di amaranto accompagnato da un gelato di ostriche e limone confit.

Pluma iberica e cavolo cinese cotti alla brace, burrata e nduja.

Lo chef Michele viene a farci un saluto in sala.

Passiamo ora alla degustazione dei desserts!

Iniziamo con il pan brioche al caff?, spuma di topinambur e gelato di zucca.

Mousse di cioccolato, fava tonka, crumble di cioccolato bianco e banana fermentata.

Gelato fior di latte, flakes ai pioppini e sciroppo ai fiori di sambuco.

Gelato di castagna, spugna yogurt, acqua di rosa e rabarbaro, tartufo bianco.

Per le coccole finali ci viene servito il Caff? torrefazione Caff? Milani e piccola pasticceria in accompagnamento:

Marshmallow caff? e vaniglia
Macarons allo yuzu
Caramella di pino mugo e mela verde
Madeleine alla nocciola

Non potevamo chiedere di meglio, un grande GRAZIE e…alla prossima!

Cucina

La?cucina di Michele si presenta come un?mix?di radici, ricordi, esperienze lavorative?in giro per il mondo, contaminazioni di cucine, soprattutto asiatiche, utilizzando anche tecniche di cottura moderne.
Il risultato? Un?offerta davvero interessante, di buon equilibrio tra dolce e salato,?tra croccantezza e morbidezza. Si sente chiaramente e si pu? apprezzare la filosofia adottata: cibo come valore primario, che non va distrutto ma sempre rispettato in quanto vita, cos? come il rispetto della filiera produttore-consumatore.

Servizio ed accoglienza

In sala si percepisce la carica positiva dello staff che dimostra, gi? da quando sarete accolti, una piacevole gentilezza, attenzione, professionalit?, ma allo stesso tempo alcun tipo di invadenza. Ci hanno colpito le stoviglie, sempre diverse per colore, forma e lucentezza, evidenziate e rese protagoniste, insieme al cibo servito, grazie all?assenza della tovaglia e un?unica luce molto morbida e riposante, data dall?abat-jour. Chapeau per l?accurata scelta dell?abbinamento vini, di cui dispongono una carta molto ampia e intrigante.

Conclusioni

Vitium Restaurant ? situato in un antico edificio del 1300 nel cuore di Crema. Porta a tavola un?esperienza gastronomica intensa, decisa, fatta di equilibri e contrasti con una visione interessante e avanguardista.

Viaggiatore Gourmet

Vitium Restaurant
Via Ginnasio, 4 Crema, Cremona Italia? ?26013
LUNEDI – DOMENICA: 12.00 – 15.00
MARTED? CHIUSO
E-mail: info@vitiumrestaurant.it
Telefono: +39 0373 622071
Sito web: www.vitiumrestaurant.it

L'articolo Vitium Restaurant – Crema (CR) – Chef Michele Minchillo proviene da ViaggiatoreGourmet alias AltissimoCeto!.

TrackBack
[03/05/2021, 10:50] Bartolo Mascarello, Eraclito e Achille Lauro nello stesso post (e nello stesso titolo)

Per una volta potrei iniziare dal punteggio. Questo Barolo 2011 di Bartolo Mascarello, oltre ad aver preso i tre bicchieri (un tempo famosi) sul Gambero Rosso, ? passato alla storia per aver preso 20/20 nella Guida ai vini d'Italia dell'Espresso - pure quella guida, un tempo famosa. Il fatto suscit? una discreta sorpresa, quando un vino raggiunge i punteggi massimi possibili ? sempre straniante: com'? successo? Cosa diavolo c'? in quel bicchiere, da arrivare a fondo scala nel palato degli assaggiatori? E considerate che chi faceva la guida de l'Espresso era gente ben seria, quindi appunto quel punteggio sorprese un po' tutti.

Siccome il miglior modo per valutare un vino ? assaggiarlo (non ve l'aspettavate, eh?) io questo Barolo l'ho assaggiato, ultimamente, un paio di volte. Dati gli eventi, uno si consola come pu?. ? trascorso del tempo da quel punteggio-boom, ? passato tempo pure tra i due assaggi, tutto scorre e le cose cambiano. Anche il vino, e gi? che siamo in fase citazioni, citer? quel che mi disse una volta Daniele Cernilli, che a sua volta citava Eraclito, credo: "cos? come non ci si bagna mai due volte nello stesso fiume, non assaggiamo mai due volte lo stesso vino". Nel primo assaggio avevo la percezione della grandezza, ma durante il secondo assaggio, recente (e di cui scrivo adesso) quel vino s'? superato. Uno non vorrebbe esagerare con i paroloni e le iperboli, ma se c'? un vino che merita il punteggio massimo, ora per me c'? questo. E ancora una volta tocca parlare di punteggi quando probabilmente ? vero quello che dicono certi assaggiatori ieratici: il punteggio ? un grosso limite, non serve a descrivere un vino, lo incasella, lo riduce a un numero.

Tuttavia se le lunghe (e un po' noiose, scusate) elencazioni di descrittori olfattivi e gustativi alla fine stancano, allora meglio il punteggio, no? Che da solo fa tutto il lavoro.

Forse aiuta fare lo storyteller della domenica e dire che ci ho trovato in quel bicchiere, recentemente. Mettiamola cos?: quando hai aspettative alte pensi di trovare un sorso esagerato, flamboyant, una specie di Achille Lauro enologico. Invece c'? un flemmatico signore elegantissimo col gessato e la cravatta, un elegante senza tempo, fine come un gentleman quando sa essere fine. Non ci si bagna mai due volte nello stesso fiume, decisamente, le cose cambiano e tutto scorre, e questo vino sta continuando la sua fase ascendente, e si resta un bel po' a bocca aperta. Davvero io non ho mai dato un 100/100, ma ecco, a questo forse s?.

Il Barolo 2011 di Bartolo Mascarello si trova in vendita a prezzi un po' folli, purtroppo, intorno ai trecento euro. Da me a bottega ne sopravvive una cassa e qualcosa, non so, a questo punto potrei dire: si accettano offerte.

TrackBack
[02/24/2021, 09:32] Vinitaly 2021 c'? (e lotta con noi)


Dice Dissapore che l'edizione 2021 di Vinitaly si conferma, dal 20 al 23 giugno, ed ? in presenza, non virtuale. Al momento pare la miglior notizia del giorno, soprattutto quel in presenza. In un attimo di euforia ho cliccato il link degli accrediti stampa e, direi, ci stanno lavorando su. Manteniamo l'ottimismo. 
























Aggiornamento: niente da fare, salta anche quest'anno (seguono imprecazioni, ma lasciamo stare).
TrackBack
[02/19/2021, 10:23] Assaggi fatti in casa


Come dicevamo nel post precedente, qui non si fanno assaggi se non autoprodotti, a casa, che ormai c'? poco da girare. Quindi ecco un po' di appunti sparsi di cose aperte per verificare che c'? di nuovo - nella mia bottega funziona cos?, tutto quel che si vende si assaggia, prima. A volte pure dopo, per conferma. Insomma ? il solito lavoraccio. Comunque ecco qui.

Langhe Nebbiolo 2018, Cascina Corte. Eccolo il nebbiolo dei giorni nostri: n? troppo pesante n? troppo ciccioso, anzi lieve, delicato, che se volessi citare un esempio fuori area tirerei a mezzo i pinot nero, i rossi borgognoni (nientemeno). Per? ? proprio cos?, questo elegantone, finto magro, brilla per il suo aplomb. Sar? che siamo in zona doglianese, l? i nebbioli vengono meno roboanti (credo). Sar? anche la vinificazione bionatural (credo). Un anno e mezzo in legno grande e non sentirlo: niente tono bois?e, ma semmai fiori e spezie - tutto all'insegna della delicatezza. Per me un punteggio di 87/100, prezzo in enoteca sui 22 euro. 


Br?z?me 2018, Eric Texier
. Il syrah gi? dalle parti della C?tes du Rh?ne nell'interpretazione di Texier, bel tipo di ingegnere che un giorno molla tutto e si mette a fare vino, rigorosamente naturale. Perfetto gi? al colore fitto e profondo, i profumi sono quelli: pepe, frutti neri, ? succoso e succulento, una delizia totale, un'altra conferma da questo produttore che non mi delude mai. Qui direi 90/100 in carrozza, prezzo in enoteca 29 euro.


Moscato d'Autunno 2017, Saracco
. No, non mi sono sbagliato, ? proprio vendemmia 2017: il Moscato d'Autunno deriva il suo nome dal fatto che le uve vengono vendemmiate tardi, quasi surmature, e danno un moscato sui generis, che si adatta ai lunghi, e lunghissimi, affinamenti. Tant'? che qui in enoteca io al momento ho una vera e propria mini verticale disponibile in vendita, di quattro annate. Questo '17 ha al naso note di crema pasticcera, salvia, frutta (tropicale, direi), e in bocca ha una vivida nervatura acida (ancora, e quando gli passa?) che ne determina la spettacolare bevibilit? attraverso la dolcezza e la maturit?. Grande bevuta sulla pasticceria, ma boh, io dico grande bevuta e basta. 91/100, in enoteca sta a 15 euro.


Fiano di Avellino 2018, Rocca del Principe
. Si dice che i vini dell'area irpina siano vulcanici, sentono il territorio, sanno di vulcanico, insomma sono piccanti di venature sulfuree al naso e poi in bocca. Si dice, ? una specie di tassa, cio? ? un descrittore inevitabile. Fatta la premessa, ora devo dire che questo Fiano ? esattamente cos?: piccante, teso, estroso, sapido, pieno. Bevuta di grande godimento. Peccato che non riesco ad essere originale ma, s?: ? proprio vulcanico. 89/100, prezzo in enoteca 18 euro.

TrackBack
[02/12/2021, 11:12] Non divaghiamo

Una volta, molto tempo fa, quando c'erano le fiere del vino (vi ricordate, prima della pandemia) c'erano quelli che si lagnavano delle fiere del vino. Perch?, dicevano, erano troppo caotiche, che il vino mica si assaggia cos? signora mia, in quella ressa. Oggi, che di fiere non se ne fanno pi?, chiss? se pure a loro le rassegne eno mancano. A me di certo mancano. Ma nemmeno per la socialitudine (pfui), le fiere sono un fatto di mestiere: a me servivano, eccome, per assaggiare cose nuove. Per fare acquisti. E adesso come si fa? Che nemmeno si riesce a girare per regioni, e il lavoro del cacciatore di vini ? diventato un percorso ad ostacoli? Ci si ingegna.

Va be', c'? YouTube, le videoconferenze, gli assaggi virtuali, gli incontri online coi produttori. Lasciate che ve lo dica: queste robe per me sono... come faccio a trovare le parole? A volte un'immagine ? pi? utile a restituire il senso di quel che vorrei dire. Per me gli assaggi virtuali sono, ecco: 


E con questo ci siamo capiti.

Pi? che altro si fanno assaggi random comprando campioni in giro. Come sar? sto produttore? Eh, ci tocca mandare mail, aspettare, verificare, a volte va bene a volte meno. Com'?, come non ?, in enoteca abbiamo nuovi arrivi, cose buone e a volte buonissime, tipo lo spettacolare Verdicchio di Coroncino assaggiato ieri. 


Ma non divaghiamo. Che ? successo ultimamente? Tutto e niente. Siamo sopravvissuti al 2020, e questo ? l'unico blog che vi fa il bilancio dell'anno a febbraio, e nel contempo vi fa gli auguri per l'anno nuovo: un bel record, eh?

Il lavoro dell'enotecario al tempo della pandemia ? difficile come qualunque altro lavoro, e se pensate che l'ultimo DPCM ci impone la chiusura alle 18 (lo sapevate? Sapevatelo) questi fatti sono in grado di far passare, a me, la voglia di commentare e di lagnarmi. A questo proposito vi mostro quanto diceva qualcuno ultimamente, che coincide col mio pensiero, di nuovo la cosa dell'immagine che vale pi? di mille parole (e i nomi sono nascosti per proteggere gli innocenti, come in Dragnet), comunque ecco che penso:


Sar? anche che i fiumi di parole che strabordano ovunque mi hanno definitivamente annoiato, ma i fatti salienti del 2020 per me sono il (quasi totale) abbandono delle reti sociali. Ho pure mollato la collaborazione con Intravino, dopo pi? di dieci anni (signora mia, again) quindi cari produttori non sono manco pi? influencer, sorry. 

Ma non divaghiamo (again) e torniamo ai fatti. Questo diario enotecario risente, pure lui, della mia vaghezza ma almeno una cosa fatemela segnalare: questa enoteca in data 17 gennaio 2021 ha compiuto la bellezza di trenta anni di iscrizione alla camera di commercio. Tanti? Ma no, tranquilli, a Genova un negozio diventa storico solo dopo due o trecento anni dalla fondazione, quindi devo resistere ancora un po'. Nel frattempo, auguri a me, e a tutti quanti.

TrackBack
[11/21/2020, 09:47] Botteghe oscure ma non troppo. (Oppure: cose che ho scordato di dire)


Ieri ? andata in onda la chiacchierata enotecaria del vostro quipresente, assieme a Guido Porrati, ospiti di Alessandro e Daniele di Papille Clandestine. Siccome la diretta era in orario lavorativo, ogni tre per due mollavo la postazione e servivo qualche cliente - con la conseguenza un po' comica di dire al cliente di cui sopra "scusa ho una diretta Facebook in corso con..." e registrare le varie reazioni, tra il comprensivo e il "ma chi se frega, vendimi il mio vino" ad opera del mio cliente (fintamente) brutale preferito, che peraltro legge sto blog e quindi saluto. Peccato non aver fatto la diretta dentro la bottega (ero nell'ufficio), sai che bel tranche de vie?

Tra un vai e vieni ho perso qualche passaggio e mi accorgo ora di aver anche saltato un paio di domande, per esempio questa


quindi adesso faccio una cosa metacomunicativa (butto l? un parolone a caso) e integro il filmato con un post.

La questione ha a che fare con aspetti che ho segnalato nell'incontro, specialmente quel che io vedo come un'involuzione di alcuni ambienti comunicativi, tipo Facebook, afflitti da un fragoroso rumore di fondo che limita l'efficacia delle conversazioni. A questo proposito (quando avete tempo) vi linko un paio di letture che ho citato, "La teoria dei giochi e il Covid-19. Perch? sapere troppo rischia di non farci capire niente", ma anche "Se i social ti hanno stufato, ? ora di costruirti un giardino digitale".

(Appare buffo dire durante una diretta Facebook che Facebook ? un postaccio, ma ? un mondo buffo, in effetti).

Venendo alla domanda in questione, a cui ho risposto parzialmente, Francesco chiede "Come vivono le cantine e le aziende vinicole questo momento?" - ecco, ho omesso di dire che chi produce vino si ? attivato, e bene, a vendere online direttamente: con i principali clienti (ristoratori eccetera) bloccati dal lockdown, ? stata una conseguenza naturale. La stessa cosa stanno facendo anche molti distributori e grossisti, e tutto ci? aumenta la famosa disintermediazione. 

La disintermediazione in apparenza ? un fatto che, ancora di pi?, comprime i margini di quelli come me, destinandoli a diventare, forse pi? velocemente, statuine del presepe. Tuttavia, per un paradosso riassumibile col brutto "tanto peggio, tanto meglio", questo fenomeno accresce ancora di pi? la portata del flusso oceanico di ulteriore rumore di fondo che aumenta la confusione nei nostri clienti. Ecco perch?, per paradosso, un giardino nemmeno digitale alternativo e utile ? rappresentato, ancora, dalla piccola bottega che ha una sua ragione, propositiva, di esistere. Del resto qualcosa del genere l'ha detta pure Guido.

Concludo parlando di vino, se non altro perch? questo ? un wine blog e ogni salmo finisce in gloria. La chiacchierata termina chiedendomi quale vino consiglio. In maniera davvero meta, ho consigliato esattamente quello che avevo venduto un minuto prima (dopo la mia ennesima sparizione dal set) ad un cliente: il Merlot rosato di Armin Kobler, semplicemente perch? ? un vino fenomenale ma pure confortevole - e insomma, c'? bisogno di comfort, eccome.

TrackBack
[11/06/2020, 11:23] La comunicazione del vino passa per vie inaspettate


Entra il corriere con una bella pila di cartoni neri, eleganti come l'etichetta del suo contenuto, Gelso Nero di Podere 29. Dice "devo consegnare questo vino bio". Io, che la so lunga, lo correggo: Gelso Nero non ? mica biologico.

Lui, che sa leggere un documento di trasporto ed ? meno distratto di me, replica "oh, qui c'? scritto bio".

Ed ? cos? che scopro che la vendemmia 2019 di Gelso Nero, uva di Troia, pugliese nonch? decennale del vino, ? diventato ufficialmente bio. Ecco, le vie inaspettate di cui al titolo. Grazie anche all'addetto alle consegne.


TrackBack
[10/30/2020, 10:35] Qual ? il vino che preferisco

Almeno una volta ogni enoqualcosa se l'? sentito chiedere: qual ? il vino che preferisci? Io, che quando dico cosa faccio nella vita dico "faccio l'assaggiatore di vino", normalmente ottengo quella domanda come prima reazione. Ogni volta mi invento una risposta nebulosa, del tipo ? il prossimo che assagger?, ? quello che non assagger? mai. Il fatto ? che non ho una risposta a quella domanda. Sono curioso e volubile nei gusti, oggi mi piace una cosa domani un'altra. Dipende dall'umore, che pi? del cibo per me determina l'abbinamento. 

Anche se, in effetti. Ultimamente mi succede un fatto.

Mi pare di aver sviluppato, per la prima volta, una possibile risposta alla domanda. Credo proprio di avere una generica preferenza per le rifermentazioni naturali. Che sono quei vini frizzanti ottenuti dalla presa di spuma in bottiglia - un po' come il metodo classico, ma senza il degorgement, cio? col fondo. Ormai quando vedo una produzione di qualsiasi vitigno che vada a formare un qualche tipo di rifermentato naturale, tac, lo voglio. Non ? sempre una bevuta perfetta (la formula della perfezione enoica non esiste) ma quasi sempre va a finire che mi piace. Come mai? Ci sono diversi motivi.

1. Sono vini antichi per? moderni. Sono la prima forma arcaica di bollicine, e ora sono diventati la modernit?. Strano, vero? Questo paradosso spaziotemporale mi diverte assai.

2. Sono bevute allegre e spensierate. E lo sa il cielo quanto gli enoqualcosa hanno bisogno di prendersi una pausa dalle formule rituali come "colore giallo paglierino scarico, naso di mela e banana, in bocca fresco e sapido".

3. Stanno bene su tutto come il blu. Sono turboversatili in abbinamento, probabilmente anche per quel che dicevo al punto due.

Ormai per me ? un riflesso condizionato, mi versano una bollicina torbida e opalescente e dico "benissimo". L'ultima volta era domenica scorsa, seduto all'aperto in un'osteria piacentina, l'oste arriva al tavolo con un vino cos?, che abbiamo prosciugato in un attimo. 

Cos? veloci che manco ho fatto la foto, ecco, per dire quanto m'? piaciuto. Quindi a titolo di esempio qui sotto metto un rifermentato che vendo - non serve dire che mi piace. La foto in alto, idem.




TrackBack
[10/21/2020, 08:10] Birre di Franconia e difetti. Un laboratorio con Simone Cantoni

Ed ora qualcosa di completamente diverso. Ho seguito un interessante laboratorio sui difetti riferibili alle birre di Franconia, tenuto da Simone Cantoni a Genova, al pub del cuore (Scurreria). L'argomento, declinato a quel modo, pare un po' tremendo, ma in realt? ? stato un lavoro di studio alquanto interessante, reso anche facile dall'abilit? del relatore.

Si ? parlato di difetti pur avendo nel bicchiere birre non esattamente difettate, ma semmai contrassegnate dal carattere rustico della birra fr?ncone - non ? stato un assaggio di birre didattiche (cio? cattive), ma un viaggio attraverso i possibili difetti che, tra un'olfazione e un sorso, potevano essere descritti attraverso quegli elementi di carattere. Queste le birre che hanno accompagnato il lab:

1. Hofmann Gr?fenberg Helles, 4,9% vol
2. Pfister Schwarzer Keller, 4,9% vol
3. Elch-Br?u Dunkel, 5,1% vol
4. Knoblach Stammberg Bock, 7% vol

Ecco il (lungo) estratto video, in due parti. Mettetevi comodi, possibilmente con una birra fr?ncone nel bicchiere. 





Per sapere qualcosa in pi? sulle birre di Franconia, consiglio questa lettura.


TrackBack
[09/04/2018, 07:01] Guide for Choosing a Good Dentist

If you have dental issues or complications, it is necessary that you find a good dentist who will take care of your needs. However, the issue is, there are many dentists the market today and settling for the best may be tricky. For this reason, you need to take time and find the?best dentist in Miami who will offer the type of services you require. Dentists have various types of services they offer. There are those who have specialized in a particular field while some are general dentists who deal with almost all dental issues. If you are looking for a dentist, here are quick factors that you can consider looking at so that you get the best dentist.

Check on Experience

First, when searching for a dentist to offer dental services to you, we recommend that you try checking out the experience of your prospective dentist. This is a crucial aspect to check on because the longer the experience, the more quality services the dentist will offer. A dentist who has been offering dental services for years will be well placed to handle your dental needs than one who has just started practicing. This is applicable because past experiences will help the dentist be in a position to handle and manage any dental complications.

Check on Specialization

Secondly, when you want to settle on the best dentist, it is essential that you first understand the kind of dental service you need. This will help you know the kind of dentist you need. Dentists have various services that they offer. Some offer specialized dental services, and that means you need to know exactly what you are seeking for.

Check on Training

With the increased need for dental services, some individuals will want to take advantage of that and start offering dental services but they are not qualified. Therefore, to avoid falling prey for such fake dentists, it?s essential that when searching for a dentist, you should check to know if the dentist is trained. The dentist should declare his or her qualifications and show you the documents which give evidence for that. This way, you will get dental services from dentists who have undergone proper training in dental health.

Consider the Reputation

When searching for a good dentist, it is also advisable that you consider knowing the reputation of your prospective dentist. You need to know how many successful cases of dental procedures the dentist has offered. Similarly, you need to know what people feel about the services that the dentist offers. This way, you will understand if the dentist will be suitable to offer dental services that you may need.…

TrackBack