Link to us:

  Blogs & Sites:


Mondo Di Vino
Mondo Di Vino

[10/23/2016, 23:59] What is More Important to Winelovers? The News? Or the Story?
In a recent conversation with Elaine ?Hawk Wakawaka? Brown - who started out in the world of wine as an artist and blogger and rocketed to recognition as an evocator par excellence - the idea of the story teller kept bobbing its head on the rough seas of the enoblogosphere. Elaine, if you don?t know her, is a storyteller?s storyteller. People like her are the reason the fire in the middle of the circle came about, many moons ago. Connecting the heart and the soul with the mind and the mouth, so that in the sharing of the words, the listeners (and the culture) become more enriched.

There are those who think wine blogs are dead. And there are those who think it is merely on life support, or has, at the very least, progressed to an age that if human, would be considered geriatric. Writing a blog can be a thing of joy, or it can become drudgery. Many who once wrote wine blogs have stopped, while others have morphed into print, P.R. or diving even deeper into the muddy waters of the wine trade. If we are learning anything in these times, it is that there is no one way to get to your destination. You can start as a sommelier and end up as a winemaker. Or you can start as a winemaker and end up as a wine importer. Or you can be impossible to pigeonhole ? you can be your own vision of yourself ? Something Elaine and I touched upon during our last chat.

As well, we all know there is no longer one news source. Where the Wine Spectator once ruled, now they share their kingdom with any number of independent voices. Of course, they still have their beats, sussing out newsworthy stories. Who bought, who sold, who kissed, who told ? they are a polished gem for those newsy tidbits.

The Wine Enthusiast also breaks their share of stories as well. Tom Maresca commented on his friend Charles Scicolone's blog that ?Kerin O?Keefe broke the story about the proposed Piemonte Nebbiolo DOC and that she was the first to report the proposal?s rejection just a few days ago. She has been widely hailed for these two scoops in the Italian wine press and in the twitterverse.? Indeed she did, although the blogosphere was otherwise inundated with mephitic bleating over Nebbiolo wars in the Langhe. Was it as if Kerin?s truth, in the telling, wasn?t as important as something else that would make for a bigger story, in search of more site traffic? Storytelling, yes. Truth, not as definably so.

I saw what happened last week with the post I wrote about the endangered wine list in the new age. It was as if a match was lit that started a brush fire across the wine world. I struck a collective nerve. It was one person?s opinion on the state of wine lists as he experienced it across his home state. Master sommeliers and younger, millennial sommeliers and members of the wine trade, flooded my inbox with an overwhelming show of support for my viewpoint. Was it newsworthy? I don?t think so, for it had been written so many times before. But it indicated that there has been a shift in the attitudes about wine in America, and it appears, across many places in the Western World. Storytelling? Yes. Truth? As disgorged from an experience-based perspective, with a dosage of judgement.

Every week I tussle to put words together that reflect my thoughts from the week before. I?m in the thick of it, right now, with the holiday selling period. We?re also in a combative election cycle. And we are grappling with the economic and social iniquities that have befallen us in this moment. A wine list isn?t newsworthy, any more than a heated debate regarding the future of Nebbiolo is a war.

?You want to observe war? Look not to Serralunga, but to Syria,? one onlooker was overheard to say recently. It punctuates a tendency I have noticed for some time in wine blogs (which could hasten the demise of the genre): overreaching for melodramatic effect. We don?t have enough adrenalin to attend to all the impending disasters in the world. And where in the world of wine is anything happening in a cataclysmic manner, let alone Piedmont? We want the circle. And inside the circle a fire. And around the fire, a master storyteller.

This is something I have been thinking a lot about for three weeks, when Elaine and I talked extensively. Who will remain, crouched over the fire circle and still be compelling enough of a story teller to keep the flames dancing in the eyes of the listeners? I hope we will see some new voices rise to the occasion. The more I live, the more I realize for me the important story is ?the story.? Not controversy, for the sake of controversy. Not drama, to act as an emotional defibrillator, jump starting the listener back to life. But a real, heartfelt, emotionally intelligent narrative. I know Italy, and by God, the rest of the wine world, has these tales waiting to be told. That is what will save wine blogs, and wine writing. To rekindle the fire in the circle and get our story tellers back in the circle under a cool moonless night, under the stars, with all of us willing hearts and souls, who want (and need) to bask in the glow of those ageless sagas. That, along with a delicious glass of wine.

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
[10/23/2016, 22:05] Cartoline dal 600mo Meeting VG @ Antica Corte Pallavicina ? Polesine Parmense (PR) ? Chef/Patron Massimo Spigaroli

La giornata all’Antica Corte Pallavicina è sempre speciale. Il pranzo anche quest’anno è stato preceduto da una visita alle cantine per osservare di persona dove vengono stagionati e conservati i prodotti dell’azienda agricola di famiglia, ma quest’anno gli Amici Gourmet hanno ricevuto l’onore di fare un percorso diverso. A farci da guida come sempre c’è stato il patron Massimo Spigaroli, che ci ha mostrato non solo la cantina e parte della tenuta, ma anche l’area circostante, spiegandoci che è proprio dall’annessa azienda agricola che arrivano la maggior parte degli ingredienti che lo chef e la sua brigata utilizzano per creare quei piatti, che raccontano la cultura contadina e la tradizione del territorio. L?aperitivo si è poi svolto in una sala della corte, coccolati dal calore del camino, mentre per il pranzo ci siamo spostati nella luminosissima sala del ristorante, dove come di consueto c’era stato riservato il tavolo reale. La cucina di Spigaroli è ben salda nelle tradizioni, così il menù non poteva che essere caratterizzato da sapori genuini, sempre alleggeriti dalla freschezza delle verdure, in cui modernitàclassicità francese vanno a braccetto, per piatti di carattere e di gusto. Protagonista indiscusso il culatello della casa, che ci è stato servito dall’intera brigata come attraverso un atto solenne in una verticale di tre stagionature da gustare con la giardiniera dell’orto.

Archivio storico reportage:

-> Notte dei culatelli del 24 Luglio 2008
-> Cena di Gala dei JRE del 27 Febbraio 2010
-> Reportage del 2 Gennaio 2012
-> Convegno e cena 100 mani 2012
-> Meeting del 30 Maggio 2012
-> Convegno e cena 100 mani 2013
-> Meeting del 4 Maggio 2013
-> Meeting del 3 Maggio 2014

La squadra

La brigata di cucina
Chef e patron: Massimo Spigaroli
Sous chef: Angelo Durante
Pastry chef: Antonio Montalto

La brigata di sala
Maître: Davide Finardi
Sommelier: Stefano Venturelli
Commis: Victor Buzzan

L’ingresso dell’antica Corte Pallavicina

La corte

Le opere di Armando Riva

Uno dei pavoni che si trovano liberi nella Corte

Lo chef Massimo Spigaroli ci dà il benvenuto

Che onore essere accompagnati dallo chef durante la visita alla Corte!

I suini neri allo stato brado dell’Antica Corte Pallavicina

Le ghiande, alla base dell’alimentazione dei suini

Lo chef sta per guidarci nelle cantine

Ed eccoci nelle famose cantine di affinamento dei culatelli

La zona di affinamento del Parmigiano Reggiano

L’Agribottega dove si possono acquistare i prodotti dell’azienda Spigaroli

Alcuni particolari delle sale del relais


Il sommelier Stefano Venturelli ci dà il suo benvenuto

Riserva Lunelli Trento Doc 2007 – Ferrari

Club sandwich con pomodori secchi, melanzane, sfilacci di gallina, formaggino Inalpi

In arrivo gli stuzzichini serviti dal commis di sala Victor Buzzan

Tipologie di stuzzichini: la patata gialla con Caciotta Kremina Inalpi e caviale di tartufo; il fiore di zucchino ripieno di formaggino Inalpi e sottiletta light Inalpi; la melanzana in carrozza con cuore fuso di sottiletta Emmental Inalpi.

Sala e mise en place

Il tavolo Amici Gourmet

Il nostro menù personalizzato

Abbinamento Vini
Nei meeting utilizziamo i vini messi a disposizione dai nostri Partner.


Tipologia di pane: il pane utilizzato proviene unicamente da grani antichi di produzione aziendale,  quello servito in questo caso è una Micca Bianca di ?Grano dei miracoli? e grissini, accompagnati da burro di panna fresca Inalpi.

Perlè rosè Trento Doc 2007 Magnum – Ferrari

Un bel brindisi tutti insieme!

La parola allo chef per la presentazione del primo piatto!


La terrina di melanzane, pomodori, zucchina con i suoi fiori e balsamico tradizionale

Chardonnay Elijo 2013 – Villa Parens

La squadra al completo in arrivo per la prossima portata


et voilà!

Il Podio dei culatelli di suino bianco 18 e 27 mesi del presidio Slow Food e 37 mesi di suino nero di Parma, accompagnati da giardiniera di Corte

Adènzia Sicilia bianco Doc 2013 – Baglio del Cristo di Campobello

Angelo Durante, sous chef del ristorante, prepara in sala il prossimo piatto nella pentola d?oro Agnelli

VG e Angelo ci presentano il piatto

I ravioli di gallina su fuso di Caciotta Kremina Inalpi e fiori di zucchina

Coscette di rana all’aglio dolce e prezzemolo su patate schiacciate e germogli verdi

Intanto in cucina la brigata compone la prossima portata…

… sotto lo sguardo vigile dello chef Spigaroli!

Big ‘d Big Barolo 2006 Magnum – Rocche dei Manzoni

Il maialetto Nero di Parma, piccole melanzane e pesche tardive arrostite

Dalle nostre cantine: i parmigiani di pianura, collina, montagna, vacche rosse

Un percorso didattico oltre che a tutto gusto!

Un applauso allo chef!

Antonio Montalto, pastry chef dell?Antica Corte Pallavicina, introduce il dessert

Autunno: zucca, castagna e nocciola

La Serra Moscato d’Asti Docg 2015 – Marchesi di Grésy

Caffè e coccole finali

Tipologie di piccola pasticceria: palet d?or; pralina al Grand Marnier; bignè al cioccolato.

Per concludere il nostro pranzo sorseggiamo una buona tisana…

… mentre Eleonora distribuisce gli omaggi del nostro main partner Inalpi agli Amici Gourmet!

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della 600esima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Ristorante, Relais, Azienda Agricola Antica Corte Pallavicina
43010 Polesine Parmense
Strada del Palazzo Due Torri, 3
Tel. 0524936539
Chiuso lunedì
E-mail: relais@acpallavicina.com
Sito internet: www.anticacortepallavicinarelais.it

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:


Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 8 tre stelle, dei 38 due stelle e da una buona parte dei 288 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i più prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

[10/21/2016, 13:20] Cartoline del 599mo Meeting @Ristorante Lume ? Milano ? Chef Luigi Taglienti

Luigi Taglienti ha aperto la sua casa agli Amici Gourmet: il Lume. Il percorso ideato per noi ci ha consentito di cogliere l’essenza della cucina e delle abilità di Taglienti: grande conoscenza delle materie prime e delle tecniche, abbinate a una grande passione per l’arte contemporanea. Il risultato sono piatti che sembrano quadri caratterizzati da forme semplici e geometriche, che sprigionano sapori forti e decisi. La sua cucina è anche dinamismo e il menù ha visto alternarsi piatti della tradizione ligure, come la Farinata ricca, a piatti più essenziali come all’apparenza può sembrare l’Ostrica e nocciola. Quando si degusta arrivano diretti i sapori di ingredienti che hanno preso altre forme e il piatto rivela tutta la sua complessità e il grande rispetto di Taglienti per le materie prime. La cucina non è stata la sola componente di una serata perfetta, infatti oltre a un servizio puntuale e accogliente, a rendere il tutto ancora più speciale è stato il poter entrare in cucina e osservare lo chef e la brigata all’opera, e ancor più emozionante è stato averlo costantemente con noi e mangiare insieme la squisita pasta di mezzanotte al burro e limone.

Archivio storico reportage:

-> Reportage del 04 Agosto 2016

Alcuni dettagli della sala

Il tavolo Amici Gourmet

Il nostro menu personalizzato

Il sommelier Andrea Petraroli ci dà il benvenuto

Cocktail Americano con Vermouth Carpano Antica Formula

Un brindisi con lo chef!


Eclair con burro acciughe e caramello e Sfoglia di latte con battuto di carne cruda, pepe selvatico e maggiorana

Frivolitè con polvere di curcuma e fior di sale


Tipologie di pane: bianco; pane cafone a lievitazione naturale; focaccia ligure; foglia croccante alle erbe aromatiche; grissini. Burro Inalpi in accompagnamento.

Lo chef Luigi Taglienti ci invita nella sua cucina

Lo chef di cuisine Saverio Piccolo prepara la caciotta Kremina Inalpi nel forno a brace

Lo chef completa il finger food in sala

Caciotta Kremina alla brace con lamponi


Il sommelier ci presenta l’abbinamento alla prossima portata

Blanc de Blancs Spumante Extra Brut – Villa Parens

VG con il bravo Andrea Petraroli

Uno scorcio della cucina a vista

… ultimi dettagli prima del servizio

Farinata ricca

Farinata con gamberi, carne cruda, castagne, crema di zucca, mostarda e nocciole.

Bianco e nero di seppie

Panna cotta ai ricci di mare tra le due sfoglie di seppia, spaghetto soffiato e una goccia di olio piccante.

Ribolla Gialla 2013 – Villa Parens

Il maître Luca Pedinotti ci serve la prossima portata

Mandorla e dragoncello

Emulsione di acqua di mandorla e foglie di dragoncello.

Ostrica e nocciola

Ostriche crude frullate con crema di nocciole.

La parola allo chef per la presentazione del prossimo piatto

Greco Igt 110 Oyster 2013 – Joaquin

Cappucino di funghi

Raviolo di magro con ragù all’italiana

The invisible man Rioja Doc – Casa Rojo

Morone al vino rosso

Brunello di Montalcino 2005 – Belpoggio

Agnello alla brace con cipolla e salmone

Moscato d’Asti 2005 Vigna Vecchia – Ca’ d’Gal

In sala arriva il dessert!

Omelette a sorpresa

Vermouth Carpano Antica Formula on the rocks

Luigi Taglienti con la pentola d?oro Agnelli per una graditissima sorpresa

Pasta burro, limone e semi di coriandolo

Al termine della cena lo chef siede al tavolo Amici Gourmet per gustare con noi l’ultimo piatto!

Un brindisi finale a conclusione della bella serata!

Magna Mater Stravecchio – Branca Distillerie

Caffè servito in moka Alessi

Coccole finali

Tipologie di piccola pasticceria: tartelletta di pasta frolla con crema pasticcera e fragola; cannelés alla marmellata di arancia amara; cannoncino con crema ricca alla vaniglia del Madagascar.

Gli omaggi del nostro main partner Inalpi per i nostri AmiciGourmet

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della 599ma edizione Meeting di Altissimo Ceto

Ristorante Lume
20143 Milano
Via G. Watt, 37
Tel. 02 80888624

E-mail: restaurant@lumemilano.com
Sito internet: www.lumemilano.com

[10/20/2016, 18:11] ?We have become accustomed to constant change and instant boredom.? - Ex Archium
From the Archives Thursday, June 26, 2014

"The business of wine buying is being handed over to a bunch of fireflies and their life span matches their attention span. It?s no longer about good or even great wines. It?s all about the next wine. Forget about the last wine, even if it was a quixotically unpronounceable and profoundly delicious wine like Txakoli."

Such was the conversation with a colleague last night over a plate of grilled swordfish and a very boring and mundane Chianti Classico we paired it with. We were talking about a young buyer that I had tipped my colleague off to. I said, ?She?s young, she?s energetic. She wants to try all these new wines. She?s the future.? Or so I thought.

My colleague thought otherwise. "She may be the future but not as a wine buyer. Maybe as a poster child for what not to do. And she isn?t alone. There are plenty of 'gamers' out there, getting the trips and the gift cards and the long lunches, pretending to be the future."

Joyce Goldstein?s quote above, ?We have become accustomed to constant change and instant boredom,? referring to the food movement in America (and noted by Steve Heimoff in a recent post) applies not only to food, as Steve mentioned. A small winery has to encounter many kinds of wine buyers in these days. But the newly empowered wine buyer who has yet to visit a winery or have a repertoire of flavors and tastes, they are calling the shots. They are the new gatekeepers. But they haven?t spent much time outside their gates. And the problem is their lack of experience (and narcissism) might shoot them in the foot.

I recall a wine buyer in an Italian spot, trendy, full of buzz. Courted by wine salespeople, invited to this and that event, made to feel important. When I bought wines off the list that this wine buyer was enamored with, twice, the wines were undrinkable. I cringed as I sent a bottle of Barbaresco back, knowing my chances of showing wine in the future would be impinged because it appeared I was being mean or cranky. A teaching moment it was, but the student out of sight, playing with their Coravin.

This whole thing about constant change has hijacked the wine industry and often the floors of restaurants. Bordeaux wines are no longer important. Forget the fact the Bordeaux is still the epicenter of the wine business from a financial perspective. The wines? Boring. Next.

Italy hasn?t been untouched by this relentless pursuit for the next big thrill. Nebbiolo isn?t good enough for you? How about some Albarossa! Satiated with Saten? Energize with Erbaluce! Sangiovese seems supercilious? Ciliegiolo to the rescue!

The Italian vineyard isn?t a landing strip. It?s a labyrinth. And it?s not for the attention deprived. It?s a long walk, not a cat walk.

Yeah, I?m concerned. I see all these great wines being passed over by channel-surfing wine buyers. And that is making the diners nuts. They come to a restaurant (at least the ones with disposable income) for comfort and pleasure, not to be schooled by a tadpole about disgorging wine tableside.

I heard a young wine buyer (I?m sorry, I cannot call them a sommelier, I have too much respect for that position) tell me, unabashedly, that they would rather sell a Movia than a Salon. I wonder how the restaurant owner would feel about that. We have lost sight of basic building blocks. This is unsustainable.

Recollecting the night the wine chap came up to me at the table. He was so excited about showing me this sparkling red wine from the Marche. ?I think I have something for you,? he said ?that you have probably never seen in America.? I?m going along with it, thinking how great this will be. Out comes the bottle, he pops the cork, pours it. Red, frothy, juicy. ?Well, what do you think? Isn?t Vernaccia di Serrapetrona cool??

?Yes,? I answer, ?it?s very cool. Just like it was when I first brought it into this market in 1982.?

This happens all the freekin' time.

I remember a real knucklehead. He?d been to Italy on a student tour and got the bug. His deal was the ?gotcha? wine. Problem was every time he brought one out it was an old friend. It was like he was trying to reinvent history to show him as the ?discoverer? of the wine in America. Who cares?

I, for one, wish some of these (and some not are so young anymore) wine buyers would take their ego out of the equation and stop trying to be a Newton or a Darwin. Or a Lady Gaga. If you really want to be balls to the walls, take your butt to wine country and make the stuff, like Adam Lee or Hardy Wallace. Spend some time chopping in the woodshed. Oh wait, we?re not talking jazz, this is the wine business, where mastery is instantaneous.

The crazy odd thing about the wine business is how inclusive it is, not exclusive. You want camaraderie? We?ll bring a winemaker over and have lunch, become friends, come stay at their guest house in the Langhe or lux hotel in the Maremma. It?s that easy. But buy a bottle (or a case) of their wine if you like it and become a friend back to them. Maybe that?s the problem, we?re too inclusive, we let anyone in. And some of those folks think it was because they?ve actually done something, earned it. You earn it, everyday. It?s a pay-it-forward kind of thing.

The wine buyer who I referenced earlier in this blog post? She ?left? the trendy Italian spot to pursue freelance ?opportunities? and might have blown the opportunity of a lifetime. People are nice to buyers. Sometimes buyers mistake that in place of their own personal social network. It?s still a business. I bring an owner of a winery to see you, we taste through eight wines, you seem to like them. The winery owner invites you to come and visit the winery when in Italy, stay at their apartment, dine in their restaurant. What do you do?

Buy a case of the goddam wine?quit looking for the next cool thing. It?s right in front of you. Pay attention. And while you're at it, take notes on the wines you are tasting. No one is that cool.

written by Alfonso Cevola limited rights reserved On the Wine Trail in Italy
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
[10/19/2016, 22:05] Verdura Resort e Ristorante Zagara ? Sciacca (AG) ? GM Marco Truffelli

Un esclusivo resort affacciato sul Mediterraneo, una spiaggia privata estesa su poco meno di 2 chilometri della costa tra Agrigento e Sciacca, tre campi da golf, uno da calcio e sei da tennis, cui vanno aggiunte una piscina a sfioro di 60 metri e un?attrezzatissima area fitness. La struttura è circondata da un parco di 230 ettari, con frutteti e orto di 2.600 mq dove vengono coltivati con agricoltura biologica gli ortaggi utilizzati nei quattro ristoranti e nel bar del Resort. Dal 2014 viene prodotto anche olio extravergine d?oliva che accanto all’impiego alimentare è anche la base per i prodotti di bellezza della linea Forte Organics utilizzata in tutti gli hotel del Gruppo Rocco Forte Hotels e per tutti i trattamenti della Verdura SPA. Quattro i bar, in prossimità dei luoghi dove si concentrano le attività degli ospiti dell?hotel, e altrettanti ristoranti, per soddisfare le esigenze del cliente in ogni situazione, partendo dal Buongiorno: dove degustare una ricca colazione a buffet, e spaziando dal ristorante Amare, ideale per piatti semplici da assaporare sulla terrazza affacciata sul mare, alla pizzeria tratoria siciliana Liolà. Aperto solo a cena invece il ristorante gourmet Zagara, propone ricette più sofisticate elaborate dallo chef Fulvio Pierangelini e l?executive chef Paolo Platini.

Il borsino delle guide cartacee 2016

Michelin assegna cinque casette all’hotel
Espresso non segnala
Gambero Rosso non segnala

Patron: Sir. Rocco Forte e Olga Polizzi

Lo staff dell?hotel

General Manager: Marco Truffelli (?68); Resort Manager: Vito Spalluto (?78); F&B – Bar Manager: Luca Chisesi (?70); Capo Ricevimento: Alberto Quinci (?81); Chief Concierge: Emanuele Venezia (?77); Spa Manager: Anna Fedre (?50); Sales & Marketing Manager: Daniele Trombacco (?77); Housekeeping Manager: Anna Avola (?69)

Lo staff del ristorante Zagara

Executive Chef: Paolo Platini; Executive Sous Chef: Emanuele Riccobono; Sous Chef: Gianluca Interrante; Pastry Chef: Francesco Virga; Saucier: Francesco Di Maria, Ignazio Caruso; Entremetier: Nicola Stabile; Chef de partie antipasti caldi: Davide Di Marco, Simone Vigato; Chef de partie antipasti freddi: Alice Saglio, Francesco Parisi

Il Verdura Resort

Il campo da golf

La piscina a sfioro

La spiaggia

Gli esterni

La Verdura SPA

Verdura SPA è una vera e propria oasi di benessere: 4.000 mq con 4 piscine talassoterapiche, 2 saune, e un hammam. Spazio congressi da 4.000 mq che include un?ampia sala conferenze (fino a 300 persone), 7 sale meeting e uno scenografico anfiteatro esterno per 500 persone.

Risorse download:

-> Listino trattamenti SPA

Bar Granita

Ristorante Amare

Le camere

Il Verdura Resort dipone di 203 camere e suite arredate secondo le ultime tendenze del design da Olga Polizzi, proprietaria insieme a Sir Rocco Forte del Gruppo Rocco Forte Hotels.

Tariffe per la Deluxe Room da ? 240 a ? 700, per la Presidential Suite da ?2.600 a ? 4.000

La suite di VG

La camera da letto

Il salotto

Il minibar

Il benvenuto dell’hotel

La sala da bagno

Il courtesy kit

Cena ail Ristorante Zagara

Sala e mise en place

Il menù

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.


Tipologie di pane: nero di Castelvetrano, bocconcini di farina bianca, bocconcini con pomodoro secco, panini con farina multicereali.


Frittura di calamari e verdure di stagione

Calamari e verdure a bastoncino passati in un misto di farine e poi fritti in olio di semi di arachide; salsa in agrodolce preparata con aceto bianco, vino bianco, zucchero con infusione timo, menta, basilico e bucce di limone.

Brut Rosé 2012 – Terrazze dell?Etna

Insalata di astice, fagiolini e salsa arance

Astice scottato nel carapace, fagiolini freschi aperti e arance a vivo, il tutto condito con olio extravergine d?oliva dei Verdura Azienda Agricola, sale Maldon, pepe di Sarawak, velo di salsa di arance (a base di riduzione di spremuta di arance e olio extravergine d?oliva di Verdura Azienda Agricola)

Spaghettoni ai gamberi di Sciacca, tenerumi e limone

Spaghetti di Gragnano saltati con salsa di tenerumi montata, gamberetti bianchi di Sciacca e zeste di limone.

Il Verdura Resort by night


La cucina del Verdura Resort e del ristorante Zagara rispecchia la filosofia culinaria del maestro Fulvio Pierangelini, che collabora con il Gruppo Rocco Forte Hotel in Sicilia e a Roma: fare della semplicità lo scopo primario della ricerca enogastronomica. Una visione condivisa dall?executive chef Paolo Platini, alla guida del ristorante, dove propone portate dirette ed essenziali, di grande equilibrio e finezza.

Servizio e accoglienza

Un?accoglienza calorosa e un servizio esclusivo, interamente dedicato al cliente e alle sue esigenze per garantire a ciascuno un soggiorno di totale relax, in cui sentirsi un ospite privilegiato e ?preferito?.


Una location di rara bellezza, immersa nella tipica vegetazione della macchia mediterranea per un tratto di costa di quasi due chilometri; una struttura all?avanguardia, arredata con grande cura; un luogo di relax ideale anche per gli amanti dello sport e capace di offrire al cliente un ricco portafoglio di proposte ricreative e di svago. Il tutto corredato da un?offerta enogastronomica di altissimo livello.

Viaggiatore Gourmet

Verdura Resort
92019 Sciacca (AG)
S.S.115 Km 131
Tel. (+39) 0925 99 8001
E-mail: reservations.verdura@roccofortehotels.com
Sito internet: www.roccofortehotels.com

Ristorante Zagara del Verdura Resort
Tel. (+39) 0925998001
Chiuso a pranzo
E-mail: fboffice.verdura@roccofortehotels.com

[10/18/2016, 22:05] Ristorante La Madia ? Licata (AG) ? Chef Pino Cuttaia

Tra le tappe imperdibili del tour siciliano di Viaggiatore Gourmet non poteva mancare La Madia di Pino Cuttaia. Il ristorante quest’anno sfoggia una veste completamente nuova: un ambiente pulito, chiaro, dall’arredo semplice e privo di eccessi dove predomina il rovere chiaro che riveste il pavimento. In sala, tovaglie bianche, colori tenui alle pareti e una grande finestra, che illumina tutto l’ambiente, affacciata sul cortile del ristorante, orto e giardino al tempo stesso. La cucina di Pino Cuttaia però è sempre la stessa, un percorso a ritroso nella memoria dello chef, per portare alla luce i ricordi più cari che trovano poi espressione concreta nei piatti che compongono il menù. La memoria dunque è l’ingrediente segreto di ogni piatto, come ricorda la scritta bianca che spicca sulla parete di legno, e a essa si aggiungono materie prime di ottima qualità, tutte rigorosamente siciliane. Dal 2014 però la cucina dei ricordi dello chef è alla portata di tutti, grazie a Uovo di Seppia, il nuovo progetto di Pino Cuttaia che è al tempo stesso dispensa, gastronomia delle sue creazioni più golose in forma take-away e laboratorio dove partecipare a corsi di cucina per chi vuole riscoprire prodotti e abbinamenti.

Archivio storico reportage:

-> Meeting del 5 aprile 2009
-> Meeting del 19 settembre 2010
-> Meeting del 11 settembre 2011
-> Meeting del 30 settembre 2012
-> Reportage del 3 ottobre 2014

Il borsino delle guide cartacee 2016
Michelin assegna due stelle e tre coperti
Espresso assegna 18,5/20
Gambero Rosso assegna 93 – cucina 57

Il giardino aromatico

La filosofia dello chef

Sala e mise en place


Lo chef ci raggiunge al tavolo

Il tavolo di VG

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.


Metodo Classico Brut Millesimato Rex Siciliae Federico II – Milazzo



Merluzzo all?affumicatura di pigna, patata schiacciata e funghi

Bufala e pomodoro

Quadro di alici marinate in acqua di mare, cipolla rossa e semi di pomodoro, nero di seppia essiccato, cornice di maionese di bottarga

Passobianco Terre Siciliane 2014 – Passopisciaro

Memoria visiva – tonno marinato in olio e limone

Uovo su uovo: ricotta, ovuli e uovo

Etna Rosso Guardiola doc 2014 –  Tenuta delle Terre Nere

Polpo sulla roccia

Pronti a scoprire la portata successiva

Raviolo di calamaro ripieno di tinniruma di cucuzza, salsa di acciughe e mazzancolle

Cous cous alla trapanese: cous cous con pesto alla trapanese e mandorla tritata

Pasta e minestra di crostacei: mandorla tostata, basilico, pomodoro e spaghetto spezzato

Agnello con la sua patata

Granita alla mandorla con brioche



L’autografo dello chef

Stretta di mano con Enzo Fulginiti, il Presidente degli Amici Gourmet

Visita a Uovo di seppia

Lo chef ci racconta tutto il suo progetto

Il bancone della gastronomia


Autentica, semplice e diretta, capace di parlare al cuore di chi la gusta, comunicandogli le stesse emozioni che lo chef collega al ricordo a cui ogni portata è ispirata. Una cucina evocativa e di sostanza attraverso la quale lo chef Pino Cuttaia instaura un proprio personale dialogo con ciascuno dei suoi ospiti.

Servizio a accoglienza

L’accoglienza degli ospiti della Madia è quella che si riserva ad amici di vecchia data: il ristorante è la casa dello chef siciliano, che ama essere molto presente in sala per raccontare i suoi piatti ai clienti e interagire con loro. Loredana, moglie dello chef, è una padrona di casa eccellente capace di mettere subito tutti a proprio agio e di creare un’atmosfera famigliare e rilassata.


Il nuovo locale, completamente ristrutturato, se possibile rende l’esperienza gourmet presso La Madia ancora più completa: gli arredi semplici in cui prevalgono i colori tenui e l’elemento ligneo aiutano il cliente a concentrarsi esclusivamente sulle portate che gli sono servite e ad apprezzarne l’immediatezza e la gustosa essenzialità.

Valutazioni: [* * * * *]

Cucina ? Servizio ? Location ? Cantina ? Coccole


Viaggiatore Gourmet – Media Partner

Ristorante La Madia
92027 Licata (AG)
Corso F. Re Capriata, 22
Tel. (+39) 0922.771443
Chiuso il martedì e la domenica sera. In Agosto chiuso il martedì e la domenica a pranzo.
E-mail: prenotazioni@ristorantelamadia.it
Sito internet: www.ristorantelamadia.it

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:


Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 8 tre stelle, dei 38 due stelle e da una buona parte dei 288 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i più prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

[10/17/2016, 22:05] Ristorante Asola ? The Brian&Barry Building ? Milano ? Chef Matteo Torretta

Asola – Cucina sartoriale il ristorante al nono piano del building di Brian & Barry è il regno dello Chef Matteo Torretta. Dalla sua cucina domina Milano e vederlo all’opera dal bancone che incornicia tutta la cucina è sempre un grande spettacolo. Possiamo affermare con assoluta certezza che “The King is back“, visto il percorso interessantissimo che ci ha proposto, un susseguirsi di piatti di grande impatto con sapori puliti e decisi. Matteo Torretta è ormai una certezza: con le sue portate ci ha confermato che ama la tradizioni, ma anche che sa essere versatile e andare alla ricerca di idee che possano conferire una forte identità al piatto mixando gusti familiari a quelli più esterofili. Questa la nostra esperienza…

Archivio storico reportage:

-> Reportage del 1° aprile 2014
-> Meeting del 28 aprile 2014

Il borsino delle guide cartacee 2016
Michelin non segnala
Espresso assegna 15/20 (nel 2015 14,5)
Gambero Rosso assegna 80 – cucina 49 (nel 2015 79-48)

La squadra

Lo staff in cucina

Executive chef: Matteo Torretta
Sous chef: Giuseppe Cascio
Chef de partie: Giuliano Fusaro, Alberto Pirelli, Mattia Taglietti, Agostino Possilipo, Fadhil Bhadil
Pastry chef: Daniele Fiora, Silavia Schiliro’

Lo staff in sala

Domenico Cammarrata, Giuliana Garavaglia, Stefano Cislaghi, Valentina Iannizzi
Sommelier/consulente vino: Roberto de Nicolo
Hostess: Anna Zollo

Il Bancone, fulcro dell’Asola

Ecco lo chef…

Sala e mise en place


Riportiamo, come sempre, i menu degustazione e quello alla carta.

Menù degustazione tradizionale

Uovo croccante con zucca, porcini croccanti e sentore di gorgonzola
Risotto alla milanese con ristretto di carne e midollo in tempura
Cotoletta alla milanese con bouquet primaverile
Tiramisù classico
Vino in abbinamento a cura del sommelier 70 ?

Menù degustazione di mare

Alici marinate con insalatina di lenticchie e salsa di coriandola
Linguine di Gragnano in insalata di polpo cottura in consommé di polpo, spuma di patate e uova di salmone
Risotto, scampi e salicornia con pomodoro candito al profumo di vaniglia e sentore di crostacei
Triglia in autunno con crema di tartufo nero, funghi e ristretto di triglia allo zafferano
Banana split mousse di banana, meringa alle fragole e cioccolato
Vino in abbinamento a cura del sommelier 80 ?

Menù alla carta

Uovo croccante con zucca, porcini croccanti e sentore di Parmigiano ? 13,00
Alici marinate con insalatina di lenticchie e salsa di coriandolo ? 14,00
con insalatina di lenticchie e salsa di coriandola
Salmone selvatico con patate in amatriciana e broccolo romano ? 14,00
Petto d’anatra con carciofo in due consistenze e bagna càuda ? 15,00
Coniglio di Carmagnola, rollé fondente e foglie in tempura ? 16,00
Pata negra riserva con pane e pomodoro arrosto ? 24,00

Main courses
Linguine di Gragnano aglio, olio e peperoncino su fonduta di Parmigiano e zenzero ? 12,00
Risotto alla milanese con ristretto di carne e midollo in tempura ? 13,00
Linguine di Gragnano in insalata di polpo, cottura in consommé di polpo, spuma di patate e uova di salmone ? 14,00
Risotto, scampi e salicornia con pomodoro candito al profumo di vaniglia e sentore di crostacei ? 16,00
Ra-viola con ripieno di pollo alla diavola, gambero e ristretto di funghi ? 17,00
Spaghettone di Gragnano total green con vongole, clorofilla di prezzemolo e limone candito ? 18,00
Sfera di baccalà, mantecato di baccalà, tempura nera e salsa pizzaiola ? 19,00
Black cod o merluzzo carbonaro con mosaico di zucchine al lime e crema di melanzane affumicate ? 24,00
Triglia in autunno con crema di tartufo nero, funghi e ristretto di triglia allo zafferano ? 26,00
Brasato al cucchiaio: guancia di vitello con purè affumicato ? 19,00
Entrecôte con crema di peperoni gialli bruciati, paprika e cipolle annerite ? 24,00
Piccione con composta di uva fragola, finferli e coscetta impanata alla milanese ? 27,00
Cotoletta alta alla milanese con carote glassate al profuno di curry ? 28,00

Gazpacho di frutta e verdura pinzimonio di verdure croccanti / 14 ?

La Caesar salad di Matteo Torretta pollo dorato, cuore di lattuga, veli di Parmigiano, bacon croccante e dressing alle acciughe/ 16 ?
Caprese di gamberi mozzarella di bufala, gambero al vapore, pomodoro camone, guacamole e basilico/ 18 ?

Meringata ai frutti esotici sapori in contrasto/ 10 ?
Anguria e Campari con cioccolato bianco e menta/ 13 ?
Gin tonic al piatto: lime, acqua tonica e cetrioli / 10 ?
Soufflé al mascarpone con sorbetto di fragola e chantilly alla vaniglia/ 12 ?
Questo non è un limone sorpresa di Galileo e Matteo / 15 ?

Business lunch
Piatto unico in tre portate con a seguire il dessert, acqua e caffè ? 30?

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.


Tipologie di pane: girella con olive taggiasche, focaccina, pan brioche, ai cereali e bianco

Il sommelier ci serve l’aperitivo

Secolo Novo Franciacorta Brut Millesimato 2008 – Le Marchesine

Matteo Torretta ci riserva il suo personale benvenuto

Tipologie di stuzzichini: pan brioche con foie gras e salmone marinato allo zafferano, tartare di branzino, sedano bianco e papaia, pata negra con pane tostato e cuore di pomodoro e basilico; chips di riso al nero di seppia, tartare di gamberi e pomodoro candito.

Sylvaner 2015 – Taschlerhof


Hamburger a sorpresa

Pane biscottato allo yogurt con pasta di salsiccia, fasolari e maionese ai crostacei.

Insalata croccante di lenticchie profumata al coriandolo e alice al sentore di zenzero

La brigata di cucina e lo chef preparano la prossima portata

Risotto mascarpone e limone, salicornia brasata e in tempura, gambero rosso, caviale ai crostacei e pomodoro confit profumato alla vaniglia

Chardonnay 2012 – Cloudy Bay

Triglia in autunno

Tartufo nero, finferlo semicrudo, ristretto di triglia in bouillabaisse.

Lo chef termina gli ultimi preparativi del prossimo piatto

Black cod marinato nel miso su un carpaccio di zucchine e lime, crema di melanzana affumicata e cozze fredde

Matteo ci mostra la nostra bistecca prima della cottura

Ultimi ritocchi prima della cottura

Il sommelier ci serve il calice in abbinamento al secondo di carne

Ginestrino Langhe Nebbiolo 2014 – Conterno Fantino

Lo chef Matteo Torretta ci presenta il prossimo piatto

Tomahawk di manzo con carciofo fritto, carciofo in crema e bagna càuda

Gin tonic al piatto

Gelatina al gin, mousse al cioccolato bianco e lime, sorbetto al limone.

Chateau Filhot Sauternes 2001 – Chateau Filhot

Stecco di tiramisù con gelato al caffè

Caffè e coccole finali

Tipologie piccola pasticceria: piccola mousse alla nocciola e gelatina ai lamponi

Salutiamo lo chef sorseggiando un rinfrescante gin tonic!


Possiamo tranquillamente definire la cucina di Matteo come matura: ogni boccone si dimostra goloso e deciso, del resto quelli sono i suoi marchi di fabbrica, ma risulta più calibrato e pulito di un tempo. La voglia di far divertire il cliente, perché no provocarlo, c’è sempre ed è immutata, ma viene approcciata in un modo differente, più umile e cosciente.


Dinamico: la brigata si muove con ritmo e leggerezza per accontentare la grande quantità e varietà di commensali che riempiono le pause pranzo milanesi del centro di Milano, fino a sera, quando i ritmi si fanno più tranquilli e si ha più tempo per soddisfare i palati.


In una struttura tanto bella quanto polivalente, Matteo Torretta si conferma ormai chef in grado di appagare e divertire il suo pubblico eterogeneo con intuizioni geniali e grandi classici rivisti con il suo personalissimo tocco.

Valutazioni: [* * * * *]

Cucina ? Servizio ? Location ? Cantina ? Coccole

Viaggiatore Gourmet – Media Partner

Asola | Cucina Sartoriale
20122 Milano (MI)
Via Durini, 28
Tel +39 02 92853303
E-mail: info@asolaristorante.it
Sito internet: www.asolaristorante.it

[10/16/2016, 22:05] Cartoline dal 598mo Meeting VG @ Ristorante Locanda Don Serafino ? Ragusa Ibla (RG) ? Patron Giuseppe e Antonio La Rosa ? Chef Vincenzo Candiano

Nel cuore di Ibla, città vecchia di Ragusa e patrimonio UNESCO, gli antichi bassi ristrutturati accanto alla celebre Chiesa dei Miracoli ospitano l?elegante ristorante Locanda Don Serafino. Dal 2002 la cucina è guidata da Vincenzo Candiano, siciliano Doc, innamorato della sua terra e dei suoi sapori tanto da farla protagonista della sua filosofia culinaria. Vincenzo ama descrivere i suoi piatti come “territoriali per gusto, ma contemporanei per estetica e concettualità”. Una combinazione che ha convinto i palati degli Amici Gourmet, ospiti di un pranzo in cui nessun dettaglio è stato lasciato al caso. I piatti dove venivano servite le nostre portate infatti erano quelli della linea Thalass Drop, ideata dallo chef con il mastro vetraio Alessandro Di Rosa. Pezzi unici, interamente realizzati a mano, caratterizzati da gocce di blu intenso, il colore del mare di Donnalucata, del cielo e dell?estate siciliana. Dolce sorpresa a conclusione del nostro pranzo, la cioccolata calda realizzata con la miscela Xicara creata dallo chef in collaborazione con l’Antica Dolceria Bonajuto, un?istituzione nella produzione di cioccolato di Modica.

Archivio storico reportage:

-> Meeting del 29 settembre 2012
-> Meeting del 6 ottobre 2013


Il bancone all’entrata

Il salotto interno

Sala e mise en place

Il tavolo Amici Gourmet

Il nostro menù personalizzato

Abbinamento Vini
Nei meeting utilizziamo i vini messi a disposizione dai nostri Partner.

Il direttore di sala Stefano Chessari ci serve un aperitivo

Champagne Brut Vintage 2006 ? Thiénot

Tipologie di stuzzichini: sandwich di ricciola con cipollotti allo zafferano e crema di mandorla; bruschetta con formaggini di latte Inalpi e bottarga di pesce spada con pomodorini confettati in olio di limone.

Tagliatelle di calamaro ai ricci su crema di ricotta e polvere nera

Arancine ai funghi dell?Etna e pancetta di Nebrodi con fettine di latte Inalpi


Tipologie di pane: bianco, con cacao, pomodoro “capuliato”, farina d’avena e semi di girasole; grissini al timo. Tutti i lievitati sono a base di farina tumminia di Castelvetrano, macinata a pietra. Servito con olio extravergine d?oliva 100% Tonda Iblea e olio extravergine d?oliva Primo 2013 Frantoi Cutrera.


Ostrica Gillardeau al succo di fico d?India, pepe rosa e crescione

Etna bianco 2015 – Pietradolce

Finto tonno rosso con ganache di pomodoro all?origano, polvere di olio all?origano

Saray Cataratto Terre di Sicilia Igt 2012 ? Porta del Vento

L?uovo in salsa di pomodoro, spuma di caciocavallo e basilico 

Un ricordo d?infanzia da gustare facendo la scarpetta col pane.

Coscetta di faraona croccante confit in burro chiarificato di panna fresca Inalpi, polenta di cicerchia e zafferano di Giarratana, caciotta Kremina Inalpi e funghi arrosto

Rosso del Contadino Terre di Sicilia Igt 2014 ? Frank Cornelissen

Aggiunta del brodo con verdure di mare per completare il piatto

Raviolo di coda di vitellone nel suo brodo con verdure di mare

Cerasuolo di Vittoria Maskarìa docg ? Terre di Giurfo

Linguine al burro di capra girgentana alla citronella con gamberoni e cialda di noci e pistacchio

Etna rosato Doc 2014 – Graci

Filetto di mupa in un mare di verdure

Il “mare” è riprodotto con l’acqua di cavolo rosso, all’interno del piatto verdure stagionali e terriccio al nero di seppia.

Lo chef vincenzo Candiano ci raggiunge al tavolo

Intermezzo defaticante prima dell’agnello

Nerello Mascalese Etna rosso Doc 2011 ? Masseria Setteporte

Spalla di agnello brasata con foie gras d?oca e mele cotogne, riduzione di marsala Vecchio Florio

Pesca Bellini

Targa Riserva 1840 Marsala Superiore Semisecco 1994 – Florio

Valle dell?Irminio

Coccole finali

Tipologie di piccola pasticceria: tartelletta con ganache al cioccolato alla fava tonka con frutti rossi e more; cassatina con ricotta di pecora; frollino con confettura di albicocca; macaron dedicato a Gualtiero Marchesi con crema di riso, lamponi e foglia d’oro.

Sigaro defaticante prima del caffè

Enzo Fulginiti, il Presidente degli Amici Gormet

Sigaro, caffè e golosità

Lo chef all’opera per prepararci una merenda a base di…

… cioccolato, con il preparato Xicara!

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della 598esima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Locanda Don Serafino
97100 Ragusa
Via G.Ottaviano s.n.
Tel (+39) 0932 248778
E-mail: info@locandadonserafino.it
Sito internet: www.locandadonserafino.it

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:


Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 8 tre stelle, dei 38 due stelle e da una buona parte dei 288 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i più prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

[10/16/2016, 22:05] Aperitivo Mio Bar meets Pacifico ? Ceviche Hours ? Mio Bar del Park Hyatt Milano

Al Park Hyatt si sperimenta un nuovo tipo di aperitivo e Viaggiatore Gourmet è andato subito in avanscoperta. Fino al 15 novembre dalle 18.30 alle 22.30 sarà Mio Bar meets Pacifico – Ceviche Hours. Il bancone del Mio Bar si trasforma in una cevicheria: ogni sera va in scena uno show cooking a cura degli chef del Pacifico, ristorante peruviano di Milano, durante il quale vengono proposti 5 diversi tipi di ceviche, uno per ogni parte del mondo. La cucina peruviana è infatti un mix di culture, sapori, ingredienti e tecniche. Le materie prime utilizzate sono: pesce, patate, mais delle Ande, frutti esotici ed erbe raccolte nella foresta Amazzonica. Prodotti utilizzati per secoli dagli Inca e dalle popolazioni locali, poi dai conquistadores spagnoli e infine dagli immigrati cinesi, giapponesi, italiani e francesi arrivati in Perù.
Il ceviche è il piatto più rappresentativo della cucina peruviana, che racconta di questo incontro di molteplici tradizioni culinarie ed altro non è che pesce crudo freschissimo, lasciato ?cuocere? nel succo di lime, con cipolla rossa cruda e aji (peperoncino piccante), pepe e un pizzico di sale. Ovviamente per completare l?esperienza, il Mio Bar ha pensato a una carta cocktail dove il protagonista è il Pisco celebre distillato peruviano. La carta Pisco 1615 ?Gluttony? è composta da cinque cocktail che accompagnano le cinque diverse varianti di ceviche.

Il menu e la lista dei cocktails

I piatti dello speciale menu creato dallo chef Jaime Pesaque sono:

Ceviche Puro: branzino e leche de tigre classico con choclo, cancha e finito con cipolla rossa
Ceviche Asiatico: tonno e leche de tigre al miso. Una fusion dove alga nori e pasta di miso bianca guarniscono uno dei piatti più noti della cucina Peruviana)
Ceviche Mixto: capesante, gamberi e leche de tigre al rocoto. Con polpo in infusione di leche de tigre al rocoto, piccante ma equilibrato)
Ceviche Barrio Chino: salmone, won ton e leche de tigre chifera. Insieme di sapori con il passaggio della cucina peruviana in Cina)
Ceviche San Isidro: gamberi rossi e leche de tigre al olio d’oliva e Parmigiano. Un’ottima alternativa per che ama i sapori di casa con ingredienti italiani

Pisco 1615 ?Gluttony?

La carta dei cocktail propone 5 temi sia in coppa grande che in speciali bicchierini per shot cocktails:

Mio Pisco Sour: Pisco 1615, limone, zucchero, cannella
Vargas Llosa: Pisco 1615, triple sec, arancia, lime, zafferano
Por Pasion: Pisco 1615, Passoa, maracuya, lime
Natzca: Pisco 1615, Chambord, lamponi, ginger
Tilsa Lozano: Pisco 1615, Campari, canton ginger, lychee
Quechua Punch: Pisco 1615, liquirizia, more, violetta

Ceviche Puro: branzino e leche de tigre classico con choclo, cancha finito con cipolla rossa & Pisco Sour

Mio meets Pacifico! Ceviche Mixto: capesante, gamberi e leche de tigre al rocoto, con polpo in infusione di leche de tigre al rocoto

Ceviche San Isidro: gamberi rossi, branzino, avocado, cipolla fritta e leche de tigre all’olio d’oliva e Parmigiano

La portata con quattro assaggi di ceviche

Viaggiatore Gourmet – Media Partner

Mio Bar del Park Hyatt Milano
20121 Milano
Via Tommaso Grossi, 1
Tel. (+39) 02 88 21 12 34
Fax (+39) 02 8821 1235
E-mail: milan.park@hyatt.com
Sito internet: www.milan.park.hyatt.com

[10/16/2016, 17:22] The Endangered Wine List in the New Millennium
? Old man take a look at my life I'm a lot like you ?
There?s so much I want to say about what I have observed in the marketplace in the last two weeks. For one, it is the beginning of the O-N-D holiday selling season for the wine business. For another, the last two weeks we have had two, not one, but two Barones in from Tuscany and their estates in Chianti, working in the markets. And to have people whose families have been long committed to wine and Chianti, at that, has been a sobering experience.

Why sobering? One, because of the immense importance those two Barones represent in Tuscan wine life. And that, interposed with interactions with young buyers, the upcoming generation, has been just that; an exercise in which I have been, at times, taciturnly pronated. For in the rush to put together amazing wine lists, lists which the most advanced wine enthusiast, even a master sommelier, would be hard pressed to recognize all but a handful of wines. And lists across the state (and indeed the country) which I peruse and attempt to make choices, if only theoretically.

But there?s another perspective about this that I want to share. And it isn?t about the usual suspects that pop up on these new millennium wine lists.

The grief isn?t over seeing Ar.Pe.Pe on another wine list. Or Occhipinti. Or Cavalotto. Or Paolo Scavino?s ?Bric del Fiasc.? It?s the disconnect between the ?rediscovery? of wines like these and the blind spot for classic wines like Chianti Classico and Pauillac from producers who are iconic but also historical. It?s as if those wines, that have been venerated by generations of wine lovers and sommeliers, are being eradicated from the lexicon of wines once considered revered and, even more important, essential.

And while Chianti and Bordeaux aren?t the only ones on the endangered list, they seem have been singled out for their lack of edginess, for unsatisfactory coolness. They?ve been left out of the Instagram Generation.

Being a future watcher for as long as I can remember, this is puzzling. As everything under the sun usually falls within a cycle, perhaps the planet that we find ourselves on takes a longer time to rotate around this new sun. Perhaps this new age of wine lovers have studied with Cliff Notes and bypassed some of the longer lessons?

Those wineries aren?t disappearing. In Bordeaux and Tuscany, for example, all the classic places, Mouton, Lafite, Ricasoli, they all still exist. And thrive. So who is poorer for the lack of exposure on the hippest of lists in New York or San Francisco, or even down-tier markets like Dallas or Houston? In reality, there are no losers. But there is this striation in time that has jutted out in tectonic fashion. It?s as if a new mountain has been discovered, by only a few, who proclaim it to be higher than Everest. And hence, they choose no longer to climb it, preferring their own special peak, Mt. Matchless.

In a way it strikes me as a bit of wine folly. Is there fear that one?s list will look like another's? Aren?t some of these new age wine lists all starting to look a lot alike? Or maybe it is because some of these less desirable wines now belong to a larger, more corporate wine world, Big Wine? That could be some of it, a reaction to the big, so let?s find smaller alternative wines.

There is this notion of searching for one?s vision, one?s ?voice,? when making a wine list, for an authentic experience that one can share with the diner, to show them where you?ve been, who you know, what you love, who influences you.

But what if in its doing, some of these magna opera are constructed as a labyrinth? What if while we?re turning the pages, looking into the heart of the wine director, we?re really trying to find a path, and ultimately, a way out?

This past month, traveling across Texas, I've been staring at an amalgam of wine lists. There were plenty of wines I recognized, although many that were way out of my budget. It was as if the game was to find a wine (or wines) suitable for the evening, that would marry well with the food. It was somewhat perplexing. Would time allow me to go through the whole lists (some were large, hundreds of wines) without putting our meal on hold while I found the appropriate selections? If those who had created the lists been available, might that have been a different story?

I know wine. And I have a good enough of a budget not to have to just buy the cheapest thing to get us through an evening. But in this exercise I found I was feeling annoyed. My time (and my guests time as well) was being wasted in going through this maze just for a bottle of wine. And that is when I had my Aha! moment.

I thought to myself, I want a wine list that doesn't take so much effort to choose from, so that I can get on to the real reason for the evening. The getting together and the sharing of a meal. Not to be dazzled (or blinded) by the wizardry of young somms on Adderall.

I?m truly impressed by these lists. But it seems the most important person in the equation, the customer, has been forgotten. And while society points a narrow beam of light toward the young generation and humanity appears to be hanging on your every step (they also did it to the boomers), this is not about you. It never was. It?s about service. The duty of one in a service role is to serve. To deliver. The assist. To oblige. To offer succor.

Fortunately on the wine trail in Italy, the labyrinth isn?t at the dining table with a wine list. The maze is what comes from the soil of Italy and the hearts of those who toil in the fields. There is so much authenticity that one can gleefully surrender to a lifelong walk along a path for which there may be no escape. And hopefully some of the upcoming generations will find themselves, not in the elaboration of a well-constructed but inexhaustible tome, but in the gritty, chalky soil of Tuscany, as summer is ending and autumn approaches, with a light wind coming off the nearby sea, the sun high overhead. And visible and brilliant for all who want to see.

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
[10/13/2016, 22:05] Cartoline del 597mo Meeting VG @ Ristorante Duomo ? Ragusa Ibla (RG) ? Chef Ciccio Sultano

In occasione dell’annuale trasferta siciliana degli Amici Gourmet, una sosta di gusto al Ristorante Duomo di Ciccio Sultano non poteva certo mancare. Siamo a Ragusa, circondati dal bel paesaggio dei monti Iblei, uno dei simboli di questa magnifica isola. Ed emblema della sicilianità è l’ospitalità offerta dal Ristorante Duomo, dove sin dall’ingresso si è accolti dal caloroso benvenuto dello staff, capace di metterci subito a nostro agio accogliendoci come amici di vecchia data. In cucina la mano di Ciccio Sultano si conferma, al solito, una garanzia: portate golose, ricche dei sapori della Trinacria e del suo patrimonio gastronomico di mare e di terra, impregnate dei suoi profumi e dei suoi colori intensi.

Archivio storico reportage:

-> Reportage del 3 agosto 2007
-> Meeting del 4 aprile 2009
-> Meeting del 18 settembre 2010
-> Meeting del 29 settembre 2012
-> Meeting del 4 ottobre 2014
-> Reportage del 3 ottobre 2015

Il nostro menù personalizzato

Abbinamento Vini

Nei meeting utilizziamo i vini messi a disposizione dai nostri Partner.


Champagne Cuvée Brut Blanc de Noirs – SteinBruck

Pesce spada affumicato, melone zuccherini di Paceco e pistacchio e oliva farcita con finto nocciolo

Cannolo con ricotta, gambero rosso e caviale

Tartare di manzo di Giuseppe Grassi di Alleva Bio con finto tartufo

Tartare di manzo proveniente da pascoli biologici del ragusano, adagiata su una salsa citrica e crema al Marsala e ricoperta da un bignè ripieno d’uovo biologico dell’azienda Aia Gaia di proprietà dello chef, ricoperto di tartufo disidratato.


Tipologie di pane: bianco, integrale, lingua di gatto all’olio d’oliva, grissini, “sfincione” palermitano servito con pomodoro, cipolla e formaggio. Il tutto accompagnato da olio extra vergine di oliva del territorio.


Spaghettino con ambrosia di gambero rosso in amore e mazzancolle della costa al pesto di basilico

Riesling 2013 Ruppertsberger Hoheburg ? Dr Bürklin-Molf

Sauvignon Indra Alto Adige 2014 – Girlan

Triglia rossa di scoglio farcita di finocchio con zuppa di mandorla

Paccheri fuori Norma con sugo allo scoglio

Paccheri fatti a mano farciti con melanzane, sugo allo scoglio, adagiati su un letto di ricotta con tonno, cernia, pomodoro cotto al vapore, scampo e gambero rosso di Marsala.

Rosammare – Barraco

Azzurro, mare, Omega 3

Sarda, sgombro e alice, verdure con salsa barbecue, salsa Remoulade, quenelle di mollica di pane.

Ghiaia Nera Tascante 2011  Conti Tasca d’Almerita

Gelato di tartufo scorzone di Palazzolo Acreide

Gragnano Penisola Sorrentina 2015 ? Cantine Gambardella

Agnello in crosta di frutta secca e candita, fagiolo Cosaruciaru e salsa di caffè Colombia Moak


Sauternes 2012 ? Lafaurie-Peyraguey

Sichilia – Espressione del limone


Caffè Moak (Rock Coffee)

Coccole finali

Tipologia di piccola pasticceria: bavarese di fragoline dell’Etna, fiocchi di neve con farina di mandorla Pizzuta d?Avola, biscottino Savoia a base di frutta secca e mandorle, tartellette con crema alla vaniglia, gelatine alla cannella e gelatine al limone; cannoli siciliani.

VG con la direttrice di sala Gabriella Cicero 

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della 597esima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Ristorante Duomo
97100 Ragusa ? Località Ragusa Ibla
Via Capitano Bocchieri, 31
Tel (+39) 0932 651265
E-mail: info@ristoranteduomo.it
Sito: www.ristoranteduomo.it

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:


Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 8 tre stelle, dei 38 due stelle e da una buona parte dei 288 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i più prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

[10/13/2016, 15:02] Alla Festa del Cinema arriva Foodopolis ? La Puglia nel piatto e Roma è servita ? Dal 13 al 23 Ottobre

Dal oggi al 23 ottobre all?Auditorium Parco della Musica, Noao – con la partecipazione di Paolo Parisi – presenta il suo format di metropoli del gusto con origini pugliesi e carattere romano Alla Festa del Cinema di Roma si mangerà pugliese. È questa la novità enogastronomica che troveranno gli amanti della kermesse dal tappeto rosso che, dal 13 al 23 ottobre, renderà Roma la capitale della cinematografia mondiale. Una sorta di temporary food corner dedicato ai piaceri del palato e all’intelligenza gastronomica con una proposta quasi mitologica che farà incontrare la tradizione pugliese e quella romana in un percorso a doppia storia e medesime radici. L?identità food tutta pugliese, ovvero orecchiette, burrata di Andria, pane di Altamura, bombette e capocollo di Martina Franca, chiamano la storica tradizione autoctona romana grazie alla presenza di special guest di rilievo dello scenario capitolino.
Strategia e operatività saranno a cura di Noao, società dedicata interamente alla gestione di servizi del settore food, che si occupa di consulenza enogastronomica e organizzazione di eventi affiancata da Barba&Capelli, società specializzata in progetti di comunicazione e firmataria della post produzione stilistica pronta per quest?anno a declinare la comunicazione gastronomica nella lingua che ha dato i natali a Domenico Modugno. E meraviglioso sarà il parterre proposto da Noao nei 10 giorni che vedranno la Puglia del gusto in trasferta nel Villaggio del Cinema.
Tra attori principali e gradite comparse del food, dietro la regia e il coordinamento di Noao, ci sarà Paolo Parisi l?allevatore eretico ? come ama definirsi ? partner di fatto della società pugliese e front man indiscusso dell?identità gastronomica italiana. Parisi proporrà la sua cucina accogliendo ospiti che interpreteranno con lui un melting-pot di culture gastronomiche. Foodopolis, all?interno dell?Auditorium Parco della Musica, dividerà la sua anima in due metà uguali: un?area prettamente lounge dedicata alla Capitale e un?area dedicata al cibo pugliese in versione smart. Roma&Puglia, insieme per la Festa del Cinema.

Per il programma vi invitiamo a consultare il sito internet di Foodopolis, mentre per restare aggiornati seguite la pagina Facebook dell’evento

Contatti: Anna Roberto +39 347 111 6266 / Nicola Serlenga +39 392 989 5533 / Francesco Dente +39 335 453 538

Orari manifestazione: da domenica a giovedì dalle 10 alle 00, venerdì e sabato dalle 10 all’una

Viaggiatore Gourmet

Organizzazione Foodopolis

P.zza Vittorio Emanuele 85
76011 Bisceglie (BT)
Sito internet: www.noaofood.com

Location evento

Auditorium Parco della Musica
00196 Roma
Via Pietro de Coubertin, 30
Sito internet: www.auditorium.com

[10/12/2016, 22:05] Hotel Castello di Casole, Ristorante Tosca e Bar Visconti ? Casole d?Elsa (SI) ? Chef Daniele Sera

Tradizione toscana, lusso, eleganza concentrate in un unico complesso, un?antica tenuta tra i colli senesi trasformata in un boutique hotel a 5 stelle, dotato di 41 suite, una SPA e un fitness center. L?Hotel Castello di Casole è una destinazione esclusiva, pluripremiata dalle più prestigiose guide internazionali per l?ospitalità di alta gamma e in quanto tale ha saputo sviluppare per i suoi ospiti un?offerta enogastronomica variegata e di qualità. All?interno della tenuta, infatti, si può scegliere se concedersi un pasto rustico, nell?atmosfera calda e familiare di Pazzia, pizzeria e ristorante tipico (a cui dedicheremo un post dedicato ndr), oppure viziarsi con la raffinatezza del Ristorante Tosca, l?offerta gourmet dell?hotel, dove degustare le portate dello chef Daniele Sera in un ambiente intimo ed elegante. Il Bar Visconti, infine, rappresenta l?anello di congiunzione tra le due proposte, un lounge bar dedicato al maestro del cinema italiano Luchino Visconti, dove degustare sfiziosi snack o piatti semplici e sorseggiare cocktail ammirando lo splendido panorama che si gode dalle sue vetrate.

Archivio storico reportage:

-> Reportage del 5 novembre 2013
-> Reportage del 15 Luglio 2015

Il borsino delle guide cartacee 2016
Michelin assegna quattro all’hotel e tre coperti al ristorante (nel 2015 il ristorante veniva segnalato nella scheda dell’hotel)
Espresso solo segnalato
Gambero Rosso assegna 81 – cucina 50 (nel 2015 solo segnalato)

La squadra F&B

Lo staff di cucina

Executive Chef: Daniele Sera
Executive Sous Chef senior: Michele Raggi
Sous Chef junior: Valerio Sorrentino e Michelangelo Romanelli
Pastry chef: Marco Denisi
Capo partita ai primi: Marco Frenquelli

Lo staff di sala

F&B Manager: Alessandro Marinelli
Sommelier: Giuseppe Sgarlata
Maître: Michele Siani
Bar Manager: Luca Corsini

La vista dall’hotel

La Hall

L’ingresso della Suite Oliveto di VG

La camera da letto

Camera da letto per i più piccoli

Il salotto

Il benvenuto dell’hotel

La sala da bagno

La terrazza privata

Pranzo al Bar Visconti

Il menù del pranzo


Spaghetti al pomodoro

Suprema di pollo alla boscaiola con verdure saltate

Insalata mista con petto di pollo all?aceto balsamico  

Branzino alla griglia servito con verdure miste

L?hamburger toscano

Cena al Ristorante Tosca

Il tavolo di VG


Link utili:

La Carta del Ristorante
La carta dei dessert

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.


Tipologie di pane: segale, formaggio, birra multi cereale, ciabatta, filone, baguette, grissini.


Parfait di foie gras e glassa alla ciliegia

Extra Dry ? Zardetto

Connubio di capasanta con mortadella di bologna e astice, carote al lime e polvere di mela verde

Vernaccia di San Gimignano Campo della Pieve biologico 2014 – Colombaio Santa Chiara

Daino in riserva! Filetto di daino cotto a bassa temperatura, rapa rossa e spugna di spinaci

OVUM – Rosso d?uovo bio con spuma di Parmigiano, uovo farcito al tartufo e uovo croccante

Chianti Classico Riserva 2012 ? Capannelle

Salumi Fracassi e formaggi dell?azienda agricola Paugnano con confettura e bruschette di pomodoro, salsiccia di cinta senese e tartufo

Gnocchi di patate al granchio e verde di clorofilla

Risotto cacio & pepe al borotalco di barbabietola e quaglia caramellata al miele

Pappardellona! Tipica pappardellona toscana al sugo di cinghiale, cacao amaro e succo di pistacchio

Branzino incantato dai carciofi! Branzino scottato con diverse consistenze di carciofi

Brunello di Montalcino docg 2011 – Donna Olga

Filetto di vitella al caffè arabico con frittata di patate al pecorino e barba di frate

I 3 porcellini! Spalla arrosto, carré e pluma su crema di mela annurca e cipolline glassate

Franciacorta Extra Brut ? Le Marchesine

Cocomero e limone

Moscadello di Montalcino Vendemmia Tardiva Boing 2006 ? Mastrojanni

La pera ha mangiato il cheesecake: cremoso di pera allo zafferano, cheesecake, mousse e cannolo fiorentino farcito alla crema chantilly

Il Limone: cremoso, soffice di tè e il sorbetto

Tour del bosco – Terra al pistacchio, amarissimo al pralinato di nocciola, nido di cioccolato bianco e sfera di ganache ai frutti rossi, tronco di albero al caffè

Caffè e coccole finali

Atmosfera serale al Castello

Il buffet della colazione

La frutta

La colazione di VG


Pasta fresca fatta in casa, ortaggi di stagione scelti direttamente dai produttori locali, selvaggina e pesce fresco, in arrivo ogni mattina della costa tirrenica: la cucina dello chef Daniele Sera predilige i sapori autentici della terra toscana, dai piatti casalinghi ai grandi classici della tradizione regionale fino a gustose rielaborazioni gourmet.

Servizio e accoglienza

Un servizio preciso e impeccabile, ma capace di entrare subito in empatia col cliente, mettendolo a proprio agio e accompagnandolo nelle diverse esperienze di degustazione con suggerimenti e consigli.


Il suggestivo paesaggio offerto dalle colline senesi diventa cornice di questo boutique hotel esclusivo, in cui convivono senza alcun contrasto tutta la rusticità di una residenza nobiliare di campagna e l?eleganza di un hotel da anni in vetta alle classifiche dell?ospitalità internazionale. Un?offerta enogastronomica all?altezza tanto della struttura quanto delle aspettative dei clienti, capace di raccontare in un piatto un intero territorio.

Valutazioni: [* * * * *]

Cucina ? Servizio ? Location ? Cantina ? Coccole

Viaggiatore Gourmet – Media Partner

Castello di Casole
53031 Casole d?Elsa
Località Querceto
Tel (+39) 0577 961508
E-mail: infoeurope@castellodicasole.com
Sito internet: www.castellodicasole.com

[10/09/2016, 15:15] The staggering weight of a 1000 year old family tree in Chianti
In a world in which there are so many more pressing issues, the fate and the future of Chianti is not even in the top 100. It?s in a quiet little pastoral zone, off the beaten path, making a product that isn?t essential, which doesn?t register high in the contemporary world and the upcoming generation. Chianti is a relic of the 20th century, a fashion that has been forgotten, and a wine that appears to be totally out of touch with today?s tastes. Inotherwords, the timing is perfect for its resurgence on the world wine stage.

Barone Francesco Ricasoli (R) and his US agent, Giulio Galli (L)

Barone Francesco Ricasoli was in Texas last week, crisscrossing the four major cities, San Antonio, Austin, Houston and Dallas. His estate, Brolio, is one of the oldest family businesses in the world and the oldest continuously operated winery in Italy. The property holdings are large, significant in fact. And the wines are varied, from a simple Chianti to a set of Gran Selezione Riserva Chianti Classicos. And the current Barone, Francesco Ricasoli, envisions a 21st century when Chianti and Brolio assume its rightful place at the table, in the world of Italian wine and in the homes and restaurants of America.

In the social structure of Italian society, Ricasoli and his Brolio are vested in the grande loge, and have been there for hundreds of years. But the 20th century upended the hierarchy of Italian life. Today, the title of Barone doesn?t convey the gravitas it once had in Italy. Still, there are all those hundreds of years of history and influence. And a couple of generations in the latter part of the 20th century cannot wipe all of it out.

But it isn?t as simple as that. What people pay attention to in these times has shifted. We aren?t as obsessed with history, with what came before, as generations once were. The little screen that dominates us and which is in front of us for so many hours in a day has blinded us to a deeper level of thought and intellectual discipline. We seek the immediate; 1/100th of a second is so much more important than the last 100 years. The slate has been wiped; the hard drive has been formatted. And it?s as if we have started over again.

And then there are places like Brolio. In the backwater of time, in a place where the energy of the land waits for the willing listener, the open heart. It can wait, has done so many times over the last millennia. Really the only ones to be deprived of this gem are those who don?t have the time or the patience, or the depth of emotional reserve to put down their mobile devices and step into a land with dirt, with spirit and with the blood of those who came before which come up through the vines and to be reborn as Sangiovese.

I?ve never been to Brolio, in all these years. Driven by it a time or two, on my way to a smaller, or trendier, place. I?ve traded in the wine going back as early as 1983, where I found a trove of older Brolio from the 1950?s for clients in Texas. I too, have been ignorant and remiss in stepping out of the moving vehicle of time and setting my foot on this land, this Brolio. That will change in the near future.

Over a plate of Texas BBQ, Francesco Ricasoli sat at our table in our kitchen and we enjoyed his wines, all of them. I was particularly interested in the two Gran Selezione wines he brought; the Colledila and the Castello do Brolio, his grand cru, his ?Lafite.?

Odd that he would call it that, for earlier in the day I was staring at the label and I thought the label seemed familiar in a larger sense. Like a coat of arms, it was heraldic. Like Lafite?s. Not that the two wines share a similarly vinous heritage. But in fact, they do share a place in history and the families are important in the world of wine. And Chianti, like Bordeaux, is so far out of the mainstream of fashion in places where there are, as Geoff Kruth likes to say, ?Hipsters drinking ironically.? For sure, you won?t find Brolio (or Lafite) in a natural wine bar. These are wines, as said earlier, totally out of touch with today?s tastes. Not cool. Not enough funk.

The surprise of the bunch, as it often is with me, was the Merlot, Casalferro. At a lunch when the Barone poured me a sip, I wasn?t paying attention to what he was pouring, talking to a colleague to my right. As I sipped, my palate lit up. I had one of those ?What is this?? moments and went to look for the bottle. Again, Merlot seduced me. For the nth time.

Francesco and I talked briefly about house style vs. the cru. In Piedmont as well as Tuscany, house style traditionally would take grapes from different vineyards and make a wine year after year, with a consistent product. Think non-vintage Champagne. And then, little by little, people in the regions started separating the lots. Terroir was ascending in importance. And while the grand cru style can be more difficult to make and with unpredictable results year after year, there is high interest in these wines.

And while I can see that, and am interested in it, I?m drawn to the house style, especially one like Brolio?s, where the historical precedent of the estate is so crucial not only to Brolio but to Tuscany. Here is where Chianti was born. And with the family decree of dignity and the responsibility of stewardship for that great heritage, Francesco Ricasoli cannot turn away from it.

But as well, the ?genius loci? of Brolio compels Ricasoli to research and experiment. And with a laboratory as expansive as Brolio, why not? This isn?t a little hobby for an investment banker or tech wizard who wants to retire to the quiet hills of Tuscany to reflect and make a little red wine for his friends. This is a farm, with scores of families, many of whom have been working the land for three or more generations. This is what Italy does. This is why wine became so important in Italy and for Italy in the world, because of a commitment that went beyond one generation. It was a livelihood not a lifestyle.

Barone Ricasoli?s family tree is staggering to observe. With that many ancestors on the present day Ricasoli?s shoulders, it can weigh heavy on one.

In the case of today?s Ricasoli, it is in good hands. The farm is going well, the estate is engaged, Tuscany, and Chianti is humming, waiting for the world to catch up with them.

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
[10/07/2016, 08:24] Punteggi, guide, ed altre elucubrazioni laterali di un assaggiatore
Nel frattempo di là, su Intravino, riparlo del concetto di valutazione di un vino. Dalle cose che leggo, e dall'esperienza fatta finora, posso dare una riposta alla domanda: "quando dai un giudizio sul vino, vale per sempre o per il momento dell'assaggio?" - la risposta (naturalmente) è: "vale per il momento dell'assaggio".

Questa sistemazione del concetto è almeno due volte utile, in questi giorni si presenta la terza edizione della Guida essenziale ai Vini d'Italia, alla quale ho collaborato per la parte della Liguria. Le mie valutazioni si riferiscono al momento dell'assaggio, e con questo cercano di fornire (anche) un quadro generale sul livello stilistico del prodotto, e del produttore: se un certo Pigato (per esempio) ha ottenuto 90/100, puoi stare certo che non berrai male. (Si cerca, anche, di fornire un giudizio di previsione sulle capacità evolutive di quel vino, ma questo è un esercizio molto meno agevole).

Come dice Robert Parker, si assegna un voto alto quando un vino, all'assaggio, colpisce per motivi di tipo emozionale: "il vino deve evocare emozione ? proprio come l?arte, la musica, la bellezza, deve esserci una reazione emotiva, e i grandi vini devono essere emozionali".

Poi può accadere, ad un secondo assaggio distante nel tempo, di modificare quel giudizio, che si ricorda e si riconosce dato in ragione di un sentimento legato al primo "vecchio" assaggio: "quante volte tornando indietro ad assaggiare un vino da 100 punti io confermo il punteggio? Probabilmente nel 50% dei casi", dice Parker.

Nei commenti Daniele Cernilli aggiunge: "due degustazioni in diversi momenti, su due bottiglie diverse, che sono dei microcosmi a livello microbiologico, hanno di per sé una serie di variabili elevatissima. Potremmo dire, con Eraclito, che non si assaggia mai lo stesso vino. Anche perché noi siamo diversi, evolviamo, invecchiamo, conosciamo sempre di più. Perciò, anche per sfatare un po' i punteggi, che io uso da sempre per esigenze di sintesi, come si fa per i voti a scuola, guardacaso facevo l'insegnante, impariamo a relativizzare e a contestualizzare".

L'essenza del prodotto-vino, che diviene (si trasforma nel tempo) come un'entità vivente, ci porta inevitabilmente a questa conclusione. Ma io dico sempre ai miei clienti che, nonostante tutto, tale fenomeno è parte del divertimento legato alla fruizione della bevanda odorosa.

Per chi riesce ad essere presente, e ha voglia di divertirsi con un po' di assaggi, la guida verrà presentata a Milano il prossimo sabato 8 ottobre e a Roma domenica 23 ottobre.
[10/02/2016, 13:21] Etna and Eggplant in the National Press: What I shot and how I cooked it
Eric Asimov (L) with Salvo Foti (R) at Quattro Archi in Milo on Etna
In the last month or so, my life of wine (and food) has ventured outside the constraints of the blogosphere. Consider this my brag blog post, for those who don?t read the NY Times or the Dallas Morning News on a regular basis. In today?s era, the ranks of newspaper readership have dwindled, or so we have been led to believe. Then again, who?s reading wine blogs anymore either? I know I?m reading less and enjoying it more, blog wise.

The Etna (and Vittoria) pieces were written masterfully by my friend and colleague (and Sicilian crash tester) Eric Asimov. I was the assigned photographer for the series. It was a once in a lifetime trip and we went to see a lot of folks we both have known for some time.

It was my sixth trip to Etna in 40 years: I'm not a newcomer to this region. It was Eric?s first trip. We went to see folks he contacted. Eric has ?connections.? I do as well, but not for this trip.

Ciro Biondi - all are welcome ~ all will be  revealed
Etna is so popular now, and there all kinds of new producers emerging from this varied landscape. The place seems to be under a microscope. There aren?t really any secret producers. There may be some under the radar, but everyone talks to each other. It?s a good collaborative environment. And it?s open to all.

If you want to go to Etna or Vittoria, feel free to reach out to me for ideas. None of the producers I saw (or didn?t see) have an arrangement of exclusivity with me or any wine writer that I am aware of. I?m glad to share the information and if you can go there and get a new story, a different angle, more power to you. It?s like California in 1976. Open to all ? exclusive to none.

The four part series:

Pt. 1 - Etna Fumes and Spews, but the Winemaking Goes On http://nyti.ms/29kNjZL

Pt. 2 - From Etna and the Salty Sea, a White of Great Potential http://nyti.ms/29Bh4ps

Pt. 3 - In Sicily, Making a Name for Vittoria http://nyti.ms/2aZy6ym

Pt. 4 - The Evolution of a Natural Winemaker http://nyti.ms/2bJUX3D

Closer to home, a blog post I wrote last year, ?Sixteen little eggplants that made a grown man cry? caught the eye of a Dallas based food writer, Tina Danze. She wrote a nice piece on the eggplant dish I have been making since I was in college, one which has changed over the years. That was especially true after I went to my mother?s mother?s home village in Calabria and saw how our relatives made the dish in its native state. Tina did a great job of eking out a recipe from me and, as well, there is a little multi-media on the site - a video. So you can watch me and my son put the actual dish together. It got a great online response for the Dallas News and it also helped up the sale (by 50%) of eggplants at my local Italian store, Jimmy?s. Mike DiCarlo has the article displayed proudly in his produce section. It is the year of the eggplant, in our little neighborhood (and in my back yard). Anyway, just wanting to share this online, so folks will have a place to go to retrieve these stories in one place.

Dallas Morning News story: This Parmigiana has actually made a grown man cry
with accompanying video:

Post Script
The wine blog universe is contracting. I am reading less and less wine blogs than I did five years ago. There's a rash of unvetted opinions encouraged by today?s social sub-standards. True, many wine bloggers have gone on to other things. I don?t have any plans to stop wine blogging, but I see this tendency, on the fringe, to sensationalize every little last bit of information, to heat up a story and attach a ludicrous headline for click bait. What is the end game for those who do this, other than to curate their narcissism upon the world? Do they make more money? They?re not making much, if any, money now. Is it a cry for attention? Perhaps.

It does a great disservice to the subject and to the reader to ramp everything up so much all the time. We just don?t have the adrenaline or the capacity to withstand an ongoing onslaught of wine crises around the world. And Italy, while it has its share of ups and downs, is not a war zone. Not for Nebbiolo and not for Sangiovese. There are real wars being fought, as in Syria and Yemen. And there is the massive cleanup and rebuilding going on in the Lazio, Marche and Umbria (and Abruzzo) regions with recent earthquakes. Wine should offer a respite, not a burden. Bloggers who portray every little thing as a DEFCON 1 event are one of the reasons why wine blogging is on life support.

Filippo Rizzo of Lamoresca

wine blog +  Italian wine blog + Italy W

[09/27/2016, 12:00] The Italy that found me
There is a place in Italy where all my memories distill into one. And I was there recently, standing on the balcony of a room overlooking the Adriatic Sea, watching the sunrise. For a west coaster it is an odd thing to see the sun rise in the east. And to look out over a place where there are so many memories, and in a time of my life where there have been so many sunrises. It was a bit disorienting. Italy isn?t something simple, something one can pull out of a tour guide and follow the steps like so many people do when they go to Italy. But this wasn?t just anybody?s Italy. This was the Italy that found me.

Yes, after so many airplane flights, and so many arrivals into Rome, picking up the luggage, finding transportation and getting to my destination. Italy, I keep finding out, isn?t something I have been looking for. It is something that has been looking for me.

I was apprehensive about my return. In fact I?d had cancelled a trip in July. The accident in Sicily was just too nearby, my leg was still swollen, my ribs were still sore. And my head was still throbbing. I had no business going back.

So I decided to return three months after that near fatal day near Vittoria in Sicily. And my first destination, after arriving in Rome, would be a place I knew to be safe, San Benedetto del Tronto.

San Benedetto del Tronto is one of those places every one of us should have somewhere. It has serenity. It isn?t asking for my time, my attention and my dollars. It just is, as it is for those who live there and come back there to rest and recover. Over the span of more than 30 years, I?ve had the whole range of emotions, seen all kinds of weather, and eaten all kinds of food. And had my share of good, wholesome, wine. And I?ve grown up with friends there, some of whom no longer are here with us. When I look on my balcony to the hotel next to me, the Excelsior, my emotions well up. That was the hotel I stayed at many times, in the summer, often with my wife Liz, who died now half a lifetime ago.

Liz - 1988

We?d take the stairs all the way up to the top of the hotel, the one where large letters, E-X-C-E-L-S-I-O-R, line the rim of the building. Fishermen can see it when they come back into port from a night of fishing. Like some kind of a beacon, they return. I too, return, walk into the hotel lobby and over to the bar, looking for the barman, my friend, Piero. Now he is white haired, and a bit shocked to see me. Am I an apparition? Have I really died, and is this place some way-station in Purgatory? He makes me a café, and we talk for a few minutes. The season is winding down and he is preparing his part of the hotel to close until after Easter. ?50 years,? he answers to my question of how long he has been doing this. 50 years.

Piero & Eugenio - 1990
Piero - 2016
I?d like to say I cannot imagine that period of time, but really how much longer is 50 from 30? Back then, San Benedetto del Tronto was a sleepy little seaside town. Now it is a little larger, but it still retains its small town charm. I can still afford to come here and find great seafood. And see the children and grandchildren of friends who are getting older or who have passed away. I can still drive into the hills and find the craftsmen and women toiling over a machine, making their wonderful shoes and clothing, and bread and pasta and wine. My Italy. It has, once again, drawn me back and found me. I?m a bit more grey and modulated now, than my first time here in this peaceful little oasis. But I?m not all sung out yet. After 50+ voyages over the water over nearly as many years, Italy has set a place at the table for me. ?This is where you will sit. Have a seat and we will prepare everything for you now. Here have a glass of Pecorino.? A wine, which in my lifetime, was recovered, in the hills behind San Benedetto del Tronto. It now has a place. It too has been offered a little shelter and a place on a balcony from which to watch the sun rise. It too has been found. And once again, I have been recovered.

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
[09/18/2016, 10:37] Stalking the Wild and Indigenous in the New and the Old World
From Parmigiano to Hoja Santa to Pecorino in less than 24 hours

Hoja Santa Harvest - inspected (and approved) by Jacques Pepin at Paula Lambert's Mozzarella Company
After harvesting what seemed like an endless amount of eggplants, okra and Hoja Santa, it was time to come back to Italy for the other important harvest ? grapes. For a week or so, I?ll be hovering around Marche and Abruzzo with camera(s). This is my first trip back after narrowly escaping death in Sicily this past June. For those who don?t follow this blog religiously (and why should anyone us follow any wine blog with fervor these days?) suffice it to say I have been given clearance by the medical profession to travel overseas. The past six months have been most challenging, with the accident in Sicily and a series of throat afflictions that eventually led to a tonsillectomy a month ago. All this as background to recovering and getting back on the wine trail in Italy.

The plan was to get to Rome, get a car and head to the Adriatic coast in the Marche /Abruzzo area. First stop was a clothing store to get a new suit and a sport jacket. I?ve been buying clothes in the Marche for years, as the craftsmanship is very good and the prices are nice, especially in the off season, where sales entice one to buy more than one needs. This is also a place to get great shoes.

The reality of the area is that there are all kinds of small production workshops in the Marche region for clothing and shoes. Large fashion companies contract out the local artisans to make suits and shoes so they can put their fancy labels on them and even fancier price tags. The producers also have the right to make clothes with their own labels. I was turned on to these ?factories? by longtime friend Vittorio Boccabianca, who spent his career in the clothing business. Vittorio lives in San Benedetto del Tronto, where we have set up camp for a few days.

Wild "foraged" mussels
I?ve been coming to San Benedetto del Tronto since 1984. It?s one of my happy places in Italy. Here is a pace of life that revolves around the beach. Mellow. Really love it here. And while it?s a great place to recharge the batteries, it?s also a wonderful place to eat and drink.

If your tastes run to seagoing delicacies, this area rivals Sicily and Puglia, in my opinion. The seafood here is smaller, and subject to having a smaller window of freshness. Hence they don?t travel as wide and as far as tuna or swordfish from Sicily. But the locals are voracious in their appetite for this food and the local cuisine has developed a repertoire in which to showcase the fresh fish and other seagoing items.

And what better way to enjoy them than with the local wine? For years I have nurtured my affliction for white wine in this his town. In 1984 that was no easy task, as white wine technology was just beginning to refine the wines of the area. But in the last 30 years, the locals have caught on. Along with that they?ve resuscitated once forgotten grape varieties like Pecorino.

One of my first exposures to the Pecorino grape was via the Capecci family and their San Savino winery. Their Pecorino wine, Ciprea, is reputed to be one of the first ones that developed commercially in the area. I remember when I first tasted theirs. Young Simone Capecci at the time was under the tutelage of his dad. Now Simone has taken the reins.

Pecorino is a chameleon. In the hand of one winemaker it can be rustic and sharp. In another it can be round, full and almost international in style. It mirrors the sensibilities of the winemaker. Yes, the terroir has a say in the matter as well. But Italians here aren?t so tied to those notions.

Simone?s 2015 Ciprea is a full-bodied white, almost with the weight of a red. The wine sees no oak, only stainless steel and long ageing on the lees. What was once an obscure wine is now a DOCG (Offida). That?s quite a leap from Trebbiano, which has been my go-to wine from the area. Both wines really match well with the local food.

Grottamare is a town right next to San Benedetto del Tronto, a short drive. A little restaurant, Il Chiosco da Maria, which literally grew out of humble origins (as in a kiosk) is now an enlarged establishment which runs all year long. This is a testament to the women who run this place, as San Benedetto and Grottamare are seaside resorts, and many places close up from October until Easter. But the sea keeps producing food and the locals keep eating it. So, Il Chiosco has grown from a kiosk to a local institution. Not easy to get into, and locals only, the pictures show why it is so loved.

Olive Ascolane - w/seafood filling
Hard working women on a Saturday night
We must have had ten antipasti, all from the sea. After that, where do you go? In our case, only one more dish, a local pasta. The pictures don?t do it justice. So what can you do? Well, you can go here and taste for yourself. Which I know a few of my friends and readers will do (right Hank and Phillissa?).

In the meantime, enjoy the pictures. I?m taking the rest of the day off. Monday is a work day, even if we are in Italy.


squid ala julienne

olive ascolane and squash wrapped shrimp

more calamari

more gambero

a type of squid which is red


baby clams

pasta casalinga with seafood

some of the world's hottest peppers (to go on top of the pasta)
Il Chiosco da Maria
Lungomare De Gaspari,85
Grottamare (AP)

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
[09/16/2016, 14:55] Breve storia (non) triste. Ripensandoci, non è nemmeno breve
Ai primi di agosto avevo un po' dello Chablis 2014 di Garnier aperto, qui a bottega, sempre nell'ambito di quel noto programma comunicativo intitolato "parlare di vino è divertente, ma berlo lo è di più". E infatti Garnier ha fatto la sua bella figura coi miei clientes, tutti quelli che lo assaggiavano hanno mostrato entusiasmo. E posso capire: sventaglia frutta bianca, fiori, erbe, praticamente è un ripasso del corso per assaggiatori - capitolo riconoscimenti olfattivi. E sì, siccome qui non mi vede nessuno vi dico: è anche minerale.

Com'è, come non è, l'ultima bottiglia semivuota resta in frigo, chiusa col vacu-vin (un ordigno che adopero per togliere l'aria dalle bottiglie smezzate) e lì, in frigo, me lo dimentico. Poi chiudo per le meritatissime ferie di ferragosto. Al ritorno faccio ordine, sono i primi di settembre e aprendo il frigo, toulì, mi sono dimenticato una bottiglia di Chablis in frigo. La guardo, la giro, ce ne sono ancora almeno quattro dita sul fondo, ma nel frattempo avevo altre robe da sistemare quindi richiudo il frigo e lo ri-dimentico per un paio di altre settimane. Evabbe', quando uno è stordito.

Oggi lo ritrovo. Penso: facciamo spazio, questo si butta nel lavandino. Quale vino regge tutto sto tempo al freddo, in una bottiglia quasi vuota, pure se col vacuvin? La domanda ha avuto la seguente risposta: lo Chablis 2014 di Garnier. Che oggi ha finito gloriosamente la sua esistenza abbinato agli gnocchi al pesto, nello splendore del mio tinello. Presentava un unico difetto: era troppo poco.

Morale della favola eno: it ain't over 'til it's over.
[09/11/2016, 17:20]  International Style - An Historical Perspective in Wine
It was late Friday afternoon. The week was essentially done. My son had invited a bunch of his friends over for a cooking party. The local newspaper had been there, took some photos and made some videos of a recipe we were putting together. We had tons of food. And loads of wine. And then the door rang.

One of my young colleagues was at the door with his bag of wine. He?d been invited to join us and along with it he thought to share what was left of the wine.

One of them, A Sardinian red, he was pretty excited about. It was a three grape blend, grapes indigenous to Sardegna. I took a sip. It tasted modern. The wine was fresh and firm, well balanced to my palate, and it had a healthy dose of oak. It could have come from any number of places in the world. That is was from Sardegna neither added to it nor detracted from it. But the kicker was that I really liked it. It was a well-made wine, albeit in an international style. We finished the bottle in due time.

It got me to thinking about the so-called international style and just where and how it came about. I?ve written tirelessly about it on this site; it seems we never get around to reconciling what we think we should like with what we find we do like.

I went to a wine trade tasting this past week. It was a kickoff off for a company that had just changed distributors. Famous sommelier turned wine-stylist. His winemaker was back home during harvest, but this fellow was beating the streets with some of his wines.

I tasted the red wines, from the Central Coast of California, mainly Pinot Noir. A friend of mine, Elaine, had just been to the winery during harvest and she spoke highly of the wines. So I thought I should check them out. What I found when I tasted the wines was that I liked them. They had good acidity, nice punch, well-balanced, not too strong. The oak was evident but not overpowering, and they finished clean, not heavy. Funny, because I thought, if these were from the Old World we?d mark them as international. But because they were from the New World, the comparison was made in one circle that they leaned more towards the Old World style.

Two wines, from two totally different parts of the world using different grapes. And different techniques. But oddly, in the same camp.

What is it about something from somewhere else that seems more ? desirable?

I?ve driven up and down the California coast countless times. During my college days going from home in Southern California to university in Northern California, the Central Coast would be a place where I?d stop for gas, split pea soup, and take a break. Occasionally I?d go into a winery and buy a bottle or two. It was a sleepy spot on earth. Now some of the most compelling wines are coming from there. Do we really care if they lean to the Old or the New World?

Enrico Scavino - 1985
Flash-forward from college days to the Langhe in 1985. Twenty years earlier there were few paved roads in the area. Then, the smell of New World pervaded the air during the time when the newly made wine was being transferred to the barrels. Alongside the larger, older barrels were these newer, smaller ones. Interlopers. Some of the forward thinking winemakers had gone to France and brought back the culture of the barrique. And they were gung-ho to make their Barolo better by putting them in these new little oak casks.

The resulting phenomenon was the birth of the international style in Piedmont. It was happening in Tuscany and it would spread like an epidemic all thought the Italian peninsula and into the islands as well, Sicily and Sardegna. Some wines made their reputation of wines made with extensive use of barrique. And some pretty awful wines were made, as well.

But in that time the outside world saw that they could connect with a wine from Italy that didn?t challenge them and didn?t discourage them from dipping their toe into the greater ocean of Italian wine. Maybe a die-hard Cabernet lover could find a wine from Tuscany that would transition them into the culture of wine in Italy. How bad could that be?

And along the way, there were winemakers who would go back to their traditional ways, alongside one who never left their time tested ways. Who could ever imagine Burlotto restocking his cellar with new French barrique? Why would he need to? And why would we want him to?

But if some young wine stewards in New York had never tasted a Ceretto Barolo Bricco Rocche in the 1980?s who knows when America would ever turn their heads from the West Coast (or France) to Italy? If it was because of a flashy, sexy wine, who was harmed by this? Surely in these days, where all manner of wine styles are proposed (and proselytized), a few years under the spell of barrique hasn?t destroyed the Italian wine culture.

Oh yes, there were, and still are, proponents of massive oak influence. Last year at Radici I tasted some reds from Calabria and Campania that were abominations. One producer from Calabria, when he asked me what I thought, I told him (through an interpreter, so as to not have any doubt) ?I saw these kinds of wines in the 1980?s and thought them to be ill-timed. In 2015 they are an anachronism.? He was so proud of his undrinkable Cabernet from Calabria. That was international style gone very awry. No hearts and minds would be won with those wines.

Dino Illuminati (L) loved International style - his winemaker Dr. Spinelli (R), was old-school all the way.
Still, the international style, which can often be recognized as wine which is rich in flavor, tinged with oak, hopefully balanced in the fruit and acidity department and with a finish that is brief but can linger if the lingering is similar to that of two lovers who don?t get up and dress to head back to their respective lives, but who nestle in each other?s arms for a few more precious moments. I know that?s asking g a lot of a wine these days. But when you find one like that, all the signs of internationality are forgiven, even to all but the most stalwart proponents of non-interventionism.

These days I might start with a funky col-fondo from the Veneto and end with a passito from Salina. But if, in the middle of a gathering, when we?re cooking and eating and enjoying each other?s company, why not let the occasional wine with international flair in to celebrate with the other wines? It?s not like we all feel the same politically. Why should we always drink the same kind of wines? And what if you find a good friend of yours is diametrically 180 degrees from you politically? Would you unfriend him? If he?s a decent chap, who cares? Likewise with wine. If that three grape blend from Sardegna is tasty and delicious, why not keep on enjoying it? I know I will. I?m not going to burn in hell for that. Other things, yes, but not that.

So, for now, I?m keeping my preconceptions in check for wines in an international style. Who knows, I might even warm to the outer fringes of the natural wine movement someday. While I?m burning in hell.

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
[09/04/2016, 16:40] A day in the life (and death) of Nebbiolo
I had a dream last night. And in that dream I was being taken up a grand conveyance, leading to a large structure. Like something one would see in Napa Valley or Bordeaux. Or Piedmont. And as I got closer to the top I realized my life was ending. I wasn?t afraid, for it was time. I?d had a good life, growing in the daytime, witnessing every sunrise and sunset in this serene place. And where I was going wasn?t to my death, but to my next life.

At the end, it always seems shorter than when one is in the thick of things. There is always a tomorrow to grow a little more, take a little rest, put it off to another day. And then that day comes and that is it. Just like our human counterparts, who work around us, shed the leaves, give us more light, reducing some of us to give the rest of is more space to grow. But never more time.

This life was shorter. My forbearers would see September or even October. To me, those months are the stuff of fables. No, it was all over in August, just like that. Short and sweet.

And sweet it has been. I?m not really afraid, for I know I will go into another life with many more, making something greater than a simple measly individual existence. And that life will be, could be, longer. Yes, the days will be dark and long, and if we are lucky, cold. We won?t feel the wind or see the sunrise. Those times will be behind us, as we merge and huddle inside the confines of our glass-lined abode. Time to think, to reflect. But also to coalesce and to take the time to grow. I?m looking forward to it, for though I loved the life I had in the open, the next adventure is awaiting. I cannot, will not fight it.

Where will it land? Once I get to the top of this climb what then? Will it be painful? I mean, I?ll be already dead, so what discomfort could I feel? I will cease to be as I lived, but what will the next form of life be that I take part in? I?m ready, no doubt, but I also want it to be as good as or better than this one has been.

Who will want the new me? Will I be fashionable? Trendy? Natural? God, I hope they don't pigeonhole me in my new life.

Will I spend time in those casks I spied going up the ramp? I?ve been told it burns, to be inside one of those new little ones. I surely hope I am not inducted inside there.

The pickers sing; they sing of large open vats and ancient large casks. It sounds like fun, like living in a big city. I think I would like that. But I don?t really have a say it in from here on. I am but one of millions who leave this life for the next. We will see.

What happens when that cycle comes full circle? Will we be adored, photos taken of the bottle we live in with the label on the outside, like so many animals that, after being hunted, are posed with their murderer for some vanity photo? Bacchus, I hope not.

Will we be taken to a table in a dimly lit restaurant, as part of a greater celebration? Maybe a young man proposing to the gal of his dreams and opening us up to seal the deal? That would be marvelous..

But what if? What if the cork is flawed? What if after all this, we spend all this time in silent meditation only to be spoiled and thrown down the drain?

Or what if we are conscripted to spend an eternity under florescent lights in some store, a store which the owner, before he leaves and finally turns out the lights, also turns off the refrigeration in the room? Nights of hell followed by days of purgatory? Why, oh why?

Or what if we find ourselves in a wooden box with eleven others, somewhere in a silent dark, cool cellar. Better. But what if we are forgotten, covered up by other newer, more desirable boxes, only to find out the person who put us there, after so many years, has died, and we are to be sent to an auction house. How bad could that be? What if it is too late?

What if our coming out party would be with others like us? Maybe a winemaker somewhere, who has great passion for wine, has unearthed us, and others like us and has invited his friends to eat and drink and make merriment till the wee hours of the morning? That would be a wonderful life.

But I?m getting ahead of myself, no doubt. First we must come into this new life, this rebirthing process. And that, this harvest, is where I am at today, at the top of the moving belt.

Nothing above me. Nothing below me. So I leap off.

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
[08/28/2016, 18:29] An Italo-American Solution to the Dilemma of Nebbiolo in Piedmont
Self-portrait by Salvator Rosa
How do you handle a problem like Nebbiolo? Piedmont bestows upon the grape any number of iterations within the law to allow it to rise and shine. Among the DOP category (DOCG and DOC - Piedmont has no IGP/T classification) there are 25:

Alba DOC, Albugnano DOC, Barbaresco DOCG, Barolo DOCG, Boca DOC, Bramaterra DOC, Canavese DOC, Carema DOC, Colli Tortonesi DOC, Colline Novarese DOC, Colline Saluzzese DOC, Coste della Sesia DOC, Fara DOC, Gattinara DOCG, Ghemme DOCG, Langhe DOC, Lessona DOC, Monferrato DOC, Nebbiolo d?Alba DOC, Piemonte DOC, Pinerolese DOC, Roero DOCG, Sizzano DOC, Terre Alfieri DOC and Valli Ossolane DOC.

Nebbiolo is also allowed in these classifications outside of Piedmont: IGP Barbagia, IGP Basilicata, IGP Benaco Bresciano, IGP Colli Aprutini, IGP Colli del Limbara, IGP Colli del Sangro, IGP Collina del Milanese, IGP Colline Frentane, IGP Colline Pescaresi, IGP Colline Teatine, IGP del Vastese / Histonium, IGP Isola dei Nuraghi, IGP Marmilla, IGP Nurra, IGP Ogliastra, IGP Parteolla, IGP Planargia, IGP Provincia di Nuoro, IGP Provincia di Pavia, IGP Romangia, IGP Ronchi Varesini, IGP Sebino, IGP Sibiola, IGP Terrazze Retiche di Sondrio, IGP Terre Aquilane / Terre de L?Aquila, IGP Terre di Chieti, IGP Tharros, IGP Trexenta, IGP Valle del Tirso, IGP Valli di Porto Pino, Sforzato di Valtellina / Sfursat di Valtellina DOCG, Valle d?Aosta / Vallée d?Aoste DOC and Valtellina Rosso / Rosso di Valtellina DOC, Valtellina Superiore DOCG.

Diogenes searching for an honest man by Salvator Rosa
The Nebbiolo grape doesn?t lack for exposure. It accounts for a mere 10% of grapes known to grow in Piedmont. So it gets its share of attention. And will continue to be in the spotlight, for many reasons.

The current tempest, a proposal which would allow the use of the word Nebbiolo to accompany the words Piemonte DOC on the label - in light of the many ways Nebbiolo can be utilized in Piedmont, what?s the big deal? What?s behind this? Who is benefitting? Who will be damaged? Are we talking, as we often do in Italian wine and culture, about so many angels dancing on the head of a pin?

It?s already one of those 20 DOC (and 5 DOCG?s) in Piedmont and one of more than 330 in Italy? That?s not special enough? You want to co-opt a shinier, bright DOC, Piemonte, and shove all your Nebbiolo into that category? What?s wrong with Coste della Sesia? Why not just make your Nebbiolo and call it Terre di Alfieri? Why not just let your Colline Saluzzese freak flag fly?

There are some who say the preponderance of these DOCS?s trivialize the appellation process. If so, what real harm could come from taking one of them, Piemonte, and attaching the name Nebbiolo to it? Was anyone paying attention anyway, when Nebbiolo was ascribed to the 20 other DOC?s ( and the 5 DOCG?s)? And some, like Barolo and Barbaresco, don?t give a brooms whisk to have the name Nebbiolo emblazoned on their label. They are, after all, Barolo. They are Barbaresco. Sunt ergo est.

The Liberation of Saint Peter by Salvator Rosa
From Piedmont Michele Antonio Fino wrote me, ?I play the double role of a lawyer dedicated to wine regulation and winemaker in a tiny forgotten area of Piedmont. That's probably why I try to reconcile the opposites.

?A couple useful figures and references. Nebbiolo grapes in Piedmont occupy 4,200 hectares in 2010 (according to inumeridelvino.it). 3,600 are in the Langhe area (that embeds Barolo, Barbaresco and Nebbiolo d'Alba, roughly). 400 hectares aere in the north: from Lessona to Carema, from Ghemme to Gattinara, plus Coste della Sesia, Colline Novaresi, Canavese. 200 hectares are in the provinces of Asti and Alessandria. The latter could be used to make Monferrato rosso, with no citation of the name Nebbiolo on the labels.

?Currently, Art. 24 of TRIPS agreement (WTO annex) establish no protection in any State of the WTO for the simple name of a grape variety. That means, everybody can cultivate Nebbiolo and make wine with it, calling it with its own name, in every country, but apparently not in Piedmont, except (where) you grow vines in Langhe region.

?With proper regulation, quality and fair competition it could be preserved. In my opinion, there's no need for both exclusion (which lacks a legal basis) and, on the other side, claim for being allowed to use the name Nebbiolo without a deep commitment for quality, carved into a brand new proper regulation.?

Maurizio Gily, a colleague of Fino?s, is an optimist but also a person who thinks deeply on these matters. He questions the acceptability of a notion of whole world being able use the word Nebbiolo but 75% of Piedmont cannot. He has a point. What if we found something we had lost in the last 500 years? What if there were more areas capable of producing a wine of greatness like Barolo and Barbaresco. Shouldn?t producers in Piedmont have the opportunity to find that out?

Self Portrait by Salvator Rosa
One of my young colleagues in California, Stefano Poggi, works for the Batasiolo winery and spends countless hours criss-crossing the United States to educate his peer-millennial sommelier community about Piedmont. After a foundational statement, he expressed a contrapuntal and thoughtful viewpoint in an email:

?While it?s not uncommon in the North to have Aosta DOC ?allowed grape? and Trento DOC ?allowed grape?, I can?t think of any large region that does so other than the bizarre Sicilia DOC ?allowed grape? and, of course, Piemonte DOC. However, Piemonte [DOC] exists probably to fill the IGT void. The whole point of the DOC system is to focus on increasing levels of regional specificity for certain grapes, so having such a broad region for a grape seems to run counter, especially for a grape like Nebbiolo that can create vastly different wines from bordering vineyards.

?Sure, you can make Nebbiolo from Valle de Guadaloupe or Australia but does it make sense other than commercially? Are you really making an amazing Nebbiolo based wine that resemble great Nebbiolo wines of the world (some sure cost like they do)?

?Are Asti and Monferrato so cash strapped that they?d rather go for a quick fix than an educational approach? Both areas have rich heritages. While I recently heard the Ferrari Export Manager claim that they made Italy?s first Metodo Classico wine (1902) I?m pretty sure Gancia of Asti has that title (1870). Also, unless I?m mistaken, Monferrato is the most likely birthplace of Barbera (or at the very least the first DOC Barbera).

?I mean, if we continue down this path we risk a multi grape multi region wine like say a wine made with [grapes from], say (hypothetically, for course) Torricella and Manduria from Puglia and Barbera from Alba that could pose to be Iconic of Italy.

Allegory of Fortune by Salvator Rosa
?I don?t think that ?large cellars [will] start pumping out industrial quantities of Nebbiolo? (Larner) to the tune of diluting what consumers think of Nebbiolo grape (I also wish that writers would favor ?full structure? instead of ?full bodied? for Nebbiolo). I also doubt the market would be flooded with cheap Nebbiolo as it is probably economically difficult to do so and would run counter to the reasoning behind it (might as well make good margins if you are going to use the word ?Nebbiolo?). I don?t see a lot of Piemonte DOC Moscato in the market. Moscato is a key selling word but the grape is too expensive to make cheap faux Moscato d?Asti at any decent level of quality.

?Or, create a Nebbiolo di Monferrato DOC and Nebbiolo d?Asti DOC. Let the Commune?s prove that the wine has standalone merit. Italy has too few DOC?s as it is.?

Bingo - Out of the mouth of babes! Stefano nailed it: ?create a Nebbiolo di Monferrato DOC and Nebbiolo d?Asti DOC.? Problem solved. An Italo-American solution to the dilemma of Nebbiolo in Piedmont.

The world stands rapt, waiting for Nebbiolo di Monferrato (#335) and Nebbiolo d'Asti (#336) to join the DOC club.

Allegory of the Lie  by Salvator Rosa

Post Script:
There are truly more important things going on right now than the identity crisis Nebbiolo finds itself in Piedmont these days. For one, there is a tragedy of biblical proportions in the Lazio, Marche and Umbria regions with recent earthquakes. There are scores of well qualified sites bringing up to the minute updates. And for those inclined, please check in with them. I will say this: While thoughts and prayers seem like a good idea to one sitting in their comfortable urban or suburban American dwelling - it isn?t what Italy needs right now. What they need is money. They need material goods, not abstract wishes. ?Italy is in our thoughts and prayers? is not a solution. Or an absolution, to those who throw those words out in social media. That is not good enough ? stop with the platitudes and send money. And if you do, do it in silence and don?t congratulate yourself on what a compassionate person you are. People and animals are suffering. Stop talking about it. Do something about it. Privately.

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
[05/30/2016, 06:30] Score del vino e big data, debutta Wine Lister

La sintesi superficiale recita che si tratta di un nuovo sistema di score del vino che usa una scala in millesimi. Al contrario, la sintesi di Aristide vi invita ad affacciarvi sull’alba di una probabile nuova era per i sistemi di valutazione del vino: un sistema olistico che esprime una valutazione integrando non solo la qualità dei vini (l’unico parametro usato dai critici), ma anche prezzi, longevità stimata, popolarità sul mercato, performance nelle aste, forza globale del marchio. In pratica, sono i fattori presi in considerazione dagli acquirenti di vini di fascia alta – i fine wines.

Ella Lister, Fondatore e CEO di Wine-Lister.com

Tutto questo si chiama Wine Lister (@wine_lister).

Ha richiesto oltre quattro anni di lavoro per la giornalista Ella Lister (con un passato professionale nel settore finanziario, e poi scrittrice del vino e consulente per collezionisti di fine wines) e il suo team di esperti di big data.

Hanno aggregato i dati elaborati da sei partner diversi: tre siti web di critici di fama internazionale, Jancis Robinson (JancisRobinson.com), Michel Bettane e Thierry Desseauve (Bettane+Desseauve) e Antonio Galloni (Vinous). Si tratta dei siti di maggior successo, con una forte digitalizzazione della propria base di dati e recensioni, attualmente accessibili solo a pagamento.

A questi si aggiungono i dati forniti da Wine-Searcher.com, il più grande motore di ricerca globale sui prezzi dei vini, Wine Market Journal, la maggiore fonte di informazione sulle aste dei vini, e Wine Owners, la più importante piattaforma di scambi commerciali e gestione di portafogli.

Gli algoritmi creati da Wine Lister “pesano” i singoli parametri e li riassumono in un indice di valutazione – score – rappresentato su una scala di 1.000 punti. Ella Lister precisa che qui non si usa solo il 20% della “parte alta” della scala, ma tutta la scala (vedi il diagramma qui sotto). E la scala in millesimi è stata ritenuta più funzionale a discriminare le differenze tra i singoli vini e i vari parametri considerati.

La scala in 1.000 punti di Wine Lister

In passato ho espresso numerose critiche ai sistemi di valutazione basati sugli score (qui un post tra i vari pubblicati). Ma l’approccio di Wine Lister mi ha incuriosito e devo segnalare due elementi che mi interessa evidenziare:

  1. fino a oggi, lo score rappresenta un valore del vino basato sulla sola valutazione di qualità percepita, la quale è fortemente soggettiva, sia che si tratti di un singolo degustatore che di un gruppo di assaggiatori;
  2. per la prima volta si integra un dato soggettivo con una serie di dati via via più quantitativi e rilevabili in rete.

Ecco perché ho deciso di testare il sistema per comprendere meglio come sia stato articolato (è disponibile un periodo di prova gratuita di 14 giorni, mentre l’accesso costa £90/anno – ?118/anno ca. o £10/mese – ?13/mese ca.). E la sorpresa è stata notevole.

I criteri valutati da Wine Lister

Wine Lister oggi ha un database di circa 2.000 vini, l’obiettivo è di arrivare a breve a 5.000.

Considerata la base dati principale che proviene dai critici internazionali, i vini rappresentati rientrano tra i vini top nel mondo. I vini italiani – al momento in cui scrivo – sono 462.

I criteri considerati nella composizione dello score sono raccolti in tre famiglie e in dettaglio sono questi:

  • Quality – Critic data: sono gli score espressi dalle recensioni dei tre siti dei critici sopra citati, nell’insieme “pesati” allo stesso modo, poi elaborati e ricondotti alla misura in base 1.000.
  • Quality – Vintage indicators: la longevità di un vino (stimata dai critici) viene presa come un indicatore di qualità e presa come un parametro;
  • Brand – Distribution: la presenza globale dei marchi sulle carte dei vini dei più importanti ristoranti del mondo, classificati nelle guide Michelin, 50 Best Restaurants e World of Fine Wine Best Wine List Restaurants;
  • Brand – Popularity: la popolarità del marchio attraverso la misura delle ricerche effettuate sui marchi nel sito Wine-Searcher;
  • Economics – Price: medie dei prezzi di breve periodo calcolate su 3 e 6 mesi dai siti di Wine Owners e Wine-Searcher. Inoltre, performance dei prezzi su 3 anni e relativa stabilità nel tempo.
  • Economics – Liquidity: i volumi trattati sono una “spia” del successo del vino, qui vengono elaborati dal sito di Wine Market Journal.

Ma non finisce qui. A questi criteri si aggiungono valutazioni su bottiglie prodotte, rese per ettaro, età delle viti e varietà delle uve.

Infine, tutti questi dati possono essere “filtrati” attraverso quattro criteri:

  • Buzz  brands, i marchi dei quali si parla
  • Hidden gems, le gemme nascoste
  • Value picks, i migliori rapporti qualità/prezzo
  • Investment staples, i vini con le migliori performance nei portfolio di investimento

In pratica, il risultato di queste analisi e ricerche, non si traducono tanto in un singolo score, ma in una scheda rappresentata nella pagina di Wine Lister in una sorta di infografica che è più una fotografia dei punti di forza e debolezza del singolo vino.

Per darvi un’idea, qui a lato ho estratto la pagina del vino italiano che al momento gode dello score più alto (cliccare sull’immagine per ingrandire). Si tratta del Giacomo Conterno Barolo Monfortino Riserva, il quale riporta uno score globale di 973 punti. I singoli parametri riportano score individuali molto ravvicinati (è un ottimo segno, ovviamente):

  • Quality: 974
  • Brand: 973
  • Economics: 972



Erano anni che prevedevo la fine del ciclo di vita degli score del vino. Ciò che Wine Lister rappresenta non è tanto uno score, ma un sistema olistico ricco di informazioni, una sorta di mappa delle prestazioni di un fine wine nelle percezione analitica dei mercati, raccolte analizzate e rappresentate in una singola scheda. Certo, il sistema è largamente perfettibile, ma già in questo stato “1.0” è di grande interesse e merita il vostro approfondimento.

E’ un’anticipazione di numerose applicazioni che riguarderanno i mercati del vino: scaricatevi il report sul Bordeaux – per esempio – per gettare uno sguardo sul presente di un aspetto dell’uso dei big data del vino.

E’ un manifesto contemporaneo e moderno sullo stato del vino, nella sua accezione più alta e sofisticata, una prima risposta alla lettura e interpretazione della complessità di un prodotto per troppo lasciato alla sensibilità di nasi e palati allenati, ma sempre soggettivi nella percezione e valutazione.

Mancano molti dati ancora, soprattutto dalla parte delle percezioni elaborate dai consumatori armati di social media e strumenti di annotazione e recensione. Ne vedremo delle belle nei prossimi mesi, quando il sistema potrà evolversi a ulteriori integrazioni e analisi.

In qualche modo, stiamo vivendo un mutamento che avrà una qualche storica rilevanza.

The post Score del vino e big data, debutta Wine Lister appeared first on Aristide, a wine blog.

[05/24/2016, 19:10] 40 anni fa, cambiava il mondo del vino

Viene ricordato come il ?Judgement of Paris?: il 24 maggio del 1976, in una degustazione alla cieca presso l?Hotel Intercontinental di Parigi, si confrontavano grandi vini francesi e vini californiani. L?esito di quella degustazione cambiò il mondo del vino.

(…) Questa vicenda, da allora ricordata come il ?Judgement of Paris?, ha segnato un cambiamento epocale nella storia del vino non solo per i californiani, ma per tutto il mondo, cambiando la percezione del mercato nei confronti dei vini del Nuovo Mondo. In ogni caso, e comprensibilmente, gli americani la ricordano come la più importante degustazione della storia.

Così, 10 anni fa, Aristide ricordava lo storico evento.

Nel frattempo, il mondo del vino è lentamente cambiato. Ora, siamo in attesa di una sorta di Judgement of Beijing, il giorno nel quale uno o più vini prodotti in Cina surclasseranno prodotti Europei e Americani?

Sempre 10 anni fa, si tenne la degustazione commemorativa The Tasting that Changed the Wine World: ?The Judgment of Paris? 30th Anniversary. E gli Americani vinsero ancora. Qui il post.

The post 40 anni fa, cambiava il mondo del vino appeared first on Aristide, a wine blog.

[05/24/2016, 08:01] Cronaca di un lunedì nebbiolesco
Il lunedì, che è giorno di chiusura in enoteca, lo dedico spesso ai miei tour per vigne. Ieri il tema conduttore era (soprattutto) il nebbiolo tra Serralunga e Roero. Così la prima tappa è stata da Schiavenza, uno dei soliti noti per me, ad assaggiare i nuovi arrivati 2012. Mentre le vigne singole Cerretta e Prapò si confermano salde certezze, ho avuto un discreto innamoramento per il Barolo che reca in etichetta la menzione geografica del Comune di Serralunga d'Alba: speziato e molto balsamico, mordace, col bel caratterino tipico della zona di provenienza (Serralunga vuol dire longevità, potenza). Eppure è anche molto Barolo-da-bere, che per me rappresenta la quadratura del cerchio. (Prezzo: poco sopra i 30 euro). Poi certo, il mio cuore batte sempre per quel Barolo Chinato. La tipologia è curiosa: si prende un buon Barolo, si aggiunge alcol (cioè si fa un vino liquoroso) più la consueta ricetta segreta della casa (corteccia di china, forse chiodi di garofano, cannella, chissà che altro) per un vino dolce che ha la memoria del nebbiolo e la dolcezza antica e corroborante di un fine pasto/liquore fatto in casa. Chi lo prova una volta non lo dimentica più, e ne diviene dipendente. Costa 34 euro, ben spesi.

Poi dirigo la papamobile verso l'area del Roero, dall'altra parte del Tanaro dove i nebbioli generano altri rossi forse meno austeri ma non meno interessanti. Avevo il ricordo di un recente assaggio, e un nome segnato da qualche parte, Silvano Nizza. Andiamo a vedere, allora.

Forse un parametro per valutare la qualità dei vigneti potrebbe essere la frizione dell'auto: tanto maggiore è il consumo di questa parte meccanica necessario a raggiungere il luogo, tanto più interessanti potrebbero essere i vini che da lì provengono. Per arrivare alla Frazione Balla Lora di Santo Stefano Roero si sale, si sale molto, scali le marce e ad ogni curva la strada si stringe. Quando pensi "va be' adesso mi fermo e continuo a piedi" sei arrivato alla cantina.

Tutti interessanti gli assaggi in azienda, soprattutto l'Arneis 2015 promette belle cose, e certamente il Roero che è la Docg importante della zona. Appunto sono a caccia di nebbioli e quel Nebbiolo d'Alba 2013 è lui, è quello che volevo: un anno di legno poi vetro, austero e serio senza annoiare, anzi, condizionato da una beva contagiosa. Finirà sullo scaffale a 14 euro.

Si torna a bottega col carico prezioso, e si pensa già al prossimo lunedì.
[05/19/2016, 18:10] Pirati del Kalterersee

Da sinistra: Gerhard Sanin e Andrea Moser


Andrea Moser e Gerhard Sanin sono due Kellermeister, ovvero responsabili enologici rispettivamente della Kellerei Kaltern-Caldaro e della Erste+Neue, le due cantine cooperative di Caldaro. Ciclisti nel tempo libero, hanno dedicato la loro vita professionale alla valorizzazione dei vitigni tipici dell’Alto Adige, accettando in particolare la sfida della varietà Vernatsch (Schiava), l’uva con cui si produce il Kalterersee (Lago di Caldaro DOC).”

Sono stato invitato e coinvolto in una tappa della loro simpatica iniziativa:

“Portare il Kalterersee in un viaggio lungo l’Italia. Incontrare cuochi, artigiani del cibo, appassionati di vino; andare nei mercati, provare nuovi abbinamenti; raccontare l’Alto Adige in un modo nuovo, grazie all’ incrocio con altre cucine e altre culture.

È su questi basi che si origina il progetto Pirati del Kalterersee, attraverso il quale Andrea Moser e Gerhard Sanin porteranno da Caldaro e Capri il vino Kalterersee per farlo scoprire ad un pubblico vasto ed eterogeneo, che probabilmente finora l’ha conosciuto poco e forse distrattamente. Per farlo hanno scelto il mezzo più semplice ed ecologico, ma al tempo stesso il più vicino alla gente: la bicicletta. Il mezzo che incarna quello spirito fresco e spontaneo, coinvolgente e per certi versi trasgressivo che appartiene proprio al Kalterersee”.

Bella questa idea di portare in giro su una bicicletta-tandem una certa immagine scanzonata e rilassata del mondo del vino dell’Alto Adige. Due testimoni per due vini, il Pfarrhof Kalterersee Classico Superiore 2015 e il Leuchtenburg Kalterersee 2015. Due Vernatsch molto buone, da due cru del Lago di Caldaro.

E, per una volta, si può dire che per certe azioni di marketing occorre il fisico. Bravi.

Alcune foto del pranzo che abbiamo condiviso con i pirati sul Lago di Garda, all’Albergo-Locanda Punta San Vigilio:

Qui il video teaser dell’evento:

Itinerario e altre informazioni qui.

The post Pirati del Kalterersee appeared first on Aristide, a wine blog.

[04/27/2016, 15:25] Svitati di tutto il mondo unitevi: si assaggia MVR 2014, un rosso tappo-a-vite
Probabilmente arriverà un giorno nel quale non dovremo più scrivere post sull'utilità dei tappi a vite rispetto ai tradizionali tappi di sughero. Probabilmente arriverà un giorno nel quale sarà pacificamente accettato un tipo di chiusura alternativa, che presenta anche un bel po' di vantaggi in più rispetto al sughero. Ma quel giorno non è oggi, quindi ci tocca fare la premessa.

Quanto a me, poi, ho scelto da tempo di dare l'esempio, quindi oltre alla preferenza di tipo verbale (diciamo) faccio seguire i fatti, comprando volentieri vini tappati con il cosiddetto screwcap, il tappo a vite. Anzi, ora che tra i miei fornitori Marta Valpiani ha scelto di imbottigliare il suo Marta Valpiani Rosso anche con lo screwcap, ho ordinato solo quel tipo di bottiglie.

Venerdì 29 aprile Elisa consegna personalmente, e in sua compagnia in enoteca stappiamo (anzi, svitiamo) il nuovo MVR vendemmia 2014, tra le 11 e le 20. Più altre varie, eventuali, eccetera. Un'ottima occasione per sentire di persona in cosa consistono quei vantaggi in più di cui dicevo sopra - che poi è anche, sempre, quell'altra solita cosa: è bello scrivere di vino, ma vuoi mettere com'è meglio assaggiare?

[Qui il link all'evento sulla pagina Facebook dell'enoteca. Ma quant'è bello sto termine? EVENTO. Figo eh]
[04/20/2016, 11:01] La Valle dei Palmenti

Di ritorno dall’Etna, devo raccontarvi questa piccola storia sui palmenti rupestri della valle dell’Alcantara. E, per l’occasione, provo anche una nuova modalità di racconto. Cliccate sull’immagine qui sotto e buona visione e lettura.

[questo post è stato aggiornato il 21.4.2016 con ulteriori informazioni sui palmenti rupestri studiati in Sardegna]

The post La Valle dei Palmenti appeared first on Aristide, a wine blog.

[04/14/2016, 17:16] Alcuni appunti molto sparsi dopo Vinitaly 2016
La prima cosa da dire sarebbe questa: arriva la vendemmia 2015 e alcuni vini sentiti alla fiera veronese promettono già meraviglie. Partendo dai miei altoatesini di riferimento, ad esempio il Pinot Grigio Oberfeld di Kobler e il Moscato Secco di Thurnhof, che ai primi assaggi erano già formidabili.

Il primo giorno della fiera l'ho impegnato in assaggi di Liguria che riguardano la Guida Essenziale ai Vini d'Italia, con cui collaboro, e tra tutti voglio segnalare un Vermentino Riviera di Ponente, quello di Terre Bianche, che ho trovato semplicemente grandioso (naso minerale quasi da riesling): non sarà tra le cose che vendo, perlomeno non a breve, ma se lo trovate in giro non fatevelo scappare. Poi si preannuncia un bel momento per il Rossese di Dolceaqua grazie alle versioni superiori 2014, che hanno la solita triade top in Maccario, Terre Bianche e Ka Manciné.

Altro assaggio alquanto indimenticabile è il bianco a base zibibbo, secco, prodotto a Menfi (Sicilia) da Marilena Barbera, "Ammàno" #3, probabilmente una delle migliori versioni di zibibbo secco mai assaggiate nei secoli dei secoli, insomma mette quasi soggezione. Due cose sulle bollicine: sempre bene il Franciacorta Rosé di Gatti, la sorpresa per me viene da Valdobbiadene. Le versioni brut di Prosecco non mi hanno mai particolarmente convinto, ma stavolta faccio una bella inversione a U: Spagnol col suo Col del Sas brut ottiene la perfetta quadratura del cerchio, perfetto mix di acidità e morbidezza - del resto si chiama brut ma ha pur sempre un dosaggio zuccherino sensibile, otto grammi per litro. Insomma era perfetto. Felice di vedere uno dei miei prosecchisti del cuore ha centrato anche quell'obbiettivo.

Poi altre conferme: il Lambrusco 2015 area Parma di Monte delle Vigne, classico vino che con una mano tengo il bicchiere durante l'assaggio e con l'altra compilo l'ordine immediato al produttore. Per dire.

Ci sarebbe poi la lunghissima e totalmente irrisolta questione dell'organizzazione della fiera - sto seguendo due dibattiti su Intravino, qui e qui - ma temo che anche quest'anno si arriverà a nulla. Il mondo si divide ormai in chi va a Vinitaly e chi (felicemente) ne sta alla larga. Io faccio parte della prima schiera, quanto basta per dire che in mezzo a carenze obbiettivamente imbarazzanti la folla a Vinitaly ogni anno pare semplicemente oceanica. Per paradossale che sia, il successo di Vinitaly determinerà sempre più il successo delle micro rassegne settoriali, tematiche, che si qualificano, appunto, per non essere elefantiache come Vinitaly. Fate la vostra scelta.

[03/17/2016, 07:42] Al Vinitaly 2016 arriva il World Wine Web. Ripeto: 2016

Vinitaly 2016, ecco l’annuncio tanto atteso:

(…) Per questo il ministro Martina ha organizzato proprio al Vinitaly dieci incontri, dal titolo ?World wine web?, dedicati proprio alla sfida digitale che le aziende del comparto italiano non devono sottovalutare e che devono affrontare nel migliore dei modi. ?E? una delle sfide che abbiamo davanti ? dice Martina ? si tratta di un programma di appuntamenti finalizzato alla comprensione di alcuni fenomeni che stanno avvenendo nel mondo digitale. Ci saranno colossi come Amazon, Google, E-Bay, Facebook, Twitter. Ognuno spiegherà come migliorare i propri strumenti social e come utilizzarli al meglio, perché e ne sono certo, abbiamo ancora tanta strada da fare in questo settore?.

Tratto da Cronache di Gusto.

Era il Vinitaly del 2006 quando organizzai il primo convegno nel quale si parlava di Internet per le cantine e il settore del vino: “Blog & Vino: Business, Storie, Opportunità” (qui e qui il report di allora).

Dopo soli 10 anni sta a vedere che qualcosa si muove…

The post Al Vinitaly 2016 arriva il World Wine Web. Ripeto: 2016 appeared first on Aristide, a wine blog.