TagCloud:


Link to us:



  Blogs & Sites:



 






Mondo Di Vino
Mondo Di Vino





[01/08/2017, 17:05] A Guide to Collecting Italian Wine for the 30-Year-Old ? Part I
For those who read books, there are numerous treatises on collecting wine. I?ve read all that I have in my little library. Some of them strike a chord, while others sound vaguely disjointed from the times we live in now. My exposure to old Italian wines of recent has come from the new (and some not so new) wave of winemakers in California, who are buying up old Barolo and their ilk from the auction houses. And it has been a rewarding experience to revisit some of my bottled up old friends of late. Economic realities can present the average Joe from having exposure to these rare gems. But if one is predisposed and patient, you can have those peak moments of wine appreciation, with a little careful and well-planned action. This is a very personal, and specific, guide for the 30-year-old collector on a budget.


I have wines in my cool closet that I first put there over 30 years ago. I am not quite finished with collecting, but after 30+ years of doing so, I?m close to done with that. If I were 30 and starting to collect Italian wine now, here is what I would do.

First of all, there would be no rosé wines in there. Secondly, there would be few, if any white wines. And before anyone gets all riled up, let me say that I pulled out a 1991 Verdicchio di Matelica last month and tried it. It was very nice, but it was one of a half dozen of those wines that made it. And when it was all said and done, I would have probably been better off just collecting good white Burgundy, if white was what I wanted to collect for old age. But it wasn?t and it isn?t for this post. So, if you want to collect Italian white wine, make sure it is fortified or sweet.

Sparkling? Again, there are some worth considering, but, let?s get to what I?d really want to have waiting for me 30 years down the road ? well-aged red wines.

Tuscany. First and foremost, I?d have some really good producers of Chianti. Badia Coltibuono, Rampolla, Felsina. Wines in styles that I like. Not international in style, and wines that will age well. Selvapiana, from Rufina as well. No kitschy Chianti Classico in fiaschi. Leave that for the fashionistas in San Francisco. I need long marchers, not sprinters. These are wines that are going to have to look good when there are old as well as when they are young.

While in Tuscany, grab a little Brunello and Vino Nobile di Montepulciano. Brunello is a tricky proposition these days. 30 years ago there was one really expensive Brunello, Biondi-Santi. Now there are many. But if you are not a millionaire, what is there for you? If you want to push it, a little, I?d recommend you gather some Le Chiuse. For my money, that is one of the great values for long-term ageing Brunello. I?d also give a nod to Barbi. I have Barbi going back to 1979 and even though there have been icy patches along the way, for the most part, that has been money well spent. The wines still have that naïve rusticity that make the wine age so well. And when they do finally get ?there? that roughness is like a saddle that has been ridden for many years, smooth but still true to its nature. Is it Brunello? Well it isn?t the fancy spit and polish Brunello that garners those 100 point scores, but it ages really well.

Vino Nobile, oy. I?ve had high hopes for Avignonesi over the years since I was first exposed to the winery in 1982. A recent bottle disappointed. If I were 30 in 1987, I might recommend putting some of them away, but in 2017, I?m not of that mind. The entry level Vino Nobile, today, is good for everyday or even five years from now. I?d put away some bottles of ?Asinone? from Poliziano, but it will set you back almost as much as a Brunello. Not that it shouldn?t. But you have to budget accordingly. I?d set aside magnums.

I?m not going to discuss Vin Santo or any dessert wine in this post. I have way too much dessert wine clogging my closet. I love it, but that?s another post.

I am not a Super Tuscan collector. Well, I was. And then I sold them, for a hell of a lot more than I bought them for. This is not a post about wines to collect for investment purposes. This is for the cellar that brings enjoyment to the person who takes the time to store them. It?s about sensual, not monetary, pleasure.

Piedmont. I have more bottles of Produttori del Barbaresco in my closet than any other wine. And if you are young and on a budget, you too, can still enjoy those wines. Buy now, and enjoy later. There are still a few 2011 Crus around. The next release will be the 2013?s in 2018. They will get praise. They should be more expensive than they are. There are great ones besides the Rabaja and Asili, which silly retailer clamor for, because they get 95 points from the Wine Spectator, while the others only get 94 points. Ridiculous nonsense. Give me the Pora, the Rio Sordo, the Montestefano and the Montefico. All take any and all of them. And you should too. These are great wines for the long haul.

While in Barbaresco, the Marchesi di Gresy wines are amazing. I have wines from them in my closet going back to 1980. Wow. I guess I?m just more of a Barbaresco man than anything else. These are a step up in price from the co-operative, Produttori. And if you can have the patience these wines will reward you in your dotage.

A lesser known winery in Barbaresco is Boffa. Carlo Boffa. When he releases his 2014 Barbaresco, buy all you can of this wine. Yeah, I said 2014. The annus horribilis for Italian and French wines. I will buy some of this wine. And you should as well.

Barolo ? At this point, if I were 30 in 2017, I?d buy Burlotto and Rocche Costamagna. Burlotto, because the wines are great, they are still pretty affordable and they will age remarkably well. Rocche Costamagna, because the wines are such incredible values.

There are more and there are others. But for now, this is a good start. Most of these wines are available in the US market, where most of the folks reading this are from. Note to Russia (a country which now has the second highest traffic to this blog): I have no idea where you should look for these wines in your country. Or why so much traffic to my site is coming from your country.

Good luck - more to come in Part II.




Other posts from the past:

wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[01/01/2017, 22:05] Cartoline dal 617mo Meeting VG @ Ristorante Villa Crespi ? Orta San Giulio (NO) ? Chef Antonino Cannavacciuolo

Da sempre tra i momenti più attesi dell’anno, il meeting a Villa Crespi ha ormai raggiunto l’hype dei grandi eventi proporzionalmente all’inarrestabile successo televisivo di Antonino Cannavacciuolo e non manca mai di lasciare il segno. L’atmosfera della villa in stile moresco in riva al Lago d’Orta è sontuosa e fiabesca, la brigata diretta da Paolo Ciaramitaro accudisce il folto pubblico con consumata nonchalance, la cucina si esprime a un livello altissimo, raccontando con esecuzioni perfette lo stile mediterraneo-sabaudo proprio dello chef di Vico. Classici del suo repertorio e novità da scoprire, idee essenziali e contemporanee o composizioni regali e super tecniche. Non si sbaglia un passaggio, fino all’ultimo colpo di scena: la merenda in puro stile napoletano.

Archivio storico reportage:

-> Reportage del 16 giugno 2011
-> Reportage del 30 giugno 2006
-> Reportage del 6 aprile 2007
-> Meeting del 18 giugno 2008
-> Master chef del 19 agosto 2008
-> Reportage dell?8 ottobre 2009
-> Meeting del 7 aprile 2010
-> Meeting del 25 maggio 2011
-> Meeting del 21 dicembre 2011
-> Meeting dell?11 aprile 2012
-> Meeting del 15 dicembre 2012
-> Meeting del 24 luglio 2013
-> Meeting del 24 luglio 2014
-> Meeting dell?11 dicembre 2014
-> Meeting dell?9 dicembre 2015

La squadra

Lo staff di cucina

Chef: Antonino Cannavacciuolo
Sous chef: Simone Corbo, Gabriele Tratzi
Pasticciere: Raffaele D’Urso

Lo staff di sala

Maître de Maison: Cinzia Primatesta Cannavacciuolo
Maître: Paolo Ciaramitaro
Sommelier: Matteo Pastrello
Assistente Sommelier: Hideki Watenabe
Commis Sommelier: Andrea Fichera
Chef de rang: Luca Orilia
Demi chef de rang: Gabriele Schellino, Valerio Frascera
Commis de rang: Paolo Berra, Lorenzo Graglia, Henriques Monteiro
Barman: Stefano Giumarra

L’arrivo alla villa

La VG-Car!

Il dehors esterno

L’ingresso

Il bar

Alcuni dettagli degli interni

La veranda del ristorante

La sala riservata agli Amici Gourmet

Uno dei nostri tavoli

Mise en place

Il nostro menu personalizzato

Abbinamento Vini 

Nei meeting utilizziamo i vini messi a disposizione dai nostri Partner.

I Premium Partner della giornata

Aperitivo

Franciacorta Satèn 2010 – Mosnel

Un brindisi tutti insieme!

Il maître Paolo Ciaramitaro ci raggiunge in sala per la degustazione dell’olio extravergine di oliva del Frantoio Muraglia, nostro Partner

Partiamo dal fruttato medio

Olio extravergine fruttato medio Frantoio Muraglia.

Finger food

Tipologie di stuzzichini: focaccia ligure; gnocco fritto di grano arso, burrata e prosciutto crudo San Daniele; friselle con pomodoro marinato e cracker e al rosmarino; cialde di riso nero con spuma di gorgonzola e sedano; macaron al foie gras; rocher di nocciole e yogurt.

Pane

Tipologie di pane: bianco, pomodoro, cereali, al riso, olive, al papavero, sfoglia di erbette fini e burro, schiacciatina di quinoa, schiacciatina di olio evo, grissini.

Sauvignon Ruttars 2013 ? Villa Parens

Piattooo!!

Insalata liquida

Salsa al radicchio, salsa alla lattuga, gelatina di peperone, sfere di carote e cetriolo, verdure croccanti, ostrica.

Scampi di Sicilia alla “pizzaiola”

Tonno vitellato

Insalata di polpo, verdure cotte all’olio e caviale di aceto

Savino Muraglia, patron dell?omonimo Frantoio ci presenta il prossimo olio in degustazione: il denocciolato

Olio extravergine denocciolato Frantoio Muraglia.

Triglia di scoglio con purea di patate, cime di rapa, guazzetto di provola affumicata

Il sommelier di Villa Crespi, Matteo Pastrello ci presenta il prossimo vino in abbinamento

Bianco Dall?Isola Campania 2015 ? Joaquin

Lumache di Cherasco, garusoli, crema di aglio dolce e terra di grano arso

Plin di broccoli, cagliata di latte, guazzetto di lumachine di mare

Barbera d?Asti Superiore Nuda 2012 ? Montalbera

Savino Muraglia e il sommelier Matteo Pastrello

Prossima portata in arrivo

Riso Carnaroli Riserva San Massimo all’olio, vongole, timo e limone

Il presidente degli Amici Gourmet Enzo Fulginiti con sua figlia

Branzino con finocchio, ostrica e caviale

Matteo serve il prossimo vino

Gragnano Penisola Sorrentina 2015 ? Cantine Gambardella

Suprema di piccione, fegato grasso al gruP di cacao e salsa al Banyuls

L’assistente sommelier Hideki Watenabe ci mostra la prossima etichetta

Barolo Docg 2005 Vigneto Boscareto ? Batasiolo

I carrelli dei formaggi

Gorgonzola Gran Riserva Leonardi Igor

… completa il piatto di gorgonzola con del cacao

Pre-dessert: Piña Colada

Bicchierino di cioccolato bianco con cocco e ananas.

Sfera al bonet

Sfera di zucchero con all’interno spuma di bonet, salsa al caramello e vaniglia.

Moscato Passito di Strevi Passione 2007 ? Vini Passiti Bragagnolo

Coccole finali

Tipologie della piccola pasticceria: babà al rum; sfogliatelle con crema chantilly; mezze sfere di cioccolato con pistacchio; gelatina di mela verde e albicocca; torroncino; gianduiotto; macaron con crema alla castagna; bignè con crema al lampone; marshmallow alla rosa; cioccolatino bianco con mojito all’interno; lolli pop con caffè caramello e nocciola.

Caffè

VG con il Maître Paolo Ciaramitaro

Ci spostiamo nella splendida cucina per la merenda

Ultima etichetta in degustazione

Franciacorta Parosé Pas dosé rosé 2009 – Mosnel

Lo chef con i coniugi Muraglia dell’omonimo Frantoio

Qualche foto di rito con lo chef Antonino Cannavacciuolo

È arrivata l’ora dell’attesa merenda: paccheri al ragù napoletano

Il sous chef Simone Corbo all’impiattamento

… anche questa giornata si è conclusa, arrivederci al prossimo appuntamento del nostro Roadshow a Villa Crespi!

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della seicentodiciassettesima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Ristorante Hotel Villa Crespi
28016 Orta San Giulio (NO)
Via G. Fava, 18
Tel. 0322 911902
Tel/Fax +39 030 9905037
Chiuso lunedì tutto il giorno e martedì a pranzo
E-mail: info@villacrespi.it
Sito internet: www.villacrespi.it

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:

www.altissimoceto.it/meeting-eventi/

Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 8 tre stelle, dei 41 due stelle e da una buona parte dei 294 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i più prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

TrackBack
[01/01/2017, 18:19] Is Italian Wine Ready for a Revamp in 2017?
Vision quests, spa treatments, identity crisis wines and start-up disruptors

My Italian friends are posting pictures on their Facebook, Twitter and Instagram feeds, from Myanmar to Miami and from mountain ski resorts. They are starting the year off with a vacation. Every year it strikes me a bit funny when this happens. Maybe my 7% German DNA overrides the need to take off. In the wine industry we just climbed a high mountain, Mt. O-N-D, and although many of us fought all the way to the end, some of us didn?t quite make it to the very top. Camp 4 maybe, but not the summit. That?s kind of the way it is though, we really never reach the top and once we do, it usually isn?t in bright shiny, fashionable ski gear as we slither down the mountain towards a hip-tone chalet filled with Franciacorta and Prosecco awaiting us. No, the battle is done, for a few days. And then it starts all over again.


I?m talking about the battle to win more wine lovers, and in my case, more Italian wine lovers. I now look at it as an orbit. An orbit around the sun. And in my career, this was the 36th go around. I remember my first one, and my old manager, Lee High, took me aside one day at the end of November and told me, ?December 1st will be the busiest day of the year.? And for years it was. And then they all became busy, often past the designated days in December, to the 32nd, the 33rd, even the 35th of December. And it never seemed to stop. There were no respites to high rise condos in south Florida, no long weekends in Cortina D?Ampezzo. Just year-end business reviews, and get back on the horse. That?s what we do in America ? we work ? we grow things ? we blow things up. And we do it over and over and over again.

So, Italy ? what about you? Once you get back from your vision quests and your spa treatments, your Epiphany celebrations and your Befana sightings ? what do you think, in the wine business, you will want to accomplish in 2017? Let me share with you some random thoughts. We all want Italian wine to be greater, yes? Take this as simply one long-time observer?s view of the path ahead.

Relationships are still King. There is no substitute for being here, pressing the flesh, telling your story and following up once you get home. Over and over and over again. It?s like football. Move the ball to the goal, make a goal and do it again, and again and again. Seems simple, eh? Come see us in 2017.

Worried about the political landscape in the US? Look around, things all over are in disruption mode ? England, France, Italy, Turkey, Russia, Korea, China, India. We are all in this together, there is no escape. So we all need to learn how to ?dance in a hurricane,? as Thomas Friedman writes.

Let?s address a few challenges, and some opportunities as well, for the Italian wine business:

Made-up labels. Many Importers decided, years ago, to protect their interests from losing a brand they built from scratch. They all do it, Winebow, Vias, Domaine Select, Empson, Terlato, even Dalla Terra. Those kinds of wines have a market, but they aren't for everyone. They aren?t for most of the young somm set. The young somm set are looking for compelling stories that resonate with the ideals of their generation. Show a made up label to them and it will just piss them off. So, don?t. Wines like this will work much better in channels where upcoming wine drinkers are shopping, like these mega-gourmet supermarkets that need wine made in more than 1 barrel lots. Hey, look at Eataly, where the Batali-Bastianich group has come up with a series of wines to service their stores in America (and also their restaurants around the world). For the most part, these are well-made wholesome wines. Sure, Raj Parr probably isn?t going to list those wines on his Delectable feed. But these aren?t wines for that world. They don?t fit with the running screenplay of the lives of 20 something?s looking to make their mark in the world. After they get a wine director gig in Houston with five restaurants to feed, then maybe wines like that will make more sense. But for now, this is not the wine for the mostly millennial group.

Toscana Rosso ? Jesus, if I see another wine with this appellation, I?m going to scream. Stop it all, now, all of you. Call it something, call it Classicaia or some other fantasy name, just, not another Toscana Rosso, ever, ever again? we?re done in America with this wine. DONE!

Let?s talk about Soave. You all are working real hard to screw the pooch again. Get it together. Soave has become the Zinfandel of white wine of Italy. Stylistically, it?s all over the place ? from high acid, lean, mineral-staccato style to ripe, flowery, late-harvest, gooey, agave syrup-like renditions. Somethings got to give. America loves Soave ? if they didn?t then the folks at Gallo wouldn?t have taken a position on it with Pieropan, for they have much bigger fish to fry. Keep it simple. Stop trying to make it into a Montrachet or a SLH Chardonnay.

Nebbiolo?s close up moment. This wine is gearing up for a big run. I can sense this is already happening. Things are lining up. It?s about to become the monster that Toscana Rosso thought it was meant to be. But it has the blessing of its parents, Barolo and Barbaresco. And we have probably 4-5 years before someone screws the market up, with greed, unbelievably low prices and lesser wine. It happened with Bourgogne Rouge, it can happen with Nebbiolo. I hope it won?t.

Sardegna. Well we all know Sardegna isn't Sicily. Or Corsica. The wines just aren?t taking off in America. What is the problem, Sardegna? You had Tachis as your guardian angel! And still, the market, who cares? That?s them talking, not me. Sardegna, perhaps the world doesn't want Vermentino or Grenache from you- they can get it from the South of France or Tuscany and more people travel there in any case. So what treasure are you concealing from us? What covert gems are lurking in those hills? Do we need a Kermit Lynch to come and find them? Like he did in Corsica? I know you?ve got something better for us than what we?re getting. Bring them to us. Please.

Franciacorta ? Ok, I?ve tried, I?ve really tried. Lots of us have. But Champagne is back on the upswing. And Prosecco is kicking everyone?s ass. Or at least the heavily discounted, under $10 Prosecco. Hey, even folks are now looking to Cava for some relief. And that?s probably a direction more wine shoppers will go this year ? there are some amazing Cava wines available ? much more character than Prosecco and not as expensive as Champagne (or Franciacorta). Franciacorta, the party is over. You want one more rotation on the planet around the sun? Or maybe just pack it up and go home? Who are you? The ball is in your court ? you make the shots ? and by the way, you could use a couple of three-pointers right now.

Good news? Do I have any? Well, in fact I do. Ever heard of Drizly? I didn?t think so. I spent a day in Boston with the folks who started and run this ?fast-company.? My mind was blown. I see Drizly as a shot in the arm for the wine business. It?s time hasn?t come yet. But it?s a coming. Imagine trying to find a hard to get wine that is in plain sight ( at least in some retailers or wholesalers stocks) and you can get it delivered in a couple of hours , or at best a day or so? It?s the ultimate millennial wet dream, having access to something they don?t even know they want. So. Very. Badly. Oh yeah, it?s a coming. You?ll be dancing in the eye of the hurricane. I will write more about this in 2017. I cannot even tell you how this company has blown my mind with the possibility of delivering to my expectations for a more level playing field in the fine wine acquisition department.

So far I?ve picked on Italians who are sunning at Phuket or skiing at Madonna di Campiglio in January, private made up labels, generic red wine from Tuscany, Soave with gender identity issues, Sardegna and Franciacorta. And I?ve praised Nebbiolo (for now) and an obscure startup company with an odd name, Drizly. The horses aren?t exactly roaring out of the gate in 2017, from this perspective, on the wine trail in Italy. But we have left 2016 in the past, where it belongs, with 2012, 2008, 2001, 2000, 1992 and all the other rotations around the sun that left us older (and hopefully, wiser).

Well, it?s early still? but not too early for a glass of, what?ll it be?






wine blog +  Italian wine blog + Italy + Drizly + www.drizly.com W
TrackBack
[12/29/2016, 22:05] Cartoline dal 616mo Meeting VG @ La Ciau del Tornavento ? Treiso (CN) ? Chef/Patron Maurilio Garola, Patron Nadia Benech

Non si può dire di essere stati in Langa senza una tappa alla Ciau del Tornavento. La storia della “Ciau” inizia nel 1997 e se all’inizio si è identificato come locale lontano dalle cronache, sorta di confortevole rifugio specie per amanti del vino, ormai il suo successo è assodato ed è in grado come pochi altri di coniugare numeri e qualità. Maurilio Garola è padrone di casa di consumata esperienza e la sua cucina è un punto fermo: concreta, accomodante, affidabile, ben radicata nel territorio con golosissimi interventi dal mare. Impossibile scegliere tra l’anima ittica e quella terragna, se i Gianchetti e carciofi o i Calamaretti alla piastra, patate, pomodorini confit e pesto ci trasportano direttamente in una Liguria da sogno gourmet, i Porri di Cervere e Tartufo Bianco d’Alba o lo spettacolare capretto sono emozionanti dediche alla Langa. Non perdetevi il nostro racconto, a partire dall’aperitivo nella monumentale cantina

Archivio storico reportage:

-> Reportage del 31 ottobre 2008
-> Meeting dell?11 novembre 2008
-> Meeting del 28 aprile 2012
-> Meeting del 20 novembre 2013
-> Meeting del 6 dicembre 2014
-> Meeting del 5 dicembre 2015

La squadra

Patron: Nadia Benech e Maurilio Garola
Amministrazione: Cecilia Monte

Lo staff di cucina

Chef: Marco Lombardo
Chef de partie antipasti: Massimo De Innocenti e Michele Lulja
Chef de partie primi: Antonio Grosso, Ho Yoshikawa e Luca Soave
Chef de partie secondi: Bise Yuta, Outoukart Anoir e Valentina Tarana
Pasticcieri: Stefano Pavese, Erika Lanfranco e Giovanni Brunello

Lo staff di sala

Chaccha Edgar
Salina Roberto
Di Pietro Silvia
Gorka Tura Annette
Cuccureddu Andrea
Raba Mihaela

Sommelier: Miyuki Murao e Frank Aletto

L’ingresso del ristorante

Il menu esposto all’esterno

Sala e mise en place

Il tavolo Amici Gourmet

I nostri Premium Partner

Il nostro menu personalizzato

Abbinamento Vini
Nei meeting utilizziamo i vini messi a disposizione dai nostri Partner.

Per l’aperitivo ci rechiamo nella splendida cantina del locale

Aperitivo

Tipologie di stuzzichini: salmone affumicato; tartelletta con mousse al gorgonzola e pera caramellata; mini hamburger; cialda di riso con mousse di mortadella e granella di pistacchi; stendini di salame cotto e crudo; burro 25kg Inalpi; filetto di vitella con caciotta Kremina Inalpi e salsa al tuorlo su cialda croccante; semolino; gamberi di Sanremo impanati nella tonda gentile.

Ci accomodiamo a tavola dove ci accoglie lo chef Maurilio Garola

Franciacorta Brut Vintage Collection 2009 Magnum ? Ca? del Bosco

Tipologie di pane: bianco con lievito naturale; nero con farina integrale uvetta, noci, fichi e albicocche; panini morbidi al lardo e rosmarino; focaccine alla cipolla.

Piattoooo!!!

Gianchetti e carciofi

Adènzia Bianco 2014 ? Baglio del Cristo di Campobello

Calamaretti alla piastra, patate, pomodorini confit e pesto

Calamaretti fritti a parte

Triglia farcita di erbette invernali, crema di fagioli di Pigna, olio di verdure

Ribolla gialla 2013 ? Villa Parens

Trippa di baccalà e baccalà al latte

Limpronta Ruché di Castagnole Monferrato Docg 2011 ? Montalbera

Zuppa di pane raffermo, uovo affogato, tartufo nero, morbido di vaccino Inalpi

Frittino di rinforzo

Lo chef con Pierantonio Invernizzi, direzione commerciale di Inalpi

Porri di Cervere e tartufo bianco d’Alba

Prossima portata preparata in Pentola d?oro Baldassarre Agnelli

VG e lo chef presentano il piatto

Risotto al gorgonzola Riserva San Massimo con Passito Oro La Spinetta

Barolo Baudana 2006 ? Luigi Baudana

Plin di gallina al Marsala e creste di gallo

Capretto

Quaglia farcita di foie gras

Pre-dessert:

Sfera di tiramisù, con liquirizia, caffè, limonaria e sorbetto al mandarino

Caffè e coccole finali

Tipologie di piccola pasticceria: macaron con ganache al cioccolato e pepe, cannolo alla crema a caffè e granella di nocciola, tartelletta con crema al limone e lampone, meringa, gianduiotto, bignè ripieno di crema pasticcera e glassa reale.

Cadeau Inalpi per i nostri Amici Gourmet

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della seicentosedicesima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Ristorante La Ciau del Tornavento
12050 Treiso (CN)
Piazza Baracco, 7
Tel. 0173 638333
Chiuso mercoledì tutto il giorno, giovedì a pranzo e durante il mese di febbraio.
E-mail: info@laciaudeltornavento.it
Sito internet: www.laciaudeltornavento.it

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:

www.altissimoceto.it/meeting-eventi/

Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 8 tre stelle, dei 41 due stelle e da una buona parte dei 294 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i più prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

TrackBack
[12/29/2016, 00:38] 11 Years Wine Blogging - On the Wine Trail in Italy ? Quo Vadis?
What started out as a journal, a web-log as we called it at the time, has become a journey, now expanding into its second decade. The idea of time as a construct that stretches and takes forever, well maybe that quite ain?t the way it is. But what I do know, in the last eleven years, is ?what a long, strange trip it's been.?

From my perspective, smack dab in the middle and below the belt-line of America, I see only the road ahead, the future. If the last eleven years passed in a blink, imagine what the next two, four, eight could be? For wine, and Italian wine at that, it will be great. But what if it is riddled with uncertainty, sitting on lees of confusion and ambiguity? Fortunately, in times of social change, even in extreme cases involving the ultimate breakdown - war - the earth still gives forth. It still rotates, constantly moving through space at unimaginable speeds. The earth really doesn?t care if we are here or not, does not mourn T-Rex or the dodo. It?s up to us to make the right decisions as to how good of a life we can make it on this pretty little water filled orb. One solution: 85-87% water diluted with a little magic from the fermented grapes, a civilized pause for enjoyment, while here.


So, Italy ? Quo Vadis? Where are we going? Where do we want to go? How are we able to go there when we figure out where that is? And how are we going to make those steps with courage and with forceful determination? I see this time, for Italy, and by extension, Italian wine, having a defining moment.

I say this as an observer, but also as a participant in the process. Admittedly it is from one of many points of contact that Italy has in the world. Texas might think they are the center of the world, and America the center of the solar system, but we all know there are many other things in play. The massive shift of populations away from Africa and the Middle East, from Mexico and Central America, towards healthier economies and freer societies. Italy is undergoing a wave of new blood, Sicily and Calabria being the entry points, for those who survive the voyage from Tripoli and Tunis. All of Europe is changing. It?s becoming more like America in its diversity of population. And as well, there is backlash from those settled in who see this as challenging their way of life. The United States has just had a huge pitchfork plunged into it and is undergoing massive change, both what we see and what will come as consequence of the turning. While the world turns, the stuff of this world is being upturned.

And always, the burning question ? how do we sell more Chianti, real, well-made Chianti to America? That?s what many of my Italian friends want to know. How do we get people from Pinot Noir or Cabernet to Sangiovese and Nebbiolo, Nero D?Avola and Montepulciano? Isn?t that really why you come here?

Sorry to say, after eleven years, we aren?t too much closer to a formula, an instant winner of an answer for those who are seeking that answer. In fact, in eleven years, that question is probably more complicated now than it was in 2005. There are more wines in the world to choose from. There is more price transparency, thanks to the internet. There are more people from the wine world in the markets, working their products. Competition is, well, more competitive than it was in 2005.

Look, this isn?t a doom and gloom scenario. But going forward there will be a lot of ?more blocking and tackling? along with some strategy. And one I will elaborate on in my 2017 New Year?s post next week.

2016 has been a challenging year for many on earth. But those of us who made it this far, well, we have miles to go before we sleep. The last eleven years has been a great ride and I look forward to the next eleven, on the wine trail in Italy. Hope to see you in year XII.






wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[12/28/2016, 22:05] Glam Ristorante @Palazzo Venart Hotel ? Venezia ? Chef Consulente Enrico Bartolini, Executive Chef Donato Ascani

Venezia è forse la città italiana più amata da parte del turismo internazionale. La sua unicità le ha permesso di preservare inalterato il fascino dei secoli di storia che l?hanno forgiata e plasmata, e questa peculiarità l?ha resa una location ideale per lo sviluppo della ristorazione e dell?ospitalità d?alta gamma. Da settembre una nuova destinazione si è aggiunta agli indirizzi immancabili per un soggiorno in città, il Palazzo Venart Luxury Hotel, 5 stelle, un edificio storico nel cuore della città. Al suo interno, per guidare il ristorante gourmet della struttura, Glam, la proprietà ha voluto Enrico Bartolini, lo chef bistellato che ha appena ottenuto il prestigioso riconoscimento di ben 4 stelle Michelin in un solo anno (2 al Mudec, 1 al Casual e una alla Trattoria Enrico Bartolini). Quaranta coperti distribuiti in una sala affacciata sul Canal Grande e un menù dedicato alla Laguna, dove la materia prima è tutta locale. Infatti, oltre al pesce fresco portato ogni mattina dal Mercato di Rialto, tutta la frutta e la verdura servita al Glam Ristorante proviene dall?orto sinergico della Giudecca, nato dal progetto di Michele Savoragno al fine di preservare e coltivare oltre 300 varietà di piante ed erbe commestibili.

La squadra

Lo staff in cucina

Chef: Donato Ascani
Sous chef e pastry chef: Masayoshi Noguchi
Chef de partie primi: Giulio Pierotto
Chef de partie secondi: Emanuele Bertelli

Lo staff in sala

Maître: Adele Furno
Sommelier: Gianmarco Boscolo Camiletto
Chef de rang: Giulio Galvano
Demi chef de rang: Davide Turetta

Ingresso al ristorante dalla Hall dell’hotel

Sala e mise en place

Menu

Riportiamo, come sempre, il menu degustazione e quello alla carta.

Menu degustazione GLAM ? 90

6 assaggi istintivi

La carta

Entrate contemporanee

Patata soffice, capperi, granchio e finger lime ? 30
Saor in zucca! Baccalà mantecato ed erbe ? 25
Mazzancolle e finferli ? 30
Culatello di Parma servito con pomodorini e melanzana al forno ? 30

Primi piatti intorno alle culture italiane

Risotto mantecato ai porcini e curry ? 30
Tagliolini aglio e olio serviti con ricci di mare ? 40
Spaghetti all?anguilla affumicata e finocchietto ? 35
Ravioli tradizionali di arrosto al burro e salvia ? 25
Zuppa di fagioli scritti, cruschi e birra ? 25

Piatti principali popolari in laguna

Seppie al vapore con radicchio, mela all?olio, limone e bottarga ? 35
Moeche fritte e carciofi serviti con salsa rosa ? 40
Sogliola scottata con brodetto ai funghi, gnocchetti ai porri ? 40
Animelle di vitello con peperone arrostito ? 35
Filetto di manzo in tartare ? 30
La verdura ? 25
Formaggi italiani ? 30

Dessert ? 15

Torta fichi e cioccolato
Tarte Tatin con gelato alla vaniglia di Thaiti
Tiramisù
Gelato alla nocciola con cioccolato fuso

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

Aperitivo servito dalla maître Adele Furno

Riserva Lunelli Trento Doc 2007 ? Ferrari Trento

Uovo nell?uovo, bottarga, bergamotto, peperoncino

Cialda di riso e alga nori con crema ai funghi, portulaca, borraggine

Panzerotto scarola e olive taggiasche

Panino salmone, senape

Panino, uova strapazzate e cicoria

Crostino con burro d?alpeggio, acciuga del Cantabrico e pomodoro confit

Lattuga di mare, cumino, limone

Sfoglia di patate con baccalà e salsa carpione

Frisella con acciuga marinata e puntarelle

Verdicchio del Castello di Jesi Classico Riserva 2015 – Bucci

Polenta soffiata e sesamo

Pizza gluten free alla marinara

Pane

Tipologie di pane: con lievito madre, grissini e focaccia. Servito con burro d’alpeggio.

Piattooo!

Ultimo ritocco prima di servire

Rape e rapa

Tre rape, datteri, erbe piccanti.

Patata dolce, acciuga, capperi, nocciola

Chardonnay biologico Selím Dl?Armari Colli Piacentini 2013 ? Luretta

Porcino con cavolo riccio e radicchio

Zucchina, panna acida, yuzu

Ombrina cruda marinata ventiquattro ore con alga combu

Seppia affumicata con erba luigia, il suo nero e cima calata

Spaghetto con cime di rapa e alici marinate

La Rocca 2014 – Pieropan

Risotto al ginepro, rafano, birra rossa

Ombrina con radicchio e katsuobushi

Borgogna Ronceive 2014 ? Domaine Arlaud

Anatra giovane femmina con broccolo fiorato e cognac

Shiso, mela verde e gelsomino

Riesling Auslese Cuvée 2012 ? Kracher

Caco, anice stellato, whisky

Caffè

Caffè Timor Arabica realizzato a cura del laboratorio di torrefazione Giamaica Caffè di Gianni Frasi.

Coccole finali

Crema di cioccolato con gelato alla nocciola

Praline di ricotta e pera, praline con cioccolato al latte e crema frizzante

Macaron al cioccolato

Fragole e meringa

Sala e cucina al gran completo

Cucina

Riprendendo la filosofia del suo maestro, Donato Ascani dedica la sua cucina alla Laguna: i piatti proposti nel menù sono gli intramontabili classici della tradizione veneziana, arricchiti da qualche studiata proposta stagionale che comunque non si discosta dallo stile di fondo del menù. Alla base di ogni piatto una selezione di materia prima eccellente, scelta con cura tra i migliori produttori della città.

Servizio e accoglienza

In sala il servizio è guidato dalla giovane Adele Furno, maître e sommelier ben nota ai frequentatori dei locali dello chef toscano. Infatti dopo anni di servizio al Devero, Enrico Bartolini l’ha voluta a capo della sala del suo nuovo ristorante.  Sorridente e competente, Adele conduce uno staff giovane e preparato, garantendo un servizio preciso e discreto.

Conclusioni

Un ambiente sobrio, ma curato all’interno delle mura di un palazzo storico, legato a una Venezia d?altri tempi. Pochi coperti distribuiti in un?unica sala affacciata sul giardino privato da cui ammirare uno scorcio inedito e affascinante del Canal Grande. Una cucina autentica e raffinata da assaporare per scoprire i sapori e i profumi della Laguna.

Valutazioni: [* * * * *]

Cucina ? Servizio ? Location ? Cantina ? Coccole

Viaggiatore Gourmet

Glam Ristorante
30135 Venezia
Santa Croce 1961
Tel. (+39) +39 041 5233784
E-mail: info@ristoranteglam.com
Sito internet: www.palazzovenart.com

TrackBack
[12/27/2016, 22:05] Palazzo Venart Luxury Hotel ? Venezia ? GM Angelo Rizzi

Soffitti di legno ricoperti di foglie d?oro, un giardino privato con esposte opere di arte contemporanea, una vetrata affacciata sul Canal Grande e 18 esclusive camere con arredi d?epoca, dedicate alle personalità che hanno fatto la storia della città o che l?hanno amata e celebrata nelle loro opere. Tutto questo è il Palazzo Venart Luxury Hotel, il nuovo hotel 5 stelle che a settembre ha aperto i battenti nella bella Venezia. Di proprietà di LDC, colosso cinese dell?ospitalità di lusso, l?hotel sorge nello storico Palazzo Bacchini delle Palme, restituito agli antichi splendori dopo un attento restauro conservativo. Al suo interno non poteva mancare un ristorante gourmet, il Glam, uno spazio elegante e raccolto, solo 40 coperti, guidato dal bistellato Enrico Bartolini.

Lo staff dell?hotel

General Manager: Angelo Rizzi; F.O. Manager: Alice Dionisio; Revenue Manager: Francesca Brocchi; Director Sales & Mkg: Barry Wishart

L?ingresso

La vista sul Canal Grande dal piano terra dell’hotel

La Hall

La sala del Glam Ristorante

Camere e suite

L?hotel dispone di 18 esclusive camere e suite, arredate con raffinata eleganza con mobili d?epoca, messi in risalto dalla luce che filtra dalle finestre a vetrata affacciate sul Canal Grande. Da Tiziano a San Marco, da Lord Byron a Christine de Pizan, ogni camera rende omaggio a una personalità illustre che ha vissuto a Venezia, che ne ispira lo stile e gli arredi.

La Tariffe delle camere: Classic double room: ? 690,00; Prestige double room: ? 890,00; Luxury room: ? 2790,00; Luxury Room Grand Canal: ? 2990,00; Suite: ? 2790,00; Suite Grand Canal: ? 2990,00

Luxury Room San Marco

La Suite Dandolo riservata per VG

La camera da letto

La poltrona della camera

Il benvenuto dell?hotel personalizzato dal GM Angelo Rizzi

Il salotto

Il mini bar con la selezione di cioccolato firmata da Enrico Bartolini

La sala da bagno

Le amenities by Etro

Il terrazzino privato

La sala colazioni

La colazione di VG

La carta delle colazioni

I croissant

La selezione di yogurt fresco

La frutta fresca

Uova in camicia e misticanza

Vista sul Canal Grande by night

Cucina

In linea con il ristorante, l’offerta gastronomica dell’hotel porta l’impronta dello chef Enrico Bartolini. Dalla selezione di snack presenti nelle suite alle sfiziose proposte per la colazione, nessun dettaglio è lasciato al caso, ogni particolare è pensato e voluto, per soddisfare ogni esigenza dell’ospite.

Servizio e accoglienza

Un servizio professionale e attento, di altissimo livello come ci si aspetta da un hotel a 5 stelle. Tante le proposte di soggiorno pensate per intrattenere i clienti e personalizzare il loro passaggio per Venezia in modo da renderlo unico e indimenticabile.

Conclusioni

La location storica e la posizione unica rendono il Palazzo Venart Luxury Hotel una delle nuove mete del turismo di lusso che anima la città lagunare. Affacciato direttamente sul Canal Grande, di cui si gode di una vista del tutto inedita dal giardino dell’hotel, la struttura sorge nel cuore della Venezia più autentica, a pochi passi dalle attrazioni principali.

Viaggiatore Gourmet

Palazzo Venart Luxury Hotel
30135 Venezia
Santa Croce 1961
Tel. (+39) +39 041 5233784
E-mail: info.venart@ldchotels.com
Sito internet: www.palazzovenart.com

 

TrackBack
[12/26/2016, 22:05] Serata Krug al Ristorante LoRo ? Trescore Balneario (BG) ? Chef/Patron Pier Antonio Rocchetti, Patron Francesco Longhi

In occasione dell?evento Krug il Ristorante LoRo di Trescore Balneario (BG) ha aperto le porte della sua cucina per una degustazione da 10 e lode! I piatti scelti dallo chef Pier Antonio Rocchetti e dal Restaurant Manager Francesco Longhi si sono sposati alla perfezione con le grandi etichette di una delle maison di Champagne più rinomate e apprezzate. Il menù ha spaziato dalla freschezza del mare alla sapidità della terra, con piatti capaci di esaltare ancor più nel palato l?eccellente champagne a loro abbinato. A concludere il tutto, un goloso buffet di dolci e il più classico panettone con zabajone dello chef ad accogliere le festività natalizie. Ecco il racconto della serata?

Archivio storico reportage:

-> Reportage dell?11 agosto 2014
-> Reportage del 1° settembre 2016
-> Reportage dell?15 ottobre 2016

Selezione di Krug, la grande protagonista della serata

Presentazione delle etichette in degustazione

A presentarcele Andrea Pasqua, brand ambassador di Krug

Grand Cuvée 160ème Edition – Krug

Aperitivo – Tris di stuzzichini

Tipologie di stuzzichini: sablè di mortadella e pistacchi; cannolo croccante gamberi rosa marinati e formaggio morbido; tartara di fassona piemontese sedano e scaglie di parmigiano reggiano

Piattooo!!!

Ultimi dettagli al tavolo

La parola a Francesco Longhi, Patron del locale, per la presentazione del piatto

Crema di carciofi con calamaretto e nocciole

La seconda portata viene completata al tavolo

Riso Acquerello, acqua di pomodoro, mandorla amara e tartufo nero

Ed ecco lo chef Pier Antonio Rocchetti servirci in sala il prossimo piatto!

Ultimo dettaglio al piatto da parte di Francesco

Controfiletto di cervo cotto intero al forno a legna, confettura di ribes rosso, mele e castagne

Un ringraziamento allo chef che ci ha deliziato con i suoi piatti

La brigata al gran completo!

VG brinda con lo chef

Un dolce finale…

… Panettone Tradizionale Homemade LoRo&Co con zabajone!

Un sincero ringraziamento ai patron per la grande esperienza. Serata magnifica!

Viaggiatore Gourmet

Ristorante LoRo&Co
24069 Trescore Balneario (BG)
Via Bruse, 2
Chiuso domenica sera, lunedì tutto il giorno e a pranzo da martedì a venerdì
Tel: (+39) 035 940999
E-mail: ristorante@loroandco.com
Sito internet: www.loroandco.com

TrackBack
[12/22/2016, 22:05] Cartoline dal 615mo meeting VG @Ristorante Combal.Zero ? Rivoli (TO) ? Chef Davide Scabin

A scanso di equivoci, lo dichiariamo da subito: parliamo da fan. In anni di frequentazioni del Combal.Zero il genio di Davide Scabin per noi non è mai stato in discussione. Siamo stati oggetto di esperimenti sull’attenzione del commensale a tavola, provocati fin quasi all’arrabbiatura (bonaria, s’intende), sorpresi da sfacciate scomposizioni di impeto futurista, emozionati da piatti tradizionali proposti con rigore enciclopedico (e bisognerebbe ricordarlo più spesso: Scabin è tra i migliori cuochi classici che esistano). Ogni volta il focus si spostava su una diversa componente, il design, la semiotica, i sapori “nascosti”, il sale, esasperandola con perizia ingegneristica, ottenendo risultati gastronomici impensabili altrove. Il percorso pensato per il nostro meeting è una summa di queste esperienze, in un menù in cui la monumentale “Fassona al camino” è un antipasto, la pasta scotta fino a diventare “pongo” (cit.) è la base per un soufflé magistrale, genovese, carbonara, e cacio e pepe sono un piatto solo, e questo solo per iniziare. Il menu anche quest’anno segue la logica Up&Down, ovvero un percorso al contrario sia per quanto riguarda i piatti che per quanto riguarda l?abbinamento vini, si parte con le proteine e si va avanti in leggerezza.

Archivio storico reportage:

-> Reportage del 27 ottobre 2006
-> Reportage del 28 febbraio 2007
-> Meeting del 10 settembre 2008
-> Meeting del 29 settembre 2009
-> Meeting del 6 ottobre 2010
-> Reportage del 9 dicembre 2010
-> Meeting del 15 giugno 2011
-> Meeting del 28 novembre 2015

Alcuni dettagli della sala

Le ricette di Davide Scabin realizzate in occasione della missione spaziale di Luca Parmitano, partito con la Sojuz TMA-09M dal Cosmodromo di Baikonur, Kazakistan

Il tavolo Amici Gourmet

Abbinamento Vini
Nei meeting utilizziamo i vini messi a disposizione dai nostri Partner.

Pane

Tipologie di pane: integrale alle noci, bianco alla salvia, bianco; grissini.

Aperitivo

Un bel brindisi per iniziare la nostra cena: Cocktail Americano con Vermouth Carpano Antica Formula

Crema Parmentier con funghi porcini e spaghetto al nero di seppia

Zucchine in carpione secondo Davide Scabin

La sommelier intanto decanta la prima bottiglia di rosso, perché nel menù Up&Down anche i vini vengono serviti al contrario

Barolo Docg 2004 – Azienda Falletto di Bruno Giacosa

Piattooo!!!

Fassona al camino

Fassona al camino impanata alla torinese (pan grattato e grissini), servita su un braciere di rosmarino, aglio e salvia bruciati, purea di patate ratte, maionese al wasabi e consommé di vitello e gallina.

Anteprima: agnello con rigatoni 3 in uno: genovese, carbonara e cacio e pepe

La Bogliona Barbera d?Asti 2005 ? Scarpa

Milena Pozzi, Patron del ristorante con Davide, rifinisce al tavolo la prossima portata

Maccherone Soufflé con ragù alla bolognese e fonduta di Grana Padano DOP Riserva 24 mesi Combal

La particolarità di questo piatto sta soprattutto nell’impasto: il soufflé viene creato infatti con maccheroni stracotti. Il “piatto” in cui è stato servito era stato utilizzato da Davide per una presentazione di moda in cui doveva affiancare un’artista surrealista.

La parola a Milena per la presentazione del prossimo piatto

Anteprima: Caesar salad pork style

Omaggio a Raffaele Barlotti tra limoni, friarielli e cucunci

Raffaele Barlotti è il produttore di mozzarella e riccotta di bufala da cui si rifornisce lo chef Davide Scabin. Il raviolo è ripieno appunto di ricotta di bufala, servito con friarielli, limone, emulsione al caffè e uova di trota.

Mirko Lapiana presenta la prossima portata

Roast-beef di cervo

Cervo marinato con ginepro, succo e buccia d?uva, servito con misticanza, tè nero e acqua emulsionata al pomodoro.

Langhe Chardonnay Grésy 2000 ? Marchesi di Grésy

Cecina mediterranea

Farinata con una percentuale di acqua di mare nell’impasto, gamberi rossi di Porto Santo Spirito, cipolla rossa di Tropea, olive taggiasche e pesto dry (lo stesso utilizzato nelle sue preparazioni per la missione nello spazio di Luca Parmitano).

… un po’ di bollicine in arrivo, servite da Riccardo Carulli

Mini verticale…

Champagne Cuvée Louise 1999 Magnum ? Pommery

Champagne Cuvée Louise 2002 Magnum ? Pommery

Langaroll

Roll di fassona con carciofi, patatine fritte e foie gras, accompagnata da insalata condita con salsa di soia.

Carpaccio di astice e gorgonzola

Champagne Grand Cru Vintage 2000 ? Pommery

Assaggiamo un gustoso formaggio inglese

Stichelton

Erborinato di latte vaccino, 6 mesi di stagionatura, di Nottinghamshire, UK.

Bombolino di mezzanotte

Ripieno di crema pasticcera al limone, il bombolino nasce da un impasto di spaghetti stracotti (impermeabili alla frittura).

Zuppa di cannoli con mandorle e caffè

Gremolada di mandorle e caffè, con mini cannoli siciliani e basilico.

Gran finale con Magna Mater Stravecchio Branca Distillerie!

Cioccolato e caffè

Caffè robusta di São Tomé abbinato a ganache cioccolato 70% del centro America, miele della Val di Susa e petali commestibili.

Tutto pronto per il Cyber-Elio Campari

Una tisana per concludere la nostra degustazione

Cadeaux per i nostri Amici Gourmet

Chiacchiere finali con lo chef Davide Scabin, come sempre in cucina

VG brinda con lo chef: Vermouth Carpano Antica Formula on the rocks

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della seicentoquindicesima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Ristorante Combal.Zero
10098 Rivoli (TO)
Piazza Mafalda di Savoia
Tel. 0119565225
Chiuso domenica e lunedì. Aperto solo a cena
E-mail: combal.zero@combal.org
Sito internet: www.combal.org

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:

www.altissimoceto.it/meeting-eventi/

Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 8 tre stelle, dei 41 due stelle e da una buona parte dei 294 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i più prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

TrackBack
[12/21/2016, 22:05] Ristorante Anne-Sophie Pic @Maison Pic ? Valence (France) ? Chef/Patron Anne-Sophie Pic

A Valence il nome della famiglia Pic è legato all?alta ristorazione da quasi un secolo. Negli anni ?30 infatti André Pic fu il primo a conquistare le ambite tre stelle Michelin, presso il ristorante proprio al centro del paese. Stelle che tornarono a brillare nel 1973, stavolta per merito di Jacques Pic, figlio di André, incaricatosi del faticoso incarico di riavviare l?attività di famiglia dopo il secondo conflitto mondiale. Oggi il prestigioso riconoscimento è mantenuto da anni con orgoglio dalla terza generazione della famiglia Pic, rappresentata da Anne-Sophie, una donna coraggiosa e intraprendente, che in pochi anni ha affiancato al ristorante anche una Maison di lusso, una gastronomia, una scuola di cucina e persino una filiale parigina, stellata anch’essa, e una all’interno del Beau-Rivage di Losanna (2 stelle Michelin), di cui vi abbiamo già raccontato. Il nostro pranzo si è svolto nella sede storica, dove la stessa Anne-Sophie Pic trascorre la maggior parte del suo tempo e nelle cui cucine immacolate dà vita alle sue creazioni. Al suo fianco, il marito David, responsabile della gestione della Maison. Abbiamo optato per il menu Harmonie, una ricca degustazione di portate che hanno messo in risalto la straordinaria capacità della chef di esaltare il sapore della materia prima attraverso abbinamenti insoliti, delicati e sorprendenti.

La squadra

Lo staff in cucina

Chef e patron: Anne-Sophie Pic
Chef de cuisine: Hugo Bourny
Pastry chef: Eric Verbauwhede

Lo staff in sala

Direttore de ristorante: Cyril Blache
Capo sommelier: Baptiste Gauthier
Sommelier: Denis Bertrand

L’ingresso della storica Maison Pic

Foto del ristorante a fine Ottocento

Generazioni a confronto: i protagonisti della famiglia Pic

La parete “creativa” della chef

Una delle opere di arte contemporanea esposte nella Maison

Sala e mise en place

Il nostro tavolo

Menu

Riportiamo, come sempre, il menu degustazione e quello alla carta.

Menu decouverte ? 160

L?amuse bouche
Ricci di mare viola ? cremoso di ricci all?aneto e al sobacha, gelatina fine di clementine corse
La rana ? cotta alla meunière con tè Lapsang Souchong, coriandolo vietnamita, lime di Tahiti e cavoli
Il manzo delle Highland ? frollato 70 giorni, marinato al rum Zacapa con pepe PhuQuoc e caffè Libérica di Sao Tomé, carote ?come un giardino?
Brie di Meaux alla vaniglia Bourbon
Carrello dei formaggi (+ 25?)

Dessert a scelta

Tè Sencha e geranio rosa ? crema leggere al geranio rosa, gelato allo zenzero e al tè Sencha, cuore fondente al mango e al passionfruit
La castagna dell?Ardeche, cocco, assenzio e Sudachi – cremoso di castagne e Sudachi, chantilly di assenzio e marroni, sorbetto di cocco, castagna e assenzio
La millefoglie la caffè e al passionfruit ? pralinato di nocciola, confettura ai frutti esotici, crema leggera al caffè Kent d?Unna, emulsione di chicchi di caffè e passionfruit
L?orzo, la birra, la liquirizia e a pera ? confettura di pera William, bavarese di birra e liquirizia, crema ghiacciata di birra e pane nero, cremoso di birra e liquirizia
Il limone Meyer ? evocazione della Garrigue
Il cioccolato al miele amaro ? creato da Valrhona per Anne-Sophie Pic come un nido d?ape, panna cotta al miele amaro corso. Cremoso e ganache al tè Hojicha Cubèbe

Menù Armonia ? 240

L?amouse bouche
L?ostrica Gillardeau ? crema ghiacciata di levistico e cardamomo nero, barbabietola in diverse consistenze
La zucca e la bottarga ? confettura d?agrumi, brodo filtrato di zucca butternut con foglie di bergamotto e curcuma

A scelta

I berlingot ? fondenti, al cremoso di caprino di Banon leggermente affumicato, consommé al crescione con infuso di zenzero e bergamotto
Capesante croccanti, bouillon leggero alla mela verde, foglia di cinnamomo, anice verde e sedano bianco
San Pietro ? cotto alla meunière, porcini e salicornia saltati in padella, bouillon cremosa allo zenzero e geranio rosa

A scelta:

Il capriolo ? marinato alla feccia di saké, castagne e cerfoglio tuberoso in diverse consistenze, cedro screziato e champignon
Rognone di vitello al latte ? rognone di vitello in padella, caffè Libérica e caramello al groviera, carciofi al pepe, caffè e capperi essiccati

Il brie di Meaux alla vaniglia Bourbon e carrello dei formaggi

Dessert a scelta

Tè Sencha e geranio rosa ? crema leggere al geranio rosa, gelato allo zenzero e al tè Sencha, cuore fondente al mango e al passion fruit
La castagna dell?Ardeche, cocco, assenzio e Sudachi – cremoso di castagne e Sudachi, chantilly di assenzio e marroni, sorbetto di cocco, castagna e assenzio
La millefoglie la caffè e al passion fruit ? pralinato di nocciola, confettura ai frutti esotici, crema leggera al caffè Kent d?Unna, emulsione di chicchi di caffè e passion fruit
L?orzo, la birra, la liquirizia e a pera ? confettura di pera William, bavarese di birra e liquirizia, crema ghiacciata di birra e pane nero, cremoso di birra e liquirizia
Il limone Meyer ? evocazione della Garrigue
Il cioccolato al miele amaro ? creato da Valrhona per Anne-Sophie Pic come un nido d?ape, panna cotta al miele amaro corso. Cremoso e ganache al tè Hojicha Cubèbe

Menu Essenziale ? 320

L?amouse bouche
Ricci di mare viola ? cremoso di ricci all?aneto e al sobacha, gelatina fine di clementine corse
La zucca e la bottarga ? confettura d?agrumi, brodo filtrato di zucca butternut con foglie di bergamotto e curcuma
I berlingot ? fondenti, al cremoso di caprino di Banon leggermente affumicato, consommé al crescione con infuso di zenzero e bergamotto

A scelta:

Abalone di mare ? dashi al geranio rosa, salvia Nama, melissa pere grigliate
La rana ? cotta alla meunière con tè Lapsang Souchong, coriandolo vietnamita, lime di Thaiti e cavoli
L?ostrica Gillardeau ? crema ghiacciata di levistico e cardamomo nero, barbabietola in diverse consistenze

Capasanta di Normandia ? noce di cocco, succo di cottura della capasanta all?angelica, cardamomo nero e Mikan, tartufo bianco d?Alba

A scelta:

Il capriolo ? marinato alla feccia di sakè, castagne e cerfoglio tuberoso in diverse consistenze, cedro screziato e champignon
Rognone di vitello al latte ? rognone di vitello in padella, caffè Libérica e caramello al groviera, carciofi al pepe, caffè e capperi essiccati

Il brie di Meaux alla vaniglia Bourbon e carrello dei formaggi

Dessert a scelta

Tè Sencha e geranio rosa ? crema leggere al geranio rosa, gelato allo zenzero e al tè Sencha, cuore fondente al mango e al passion fruit
La castagna dell?Ardeche, cocco, assenzio e Sudachi – cremoso di castagne e Sudachi, chantilly di assenzio e marroni, sorbetto di cocco, castagna e assenzio
La millefoglie la caffè e al passion fruit ? pralinato di nocciola, confettura ai frutti esotici, crema leggera al caffè Kent d?Unna, emulsione di chicchi di caffè e passion fruit
L?orzo, la birra, la liquirizia e a pera ? confettura di pera William, bavarese di birra e liquirizia, crema ghiacciata di birra e pane nero, cremoso di birra e liquirizia
Il limone Meyer ? evocazione della Garrigue
Il cioccolato al miele amaro ? creato da Valrhona per Anne-Sophie Pic come un nido d?ape, panna cotta al miele amaro corso, cremoso e ganache al tè Hojicha Cubèbe

Menù pranzo ? 110 (solo dal martedì al venerdì nei giorni feriali)

L?amouse bouche
Cavoli ? involtini di cavolo al geranio rosa e limequat, ventresca di maiale nero guascone, consommé filtrato
La coda di rospo del Piccolo Battello ? cotta alla meunière, barbabietola rossa e bianca Albina Vereduna in diverse consistenze, succo di barbabietola infuso alla menta e all?acetosa
Il tè Sencha e il geranio rosa ? crema leggera al geranio rosa, gelato allo zenzero e te Sencha, cuore fondente al mango e al passion fruit

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

La carta dei vini del ristorante

Stuzzichini di benvenuto

Champagne Brut ? Billecart-Salmon per Maison Pic

Pane

Tipologie di pane: bianco, castagne, caffè, birra.

Veniamo introdotti al menù degustazione che abbiamo scelto: il menù Armonia

Piattooo!

Amouse bouche: mousse di Granny Smith, crème brûlée al foie gras d’anatra

Saint Péray 2014 ? Anne Sophie Pic & Michel Chapoutier

Ricci di mare, sobacha, aneto e clementina

Cremoso di ricci all?aneto e al Sobacha, gelatina fine di clementine della Corsica.

In arrivo la portata successiva

L?asparago di Mallemort marinato all?anice verde con limone Meyer

Hermitage 2007 ? Bernard Faurie

In arrivo un altro signature dish di Anne-Sophie Pic

Voilà

Ultimi ritocchi

I berlingot al caprino di Banon, crescione, zenzero e bergamotto

Caramelle ripiene di cremoso di caprino di Banon leggermente affumicato, brodo di crescione, infuso allo zenzero e al bergamotto.

Omaggio della chef! Gambero, sedano, salsa di bergamotto e anice

Aggiunta di brodo floreale alla nostra portata

Triglie del Mediterraneo, brodo floreale allo zafferano, limone Kabosu e amaretto

Châteaunoeuf du Pape 2009 ? Domaine Charvin

Capretto e mimosa

Presentato in una versione primaverile, marinato con ginepro nero e mimosa selvatica, miele amaro e cera d?api.

Saint Joseph 2013 ? Aurélien Chatagnier

Animella di vitello da latte in padella, caffè Libérica

Brie di Meaux alla vaniglia Burbon

Pre-dessert

La millefoglie bianca

Il limone Meyer

Il tè Sencha e il geranio Rosat

Coccole finali

Tipologie di piccola pasticceria: praline al caramello salato; tartellette di cioccolato al passion fruit; sfere alla mela Granny Smith; tartufo fondente e nocciole; pralina al liquore.

Caffè

Cucina

Quella di Sophie Pic è una cucina precisa, attenta nel ricreare un perfetto bilanciamento dei sapori, mantenendo sempre una linea semplice e raffinata. Straordinaria importanza è affidata alla selezione della materia prima, per il suo ristorante Madame Pic si affida a Cyril Vignon, orticoltore da quattro generazioni, partner privilegiato della famiglia Pic da molti anni.

Servizio e accoglienza

Sorridente, professionale, capace di accogliere gli ospiti del ristorante con calore e gentilezza e di servirli poi nel corso della degustazione con grande discrezione ed eleganza. Silenziosi e sobri, ma sempre disposti a rispondere alle domande e alla curiosità del cliente con grande competenza.

Conclusioni

Un ambiente elegante e intimo, accogliente e raffinato, caratterizzato dalla predominanza di colori tenui e dalla luminosità delle vetrate aperte sul giardino interno. Alle pareti, immagini e documenti che raccontano la storia del ristorante e della famiglia Pic. L?impeccabile servizio, la cortesia dello staff e l?eccellente cucina di Madame Pic ne fanno un gran ristorante, degno di essere inserito nell’Olimpo dell?enogastronomia contemporanea.

Valutazioni: [* * * * *]

Cucina ? Servizio ? Location ? Cantina ? Coccole

Viaggiatore Gourmet

Ristorante Anne-Sophie Pic
26000 Valence
Avenue Victor-Hugo, 285

Tel. (+33) (0)475441532
E-mail: contact@pic-valence.com
Sito internet: www.anne-sophie-pic.com

TrackBack
[12/20/2016, 22:05] Ristorante e Resort Villa Necchi alla Portalupa ? Gambolò (PV) ? GM Alfonso Antonella, Chef Antonio Danise

SAVE THE DATE – Giovedì 29 Dicembre 2016 ore 19.30 Festa delle Feste edizione 2016 presso Villa Necchi alla Portalupa – Gambolò (PV). Per info e prenotazioni consulta la pagina dedicata all’evento

Una raffinata villa ottocentesca immersa nel suggestivo paesaggio del Parco del Ticino, un resort di campagna, elegante e riservato, dove trascorrere un soggiorno all’insegna del relax, passeggiando per il curato parco della tenuta o approfittando dei trattamenti personalizzati della SPA, tutto questo è Villa Necchi alla Portalupa. Rilevata dall?imprenditore Vittorio Necchi negli anni ’30, che ne fece la propria residenza e riserva di caccia, la villa includeva anche una grande zona agricola con cascine, boschi e radure, villette per il personale di servizio, una piccola chiesa e una scuola. Frequentata da importanti personalità dell?imprenditoria italiana negli anni Quaranta, ospiti del padrone di casa, alla morte di quest?ultimo la villa conobbe un periodo di declino, durato fino al 2006. In quell’anno, infatti, iniziarono i lavori di restauro guidati da un team di architetti lombardi che in 4 anni restituirono a Villa Necchi lo splendore di un tempo. Oggi infatti la struttura ? suddivisa tra Villa Padronale, Borgo e Club House – è diventata un Resort, dotato di 21 eleganti camere e suite, una piccola SPA aperta in esclusiva per gli ospiti dell?hotel da aprile a settembre e un ristorante gourmet guidato dal giovane chef Antonio Danise. Campano d?origine, alle spalle anni di esperienza nel mondo dell?alta ristorazione, Antonio stupisce per la sua capacità di combinare i sapori della sua terra d?origine con quelli tipici del pavese, creando portate piacevoli ed equilibrate.

Il borsino delle guide cartacee 2017
Michelin non segnala
Espresso non segnala
Gambero Rosso non segnala

Lo staff dell?hotel

GM: Alfonso Antonella; responsabile operativo Villa Necchi: Cristiano Ferrario; referente eventi: Sara Persiani; manutenzione generale: Stefano Vidali; housekeeping: Monica Mancini

La squadra

Chef: Antonio Danise; sous chef: Alfonso Gjoni; pastry chef: Michela Repossi; servizio di sala: Shalimar Lessandrini e Daniele Barolo

La Villa

Il Parco

Dehors e gazebo

Gli interni

Una location perfetta per gli eventi sia all’esterno che all’interno

I mini appartamenti nel Borgo e nella Club House

La camera da letto

Il salotto

Una camera della Villa

Le tariffe delle camere variano da ?140 in bassa stagione a ?210 in alta stagione.

Il Ristorante

La sala

Il tavolo di VG

La nostra mise en place

Menu

Riportiamo, come sempre, il menu degustazione e quello alla carta.

Sapori d?Autunno ? 60,00

Insalata di funghi porcini delle valli del Ticino, scaglie di Lodigiano stagionatura 24 mesi e spuma di fegato grasso di Mortara
Gamberi Rosso di Mazara in veste di reticella di maiale, zucca Bertagnina di Dorno e chips di Carnaroli allo zafferano
Ravioli di riso al ragout di ossobuco, crema di cipolla bianca al latte di Kefir e tartufo nero dell?Oltrepò
Carnaroli Autentico Riserva San Massimo, marroni dei dossi di Remondò, vaniglia e petto d?oca di Mortara stagionato Azienda Palestro
Ombrina, funghi chiodini, spuma di yogurt Casa Vaghi
Mousse al cioccolato bianco, glassa al miele di castagno Parco del Ticino, crumble al cioccolato e gelato ai fichi

La carta

Antipasti

Carpaccio di storione, cedro candito, fichi, pérlage di Foss Marai e mais tostato ? 15,00
Gamberi Rosso di Mazara in veste di reticella di maiale, zucca Bertagnina di Dorno e chips di Carnaroli allo zafferano ? 20,00
Insalata di funghi porcini delle valli del Ticino, scaglie di Lodigiano stagionatura 24 mesi e spuma di fegato grasso di Mortara ? 15,00
Crudo di fassona al coltello in fumo di rovere e quercia, caviale siberiano Dossi Pisani e peperone giallo di Voghera leggermente appassito, aria all?aceto di miele Parco del Ticino ? 18,00

Primi

Paccheri di Gragnano Pastificio Gentile, tartufi di mare, polvere di porcini e scaglie di ricotta infornata ?1 3,00
Chitarra alla clorofilla di prezzemolo, tartare di sgombro cotto su pietra di sale, bottarga e pecorino romano ? 15,00
Carnaroli Autentico Riserva San Massimo, marroni dei dossi di Remondò, vaniglia e petto d?oca di Mortara stagionato Azienda Palestro ? 12,00
Ravioli di riso al ragout di ossobuco, crema di cipolla bianca al latte di Kefir e tartufo nero dell?Oltrepò ? 15,00
Omaggio alla pasta al pomodoro: spaghettoni Pastificio Gentile cottura 16 minuti e pomodorini del Piennolo spellati ? 12,00

Secondi

Ombrina, funghi chiodini, spuma di yogurt Casa Vaghi ? 15,00
Luccio Perca cotto al vapore, gelato al BBQ e cime di rapa ? 15,00
Tagliata di manzo Scottona, patate e ristretto di birra Dark Age Birrificio Artigianale Gambolò ? 18,00
Da un viaggio in Portogallo: filetto di maiale iberico cotto a bassa temperatura, frutti di mare e castagne ? 15,00

La Selezione di Formaggi Azienda Agricola Casa Vaghi ? 15,00

Formaggetta di capra in foglia di noce con miele millefiori Parco del Ticino (prodotto con ciclo biodinamico in Alta Langa astigiana a San Gerolamoda, formaggio di latte crudo di capra 100% di razza camosciata, maturato in foglie di noce bagnate in soluzione alcolica)
Caseum Maiorum con confettura di cipolle di Breme (formaggio a pasta rotta tipico del cuneese prodotto impiegando latte caprino e vaccino con una piccola aggiunta di latte ovino a secondo della stagione, stagionato in cantine di tufo per un periodo di circa 5 mesi e poi in cantina)
Blu di pecora di San Casciano con mostarda di Voghera (Val di Pesa, formaggio prodotto con latte intero di pecora di razza sarda, maturazione di circa 60 giorni)

La Selezione di Salumi Tipici del territorio ? 15,00

Culatello di Zibello dop, pancetta agliata dell?Oltrepò, salamin d?la Duja, salame di Varzi, patè di fegato grasso di Mortara Az. Agricola Palestro (prodotto con oche allevate a terra ad alimentazione naturale)

Dessert

Pastiera di riso con salsa al Liquore Strega ? 10,00
Meringamisù: meringa bruciata, semifreddo al caffè Espresso Portmoka, salsa al Baileys ? 10,00
Babà al cacao in bagna tiepida al limoncello della costiera Amalfitana, gelato al latte di riso e Maron glacé ? 10,00
Mousse al cioccolato bianco, glassa al miele di castagno Parco del Ticino, crumble al cioccolato e gelato ai fichi ? 10,00

Abbinamento Vini
Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

Il nostro menù

Degustazione dell’olio extravergine d’oliva di Agricola Necchi

Pane

Tipologie di pane: pomodoro e basilico; con farina di kamut; con farina di semola, aglio e origano; pan brioche al sesamo e ai semi di papavero; focaccia al rosmarino; grissini stirati a mano; lingue della suocera.

Servito con burro d?alpeggio montato alla rapa rossa e…

… burro d?alpeggio montato al tartufo nero

Piattooo!

Pizza fritta della tradizione partenopea con farina di riso

Valdobbiadene Prosecco Superiore Dirupo docg – Andreola

Morbido di zucca in fonduta di taleggio affinato in foglie di alloro e rosmarino

Pinot nero – Pupa

Crudo di fassona al coltello in fumo di rovere e quercia, caviale siberiano Pisani Dossi e peperone giallo di Voghera leggermente appassito, aria all?aceto di miele Parco del Ticino

Carpaccio di storione, cedro candito, fichi, pérlage di Foss Marai

Gamberi Rosso di Mazara in veste di reticella di maiale, zucca Bertagnina di Dorno e chips di Carnaroli allo zafferano

Ravioli di riso al ragout di ossobuco, crema di cipolla bianca al latte di Kefir e tartufo nero dell?Oltrepò

Pronti a scoprire la portata successiva

Carnaroli Autentico Riserva San Massimo, marroni dei dossi di Remondò, vaniglia e petto d?oca di Mortara stagionato Azienda Palestro

Ombrina, funghi chiodini, spuma di yogurt Casa Vaghi

Pan di Spagna tostato al the verde Matcha bio con gelato al mascarpone e zenzero

Ultimo ritocco al dessert

Pastiera di riso con salsa al Liquore Strega

Meringamisù: meringa bruciata, semifreddo al caffè Espresso Portmoka, salsa al Baileys

In arrivo la piccola pasticceria

Coccole finali

Tipologie di piccola pasticceria: pasta di mandorle; biscotto all?amarena; baci di dama bianchi; baci di dama al cacao; frollini al pistacchio; diamantini al caffè; croccantino alle mandorle; grissini dolci con cioccolato fondente Araguani con nocciole igp del Piemonte e pistacchi di Bronte; graffa napoletana zucchero e cannella.

Uno scatto con tutta la squadra

Cucina

Nel ristorante del Resort particolare attenzione è dedicata alla selezione della materia prima: si privilegiano ingredienti locali, come l?eccellente carnaroli Riserva San Massimo, prodotto proprio nel Parco del Ticino, per poi spaziare alle eccellenze Dop di tutto il territorio nazionale. Le proposte dello chef Antonio Danise nascono da una sapiente rivisitazione di ricette tradizionali interpretate in chiave contemporanea, felice connubio tra Campania e Lombardia. Non mancano piatti dagli spunti creativi, piacevoli e attuali. Nota di merito per i dessert, davvero di ottima fattura.

Servizio e accoglienza

Un servizio discreto, tanto al ristorante quanto nel resto della struttura. Sempre a disposizione degli ospiti e presente.

Conclusioni

Un parco di oltre 10 ettari fa da cornice a questo Resort di campagna e al suo ristorante. Ambienti curati, arredati secondo un elegante stile shabby chic, valorizzati dalla luce naturale proveniente dalle molte vetrate presenti nelle camere e negli ambienti comuni. La SPA e il ristorante gourmet completano l?offerta, rendendo Villa Necchi alla Portalupa un resort elegante e riservato, rifugio sicuro dal caos urbano.

Valutazioni: [* * * * *]

Cucina ? Servizio ? Location ? Cantina ? Coccole

Viaggiatore Gourmet

Ristorante e Resort Villa Necchi alla Portalupa
Fraz. Molino d?Isella ? 27025 Gambolò (PV)

Via Cavalier Vittorio Necchi 2-4
Tel. (+39) 0381 092601
Aperto venerdì e sabato a cena, domenica a pranzo
E-mail: info@villanecchi.it
Sito internet: www.villanecchi.it

SAVE THE DATE – Giovedì 29 Dicembre 2016 ore 19.30 Festa delle Feste edizione 2016 presso Villa Necchi alla Portalupa – Gambolò (PV). Per info e prenotazioni consulta la pagina dedicata all’evento

TrackBack
[12/20/2016, 18:01] Giovedì 29 Dicembre 2016 dalle 19:30 La FESTAdelleFESTE2016 (Winter Edition) @ Villa Necchi alla Portalupa ? Gambolò (PV)

Save The Date! La nostra abituale Festa delle Feste – Vi aspettiamo TUTTI per festeggiare insieme Giovedì 29 Dicembre 2016 dalle 19.30 a Villa Necchi alla Portalupa di Gambolò (PV) con una memorabile serata: isole aperitivi (Bollicine e Aperitivo by Branca (Carpano) + Caviale Calvisius + Salumi by Salumificio Squisito + Formaggi by Guffanti + BBQ & Co.); cena a 10 mani preparata dal nostro dream team chef a sorpresa; l’isola dessert del pastry chef; i gelati di Vero Latte; Open Bar by Velierbrindisi con il mitico panettone artigianale di Dario Loison; Felicetti di mezzanotte – spaghettoni di mezzanotte a cura degli chef; disco lounge e tanto altro… Mi raccomando VG e tutto il suo Staff vi aspettano!  Info e prenotazioni: eventi@altissimoceto.it – Linea Diretta: 348.2911188

Quota individuale partecipazione:

130? p.p. per i titolari VG Card (richiesta Scadenza nel 2017) Amici Gourmet e per loro accompagnatori (un titolare estende il suo privilegio a un solo accompagnatore non tesserato)

Per i NON titolari la possibilità per ogni coppia di tesserarsi e di acquistare una VG Green Card allo special price di 50? anziché 85?. Il costo comprende la consegna di una Amici Gourmet Green Card Membership annuale valida dal 29/12/2016 al 28/12/2017 (sconto del 35% sulla card standard rate 85?) NB La promozione per l’acquisto della card è riservata esclusivamente ai nuovi associati alla prima iscrizione e a coloro che hanno la scadenza della propria card quel giorno.

La nuova location della Festa delle Feste

Una raffinata villa ottocentesca immersa nel suggestivo paesaggio del Parco del Ticino, un resort di campagna, elegante e riservato, dove trascorrere un soggiorno all’insegna del relax, passeggiando per il curato parco della tenuta o approfittando dei trattamenti personalizzati della SPA, tutto questo è Villa Necchi alla Portalupa.

Il Ristorante Villa Necchi

CUCINA A VISTA! Show cooking by Kitchen Aid

Programma della Serata

– ore 19:30  Arrivo Partecipanti Accredito e Registrazione

Aperitivo con le isole dei finger food preparati dagli chef della serata

Cocktail bar by Branca – Carpano

Bollicine a cura di Berlucchi con il Franciacorta Cuvée ’61 Brut Magnum

Isola BBQ con il master Fabio Morisetti

Degustazione di Caviale Calvisius by Agroittica

Degustazioni birre del Birrificio Hordeum

L’isola con i prodotti del Salumificio Squisito

Degustazioni di formaggi di Guffanti

– ore 20:30 Tutti a Tavola!

Cena a 10 maniMENÙ E CHEF A SORPRESA!

Durante la cena degusteremo tra gli altri il Bellavista Brut 2011 Teatro alla Scala Magnum…

… e per la prima volta in un evento il Pinò Olmo Antico

Nel corso della cena ci sarà la premiazione dei 10 nuovi Senatori Amici Gourmet 2017

A seguire…

L’isola dei dessert a cura del pastry chef

Degustazione dei gelati della Vero Latte di Vigevano By Massimiliano Scotti

I pinguini Pepino

Degustazione di Cioccolato Bodrato

Ore 22:30

Kick-Off CELEBRATION PARTY Festa delle Feste con il taglio del Panettone Loison

Brindisi Esclusivo con Balthazar Cuvée ’61 Berlucchi – 12 LITRI

Dalle ore 23:00

Open Bar By Velier

Ore 24:00

Show Cooking liveFelicetti di mezzanotte – Spaghettoni di mezzanotte a cura del nostro dream team di chef

Anche quest’anno il Frantoio Muraglia sarà protagonista dello spaghetto di mezzanotte

UNTIL THE MORNING…

Disco Lounge

Via alle Danze!

 

Condizioni di partecipazione: solo 100 posti! Numero chiuso!

Quota individuale partecipazione:

130? p.p. per i titolari VG Card (richiesta Scadenza nel 2017) Amici Gourmet e per loro accompagnatori (un titolare estende il suo privilegio a un solo accompagnatore non tesserato)

Per i NON titolari la possibilità per ogni coppia di tesserarsi e di acquistare una VG Green Card allo special price di 50? anziché 85?. Il costo comprende la consegna di una Amici Gourmet Green Card Membership annuale valida dal 29/12/2016 al 28/12/2017 (sconto del 35% sulla card standard rate 85?) NB La promozione per l’acquisto della card è riservata esclusivamente ai nuovi associati alla prima iscrizione e a coloro che hanno la scadenza della propria card quel giorno.

N.B. La prenotazione è obbligatoria. Numero CHIUSO a 100 partecipanti. Per prenotarsi bisogna obbligatoriamente acquistare la partecipazione all’evento sul nostro shop (dopo essersi registrati). Per maggiori informazioni chiama o invia subito una mail ai riferimenti che seguono:

Linea Diretta: 348.2911188 – e-mail: eventi@altissimoceto.it

Prevista in chiusura di serata, abituale e RICCA distribuzione di prodotti e omaggi dei nostri Partner a TUTTI i partecipanti

Per i nostri ospiti delle 30 camere di charme di Villa Necchi alla Portalupa al risveglio ricca breakfast a cura di Delifrance

Condizioni di partecipazione: solo 100 posti! Numero chiuso!

Quota individuale partecipazione:

130? p.p. per i titolari VG Card (richiesta Scadenza nel 2017) Amici Gourmet e per loro accompagnatori (un titolare estende il suo privilegio a un solo accompagnatore non tesserato)

Per i NON titolari la possibilità per ogni coppia di tesserarsi e di acquistare una VG Green Card allo special price di 50? anziché 85?. Il costo comprende la consegna di una Amici Gourmet Green Card Membership annuale valida dal 29/12/2016 al 28/12/2017 (sconto del 35% sulla card standard rate 85?) NB La promozione per l’acquisto della card è riservata esclusivamente ai nuovi associati alla prima iscrizione e a coloro che hanno la scadenza della propria card quel giorno.

N.B. La prenotazione è obbligatoria. Numero CHIUSO a 100 partecipanti. Per maggiori informazioni chiama o invia subito una mail ai riferimenti che seguono:

Linea Diretta: 348.2911188 – e-mail: eventi@altissimoceto.it

N.B. La prenotazione anticipata è obbligatoria. Per prenotarsi è obbligatorio acquistare la partecipazione all’evento sul nostro shop.

Vi aspettiamo!

Viaggiatore Gourmet

Location Partner della Festa delle Feste by Altissimo Ceto

Ristorante e Resort Villa Necchi alla Portalupa
Fraz. Molino d?Isella ? 27025 Gambolò (PV)
Via Cavalier Vittorio Necchi 2-4
Sito internet: www.villanecchi.it

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

 

TrackBack
[12/19/2016, 22:05] Cartoline dal 614mo Meeting VG @ Ristorante Da Francesco ? Cherasco (CN) ? Chef Francesco Oberto

Francesco Oberto racconta un Piemonte totalmente a proprio agio sulla scena gastronomica contemporanea, forte di tradizioni ugualmente popolari e nobili, tanto compiute nella loro forma più rigorosa quanto predisposte a essere ripensate e aggiornate. Gli stilemi locali ci sono tutti, carne cruda, fonduta, lumache… accomodanti e riconoscibili, ma lo chef non è timido nell’apporre la sua firma, mantenendo sostanza e gusto anche nelle composizioni più esotiche, come l’anguilla laccata o gli gnocchi di bufala, salsa di soya e guacamole. La maestosità della sala affrescata da Pietro Paolo Oberti e le attenzioni e il sorriso di Francesca Panetto, l’altra “F” dell’azzeccato logo del locale, fanno il resto: su Da Fancesco non poteva che brillare la stella Michelin, meritatamente conquistata proprio quest’anno. Noi ci siamo subito catapultati in quel di Cherasco per un pranzo in compagnia dei nostri associati, ecco come sempre il nostro racconto…

La squadra

Lo staff in cucina

Chef e Patron: Francesco Oberto
Sous chef: Brian Soto Abreu
Chef de partie: Andrea Marengo, George Uta e Michela Quaglio

Lo staff in sala

Patron e direttore di sala: Francesca Panetto
Chef de rang: Sara Genta
Sommelier: Fabio Aimar e Raise Alessandro

L’arrivo al ristorante

L’insegna

Alcuni dettagli degli interni

Il tavolo Amici Gourmet

Il soffitto affrescato

La vista dalla finestra della sala

Il tartufo bianco c’è!

Il nostro menu personalizzato

Abbinamento Vini
Nei meeting utilizziamo i vini messi a disposizione dai nostri Partner.

Uno scorcio della cucina con la brigata all’opera

Francesca, maître e patron del locale, accoglie i nostri Amici Gourmet

Aperitivo

Franciacorta Brut Millesimato Ebb Docg 2010 – Mosnel

Un brindisi!

I finger food

Tipologie di stuzzichini: rape e salsiccia di Bra; pane, burro di panna fresca Inalpi, acciughe del Cantabrico; bacio di dama salato, formaggini di latte Inalpi.

Zucca, crema di Fettine di latte Inalpi, scampo scottato

Pane

Tipologie di pane: al burro, ai cereali, bianco, focaccia al timo, grissini di semola.

Primo calice in abbinamento alla degustazione dello chef

Pinot grigio Veneto Igt 2010 ? Terre di San Rocco

Piattooo!!!

VG presenta il piatto con lo chef

Filetto, verdure croccanti, Caciotta Kremina Inalpi

Seconda portata…

Ostriche e pepe rosa

Tartare di gamberi rossi, caviale, spuma di Rocchetta

Riesling Langhe Doc 2011 ? G. D. Vajra

Uovo, cardi di Andezeno, fonduta

Anguilla caramellata, popquinoa

Barbera d?Alba Superiore Bricco delle Viole 2009 ? G.D. Vajra

Gnocchi blu di bufala, salsa di soia, guacamole

VG con la patron Francesca Panetto

In sala arriva lo chef che prepara la prossima portata in Pentola d’oro Agnelli

… tocco finale

E il piatto è pronto… VG lo presenta con lo chef

Risotto all’aglio nero, lumache, scorza di limone

Monfalletto Barolo 1981 – Cordero di Montezemolo

Maialino scottato, topinambur, liquirizia

La Serra Moscato d?Asti Docg 2015 ? Marchesi di Grésy

Eccoci al dessert: Francesca vaporizza dell’essenza di terra umida

Germoglio: mousse al cioccolato bianco, frutto della passione, terra di cacao

Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2004 ? Ferrari

Seconda sorpresa dello chef in Pentola d?Oro Baldassarre Agnelli

Tajarin al Tartufo Bianco d’Alba

Coccole finali

Tipologie di piccola pasticceria: meringhe con panna, gelatine al lampone, crostatine con crema pasticcera e coulis di frutti di bosco.

Caffè

Tipologia di caffè: Boasi “Amabile” (Torrefattori Associati).

Per la prossima tappa aspettiamo anche te!

Consulta il calendario eventi qui e iscriviti!

Viaggiatore Gourmet – Viaggiare, conoscere, esserci!

Partner della seicentoquattordicesima edizione Meeting di Altissimo Ceto

Ristorante Da Francesco
12062 Cherasco (CN)
Via Vittorio Emanuele, 103
Tel. 339 809 6696
E-mail: info@ristorantedafrancesco.com
Sito internet:
www.ristorantedafrancesco.com

I prossimi meeting di Altissimo Ceto:

www.altissimoceto.it/meeting-eventi/

Essere un nostro associato significa ricevere inviti personali per oltre 100 eventi (annuali) imperdibili che organizziamo per i nostri soci, un ricco calendario di eventi settimanali (aperitivi, pranzi, cene, serate mixology, degustazioni di grandi vini e di cibi rari e preziosi) privati ed esclusivi (Roadshow of Excellence Tour), tappe ufficiali che in Italia ogni anno vengono ospitate dalla migliore selezione di tutti gli 8 tre stelle, dei 41 due stelle e da una buona parte dei 294 ristoranti stellati Michelin, oltre che da una attenta selezione di Hotel 5 ***** stelle, SPA resort e relais selezionati tra i più prestigiosi e rappresentativi.

Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. (Media Partner) Sponsored By Amici Gourmet Network esclusivo di appassionati Gourmet.

TrackBack
[12/18/2016, 17:25] The American Dreamer - From Palermo in 1911 to the United States in 2016
On a Barbarossa class ocean liner, a young man, barely a teenager in 1911, makes it all the way to Ellis Island, by himself. On a ship full of hope and promise, everyone looking, searching for their place in life.

The young man would settle in the west and form a satellite operation similar to his father?s, back in Sicily. He would expand upon the business, and live for nearly 100 years. This is the story of so many of the Italian immigrants who came to America looking for that promise and hope, and opportunity. It was dubbed ?The American Dream.?


In my imagined conversations with this man, my grandfather, we talk a lot about what it was like in Italy at the beginning of the 20th century. For him and his family, it wasn?t bad. They had a good business, lived in a nice home in Palermo, ate well, and he was loved by his mother and father and extended family of aunts, uncles, grandparents and cousins. Palermo, along with the Italian peninsula, was undergoing unification. Business was steady; the city was growing and would continue to grow well on into the 21st century. But Palermo also had a dark side, La Cosa Nostra. And to a young man with big dreams, and an intuitive sense accompanying those dreams, Palermo the city, Sicily the island, and even Italy, weren?t big enough for those dreams.

So he bid his family farewell and set off, alone, for America.

Which among us, at 15, could even dream of taking such a step into the unknown?

His first view as the ship steamed into the New York Harbor, was of the Statue of Liberty. And his first step onto American soil was on Ellis Island, 105 years ago. He could read and write and he had a trade and a destination. And he was young. I cannot say this enough ? to many of us this is only a dream, something we read about in books, see on the big screen. But this young man stepped into his dream. And a wave of descendants followed him over the next 100 years.

Would he have been able to dream that his most of his grandchildren would become millionaires? Could he have imagined that some of his great grandchildren would not see the American Dream, 100 years later, as he did? That the unlimited panorama of success and achievement had slipped out of their grasp? That the wealth of the nation was increasingly being concentrated at the top, with the "richest 1 percent in the United States owning more wealth than the bottom 90 percent?" That La Cosa Nostra wasn?t limited to Palermo and the early 1900?s?

This young man was industrious, even cunning. But angry? Never. He saw iniquities on the Via Roma in Palermo. He heard stories from his father and his uncles about the Mafia, which started out to protect women and children but was quickly subverted to bend to the greed and avarice of men. He saw his family house in the country taken from them by the so-called liberator of the Italian people. So he knew not everything was rosy. But he chose the dream over anger.

His great-grandchildren do not know him, for he is long gone now. His grandchildren have faded memories of him. Even the memories they have, who can ever remember another person?s dreams?

But it is because of those dreams that many of us now walk here in this place. America may look like the greatest place in the world. Or it may, to others, look like the beginning of a terrible dystopian stretch of darkness. But both those visions are not unique to 2016. In 1911 the United States fought back a skirmish in Arizona, as the Mexican revolution poured over the border. William Taft was president. He was a Republican and during his tenure the party was split between the conservative wing, which he identified with, and the progressive side, which Teddy Roosevelt stood behind. Roosevelt eventually split off from the party. The country was in political turmoil then. 1911 was also the year IBM was incorporated. It was the year the first transcontinental flight occurred. 1911 was the year Standard Oil was declared an ?unreasonable monopoly by the United States Supreme Court and ordered dissolved under the powers of the Sherman Antitrust Act.? There were 94 million people living in America in 1911. In 2016, there are 324 million. That?s a lot of dreamers.

I for one, am going forward. I am not going to succumb to anger. I am not going to let the dreams of those who came before us, and those who are among us, dissolve into anger and disgust, fear and hopelessness. We are living in dangerous times, but looking back over history, when was that not the case?

For my Italian friends and for those of us on La Isola Americana, now is not the time to give up on our dreams. It is also not a time to sleep. We must be awake and pursuing those dreams. And if there is something I do not agree with, it is incumbent upon me to fight for what I believe is the right way. And, believe me, that is what I intend to do in 2017. No one is going to kill the dreams of my grandfather. Or my father. Nobody.






wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[12/16/2016, 08:19] Segnali natalizi laterali

La GDO ci tiene ad informarci del Natale imminente. Così stamattina fuori dalla bottega qualcuno ha abbandonato una risma cospicua di volantini per terra, tra le auto parcheggiate. Il gran vento ha fatto il resto, tappezzando festosamente la strada di carta. Io dopo un po' mi sono scocciato di vedere 'sto scempio e ho raccolto pazientemente (quasi) tutto, rincorrendo i fogli volanti per consegnarli all'apposito cassonetto. E ribadendo in questo modo un'antica funzione nota a qualsiasi bottegaio old economy: tenere pulite le strade fuori dal negozio. Comincia un altro giorno.

Addendum. Qui ci vuole il disclaimer legalese: Il minimarket locale non ha nessuna colpa, se chi si incarica del volantinaggio a un certo punto preferisce buttare per terra quel che invece doveva lietamente inserire nelle cassette della posta.
Addendum bis, io sarei anche cliente, del minimarket locale.
Addendum ter. Per quanto io abbia raccolto, continua ad uscire carta sotto ogni auto, l'impresa pare incompleta.


TrackBack
[12/11/2016, 14:45] The Top 10 Commandments of Italian Wine
With the holiday season fast approaching, and with hallowed respect for Italian wine, let?s take a moment and review the 10 Commandments of Italian Wine.


1. I am the Red, your Wine.
The first duty of wine is to be Italian, the second to be red. Italy, land of rich reds, from Barolo and Barbaresco to Amarone. From Brunello and Vino Nobile and Chianti Classico to Montepulciano and Aglianico and Etna Rosso. From Marzemino and Lagrein, from Barbera and Canaiolo. The land is rich in red and like the blood of the Saviour, must be forever worshipped. Thou shalt have no other DOCGs before me.

2. Thou shall bring no false Fiano before me.
If wine is not red, and its fate is to be white, then make no false white wine. No watered down Moscato or Pinot Grigio, no over oaked Verdicchio or Fiano. No Chardonnay pretending to be French, or worse, from the Russian River Valley. If it must be white, it must be true and pure as milk and honey.

3. Do not take the name of Barolo in vain.
Nor produce or bring false wines from Piedmont into the marketplace. If one sees Barolo for $19.99 , strike it down, like brother Moses smote the rock. Likewise with any Barbaresco you see for $9.99.


4. Remember the Brunello and keep it wholly.
Brunello shall be made solely with the Blood of Jesus, wrongly called Jupiter or Jove in ancient Latin texts. There shall be no Merlot, no Syrah, no Cabernet.

5. Honor thy Sangiovese and thy Nebbiolo.
Remember who brought you here and respect your for-bearers. Honor them at your table and treat them with respect.

6. Thou shall not kill/murder with oak.
Or oak chips, oak dust or any excess contact in wood or new, small French barrique.

7. Thou shall not commit wine adulteration.
Via micro-oxygenation, premature oxidation, diethylene glycol, acidification, excess sugar or any extract not occurring naturally.

8. Thou shall not steal wine from the South and blend it in the North.
Bring not Primitivo from Puglia and blend it in with Corvina in Valpolicella. Nor Montepucliano from Abruzzo and blend it in with Sangiovese in Chianti. Or Agliancio from Campania and blend it in with Nebbiolo in Piedmont. Never. Ever.

9. Thou shall not bear false Prosecco against your neighbor.
Love thy Prosecco as yourself. Put it not into tanks and send it hurling through tap lines in England or America. Keep thy Glera pure (and as white) as the snow of Mont Blanc, ille est Monte Bianco.

10. Thou shall not covet your neighbor's Amarone.
Nor his 1930?s Moto Guzzi, nor her Maserati Quattroporte. Nor their 16% alcohol. Do not covet what you cannot obtain by natural means.



Go forth and do all that has been commanded. Now you are ready for the Promised Land!



wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[12/04/2016, 18:46] Bruno Giacosa Retrospective - A Life in Wine

Bruna (L) and Bruno (R) Giacosa, the oracle of Neive, in 2004
Bruno Giacosa has spent a lifetime making great wine. Like the fog that cloaks the many hills of the Langhe, to many he is shrouded in an enigmatic blanket: cryptic, recondite, even Delphian. Impenetrable, to us mere mortals. Mr. Giacosa is a man who talks with his wine, a brujo of Barolo and Barbaresco. Why should we expect any explanation or commentary from him? Are the wines not enough? Does a Rembrandt or a Mozart require a labyrinth of interpretation for their life?s work? Some would say, yes, and there are all manner of academic and commercial industries that have sprung up in service of such explanations. But I think we would be disappointed should we expect this master of Nebbiolo to take the stand in his defense. The wines are ? and they stand vigil for him and the energy of his life, which we can experience and enjoy, drop by drop.


Finding these wines, today, is a different story than it was many years ago. My first encounter with the wines of Bruno Giacosa arrived through his then importer Vinifera. Dominic Nocerino brought them in, and there were fans scattered across the country. But the cult of the winemaker, especially those from the Langhe, had not yet been exalted, as it is today. Not that souls like Bruno Giacosa shouldn't be revered for his stalwart fixation on tradition. It was what he knew. It is who he is. And it is not always the easy path. But when one tastes through a series of his wines, be they vertical or hodge-podge horizontals, the story comes out in shades of red.

And so it was recently, on a cold, clammy night in Napa Valley, where thirteen of us, winemakers, merchants and devotees of Nebbiolo, sat at a table and delved into the vinous life of the oracle of Neive.

It?s important to note that Bruno Giacosa is not from Barolo. Neive is in the heart of Barbaresco country. Why is this significant? We might look at the Langhe from a distant hill, and it could appear to simply be a località, a dot on the earth. And in terms of the scale of the universe, it is. But in the 1950?s or 1960?s if you lived in Neive and went to Serralunga, you might as well have been from Jupiter. The language was different; the customs were not the same. Italy had recently been ?united? as a country, and then two world wars hit the region. The place was an economic graveyard. There was no infrastructure. Hell, there weren?t even that many paved roads. It was rural, agrarian and a bit of a closed society. The youth, those who had survived the war, were heading to Torino for factory jobs with Fiat. It wouldn?t be until the 21st century when people would return to the villages and start repopulating them again. Winemaking wasn?t sexy and glamorous. It was hard work.

Bruno Giacosa's neighbor across the street in Neive was Romano Levi
Winemaking in the Langhe was traditional, but around the 1980?s outside influences started to creep in. Some of the new practices were needed, but if you have ever spent time with anyone from Piemonte, they can be a little wary of change. After all, they saw how change pillaged and plundered their villages one by one, between war and industrialization. So they were slow to embrace innovation.

The good news is that someone like Bruno Giacosa kept on course, through most of his winemaking life, to create wines that now young (and old) wine lovers clamor for. And rightfully so. The wines, though not brash and glitzy, are deep and soulful. I think Bruno Giacosa and his team have set, for the most part, their own personalities aside and bowed to the greater voice, that of the Langhe. Be it Barbaresco or nearby Barolo, the wines have a thread of territoriality that ring out as true and heraldic.

For our repast, our hosts, Jason and Sarah Heller assembled a menu and collection of wine (with a lot of help from Dan Petroski) to accompany pasta and truffles and other traditional Piemontese foods. It was all too lovely, to have an array of historic wines and food to go with it. Along with that, a table of engaged wine professionals, to talk about the wine. It was why I got into this business on the first place.

 ? It's beginning to look a lot like Christmas ?
The wines were in flights. Jason Heller, a master sommelier in his own right, provided us with the list of wines. We started with the 2007 Bruno Giacosa Spumante Extra Brut alongside the 2015 Arneis. As well a few Champagnes and California wines, from our winemaker and wine merchant colleagues, popped up.

Sitting down we started with a 1989 alongside a 1998 Barbera D?Alba.

Then we went to:

Barolo Falletto Cru
? 1995 Barolo Falletto di Serralunga d?Alba
? 1996 Barolo Falletto di Serralunga d?Alba
? 1997 Barolo Falletto di Serralunga d?Alba
? 1998 Barolo Falletto di Serralunga d?Alba

Barolo Falletto Cru (w/one Barbaresco red, or ?brick,? label)
? 1999 Barolo Falletto di Serralunga d?Alba
? 2000 Barolo Falletto di Serralunga d?Alba
? 2001 Barolo Falletto di Serralunga d?Alba
? 2001 Barbaresco Rabaja di Barbaresco Riserva (red label)

Barbaresco Riserva (red, or ?brick,? label)
? 1996 Barbaresco Asili di Barbaresco Riserva
? 2000 Barbaresco Asili di Barbaresco Riserva
? 2007 Barbaresco Asili di Barbaresco Riserva
? 2011 Barbaresco Asili di Barbaresco Riserva

Barolo Riserva (red, or ?brick,? label)
? 2000 Barolo Le Rocche del Falletto di Serralunga d?Alba
? 2001 Barolo Le Rocche del Falletto di Serralunga d?Alba
? 2007 Barolo Le Rocche del Falletto di Serralunga d?Alba
? 2008 Barolo Le Rocche del Falletto di Serralunga d?Alba

20 wines in all.

Christopher Hoel, French Laundry sommelier
turned Wine Advisor to the stars in LA
Suffice to say, I went to the heart of Cabernet country, Napa Valley, to dine on truffles and tajarin and carne cruda and sip and reflect on this great lineup of wines from the other side of the world, with winemakers young and old, and industry professionals. I am saying this because, like Bordeaux, like Alba, like many wine centers in the world, the pursuit and enjoyment of wines from elsewhere offer a gateway in to the soul of the wine business. This is why many of us stay in it. And thanks to people like Bruno Giacosa, who have given their life over to this world, and share it with strangers on the other side of the world. Can I be allowed to say this is a small miracle in today?s upturned world?

I had my favorites in the wine lineup. I kept going back to the 1997 Barolo Falletto. I thought it was a very sexy wine, which had a backbone indicating many more years of pleasure to come from this wine. I found the 2001 Barolo Falletto to be tight and savory. I imagined the goings on in the vineyard, which at the time, the whole world was reeling from 9/11.

Notes from Guy Stout, MS, in 2004 when we tasted the 2000's at Giacosa
Oddly, I was more drawn to his Barolo than Barbaresco. And I am first a lover of Barbaresco. Maybe Bruno?s ?outsider? approach to Barolo resonates with me. Again his 2001 Barolo Le Rocche del Falletto ?Red Label? Riserva hit the mark with me. In reality, most of the wines would have made a great meal on their own, so excise me if I sound like I?m splitting hairs here. If there was an off wine or two (the 1999 Barolo Falletto had an odd peach aspect to it, coupled with a tannic tightness.- It could have been a bottle in shock? The 2001 Barbaresco Rabaja had, for me, an odd, funky tomato jelly side to it that I cannot recall ever having tasted in Barbaresco ? still, I?m splitting hairs here).

L to R Barrett Anderson, T.J. Shushereba, Mark Porembski, Cameron Hobel,
Dan Petroski(hidden), Steve Matthiasson, Tegan Passalacqua-pouring
One note: When the winemakers were describing the wines, the term VA, kept coming up. Tegan Passalacqua noted it more than Dan Petroski or Steve Matthiasson, and they weren?t the only winemakers in the group. But it gave me pause, because I have encountered this when tasting with other winemakers. Notably with Carol Shelton. I am not as attuned VA (volatile acidity) or even ?brett? (brettanomyces) as some of my California winemaker friends. Perhaps that is because they are constantly tasting and analyzing. Or perhaps there are those who drink and enjoy European wines with a little more of those than might be acceptable for a winemaker, who is looking to make a product that steers away from what could be a controversial element in a wine that is produced and sold to the public. Not that Italian wine gets a pass if they have VA or brett. But I have tasted enough wines now to know that there are elevated levels of VA in Italian wines, often. Not as much as 20 years ago. But I am not put off by a little of the ?spice? of VA or even brett. I admit I might not be in the norm, but it adds a dimension. So when the winemakers were talking about the VA in Giacosa, I wanted to break out a bottle of Primitivo from Savese or Nero d?Avola from La Lumia and say to them, ?This is VA, guys! Giacosa? He's got nothing on the Southerner?s, my friends.? But that is just a sidebar to all of the great, warm, collegial discourse we shared around the Heller?s table. Really a wonderful night, with a great group of folks.

California is in a unique place in our American landscape right now. It is a powerful country of its own, and many of the people in California feel marginalized in terms of the ascending political landscape. So be it, this is what democracy looks like. What we do as Americans is to rise above it. I, for one, was so touched by a room full of my American brothers and sisters, gathering together, civilly and with such unbridled enthusiasm for red wine from Italy. In Napa Valley! The judgement of 1976 was 40 years ago, when I drove my little Falcon wagon up and down Highway 29. And here we are 40 years later, with winemakers and members of the trade, and huge influencers in the world of wine in America at this table. And they are digging in to Nebbiolo, unmasking the fog, from one who not only is great now, but who will be seen in history as one who took the Langhe by his hand and led it into the daylight. Thank you, Bruno Giacosa.




Thanks to Jason and Sarah Heller for opening up their home and their hearth. To Dan Petroski for lining this up. To Brennan Anderson, who works with Giacosa?s current importer, Folio, and providing notes and commentary. To Bob Bressler, who like Obi Wan, probably did more to get some of those wines in the room than he would ever let on. And forgive me if I forgot anyone else who provided wine and food for one of the most interesting tastings this year in a most peaceful and collegial environment - this is why I am a slave to the wine gods. Thank you all.

Participants:
? Bob Bressler - winemaker
? Christopher Hoel ? advanced sommelier, wine trade
? Brennan Anderson - wine trade,
? Barrett Anderson- winemaker
? T.J. Shushereba ? wine trade
? Mark Porembski - winemaker
? Cameron Hobel ? wine trade
? Dan Petroski - winemaker
? Steve Matthiasson - winemaker
? Tegan Passalacqua - winemaker
? Alfonso Cevola - wine trade, writer
? Jason Heller ? master sommelier , wine trade
? Sarah Heller ? chef, host
? Dandridge Marsh - wine trade






wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[12/01/2016, 08:29] Post un po' natalizio, un po' autocelebrativo, ma del resto uno che blogga a fare?
Dovessi spiegare cos'è la mia enoteca, in questa fase del millennio, ormai finirei per dire che è la mia cantina personale. Quel che vendo è quel che mi piace, e tratto gli scaffali della mia enoteca come fossero appunto la mia cantina, la mia riserva personale - solo che poi, in aggiunta, vendo quel che c'è dentro. 

Non ho obblighi o legami con l'industria enologica, né sento la necessità di vendere vini da un euro e novantanove: ci sono già i supermercati, per quella roba. Quindi appunto mi piace quel che vendo e vendo quel che mi piace. Raramente in cantina può esserci qualcosa meno performante (come dicono quelli bravi) e i motivi possono essere numerosi. Quel vino per esempio sta passando una fase riduttiva, oppure è troppo giovane, quindi non è pronto. In quei casi mi limito a sconsigliarlo al cliente: "lascia perdere questo [segue motivazione], piuttosto vedi quest'altro..."

Solitamente fanno una faccia strana a quel punto. A volte gli attacco la spiega che leggete adesso, altre volte no, e permangono in un divertito spiazzamento.

Gestire un'enoteca come fosse una cantina personale a volte provoca conseguenze curiose. Per esempio quando una referenza sta per finire, quando vedo la pila di casse scendere, rallento progressivamente la proposta di quell'etichetta ai miei clienti.

Cioè, un po' mi spiace che stia finendo, ecco.

A volte un certo vino finisce davvero. E allora in attesa dell'arrivo dell'annata successiva (ammesso anche che mi sia piaciuta, ve l'avevo detto che qui è un po' strana la faccenda) lascio lo spazio vuoto sullo scaffale. C'è un buco. Il cliente a volte mi chiede: e come mai lì non c'è niente? Quello è il posto del vino di [nome del produttore] - rispondo io. Adesso non c'è, ma tornerà. Quello è il posto suo, che aspetta.

Altre volte riesco a rallentare la vendita quanto basta, in attesa dell'arrivo successivo. In questo caso capita un fatto altrettanto divertente: riesco ad avere quello che si chiama profondità della carta, cioè varie annate a ritroso di una certa etichetta. Quindi propongo, in alcune confezioni regalo, vere e proprie verticali di annate per alcuni vini. A Natale è il genere di omaggio che appassiona molto l'enofilo, ma anche solo il curioso: percorrere l'evoluzione di un vino attraverso tre o quattro vendemmie è una delle robe più simili al viaggio nel tempo che ci siano concesse, allo stato attuale della scienza.

Ma a proposito di tempo, di Natale e 25 Dicembre. Questo Natale sarà il venticinquesimo che passo nella mia cantina. Sono 25 anni ormai, e ragazzi, che dire? Mi sembra ieri che ho alzato la saracinesca la prima volta.

Nell'immagine: quattro annate disponibili del Feld di Kobler, supremo traminer aromatico altoatesino. La vendemmia 2015 sta finalmente arrivando. Così capite anche perché negli ultimi tempi non vi proponevo più le residue bottiglie del 2014: stavo temporeggiando.

TrackBack
[11/27/2016, 14:52] Life on Mt. Etna - After the Gadabouts Are Gone
It?s wet and foggy. And some of us are scared. The long days are now a thing of memory. We are steeped in darkness. And all the while the mountain rumbles, all through the night. And all those souls who visited us this summer and autumn, where are they now? Back home in their beds, their comfortable lives, with their brightly lit screens, telling the world what a great place it is here. But they?re not here. Harvest has come and gone. The warm, long days have come and gone. And the Etna worshippers have also come and gone. And now the work for the future begins on this desolate mountain, spewing fire and ash, all through this dark, cold winter of our discontent.


And so it goes, year after year. Just when we?ve amassed all our strength, they gather us, squeeze us, with their gnarled feet, the sing-song music in the background, making it appear they might be dancing to our death. And we show them, don?t we? We die, the life pressed out of us, to return in another life. A life not as rigid or stable or dependent upon La Mutagna anymore. We are free like butterflies, free to fly all across the earth and share this new life with all of our adoring worshippers, who will drink us, hoping for a little of the life and the fire that gave us this rebirth. That is why they love us? To become immortal as only we can?

Yes, they want to know the secret to life everlasting. The mountain gives it to us, the fire, the ash, the fear. The secret is simply to die. And what comes next, well, that is what everyone is clamoring for from us.

Rebirth and life everlasting is all the rage among the acolytes right now. We?ve been enduring it for this endless interval. Through wars, and conquests, through the passions and desires of men, as they trollop and stomp, and cut and slash and rip the heart of the world out. And we simply come back, again and again.

Tonight though, it seems a little different. Somehow ominous. When some of us on this hill were younger there was a period like this, in 1928. Mongibello above us was pressing out new works from Hephestus? forge and once before in the month of November, the world stopped and turned to look. And then they went about their way, advancing towards another abyss. That?s usually the way it is. They look, in awe, and then they forget and go back to what they were doing. And then it happens again. Men never learn, so it seems, from this perch on the side of the volcano.

But that is not why we are here. We are of the earth and fire. We are light from the sun and rain from the heavens. And we are simply vines and our children, these precious grapes. The world of people, they think they are what run the world. The world doesn?t even know they exist. And the world doesn?t care either.

I?ve lived long enough to know who cares and who doesn?t give a whit. The old farmer who comes up here in his little cart, he sees us. He cares. The winemaker down the hill, he looks after our babies, gives them new life. Even some of the worshippers, they love us, when they are around us, or when it suits their purposes. They love to fight over which of us are more natural, while others love to spout like the mountain, over which of us is more powerful. Words, all words. We are all children of La Mutagna. Neither loved nor loathed.

And for now, we are disregarded. We no longer have our little children dangling from our arms. The sun is no longer burning high in the heavens. The days are foggy and cold. And there are fires burning elsewhere to capture the attention of those who flocked to us in better, easier days. We?ll see. We?ll see.

They?ll be back. And if the bowels of Earth don?t unleash annihilation and mayhem, some of us will be here waiting. Not for them. But because this is where we live our lives. On top of this dangerous mountain.







wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[11/20/2016, 17:52] Trump's America Beckons: A Challenge for Italian Wine in the Age of Disruption
In two weeks, on December 4, 2016, Italians will vote on a referendum to change their constitution. If electors vote to approve the bill, it would activate constitutional reform in Italy, some say the most extensive since the monarchy ended. According to a report in the Wall Street Journal, ??If a ?no? vote wins, everything remains as it is,? Mr. Renzi said in a radio interview this past week. ?In this way, Italy will remain a system that favors instability and backdoor dealings.?? If ?no? prevails, Prime Minister Renzi is threatening to resign. If he does step down, most likely a caretaker government will be put in place. Once again, Italians will be denied the right to vote on their leaders. As one Italian friend told me, ?We haven?t voted for our government in almost four years, and even then we had a hung parliament,which resulted in this unholy alliance between the center-left and the center-right. We feel powerless. At least you, in America, had the option to vote for your leader ? we haven?t had that option for some time now.?


So before we even talk about America, right off, Italy has internal problems of its own. According to The Economist, Italy ?has debts of 132.7% of GDP and a banking sector weighed down by bad debts after years of sluggish growth.? Try and get a loan to buy a house, or a winery, in Italy right now and see how difficult that is. The recent acquisition of a famous winery in Piedmont underscores a tight monetary climate for local investors. Couple that with the ongoing bank meltdown in Italy along with a weak Euro (with potential for more weakness depending on the Dec. 4 result) and even without the wild card of the incoming Trump administration I?d say Italy is facing some hefty challenges.

Trump is a disrupter. The best polling minds in the U.S. could not track his path to victory. And even though his rival won the popular vote, he won the electoral vote and will be on the dais in January in Washington D.C., hand on the Bible, sworn in as America?s 45th president. Will Italian wine producers be able to maneuver through his minefield of disruption and grow, or at the very least, maintain their levels of business in the U.S.?

Lest you think this will become another Golden Age for California wine, consider this. In a recent piece on Jancis Robinson?s Purple Pages, Alder Yarrow wrote about ?Winegrowing in the wake of Trump.? In it, he quoted winegrower Steve Dutton, who farms 1,400 acres in northern California. Alder writes, ?Agriculture in California alone is a $42.5 billion industry. ?Go to the produce department in any American grocery store and almost every piece of fruit, vegetable or fruit in there was picked by hand', says Dutton. 'And if you think for a second that more than one per cent of that was picked by American hands, you are dead wrong. 99% of those fruits and vegetables were picked with immigrant hands, coming, most likely, from Mexico or somewhere. Without this source of labour, we would be out of business.??


There may be challenges on the domestic front in the vineyards (and farms) of California, and indeed, the United states. Does that present an opportunity for Italy and her wines? Too soon to tell. And while Trump campaigned, promising to disrupt trade agreements with his sights set mainly on China, Japan, and Mexico, a lot of it depends on who Trump places in charge of trade.

In a recent article in Reuters, Philip Belnkinsop argued, ?Trump has argued that international trade deals hurt U.S. workers and the country's competitiveness, but it is not clear to what extent Trump the president will resemble Trump the campaigner.

?EU and U.S. officials have for more than three years been negotiating the Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP), with Brussels and Washington recognizing it will not now be completed under Barack Obama's term as earlier envisaged.

" ?TTIP is history?, Bernd Lange, chair of the European Parliament's Committee on International Trade, told online magazine vorwaerts.de when asked about the impact of Trump's win on the negotiations.?

So we have the constitutional chess pieces in flux in a country (Italy) that is in economic turmoil, a tectonic social and political upheaval in America, uncertainty as to future trade deals between the U.S. and the EU, and in the center of it all is a disrupter which the spotlight is aimed at. If you are a winery or winemaker in Italy, I?d like to share these recommendations for the next two years.


A little bad news. About 50% of eligible voters didn?t vote in the U.S. elections in 2016. As well, about 40% of all adult Americans do not drink alcohol of any kind. Of those who do, beer is the dominant beverage, followed by wine and then spirits.Wine is growing in consumption, but we are now in the Age of Disruption, which isn't reserved solely for the President-elect.

For one, I would recommend you set your growth expectations for the American market very humbly. Do not anticipate double digit, organic growth. 5% maximum would be my advice. And that?s an aggressive number.

Pare down your selections. If you are a winery, let?s say, in Tuscany, making Chianti Classico, I?d advise you keep your ranges to a handful (that is one hand-full) of wines. This isn?t time to have a lot of Toscana IGT or Gran Seleziones. A basic red, basic Chianti, a Riserva, a special red, and a white or a dessert wine. If you are not from Tuscany or Piedmont, or making a Prosecco, a Moscato or a Pinot Grigio, I?d recommend you try to find a white and a red to build on for the time being. Yes, you read it correctly, a red and a white. Bear in mind, all of Europe, as well as South America, South Africa, Australia, New Zealand, Canada and Mexico and sake producers in Japan are pretty well much in the same boat as you, maybe even further ?back of the queue.? Be sane in your anticipation for the next few years.

If a trade war erupts, with sanctions, all bets are off. The climate in America has become much more protectionist and it will be that way for a bit. Politicians are trying to return jobs to the heartland. But the heartland isn?t where great Chianti is born, or any Chianti for that matter.


The world isn?t going to stop its onward march to the future, but that trek will not be on a straight path. Like any mountain climb, there are switchbacks, zigging and zagging and occasionally one must go down into a crevice on the way to higher ground. This is one viewpoint, and one which I hold. I am a fiscally conservative observer, preferring slow growth to rapid. There is an opportunity, for those who look to the next 10-20 years, to build solid business for Italian wine in the American market. Take the next two years to grow solid relationships with your end-users. Come to America, often, and do the work at the front-lines in the battle for Italian wine in America. That hasn?t changed. We depend on agricultural products to sustain our body and our soul. And wine is a very important aspect of an emerging culture in America. It may not seem like it now, but one must look past the headlines, the fears and the dread that so many people have for tomorrow. For all we know, an asteroid, like the one that landed 66 millions of years ago at Chicxulub, is heading our way. In terms of geologic time, this little dot of time is relatively insignificant. The earth will be here long after the polar ice caps melt and Homo sapiens is gone.

In the meantime, set your sights on a realistic goal ? think marathon, not sprint. Italy, and America, have had challenges before and will have many more before recorded history ceases to exist. While we are here, let?s bring some light to the tables across America with the wonderful reds, whites, rosés, sparkling and dessert wines that Italy so bountifully produces. This is a time to prepare, but to also keep hopeful. As I wrote on this blog three years ago, "The loss of hope is more powerful than a gun or a sword. To give up at the beginning or at the end, either is not an option. You are never where you are not meant to be. One is always here and now. And this particular here and now, while challenging and vexing to many if not all of us, it is the battleground."

Now let?s go sell us some Italian wine in America. And good luck on December 4th.




written and photographed by Alfonso Cevola limited rights reserved On the Wine Trail in Italy
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[11/13/2016, 20:13] Fanfare for the (un)Common Somm(elier)
Brian Huynh of Gemma in Dallas - photo by Brad Murano
Over the past week, once again in Texas, in restaurants, a wine list was thrust into my hands. ?You choose, find us some wine,? my table guests requested. Oh boy, here we go again. The young sommelier at Gemma in Dallas, Brian Huynh, came over to the table to say hi. I imagined him coming over and first upbraiding me for voicing my opinions on this blog, but that isn?t what happened. Instead he smiled and asked if there was anything he could do to help us enjoy our evening. Indeed, there would be questions, but I asked him to fetch us a bottle of Smith Story Rosé of Pinot Noir from the Rheingau in Germany, while we sorted through the menu and made our selections.


When everyone at the table had decided, Brian came back over. There were five of us, each with something a little different. One at our table had steak tartare, one had sweetbreads, two had pappardelle with rabbit sauce and one had barramundi. What wine would go well with all of these? Brian asked me what I liked. I told him I had a penchant for white wines from Europe. I liked cold, steely, minerally wines. He suggested a white burgundy, but also asked me if he could suggest something a little outside of the box. The way he did it was so subtle. It was a classic example of one in the service industry offering some well needed hospitality advice. ?I have this red wine, Nebbiolo, from Santa Ynez, Clendenen Family, a 2010. I think you might like it.? We?d already resolved that I indeed liked Nebbiolo. But here was a red wine, and New World at that. ?Let?s give it a shot,? I said. And so he went and fetched the bottle.

2010 Clendenen Family Vineyards 'Bricco Buon Natale' Nebbiolo
Perfect temperature, cellar temperature. Nice little bit of age on it, 6 years. Not an overwhelming New World facsimile of Italian Nebbiolo. No, this wine had its own unique personality, but while it wasn?t trying to be something it could never be, it was something all unto itself. And that was a well-balanced, perfectly enjoyable red wine.

What struck me was how well the sommelier inserted the wine into our evening. He wasn?t heavy handed, didn?t have any ego invested in the decision. He merely wanted to share with us something he thought we?d like. And not something I was thinking about. It was a wonderful experience which gave me hope for the role and the future of the sommelier trade. Especially when the beverage service was done with tact and in the spirit of professionalism that is taught by the Court of Master Sommeliers. And Brian can play a pretty mean violin, as well!

Gemma is a wonderful restaurant in Dallas started by Allison Yoder and her husband Stephen Rogers ? they came from Press in Napa Valley ? Great food and an exemplary wine list.




wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[11/06/2016, 18:27] The First 40 Years of the Golden Age in Wine
This past week, I happened to come across a copy of the Wine Spectator. I?m an online subscriber, so I don?t often see the print version. But this was the 40th anniversary issue. And it got me to thinking about the last 40 years, and all the things that have transpired, in my world and in the wine world, in that time.


Let?s go back to the beginning of my entrée into the wine business. I?d gotten my degree in art, the economy was miserable, and I was living in Altadena, California, with a soon-to-be son on the way. We didn?t know it would be a boy, the test for that hadn?t been invented yet.

Nonetheless, he took the ride in his mamma?s belly up Highway 29 during the summer of ?76. And it was then that I first made my way through the various tasting rooms, writing notes about the wines I was tasting, not spitting enough, and heading to the next one. Little did I know that it was the beginning of a long and winding journey for me.


The 40th anniversary of the Wine Spectator has any number of remembrances by some of their writing staff, about their induction into the wine industry; Thomas Matthews? resonated with me. Titled, ?A Prophetic Harvest,? Matthews chronicled the arc of his life in wine in a way that seemed to parallel what many of us were going through as we came up in wine. I highly recommend you get a copy of the magazine and go to page 155 to read it in full.

Going through the stories in the magazine was like opening up a time capsule. I know now that it isn?t fashionable, or ?cool? to talk about things like this. The enoblogosphere craves controversy. It?s the new meth. But rational minds seek moments of reflection as well. Having access to some of the great influencers, many who are in the Wine Spectator pages, has been, as Matthews says, ?rich and fulfilling.? One doesn?t often think about it, as we are in the present moving forward, always moving forward. But, once in a while, a glance over the shoulder isn?t so bad. It gives one a perspective that no selfie will never achieve.

Today, it?s fashionable and ?cool? to denigrate the power and success of magazines like the Wine Spectator and Robert Parker?s Wine Advocate. We live in a world of revisionist history being recast all the time. All one needs to do is ponder the current political and social climate. Facts don?t matter. It has all landed in the lap of interpretation. You want the truth? Find yourselves a way-back machine. Today the truth matters less than what each and every one of us feels about it. If it isn?t comfortable, just invent your own convenient truth and put it out there. Someone will be sure to agree with you and make you feel better about yourself. But eventually the chickens will come home to roost.


What publications like the Wine Spectator (and the Wine Advocate) did that had never been done before ? this is the historical truth - was to provide a forum for the wine world to talk about where it was going. Momentum was picking up. Wines from all over the world were showing up on our shores, and it was the beginning of a Golden Age in Wine. Only, we didn?t know it then.

In the selling game, it gave those of us involved in building the wine business a third party endorsement. We weren?t just taking up the cudgels for whatever was in our warehouses. There were experts, external to our cause and motivations, who would act as agents of endorsement, when we were trying to interest the retailer or restaurateur in buying whatever we had in our bag.


Dunn, Silver Oak, Rombauer. Gaja, Giacosa, Antinori. Dujac, Clair Dau, Robert Carillon. None of these were household names. None of them were ?brands.? Most of them were small family operations, looking for their place on the shelf, and on the occasional wine list.

Now some of them are brands. Huge brands. Revered and hated, depending on who you are talking to. No matter. They did the heavy lifting, made the sacrifices, and succeeded or failed, in whichever way their path led them. But not without the help of people like those who worked for the Wine Spectator, which told the stories and found a way to rate which Puligny we should check out, which Nebbiolo we might want to cellar, which Napa Valley Cabernet might have the right amount of sex appeal for our next steak cook-out. Yeah, it all sounds a bit silly and naïve now. It lacked the essential cynicism which fuels so much of what drives people today. It was a simpler time. And not so charged with the polarity of the present, where one must take sides, even if one doesn?t know anything about the subject. Yeah, 1976 is looking a lot better now than it did then.

Nonetheless, we are here, now. The little embryo inside his mamma?s belly just turned 40. And I?m going into my 36th O-N-D holiday selling season. Yeah, I know, most of the folks sitting in that sales room last Friday weren?t around 40 years ago, and that era isn?t as meaningful as the arc of their lives. Understood. But something was built, an ark of sorts, which held a lot of wine and people and information, that got us to this point. And to ignore that is to lose out on the reasons why we can do what we do, in the present.


Every generation has those markers which define their lives. And in these times, the explosion of information dominates our existence. Ferreting out the information, digesting and assimilating it, in our work life and our private lives, is an all-encompassing obsession. That is, if you want to face and embrace the fundamental truths of your life. It does come down to what you can digest and how much you can take in. And what is beneficial for you, and what is toxic.

As far as the wine game goes, we have a lot more taps at the bar to draw from. And it can be overwhelming. Yeah, it was a naïver time, when all we had was the Wine Spectator and Robert Parker to lead us. And yet, they still have great influence; do not fool yourself into revising the truth to fit your opinions. But they have been joined at the bar by more, and other voices, tapping into your consciousness, influencing all of us. And along the way, we have entered into Phase 2 of the Golden Age in Wine, its contours revealed when the new generation, looking back over their 40-year arc, can see more clearly the truth of this new era.



written by Alfonso Cevola limited rights reserved On the Wine Trail in Italy
images are from past issues of the Wine Spectator 
wine blog +  Italian wine blog + Italy W
TrackBack
[10/07/2016, 08:24] Punteggi, guide, ed altre elucubrazioni laterali di un assaggiatore
Nel frattempo di là, su Intravino, riparlo del concetto di valutazione di un vino. Dalle cose che leggo, e dall'esperienza fatta finora, posso dare una riposta alla domanda: "quando dai un giudizio sul vino, vale per sempre o per il momento dell'assaggio?" - la risposta (naturalmente) è: "vale per il momento dell'assaggio".

Questa sistemazione del concetto è almeno due volte utile, in questi giorni si presenta la terza edizione della Guida essenziale ai Vini d'Italia, alla quale ho collaborato per la parte della Liguria. Le mie valutazioni si riferiscono al momento dell'assaggio, e con questo cercano di fornire (anche) un quadro generale sul livello stilistico del prodotto, e del produttore: se un certo Pigato (per esempio) ha ottenuto 90/100, puoi stare certo che non berrai male. (Si cerca, anche, di fornire un giudizio di previsione sulle capacità evolutive di quel vino, ma questo è un esercizio molto meno agevole).

Come dice Robert Parker, si assegna un voto alto quando un vino, all'assaggio, colpisce per motivi di tipo emozionale: "il vino deve evocare emozione ? proprio come l?arte, la musica, la bellezza, deve esserci una reazione emotiva, e i grandi vini devono essere emozionali".

Poi può accadere, ad un secondo assaggio distante nel tempo, di modificare quel giudizio, che si ricorda e si riconosce dato in ragione di un sentimento legato al primo "vecchio" assaggio: "quante volte tornando indietro ad assaggiare un vino da 100 punti io confermo il punteggio? Probabilmente nel 50% dei casi", dice Parker.

Nei commenti Daniele Cernilli aggiunge: "due degustazioni in diversi momenti, su due bottiglie diverse, che sono dei microcosmi a livello microbiologico, hanno di per sé una serie di variabili elevatissima. Potremmo dire, con Eraclito, che non si assaggia mai lo stesso vino. Anche perché noi siamo diversi, evolviamo, invecchiamo, conosciamo sempre di più. Perciò, anche per sfatare un po' i punteggi, che io uso da sempre per esigenze di sintesi, come si fa per i voti a scuola, guardacaso facevo l'insegnante, impariamo a relativizzare e a contestualizzare".

L'essenza del prodotto-vino, che diviene (si trasforma nel tempo) come un'entità vivente, ci porta inevitabilmente a questa conclusione. Ma io dico sempre ai miei clienti che, nonostante tutto, tale fenomeno è parte del divertimento legato alla fruizione della bevanda odorosa.

Per chi riesce ad essere presente, e ha voglia di divertirsi con un po' di assaggi, la guida verrà presentata a Milano il prossimo sabato 8 ottobre e a Roma domenica 23 ottobre.
TrackBack
[09/16/2016, 14:55] Breve storia (non) triste. Ripensandoci, non è nemmeno breve
Ai primi di agosto avevo un po' dello Chablis 2014 di Garnier aperto, qui a bottega, sempre nell'ambito di quel noto programma comunicativo intitolato "parlare di vino è divertente, ma berlo lo è di più". E infatti Garnier ha fatto la sua bella figura coi miei clientes, tutti quelli che lo assaggiavano hanno mostrato entusiasmo. E posso capire: sventaglia frutta bianca, fiori, erbe, praticamente è un ripasso del corso per assaggiatori - capitolo riconoscimenti olfattivi. E sì, siccome qui non mi vede nessuno vi dico: è anche minerale.

Com'è, come non è, l'ultima bottiglia semivuota resta in frigo, chiusa col vacu-vin (un ordigno che adopero per togliere l'aria dalle bottiglie smezzate) e lì, in frigo, me lo dimentico. Poi chiudo per le meritatissime ferie di ferragosto. Al ritorno faccio ordine, sono i primi di settembre e aprendo il frigo, toulì, mi sono dimenticato una bottiglia di Chablis in frigo. La guardo, la giro, ce ne sono ancora almeno quattro dita sul fondo, ma nel frattempo avevo altre robe da sistemare quindi richiudo il frigo e lo ri-dimentico per un paio di altre settimane. Evabbe', quando uno è stordito.

Oggi lo ritrovo. Penso: facciamo spazio, questo si butta nel lavandino. Quale vino regge tutto sto tempo al freddo, in una bottiglia quasi vuota, pure se col vacuvin? La domanda ha avuto la seguente risposta: lo Chablis 2014 di Garnier. Che oggi ha finito gloriosamente la sua esistenza abbinato agli gnocchi al pesto, nello splendore del mio tinello. Presentava un unico difetto: era troppo poco.

Morale della favola eno: it ain't over 'til it's over.
TrackBack
[05/30/2016, 06:30] Score del vino e big data, debutta Wine Lister

La sintesi superficiale recita che si tratta di un nuovo sistema di score del vino che usa una scala in millesimi. Al contrario, la sintesi di Aristide vi invita ad affacciarvi sull’alba di una probabile nuova era per i sistemi di valutazione del vino: un sistema olistico che esprime una valutazione integrando non solo la qualità dei vini (l’unico parametro usato dai critici), ma anche prezzi, longevità stimata, popolarità sul mercato, performance nelle aste, forza globale del marchio. In pratica, sono i fattori presi in considerazione dagli acquirenti di vini di fascia alta – i fine wines.

Ella Lister, Fondatore e CEO di Wine-Lister.com

Tutto questo si chiama Wine Lister (@wine_lister).

Ha richiesto oltre quattro anni di lavoro per la giornalista Ella Lister (con un passato professionale nel settore finanziario, e poi scrittrice del vino e consulente per collezionisti di fine wines) e il suo team di esperti di big data.

Hanno aggregato i dati elaborati da sei partner diversi: tre siti web di critici di fama internazionale, Jancis Robinson (JancisRobinson.com), Michel Bettane e Thierry Desseauve (Bettane+Desseauve) e Antonio Galloni (Vinous). Si tratta dei siti di maggior successo, con una forte digitalizzazione della propria base di dati e recensioni, attualmente accessibili solo a pagamento.

A questi si aggiungono i dati forniti da Wine-Searcher.com, il più grande motore di ricerca globale sui prezzi dei vini, Wine Market Journal, la maggiore fonte di informazione sulle aste dei vini, e Wine Owners, la più importante piattaforma di scambi commerciali e gestione di portafogli.

Gli algoritmi creati da Wine Lister “pesano” i singoli parametri e li riassumono in un indice di valutazione – score – rappresentato su una scala di 1.000 punti. Ella Lister precisa che qui non si usa solo il 20% della “parte alta” della scala, ma tutta la scala (vedi il diagramma qui sotto). E la scala in millesimi è stata ritenuta più funzionale a discriminare le differenze tra i singoli vini e i vari parametri considerati.

La scala in 1.000 punti di Wine Lister

In passato ho espresso numerose critiche ai sistemi di valutazione basati sugli score (qui un post tra i vari pubblicati). Ma l’approccio di Wine Lister mi ha incuriosito e devo segnalare due elementi che mi interessa evidenziare:

  1. fino a oggi, lo score rappresenta un valore del vino basato sulla sola valutazione di qualità percepita, la quale è fortemente soggettiva, sia che si tratti di un singolo degustatore che di un gruppo di assaggiatori;
  2. per la prima volta si integra un dato soggettivo con una serie di dati via via più quantitativi e rilevabili in rete.

Ecco perché ho deciso di testare il sistema per comprendere meglio come sia stato articolato (è disponibile un periodo di prova gratuita di 14 giorni, mentre l’accesso costa £90/anno – ?118/anno ca. o £10/mese – ?13/mese ca.). E la sorpresa è stata notevole.

I criteri valutati da Wine Lister

Wine Lister oggi ha un database di circa 2.000 vini, l’obiettivo è di arrivare a breve a 5.000.

Considerata la base dati principale che proviene dai critici internazionali, i vini rappresentati rientrano tra i vini top nel mondo. I vini italiani – al momento in cui scrivo – sono 462.

I criteri considerati nella composizione dello score sono raccolti in tre famiglie e in dettaglio sono questi:

  • Quality – Critic data: sono gli score espressi dalle recensioni dei tre siti dei critici sopra citati, nell’insieme “pesati” allo stesso modo, poi elaborati e ricondotti alla misura in base 1.000.
  • Quality – Vintage indicators: la longevità di un vino (stimata dai critici) viene presa come un indicatore di qualità e presa come un parametro;
  • Brand – Distribution: la presenza globale dei marchi sulle carte dei vini dei più importanti ristoranti del mondo, classificati nelle guide Michelin, 50 Best Restaurants e World of Fine Wine Best Wine List Restaurants;
  • Brand – Popularity: la popolarità del marchio attraverso la misura delle ricerche effettuate sui marchi nel sito Wine-Searcher;
  • Economics – Price: medie dei prezzi di breve periodo calcolate su 3 e 6 mesi dai siti di Wine Owners e Wine-Searcher. Inoltre, performance dei prezzi su 3 anni e relativa stabilità nel tempo.
  • Economics – Liquidity: i volumi trattati sono una “spia” del successo del vino, qui vengono elaborati dal sito di Wine Market Journal.

Ma non finisce qui. A questi criteri si aggiungono valutazioni su bottiglie prodotte, rese per ettaro, età delle viti e varietà delle uve.

Infine, tutti questi dati possono essere “filtrati” attraverso quattro criteri:

  • Buzz  brands, i marchi dei quali si parla
  • Hidden gems, le gemme nascoste
  • Value picks, i migliori rapporti qualità/prezzo
  • Investment staples, i vini con le migliori performance nei portfolio di investimento

In pratica, il risultato di queste analisi e ricerche, non si traducono tanto in un singolo score, ma in una scheda rappresentata nella pagina di Wine Lister in una sorta di infografica che è più una fotografia dei punti di forza e debolezza del singolo vino.

Per darvi un’idea, qui a lato ho estratto la pagina del vino italiano che al momento gode dello score più alto (cliccare sull’immagine per ingrandire). Si tratta del Giacomo Conterno Barolo Monfortino Riserva, il quale riporta uno score globale di 973 punti. I singoli parametri riportano score individuali molto ravvicinati (è un ottimo segno, ovviamente):

  • Quality: 974
  • Brand: 973
  • Economics: 972

 

Conclusioni

Erano anni che prevedevo la fine del ciclo di vita degli score del vino. Ciò che Wine Lister rappresenta non è tanto uno score, ma un sistema olistico ricco di informazioni, una sorta di mappa delle prestazioni di un fine wine nelle percezione analitica dei mercati, raccolte analizzate e rappresentate in una singola scheda. Certo, il sistema è largamente perfettibile, ma già in questo stato “1.0” è di grande interesse e merita il vostro approfondimento.

E’ un’anticipazione di numerose applicazioni che riguarderanno i mercati del vino: scaricatevi il report sul Bordeaux – per esempio – per gettare uno sguardo sul presente di un aspetto dell’uso dei big data del vino.

E’ un manifesto contemporaneo e moderno sullo stato del vino, nella sua accezione più alta e sofisticata, una prima risposta alla lettura e interpretazione della complessità di un prodotto per troppo lasciato alla sensibilità di nasi e palati allenati, ma sempre soggettivi nella percezione e valutazione.

Mancano molti dati ancora, soprattutto dalla parte delle percezioni elaborate dai consumatori armati di social media e strumenti di annotazione e recensione. Ne vedremo delle belle nei prossimi mesi, quando il sistema potrà evolversi a ulteriori integrazioni e analisi.

In qualche modo, stiamo vivendo un mutamento che avrà una qualche storica rilevanza.

The post Score del vino e big data, debutta Wine Lister appeared first on Aristide, a wine blog.

TrackBack
[05/24/2016, 19:10] 40 anni fa, cambiava il mondo del vino

Viene ricordato come il ?Judgement of Paris?: il 24 maggio del 1976, in una degustazione alla cieca presso l?Hotel Intercontinental di Parigi, si confrontavano grandi vini francesi e vini californiani. L?esito di quella degustazione cambiò il mondo del vino.

(…) Questa vicenda, da allora ricordata come il ?Judgement of Paris?, ha segnato un cambiamento epocale nella storia del vino non solo per i californiani, ma per tutto il mondo, cambiando la percezione del mercato nei confronti dei vini del Nuovo Mondo. In ogni caso, e comprensibilmente, gli americani la ricordano come la più importante degustazione della storia.

Così, 10 anni fa, Aristide ricordava lo storico evento.

Nel frattempo, il mondo del vino è lentamente cambiato. Ora, siamo in attesa di una sorta di Judgement of Beijing, il giorno nel quale uno o più vini prodotti in Cina surclasseranno prodotti Europei e Americani?

_______________________
Sempre 10 anni fa, si tenne la degustazione commemorativa The Tasting that Changed the Wine World: ?The Judgment of Paris? 30th Anniversary. E gli Americani vinsero ancora. Qui il post.

The post 40 anni fa, cambiava il mondo del vino appeared first on Aristide, a wine blog.

TrackBack
[05/24/2016, 08:01] Cronaca di un lunedì nebbiolesco
Il lunedì, che è giorno di chiusura in enoteca, lo dedico spesso ai miei tour per vigne. Ieri il tema conduttore era (soprattutto) il nebbiolo tra Serralunga e Roero. Così la prima tappa è stata da Schiavenza, uno dei soliti noti per me, ad assaggiare i nuovi arrivati 2012. Mentre le vigne singole Cerretta e Prapò si confermano salde certezze, ho avuto un discreto innamoramento per il Barolo che reca in etichetta la menzione geografica del Comune di Serralunga d'Alba: speziato e molto balsamico, mordace, col bel caratterino tipico della zona di provenienza (Serralunga vuol dire longevità, potenza). Eppure è anche molto Barolo-da-bere, che per me rappresenta la quadratura del cerchio. (Prezzo: poco sopra i 30 euro). Poi certo, il mio cuore batte sempre per quel Barolo Chinato. La tipologia è curiosa: si prende un buon Barolo, si aggiunge alcol (cioè si fa un vino liquoroso) più la consueta ricetta segreta della casa (corteccia di china, forse chiodi di garofano, cannella, chissà che altro) per un vino dolce che ha la memoria del nebbiolo e la dolcezza antica e corroborante di un fine pasto/liquore fatto in casa. Chi lo prova una volta non lo dimentica più, e ne diviene dipendente. Costa 34 euro, ben spesi.

Poi dirigo la papamobile verso l'area del Roero, dall'altra parte del Tanaro dove i nebbioli generano altri rossi forse meno austeri ma non meno interessanti. Avevo il ricordo di un recente assaggio, e un nome segnato da qualche parte, Silvano Nizza. Andiamo a vedere, allora.

Forse un parametro per valutare la qualità dei vigneti potrebbe essere la frizione dell'auto: tanto maggiore è il consumo di questa parte meccanica necessario a raggiungere il luogo, tanto più interessanti potrebbero essere i vini che da lì provengono. Per arrivare alla Frazione Balla Lora di Santo Stefano Roero si sale, si sale molto, scali le marce e ad ogni curva la strada si stringe. Quando pensi "va be' adesso mi fermo e continuo a piedi" sei arrivato alla cantina.

Tutti interessanti gli assaggi in azienda, soprattutto l'Arneis 2015 promette belle cose, e certamente il Roero che è la Docg importante della zona. Appunto sono a caccia di nebbioli e quel Nebbiolo d'Alba 2013 è lui, è quello che volevo: un anno di legno poi vetro, austero e serio senza annoiare, anzi, condizionato da una beva contagiosa. Finirà sullo scaffale a 14 euro.

Si torna a bottega col carico prezioso, e si pensa già al prossimo lunedì.
TrackBack
[05/19/2016, 18:10] Pirati del Kalterersee

Da sinistra: Gerhard Sanin e Andrea Moser

Pirati?

Andrea Moser e Gerhard Sanin sono due Kellermeister, ovvero responsabili enologici rispettivamente della Kellerei Kaltern-Caldaro e della Erste+Neue, le due cantine cooperative di Caldaro. Ciclisti nel tempo libero, hanno dedicato la loro vita professionale alla valorizzazione dei vitigni tipici dell’Alto Adige, accettando in particolare la sfida della varietà Vernatsch (Schiava), l’uva con cui si produce il Kalterersee (Lago di Caldaro DOC).”

Sono stato invitato e coinvolto in una tappa della loro simpatica iniziativa:

“Portare il Kalterersee in un viaggio lungo l’Italia. Incontrare cuochi, artigiani del cibo, appassionati di vino; andare nei mercati, provare nuovi abbinamenti; raccontare l’Alto Adige in un modo nuovo, grazie all’ incrocio con altre cucine e altre culture.

È su questi basi che si origina il progetto Pirati del Kalterersee, attraverso il quale Andrea Moser e Gerhard Sanin porteranno da Caldaro e Capri il vino Kalterersee per farlo scoprire ad un pubblico vasto ed eterogeneo, che probabilmente finora l’ha conosciuto poco e forse distrattamente. Per farlo hanno scelto il mezzo più semplice ed ecologico, ma al tempo stesso il più vicino alla gente: la bicicletta. Il mezzo che incarna quello spirito fresco e spontaneo, coinvolgente e per certi versi trasgressivo che appartiene proprio al Kalterersee”.

Bella questa idea di portare in giro su una bicicletta-tandem una certa immagine scanzonata e rilassata del mondo del vino dell’Alto Adige. Due testimoni per due vini, il Pfarrhof Kalterersee Classico Superiore 2015 e il Leuchtenburg Kalterersee 2015. Due Vernatsch molto buone, da due cru del Lago di Caldaro.

E, per una volta, si può dire che per certe azioni di marketing occorre il fisico. Bravi.

__________________
Alcune foto del pranzo che abbiamo condiviso con i pirati sul Lago di Garda, all’Albergo-Locanda Punta San Vigilio:

Qui il video teaser dell’evento:

Itinerario e altre informazioni qui.

The post Pirati del Kalterersee appeared first on Aristide, a wine blog.

TrackBack
[04/27/2016, 15:25] Svitati di tutto il mondo unitevi: si assaggia MVR 2014, un rosso tappo-a-vite
Probabilmente arriverà un giorno nel quale non dovremo più scrivere post sull'utilità dei tappi a vite rispetto ai tradizionali tappi di sughero. Probabilmente arriverà un giorno nel quale sarà pacificamente accettato un tipo di chiusura alternativa, che presenta anche un bel po' di vantaggi in più rispetto al sughero. Ma quel giorno non è oggi, quindi ci tocca fare la premessa.

Quanto a me, poi, ho scelto da tempo di dare l'esempio, quindi oltre alla preferenza di tipo verbale (diciamo) faccio seguire i fatti, comprando volentieri vini tappati con il cosiddetto screwcap, il tappo a vite. Anzi, ora che tra i miei fornitori Marta Valpiani ha scelto di imbottigliare il suo Marta Valpiani Rosso anche con lo screwcap, ho ordinato solo quel tipo di bottiglie.

Venerdì 29 aprile Elisa consegna personalmente, e in sua compagnia in enoteca stappiamo (anzi, svitiamo) il nuovo MVR vendemmia 2014, tra le 11 e le 20. Più altre varie, eventuali, eccetera. Un'ottima occasione per sentire di persona in cosa consistono quei vantaggi in più di cui dicevo sopra - che poi è anche, sempre, quell'altra solita cosa: è bello scrivere di vino, ma vuoi mettere com'è meglio assaggiare?

[Qui il link all'evento sulla pagina Facebook dell'enoteca. Ma quant'è bello sto termine? EVENTO. Figo eh]
TrackBack
[04/20/2016, 11:01] La Valle dei Palmenti

Di ritorno dall’Etna, devo raccontarvi questa piccola storia sui palmenti rupestri della valle dell’Alcantara. E, per l’occasione, provo anche una nuova modalità di racconto. Cliccate sull’immagine qui sotto e buona visione e lettura.

[questo post è stato aggiornato il 21.4.2016 con ulteriori informazioni sui palmenti rupestri studiati in Sardegna]

The post La Valle dei Palmenti appeared first on Aristide, a wine blog.

TrackBack